Visualizza articoli per tag: territorio sissa trecasali

Mercoledì, 29 Luglio 2015 09:33

Ritorna la sagra di Trecasali

Dal 30 luglio al 4 agosto tutte le sere spettacoli e buona cucina. Come aperitivo stasera il convegno sull'acqua apre la sei giorni agricola della bassa parmense.

di Virgilio Sissa Trecasali (PR) 29 luglio 2015 - Un format che funziona non si abbandona. La Fiera Agricola di Trecasali continua mantenere la posizione di più fresca manifestazione agreste, e non solo, del parmense. Un mix di eventi e intrattenimenti ben miscelati per attrarre giovani, meno giovani, agricoltori e appassionati della campagna e delle tradizioni culinarie.
Stasera si alza il sipario con l'antipasto culturale, il tradizionale convegno agricolo, quest'anno dedicato alla migliore gestione dell'acqua. E da domani sera agli ospiti si affiancherà il mercato serale, la cucina di tradizione e le aree danzanti dedicate ai giovani e ai meno giovani e nostalgici.

Tract fiat 474x260

Gli ospiti principali delle 6 serate:
30 luglio: paolo.cevoli #soldatosemplice

Paolo Cevoli – L'imprenditore con "l'obbi del cabarè" Raccontare cose serie e positive facendo ridere. È questo l'obiettivo di Paolo Cevoli, l'attore romagnolo noto al grande pubblico per le sue apparizioni televisive a Zelig (tra i suoi personaggi più celebri ci sono l'assessore Pamiro Cangini e Yuri, il supertifoso di Valentino Rossi e Teddy Casadei), che dopo alcune esperienze come attore sul grande schermo debutta alla regia con Soldato semplice (Sursum Corda), in uscita all'inizio del 2015.

31 Luglio: ChiaraGaliazzoOfficial #chiara_galiazzo
Chiara Galiazzo – In arte "Chiara"
Classe 1986, da sempre appassionata di musica, Chiara è un vero e proprio talento naturale, vincitrice indiscussa di X Factor 2012 con l'inedito "Due respiri" scritto per lei da Eros Ramazzotti e Luca Chiaravalli. Chiara ha conquistato da subito critica e pubblico con la sua voce raffinata, interpretazioni intense e piene di personalità, e subito dopo la vittoria nel famoso talent show, sarà concorrente del Festival di Sanremo 2013 classificandosi 8ª con il singolo "Il futuro che sarà", e nel 2015 classificandosi 5ª con il brano "Straordinario". Nel corso della sua carriera ha inoltre vinto un Wind Music Award nel 2013 come Premio Digital Songs Multiplatino per il singolo "Due respiri", ed un Rockol Awards 2013 come Promessa/Rivelazione italiana. Nella serata di venerdì 31 Luglio, Chiara si esibirà con la sua inconfondibile voce sul palco della Sagra di Trecasali!

1 agosto: groups/34567469356/

Cialtronight – Tribute Night
...Dopo le Band Tematiche, le Band Tributo, le Band, nasce la prima Tribute Night! Nata nel gennaio 2006 da una idea di MaxB (leader dei Joe Dibrutto dal 1991 al 2006) e di Marcello Masini (chitarrista dei Ze' Tafans, Band Bolognese apparsa anche su Rai Uno) la CIALTRONIGHT raggiunge quest'anno il suo sesto anno di vita. Uno, massimo due appuntamenti al mese fanno della CIALTRONIGHT un vero e proprio evento esclusivo (anche perchè MaxB abita a Bruxelles...) dove il pubblico viene coinvolto in un mondo di canzoni anni '70 nella loro accezione più estrema. Lo spettacolo, infatti, propone i migliori successi Discomusic dell'epoca (la cui icona è sicuramente l'immortale DISCO INFERNO) ma anche una selezione di brani italiani della stessa epoca che volutamente sono quanto di più Trash si possa trovare. La CIALTRONIGHT non è un tradizionale concerto, ma un vero e proprio show in cui ciascuno è protagonista e coinvolto ipnoticamente nella festa. Seguici sul nostro sito!

primi tre

2 Agosto: enrico.gualdi1 #LaStranaCoppia
In Cucina con MasterSciem –
Con Enrico Gualdi e Sandro Damura, La Strana Coppia di RadioBruno
La STRANA COPPIA di Radio Bruno conduce il cooking show MASTERSCIEM: uno spettacolo scanzonato e scherzoso ma anche competente e creativo!

3 agosto: jumbo.story
Jumbo Story – Gruppo Musicale
Arrivano i Jumbo Story in Concerto nella serata di Lunedì 3 Agosto, per dare all'atmosfera della sagra un tocco di musica Disco ed Afro/Funky anni '70/'80!

