Sino a che punto un organo in clima di "prorogatio" può spingersi nell'adottare decisioni straordinarie e private della più elementare dialettica interna? Il codice deontologico è super partes o pro domo loro?

Sabato, 06 Marzo 2021 08:44

I colori delle Regioni 

Di Autori (*Parma Venerdì 05 marzo 2021 il Ministro della Salute pro tempore, Roberto Speranza, ha firmato la nuova ordinanza con la quale, a partire da lunedì 08 marzo 2021, cambierà il colore di alcune Regioni,

Giovedì, 04 Marzo 2021 06:50

Barbara Lori: una montagna d'impegni

di Raffaele Crispo ed Elvis Ronzoni Parma 3 marzo 2021 - Abbiamo incontrato l'assessora regionale Barbara Lori per fare il punto della situazione delle varie iniziative politiche che si stanno promuovendo in favore della montagna e dei suoi abitanti.

Di AA.VV.(*) Parma 28 febbraio 2021 - Il Parlamento europeo, con la risoluzione (fonte derivata non vincolante) del 20 gennaio 2021 sui diritti umani e la democrazia, al punto numero 4 invita gli Stati membri dell'Unione a non sfruttare la pandemia, causata dall'agente patogeno Sars-Cov2, per torsioni autoritarie e come pretesto per "calpestare" i diritti umani. 

Costi, sindaco di Casina: "Abbiamo cercato di raggiungere tutte le persone". I numeri. Presentata in questi giorni "Persone in Comune", una prima analisi ricca di dati e analisi sull'operato del Comune di Casina su progetti e strategie dell'amministrazione guidata da Stefano Costi.

"Rapporti privilegiati con una parte politica. Ossia il Pd. Per questo il Csm ha deciso all'unanimità di trasferire il procuratore di Reggio Emilia Mescolini. La delibera del Csm non lascia dubbi
Cambiamo! scende in piazza in tutta l'Emilia Romagna in occasione della "Giornata del Tesseramento", indetta per sabato 6 marzo. In ogni provincia della Regione

Parma 21 febbraio 2021 - Già nel 1967 le forze politiche avevano programmato, dopo un ampio dibattito parlamentare, di procedere alla revisione delle norme pattizie concordatarie al fine di eliminare le distonie tra i precetti del 1929 ed i principi supremi dell’ordinamento costituzionale. 

Domenica, 21 Febbraio 2021 11:12

Il volto più oscuro e violento della sinistra.

Progressista, riformista, populista, DEM (democratica), pacifista  e chi più ne ha più ne metta di aggettivi "luminosi" per etichettare la sinistra degli ultimi decenni.

Domenica, 21 Febbraio 2021 07:00

Giustizia giusta o giusto giudice?

Si è discusso di giustizia a tutto tondo, a partire dal libro "L'avvocato ribelle" presentato dall'autrice  Elisabetta Monica Maggiori, avvocato penalista del foro di Milano che ha partecipato a molti processi anche di valenza nazionale, al convegno web andato in onda giovedi scorso e organizzato da Uni Dolomiti.

Sabato, 20 Febbraio 2021 11:49

Firma anche tu!

Collecchio chiama alle armi i democratici per fronteggiare una deriva allucinogena.

Giovedì, 18 Febbraio 2021 09:49

Nasce l’"Intergruppo 6 stelle"?

Il Movimento 5 Stelle inizia a sfaldarsi, 15 senatori dicono NO a Draghi e altri 8 non si presentano, e allora giungono in aiuto il PD e LEU con i quali fondano un "Intergruppo" parlamentare a riconferma che il PD è la quarta gamba del tavolo o meglio la sesta stella del Movimento grillino. 

Giovedì, 18 Febbraio 2021 09:45

"Via Norma Cossetto”

Il comunicato stampa del Partito della Rifondazione Comunista sul voto del Comune di Parma per istituire “Via Norma Cossetto”.

Domenica, 14 Febbraio 2021 09:45

Nazismo : SHOAH = Comunismo : FOIBE

E' matematica! Un'equazione che però in molti non vogliono e si ostinano a negare. Dall'indifferenza all'obbligo celebrativo, per arrivare persino all'odio manifesto di certuni, le  vittime delle FOIBE restano confinate in un campo commemorativo circoscritto e, per di più, poco  tollerato.

