Visualizza articoli per tag: spettacoli

A Parma un doppio appuntamento con la musica d'autore

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

La notte più lunga” è stato il primo corto a parlare del “massacro del Circeo”, avvenuto tra il 29 e il 30 settembre 1975 a San Felice Circeo in provincia di Latina. Quella notte a Villa Moresca morì Rosaria Lopez e venne ferocemente seviziata Donatella Colasanti: un fatto di cronaca agghiacciante che periodicamente ritorna sui mezzi di informazione per ricordare le atrocità subite da quelle allora giovani ragazze, che sono diventate un simbolo contro la violenza sulle donne e i femminicidi.

Il progetto di dedicare un docufilm a quel terribile fatto di cronaca è opera di Manuele Carenzi, sceneggiatore e regista parmense con la grande passione per la cinematografia, in collaborazione con il film maker Mattia Ruggiero che ha sviluppato l’idea di Carenzi dal punto di vista tecnico collaborando anche alla sceneggiatura.

Il film è stato girato in piena pandemia tra le provincie di Parma e di Cremona, precisamente nei comuni di Sissa-Trecasali, Roccabianca, San Secondo Parmense e San Daniele Po e ha come protagonista l'attore parmigiano Donatello Landi, già noto a livello nazionale per aver preso parte a diversi film, spettacoli teatrali e musical.

Landi e Carenzi si sono conosciuti anni fa durante una scena girata al Palazzetto dello Sport “Bruno Raschi” di Parma sul set del film “Il Vincente” dell’attore e regista Luca Magri,  e tra i due è nata un'amicizia e un'intesa accomunata dalla grande passione per il cinema e la cinematografia. Quindi quando è stato il momento di iniziare le riprese di "La notte più lunga" Carenzi ha subito pensato di proporre a Landi il ruolo del protagonista, ideatore del massacro.

Donatello Landi in diverse occasioni ha dimostrato grande sensibilità rispetto alla violenza sulle donne e ai femminicidi prestando la sua opera artistica professionale a lavori che avessero come obiettivo la sensibilizzazione di queste tematiche.  In particolare ha recitato in alcuni spettacoli teatrali come “Non per amore” diretto da Andreina Garella e “Come petali nel deserto” e “Tacco 12” diretti entrambi da Catia Valenti.

"La notte più lunga" ha ottenuto il patrocinio di diversi enti, tra cui la Provincia di Parma, il Comune di Parma, i Comuni di Fidenza, Roccabianca, San Secondo Parmense e Sissa-Trecasali nel parmense e il Comune di San Daniele Po in provincia di Cremona.

Il corto dopo essere stato proiettato in diverse sale cinematografiche e teatri è ora disponibile per la visione anche sul canale YouTube di Manuele Carenzi di cui trovate il video in apertura di articolo.

Pubblicato in Cultura Emilia

CONTROTEMPI – Itinerari Sonori 2023 omaggia i Pink Floyd e domani parte la XXII edizione. Appuntamento con ingresso libero al Borgo Santa Brigida di Parma

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

In partenza il 29 marzo la XXII edizione con “Speak to me”

CONTROTEMPI – Itinerari Sonori 2023 omaggia i Pink Floyd

Il coraggio delle idee: 50° di “The Dark Side of the Moon” e la Cramps di Gianni Sassi segnano il futuro del panorama musicale

Appuntamento con ingresso libero al Borgo Santa Brigida di Parma

Torna “CONTROTEMPI – Itinerari Sonori” e nella sua XXII edizione vuole rendere omaggio ad una ricorrenza storica: i 50 anni di “The Dark Side of the Moon”, album capolavoro che ha segnato la storia dei Pink Floyd e della musica tutta, tanto da poter essere considerato il precursore degli attuali concept album.

I testi si rifanno alle esperienze di vita, fatte di ansie e paure, dai ricordi del passato di uomini normali, come loro (i Pink Floyd) e come noi. È qui il segreto della profondità dei testi: sono intimi, emozionanti e veri, perché partono dal vissuto e mettono in primo piano un’umanità che è arrivata al cuore di milioni di ascoltatori. I dieci brani contenuti nell’LP toccano infatti tematiche senza tempo, comuni a tutti: i rapporti personali, la follia, il potere del denaro, il trascorrere del tempo, la paura della morte. Sono temi universali, talmente profondi che valgono oggi come nel 1973.

Nello stesso anno Gianni Sassi fondava la Cramps Records, figlia di un'epoca in fermento, innovazione, trasgressione alle regole e creatività libera, trampolino di lancio per Area, Eugenio Finardi, Skiantos, Alberto Camerini e tanti altri.

Partendo da istanze, luoghi ed esperienze diverse, i Pink Floyd e Gianni Sassi tracciano un percorso che, tra arte, musica, design e tematiche sociali continua tutt’ora.

