Visualizza articoli per tag: edilizia

Ristrutturazioni e risparmio energetico: la manovra raddoppia l'importo della ritenuta sui bonifici bancari -

Modena, 6 novembre 2014 -

CNA lo aveva sottolineato, commentando la Legge di Stabilità: una manovra in grado di rappresentare un'inversione di tendenza rispetto al passato, a patto che gli investimenti previsti non vengano alimentati da nuove tasse e meccanismi in grado di penalizzare le imprese. Purtroppo, invece, questo rischio si va materializzando ai danni delle pmi dell'edilizia, il settore che più sta pagando la crisi.

La Legge di Stabilità, infatti, ha raddoppiato dal 4 all'8% la ritenuta applicata sui bonifici bancari collegati alle operazioni di ristrutturazione ed efficientamento energetico delle abitazioni e degli immobili delle imprese, l'unica modalità di pagamento ammissibile per avere diritto alle relative detrazioni fiscali. "Una sberla da 920 milioni di euro – commenta Paolo Vincenzi, presidente di CNA Costruzioni di Modena, che mina una situazione di liquidità già precaria per le imprese dell'edilizia".

La gravità di questo prelievo è testimoniata paradossalmente dallo stesso fisco. "La banca dati degli studi di settore dimostra che su 100 euro di ricavi il reddito per l'impresa è intorno ai 10 euro. Portare all'8% la ritenuta significa, per le imprese, anticipare l'80% di quest'ultima allo Stato. Reddito che dovrebbe servire, tra l'altro, a pagare i dipendenti ed i fornitori. L'effetto di questo provvedimento, dunque, potrebbe essere quello di costringere le imprese a presentarsi in banca per reperire la liquidità necessaria ad onorare i propri impegni, con le difficoltà ed i costi ben noti a tutti".

"Un dubbio sorge spontaneo – chiosa Vincenzi – che si voglia creare un credito d'imposta a favore delle imprese talmente elevato da renderne difficile e costoso il recupero, visto che lo Stato è un attento riscossore ma un poco puntuale pagatore. E non vengano a raccontare che l'aumento della ritenuta serve a combattere l'evasione. Per combattere l'evasione è sufficiente una ritenuta dello 0,1%: tanto basta alle banche per comunicare all'Agenzia delle entrate il pagamento effettuato all'impresa".

(Fonte: Ufficio Stampa CNA MO)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena

Si è aperta con una buona notizia la due giorni iniziata questa mattina al Tecnopolo promossa dalla CNA Reggio Emilia, l'Ordine degli Architetti di Reggio Emilia e il Tecnopolo sul tema "Riuso e rigenerazione urbana". Dallari, Cna: "Soddisfazione per una decisione che rilancerà il comparto delle costruzioni e il mercato interno" -

Reggio Emilia, 10 ottobre 2014 -

"Siamo molto soddisfatti – dichiara il Presidente provinciale CNA Nunzio Dallari - per l'annuncio, di appena 48 ore fa, del Vice Ministro dell'Economia, Enrico Morando, di riconfermare per i prossimi tre anni gli incentivi per le ristrutturazioni nelle attuali proporzioni del 50 per cento per le ristrutturazioni e del 65 per cento per gli efficientamenti energetici".

Si è aperta con una buona notizia la due giorni iniziata questa mattina al Tecnopolo promossa dalla CNA Reggio Emilia, l'Ordine degli Architetti di Reggio Emilia e il Tecnopolo sul tema "Riuso e rigenerazione urbana".

"Un bel modo di cominciare la nostra iniziativa – aggiunge Dallari - che ha tra i suoi obiettivi quello di affrontare uno dei temi strategici per il rilancio del settore edile, ovvero la riqualificazione del patrimonio edilizio diffuso. La tavola rotonda di domani sarà l'occasione per approfondire questo tema e aprire un tavolo di confronto con la programmazione sull'urbanistica avviata dalla nuova amministrazione comunale".

Sabato 11 ottobre, infatti, dalle 9 alle 13 il Centro Internazionale Loris Malaguzzi ospiterà un convegno pubblico nel quale dopo i saluti di Nunzio Dallari, e dell'Arch. Walter Baricchi, Presidente provinciale Ordine degli Architetti PPC Reggio Emilia, interverrà l'Arch. Lorenzo Bellicini, Direttore CRESME, che parlerà degli scenari di mercato e delle opportunità di rigenerazione urbana. A seguire ci sarà la tavola rotonda sul tema: "Le potenzialità del RiUSO tra deburocratizzazione e semplificazione", insieme ad autorevoli esponenti istituzionali, come l'Assessore alla Rigenerazione Urbana del Comune di Reggio Emilia Alex Pratissoli, e della filiera tecnica tra cui Aimone Storchi, presidente Reggio Emilia Innovazione.

"Siamo sicuri – conclude il Presidente CNA – che efficientamento energetico e rigenerazione urbana siano gli strumenti principali in grado di contribuire al riavvio della domanda interna, allo sviluppo e all'occupazione, con effetti positivi sul fronte delle entrate".

