Il Sindaco, Federico Pizzarotti, e l'Assessora all'Educazione ed Innovazione Tecnologica, Ines Seletti, si sono congratulati, questa mattina, con gli studenti dell'Istituto "Giordani" che hanno partecipato al progetto "Respira col cuore".

Giovedì, 03 Giugno 2021 14:03

Concerto Ensemble Prometeo

Venerdì 11 giugno 2021 Parma - Centro di Produzione Musicale “A. Toscanini”, ore 18:30

Giovedì, 03 Giugno 2021 05:38

Buon compleanno Italia...

...generosa terra che ammalia, festeggiata dagli alunni delle 5° classi dell’Istituto Comprensivo Statale Giuseppe Micheli nel giardino del plesso sede delle suole San Leonardo/Vicini adornato da tanti tricolori. 

Di Antonio Nunno Parma 2 giugno 2021 - L’altro personaggio storico che accomuna Parma e Vasto è quella dell’anarchico Antonio Cieri (1898, 1937). 

Nativo di Vasto (CH), è stato insieme a Guido Picelli, una delle figure più importanti delle Barricate del 1922, i cosiddetti “Fatti di Parma”. 

Con questa espressione si evoca l’assedio degli squadristi fascisti, sotto il comando di Roberto Farinacci e poi di Italo Balbo, alla città di Parma, nei quartieri Oltretorrente, Naviglio e Saffi, in cui si trovavano asserragliati gli Arditi del popolo e altre formazioni di difesa proletarie, con grande partecipazione di massa, a partire dai primi giorni dell’agosto 1922. 

Antonio_Nunno_Parma_Vasto2-Screenshot_20210601-203611_Facebook.jpeg

La coraggiosa resistenza degli assediati, che avevano aderito al movimento operaio e democratico di lotta al fascismo, con barricate e trincee, ebbe ragione su circa diecimila fascisti, giunti armati e ben equipaggiati dal parmense e dalle province limitrofe. Il 6 agosto, dopo cinque giorni di combattimento, le ingenti forze mobilitate dal PNF, rinunciarono all’operazione e si ritirarono lasciando il controllo dell’ordine pubblico all’Esercito. 

A ricordo dell’eroica resistenza popolare, ancora oggi, si può leggere sui muri che costeggiano gli argini del torrente Parma, una enorme scritta in dialetto parmigiano: “Balbo, t’è pasè l’Atlantic mo miga la Perma” (Balbo avrai anche passato l’Atlantico ma non sei riuscito a passare il torrente Parma”). La vicenda umana e politica del vastese Antonio Cieri appartiene alla generazione di combattenti, che nel corso della seconda guerra mondiale, misero in gioco generosamente la propria esistenza pur di non rinunciare alla difesa della libertà e della dignità umana, quella dei più disperati e bisognosi, in particolare. 

Antonio fu decorato, a 17 anni, durante il corso della prima guerra mondiale, per essersi distinto nel compito di caporale telegrafista, che aveva svolto spostandosi, incurante del pericolo, tra le trincee e le casematte. 

Antonio_Nunno_Parma_Vasto2-Screenshot_20210601-214310_Wikipedia.jpeg

Antonio non si riconoscerà mai nella motivazione ufficiale del conferimento della medaglia ma in quello che fu e sarà il suo spirito anarchico, contrario ad ogni forma di violenza e di oppressione. 

Antonio non credeva in quella guerra. La sua missione sul campo di battaglia fu quello di soccorrere quei poveracci che gli crepavano tra le braccia, in quell’inferno di fuoco e di morte. 

Al termine della Grande Guerra, Antonio fu assunto nelle Ferrovie ma per la sua partecipazione alla  rivolta antimilitarista e anticolonialista di Ancona del 1920, fu trasferito a Parma, il 13 dicembre 1921, come impiegato presso gli uffici della locale stazione ferroviaria, in qualità di disegnatore principale. In questa città, a fianco di Alberto Puzzarini, amico inseparabile assassinato dai fascisti nel 1923, entrambi chiamati “i du forestèr”, entrerà a far parte degli Arditi del Popolo, organizzati da Guido Picelli, militante socialista, che gli affidò la difesa del Naviglio nel corso delle barricate. Durante questi giorni di resistenza popolare, Antonio dimostrò carisma, coraggio da leone, capacità di azione, comando e persuasione. Dopo la conclusione della rivolta popolare di Parma, il Nostro continuerà la sua missione di lotta contro i fascismi, in veste nazionale e internazionale, recandosi a combattere nella guerra civile spagnola contro Franco e i suoi alleati. 

