Visualizza articoli per tag: vaccino covid19

Mercoledì, 19 Ottobre 2022 05:14

Europa: I “Moti del Dissenso”

Iniziano a scaldarsi le piazze delle principali città europee e la protesta per il caro vita è un’enorme pentola a pressione che sta per scoppiare.

Pubblicato in Politica Emilia
Martedì, 18 Ottobre 2022 05:57

Premio Sakharov: Sosteniamo ASSANGE

L’intero mondo si è mobilitato il 15 ottobre con una maratona per la liberazione di Julian Assange.

Pubblicato in Politica Emilia

Esattamente un anno fa, l’infame tessera verde, entrò di prepotenza nella vita degli italiani.

Pubblicato in Politica Emilia

Il 14 ottobre si è celebrata la 24 ore di solidarietà al fondatore di Wikileaks, Julian Assange, per sensibilizzare il mondo al blocco della sua estradizione.

Pubblicato in Politica Emilia
Sabato, 15 Ottobre 2022 07:56

Vaccino: Il falso alla fine venne fuori

La giornata di lunedì 10 ottobre segna una data di quelle da incorniciare dove, l’intervento di Janine Small di Pfizer, alla commissione europea che indaga sulla gestione della pandemia, ha fatto emergere il falso su cui si è costruito tutto il castello dell’utilità del siero Pfizer.

Pubblicato in Politica Emilia

Di Giulia Bertotto Roma 5 settembre 2022 (Quotidianoweb.it) - La professoressa Sara Gandini, epidemiologa e biostatistica, si è laureata in Statistica presso l’Università di Bologna e ha conseguito un master in biometria a Reading (UK) e un dottorato di ricerca in Epidemiologia all’Università di Birmingham (Public Health). Attualmente è docente all’università statale di Milano in statistica medica, con abilitazione scientifica nazionale alle funzioni di professoressa associata. E' inoltre autrice di più di 300 articoli su riviste scientifiche internazionali peer reviewed. Si trova nella classifica dei Top Italian Scientist, gli scienziati italiani ad alto H-index e produzione scientifica.

Martedì, 06 Settembre 2022 07:32

Ema approva vaccino “aggiornato” senza dati

Se qualcuno pensava che Ema ci riflettesse bene prima di approvare il nuovo vaccino contro Omicron BA.4 e BA.54, beh si sbagliava.

Giovedì, 12 Maggio 2022 05:31

Anche il Bel Paese ha la sua Vaccine Valley

Di Gloria Callarelli 9 maggio 2022 (da “ricognizioni”) - Una volta si diceva segui i soldi. Oggi nella società del post Covid, per capire chi si trova nella cabina di regia delle scelte politiche, si dovrebbe dire “segui il farmaco”.

Pubblicato in Politica Emilia
Lunedì, 04 Aprile 2022 06:14

Vaccinato con 90 dosi. Quali conseguenze?

Un tedesco 60enne si fa vaccinare 90 volte per rivendere il Green Pass. Al momento ignoti gli effetti collaterali

Mercoledì, 05 Gennaio 2022 22:26

Nuovo decreto: obbligo vaccinale per gli over 50

In serata è arrivato il sì al ddl del Governo ed è stato approvato un nuovo decreto legge contro il Covid

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera all'unanimità al nuovo decreto legge Covid che introduce l'obbligo di vaccino per gli over 50: potranno andare al lavoro solo se immunizzati o guariti dal Covid.

Il governo approva l'ennesimo provvedimento per tentare di fermare la crescita senza fine dei contagi ma la maggioranza si divide sull'introduzione dell'obbligo del super pass per accedere ai servizi o entrare nei negozi, con la Lega che dopo aver minacciato l'astensione deve incassare la 'linea' imposta del premier Mario Draghi sull'obbligo vaccinale ma ottiene la modifica della norma prevista dalla bozza entrata in Consiglio dei ministri: per andare in banca, dal parrucchiere o alle Poste basterà il pass base.

Appena il decreto sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale, scatterà l'obbligo del vaccino fino al 15 giugno per tutti coloro che hanno compiuto 50 anni o che li compiranno entro quella data, con l'esenzione solo per chi ha un certificato medico. Chi è guarito, invece, dovrà vaccinarsi obbligatoriamente dopo 6 mesi. Per chi dovesse decidere comunque di non immunizzarsi è prevista una sanzione di 100 euro, anche questa una scelta introdotta in Cdm che nella bozza non era indicata. Per i 50enni scatta anche un altro intervento: dal 15 febbraio si potrà andare al lavoro solo con il super green pass. Una misura che vale sia per il privato e il pubblico, compreso chi lavora in ambito giudiziario e i magistrati. La norma non si applica invece per gli avvocati difensori, i testimoni e le parti del processo.

Le verifiche spetteranno ai datori di lavoro e chi non ha il superpass sarà assente ingiustificato fino alla presentazione della certificazione, "con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro e senza conseguenze disciplinari", ma con la sospensione dello stipendio e di qualunque "altro compenso o emolumento comunque denominato". Le imprese potranno però sostituire chi non ha il pass rafforzato. In questo caso sono previste sanzioni: chi entra in un luogo di lavoro e non ha il super pass incorre in una sanzione erogata dal prefetto che va da 600 a 1.500 euro. E tornerà anche l'uso massiccio dello smart working: i ministri Brunetta e Orlando hanno firmato la circolare nella quale si sensibilizzano le amministrazioni pubbliche e i datori di lavoro privati a utilizzare pienamente lo strumento.

"Vogliamo frenare la crescita della curva dei contagi e spingere gli italiani che ancora non si sono vaccinati a farlo. Interveniamo in particolare sulle classi di età che sono più a rischio di ospedalizzazione per ridurre la pressione sugli ospedali e salvare vite", ha detto il premier Mario Draghi aprendo il Cdm. "I provvedimenti di oggi vogliono preservare il buon funzionamento delle strutture ospedaliere e, allo stesso tempo, mantenere aperte le scuole e le attività economiche".  

"Le scelte che stiamo facendo è di restringere il più possibile l'area dei non vaccinati, perché è quella che provoca un peso sanitario sui nostri sistemi ospedalieri", ha spiegato il ministro della Salute Roberto Speranza al termine del Cdm sottolineando che ad oggi "i 2/3 dei ricoverati in terapia intensiva e il 50%" dei pazienti nei reparti ordinari sono non vaccinati. Dunque, ha concluso, "il peso delle ospedalizzazioni è nell'ambito dei non vaccinati".

Il Consiglio dei ministri ha deliberato l'estensione dell'obbligo vaccinale, senza limiti di età, a tutto il personale che lavora nelle università e nelle istituzioni dell'alta formazione artistica, musicale e coreutica. Per gli studenti, invece, continua a valere il precedente obbligo di green pass. Lo spiega il ministro Maria Cristina Messa sottolineando che "la raccomandazione continua a essere per lo svolgimento di tutte le attività prevalentemente in presenza" ma restano gli strumenti di didattica a distanza messi in campo da atenei, conservatori, accademie, istituti" a garanzia di chi non riesce ad andare in presenza.

Pubblicato in Politica Emilia
Pagina 1 di 4