(Fonte: ufficio stampa CNA RE)

Scenari e opportunità per la filiera delle costruzioni nella due giorni promossa da CNA, Ordine degli Architetti e Tecnopolo -

Reggio Emilia, 8 ottobre 2014 -

Parola d'ordine: rigenerare. Venerdì 10 e sabato 11 ottobre Reggio Emilia sarà al centro di una due giorni dedicata al tema del "RiUso e rigenerazione urbana", promossa da CNA Reggio Emilia, Ordine degli Architetti di Reggio Emilia in rappresentanza dell'area tecnica delle professioni e Tecnopolo, con il sostegno di Banca Mediolanum e Bertani Spa.

Tanti i relatori del mondo accademico, professionale e istituzionale che si avvicenderanno nei numerosi incontri pensati per coinvolgere tutta la filiera del comparto edile: dalle aziende di costruzioni e impiantistica a architetti, ingegneri, geometri, periti industriali e amministratori di condominio. Esperienze e prospettive di riuso a Reggio Emilia e in Emilia Romagna, innovazione tecnologica, soluzioni finanziarie per la riqualificazione, casi di studio e sperimentazioni nazionali e internazionali, alcuni dei temi che saranno approfonditi.

Nello specifico, la prima giornata venerdì 10 ottobre si svolgerà interamente al Tecnopolo di Reggio Emilia – Piazzale Europa, Area Ex Officine Reggiane capannone 19 – dalle 9 alle 18 e prevede tre seminari tecnico-informativi riservati agli addetti ai lavori.

Nella mattinata di sabato 11 ottobre si terrà un convegno aperto al pubblico, dalle 9 alle 13, presso la Sala conferenze del Centro Internazionale Loris Malaguzzi – Via Bligny, 1 – durante il quale, dopo i saluti di Nunzio Dallari, Presidente provinciale CNA, e l'Arch. Walter Baricchi, Presidente provinciale Ordine degli Architetti PPC Reggio Emilia, interverrà l'Arch. Lorenzo Bellicini, Direttore CRESME, che parlerà degli scenari di mercato e delle opportunità di rigenerazione urbana, con un focus sulle utilità e i vantaggi offerti dai fondi europei.

A seguire una tavola rotonda incentrata su: "Le potenzialità del RiUSO tra deburocratizzazione e semplificazione", alla quale prenderanno parte Aimone Storchi, Presidente Fondazione Reggio Emilia Innovazione, Alex Pratissoli, Assessore alla Rigenerazione Urbana del Comune di Reggio Emilia, Stefano Landi, Presidente della Camera di Commercio, Leopoldo Freyrie, Presidente Consiglio Nazionale degli Architetti P.P.C., Ferdinando De Rose, Coordinatore Nazionale Costruzioni CNA, Edoardo Zanchini, Vice Presidente LEGAMBIENTE, Sergio Santini, Vice presidente nazionale ANACI, Elisa Valeriani, Presidente ERVET.

"La nostra iniziativa – spiega il Presidente CNA Nunzio Dallari - è nata dall'esigenza di dare voce al comparto edile, uno dei settori più colpiti dalla crisi economica, tanto più nella nostra provincia, che ha basato parte della sua ricchezza sul settore delle costruzioni. Riteniamo sia indispensabile dare nuovo impulso all'edilizia tradizionale: non è più tempo di costruire, dobbiamo ri-costruire valorizzando il patrimonio esistente. In questo la politica deve darci una mano con più incentivi e meno tassazione".

"Gli obiettivi – aggiunge l'Arch. Walter Baricchi – sono molteplici: per prima cosa affrontare uno dei temi strategici per il rilancio del settore edile puntando sul patrimonio edilizio diffuso; in secondo luogo, mettere in atto una sinergia con il Tecnopolo orientata alla sostenibilità e rafforzare i rapporti di rete nell'ottica della progettazione integrata tra la filiera tecnica, ovvero architetti, ingegneri, geometri, periti, e le imprese. Infine, aprire un tavolo di confronto con la programmazione sull'urbanistica avviata dalla nuova amministrazione comunale".

Per maggiori informazioni e prenotazioni obbligatorie gli Associati CNA possono rivolgersi alla Segreteria organizzativa rif. Daniela Nasi tel. 0522-356380, email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Per gli Ordini di Architetti, Geometri, Ingegneri, Periti industriali rivolgersi alle rispettive segreterie.

(Fonte: ufficio stampa CNA RE)

Lunedì 29 settembre, dalle ore 16.00, convegno gratuito organizzato da CNA Modena in collaborazione con CRESME sull'innovazione nella filiera edile -

Modena, 24 settembre 2014 -

L'analisi della situazione congiunturale del settore edile, a livello nazionale ma soprattutto nella realtà modenese, serve come spunto per definire una linea di sviluppo che passa necessariamente attraverso un percorso d'innovazione basato sull'integrazione tra i diversi attori della filiera delle costruzioni. Questo è l'obiettivo del convegno organizzato da CNA che si terrà lunedì 29 settembre, dalle ore 16.00 alle ore 19.00, presso la Sala Leonelli della Camera di Commercio di Modena.

