Visualizza articoli per tag: territorio Casina RE

Costi, sindaco di Casina: "Abbiamo cercato di raggiungere tutte le persone". I numeri. Presentata in questi giorni "Persone in Comune", una prima analisi ricca di dati e analisi sull'operato del Comune di Casina su progetti e strategie dell'amministrazione guidata da Stefano Costi.

Pubblicato in Politica Reggio Emilia

Si chiama "Casina per l'ambiente" l'iniziativa di educazione ambientale promossa dal Comune di Casina e dall'Istituto comprensivo Giorgio Gregori.

Per le scuole una centrale a cippato, la prima a Reggio

Tutti al fresco al mercato del sabato di Casina. "Stupiti per le presenze, ci sentiamo di fare un appello per continuare a rispettare le misure di distanziamento sociale e protezione individuale". Parole di Maurizio Cineroli, vicesindaco di Casina, che commenta così l'insolito aumento afflusso di persone allo storico appuntamento settimanale tra i 30 banchetti del capoluogo.

Un mezzo speciale. Di quelli che fa innamorare i bambini solo a vederlo. E' uno scavatore speciale da demolizioni dal considerevole peso di 350 quintali (una trentina di auto messe assieme!), con un braccio telescopico capace di giungere a 18 metri d'altezza per macinare i tetti. Al suo fianco un cannone nebulizzatore per abbattere le polveri, sempre della ditta specializzata in demolizioni Fontanili di Reggio.

Pubblicato in Cronaca Reggio Emilia
Da venerdì 2 a lunedì 5 agosto un intero comprensorio di caseifici sarà presente per fare assaggiare, vendere e raccontare il Parmigiano Reggiano di Montagna.
 

Il suo sapore deciso e il colore giallo paglierino intenso rendono iParmigiano Reggiano di Montagna un prodotto dalle caratteristiche inconfondibili e sempre più richiesto sulle tavole dei consumatori. Basti pensare che nel 2018 il 21,6% della produzione totale della DOP, ben 800.318 forme, è avvenuta nei 93 caseifici di Montagna sparsi nelle province di Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna dove sono impiegati oltre 1.100 allevatori. È proprio per valorizzare e promuovere questa eccellenza italiana che da venerdì 2 a lunedì 5 agosto si terrà la 53° Fiera del Parmigiano Reggiano di Casina (RE): quattro giorni di eventi, spettacoli e iniziative pensate per tutti, adulti e bambini, che porteranno nel Comune dell’appennino reggiano arte e divertimento, ma soprattutto l’eccellenza produttiva locale.

In particolare, saranno ben 33 i caseifici di Montagna che parteciperanno alla Fiera per presentare i propri “gioielli” 24 e 30 mesi, offrendo a tutti i visitatori degustazioni con la possibilità di acquisto. L’appuntamento più atteso della Fiera sarà la gara tra i diversi Caseifici aderenti alla manifestazione (“il Palio del Parmigiano Reggiano”) che si terrà lunedì 5 agosto alle ore 21.00 in piazza IV Novembre: ciascun caseificio aprirà una forma che sarà giudicata da sei assaggiatori diplomati Assaggiatori Parmigiano Reggiano. Ci sarà inoltre la tradizionale gara di taglio della forma: sotto gli occhi del giudice e del pubblico, i mastri casari si sfideranno nel tagliare a mano una forma, sino a spaccare, al grammo, la singola punta. 

25 caseifici celebrano il Parmigiano Reggiano di Montagna alla Fiera di Casina (RE) L'edizione numero 52° non sarà una semplice fiera. Da venerdì 3 a lunedì 6 agosto un intero comprensorio di caseifici sarà presente per fare assaggiare, vendere e raccontare il Parmigiano Reggiano di Montagna.

Reggio Emilia, 23 luglio 2018 – Il suo sapore deciso e il colore giallo paglierino intenso rendono il Parmigiano Reggiano di Montagna un prodotto dalle caratteristiche inconfondibili e sempre più richiesto sulle tavole dei consumatori. Basti pensare che nel 2017 il 20% della produzione totale della DOP, ben 724.000 forme, è avvenuta nei 93 caseifici di Montagna sparsi nelle province di Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna dove sono impiegati 1.100 allevatori.