Il primo appuntamento di “CONTROTEMPI – Itinerari Sonori 2023” dal titolo “Speak to Me” (come la canzone che apre “The dark side of the moon”) farà da anteprima e presentazione ufficiale della nuova rassegna e si terrà al Borgo Santa Brigida 5/A di Parma mercoledì 29 marzo alle ore 21.00 con ingresso libero.

A night with Pink Floyd”, il sottotitolo della serata, un dialogo tra Giovanni Rossi - giornalista e scrittore, autore di tre volumi dedicati ai Pink Floyd - e Pierangelo Pettenati, giornalista e presidente di Esplora, arricchito dal progetto visivo di Alfredo Miti Maturani e i commenti sonori di Alberto Padovani (voce e chitarra), Emilio Vicari (chitarre) e Enrico Fava (pianoforte).

L’intento di “CONTROTEMPI – Itinerari Sonori 2023” è dimostrare come le diverse forme di arte, musica e spettacolo concorrono a migliorare il benessere, la qualità della vita, l'inclusione, la socialità, la conoscenza degli eventi e dei fenomeni che ci circondano.

La rassegna “CONTROTEMPI – Itinerari Sonori 2023” è organizzata da Esplora Aps.

DARK_SIDE_ESplora-02.png

Pubblicato in Cronaca Parma

Si è conclusa sabato 18 marzo la mini rassegna di teatro civile presentata alla Galleria San Ludovico dall’associazione culturale Progetti&Teatro, in collaborazione con L.O.F.T. Libera Organizzazione Forme Teatrali, nell’ambito del programma di eventi per il Centenario del Liceo Marconi. Bellissimo il riscontro del pubblico alle repliche serali e attenta la partecipazione di studenti e studentesse alle matinée.

Pubblicato in Costume e Società Parma
Martedì, 28 Febbraio 2023 21:09

Bruce Forman dall'America a Parma giovedì 2 marzo

Il mese di marzo al Borgo Santa Brigida 5/A si apre giovedì 2 marzo alle 21 con un grande nome della musica americana: Bruce Forman.

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia

Mangiacinema fa dieci: edizione 2023 dedicata ai sognatori e ai creatori di Sogni 

A San Secondo Parmense la Festa del Cibo d'autore e del Cinema goloso celebrerà il suo decennale dal 9 all'11 e dal 16 al 18 giugno. Location favolose (Rocca dei Rossi e Museo Agorà Orsi Coppini), grandi ospiti del mondo dello spettacolo, tantissime Mangiastorie (curate da Sandro Piovani) e un rapporto sempre più intenso e "vero" con il pubblico ed il territorio
 

SAN SECONDO PARMENSE (PARMA) – Storico traguardo per Mangiacinema - Festa del cibo d’autore e del cinema goloso. Il Festival più pop d'Italia, ideato e diretto dal giornalista Gianluigi Negri, celebra quest'anno il decennale con un'attesissima edizione dedicata ai sognatori e ai creatori di sogni. La "Dreamers' edition" si terrà a San Secondo Parmense dal 9 all'11 e dal 16 al 18 giugno 2023. E si svolgerà nelle due location da favola (Rocca dei Rossi e Museo Agorà Orsi Coppini) che hanno già ospitato una straordinaria edizione 2022, con ospiti prestigiosi, tra i quali anche la star hollywoodiana Willem Dafoe.
Il prossimo Mangiacinema si articolerà su due lunghi, festosi e imperdibili weekend nelle settimane centrali di giugno, collocandosi tra lo storico Palio delle Contrade (in programma la prima settima di giugno) e l'inizio dell'estate.

"Questa decima edizione del Festival - anticipa il direttore artistico Negri - si apre ancor più all'intero territorio della Bassa Parmense e della Food Valley. Come sempre, saprà ingolosire e coinvolgere il pubblico non solo con le grandi storie dello spettacolo, che potremo gustare insieme, ma anche con le sorprese, la gioia e le emozioni che, di anno in anno, ci vengono regalate da Mangiastorie indimenticabili e sempre uniche. Mostrare l'anima di un luogo e scoprirne i tesori enogastronomici è, per noi, qualcosa di magico, unico, vitale e irrinunciabile". Grande spazio, dunque, a degustazioni gratuite, proiezioni, incontri originali con artisti di fama nazionale e internazionale, concerti, mostre, visite guidate, storia e tradizione, in quella "festa festa" che Mangiacinema è sempre stata fin dalla prima edizione del 2014.
  