L'innovazione di processo verrà resa ancor più evidente nelle sue potenzialità grazie a uno strumento come il B.I.M. (Building Information Modeling): un sistema di progettazione integrata in 3D che, partendo dalle informazioni riguardanti un edificio o le sue parti, costringe a valutare tutti gli aspetti riducendo i rischi di errore (e quindi i costi), allargando la prospettiva al costo relativo all'intera vita utile di un immobile, invece che al solo investimento iniziale. Questo sistema innovativo rappresenta la strategia verso la quale CNA vuole puntare: una struttura che favorisce una visione globale d'insieme e l'integrazione dei vari soggetti che intervengo nella filiera edile.

Partecipano e promuovono il convegno tutti gli Ordini e i Collegi di professionisti, periti industriali, geometri e architetti, riconoscendo agli iscritti crediti formativi.
Dopo una prima parentesi introduttiva tenuta da Paolo Vincenzi (Presidente Unione Costruzioni CNA Modena) e Paolo Visentin (in rappresentanza dei professionisti), il relatore dell'incontro sarà Lorenzo Bellicini di CRESME, Centro Studi leader in Italia per il mercato delle costruzioni.
Il convegno è gratuito: per l'iscrizione basta registrarsi sul sito www.mo.cna.it oppure rivolgersi a Giorgio Falanelli allo 059-418546, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

(Fonte: Ufficio Stampa CNA MO)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena

La Camera di commercio, in collaborazione con la Camera di commercio italiana dell'Ontario, organizza giovedì 29 maggio, a partire dalle 9.30, un incontro con le aziende per illustrare le attuali opportunità di business in Canada e Ontario e gli strumenti a supporto delle aziende interessate al mercato.

Parma, 26 maggio 2014 -

In programma un focus sui settori agroalimentare, meccanica alimentare ed edilizia ed un approfondimento su logistica e spedizioni sul Canada. Parleranno dell''Accordo di cooperazione economica e commerciale tra Canada e Europa (CETA) Corrado Paina, General Manager Italian Chamber of Commerce of Ontario, e di logistica e spedizioni Maurizio Pazzini, Tradelane Development Manager Panalpina Trasporti Mondiali Spa. Al termine degli interventi le aziende potranno incontrare i relatori per un colloquio individuale.
Nell'ultimo decennio il Canada ha consolidato la propria immagine di stabilità grazie a solide basi economiche e finanziarie. Nel 2012 il PIL canadese è cresciuto del 2%. In particolare la tenuta del mercato interno e la spiccata indipendenza energetica fanno della nazione degli aceri un'ottima potenziale base per aziende italiane che vogliano affacciarsi anche sul mercato NAFTA, l'area di libero scambio del Nord America (circa 462 milioni di consumatori potenziali).
La stabilità del sistema politico, le condizioni del mercato del lavoro, del costo dei fattori di produzione e dell'accesso al credito rendono il paese di particolare interesse per le aziende italiane interessate ad accrescere la propria quota di esportazioni o intenzionate ad internazionalizzare la propria presenza produttiva.
L'Italia si conferma essere uno dei principali partner commerciali europei per il Canada, dietro a Germania e Regno Unito. L'interscambio bilaterale con l'Italia è aumentato del 6,3% nel 2012; in particolare, le esportazioni italiane sono aumentate del 7%. l'Italia si è confermata il 9° Paese fornitore con una quota dello 1,13% del totale delle importazioni canadesi.

In allegato scaricabile il modulo di iscrizione

(Fonte: Ufficio stampa Camera di commercio Parma)

Presentato oggi dalla Camera di Commercio e Unioncamere Emilia-Romagna lo studio di riferimento che illustra lo scenario economico provinciale. Valori congiunturali in contrazione, ma in modo meno intenso del 2012. Si inasprisce il credito, bene invece l’export. 

 

Parma, 13 maggio 2014 -

Nel 2014 l’economia parmense dovrebbe tornare a crescere, anche se debolmente. Secondo le previsioni di fine febbraio 2014 redatte da Prometeia e Unioncamere Emilia-Romagna, per il valore aggiunto della provincia di Parma si prospetta una crescita reale dell’1 per cento, leggermente più contenuta rispetto a quella prevista per la regione (+1,2 per cento). A trainare l’aumento saranno soprattutto le attività dell’industria in senso stretto (+1,4 per cento), mentre più sfumato appare il contributo dei servizi (+0,9 per cento). Per l’edilizia è atteso un timido aumento (+0,2 per cento), dopo sei anni caratterizzati da cali.

 

E’ con questa previsione di deboli segnali di ripresa che si apre il Rapporto annuale sull’economia parmense nel 2013, il più articolato lavoro di analisi economica dedicato a Parma e al suo territorio realizzato dalla Camera di Commercio in collaborazione con Unioncamere Emilia-Romagna e presentato oggi in via Verdi dal Presidente dell’ente camerale Andrea Zanlari, da Giordana Olivieri dell’Ufficio studi, insieme a Guido Caselli e Matteo Beghelli, del Centro studi, monitoraggio dell’economia e statistica di Unioncamere Emilia-Romagna.