4 agosto: groups/114236895720
O.I. & B. – Band celebrativa di Zucchero
O.I.&B. da 12 anni è per eccellenza l' omaggio al grande Zucchero più fedele ed esclusivo d'Europa, con più di 200 concerti ogni anno e una stima di circa 400.000 spettatori tra Italia e parte d'Europa. Per carisma e professionalità dimostrati in questi anni sul palco sono stati definiti "la Band celebrativa del grande Zucchero" facendoli uscire da una generica classificazione di "Tributo a..." e assegnandogli una posizione di rilievo nel panorama musicale Europeo. La Band ha avuto importanti riconoscimenti ed il primo fra tutti è stato dato direttamente da Zucchero, offrendo la possibilità di suonare con lui al concerto tenutosi a Bologna in occasione del raduno internazionale dei fan club. In quell'occasione, oltre a Zucchero, sul palco con gli OI&B, altri grandi della musica italiana, come: Dodi Battaglia, Maurizio Vandelli e Fio Zanotti.

secondi tre

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Il Consigliere delegato annuncia l'arrivo dei soldi attraverso la bolletta per 13.490 clienti. Sorbolo, Fidenza e Salso i territori più rimborsati. Entro il 2015 possibili nuovi risarcimenti se l'Autorithy Energia accoglierà l'esposto della Provincia. -

Parma, 22 maggio 2015 –

"Il primo risultato è arrivato: per il black out dello scorso febbraio gli enti gestori della rete elettrica risarciranno 13.490 tra cittadini e imprese presenti in tutta la provincia di Parma con 2.354.683 euro. Una cifra doverosa e importante che arriverà direttamente nelle tasche dei clienti attraverso la bolletta. Chi non li ha ancora avuti, li vedrà accreditati sulla prossima bolletta".

Sono le parole di Andrea Massari, Sindaco del Comune di Fidenza e consigliere delegato della Provincia di Parma, incaricato di seguire in prima persona lo sviluppo della vertenza con Enel e gli altri operatori.

"Risolto questo aspetto – continua Massari, reduce dal summit di martedì scorso in Regione insieme al collega Sindaco di Noceto, Fabio Fecci, vicepresidente Anci E-R –, adesso andranno valutati dall'Autorità per l'Energia gli esposti firmati, in primis, dalle Province di Parma e di Reggio Emilia. L'indagine si concluderà a dicembre del 2015, aspettiamo di capire se saranno possibili nuovi ed ulteriori iniziative a favore di cittadini ed imprese. Un tema che continua ad essere al centro degli incontri che stiamo svolgendo nel tavolo istituzionale con gli enti gestori. Tavolo coordinato dall'assessore regionale Paola Gazzolo, che sta assolvendo ad un compito molto importante".
"Ringrazio Andrea Massari per l'impegno con cui ha seguito tutta la vicenda, costruendo un collegamento importante anche con altre Province che non ha avuto molti precedenti – commenta Filippo Fritelli, Presidente della Provincia di Parma e Sindaco di Salsomaggiore –. La strada intrapresa è quella giusta e vorrei invitare ad una riflessione: i rimborsi sono doverosi, al pari di tutte le misure che i fornitori dell'energia elettrica devono adottare per evitare che una nevicata di modeste dimensioni possa ancora fare così tanti danni".

La geografia dei rimborsi

Enel rimborserà 12.603 clienti, 10.110 dei quali sono utenze domestiche e 2.943 sono utenze non domestiche (attività economiche). Ai primi andranno 1.030.215 euro, ai secondi 1.240.473 euro.
I clienti che percepiranno un rimborso sono presenti in 37 comuni (su 46 che compongono la provincia).
I rimborsi più consistenti, superiori ai 100.000 euro, arrivano sul territorio di Sorbolo (362.735 euro), Fidenza (201.729 euro), Salsomaggiore (149.880 euro), Medesano (163.390 euro), Colorno (153.564), Montechiarugolo (140.442 euro), Sissa-Trecasali (127.355), Traversetolo (122.068 euro), Borgotaro (101.733).
Per il comune di Parma, Iren rimborserà 887 clienti (707 utenze domestiche e 180 utenze non domestiche), per un totale di 83.995 euro.

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Parma)


Illustri ospiti sono intervenuti a celebrare il ventesimo del premi letterario "Padus Amoenus" ieri sera a Sissa. Silvia Ragazzini Martelli e Luciano Martelli, fondatori della manifestazione, hanno fatto gli onori di casa agli scrittori Rodolfo Baldassarri e Rosario Castronuovo e al docente dell'Università di Parma Giovanni Gonzi prossimo direttore della rivista culturale Aurea Parma.

di Lgc - Sissa, 30 aprile 2015 -
Come tutte le feste che si rispettino, anche al ventesimo anniversario del "Padus Amoenus" non poteva mancare la musica. Non ancora affermati a livello continentale ma i giovani della Banda Musicale del comprensorio scolastico di Sissa Trecasali hanno incantato il folto pubblico intervenuto alla manifestazione. Un ouverture con "Bella Ciao" seguita da una ballata irlandese, quindi un classico come Fra Martino e chiusura con un pezzo pop nostrano, Montagne Verdi portata al successo da Marcella Bella agli inizi degli anni '70.

Ancora una volta le piccole comunità riescono a stupire per il loro dinamismo e soprattutto per la grande forza del collettivo. Infatti, come ha dichiarato il Direttore Didattico, Alberto Berna, questa esperienza non avrebbe avuto seguito senza il contributo di Eugenio Martani, il quale ha messo a disposizione i suoi strumenti musicali, dell'Assessore alle politiche giovanili Tiziana Tridente (già presidente del Circolo Rita Levi Montalcini), e del Maestro Stefano Mora che oltre a "suonare ogni cosa è stato in grado di trasmettere entusiasmo a questi ragazzi".

E dopo l'applauso il meritato premio ricevuto dalle stesse mani di Silvia Ragazzini Martelli che successivamente ha lasciato il palcoscenico agli altri tre intellettuali non senza prima aprire una delicata e commovente parentesi in onore di Maria Grazia Cavanna, alla quale la sala municipale è intitolata, troppo presto sottratta ai propri cari e alla comunità.

"Attraverso la scrittura riesco a dare un senso alla realtà" è l'introduzione con la quale si presenta Rodolfo Baldassarri, nativo di Andria ma adottato dall'Austria, infine approdato a Sissa per ricevere il premio "Padus Amoenus" con la sua trilogia di romanzi uniti dal "Filo Rosso". "Quel filo rosso, spiega l'artista, che nella tradizione popolare cinese, ogni persona porta, sin dalla nascita, legato al mignolo della mano sinistra che lo lega in modo indissolubile alla propria anima gemella." Il lunghissimo e invisibile filo che congiunge due anime che quando si incontreranno non si lasceranno mai e che è la rappresentazione romantica dell'amore. E' dall'amore, conclude Baldassarri, che scaturiscono gli ideali, si costruisce il futuro e si apprezza l'arte. Ed è per questa ragione che senza arte anche il mondo è destinato a finire.

Di natura più autobiografica è l'opera letteraria presentata da Rosario Castronuovo, trapiantato nel cuore dell'emilia, a Fiorano, ma con le radici ben salde alla sua Lucania. Ed il titolo del libro "Il Paese di Paglia", ambiento negli anni'60 proprio nella sua terra d'origine, racconta del dramma dell'emigrazione e come questa depauperi il paese d'origine. Ma è uno spaccato vero e credibile sui ruoli che gli anziani, in quanto detentori di saggezza, non tantissimi anni fa, assumevano nelle piccole comunità rurali. Una sorta di "psicologi" del paese sempre pronti a trovare una soluzione per tutti.
"Il romanzo, spiega Castronuovo, è nato dalla volontà di raccontare la Basilicata, così poco nota a tutti, la sua storia e le sue tradizioni." Un lavoro che prima di essere passato alla stampa è stato sottoposto a ripetuti controlli da parte dell'artista, sempre teso verso la ricerca della perfezione.

Conclude la serata il professor Giovanni Gonzi, docente della facoltà di lettere dell'Università di Parma e prossimamente nuovo direttore della rivista culturale Aurea Parma, il quale ha intrattenuto il pubblico raccontando del patrimonio culturale parmense attraverso la storia delle riviste culturali che, dal secolo scorso a oggi, proseguono nelle pubblicazioni. Dall'Archivio Storico, fondato nel 1860, pochi anni prima dell'unità d'Italia, per passare a Aurea Parma e per concludersi con gli Appunti Parmigiani, del Circolo Culturale Ignazio Silone, fondato da Anna Cerruti Burgio recentemente scomparsa.
Una trentina di riviste patinate che contribuiscono a tenere alto il profilo culturale della piccola Parigi.


(In allegato Video e galleria immagini)

Pubblicato in Cultura Parma


Poetessa ma anche un'ottima pittrice. Un giudizio espresso niente meno che dal candidato al premio Nobel per la letteratura Aldo Capasso. Guardare per credere, Silvia Ragazzini Martelli espone nella sua Sissa sino a fine marzo.

di Lamberto Colla - Sissa Trecasali, 08 marzo 2015 -

Un'artista intimista, come spesso lo sono i poeti, ma allegra, esuberante e delicata come le sue opere pittoriche testimoniano.

Silvia Ragazzini Martelli è un'artista a tutto tondo per talento innato e per eredità genetica, discendente da una stirpe di artisti che ha origine nel XVI secolo con i pittori erranti, i fratelli Giovan Battista e Francesco Ragazzini.

Sembra proprio che a Sissa, oggi Sissa Trecasali, la nebbia produca effetti magici sull'arte pittorica che, prima di Silvia Ragazzini, aveva dato i natali a un grande della pittura, anch'egli poeta come la Silvia, quel Francesco Scaramuzza recentemente elevato tra i grandi della pittura nazionale.

La vivacità dei colori, declinati in una cinquantina di varianti, resteranno a disposizione del pubblico sino a fine del mese.
Acquerello e olio le tecniche predilette dall'artista la cui versatilità si è spinta, con ottimi risultati, alla pittura materica (pittura su tela arricchita dalla presenza di materiali tra i più svariati) sino alla pitto-scultura. "Mi piace, dichiara Silvia, dipingere direttamente senza il disegno" come se, aggiungiamo noi, il pennello diventasse il ponte tra l'anima e la tela materializzando così le emozioni più intime.

Vale quindi la pena raggiungere piazzale Picelli a Sissa Trecasali per ammirare le opere e ancor più apprezzarle nel contatto diretto con l'artista.

L'ingresso è libero e con molta probabilità di una piccola o grande opera vi innamorerete.

Gli orari di apertura: Lunedi 9,30-12,30 - Mercoledi 16,00-19-00 - Venerdi 10,30 - 12,30 - Sabato 16,00 19,00 e Domenica 10,30 - 12,30 e dalle 16,00 alle 19,00.

Pubblicato in Cultura Emilia

300 stand per tutti i gusti. A Sissa si rinnova il successo della festa dedicata al "maiale". "I Sapori del Maiale" oggi prosegue con un ricchissimo programma.

Sissa, 09 Novembre 2014 --
Un tripudio di golosità e di allegria.

La prima tappa del November Porc è iniziata con il tutto esaurito. A Sissa 300 stand hanno invaso le vie del paesino della Bassa offrendo specialità di ogni tipo e per ogni gusto.

Torrone speciale
La musica dal vivo, piuttosto che diffusa da Radio Bruno fa da cornice a quello che, ogni anno e sono ormai 20 le candeline spente, sorprende. L'armonia di una festa che attrae perché diverte ed è sempre nuova e fresca.
Giovani, tantissimi giovani hanno, anche in questa edizione, portato sorrisi e gradevolezza scegliendo Sissa come meta del loro Sabato sera "alternativo".
Ed oggi si replica, finalmente con la Nebbia.

(allegato il programma in formato pdf scaricabile)

Sissa sapori programma 2014

Peppa Pig sul carro pro locoP1050502

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Un suggestivo viaggio nella storia, quello fra le rocche e i castelli della Bassa parmense.

di Sara Bondani - Parma 05 novembre 2014 --

Iniziamo dai luoghi del "Culatello di Zibello DOP" e, come prima puntata, i paesi che ospitano il circuito del "November Porc". Non si può comunque, non partire con un cenno sulla seconda, per importanza dopo il palazzo Ducale di Parma e prima del Casino dei Boschi di Sala Baganza, residenza ducale, la Reggia di Colorno.

Sontuosa e monumentale residenza dei Farnese, dei Borbone e di Maria Luigia d'Austria, fonde la bellezza dei cortili interni con la ricchezza delle sale affrescate e stupisce il visitatore con i giochi d'acqua dello splendido giardino alla francese; il Castello di Roccabianca, fatto edificare a metà del XV secolo da Pier Maria Rossi per l'amata Bianca Pellegrini - da cui trae il nome - imponente e al tempo stesso elegante, custodisce al suo interno numerosi dipinti di pregio; la Rocca dei Rossi di San Secondo, fatta erigere da Pier Maria Rossi nel 1450-1460 con la struttura del fortilizio, è in pratica il punto d'incontro di tutte le strade di accesso al paese. Accresciuta e restaurata nel corso del Cinquecento, la massiccia residenza nobiliare celebra nei grandiosi affreschi dell'interno le gesta e la potenza del casato dei Rossi; la Rocca di Sissa, imponente rocca difensiva fu fatta erigere dalla potente famiglia Terzi, che un tempo dominava sul piccolo paese, sul luogo di una preesistente torre quadrangolare, eretta ai tempi del Capitolo. La Rocca conobbe un periodo di grande potenza sotto il dominio di Ottobono Terzi, gran capitano di Gian Galeazzo Visconti che comportò innumerevoli e sanguinosi attacchi specialmente da parte dei Rossi di San Secondo.

Zibello porticato rid cibus

Zibello - La vera e propria storia ha inizio nel Medioevo, per tutta la durata del quale esso rimase legato a Cremona. Nel 1249 Zibello passò, insieme ad altre terre e castelli, tra i quali anche Busseto e Polesine, al marchese Uberto Pallavicino il Grande che ne fu investito da Federico II Imperatore. Da allora, salvo alcuni periodi, i marchesi Pallavicino vi dominarono incontrastati.
Sulla sponda destra del Grande Fiume, fra le città di Parma, Piacenza e Cremona, è famoso per essere la patria, del re dei salumi: il Culatello.
Però pochi sanno che questa è l'unica zona al mondo dove, dal maiale, viene tratta la maggior varietà di salumi, le cosiddette "immagliature" prima di macinare la carne residua e le rifilature per ottenere, il salame. Una fama che deve la sua fortuna ai freddi inverni umidi e nebbiosi e alle estati assolate ed afose.

Sissa - La Rocca -

Sissa - Lungo un millenario tracciato storico il territorio ha conosciuto momenti di fama, di distruzione, di abbandono e di intensa vita civile, politica e culturale. I Terzi, i Simonetta, i Rangoni, famiglie dominanti in un lungo arco di tempo, si sono avvicendati nel possesso di un feudo non secondario nel quadro generale delle dispute militari e legali che hanno caratterizzato le lotte di predominio nel parmense dal Quattrocento all'Ottocento.
Tanto c'è da vedere nel territorio del Comune di Sissa: dalla Rocca dei Terzi a Corte Sala, dalla Villa Simonetta nella frazione di Torricella all'importante area rivierasca detta "Boschi di Maria Luigia" che sorge poco distante dal centro abitato di Coltaro, al mitico "ponte del diavolo" di Gramignazzo che nemmeno un bombardamento alleato durante il secondo conflitto mondiale è riuscito ad abbattere. Nella frazione di Torricella si può trovare forse il più importante porto nautico della Provincia di Parma.

Antica Corte Pallavicina - Polesine Parmense
Polesine Parmense - Il Paese della Bassa che più lega le origini a quelle del fiume Po, è l'unico infatti, il cui nome deriva proprio da quello del Grande Fiume.Il nome deriva dal fatto che il borgo anticamente sorgeva su un polesine, vale a dire una piccola isola del Po che, trascinata dalla corrente, arrivò ad espandersi e a congiungersi poi con la riva. A testimonianza della storia il ritrovamento, di reperti all'interno del Po di questo centro sommerso e ormai completamente corroso dalle acque.

Precise documentazioni storiche affermano, in particolare, che due chiese in secoli diversi, furono corrose e demolite dal Po; nel fiume è finito pure l'antico castello di cui alcuni resti di un merlo sono oggi esposti nei pressi della sede municipale.
Soggetto al potere temporale del Vescovo di Cremona, attorno alla metà dell'anno mille, divenne feudo dei Pallavicino sino al 1731, dei quali rimane la residenza,Il Palazzo delle Due Torri, monumento più importante del paese. Passò poi sotto il ducato dei Farnese, mantenendo a lungo una notevole importanza come porto commerciale fluviale e centro agricolo.
Il porticciolo di Polesine è un comodo approdo per i turisti che navigando sul Po e possono visitare le "Terre Verdiane" gustando i sapori tipici della zona.
Per un turismo slow e sostenibile si può inoltre utilizzare la pista ciclabile, di oltre 50 chilometri, che unisce Mezzani a Polesine Parmense, passando per Zibello, Roccabianca, Sissa, Colorno o l' area verde adiacente al fiume Po, opportunamente recintata e organizzata con percorso.
Curiosità - Nella parte superiore dello stemma comunale è rappresentato il Po nelle vesti di un vecchio Re che versa la sua brocca dalla quale sgorga l'acqua che dà origine al fiume.
Polesine è sempre stata una delle mete preferite di Giovannino Guareschi, il grande scrittore che di fronte alla grandiosa varietà di paesaggi e di sfumature create dall'ambiente fluviale era solito dire: "si sta meglio qui, su questa riva". Ed è sempre a Polesine che Guareschi, di fronte alle memorabili battaglie tra il parroco don Davighi e il Sindaco Carini, trovò l'ispirazione per dar vita ai celebri personaggi di Peppone e Don Camillo.

Castello di Roccabianca

Roccabianca - Non è da sempre che Roccabianca porta questo nome.
Pare che il primo nucleo abitativo del centro sia da rintracciare nel vicino villaggio di Rezinoldo o Arzenoldo, e che troviamo nominato per la prima volta in un diploma di Federico Barbarossa, come facente parte del feudo di Oberto Pallavicino. Nella contesa tra i Pallavicino, della marca bussetana e i Rossi, conti di San Secondo, che si protrae lungo tutto l'arco del XIV e del XV secolo, i primi si appropriano di Zibello e Rezinoldo, che nel 1417 viene bruciato. Nel 1449, però Francesco Sforza conferma solennemente la proprietà dei Rossi sulle terre contese. E' a questo punto che entra in scena Roccabianca: Pier Maria Rossi, infatti attorno alla metà del secolo, fa erigere un castello nei pressi di Rezinoldo, a difesa delle terre che possiede presso il Po. Secondo alcuni il suo nome deriverebbe da quello di Bianca Pellegrini, per la quale il Rossi, suo amante, avrebbe in realtà fatto costruire il castello.
Francesco Luigi Campari, il maggiore storico del paese di Roccabianca, invece, sostiene che il nome della rocca deriva dal fatto che essa fosse interamente intonacata di bianco e a questo proposito cita cenni storici.

__________________________

Per maggiori informazioni sulla manifestazione "November Porc".

Per scoprire altri luoghi della nostra meravigliosa Italia: Italian Tourism Expo

In Mezzo al PO - località Sacca di Colorno - ottobre 2013

Pubblicato in Ambiente Emilia
Mercoledì, 05 Novembre 2014 09:37

Sissa Trecasali, sei mesi dopo

Bernardi: "Un territorio dalle enormi prospettive". al via i lavori sul "Ponte del Diavolo". Prossimamente si concluderà l'adesione al "Circuito dei Castelli" e alla "Carta del Po". In programma una pista ciclabile sul confine dell'intero perimetro comunale.

di Lamberto Colla - Sissa Trecasali 5 novembre 2014 --
Il nuovo Comune frutto della fusione tra Sissa e Trecasali, ufficialmente attivo dal primo gennaio 2014, copre una superficie di quasi 72 kmq e accoglie una popolazione di circa 8.000 abitanti.
Solo con le elezioni dello scorso 25 maggio il nuovo comune di Sissa Trecasali ha di fatto avviato la sua operatività sotto la guida della nuova amministrazione a capo della quale è il Sindaco Nicola Bernardi, già primo cittadino di Trecasali nella precedente tornata elettorale.

Una fusione che dovrebbe garantire maggiore operatività al comune unificato anche in forza del fatto che la Regione erogherà al Comune di nuova istituzione un contributo annuale, di ammontare costante, della durata complessiva di quindici anni, pari a 170 mila euro all'anno. A titolo di compartecipazione alle spese iniziali è poi previsto un contributo straordinario in conto capitale della durata di tre anni pari a 150.000 euro all'anno. Per i dieci anni successivi alla sua costituzione inoltre il nuovo Comune avrà priorità assoluta nei programmi e nei provvedimenti regionali di settore che prevedono contributi a favore degli enti locali e sarà equiparato ad una Unione di Comuni ai fini dell'accesso ai contributi previsti da programmi e provvedimenti regionali di settore riservati a forme associative di Comuni, ad eccezione che per i contributi regolati dal programma di riordino territoriale. La Regione sosterrà il nuovo Comune anche mediante cessione di quota del patto di stabilità territoriale.

Sei mesi sono trascorsi dal giorno delle elezioni e un primo, seppure parziale, consuntivo è possibile tracciare insieme al Sindaco Nicola Bernardi. "Devo dire che non ho riscontrato particolari problemi a seguito della fusione. L'unico ostacolo che stiamo rimuovendo sta nella operatività avendo messo in comunione le due diverse strutture che agivano secondo procedure e prassi molto diverse. Adesso si tratta di amalgamarle, non solo dal punto di vista dei regolamenti ma anche della prassi operativa, delle abitudini quotidiane, non che uno sia migliore dell'altro. Per quanto riguarda il territorio, secondo noi, ha delle potenzialità e prospettive enormi. Alcune abbiamo cercato di inquadrarle e di intraprenderne il percorso. Ci hanno già riconosciuto l'adesione al "Circuito dei Castelli del Ducato" e dal primo gennaio saremo dentro. Un percorso che porterà a riconoscere Sissa non dal solo punto di vista storico ma anche eno-gastronomico e fluviale. Anche su questo versante pensiamo ci siano molte potenzialità tanto che abbiamo fatto richiesta di aderire alla "Carta del Po" che è una associazione di comuni rivieraschi (sulle due sponde del PO - ndr) nata per promuovere iniziative legate al fiume. "

In breve sintesi, i punti fondamentali che stanno a base della "Carta del Po" sono così riassumibili: sollecitare l'informazione, tutelare la flora e la fauna, realizzazione la rinaturalizzazione della golena, valorizzare le aree golenali con cicloturismo e pescaturismo, intensificare i controlli dell'acqua, garantire maggiore sicurezza agli attracchi e creare una cultura dell'acqua con giornate di sensibilizzazione. Un programma che tende a promuovere il territorio attraverso iniziative turistiche fuori dai circuiti convenzionali. Un settore che sta offrendo grandi opportunità e che Sissa e Trecasali hanno saputo sfruttare attraverso due manifestazioni di indiscutibile successo: I Sapori del Maiale che apre il circuito del "November Porc"e la "Fiera agricola di Trecasali".

Fiera Agricola di Trecasali

"Il November Porc, prosegue il Sindaco, è sicuramente una vetrina molto importante per tutto il territorio e non soltanto per Sissa. Una manifestazione che deve essere da esempio di collaborazione territoriale per promuovere la nostra zona per tutto l'anno. Occorre collaborare tra di noi (le amministrazioni del territorio della "bassa" - ndr). Bisogna arrivare a un obiettivo di più ampio respiro territoriale. E' anche il momento di fare un restyling della "Strada dei Sapori" dove ogni luogo ha le sue caratteristiche peculiari distintive ma tutte insieme possono offrire un maggior ventaglio di opportunità al turista."

Il Ponte del Diavolo - interrotto causa la piena del gennaio 2014

Sul piano delle opere da realizzare, seppure di non stretta pertinenza e responsabilità della amministrazione comunale, c'è la ferita aperta del Ponte del Diavolo che unisce le sponda di Sissa con quella di Roccabianca. Una frattura causata dalla piena del fiume dello scorso gennaio e che non pochi disagi ha causato agli operatori locali contribuendo sensibilmente a aggravare la situazione di crisi già sufficientemente pesante.
Entro breve, comunque, dovrebbero partire i lavori di recupero dell'importante infrastruttura, almeno stando alle dichiarazioni dell'Assessore alle attività produttive dell'amministrazione comunale, Igino Zanichelli. "Come amministrazione stiamo sollecitando la provincia a fare riprendere i lavori, peraltro complessi, anche perché sono intervenuti dei problemi legati al progetto. Comunque entro una settimana dovrebbero ripartire i lavori per concludersi nei 5 mesi stabiliti."
Quindi il "November Porc 2014" dovrebbe tenere a battesimo i lavori di ripristino del Ponte del Diavolo.

a destra Igino Zanichelli Assessore alle attività produttive di Sissa Trecasali
Per quanto invece è di diretta competenza della nuova amministrazione, molte le novità cantierabili.