È proprio per valorizzare e promuovere questa eccellenza italiana che da venerdì 3 a lunedì 6 agosto si terrà la 52° Fiera del Parmigiano Reggiano di Casina: quattro giorni di eventi, spettacoli e iniziative pensate per tutti, adulti e bambini, che porteranno nel Comune dell'appennino reggiano arte e divertimento ma soprattutto l'eccellenza produttiva locale. In particolare, saranno ben 25 i caseifici di Montagna che parteciperanno alla Fiera per presentare i propri "gioielli" 24 e 30 mesi, offrendo a tutti i visitatori degustazioni con la possibilità di acquisto.

"La Fiera del Parmigiano Reggiano di Casina, che si fa da 51 anni, dimostra quanto valore economico ha un prodotto tradizionale per un territorio". Così, Nicola Bertinelli, presidente del Consorzio Parmigiano Reggiano a presentazione della 52° Fiera dedicata al prodotto di montagna.
"L'obbiettivo di questa rassegna – ha dichiarato il sindaco di Casina Stefano Costi - è quello di valorizzare la qualità del formaggio di montagna; un prodotto d'eccellenza che continua a farsi conoscere e apprezzare nel mondo partecipando ad eventi come il World Cheese Awards o la Nazionale del Parmigiano, dove contestualmente viene presentata la nostra fiera. Quest'anno saremo a Bergen. Intanto in un solo anno i caseifici partecipanti sono aumentati del 20%, segno del lavoro di promozione che stiamo facendo e del legame col territorio, se si considera che questi caseifici per il 60% devono ottenere la materia secca per le loro bovine da zone di montagna".
"La Fiera del Parmigiano Reggiano – aggiunge Maurizio Cineroli, vicesindaco di Casina – richiama persone da fuori regione e, anche, straniere qui in vacanza. Per questo abbiamo legato il tema del Parmigiano Reggiano a eventi di spettacolo, cultura, buon cibo e divertimento per grandi e piccini".

Il Parmigiano Reggiano è il più importante prodotto Dop ottenuto in montagna, con oltre 1.100 allevatori che ogni anno producono 3,8 milioni di quintali di latte. Un'attività preziosissima dal punto di vista sociale per mantenere attiva la dorsale appenninica tra Bologna e Parma grazie al lavoro nelle foraggere e in caseificio.

Proprio per dare maggiore sostenibilità allo sviluppo della montagna e offrire ai consumatori garanzie aggiuntive legate, oltre all'origine, anche alla qualità del formaggio, il Consorzio del Parmigiano Reggiano ha definito il "Prodotto di Montagna – Progetto Qualità Consorzio" (per info: https://bit.ly/2L9d0Ur).

Il Parmigiano Reggiano certificato "Prodotto di Montagna – progetto Qualità Consorzio" si caratterizza per un colore paglierino intenso dovuto ai fieni, ai prati e alle essenze presenti in montagna, da odori e aromi di frutta fresca, spezie e brodo di carne, da un equilibrio perfetto tra i cinque sapori (acido, salato, dolce, amaro e umami) e da una buona granulosità e solubilità.

L'identità del Parmigiano Reggiano di Montagna e del suo paesaggio sarà documentata da una straordinaria esposizione fotografica, "Forma. Luoghi, cose, persone del Parmigiano Reggiano" con immagini di Kai-Uwe Schulte-Bunert e Fabrizio Cicconi, realizzata da Unione dei Comuni dell'Appennino Reggiano, Comune di Casina, Comune di Carpineti, Comune di Neviano degli Arduini, Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano. La mostra sarà inaugurata al castello di Sarzano venerdì 27 luglio 2018 alle ore 19, al termine di un convegno dedicato al paesaggio del parmigiano reggiano, indetto dai medesimi enti e forte della collaborazione della Biblioteca-Archivio Emilio Sereni, inizio di un percorso esplorativo per la costituzione di una scuola del paesaggio dell'Appennino.

Programma della 52° Fiera del Parmigiano Reggiano di Casina:

L'inaugurazione ufficiale della fiera è prevista sabato 4 agosto alle ore 10:30 in piazza IV Novembre, ma già da venerdì 3 agosto ci saranno gli stand gastronomici dalle ore 19:00, il mercatino del riuso in via Caduti della Libertà e alla sera musica d'ascolto con Maurizio Leonardi, la festa dell'anguria e per concludere uno spettacolo musicale con Otto e Hazel.

Sabato 4 agosto gli stand gastronomici apriranno dalle ore 8:00 in via Roma. E mentre a Sarzano, dalle ore 21:00, andrà in scena la "Notte Bianca del Cibo Italiano" al Castello di Sarzano, con cena e spettacolo su Pellegrino Artusi, in paese ci sarà la serata dedicata agli anni 70-80 con Tavolazzi Dj, alla ex villa di Marzio, e al ballo liscio alla vecchia casa Cantoniera.

Domenica 5 agosto, dopo l'apertura degli stand agroalimentari e di quello dedicato al parmigiano reggiano dalle ore 8:00, è previsto un mercatino ambulante in via Caduti della Libertà e, alle ore 18:00, la storica cottura della forma di formaggio in piazza IV Novembre. Alla sera tanto divertimento: ci saranno lo spettacolo musicale con "Di due" alla ex villa di Marzio e il concerto di musica celtica "The Claddagh" in piazza IV Novembre.

L'ultimo giorno, lunedì 6 agosto, la giornata sarà interamente dedicata al Parmigiano Reggiano. Dopo l'apertura degli stand dalle ore 19:00, alle ore 21:00 ci sarà il 7° Palio del Parmigiano Reggiano in piazza del Municipio e a seguire la 3° edizione della "Gara di Taglio" con divertimenti, quiz (tra qui il 'Quando sono nata' e 'Quanto peso') per il pubblico e ricchi premi. Infine alle ore 22 una sfilata di moda in zona Peep e per concludere alle ore 23:00 con il gettonatissimo spettacolo pirotecnico.

La Fiera del Parmigiano Reggiano, organizzata dal Comune di Casina, Consorzio del Parmigiano Reggiano, Credito Cooperativo Reggiano e con il supporto istituzionale dell'Unione montana dei Comuni dell'Appennino Reggiano vedrà la partecipazione delle principali latterie di Montagna di Reggio Emilia, Parma, Modena e Bologna.

Info e programma della Fiera del Parmigiano Reggiano di Casina sulla pagina Facebook dedicata e sul sito www.parmigianoreggiano.it .

 

PR_Prodotto_di_Montagna_1.jpg

 

Incontri, totalmente gratuiti, rivolti alla cittadinanza e a tutti coloro che volessero informarsi e confrontarsi su tematiche attuali in ambito sanitario, e si svolgeranno dal 3 ottobre 2016 fino al 22 maggio 2017.

Reggio Emilia, 30 settembre 2016

La nuova giunta comunale di Casina del sindaco Costi, insidiatasi a giugno di quest'anno, ha fortemente voluto organizzare una serie di incontri e serate, con l'intento di offrire un servizio alla cittadinanza, in ambito sanitario, in cui il Comune si fa promotore di un dialogo, di una corretta informazione, cercando di colmare quelle distanze che talvolta si creano fra sanità e paziente.
Obiettivo principale è cercare di offrire un servizio, tramite serate informative, volto a cercare di migliorare la qualità della vita e ad avvicinare le persone alla malattia il più informate correttamente possibile, non facendole sentire sole e spaesate, ma parte integrante di un contesto socio-sanitario del territorio.
"Casina in Salute" è un ciclo di serate condotte da stimati medici e Direttori del territorio reggiano e montanaro (operanti presso gli ospedali Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia e dell'ospedale S.Anna di Castelnuovo Monti), nonché da professionisti sanitari e tecnici laureati in Scienze motorie. Inoltre come ospiti, in alcune serate, ci saranno il Direttore del distretto USL di Castelnovo Monti, dott.ssa Sonia Gualtieri, la presidentessa dell'associazione CASINA DEI BIMBI ONLUS, sig.ra Claudia Nasi, e porteranno la loro testimonianza donatori e riceventi di organi, di trapianto di midollo osseo...
In queste serate si cercheranno di affrontare le principali patologie tumorali e non, con relativi percorsi diagnostici e terapeutici da affrontare; ove possibile si cercherà anche di parlare di prevenzione e corretto stile di vita, così come verranno fornite conoscenze, tecniche e nozioni per una migliore crescita dei nostri bambini.
E' importante partecipare per rimanere aggiornati sui problemi principali che ogni malattia comporta (cosa si deve affrontare, come posso affrontarlo e con chi posso affrontarlo) ma soprattutto per rispondere e sfatare alcuni miti e tabù che al giorno d'oggi esistono ancora, troppo spesso per una mala informazione.
Questi incontri, totalmente gratuiti, sono rivolti alla cittadinanza e a tutti coloro che volessero informarsi e confrontarsi su tematiche attuali in ambito sanitario, e si svolgeranno dal 3 ottobre 2016 fino al 22 maggio 2017, con cadenza tendenzialmente bimestrale, al lunedì o al giovedì, dalle 20.30 alle 22.30, presso la Sala dei Principi della Croce Rossa di Casina.

In allegato qui sotto tutto il programma scaricabile

Concluso a Castelnovo Monti il corso di specializzazione per ricerca dispersi, dopo quelli su rischio idraulico (Gualtieri) e motoseghe (Guastalla e Castelnovo): coinvolte oltre 200 persone. Quello conclusosi sabato a Castelnovo Monti rientra tra i diversi corsi di specializzazione che Provincia e Coordinamento del volontariato.

Reggio Emilia, 2 febbraio 2016

Una cinquantina di volontari del Coordinamento provinciale delle organizzazioni di Protezione civile sono state impegnate sabato, all'ombra della Pietra di Bismantova, nella prova conclusiva del corso di specializzazione per unità cinofile e operatori di supporto alla ricerca di persone disperse. Promosso dalla Scuola permanente di formazione di Protezione civile, costituita dalla Provincia di Reggio Emilia e dallo stesso Coordinamento del volontariato, il corso si è svolto durante il mese di gennaio a Casina ed è stato curato da Corrado Bernardi con il coordinamento di Ugo Artioli e Marcello Margini. Durante l'esercitazione conclusiva, che ha visto la collaborazione di Vigili del fuoco e Soccorso Alpino Emilia-Romagna, i volontari hanno effettuato prove specifiche sull'utilizzo del Gps, sulla cartografia e sulla ricerca applicata al ritrovamento di una persona dispersa, nonché manovre di ricerca a pettine e con le unità cinofile. Alla fine, la prova è stata brillantemente superata da tutti i volontari, appartenenti alle associazioni Alpini, Unità Cinofile I Lupi dell'Appennino Reggiano - Casina, Legambiente Reggio Emilia, Bentivoglio-Gualtieri, Croce verde Castelnovo Monti, I Custodi della Montagna di Ligonchio, Team Reggio Fuoristrada, Protezione Civile Albinea, Val D'Enza Radiocomunicazioni, Il Campanone Scandiano e Noc Traversetolo.

Quello conclusosi sabato a Castelnovo Monti rientra tra i diversi corsi di specializzazione che Provincia e Coordinamento del volontariato, attraverso la Scuola permanente di formazione di Protezione civile costituita nel 2008, tengono periodicamente per poter disporre di volontari in grado di affrontare con competenze e capacità ogni diverso tipo di emergenza. "A dicembre si è concluso a Gualtieri, con la prova pratica coordinata da Aipo, il corso specialistico di secondo livello sul rischio idraulico tenuto da Denis Sepali che ha coinvolto volontari delle associazioni Bentivoglio, Città del Tricolore, Croce rossa di Quattro Castella, Gruppo Brescellese, I Ragazzi del Po, Icaro, Il Campanone, Legambiente, Nubilaria, Radioclub Antenna Amica, San Venerio, Sesto Continente, Team Reggio Fuoristrada, Vigilanza Antincendio Boschivo e Val d'Enza Radiocomunicazioni – spiega il presidente provinciale (e regionale) del Coordinamento del volontariato Prociv, Volmer Bonini – A breve seguiranno altri due corsi, a Guastalla e Brescello: l'obiettivo è di arrivare formare circa 120 persone, perché l'esperienza ci insegna che in caso di piene critiche come quella del Po del novembre 2014, occorrono centinaia di turni di volontari specializzati".

A novembre si erano invece tenuti, a Guastalla e Castelnovo Monti (tutor rispettivamente Denis Sepali e Ercole Domenichini), altri due corsi di addestramento per l'utilizzo di motoseghe, rivolto ai volontari impegnati sui rischi idraulico, idrogeologico e da meteo avverso per la pulizia in emergenza di sponde e alvei dei corsi d'acqua, per liberare strade da tronchi spezzati o mettere in sicurezza le alberature inclinate da frane. Ben 130 i volontari che sono stati impegnati, in questo caso appartenenti alle associazioni Alpini, Vigilanza Antincendio Boschivo, Val D'Enza Radiocomunicazioni, Città del Tricolore, Bentivoglio, Gruppo Brescellese, I Ragazzi del Po, Icaro, Legambiente Reggio Emilia, San Venerio, Pubblica assistenza Castelnovo Sotto, Nubilaria, Sesto Continente, Radioclub Antenna Amica, I Lupi dell'Appennino Reggiano, Il Campanone di Scandiano e I Custodi della Montagna. Le prove pratiche, supervisionate dal Corpo forestale dello Stato, si sono svolte con la collaborazione di Emak Spa, che ha messo gentilmente a disposizione personale, motoseghe e dispositivi di protezione individuale.

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Reggio Emilia)

Mercoledì, 27 Gennaio 2016 09:43

Mucca in fuga a Casina

Polizia provinciale, vigili del fuoco e Servizio Veterinario dell'Ausl sono stati impegnati nelle non semplici operazioni di recupero: narcotizzata e recuperata una pezzata di 5 quintali scappata da un'azienda agricola e finita in un canalone nei pressi di Semiago di Casina. -

Reggio Emilia, 27 gennaio 2016

- in fondo al testo il video della cattura -

Scappata lunedì sera da una azienda agricola, ha dato il via ad una battuta di caccia alla mucca sul nostro Appennino.
Polizia provinciale, vigili del fuoco e Servizio Veterinario dell'Ausl sono infatti stati impegnati nelle non semplici operazioni di recupero di un bell'esemplare di pezzata da latte di 4 anni (e 5 quintali di peso...), finita in un canalone nei pressi di Semiago di Casina.
I proprietari, dopo averla inseguita a lungo, non sono infatti riusciti a riprendere la mucca, che era molto agitata e aveva raggiunto una zona piuttosto impervia.
Il Servizio Veterinario ha quindi ritenuto necessario richiedere l'intervento della Polizia provinciale per effettuare la telenarcosi dell'animale e così, di buon'ora, agenti di Reggio e del nucleo della Montagna si sono recati a Semiago dove – coordinati dall'ispettore capo Gianluca Dalla Porta – hanno sedato la mucca sparandole la dose farmacologica predisposta dal veterinario dell'Ausl Dallari. Verso le 11 di ieri, grazie anche all'ausilio dei vigili del fuoco, la mucca ha fatto ritorno nella stalla: si trova in ottime condizioni e riprenderà a fare latte.

 

Pubblicato in Cronaca Reggio Emilia
Pagina 1 di 3