 

Con il titolo di questa giornata, “Conoscere il presente per progettare il futuro”, abbiamo voluto sottolineare il valore di un’informazione economica che diventa vero strumento di orientamento e di azione per l’imprenditore – ha spiegato Zanlari -. Disegnare la mappa su cui le aziende si devono muovere è fondamentale e solo con uno sguardo di sistema è possibile farlo. La Camera di Commercio di Parma in collaborazione con Unioncamere Emilia-Romagna mette a disposizione un cruscotto informativo insostituibile per poter operare nel parmense con cognizione di causa. Entrando nel merito dei dati, appaiono alcuni segnali che lasciano sperare che siamo forse alla vigilia di una svolta. Anche nel 2013 l’export ha dato buoni risultati e forse nel 2014 queste risorse potranno dare una mano anche al mercato interno”.

 

Lo studio, raccolto in un volume distribuito durante la presentazione e disponibile in forma elettronica sul sito web della Camera di Commercio, è suddiviso in tre parti: nella prima, Guido Caselli propone un’analisi trasversale sul territorio parmense, individuando una proposta di priorità da sostenere per il rilancio economico; nella seconda, Matteo Beghelli si concentra sulle opportunità da cogliere nei mercati internazionali, tracciando uno scenario a livello generale e studiandone connessioni e implicazioni a livello locale; la terza, infine, entra nella parte statistico-descrittiva con le analisi che espongono la vera e propria fotografia dell’economia parmense nel 2013 e le previsioni 2014.

 

Ci sono alcuni filoni che abbiamo individuato e che Parma non dovrebbe lasciarsi scappare per accelerare l’uscita dalla recessione – ha detto Caselli – si tratta della propensione all’export, della valorizzazione delle filiere distintive, come l’agroalimentare, in chiave di marketing del territorio; infine dell’adozione di un approccio quasi scientifico al business, da ottenersi incrociando dati di più fonti e individuando in tal modo le migliori opportunità per evitare le inefficienze del metodo tentativo-errore”.

 

I SETTORI ECONOMICI, IN SINTESI

 

Nel 2013 l’economia parmense ha continuato a risentire di un quadro congiunturale recessivo, tuttavia la frenata è stata meno intensa rispetto al 2012. Il calo del valore aggiunto, in termini reali, dovrebbe attestarsi all’1,5 per cento (dato regionale: -1,1 per cento). Dal 2007 l’economia parmense è entrata in una fase caratterizzata da un mix di crescita più lenta e flessioni che hanno il loro culmine nel 2009 (-6,5 per cento), il più negativo degli ultimi vent’anni, assieme al 2002 (-6,2 per cento). La conclusione è che dopo l’attentato alle torri gemelle l’economia parmense ha sofferto maggiormente rispetto alla media regionale, con una capacità di generare reddito via via meno rilevante. Parma e il suo territorio rappresentano comunque ancora una delle economie tra le più solide del Paese in termini di ricchezza per abitante (è all’ottava posizione tra le 110 province italiane). A fronte di un calo, meno cospicuo del 2012, di tutti gli indicatori congiunturali in tutti i settori di riferimento, nel 2013 l’occupazione grazie alla CIG tiene e l’export continua a crescere, seppure un po’ meno che nell’anno precedente. Le imprese attive nel parmense diminuiscono invece, complessivamente, di oltre 350 unità e fanno sempre più fatica a ottenere credito. Il 2014 dovrebbe però vedere una leggera accelerazione degli affari che però non implicherà un immediato aumento dell’occupazione.

 

Agricoltura

L’agricoltura parmense ha chiuso il 2013 con un bilancio moderatamente negativo. Secondo le stime divulgate dall’Assessorato regionale all’agricoltura, nel 2013 il valore della produzione lorda vendibile valutato a prezzi correnti ha sfiorato i 503 milioni e mezzo di euro, con un calo dell’1,6 per cento nei confronti dell’importo dell’anno precedente. 

A causare il calo sono stati in particolare i risultati negativi nella produzione dei cereali (-27,3 per cento), soprattutto frumento tenero e granoturco. Nel comparto zootecnico, il latte vaccino (64 per cento della plv), ha replicato l’andamento del 2012 (+0,2 per cento) e lo stesso è avvenuto sostanzialmente per le carni suine (+1,0 per cento), mentre un po’ più ampio è apparso l’incremento di quelle bovine (+1,8 per cento). 

 

Industria

Nel 2013 la produzione delle piccole e medie imprese parmensi è diminuita mediamente del 2,8 per cento rispetto all’anno precedente, in misura meno accentuata rispetto alla flessione del 5,3 per cento rilevata nel 2012. Stessa sorte per il fatturato, che è apparso in calo del 2,4 per cento, anch’esso in termini più contenuti rispetto al 2012 (-4,4 per cento). Anche gli ordini sono diminuiti del 2 per cento, in modo meno accentuato rispetto al 2012 (-5,3 per cento).  