Morirà a 39 anni, colpito da due colpi di fucile, in qualità di comandante italiano della rinomata “Colonna Ascaso”, durante il combattimento per la conquista di Huesca, il 7 aprile 1937. Era a capo del reparto d’assalto dei “bomberos”, da lui addestrato allo scopo. Destino comune sarà riservato anche a Guido Picelli, colpito a morte da una raffica di mitragliatrice fascista, il 5 gennaio 1937, sul fronte di Mirabueno. A entrambi i nostri due eroi antifascisti saranno celebrati, in Spagna, i funerali di Stato con una larga partecipazione popolare. 

A distanza di 75 anni, il 27 dicembre 2012, il Comune di Vasto ha reso onore al proprio figlio Antonio dedicandogli, nella centrale piazza Rossetti, una lapide commemorativa. Nella stessa data, è stato presentato, nella Pinacoteca del Palazzo d’Avalos, il libro “Lo Stranier” scritto dalla vastese Giorgia Sisti e pubblicato, il 12 settembre 2012, dalla casa editrice parmigiana “Fedelo’s”. Un vero e proprio anticipo di gemellaggio, anche se simbolico, tra Vasto e Parma.  

Il libro della Sisti è stato curato dal concittadino Piermichele Pollutri, che dagli anni novanta aveva interessato il Comune vastese a dare il giusto riconoscimento ad Antonio Cieri oltre ad aver relazionato, sulla sua figura, in diversi convegni internazionali. 

Nel 70° anniversario della guerra civile spagnola, anche a Parma, è stata inaugurata una lapide commemorativa a Borgo del Naviglio; la commemorazione è stata curata da Massimo Ortalli in collaborazione con l’Archivio Storico FAI di Imola. Da segnalare, a conclusione, la pubblicazione di Pino Capucci, Oltretorrente, Universale Economica Feltrinelli, settembre 2005, Milano. L’autore, giornalista e scrittore piemontese, nella descrizione delle barricate del 1922 di Oltretorrente, dedica 9 pagine a quel forsennato  del “forestèr, che chiamano anche “al Ross” per il colore biondo rossiccio dei capelli, l’anarchico abruzzese dalla volontà di ferro che non chiede a nessuno di fare ciò che lui non riesca a fare per primo.  

A futura memoria delle barricate eroiche del 1922 di Parma, ci piace concludere con i versi del poeta parmigiano Attilio Bertolucci, impresse su tavole di pietra al di là del Ponte Caprazucca di Parma, Oltretorrente: Si  erano vestiti dalla festa per una vittoria impossibile nel corso fangoso della Storia. 

Stavan di vedetta armati 

con vecchi fucili novantuno a difesa della libertà conquistata da loro per la piccola patria tenendosi svegli nelle notti afose dell’agosto con i cori della nostra musica con il vino fosco della nostra terra. Vincenti per  qualche giorno vincenti per tutta la vita. 

 Antonio_Nunno_Parma_Vasto2-Screenshot_20210601-211533_Facebook.jpeg

Parma, 2 giugno 2021 

Testo e immagini di Antonio Nunno 

Report per La Gazzetta dell’Emilia e dintorni.

 

Parma 28 maggio 2021 - Lunedì 31 maggio, alle ore 21:00, sarà presentato il saggio “Da Destra a destra”, in diretta sulla pagina Facebook e sul canale Youtube di Secop Edizioni.

Domenica, 30 Maggio 2021 06:29

"La tua bocca" (Poesia)

"La tua bocca" è il quindicesimo  appuntamento con la poesia di Claudia Belli.  L'artista si lascia scoprire attraverso la sua arte: la poesia e la pittura principalmente ma anche attraverso e la prosa, che con noi condividerà. Intanto godiamoci la poesia che ci offre questa mattina.  Buona lettura e ... Buona Domenica! 

Sabato, 29 Maggio 2021 10:02

Luisa Pecchi ed il ritorno di Peter Pan

di Raffaele Crispo ed Elvis Ronzoni Parma, 28 maggio 2021 - Da qualche settimana è stata fatta una riedizione de: “L’uccellino bianco” il romanzo che nel 1902 portò tanta fortuna a James Matthew Barrie. Grazie a Luisa Pecchi, che già in passato aveva tradotto il libro, ora torna nuovamente tra le mani dei lettori affinché possano immergersi nel mondo epico e magico dell’opera.

"In punta di penna: rubrica di libri". È uno spazio creato per condividere letture e storie, riflessioni e pensieri a voce alta. "In punta di penna": per dare inchiostro e carta alle parole. Il sesto titolo proposto è:Favola umida, Sandro Pezzarossa, ed. Eretica

La Festa del Cibo d'autore e del Cinema goloso 2021 riparte dal Made in Salso firmato Ascom e Confesercenti 

 

SALSOMAGGIORE TERME (PARMA) – Dal 16 al 19 e dal 24 al 26 settembre 2021 a Salsomaggiore Terme (Parma) si terrà l'ottava edizione di Mangiacinema - Festa del cibo d’autore e del cinema goloso. Il Festival più pop d'Italia, ideato e diretto dal giornalista Gianluigi Negri, propone, come sempre, diverse novità.
Innanzitutto si svolgerà su due lunghi, festosi e imperdibili weekend. Poi, volutamente, avrà più claim: si chiamerà Mangiacinema 2.1, sarà una Family Edition, sarà un vero "Ritorno al futuro" ed aggiungerà allo storico hashtag #guardagustagodi il nuovo hashtag #givelove.
Inoltre ripartirà da Salsomaggiore Terme, mettendo il Made in Salso al centro, con un importante accordo con Ascom e Confesercenti: saranno infatti le due associazioni dei commercianti a curare la grande festa di apertura di Mangiacinema 2.1, invitando i migliori artisti del gusto della città termale, accogliendo così nel migliore dei modi gli ospiti del Festival, i turisti e i visitatori.

Rimarranno infine centrali, nei sette giorni del Festival, le grandi storie del gusto, raccontate e "servite" al pubblico da produttori selezionati che mettono sempre l'anima nel loro lavoro e nelle loro creazioni: oltre al Made in Salso in primo piano, ci sarà una nutrita pattuglia di artisti del gusto - autentici fuoriclasse - del Made in Borgo (Fidenza), delle Terre Verdiane e della Food Valley
Sarà, come ogni anno, una golosa settimana da non perdere, tra show cooking, proiezioni appetitose, incontri con artisti, spettacoli inediti e originali, concerti. Mantenendo la formula dell'ingresso libero (fino ad esaurimento posti disponibili) per tutti gli eventi.

L'ENNESIMA RINASCITA E L'IMPORTANZA DI UN FORMAT NAZIONALE DI SUCCESSO CHE RACCONTA UN TERRITORIO
"Siamo abituati alle ripartenze - afferma il direttore artistico Gianluigi Negri - e ci avviamo verso la nostra settima 'resurrezione', dopo essere nati nel 2014 per un autentico miracolo. Facciamo tutto con l'indispensabile appoggio del Comune di Salsomaggiore e con l'aiuto di pochi, coraggiosi e temerari amici: non ci limitiamo, però, quando si tratta di proporre sogni, passioni, idee. Siamo transeunti, e ne abbiamo consapevolezza. Siamo un Festival a "conduzione familiare": un privilegio di pochi, che esalta la nostra libertà creativa e che negli anni ci ha fatto diventare, a detta di tutti e nonostante tutto, uno dei Festival più pop d'Italia".
Gli fa eco il sindaco di Salsomaggiore Filippo Fritelli: "Mangiacinema è un Festival identitario, che ha creato un format forte, sempre più importante per la nostra città e sempre più visibile a livello nazionale. È bello ripartire con Ascom e Confesercenti. Mi auguro che ci sia anche il coinvolgimento del nostro Istituto alberghiero (partner della manifestazione nelle prime cinque edizioni, ndr) per una kermesse che si è sempre svolta nei luoghi più belli della città (tra i quali le Terme Berzieri, ndr). Quest'anno avremo una nuova location che presto sveleremo". 