UNIONE E TERRITORIO
Nella conferenza stampa di presentazione dell'edizione del decennale (il cui programma verrà annunciato a metà maggio), le parole "unione" e "territorio" sono state al centro degli interventi del sindaco di San Secondo Giulia Zucchi e di Francesco Coppini, responsabile commerciale dell'azienda Coppini Arte Olearia.
"La forza con cui Mangiacinema unisce le arti e la valorizzazione di ciò che siamo, di ciò che facciamo e di ciò che ci lega alle nostre terre - ha sottolineato il sindaco Zucchi - ci rende orgogliosi di essere parte di questo progetto che offre a tutti qualcosa di bello, stimolante, nuovo ed estremamente creativo".
Le ha fatto eco Coppini: "La nostra famiglia è felicissima di essere sempre più convintamente al fianco di Mangiacinema. Sarà un'edizione dedicata ai sognatori. E Paolo (Coppini, amatissimo imprenditore prematuramente scomparso nel 2016, ndr) era un sognatore che si innamorò di Mangiacinema e avrebbe voluto portarlo al Museo Agorà Orsi Coppini. Lo scorso anno questo sogno si è avverato e vogliamo, in questa edizione, far conoscere e 'vivere' sempre di più il Museo Agorà da parte del meraviglioso territorio che è intorno a noi e nel quale viviamo".  
La figura indimenticabile di Paolo Coppini verrà ricordata sabato 10 giugno, con una bellissima festa che cadrà esattamente nella data di quello che sarebbe stato il suo 54° compleanno.  
 
LE MANGIASTORIE CURATE DA SANDRO PIOVANI 
Il giornalista della Gazzetta di Parma Sandro Piovani (curatore dell'inserto "Gusto" del quotidiano ducale) è stato protagonista di tutte le edizioni di Mangiacinema. Dallo scorso anno cura le Mangiastorie ed è reduce dal successo del suo libro "A tavola con Sandro Piovani". Per giugno promette golose sorprese: "Tanti artisti del gusto della Bassa, ma anche chef che verranno da fuori, con un'attenzione speciale verso un mondo, quello del cibo, che non smette mai di stupire e dal quale c'è sempre qualcosa di nuovo da imparare".
  
PARTNER 2023
Oltre al sostegno del Comune di San Secondo Parmense e di Coppini Arte Olearia, per il decimo anno della kermesse che porta nella provincia di Parma turisti, visitatori e nomi dello spettacolo e del mondo del gusto, il main partner storico rimane Gas Sales Energia (rappresentato in conferenza stampa da Eliana Ticchi), azienda che con la Gas Sales Piacenza Volley domenica scorsa ha conquistato la Coppa Italia.
Mangiacinema è patrocinato dalla Provincia di Parma, dall'Associazione Castelli del Ducato e dall'Associazione Corte dei Rossi (rappresentata da Rossella Volta) che da tantissimi anni promuove la Rocca con rievocazioni in costume diventate un modello imitato in diverse altre realtà italiane.  

In conferenza stampa: da sinistra, Sandro Piovani, Rossella Volta, il sindaco Giulia Zucchi, Gianluigi Negri, Francesco Coppini, Eliana Ticchi
Amarcord 2022: da sinistra, l'attore Davide Ferrari con Willem Dafoe, la regista Giada Colagrande (Premio Mangiacinema - Creatrice di Sogni), la saggista Elisabetta Motta, il maestro arpista Vincenzo Zitello - Foto di Fabrizio Bertolini
Amarcord 2022: il direttore artistico Gianluigi Negri con Willem Dafoe

I PREMI MANGIACINEMA DELLE PASSATE EDIZIONI

Il Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni nasce nel 2016, con la terza edizione del Festival.

È stato consegnato a Enrico Vanzina, Elio Pandolfi, Milena Vukotic, Maurizio Nichetti, Paola Pitagora, Pupi e Antonio Avati, Maria Grazia Cucinotta, Francesco Barilli, Carlo Delle Piane, allo scenografo Lorenzo Baraldi e alla costumista Gianna Gissi, Laura Morante, Renato Pozzetto, Sergio Martino, Lucrezia Lante della Rovere, Federico Zampaglione, alla famiglia Pedersoli (i tre figli di Bud Spencer: Cristiana, Diamante e Giuseppe), Ivano Marescotti, Giada Colagrande, Luc Merenda, Violante Placido, Oliver Onions, allo chef stellato Massimo Spigaroli.

Il Premio Mangiacinema alla carriera è stato assegnato a Wilma De Angelis.

Il Premio Mangiacinema Pop è stato consegnato a Tullio Solenghi, Enrico Beruschi, Patrizio Roversi, ai registi Marco Melluso e Diego Schiavo, Gabriel Garko, Gemelli Ruggeri (Luciano Manzalini e Eraldo Turra), Stefano Disegni, Syusy Blady, Vito, Lodo Guenzi, Alberto Patrucco, Flavio Oreglio, Mauro Coruzzi (Platinette), Daniele Persegani, Valerio Varesi, Sandro Piovani, Andrea Grignaffini.