 

Edilizia

L’industria delle costruzioni parmense ha chiuso il 2013 con un bilancio pesantemente negativo. Il volume d’affari è diminuito del 9,9 per cento rispetto al 2012, in misura superiore rispetto a quanto avvenuto in regione (-5,6 per cento). Il perdurare della crisi si è riflesso sul ricorso alla Cassa integrazione guadagni che ha registrato un aumento delle ore autorizzate del 67,4 per cento. 

Secondo i dati dell’Agenzia delle entrate, nel 2013 le compravendite di immobili residenziali sono diminuite del 2,7 per cento rispetto al 2012, toccando il minimo degli ultimi dieci anni. Stessa tendenza, ma più accentuata, in regione (-7,0 per cento) e in Italia (-9,2 per cento).

 

Commercio

Nel 2013 il commercio interno parmense ha registrato una diminuzione media del valore delle vendite al dettaglio pari al 6,8 per cento (-5,7 per cento in regione), la più alta degli ultimi dieci anni. 

Le imprese del settore commerciale sono tuttavia cresciute leggermente (+0,6 per cento, +0,2 per cento in regione). Crescono i dettaglianti (+0,7 per cento), in particolare quelli specializzati in prodotti alimentari e tabacco (+4,1 per cento). Aumentano anche gli intermediari commerciali (+1,9 per cento). E’ continuata l’espansione delle forme meno tradizionali del commercio al dettaglio (commercio su internet, vendite a domicilio, distributori automatici, ecc.), i cui esercizi sono progressivamente saliti dai 147 di fine 2009 ai 204 di fine 2013. 

 

Artigianato manifatturiero

L’artigianato manifatturiero ha chiuso il 2013 nuovamente in recessione, ma in misura meno pesante rispetto all’anno precedente.  La produzione è diminuita del 3,9 per cento, consolidando la fase negativa in atto dal 2008, e un analogo andamento ha riguardato il fatturato, che ha accusato una flessione del 4 per cento. Cala in modo simile la domanda (-3,8 per cento). Le imprese attive sono diminuite del -4,1 per cento. 

 

Cooperazione

Le società cooperative passano da 591 unità nel 2012 a 576 unità l’anno successivo. La diminuzione non ha avuto riflessi negativi sull’occupazione, cresciuta anzi di oltre 200 unità.

 

OCCUPAZIONE

Le unità di lavoro totali calano dell’1,6 per cento rispetto al 2012. Questo indicatore misura il volume di lavoro effettivamente svolto, al di là del numero di occupati, Tutti i settori di attività, con l’unica eccezione dei servizi alla persona, hanno evidenziato diminuzioni. Nelle costruzioni il valore si contrae di un preoccupante 18,2 per cento. Non vi è stato tuttavia un corrispondente andamento dell’occupazione intesa come “teste”, che ha fatto registrare una sostanziale stabilità, -0,1 per cento (valore regionale: -1,6 per cento) grazie a un ricorso crescente alla Cassa integrazione guadagni. Aumenta di poco la “quota rosa” di lavoratori: nel 2013 nel parmense le donne impiegate crescono dello 0,2 per cento, a fronte di un dato regionale che è invece di -2,3%. Il tasso di disoccupazione ha raggiunto il 7,5 per cento, in aumento.

Lo scenario di moderata ripresa atteso per il 2014 non avrà effetti rilevanti sul mercato del lavoro.  Il numero di occupati dovrebbe diminuire dello 0,3 per cento, in piena sintonia con quanto previsto per la regione (-0,4 per cento), mentre il tasso di disoccupazione dovrebbe arrivare ai massimi degli ultimi vent’anni (7,8 per cento), mantenendosi tuttavia al di sotto del livello prospettato per l’Emilia-Romagna (8,8 per cento).  Qualche timido miglioramento è invece atteso per le unità di lavoro (+0,4 per cento), poiché la ripresa produttiva, seppure debole, dovrebbe consentire un minore utilizzo della Cassa integrazione.

La CIG è cresciuta, secondo i dati Inps, del 29,5 per cento. Le ore autorizzate sono aumentate del 13,3 per cento, la CIG straordinaria del 6,7%, gli interventi in deroga superano i 2,7 milioni di ore (erano 1,7 milioni nel 2012).

 

EXPORT

Nel 2013 il valore delle esportazioni di merci della provincia di Parma è stato di circa 5 miliardi e 671 milioni di euro, vale a dire il 2,6 per cento in più rispetto all’anno precedente (stessa variazione in Emilia-Romagna), in rallentamento rispetto alla crescita del 3,4 per cento del 2012. 

Contribuisce alla frenata il basso risultato dei prodotti metalmeccanici (+1,6 per cento), mentre l’agroalimentare arriva a un ottimo +6,9 per cento (era +8,6 per cento nel 2012). I prodotti della moda hanno beneficiato di un mercato vivace (+11,5 per cento), mentre per la prima volta dal 2008 si è contratto l’export dell’industria farmaceutica (-4,8 per cento). 

Tra i mercati continentali di sbocco, l’Europa si è confermata al primo posto, con un’incidenza sul totale dell’export pari al 65,3 per cento (55,7 per cento verso UE). La Francia si è confermata il principale cliente (16,2 per cento del totale dell’export parmense). Seguono Asia e America con quote rispettivamente pari al 14,5 e 12,6 per cento, davanti ad Africa (5,9 per cento) e Oceania e altri territori (1,7 per cento). 

 

CREDITO

Il sistema bancario parmense nel 2013 ha ridotto ulteriormente la consistenza dei prestiti concessi, in linea con quanto avvenuto in regione e nel Paese. Gli impieghi “vivi” sono diminuiti dell’8,9 per cento, in peggioramento rispetto ai dodici mesi precedenti (-8,0 per cento).  Le sofferenze, pari a 1 miliardo e 155 milioni di euro, sono cresciute del 43,1 per cento rispetto a un anno prima, in forte accelerazione rispetto al trend riscontrato nei quattro trimestri precedenti (+24,6 per cento). 

I depositi sono ammontati a quasi 13 miliardi di euro, in crescita dell’11,8 per cento, più sostenuta rispetto a quanto registrato in Emilia-Romagna (+5,9 per cento) e Italia (+2,8 per cento). Stessa tendenza per la raccolta indiretta che è invece aumentata tendenzialmente a settembre del 7,6 per cento. 

 

SISTEMA IMPRESE

Nel Registro delle imprese figuravano a fine 2013 42mila 163 imprese attive, l’1,6 per cento in meno rispetto a un anno prima. Il saldo fra imprese iscritte e cessate, al netto delle cancellazioni d’ufficio, è apparso di -353 unità, in aumento rispetto al passivo di 125 imprese del 2012. I cali si sono concentrati nell’agricoltura e nell’industria, a fronte della moderata crescita evidenziata dal terziario. Le società di persone e le imprese individuali hanno perso ulteriore terreno, mentre è proseguito il cammino espansivo delle società di capitale (+0,8 per cento), soprattutto srl con unico socio, e del piccolo gruppo delle “altre forme societarie” (+7,5 per cento). 

 

(Fonte: ufficio stampa Camera di Commercio Parma)

 

 

Parma è tra le prime città ad aver colto l’opportunità dell’asseverazione, grazie al Centro Servizi Edili (Cse), uno dei quattro enti asseveratori in Emilia Romagna, con Piacenza, Reggio e Ferrara.

 

Parma, 18 aprile 2014 -

Promossa in tutta Italia dalla Cncpt con il sostegno di Inail e regolamentata da Uni, l’asseverazione diventa uno strumento in più per la sicurezza sul lavoro nell’edilizia. Al momento si tratta di una scelta volontaria, per le imprese edili, che attesta l’adozione di un modello di organizzazione e gestione della salute e sicurezza sul lavoro.

Tenere i riflettori accesi sulla sicurezza è più che mai fondamentale in un settore frammentato e a rischio. Nel recente seminario ospitato dal Centro Servizi Edili di Parma è infatti emerso che l’edilizia sta vivendo difficoltà gestionali e organizzative, sia perché le imprese hanno ormai pochi dipendenti e molti lavoratori autonomi, sia perché sono in aumento le ditte che svolgono lavori edili pur non facendo parte del settore.

L’asseverazione può portare maggiore ordine e vantaggi. “Premesso che in tema di sicurezza non c’è mai da abbassare la guardia, da imprenditore che si impegna a rispettare le regole - dice Michela Allodi, presidente Cse e vicepresidente della sezione Costruttori Upi-Ance Parma - mi dà tranquillità sapere che un ente terzo, tecnicamente competente sulla materia, possa attestare che il modello organizzativo della mia azienda è in linea con le aspettative del legislatore ai sensi della legge 231”.

“Tra gli altri vantaggi - aggiunge la Allodi - l’asseverazione facilita la scontistica Inail a un’impresa e potrebbe favorire la riduzione dell’indice di frequenza e gravità degli infortuni sul lavoro. Gli organi di vigilanza, poi, possono tenerne conto ai fini della programmazione delle loro attività”.

Benefìci non solo per gli imprenditori, ma anche per i lavoratori. “L’asseverazione è importante perché contribuisce a far più luce sulla sicurezza - osserva Corrado Turilli, vicepresidente Cse della Fillea-Cgil - e abitua le aziende a riorganizzare il processo produttivo in previsione della sicurezza. Resta comunque indispensabile la funzione degli organi che poi certificano la sicurezza, cioè quelli pubblici e istituzionali”.

Il Centro Servizi Edili di Parma è deputato all’asseverazione attraverso il suo tecnico Vittorio Gherri, che spiega: “I due corsi nazionali, promossi da Cncpt e Inail a Milano e Roma, hanno formato circa 50 tecnici in rappresentanza di una trentina di Cpt/Cse. A noi spetterà il compito di asseverare, ovvero verificare se le imprese hanno adottato e correttamente applicato un modello organizzativo”.

 

(Fonte: ufficio stampa Centro Servizi Edili)

 

 

La crisi dell'edilizia e le opportunità di una nuova visione urbanistica al convegno organizzato dall'alleanza civica Progetto Reggio e Grande Reggio. “Non siamo rassegnati, siamo qui per aprire prospettive” 

- Reggio Emilia, 08 Marzo 2014 -- --

La crisi dell'edilizia e le opportunità di una nuova visione urbanistica al convegno organizzato dall'alleanza civica Progetto Reggio e Grande Reggio.

Fine del consumo del territorio agricolo e valorizzazione dell’esistente, sono queste le direttrici lungo cui si è svolto l’incontro sull’urbanistica cittadina organizzato dall’alleanza civica delle liste Progetto Reggio e Grande Reggio. L'incontro è stato introdotto dal consigliere comunale Giacomo Giovannini, che ha subito puntato l'attenzione sull'eccessivo carico di burocrazia sul settore urbanistico, sia a livello locale che regionale. Il meeting ha visto gli interventi dell’architetto Maria Cristina Costa, dell’ingegnere Umberto Venturi e dell’architetto Giovanni Avosani, molto apprezzati dal numeroso pubblico intervenuto all'hotel Astoria. 

Sguardi di progetto sull'esistente, ma anche considerazioni sui problemi di stretta attualità. Un applauso fragoroso ha infatti accolto le parole dell'architetto Maria Cristina Costa, quando ha definito il Park Vittoria “uno scempio di cui si pagherà il prezzo molto a lungo”. Ma le critiche alla condizione urbanistica reggiana sono proseguite prendendo in considerazione la situazione economica del crollo del settore edilizio, da interpretare come un crollo della società. “La sproporzione tra il costruito e l'invenduto a Reggio oggi, è lo specchio della capacità amministrativa e di programmazione di una classe politica – ha dichiarato l'architetto Costa – e a Reggio si sono voluti favorire alcuni colossi economici che alla fine si sono trovati sul groppone grandi quote di invenduto che li ha esposti sensibilmente”. 

 

Durante l'incontro non si sono mosse solo critiche, ma avanzate anche ipotesi e intenti. E' stata molto applaudita la relazione dell'architetto Giovanni Avosani, che ha illustrato le chiavi del successo della riqualificazione urbana dell'esistente effettuato da diverse città europee, da Amsterdam a Lione, da York a Brighton, dimostrando che oggi non è più tempo di masterplan, ma di interventi mirati e valorizzanti su zone cittadine precise, oltre che di fantasiosi e lungimiranti piani di marketing territoriale che coinvolgano soprattutto il centro storico. Sulla stesso binario anche l'ingegner Umberto Venturi, che ha posto l'accento sulla valorizzazione del patrimonio esistente in centro storico, ma che allo stesso tempo individua a Reggio almeno altri undici ambiti di riqualificazione previsti dal Psc, tra cui le Reggiane e la zona del consorzio agrario, che sono zone da porre in “terapia intensiva” in attesa di capire quale sarà il loro uso. “Certe zone degradate – ha dichiarato Venturi – sono per una città come cellule progenitrici tumorali: così è ad esempio per le Reggiane e il consorzio agrario, che espandono lo squallore del loro abbandono alle zona circostanti, zone che si allargano anno dopo anno. Parallelamente, in altre zone, fino a oggi si è continuato a costruire l'invendibile, che ha un valore economico solo teorico”. 

Numerosi e interessanti sono stati anche gli interventi da un pubblico molto interessato, composto in gran parte da addetti ai lavori, tra i quali quello del professor Alberto Bizzarri, che ha posto l'accento sugli aspetti ambientali legati alla progettazione urbanistica. “A differenza di Parma e Modena, Reggio non è minacciata dalle piene di corsi d'acqua importanti ma è tuttavia vulnerabile per la presenza di tratti critici del reticolo idrografico principale, di canali di bonifica, della rete scolante e fognaria. Occorre eliminare ogni criticità e programmare la gestione di alluvioni e allagamenti, come richiedono le direttive europee entro il 2015, fornendo tutto il supporto necessario alle competenti autorità idrauliche”.  

Dati utili:

2.000.000: il numero di unità abitative invendute in Italia

70.000: il numero di unità abitative invendute in Emilia Romagna

2%: il valore dei finanziamenti del settore edilizio che nei prossimi 30 anni si stima verrà impiegato per la costruzione del nuovo, mentre il restante verrà utilizzato per la riqualificazione dell'esistente.

(Fonte Grande Reggio e Progetto Reggio)

Domenica, 26 Gennaio 2014 10:08

La crisi si legge nel mattone.

 

Più che flessione si tratta di  vero e proprio crollo dell’edilizia residenziale: -37,2%

 

 - Roma  gennaio 2014 -- 

Nel primo semestre del 2013 l'edilizia residenziale presenta una rilevante flessione rispetto allo stesso periodo del 2012 (-37,2% le abitazioni e -35,5% la superficie utile abitabile). A comunicarlo è l’ISTAT nella   periodica rilevazione. Anche l'edilizia non residenziale - prosegue il comunicato dell’istituto statistico - ha una consistente diminuzione con quasi un terzo di superficie in meno rispetto al primo semestre del 2012 (-31,6%).

Il numero di abitazioni dei nuovi fabbricati residenziali risulta in forte calo, presentando, nel primo trimestre, una variazione tendenziale del -38,2% e nel secondo del -36,2%. Significative sono anche le diminuzioni della superficie utile nel confronto con gli analoghi trimestri del precedente anno: -36,6% per il primo trimestre 2013 e -34,3% per il secondo.

Nel primo trimestre del 2013, l'edilizia non residenziale presenta una superficie in netta contrazione rispetto allo stesso periodo del 2012 (-37,3%). Meno accentuata è la flessione nel secondo trimestre 2013, con un calo della superficie non residenziale pari al 25,6% rispetto allo stesso periodo del 2012.

abitazioni IItrim2013 gde

 

(Fonte ISTAT)

Pubblicato in Economia Emilia
Pavullo nel Frignano, 12 novembre 2013
 
L'Assessore Stefano Iseppi:"Uno strumento moderno, nato dal confronto con le categorie interessate e che può contribuire alla ripresa del comparto edile" -
 
Durante l'ultima seduta del Consiglio Comunale di Pavullo, è stato approvato il nuovo Regolamento Urbanisitico Edilizio, il cosiddetto Rue. Uno strumento voluto dall'Amministrazione Comunale, per contribuire alla ripresa del settore edile e per migliorare sia la qualità delle costruzioni, sia l'utilizzo del suolo. L'Assessore alla pianificazione del territorio e all'edilizia privata, Stefano Iseppi, spiega le novità del Rue e i prossimi obiettivi di pianificazione territoriale.
L'approvazione del Rue era uno dei punti qualificanti del programma dell'Amministrazione Comunale. Perché è così importante?
"È importante perché regola non solo tutti gli interventi di natura edilizia, ma si pone alcuni grandi obiettivi per lo sviluppo di Pavullo e del suo territorio. Il primo è migliorare e qualificare da un punto di vista energetico e sismico le abitazioni. In secondo luogo contiene norme per migliorare la qualità urbana della nostra città e disciplina gli interventi nelle zone rurali, cercando di ridurre il consumo di suolo. Sono regole, in una battuta, adottate per costruire una città migliore. Oltre ai contenuti, poi, vorrei sottolineare il metodo adottato. C'è stato un confronto inedito rispetto al passato tra Amministrazione Comunale e le vari categorie interessate, perché è giusto che le scelte urbanistiche siano trasparenti e il più possibile condivise".
Parliamo di contenuti.
"Abbiamo cercato di coniugare gli incentivi fiscali e sui volumi, applicando le novità della nuova legge Regionale sull'edilizia, ma, soprattutto, accogliendo il nuovo concetto di ristrutturazione edilizia introdotto dal "Decreto del Fare", proposto dal Governo Letta. Oggi più che mai occorre investire nella riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, sia sotto il profilo del risparmio energetico, sia sotto quello della sicurezza sismica. Sono processi lunghi e che vanno sostenuti anche perché credo, dato il momento, che solo in questo modo possiamo creare opportunità di lavoro per il settore edilizio. Particolare attenzione è stata posta agli interventi nel territorio rurale, cercando di trovare soluzioni ai problemi che in questi anni ha incontrato chi voleva investire nelle ristrutturazioni delle vecchie case di campagna. Infine abbiamo cercato di semplificare, fin dove consentito dalle leggi, le procedure, che spesso sono un ostacolo per cittadini e imprese".
Si cerca quindi di dare una mano al settore edilizio.
"Certo. Evidentemente dare una mano, non significa solo togliere delle regole, ma crearne di migliori rispetto alle precedenti. Dobbiamo poi dire con chiarezza, che non è permesso fare tutto in assoluto. Anche perché i cittadini sono sempre più attenti alla qualità del vivere e di come si costruisce: anche questo crea valore. Diamo una mano, poi, se creiamo opportunità, sommando gli incentivi fiscali per le ristrutturazioni, a quelli volumetrici per chi volesse ricavare qualche spazio in più per la propria famiglia. Va anche detto, che da solo un regolamento non risolve i problemi del settore edile, che dipendono anche dalla fiscalità e dalla carenza di credito".
Quali sono i prossimi obiettivi?
"Avevamo un impegno in questa legislatura. Quello di completare gli strumenti urbanistici. Abbiamo fatto un passo importante con l'approvazione del Rue, perché superiamo la pianificazione del vecchio Piano Regolatore. Ora apriamo una fase nuova e iniziamo a lavorare al primo Piano Operativo Comunale, il Poc, che non solo programmerà le opere pubbliche, ma disciplinerà i nuovi interventi privati creando quindi ulteriori opportunità per il settore".
 
(Fonte: ufficio stampa Comune di Pavullo)
Pagina 2 di 3