Visualizza articoli per tag: Territorio Guastalla

GDF REGGIO EMILIA: SEQUESTRATI PRODOTTI CONTRAFFATTI PER UN VALORE DI OLTRE 10.000 EURO. Nell'imminenza di vari eventi fieristici che interesseranno la provincia reggiana, come la "Festa di San Prospero", patrono di Reggio Emilia, e la "Fiera di Santa Caterina" in Scandiano (RE) e Guastalla (RE), che richiamano tradizionalmente molte persone nelle vie dei rispettivi centri cittadini, la Guardia di Finanza ha predisposto una serie di attività operative di controllo economico del territorio volte ad individuare e sequestrare forniture di merci illegali, in quanto recanti marchi contraffatti, destinate a commercianti abusivi intenzionati a porle in vendita proprio nel corso della predette ricorrenze.

La capillare attività delle pattuglie del Gruppo della Guardia di Finanza di Reggio Emilia ha condotto ad individuare e sequestrare, in località Lentigione – Brescello (RE), una partita di prodotti contraffatti costituiti da accessori per l'abbigliamento (in particolare borse, borselli, occhiali, custodie per occhiali e scarpe) di note griffe, tra le quali "Prada", "Gucci" e "Armani Jeans".

Il responsabile, trentaduenne, di origini senegalesi, all'atto del controllo ha tentato, ma invano, una precipitosa fuga; fermato dai Finanzieri, è stato identificato e segnalato all'Autorità Giudiziaria per i reati di ricettazione, detenzione e vendita di prodotti recanti marchio contraffatto.

Si stima che il materiale sequestrato, una volta immesso sul mercato, avrebbe garantito incassi per oltre 10.000 euro. La tutela dei consumatori e dell'economia legale costituisce obiettivo prioritario della Guardia di Finanza, che continuerà ad operare un continuo, costante e capillare controllo economico del territorio.

20171122-gdf-16984 foto1

Pubblicato in Cronaca Reggio Emilia

Dopo i recenti casi di violenza nel comune di Reggio Emilia, il problema sicurezza continua a crescere sempre più anche nella provincia.

Questa volta in Piazza della Repubblica e vicino viale Ruggeri, in centro a Guastalla, dove una pensionata, di ritorno a casa dopo aver fatto visita al figlio, si è ritrovata minacciata da due stranieri in stato di ebbrezza alcolica che l'hanno inseguita fino a quando la donna non è riuscita a raggiungere un bar e attendere aiuti.

Scene che si ripetono quotidianamente sempre con vittime delle donne e sempre in comuni amministrati dal centrosinistra dove i cittadini sono abbandonati al loro destino: Reggio Emilia, Correggio, Cavriago e ora Guastalla. Tutti comuni dove le Donne Emiliane si stanno radicando sil territorio per dare voce a questi gravissimi casi e fronteggiare questa sgradevole situazione venutasi a creare da un illogico disinteressamento alla sicurezza dei propri cittadini, lasciando soli anziani, donne e bambini anche nel pieno centro della città. Commenta Claudia Bellocchi, Lega Nord e presidente delle Donne Emiliane

Mercoledì, 15 Novembre 2017 11:43

Guastalla, stranieri ubriachi inseguono una sessantenne

Il fatto è avvenuto tra Piazza della Repubblica e viale Ruggeri nella serata del 13 novembre. La pensionata stava rientrando a piedi dopo aver fatto visita al figlio ed è stata molestata e poi inseguita da due extracomunitari decisamente alticci.

GUASTALLA (RE) – Se l'è vista brutta, ma per fortuna ha rimediato solo un grande spavento la pensionata sessantenne che la sera dello scorso 13 novembre è stata inseguita e molestata da due cittadini extracomunitari inequivocabilmente ubriachi.

La donna stava rincasando a piedi dopo aver fatto visita al figlio, quando, tra Piazza della Repubblica e viale Ruggeri, in pieno centro storico, si è imbattuta nei due stranieri, visibilmente alticci. Secondo il racconto della pensionata, i due sostavano sulle scale di un negozio e uno dei due stava espletando i propri bisogni fisiologici contro a un muro. Accortisi della presenza della donna, l'avrebbero prima fronteggiata, poi inseguita con fare minaccioso. Uno dei due, non si sa se per la fretta o intenzionalmente, aveva ancora le parti intime scoperte.

La pensionata ha così cominciato a correre. Nel frattempo ha avuto il sangue freddo di telefonare al figlio per chiedere aiuto. L'uomo, che abita poco distante, ha inforcato l'auto e ha raggiunto il luogo indicato dalla madre, trovando i due stranieri che vagavano confusi dai fumi dell'alcool. Il giovane è stato anch'egli insultato e inseguito a piedi da uno dei due.

Nel frattempo, una telefonata della madre lo rassicurava. La donna era riuscita a raggiungere un bar, dove si era rifugiata in preda allo spavento. Nell'attesa dell'arrivo del figlio è stata tranquillizzata dal personale. Sono poi stati chiamati sul posto i Carabinieri, ma i due stranieri aveva già fatto perdere le loro tracce.

Pubblicato in Cronaca Reggio Emilia

IL CANTIERE DELLA GNOCCATA da domenica 25 giugno a domenica 27 agosto 2017. Guastalla - Palazzo Ducale

Domenica 25 giugno, presso la Sala del Camino di Palazzo Ducale, è stata inaugurata la mostra "Il Cantiere della Gnoccata": una presentazione sui lavori e sulla ricerca svolta per la realizzazione dei carri allegorici e storici della Gnoccata 2017, con l'impegno di tutta la comunità e dei giovani in particolare.

Aperture:
sabato e domenica
dalle 10.00 alle 12.30
dalle 15.30 alle 18.30
Mercoledì
solo su prenotazione al n° 334 2345364

per ulteriori informazioni:
Ufficio Cultura 0522/839756-7
Ufficio Turistico 0522/839763

(segue galleria immagini)

20170816-IMG 7063 1

Venerdì, 19 Maggio 2017 15:53

A Guastalla è tempo di gnoccata!

 Il 19, 20 e 21 maggio torna la 34^ edizione della festa più attesa di Guastalla, organizzata da Pro Loco e Comune di Guastalla e patrocinata dalla

Regione Emilia Romagna.

Dopo la consueta attesa triennale, la tradizionale festa della "Gnucàda" torna a colorare il centro storico della gonzaghesca Guastalla con la sua 34^ edizione e un nuovissimo tema: La grande Abbuffata.

Nata a metà ottocento con anima conviviale e ludica, la Gnoccata diviene una manifestazione dichiaratamente politica dal 1869, in opposizione alla tassa sul macinato introdotta l'anno precedente dal governo Menabrea, fino al 1880, quando la festa torna alla sua originaria nonché odierna natura gioconda. Nel dopoguerra viene sospesa fino al 1978, anno da cui viene riproposta con la sua attuale cadenza triennale.

Anche quest'anno, come nelle tre passate edizioni, la Gnoccata vedrà lo showman Giacomo "Ciccio" Valenti nelle vesti del Re dei Gnocchi (detto anche Re Serpo), figura allegorica che rimanda a tradizioni carnevalesche. 

Oggi al via la kermesse con un aperitivo in piazza Mazzini ed una cena a tema alle ore 19.00 e un'animazione musicale con balli della tradizione musicale emiliano romagnola alle ore 22.00. Seguirà l'arrivo e l'incoronazione del Re dei Gnocchi sabato 20 maggio e il corteo storico raffigurante antichi mestieri e scene del passato e la grande abbuffata di gnocchi per tutta la giornata di domenica 21, il tutto con splendidi e tradizionali contorni.

PROGRAMMA

> VENERDI' 19 MAGGIO – PIAZZA MAZZINI
ore 19.00 ・ aperitivo - cena a tema / Aspettando La Gnoccata: **BALERA**
ore 22.00 ・ concerto EXTRALISCIO (folkloristico futuro)
evento FB

> SABATO 20 MAGGIO – PIAZZA MAZZINI / CENTRO STORICO
ore 17.00 • gara gastronomica - ore 19.00 assaggio degli gnocchi
ore 21.00 ・"Dal banchetto del principe al tavolo dell'osteria"
percorso letterario guidato nel cibo della tradizione
ore 22.00 ・ fiaccolata/spettacoli di fuoco
Cerimonia di incoronazione / Gran Ballo di Corte
PER TUTTA LA SERATA
I piatti della tradizione - Stand Gastronomico "L'Osteria di Re Serpo" - Piazza Matteotti

> DOMENICA 21 MAGGIO – CENTRO STORICO
ore 10.30 / ore 17.30 ・ CORTEO STORICO E GRANDE ABBUFFATA DI GNOCCHI
PER TUTTA LA GIORNATA
La Soffitta del Re: bancarelle vintage
I piatti della tradizione - Stand Gastronomico "L'Osteria di Re Serpo" - Piazza Matteotti

INFO: PRO LOCO GUASTALLA - Via Gonzaga, 16/4 | tel. 3408547295 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Ufficio UIT - Via Gonzaga, 16 | tel. 0522/839763 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Attivato il WiFi gratuito anche nell'ufficio postale di Guastalla. I cittadini possono accedere alla rete internet con pc, smartphone o tablet. In Emilia Romagna gli uffici postali con il servizio WiFi sono attualmente 210, di cui 24 nel Reggiano e saliranno ulteriormente nei prossimi mesi.

Reggio Emilia, 3 gennaio 2017

Una realtà postale, quella dell'hinterland reggiano, più digitale ma anche più moderna e facile per i cittadini, le imprese e la Pubblica Amministrazione: è l'obiettivo principale di Poste Italiane con il lancio del nuovo servizio WiFi gratuito, facile e sicuro negli uffici postali.
Il collegamento gratuito alla rete internet è stato attivato nei giorni scorsi anche nell'ufficio postale di Guastalla. E' a disposizione della clientela un hot spot gratuito che ha il vantaggio di migliorare la Customer Experience e dà la possibilità di svolgere alcune attività propedeutiche ai servizi richiesti. E' stato inoltre già pianificato il progressivo ampliamento del numero degli uffici abilitati nel territorio provinciale.
In Emilia Romagna gli uffici postali con il servizio WiFi sono attualmente 210, di cui 24 nel Reggiano (9 nel capoluogo) e saliranno ulteriormente nei prossimi mesi.
Accedere alla rete all'interno degli uffici postali è semplice e a portata di click: basta infatti registrarsi comunicando il proprio numero di telefono mobile al quale verrà inviato un messaggio con le credenziali per l'accesso al WiFi. A quel punto, attraverso smartphone, tablet o pc sarà possibile navigare su internet, dialogare sui social network o lavorare in attesa del proprio turno allo sportello.

(Fonte: Poste Italiane)

Oltre 6.000 persone al Salone dell'orientamento nella sede dell'Università di Reggio Emilia. Ancora un grande successo per l'iniziativa della Provincia che accompagna quasi cinquemila ragazzi e le loro famiglie nella scelta delle superiori. Sabato 3 dicembre tappa nelle diverse province.

Reggio Emilia, 28 novembre 2016

Grande successo anche quest'anno per "La Provincia che orienta: scegli la tua strada", il Salone dell'orientamento promosso dalla Provincia di Reggio Emilia. Sabato, circa 5.000 ragazzi di terza media, e le loro famiglie, sono stati aiutati nella fondamentale scelta della scuola superiore. Allestito anche quest'anno nella sede dell'Università in viale Allegri, con spazi espositivi e docenti di tutte le scuole superiori e degli enti del sistema di formazione professionale.

In aula magna, si è tenuta la seconda presentazione collegiale da parte dei dirigenti scolastici di tutti gli istituti superiori, introdotta dalla vicepresidente della Provincia Ilenia Malavasi.

Sabato 3 dicembre il Salone dell'orientamento farà poi tappa in provincia. L'iniziativa si svolgerà alle 15 contemporaneamente a Montecchio (istituto D'Arzo, via per Sant'Ilario 28/c); Guastalla (istituti Russell e Carrara, via Sacco e Vanzetti 1); Scandiano (istituto Gobetti, via della Repubblica 41); Correggio (liceo Corso presso l'aula magna della scuola primaria San Francesco, via Zavattini, 12; convitto Corso in via Bernieri 8; istituto Einaudi in via Prati 2; liceo paritario D'Aquino in via Contarelli 3/5), mentre a Castelnovo Monti, l'attività di presentazione per le scuole superiori è prevista per le 14.30 al Teatro "Bismantova" in via Roma 75.

A ognuno dei quasi 5.000 ragazzi in uscita dalle scuole medie verrà poi consegnata anche quest'anno, entro Natale, una guida curata dal servizio di orientamento Polaris della Provincia con tutte le informazioni utili per conoscere le nostre scuole e la loro offerta formativa.
Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito della Provincia di Reggio Emilia www.provincia.re.it  oppure contattare il servizio Polaris, telefono 0522.444.855 e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

salone orientamento 2016 reggio emilia

Pubblicato in Cronaca Reggio Emilia
Giovedì, 20 Ottobre 2016 16:25

"Il Duomo ritrovato Musica e Parole"

21 Ottobre 2016 – ore 21.00 presso il Teatro Comunale "Ruggero Ruggeri". Uno spettacolo che racconterà il percorso del restauro del Duomo di Guastalla, attraverso la proiezione di filmati ed immagini con l'accompagnato dei brani di repertorio dei Musical Project.

Interventi a cura di Fiorello Tagliavini, Mauro Severi, Arrigo Bonfanti e don Alberto Nicelli.
Ingresso libero.

Lo spettacolo "Il Duomo Ritrovato - Musica e Parole", a cura della compagnia "Musical Project", doveva andare in scena in Piazza Mazzini sabato 1 ottobre ma era stato rimandato a causa del maltempo.

MUSICA E PAROLE Il Duomo ritrovato guastalla

(Fonte: Comune di Guastalla)

Il Po riserva Unesco, il Comune di Piacenza - partner dell'iniziativa - a Guastalla per la settima edizione della Borsa del Turismo Fluviale e del Po che ha visto tour operator internazionali a caccia di proposte di vacanze a ritmo slow lungo il Grande Fiume.

Piacenza, 4 ottobre 2016

Per quattro giorni Guastalla e le Terre del Po hanno ospitato tour operator internazionali a caccia di proposte di vacanze a ritmo slow lungo il Grande Fiume, da inserire nei propri cataloghi e nei propri portali turistici per la settima edizione della Borsa del Turismo Fluviale e del Po, che ha visto per la prima volta il Comune di Piacenza partner dell'iniziativa. Ben 26 gli operatori commerciali da tutta Europa che, dal 29 settembre al 2 ottobre sono giunti a Guastalla.

Sabato 1 ottobre presso il Teatro Comunale "R. Ruggeri" del Comune reggiano, le rappresentanze di oltre 50 Comuni del territorio compreso tra le province di Piacenza e Mantova, passando per quelle di Cremona, Parma e Reggio Emilia, hanno presentato il progetto per la candidatura dell'area denominata Po Grande a "Riserva Uomo e Biosfera Mab (man and biosphere) Unesco". Oltre all'assessore alla Cultura e Turismo Albasi (Pc), sono intervenuti i sindaci di Guastalla e Colorno (Pr), Camilla Verona e Michela Canova, la presidente Apt Regione Emilia Romagna, Liviana Zanetti, la direttrice generale Attività produttive della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi, Francesco Puma per l'Autorità di bacino, Pierluigi Viaroli del dipartimento di Bioscienze dell'Università di Parma e Lorenzo Frattini quale rappresentante regionale di Lega Ambiente.

settima edizione della Borsa del Turismo Fluviale e del Po

Nel corso della tavola rotonda, i diversi relatori hanno approfondito in particolare il tema della tutela del Po e delle sue terre, obiettivo primario non solo per il futuro di queste aree ma per l'intera pianura e il mare Adriatico, naturale prosecuzione del fiume. L'assessore Tiziana Albasi, dopo aver sottolineato che "questo evento si contestualizza nelle azioni di valorizzazione del Grande Fiume che in questi anni l'assessore all'Ambiente Giorgio Cisini ha sviluppato con sinergie e accordi di programma dei paesi rivieraschi lungo l'asse piacentino, pensiamo ad esempio a "Pedalando un Po"", ha dichiarato: "Riuscire a leggere il fiume nel suo complesso al di là delle divisioni amministrative, garantendo unità di progettazione e gestione ai suoi ecosistemi, alle sue vie di trasporto, fluviali e ciclabili, alle sue opportunità turistiche e agroalimentari è un passaggio indispensabile per la tutela di cui necessita. In questo senso l'esperienza delle aree Mab, riserve della biosfera riconosciute dall'Unesco e valorizzate a livello internazionale, può essere un utile strumento per percorrere questa unità di approccio. Dichiarare il territorio Po Grande Riserva Mab Unesco significa preservare e controllare quell'equilibrio che nei secoli si è creato fra uomo e ambiente e poter sviluppare in futuro nuove azioni di valorizzazione e fruizione".
L'assessore Albasi ha concluso ribadendo "l'importanza di comunicare sempre più l'idea di territorio come brand, valorizzando la biodiversità e l'eccellenza del Fiume ma con tutte le sue caratteristiche storiche, ambientali, enogastronomiche, turistiche e culturali che contraddistinguono i singoli ambienti".

La Borsa del Turismo Fluviale e del Po dal 29 settembre al 2 ottobre. Tanti gli eventi in programma aperti a tutti: navigazioni gratuite lungo il Po, tour guidati in bicicletta, incontri, convegni e mostre a tema. Corsini: "Un'esperienza di vacanza a 360 gradi, unica nel suo genere e dal forte appeal sull'attuale scenario turistico internazionale".

Bologna, 24 settembre 2016

Sono 26 gli operatori commerciali da tutta Europa che, dal 29 settembre al 2 ottobre arriveranno a Guastalla (Re), per scoprire le novità del turismo fluviale e dei viaggi slow immersi nella natura, proposte dallaBorsa del Turismo Fluviale e del Po. La manifestazione, giunta quest'anno alla sesta edizione, ideata e organizzata da Confesercenti, è il più importante momento di promozione di questo particolare prodotto turistico e di incontro fra operatori economici della domanda e dell'offerta. Ha il patrocinio, fra gli altri, del Ministero dei beni e delle attività culturali del turismo e della Regione Emilia-Romagna.

Per quattro giorni Guastalla e le Terre del Po ospiteranno tour operator internazionali, tutti a caccia di proposte di vacanze a ritmo slow lungo il Grande Fiume, da inserire nei propri cataloghi e nei propri portali turistici. Vacanze declinate su cicloturismo, enogastronomia e contatto con la natura, lungo le terre del Po. Gli operatori provengono da Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Olanda, Regno Unito, Scandinavia, Scozia, Spagna e Svizzera. Le novità di questa edizione sono le adesioni da operatori di Portogallo, Scozia Slovenia e Polonia.

Per loro, la Borsa del Turismo Fluviale ha organizzato, dal 29 settembre al 2 ottobre, cinque educational tour, cioè viaggi tecnici per vedere e toccare con mano le attrattive dei territori fluviali: due tour sono in programma a Piacenza, due nelle corti lungo la costa del Po nel territorio di Reggio Emilia e una a Comacchio, la piccola Venezia sul Delta del Po. Gli operatori potranno scoprire in prima persona le varie modalità ricettive (alberghi, villaggi turistici, agriturismo), con la possibilità di abbinare navigazione a percorsi cicloturistici, visitare aziende di produzione agroalimentare e narrare le tradizioni enogastronomiche locali.
A conclusione di questa fase, arriverà il momento dei veri e propri scambi commerciali, il workshop, sabato 1 ottobre al palazzo Ducale di Guastalla dalle ore 9 alle 13. Per quanto riguarda l'offerta saranno presenti circa 100 aziende dell'offerta turistica italiana di cui circa 70 provenienti dall'Emilia-Romagna.
Anche il pubblico sarà coinvolto in questa manifestazione. Tanti gli eventi in programma durante questo lungo week end, aperti a tutti: navigazioni gratuite lungo il Po, tour guidati in bicicletta, incontri, convegni e mostre a tema.

«Quella sul grande fiume italiano per antonomasia è un'esperienza di vacanza a 360 gradi– sottolinea Andrea Corsini, assessore Regionale al Turismo- unica nel suo genere, e dal forte appeal sull'attuale scenario turistico internazionale. La Borsa presentata oggi ne costituisce la vetrina ideale e permette a tour operator da tutta Europa di vivere in prima persona i diversi volti della vacanza sul Po, grazie agli educational tour in programma, e di incontrare poi l'offerta turistica regionale, secondo una formula vincente che di edizione in edizione sta sempre più valorizzando il turismo fluviale dell'Emilia-Romagna».
"Il turismo fluviale e del Po– dice Stefano Bollettinari, direttore Confesercenti Emilia-Romagna– deve essere sempre più una nuova frontiera del turismo regionale e nazionale se vogliamo contribuire ad aumentare il peso economico del settore e la destagionalizzazione. C'è una nuova domanda turistica che ama vacanze slow, contatto con la natura, enogastronomia tipica, cicloturismo e altre attività sportive, che va intercettata con un'offerta sempre più diversificata e di qualità; per fare ciò è imprescindibile una maggiore attenzione all'ambiente, ai servizi e alle infrastrutture sul territorio e ai trasporti",

Il turismo lungo il Po in numeri

Nel 2015, i 445 comuni dell'area del Po hanno totalizzato 2,8 milioni di arrivi e 9,9 milioni di presenze, di cui 695.704 arrivi e 3.493.044 presenze in Emilia-Romagna, (fonte Cst, Centro studi turistici).
L'asse fluviale del Po bagna 4 regioni (Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto), 13 province e 445 comuni. Questi ultimi nel 2015 hanno registrato il 67% di arrivi e il 64,5% di presenze nazionali (con il 33% di arrivi e 35,5% di presenze straniere).
Analizzando il totale del movimento turistico delle province interessate, l'incidenza dei flussi turistici in questi comuni dell'area Po è stata, nel 2015, rispettivamente del 45,9% per gli arrivi e del 54% delle presenze. La capacità ricettiva dell'intera area del fiume Po consta di 4.158 tra esercizi alberghieri ed extralberghieri, per complessivi 114 mila posti letto (in Emilia-Romagna 670 esercizi ricettivi e 45.588 esercizi ricettivi).

(Fonte: ufficio stampa Regione ER)

Pagina 6 di 14