Il Premio Mangiacinema – Creatore di Incubi è stato ritirato da Pupi Avati, Lamberto Bava, Claudio Simonetti.

Il Premio Mangiacinema Made in Salso è andato al maestro gelatiere Corrado Sanelli e al ristoratore Luca Cattani del Ristorante-Pizzeria L’Incontro.

Il Premio Mangiacinema - Cibo e Comunicazione è andato allo chef Marcello Zaccaria.
Pubblicato in Cultura Parma
Giovedì, 16 Febbraio 2023 11:04

Sforza, Battaglia e C.C.M. a Parma

Tre appuntamenti del fine settimana al Borgo Santa Brigida 5/A di Parma

Venerdì 17 alle 21, il cantautore, pianista e chitarrista Marco Sforza festeggia il compleanno e celebra i 15 anni passati dall’uscita del suo primo disco, il “Laiv” al Materia Off, accompagnato da Matteo Pacifico al clarinetto, Moreno Ferrari al contrabbasso, Fabio Volpini alle percussioni e un ospite d’eccezione che si fa chiamare il “maestro”, insieme per la prima (e forse unica) volta su di un palcoscenico per regalare una veste nuova e inedita alle sue nuove e vecchie canzoni.

Nato nel 1981 in quel di Reggio Emilia, Marzo Sforza è un istrione votato alla musica cantautorale, un cantastorie dallo spiccato senso dell’humor e dalla sincera musicalità. Dalla sua regione si porta appresso una convivialità semplice, da grande tavolata e tanti commensali. Cerca la complicità di chi lo ascolta, ma ama l’effetto teatrale, la battuta sagace, il gesto che susciti il riso e la simpatia. Della musica ti colpisce il suo essere nell’ambiente, parte di una conversazione garbata tra il solista ed il suo pubblico. Lo senti che la voce stabilisce un dialogo, si crea il suo spazio d’ascolto con la gentilezza del testo e le note della musica.

Le sue son canzoni che seminano ironia e disincanto nello stesso tempo coniugando folklore popolare e chanson alla francese con amena e gustosissima spensieratezza.

Ingresso 10 €.

Sabato 18 alle 21.00 toccherà a Camilla Battaglia, cantante e compositrice che affonda le sue radici musicali nella musica jazz con la quale è cresciuta musicalmente e che ha espanso negli anni verso diverse contaminazioni.

Nel 2010 esce il suo primo disco da vocalist accompagnata dal trio di Renato Sellani e per i successivi due anni si mette alla prova in contest come solista e come leader di band si dedica con soddisfazione all’attività concertistica.

Nel 2012 si laurea in filosofia presso l’università di Milano e si iscrive subito dopo al triennio di canto jazz presso la neonata Siena Jazz University dove si laurea nel 2016 con il massimo dei voti. Lo stesso anno comincia il percorso itinerante del programma di master europeo EuJam grazie al quale studierà al Rhythmic Music Conservatory di Copenhagen, il JIB di Berlin e il Conservatorium Van Amsterdam, laureandosi in “contemporary composition and music performance” nel 2018 a Copenhagen con il progetto per large ensemble ELEkTRA dedicato a figure archetipe femminili della storia e mitologia antica.

Ingresso 7 euro

Domenica 19 alle 19.30, infine, ci saranno i C.C.M., progetto che unisce la creatività dell’improvvisazione jazzistica al sound elettrico e psichedelico del rock alternativo, il tutto plasmato da dilatazioni e arie ormai dimenticate, alternate a ritmi serrati, improvvisazione e interplay tipici del nu-jazz.

Il trio formato da Leo Caligiuri (piano elettrico e moog), Stefano Carrara (basso elettrico, FX) e Michele Morari (batteria, FX) propone una rivisitazione di brani tratti dalle band che hanno significato molto nella vita musicale dei tre componenti del progetto, ovvero quelle canzoni che ancora oggi emozionano quando le si interpreta. Si passa quindi da King Crimson, The Beatles, Jimi Hendrix, Pink Floyd, fino ai Coldplay etc.

Un’ora e mezzo di musica che può davvero trasportare in tempi passati, facendo rivivere quelle emozioni in cui la musica era libera da schemi e pre-concetti, mantenendo comunque l’eleganza, l’equilibrio, e i risvolti tipici di un concerto jazz.

Ingresso 7 euro.

I concerti di Camilla Battaglia e dei C.C.M. sono realizzati con il contributo di Fondazione Cariparma.

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia

Tre gli appuntamenti del fine settimana al Borgo Santa Brigida 5/A di Parma.

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia