Visualizza articoli per tag: territorio Sassuolo

Se non si sapesse la reale mansione, si potrebbe pensare alla presentazione di un calciatore: fisico asciutto, giovane età, rughe "quanto basta". In realtà il Sassuolo ha ufficializzato il suo nuovo allenatore. È Cristian Bucchi, ex tecnico del Perugia, classe 1977. A lui il compito di non fare rimpiangere Eusebio Di Francesco che, in cinque stagioni, ha portato i neroverdi alla realizzazione del sogno europeo.

OPPORTUNITÀ DA NON PERDERE - Il nuovo mister non si è dimostrato imbarazzato davanti alle telecamere nonostante il fatto che, in cuor suo, avesse ben presente il valore dell'avventura che sta per cominciare: "Il Sassuolo in questi anni ha saputo costruire una sua storia, raggiungendo alti livelli. Ha uno stile preciso. La mia volontà é quella di continuare su questa line". Poi parla con maggiore precisione della sua proposta di gioco: "Non amo adattare i giocatori alle mie idee. Un modulo si può interpretare in tanti modi diversi: io pretendo che la squadra giochi bene e che offra un buon calcio".

LA ROSA - Si sofferma poi su alcuni singoli: "Magnanelli sarà un punto fermo per me, dentro e fuori dal campo. È il capitano, incarna la storia del Sassuolo. Come lui anche Cannavaro, Peluso e Biondini: atleti che danno il 100% per la squadra". E su Berardi? Cristian Bucchi ha le idee chiare: "Spero che il mio Sassuolo possa usufruire del talento di Domenico. È un capitale per il Sassuolo e per l'Italia. Il desiderio è quello di lavorare con lui e di farne la nostra bandiera".

nuovoallenatore-sassuolocalcio.jpg

EUSEBIO DI FRANCESCO - Da Eusebio a Cristian. Il passo non è poi così lungo quanto può sembrare a prima vista: "Me ne rendo conto: ho un'eredità pesante ma stimolante. Di Francesco ha fatto la storia di questo club: è un mio grande amico. Non ho avuto ancora modo di parlare con lui ma presto ci sentiremo. Non sono preoccupato per il mercato: chi resterà al Sassuolo sarà convinto e motivato. Questa è l'unica cosa che conta. Faremo le giuste valutazioni con la società e creeremo una rosa competitiva".

GIOVANNI CARNEVALI - L'amministratore delegato della realtà neroverde, Giovanni Carnevali, ha voluto ribadire il valore di Cristian Bucchi: "È stata la nostra prima scelta. Una scelta nel segno della continuità. Sono convinto che ci aspetti una stagione divertente. I cambiamenti possono portare novità piacevoli. Il progetto Sassuolo proseguirà sulla stessa linea delle stagioni scorse. Desideriamo migliorare anche e soprattutto sotto il punto di vista dei risultati sportivi. Manterremo la base della nostra squadra. Magnanelli è la nostra bandiera . Abbiamo ufficializzato il rinnovo del contratto ora ma il discorso era già stato chiuso nel momento in cui si era infortunato in campionato. Il capitano resterà altri 2 anni con noi".

Pietro Razzini

Pubblicato in Calcio Modena

Sabato 10 giugno, presso la Sala Espositiva della Galleria Incontro a Casalgrande (RE) la presentazione del libro di Daniela Ori illustrato con 20 dipinti della pittrice sassolese che interpreta le liriche e le diverse sfaccettature dell'animo femminile.

Di Manuela Fiorini

Dall'incontro di due donne, una poetessa, l'altra pittrice, nasce "Il giorno che non c'è" (Edizioni Artestampa), la raccolta di liriche di Daniela Ori illustrato da venti dipinti dell'artista sassolese Beatrice Riva. Una piccola e preziosa opera d'arte, che sarà presentato oggi, sabato 10 giugno, alle 17.30, presso la Sala Espositiva della Galleria Incontro, in Piazza Ruffilli 2, a Casalgrande di Reggio Emilia, nell'ambito dell'evento Tra pittura e poesia. Il volume si divide in sette parti, come le note di un pentagramma: Amore, Magia, Donna, Ricordi, Figlia, Incanto, Ironia. Ogni sezione conta sette poesie più la lirica conclusiva, che dà il titolo all'opera. Ogni gruppo è introdotto da un commento dello scrittore Fabio Clerici e da un dipinto di Beatrice Riva, che ha curato anche la copertina.

L'abbiamo intervistata.

Beatrice_Riva.jpg

"Quando hai iniziato a dipingere?
Disegno e coloro da quando ero piccolissima, ma ho adottato lo stile e la tecnica attuali dal 2010, frequentando per qualche anno corsi di pittura".

A che cosa ti ispiri per realizzare i tuoi dipinti?
"Ho sempre prediletto la figura umana, in particolar modo quella femminile, ma da quando ho iniziato a dipingere ad olio mi sono interessata anche alla figura maschile, in quanto essendo anatomicamente più possente, si presta molto bene per rendere i volumi e i contrasti di luce e ombra. I miei soggetti sono protagonisti di scene prevalentemente simboliche, allo scopo di rappresentare i molteplici aspetti dell'animo umano, anche quelli più nascosti. Si evidenzia l'imperfezione dell'uomo, il suo essere incompleto ma, a tempo spesso, traspare la speranza di ricongiungersi alla sua vera essenza. Negli ultimi tempi ho esteso la mia ricerca anche a soggetti animali, cercando di dar loro una potenza sufficiente a suscitare comunque delle emozioni che giungano in profondità nell'animo di chi osserva".

Quali tecniche utilizzi? Ce n'è una che preferisci?
"La mia tecnica prediletta consiste nell'uso dei colori a olio, che mi consentono di ottenere i migliori risultati nelle sfumature e nella resa della plasticità del corpo umano. A questi talvolta abbino acrilici e pastelli, per evidenziare i tratti o per aggiungere quegli elementi di "disturbo" che conferiscono alla figura il quel risultato "imperfetto" che desidero ottenere. Per un periodo ho utilizzato anche la pellicola trasparente, fissata al supporto mediante colla vinilica e fuoco e poi colorata, integrandola al dipinto esistente per coprire parzialmente la scena con un effetto materico. Il supporto è prevalentemente la tela, ma uso anche tavole in legno e carta".

dipinto-beatriceriva.jpg

Come hai scelto i dipinti per rappresentare le varie sezioni in cui è suddiviso "Il giorno che non c'è" di Daniela Ori?
"Li abbiamo scelti insieme io e l'autrice, ed è stato semplice e naturale. I dipinti esistevano già, non sono quindi stati realizzati appositamente, ma hanno potuto adattarsi perfettamente ai temi trattati dalle poesie grazie alla forte sintonia che ci unisce".

I tuoi quadri spiccano per l'uso del colore e per l'intensità degli sguardi delle protagoniste femminili. Come definiresti la tua arte?
"Potrei definirla, come qualcun altro ha già fatto, "scomoda", nel senso che proprio grazie alla forza, all'intensità degli sguardi, ma anche delle figure in generale, la mia arte invita a porsi domande, guardarsi dentro, cercare una libertà lontana dai condizionamenti e le convenzioni culturali che ci danno una sicurezza senz'altro illusoria, ma che fatichiamo a voler abbandonare. Le emozioni suscitate dai miei dipinti potrebbero quindi non essere sempre positive, ma una volta comprese è possibile passare oltre e proseguire il percorso verso una vita più autentica".

beatriceriva-incontro10giugno2017.jpg

Le liriche de "Il giorno che non c'è" saranno interpretate da Daniela Ori, Daniele Biagioni e Paola Morandi. L'evento, a ingresso libero, è promosso dal Comune di Casalgrande in collaborazione con l'Associazione I Semi Neri (www.semineri.it).

Pubblicato in Cultura Emilia

Sport. Campionato Primavera Tim 2016/2017 "Trofeo Giacinto Facchetti": il meglio del calcio giovanile torna in Emilia-Romagna. Dal 4 all'11 giugno negli stadi di Carpi, Sassuolo e Reggio Emilia. Il sottosegretario Rossi: "Un evento che dà valore e consolida il rapporto con il territorio". Calcio d'inizio a Sassuolo per Juventus-Sampdoria con una importante novità: per la prima volta in una gara di calcio ufficiale italiana arriva il Var (Video assistant referee).

Bologna, 29 maggio 2017

Tornano le finali del grande calcio giovanile in Emilia-Romagna. Dal 4 all'11 giugno gli stadi di Carpi, Sassuolo e Reggio Emilia ospiteranno le final eight del Campionato Primavera Tim 2016/2017 "Trofeo Giacinto Facchetti".

Alla presentazione della fase finale del torneo, che si è svolta stamani nella sede della Regione, erano presenti il sottosegretario regionale alla Presidenza, Andrea Rossi, il direttore generale Lega Serie A, Marco Brunelli, l'ad e direttore generale U.S Sassuolo Calcio, Giovanni Carnevali e l'ex arbitro internazionale e dirigente arbitrale, Roberto Rosetti.

"Le finali del Campionato Primavera tornano in Emilia-Romagna per la seconda volta- afferma Rossi-, un evento che dà valore e consolida il rapporto con il territorio e ci permette di raccontare le ricchezze e le eccellenze dell'Emilia-Romagna, a partire dal cibo, le Città d'arte, il wellness e la Motor valley".

"Torniamo con grande gioia a Reggio Emilia, Carpi e Sassuolo- ribadisce Brunelli- dove abbiamo già trovato accoglienza e spettacolo. La qualità sportiva delle otto squadre che giocheranno è molto alta. E poi quest'anno c'è una importante novità: queste saranno le prime gare ufficiali in Italia a essere disputate con la "moviola" in campo".

Il Var (Video assistant referee) accompagnerà le fasi finali, che per questo vedranno in campo arbitri di Serie A, con un obiettivo, ricorda Rossetti: "minima interferenza per un massimo beneficio. Il Var va visto come un'assicurazione, un paracadute a servizio dell'arbitro al fine di riportare la giustizia in campo". Il protocollo di applicazione, già utilizzato da 14 nazioni, è unico per la Fifa e in tutto il mondo.

"Il nostro impegno è rivolto ai giovani- aggiunge Carnevali- e il nostro interesse è di proseguire nel cammino e ospitare grandi eventi".

Al termine della presentazione si è svolto il sorteggio per gli abbinamenti.
Questo il tabellone:
> il 4 giugno 2017 alle ore 15.30 si affronteranno a Sassuolo Juventus e Sampdoria, mentre alle 20.45 a Carpi sarà Fiorentina-Atalanta. Le vincenti si sfideranno a Reggio Emilia il 7 giugno alle ore 20.45.
> il 5 giugno 2017 alle ore 17 Inter-ChievoVerona giocheranno a Sassuolo e alle 20.45 a Carpi sarà la volta di Roma-Lazio. Le vincenti si sfideranno a Reggio Emilia l'8 giugno alle ore 20.45.
La finale si disputerà a Reggio Emilia l'11 giugno alle ore 18./BB

(Fonte: Regione ER)

Lunedì, 15 Maggio 2017 11:15

Geoesplorazione in bicicletta con voci narranti

Il Comune di Sassuolo, in collaborazione con il Consorzio di Bonifica dell'Emilia Centrale e Confindustria Ceramica, organizza un'escursione in bicicletta per conoscere la storia e le caratteristiche dei "luoghi d'acqua" del nostro territorio.

E' disponibile per la consultazione il programma dettagliato della giornata in allegato scaricabile qui sotto.

E' gradita l'iscrizione contattando l'URP del Comune tel. 0536 880 801 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

20MAGGIObiciclettasassuolo.jpg

Pubblicato in Dove andiamo? Modena
Giovedì, 30 Marzo 2017 10:08

Agrobiodiversi a kilometro zero

Continuano le iniziative e lo sviluppo consapevole della Tribù degli Agrobiodiversi che stavolta trova il suo naturale seguito in quel di Sassuolo, provincia di Modena, a testimoniare la versatilità delle Terre Emiliane e la capacità di creare iniziative ben integrate al territorio circostante.

da L'Equilibrista

Si dice che per crescere bisogna fare della strada e che sia bene godersi il percorso in ogni sua forma, perchè solo l'evoluzione porta al progresso.
Gli Agrobiodiversi lo sono per davvero perchè coniugano semplicità e sviluppo collettivo dei loro associati partendo dal giusto compromesso di fare le cose con calma e bene.
Le cene agrobiodiverse, stanno diventando un appuntamento irripetibile e di incontro vero con i produttori locali per dare la giusta spinta verso la conoscenza dei territori e delle migliori pratiche agricole.
L'avventura aveva preso piede alla Torrefazione Gallo proprio a Parma, dove dal 16 Dicembre è possibile trovare prodotti di tanti protagonisti del progetto agrobiodiverso, fra i quali le Aziende: Agriappennino, La Natura e Le Comunaglie.

agrobiodiverso-torrefazionegallo

L'idea delle cene a km zero sta prendendo piede perchè è possibile parlare e scambiare idee direttamente con il produttore, trovando spunti interessanti e modi alternativi di cucinare o degustare, grazie ad un ambiente informale. Mentre si consumano vere prelibatezze locali come: farro, farine, verdura e frutta provenienti dalle nostre ricchissime Terre emiliane, i produttori prendono parte ad una cena conviviale e creano un momento unico di rinnovata conoscenza ricreando un format innovativo che sta interessando tante persone e ne solletica curiosità ed entusiasmi.
Tutti i piatti sono frutto di ingredienti semplici e tradizionali che troppo spesso sono stati poco e mal valorizzati a causa del selvaggio imperversare delle grandi distribuzioni e delle mode degli anni novanta ma che da oggi, ritrovano slancio sulle tavole di tutti i giorni e valorizzano i palati che vogliono parlare il linguaggio della Terra.
Oggi il futuro attinge dal passato, già molti ambiti dal tecnologico al medicale, alla stessa viticultura moderna, hanno riscoperto tecnologie del passato e reinventate su pianificazioni e strutture moderne, questo perchè si è capito che la chiave di volta deve essere il piacere di riscoprire ed apprezzarle a pieno le nostre origini e reinventarle in chiave moderna.

agrobiodiverso

Il menù è variegato e per la serata di Sassuolo prevederà:

Antipasto
Bruschette con salsa del contadino - Azienda Il ciliegio
Torta salata – Azienda Antico mulino Cadonega

Primi
Fagottini di farina di castagne ripieni di crema di anacardi, zucca ed erbe aromatiche – Azienda Agriappennino
Farro con cavolo nero e nocciole - Aziende Shanti e Prati sal sole

Secondo
Burger di verdure con chips di pastinaca - Azienda Umileterra
Insalatina marinata - Azienda Prati al sole

Dolce
fantasia del bosco - Aziende Agriappennino e il ciliegio
vino lambrusco reggiano - Cantina Il Mello
caffé incluso

Info e prenotazioni DANIELA: 3403084799
C/O GREEN KITCHEN, VIA RADINI IN PANO 248 - SASSUOLO (MODENA)

VENERDì 31 MARZO ORE 20,30
acqua, vino + caffè inclusi 25,00 euro

Pubblicato in Agroalimentare Emilia

Lezioni di cucina con le blogger Chiara Setti e Claudia Casadio presso Scavolini Store Sassuolo Domenica 12 marzo Via Radici in Piano, 34 Sassuolo - dalle 17:00 alle 18:30. Ingresso libero.

Modena, 10 marzo 2017

La creatività delle blogger di iFood non ha confini e domenica 12 marzo sarà possibile vederle all'opera durante lo show-cooking aperto al pubblico presso lo Scavolini Store Sassuolo. Dalle 17:00 alle 18:30 le cucine di design dello store saranno il teatro di lezioni di cucina per tutti gli ospiti. Il pubblico sarà coinvolto dalle blogger Chiara Setti e Claudia Casadio nella preparazione di muffin dolci e salati e potrà scoprire trucchi e consigli ai fornelli.
L'ingresso è libero.

Una ricetta dalle origini europee, il suo nome significa piccola torta soffice...ecco a voi il muffin!
Le iFoodies Chiara e Claudia hanno ideato uno show-cooking vario, per chi non si sa mai decidere tra il dolce e il salato.
Le due ricette prevedono infatti una preparazione in chiave salata ideale come antipasto o appetizer e una dolce, ottima a colazione o per merenda. Mini-muffin salati al pecorino, pomodori secchi e noci per un gusto ricercato e mini-muffin al cioccolato e amarene per i più golosi.

Muffin doppio cioccolato   iFood-sassuolo-cucina

Chiara Setti e Claudia Casadio sono le cuoche amatoriali che condurranno il pubblico in una degustazione dei muffin dal salato al dolce.
Chiara Setti ama la cucina, un modo per rilassarsi, sperimentando diverse ispirazioni per creare piatti indimenticabili per i suoi ospiti. Nel blog La Cucina dello Stivale si trovano suggerimenti interessanti e una particolare attenzione è dedicata alle ricette dolci.
Claudia Casadio, architetto nella vita di tutti i giorni, ha una passione spiccata per la Francia, che è ispirazione di molte sue rivisitazioni culinarie. Nel suo blog La Cuisine Tres Jolie dispensa consigli su come utilizzare i prodotti locali per piatti freschi ed originali e dove gustare il migliore street food in Emilia Romagna, sua regione d'origine.

L'evento si svolge presso lo Scavolini Store Sassuolo che si trova in via Radici in Piano, 34 e copre una superficie di 265 metri quadri; al suo interno si possono scoprire le collezioni per l'arredo cucina e living tra cui Motus, LiberaMente, Favilla, Foodshelf, Diesel Social Kitchen e per l'arredo bagno come Aquo, Lagu, Idro e Rivo. Il sig. Mauro Manfredini - titolare del punto vendita - e tutto il suo staff saprà guidarti nella scelta della soluzione più adatta alle tue esigenze e alla tua casa.

L'evento è parte del progetto Scavolini "iFood inStore", un blog tour in 100 tappe, organizzato in collaborazione con iFood, che coinvolgerà gli Scavolini Store d'Italia che, per l'occasione, offriranno ai cittadini un'esperienza gourmet, tra buon cibo e design, tutta da gustare.

Muffin salati   iFood-sassuolo-showcooking

SHOW-COOKING "MINI-MUFFIN DOLCI E SALATI"
Via Radici in Piano, 34 Sassuolo
Domenica 12 marzo – dalle 17:00 alle 18:30

Aperto al pubblico, ingresso libero
Al termine del live, sarà possibile degustare e assaggiare le ricette.

Scavolini
Scavolini nasce a Pesaro nel 1961 grazie all'intraprendenza dei fratelli Valter ed Elvino Scavolini e in pochi anni si trasforma da piccola azienda per la produzione artigianale di cucine in una delle più importanti realtà industriali italiane. Nel 1984 Scavolini conquista la leadership del settore in Italia, che tutt'ora detiene.
In poco tempo, ha raggiunto dimensioni considerevoli e oggi dispone di un insediamento industriale che, a livello di Gruppo, raggiunge i 240.000 mq (di cui 110.000 coperti) dove lavorano oltre 660 dipendenti. Il risultato dell'impegno aziendale è dimostrato dal fatturato di Gruppo, che ha superato nel 2015 i 200 milioni di euro. Inoltre, l'indotto costituito dai fornitori di parti componibili, che negli anni è cresciuto attorno all'Azienda, è oggi una realtà importante per il territorio locale.

iFood.it - Quando i blogger ci mettono la faccia e si sporcano il grembiule
iFood.it è la nuova realtà editoriale nativa del Web, che raccoglie in un unico sito oltre 280 food-blogger. La passione dei blogger, unita all'esperienza nell'editoria digitale di NetAddiction, attivo nel settore da oltre 15 anni, ha dato vita al nuovo portale e a un network che racconta il cibo come un'esperienza che si condivide attraverso la fotografia, il viaggio e i libri. Trasformare l'infinito amore per il cibo di chi cucina per passione in contenuti editoriali di eccellenza è la sua mission. iFood.it raggiunge ogni mese più di 1 milioni di utenti unici e oltre un milione di utenti attraverso i social network.

Pubblicato in Dove andiamo? Modena

Allontanato dal territorio nazionale un marocchino di 25 anni ritenuto pericoloso per la sicurezza pubblica. Comportamenti a rischio proselitismo e radicalizzazione religiosa all'interno della Casa Circondariale di Modena dove aveva espiato una pena detentiva.

Modena, 10 marzo 2017

E stato eseguito nel pomeriggio di ieri, con volo dall'aeroporto di Bologna, il rimpatrio di un cittadino marocchino M.C. di 25 anni da tempo dimorante a Sassuolo, clandestino e ritenuto pericoloso per l'ordine e la sicurezza pubblica.
L'uomo, con precedenti per reati contro il patrimonio, era stato scarcerato nel novembre del 2016 e risultava segnalato per comportamenti a rischio proselitismo e radicalizzazione religiosa all'interno della Casa Circondariale di Modena dove aveva espiato una pena detentiva.
Dopo la scarcerazione si era recato a Sassuolo a casa di parenti dove personale della Digos lo ha individuato e segnalato per l'allontanamento dal territorio nazionale.
In stato di clandestinità e già destinatario di decreto di espulsione emesso dal Prefetto di Modena, il 7 marzo scorso, M.C. alle 17 di ieri scortato due agenti della Questura è stato rimpatriato in Marocco su un volo in partenza da Bologna.

Pubblicato in Cronaca Modena
Giovedì, 23 Febbraio 2017 15:37

Modena, tragico incidente: perde la vita una 21enne

Scontro sulla superstrada Modena-Sassuolo. Inutile l'intervento di Vigili del Fuoco e 118. Maria Bassani, di 21 anni, domiciliata a Sassuolo è morta sul colpo.

Modena, 23 febbraio 2017

Il terribile scontro è risultato fatale per Maria Bassani, di 21 anni, domiciliata a Sassuolo. La ragazza è morta questa mattina, poco prima delle 6, a causa dell'incidente tra la sua auto, una Fiat Panda e un camion, sulla bretella Modena-Sassuolo, tra le uscite di Magreta e Baggiovara. I due mezzi sono usciti di strada finendo in un campo. L'auto su cui viaggiava la giovane è stata completamente schiacciata dal tir. Sul posto i vigili del fuoco che hanno estratto il corpo della giovane dalle lamiere, inutile purtroppo l'intervento del 118. Per il conducente del mezzo pesante solo qualche ferita. La stradale indaga sulla dinamica dell'incidente.

Pubblicato in Cronaca Modena
Martedì, 17 Gennaio 2017 12:20

A Sassuolo al via "Nonni in rete"

Al via "nonni in rete" il progetto di alfabetizzazione digitale promosso da Poste italiane e mondo digitale. Il corso di formazione che ha preso il via nelle aule informatiche dell'IIS Alessandro Volta a Sassuolo, prima città della provincia di Modena ad accogliere il progetto.

Modena, 17 gennaio 2017

Si chiama "Nonni in Rete. Tutti giovani alle Poste" il corso di formazione che ha preso il via ieri (16 gennaio) nelle aule informatiche dell'IIS Alessandro Volta a Sassuolo, prima città della provincia di Modena ad accogliere il progetto, al quale hanno aderito 18 partecipanti sassolesi.
Il programma prevede 15 lezioni della durata di due ore ciascuna, tenute da un docente affiancato da 27 studenti, che forniranno agli anziani le competenze necessarie per utilizzare le nuove tecnologie. Con questo programma di alfabetizzazione digitale Poste Italiane sottolinea anche il contributo vincente dei giovani nel combattere l'esclusione sociale e tecnologica degli italiani over 65.
Il progetto gratuito di alfabetizzazione digitale è promosso da Poste Italiane e Fondazione Mondo Digitale, per insegnare ai più anziani l'uso di Internet e introdurli alla cultura digitale.
Punto di forza di "Nonni in Rete" è l'alleanza strategica tra Poste, sensibile alla sfida delle pari opportunità di accesso ai nuovi servizi, Fondazione Mondo Digitale, impegnata nella diffusione delle nuove tecnologie tra le fasce più deboli della popolazione, e la scuola, la più grande infrastruttura sociale del paese. Insieme hanno deciso di aiutare i cittadini più anziani a familiarizzare con gli strumenti telematici e i servizi di e-gov. L'iniziativa, che promuove la vita attiva della terza età e agevola l'inclusione dei cittadini nelle trasformazioni dell''economia digitale, valorizza il contributo vincente dei giovani per combattere l'esclusione sociale e tecnologica degli italiani ultrasessantacinquenni e ridurre il divario digitale intergenerazionale.

(Fonte: Poste Italiane)

"Nonni in Rete": progetto gratuito di alfabetizzazione digitale per over 65. L'iniziativa promossa da Poste Italiane e Fondazione Mondo Digitale si svolgerà in 20 città italiane, tra cui Sassuolo.

Modena, 23 novembre 2016 –

In Emilia Romagna è Sassuolo la città prescelta, fra le 20 località in tutta Italia (una per ogni regione) per la seconda edizione di "Nonni in Rete, tutti giovani alle Poste". Il progetto gratuito di alfabetizzazione digitale, promosso da Poste Italiane e Fondazione Mondo Digitale, riparte per insegnare ai più anziani l'uso di Internet e introdurli alla cultura digitale. La comunicazione in mobilità, l'uso più efficace di smartphone e tablet e la capacità di sfruttare al meglio una App non avranno più segreti per gli over 65.

Per informazioni e prenotazioni i cittadini sassolesi (e del circondario) interessati possono contattare il call center dedicato al numero 06-42014109 (Interno 1). Il servizio è già attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18.

Punto di forza di "Nonni in Rete" è l'alleanza strategica tra Poste, sensibile alla sfida delle pari opportunità di accesso ai nuovi servizi, Fondazione Mondo Digitale, impegnata nella diffusione delle nuove tecnologie tra le fasce più deboli della popolazione, e la scuola, la più grande infrastruttura sociale del paese. Insieme hanno deciso di aiutare i cittadini più anziani a familiarizzare con gli strumenti telematici e i servizi di e-gov. L'iniziativa, che promuove la vita attiva della terza età e agevola l'inclusione dei cittadini nelle trasformazioni dell''economia digitale, valorizza il contributo vincente dei giovani per combattere l'esclusione sociale e tecnologica degli italiani ultrasessantacinquenni e ridurre il divario digitale intergenerazionale.

La precedente edizione di "Nonni in Rete" ha coinvolto 576 anziani, 600 studenti nel ruolo di tutor e 95 coordinatori, tra dirigenti, docenti e tecnici di laboratorio. Il programma prevede 15 lezioni di due ore ciascuna. A disposizione di tutti i partecipanti un ricco kit formativo in manuali, video lezioni e pillole digitali.

(Fonte: Ufficio stampa Poste Italiane)