Otto Signore al Governo e una buona dose di Ministri politici (8) che saranno accompagnati da qualificati Ministri Tecnici. La prima impressione è positiva anche se, forse, qualche altro del precedente esecutivo potevano essere lasciati a riposo. 

FOIBE, Catellani (Lega ER): la Regione si dissoci dagli atti di incitazione all'odio razziale di alcuni esponenti PD a Reggio Emilia per la Giornata del Ricordo 

Il segretario federale della Lega, sen. Matteo Salvini, ha affermato, con riferimento al tema dell'immigrazione e in piena sintonia con la definitiva svolta "europeista" del suo partito in vista dell'ingresso nel Governo Draghi, di essere favorevole all'adozione della legislazione europea affinché il fenomeno migratorio sia trattato in Italia così come avviene in Francia e Germania. 

Lunedì, 08 Febbraio 2021 06:26

Oggi, l’Italia è Più Europeista.

Il 3 febbraio del 2021 è un giorno storico in cui nasce l’Italia Più’ Europeista.

Domenica, 07 Febbraio 2021 11:04

Conte, Draghi e Cavaliere.

La favola italica si arricchisce i nuovi episodi.Riuscirà Re Artù a controllare i Draghi chiamati a difesa del castello dalle insidie dei briganti ormeggiati al largo della “Britannia” o anche i Draghi si rivolteranno contro il popolo adorante e stremato? 

 

Nel surreale dibattito pubblico italiano, con giornali e autorevoli commentatori impegnati a discutere del partito di Conte o dei mal di pancia dei cinquestelle, irrompe il dato terrificante dell'Ufficio studi di Confcommercio: nel 2020 è stata stimata la chiusura di oltre 500mila tra imprese e partita IVA.

Di Lorenzo Bertolazzi Parma 6 febbraio 2021 - È una situazione della quale occorrerà prendere finalmente coscienza per provare a disinnescare una bomba economico-sociale devastante.

Per ovvie ragioni, che sono sotto i nostri occhi, questa consapevolezza era estranea ai giallorossi che in poco più di un anno di governo hanno lasciato in questo tipo di condizioni il mondo produttivo italiano, condizioni difficili da risollevare anche per un fuoriclasse come Mario Draghi.

Bisogna avere grande onestà intellettuale e non voglio pensare che il governo dimissionario sia stato un nemico a viso aperto del lavoro privato. 

Quello che però francamente non si può accettare sono le dichiarazioni di solidarietà che i rappresentanti della maggioranza ancora continuano ad esprimere quando si trovano a dover interloquire con un commerciante in difficoltà. Non sono accettabili perché, nella realtà, purtroppo si è avuta l'impressione che il governo fosse veramente avverso alle imprese: Palazzo Chigi è riuscito a gettare letteralmente dalla finestra i 100 miliardi di extra deficit previsti dal decreto "rilancio", depauperandoli in una pioggia di bonus assurdi e riservando soli 6 miseri miliardi a fondo perduto alle imprese.

Bisognerebbe davvero mettersi nei panni di un negoziante che è rimasto chiuso per mesi, a cui vengono imposte da qualche tempo spese straordinarie e non richieste a partire dalla fatturazione elettronica obbligatoria dal 2019 per arrivare alla lotteria degli scontrini. Acquistare un nuovo registratore di cassa, collegato all'Agenzia delle entrate e che fosse idoneo alla nuova normativa introdotta dal primo governo Conte, è costato ai commercianti dai 200 ai 1000 euro. Adesso, dopo un anno disastroso, viene chiesto un nuovo aggiornamento da 400 euro circa, comprensivo sia di software da aggiungere per la scannerizzazione telematica dello scontrino sia di intervento sul posto per l'installazione.

Piccoli negozi, da anni a conduzione familiare, abbasseranno definitivamente la saracinesca di fronte all'inadeguatezza dei ristori e alla miopia dei policy maker, ancora non consapevoli della drammatica realtà vissuta dalle categorie produttive.

È chiaro che questa situazione sarà uno dei banchi di prova sui quali si misurerà Mario Draghi, decisamente ben più preparato e incisivo della grottesca compagine del Conte-bis.

È stato presentato come un profeta in patria da una marea di editorialisti "contiani" di ferro sino a qualche ora prima ma i più attenti e razionali avevano, tuttavia, già intuito l'importanza dei principi di Draghi già il 4 gennaio scorso, quando l'ex presidente della BCE sulle pagine del Financial Times, riportava due cardini della propria eventuale ricetta per una rapida via di uscita dalla crisi economica: in primo luogo, il celebre "debito buono", contratto dagli stati con la Banca Centrale che acquista obbligazioni e immette liquidità (opzione quasi mai considerata dal governo italiano che ha emesso titoli a singhiozzo) e utilizzato per investimenti a fini produttivi nel capitale umano, nelle infrastrutture strategiche e nella produzione; in secondo luogo, una netta contrarietà ai sussidi, destinati nel lungo periodo ad azzerare lo sviluppo e l'occupazione. Dichiarando che la priorità non dovrebbe essere quella di fornire un reddito base a chi perde il lavoro ma quella di proteggere costoro dalla perdita del lavoro aveva già annunciato in quale direzione si sarebbe mossa una sua ipotetica (oggi, a posteriori, diremmo probabile) azione di governo.

In fin dei conti la scelta di Mario Draghi è la scelta che il mondo produttivo aspettava da tempo, troppo tempo dopo aver constatato la sostanziale incapacità del precedente esecutivo nel far fronte ad un'emergenza che ha messo in ginocchio il tessuto economico italiano. 

Far rinascere l'imprenditoria dal baratro in cui è stata spinta non sarà certo facile, altrettanto certo è che solo l'ex banchiere centrale potrà efficacemente provarci, sebbene non goda di una concreta investitura popolare e debba dialogare con parlamentari più preoccupati di tutelare il mutuo in banca che le sorti del paese che rappresentano.

"Il Governo Draghi deve raccogliere la migliori energie del Paese e il centrodestra deve farne parte nel modo più ampio possibile".

DI Raffaele Crispo ed Elvis Ronzoni Parma 31 gennaio 2021 - In questi giorni abbiamo voluto incontrare una delle consigliere comunali di Parma più attive in città: Roberta Roberti, da sempre impegnata nel campo sociale e in quello culturale. Lei siede nei banchi dell'opposizione e fa parte del Gruppo Misto; nella vita insegna lettere e nel contempo collabora con il teatro, il sindacato è tutto ciò che aiuta a migliorare la scuola e la vita dei ragazzi. A lei abbiamo rivolto alcune domande sulla situazione politico-amministrativa di Parma. 
Domenica, 31 Gennaio 2021 11:56

Buon Compleanno “Stato di Emergenza”

Lo stato di emergenza compie un anno e non sembra avere termine nell’immediato. Ma è possibile e consentito?

Una maggioranza risicata in Senato ha comunque consentito al premier Giuseppe Conte di rimanere in “sella” al Governo grazie a qualche “responsabile”, “costruttore” di  maggioranze, reclutato in extremis con l’ausilio, parrebbe secondo le dichiarazioni di Massimo Giannini (La Stampa) di apparati dello Stato, dai Servizi segreti a generali ma sembrerebbe ci fosse  anche il contributo di qualche alto prelato e, da non credere, di esponenti della massoneria. (Video)

Dopo la cerimonia di insediamento alla casa Bianca, il neo Presidente degli Stati Uniti si è messo subito al lavoro e tra le prime firme ha bloccato l'oleodotto in costruzione tra Canada e Messico suscitando l'ira degli alleati del nord.

I primi tenui segnali di protesta iniziano a emergere. #IoApro1501 piuttosto che #FACCIAMORUMORE da parte dei ristoratori e “La DAD non è Scuola” da parte studentesca, sono alcune degli slogan che si sono intercettati in quasi tutte le città italiane in questi ultimi giorni.

Il premier Conte riferirà alla Camera e al Senato cercando il consenso di quelli che oggi vengono chiamati i "responsabili" mentre un tempo erano apostrofati "voltagabbana", se non di peggio.

Pagina 6 di 33