IL MADE IN SALSO FIRMATO ASCOM E CONFESERCENTI
Mangiacinema 2.1 si inaugurerà il 16 settembre con una grande festa del Made in Salso curata da Ascom e Confesercenti.
"Abbiamo sempre sostenuto Mangiacinema - dichiara Alessandro Bonfanti, vicepresidente Ascom - e continuiamo anche quest'anno a credere nella 'folle' intuizione di Gianluigi Negri. Siamo inoltre particolarmente lieti che sia una delle prime iniziative programmate dopo questo periodo, che ha profondamente segnato la nostra città, e che il festival rinasca evidenziando nel primo giorno il nostro territorio e le eccellenze che esprime. Riteniamo, infine, molto importante che questa iniziativa sia condivisa da entrambe le associazioni, perché tutte le realtà cittadine devono cooperare unite per far ripartire Salsomaggiore".
"Questa edizione di Mangiacinema - afferma Matteo Orlandi, presidente Confesercenti - è un vero 'Ritorno al futuro': si consolida un rapporto di collaborazione ormai 'storico' con le associazioni di categoria e si guarda avanti con la bella novità della festa Made in Salso. Il coinvolgimento del territorio, con le eccellenze locali e i con tanti protagonisti del gusto, permette di dare ulteriore spessore a questo Festival, diventato un vero punto di riferimento per la nostra città e che porta il nome di Salso in tutta Italia. Il lancio della manifestazione è un segnale importante di speranza e ottimismo, per una stagione turistica che inizia ad aprirsi. Ripartiamo tutti insieme con Mangiacinema 2.1!"
Resterà, inoltre, anche un "Made in Salso - Mangiacinema", con alcuni sostenitori storici della manifestazione che saranno protagonisti negli altri giorni della manifestazione.
   
PARTNER 2021
Oltre al sostegno del Comune di Salsomaggiore, per l'ottavo anno della kermesse che porta nella città termale turisti, visitatori e nomi dello spettacolo e del mondo del gusto, il main partner è  Gas Sales Energia.

Dopo la pausa sanitaria, la rassegna d’arte contemporanea Quadrilegio per Parma Capitale della Cultura torna ad abitare lo storico quartiere nel cuore di Parma- Inaugurazione in tutte le sedi il 29 maggio alle ore 10.30

Parma 28 maggio 2021 - Lunedì 31 maggio, alle ore 21:00, sarà presentato il saggio “Da Destra a destra”, in diretta sulla pagina Facebook e sul canale Youtube di Secop Edizioni.

Con l'avvento di Internet, anche la formazione ha sfruttato le potenzialità della rete per diffondere conoscenza. È nato così l'e-learning, la metodologia di apprendimento che consente agli studenti di formarsi a distanza.

Piacenza 26 maggio 2021 - La Gilda degli Insegnanti di Piacenza e Parma tiene a precisare che le norme contrattuali vigenti nel settore dell'Istruzione prevedono che la Didattica a distanza debba essere garantita solo per l'emergenza Covid, quando sono assenti classi o gruppi di alunni, non per situazioni connesse a manifestazioni sportive qual è il Giro d'Italia.

Piacenza 26 maggio 0221 - La Gilda degli Insegnanti di Piacenza e Parma, condividendo la richiesta di un aumento degli organici dei docenti per le scuole primarie di Gropparello e Caorso, suggerisce alle comunità locali di tenere presente che il numero di addetti da assegnare a ciascun territorio è deciso unilateralmente dal Ministero dell'Istruzione e non da altri: si tratta di una scelta puramente politica, che dovrebbe essere ben nota agli amministratori locali che in queste ore hanno preso posizione con iniziative di vario tipo.

Parma 25 maggio 2021 - Lunedì 31 maggio, alle ore 21:00, sarà presentato il saggio “Da Destra a destra”, in diretta sulla pagina Facebook e sul canale Youtube di Secop Edizioni.