"Per due anni c'è l'idea di finanziare, prosegue Nicola Bernardi, diverse opere pubbliche grazie al fatto che, proprio in forza della fusione siamo fuori patto di stabilità per due anni. faremo investimenti molto mirati tenendo in considerazione tutte le frazioni del territorio, partendo dalla messa in sicurezza di parti di viabilità, alla sostituzione della pubblica illuminazione e lavoreremo sulle strutture scolastiche. E' nostra intenzione favorire lo sfruttamento del porto fluviale di Torricella, dei Boschi di Maria Luigia e le aree boschive degli argini, dell'area della ex Fornace ma anche il contesto dei fontanili tra Ronco e Viarolo (area Lorno peraltro riconosciuta a livello europeo) e le piste ciclabili e pedonalibi con l'obiettivo di realizzare un anello, senza soluzioni di continuità, lungo tutto il perimetro comunale." Nel frattempo, come si può intuire dalle impalcature, sono stati avviati lavori di restauro della Rocca, resa inagibile dall'ultimo terremoto, che da gennaio entrerà a far parte del circuito dei Castelli del Ducato.

Sissa - il restauro della Rocca "ferita" dal terremoto

 

Pubblicato in Politica Parma

20 anni e non sentirli. E' il claim dell'edizione inaugurale del circuito November Porc 2014 che prenderà vita il prossimo 5 Novembre a Sissa. Tante le novità a partire dalla nuova amministrazione a seguito della fusione con Trecasali.

di Lamberto Colla - Sissa 01 Novembre 2014 --
Il modulo o meglio la spina dorsale della manifestazione è sempre la stessa, una nutrita schiera di volontari che presta, con rinnovato entusiasmo, la propria opera per garantire la migliore ospitalità alle migliaia di appassionati che ogni anno, da vent'anni, calpestano il suolo sissese per un'immersione totale nei gusti, aromi e colori che l'autunno, in queste terre della bassa parmense, riesce a donare.
Accantonato per un anno la storica frase "Speriamo che ci sia la nebbia" evocatrice dell'ambiente, il "marcatore culturale del Culatello di Zibello DOP", che ha generato il prezioso salume insaccato, a favore della ricorrenza ventennale della manifestazione coincidente con il trentennale del corso di formazione dedicato alla lavorazione delle carni che inaugurò questa splendida manifestazione.

Igino Zanichelli - assessore attività produttive Sissa Trecasali
"20 anni e non sentirli, spiega l'assessore alle attività produttive Igino Zanichelli, nella speranza di replicare i successi delle edizioni precedenti. I presupposti ci sono tutti a partire dal record di espositori. 300 bancarelle, un terzo delle quali offriranno prodotti gastronomici, e un allungamento delle giornate dedicate agli intrattenimenti. Si partirà mercoledì 5 novembre alle 21,00 con l'incontro con il professor G.F. Marchesi e la partecipazione di Mauro Adorni alla sala Cinema dal tema "I bei paesaggi fanno bene al cervello ... anche all'umorismo" per proseguire la sera successiva 6 novembre con lo spettacolo umoristico "Andom a redar in la basa" organizzato dalle 5 compagnie dialettali di Parma (5 euro ingresso - ndr)." Dal 5 al 9 novembre un intenso calendario di appuntamenti consentirà di dare soddisfazione a giovani e meno giovani, con musica e intrattenimenti vari tra i quali il 5° Palio della Spalla Cruda di Palasone di Sissa pur senza tralasciare la parte di educational. "Oltre alla tradizionale dimostrazione di come vengono confezionati i vari salumi da parte degli operatori di Agriform, l'ente di formazione professionale per l'agricoltura, quest'anno, in collaborazione con la Università degli Studi di Parma, verranno organizzate delle divulgazioni, a opera di "Gastro Parma" coadiuvati da una cinquantina tra medici e infermieri, sulla gastroenterologia spiegata con parole semplici, attraverso un percorso guidato negli apparati gastrici "gonfiabili". Infine, da quest'anno, avviamo un rapporto stretto con le scuole che proseguirà anche nelle altre manifestazioni, come ad esempio la fiera Agricola di Trecasali, partendo dall'Istituto Galileo Galilei di San Secondo che illustrerà il percorso di studi di agraria".

Speriamo quindi che ci sia la nebbia e buon divertimento. E dopo Sissa Trecasali sarà la volta di Polesine Parmense il 15-16 novembre.

La Rocca di Sissa - vista notturna

In allegato il volantino scaricabile in pdf
_______________________________
Par il programma completo della manifestazione: www.comune.sissatrecasali.pr.it
November porc: www.novemberporc.it
________________________________
Sissa sapori14 20esimo locandinaSissa sapori programma 2014

 

Pubblicato in Agroalimentare Parma

Po, rocche e castelli della "bassa parmense" attendono migliaia di "gastronauti" da tutt'Italia per celebrare il sacrificio del maiale.

di Virgilio - Parma 19 ottobre 2014 --
Il maiale, questo splendido animale, che per secoli, ha costituito il principale sostentamento alimentare familiare regalando una preziosa dispensa proteica alle popolazioni padane verrà celebrato nella cornice rustica di Sissa e di altri villaggi concorrenti al circuito gastronomico del "november porc".
A partire dal prossimo 8 novembre, avvolti nell'atmosfera tipica dei luoghi rivieraschi del Po così cari a Giuseppe Verdi e Giovannino Guareschi, si potranno assaporare e apprezzare i sapori e i profumi frutto di quel fastidioso, per molti, evento atmosferico ma miracoloso e indispensabile "ingrediente" del principe dei salumi, il Culatello di Zibello DOP, quale è appunto la "nebbia".


Ma la "nebbia" è anche elemento decorativo inscindibile e distintivo dalla "bassa". Le atmosfere ovattate da questo fenomeno rendono il paesaggio incantato e surreale, sempre uguale a sé stesso come lo vedevano e vivevano i due grandi artisti "Verdi" e "Guareschi".
Il Po che scorre e accoglie gli affluenti, il Taro, il Parma e l'Enza è il denominatore comune, la madre natura, di una terra in continuo rapporto, tra amore e odio, con le sue acque che esondando fertilizzano ma anche distruggono, che erano barriera naturale alle "invasioni straniere" ma anche risorsa idrica inesauribile per le coltivazioni e generatore di quella umidità che, insieme alla nebbia determina la conservazione e stagionatura del prelibatissimo "Culatello" e della pregevole e antichissima "Spalla Cruda di Palasone".

Tutto questo si potrà rivivere nei giorni dedicati alle celebrazioni dell'arte della "maialatura", quel rito che, grazie all'arte maestra dei macellini, trasforma il "sacrificio" del maiale in un dono alla sopravvivenza delle nostre popolazioni.
Ed è per questa ragione che da sempre, il momento della macellazione del maiale è sempre stato un momento di festa della "famiglia coltivatrice", un momento di collettività dove tutti, bambini compresi, erano coinvolti ad assistere i macellino e con loro si festeggiava la fine del lavoro di approvvigionamento della dispensa familiare, utile a superare il rigido inverno padano.
Ecco perché, 20 anni fa, si è riproposto di celebrare questo antico rito "laico" in "piazza"; luogo deputato alla socialità e alla comunione delle persone. Una festa per ricordare le proprie origini e un'occasione per vivere la famiglia e gli amici come un tempo. Il piacere di alimentarsi e di stare insieme.
Da Sissa era iniziata l'era delle celebrazioni poi proseguita nell'ambito del "November Porc" acquisendo altri tre punti di incontro e di offerta di originale convivialità: Polesine, Zibello e infine Roccabianca. Un mese quello di novembre dedicato, oggi come ieri, al maiale ma anche ai piaceri della tavola come luogo di riunione di conviviale familiarità.

Gli Appuntamenti November Porc 2014:
SISSA: 8 e 9 novembre
POLESINE parmense: 15 e 16 novembre
ZIBELLO: 22 e 23 novembre
ROCCABIANCA: 29 e 30 novembre

(per informazioni: November Porc

Per approfondire le ricerche dei più bei siti italiani connettiti a Italiantourismexpo

Se vuoi diventare un Blogger di Italian Tourism Expo guarda qui)

Pubblicato in Agroalimentare Emilia
Sabato, 16 Agosto 2014 08:00

Ferragosto con Pioggia e Grandine


Era previsto e si è confermato. Pioggia e grandine hanno sottolineato il week end di ferragosto. 

di Virgilio, Emilia 16 agosto 2014 --
Uno spaccato d'estate. Solo qualche ora di tregua il 15 agosto, ricorrenza dell'Assunzione di Maria, ma appena prima e appena dopo violenti temporali accompagnati da forti venti e in alcune circostanze da grandine hanno caratterizzato il periodo ferragostano 2014.
Il 14 è stata la volta di Reggio Emilia ad essere coinvolta. Bibbiano e Quattro Castella sono stati colti da una tromba d'aria accompagnata  da grandine provocando ingenti danni con caduta d'alberi.
Questa mattina, invece, a svegliarsi con la grandine è stata la bassa parmense. A Sissa Trecasali, intorno alle 7,00, i tuoni hanno anticipato una bomba d'acqua seguita da una grandinata che, almeno sino a ora, non sembra avere provocato danni sensibili.

Pioggia1 gde

Pubblicato in Cronaca Emilia
Pagina 8 di 9