Reggio Emilia, 25 maggio 2021 - Ventisette anni, schiacciatrice azzurra che si è distinta anche sui parquet di Brasile e Turchia, è Caterina Bosetti la nuova ambassador del Parmigiano Reggiano.

Domenica, 23 Maggio 2021 05:32

23 maggio 1992

23 Maggio 1992-Poesia di Enrico Maria Lamoretti per Giovanni Falcone

"In punta di penna: rubrica di libri". È uno spazio creato per condividere letture e storie, riflessioni e pensieri a voce alta. "In punta di penna": per dare inchiostro e carta alle parole. Il quinto titolo proposto è: "Città sommersa”, Marta Barone, Bompiani.

Due appuntamenti eccezionali: l'apertura della Camera di San Paolo, affrescata da Correggio, e la mostra Umberto Eco, Franco Maria Ricci. LABIRINTI. Storia di un segno. (Foto e video di Francesca Bocchia).

Due appuntamenti eccezionali: la Camera di San Paolo, affrescata da Correggio, e la mostra Umberto Eco, Franco Maria Ricci. LABIRINTI. Storia di un segno

L'Ufficio Scolastico di Parma e Piacenza ha comunicato che il Ministero dell'Istruzione ha tagliato d'autorità ben 20 posti nell'organico dei docenti, non garantendo la copertura per i corsi serali nel territorio della provincia di Parma.

Dal 5 all’11 giugno 2021 il TorculariaBookFestival. Festival della conoscenza, inserito nel programma di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21, ospiterà importanti figure del panorama culturale italiano con incontri e Lectiones Magistrales.

La pagina Facebook IL BELLO DI ESSERE DEL SAN LEONARDO ha ideato e prodotto queste spille e messe a disposizione della cittadinanza previo una OFFERTA LIBERA senza nessun obbligo di cifra! 

Giovedì 6 maggio, presso la sede dell’Assistenza Pubblica di Parma, in viale Gorizia 2/A, è stata inaugurata una nuova ambulanza, la Papa 4. Il mezzo è stato donato da due fratelli, Alessandra e Stefano Talignani, che hanno voluto esaudire l’ultimo desiderio dei loro genitori, Lino Talignani e Laura Regolani, al cui ricordo è intitolata l’ambulanza.

Nell’anno 2021 in cui si celebrano il 160° anniversario dell’Unità d’Italia (17 marzo 1861), il 150° dalla proclamazione di Roma Capitale (03 febbraio 1871) e il 75° dalla nascita della Repubblica (02 giugno 1946), il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha inteso ospitare alle Scuderie del Quirinale una mostra assai significativa per l’unità del popolo italiano: “Tota Italia, alle radici di una nazione”. Si tratta dell’esposizione di ben 450 reperti archeologici che documentano ed illustrano personaggi e tipologie, usi e costumi delle varie popolazioni che oltre 20 secoli fa caratterizzavano l’attuale territorio italiano.

Dalla Regione quasi 800 mila euro per il progetto di riqualificazione. Il presidente Bonaccini: "Impegno mantenuto. Uno spazio unico e simbolo prezioso della ripartenza".

Il presidente della Regione sarà presente alle 16 all'inaugurazione insieme alla sindaca Patrizia Barbieri e al Soprintendente Corrado Azzollini. Domani, lunedì 17 maggio, giornata a ingresso gratuito per la sola sezione archeologica. L'apertura da martedì 18 maggio.

Sabato 15 Maggio, il presidente avv. Pier Francesco Rossi, accompagnato da una rappresentanza dei soci del Lions club Castelfranco Emilia – Nonantola, ha incontrato presso la Casa di Reclusione di Castelfranco la direttrice dott.ssa Martone consegnando nelle sue mani circa 250 libri che costituiranno un importante nucleo della biblioteca dell'istituto di pena.

Diciottesimo appuntamento con la rubrica "Dentro la Costituzione". Ogni domenica, il Professor Daniele Trabucco, docente di diritto Costituzionale, entrerà tra le pieghe della nostra Costituzione per svelarne i contenuti noti e meno noti. Un'analisi critica spiegata con semplicità, e calata nei  fatti di attualità.  "La Costituzione e il «mito» dei diritti inviolabili" è l'argomento trattato quest'oggi..