Visualizza articoli per tag: Ferrari

Domenica, 08 Settembre 2019 18:07

F1, Italia: Leclerc da impazzire

Il monegasco resiste alla pressione di Hamilton e Bottas e trionfa a Monza. Una gara da leggenda per un pilota che entra definitivamente nel Cuore dei ferraristi. Monza, è qui la festa!

di Matteo Landi

Una gara vissuta con una Mercedes a fiatargli sul collo. Braccato nel ruolo della preda, inseguita prima e lungamente dal pluricampione Hamilton, poi per pochi giri da Bottas. Il giovane Leclerc, al primo anno in Ferrari, doveva resistere all'enorme pressione del pubblico ferrarista che, se tutto va bene, può tramutarsi in soddisfazione ineguagliabile. C'è chi dice che vincere sul tracciato brianzolo, da pilota Ferrari, è emozionante come vincere un mondiale. Dopo una gara bellissima, vissuta tutta d'un fiato, Leclerc oggi potrà confermarlo. Ventuno anni, al primo anno in Rosso. Due vittorie consecutive, a Spa e Monza, come un tale Schumacher fece nell'ormai lontano 1996. Quell'anno il tedesco si aggiudicò anche il Gp di Spagna. Ma non è il caso di addentrarci in difficili paragoni. Di pressione, Charles, ne ha già abbastanza. A giudicare da come si è comportato oggi si può dire che la regga estremamente bene.

Hamilton prima, Bottas dopo. Leclerc resiste alla pressione dei piloti Mercedes e trionfa

Hamilton è stato costantemente una spina del fianco della Ferrari n° 16. Con un distacco sempre inferiore ai due secondi. Nulla però ha potuto contro il giovane pilota della squadra di Maranello, abile a resistere con forza nell'unico attacco subito. Troppa, per i commissari, che gli hanno esposto una bandiera bianco-nera: un'altra infrazione ed avrebbe quanto meno subito una penalità. Il monegasco per un attimo ha perso anche la vettura, arrivando lungo alla prima variante, sotto il peso asfissiante della presenza di Hamilton. Cinque mondiali dell'inglese contro gli zero sul palmarès del pilota Ferrari, al secondo anno di F1. Nonostante la maggiore esperienza e blasone l'errore decisivo è arrivato proprio dal pilota Mercedes, al 42esimo giro. Un sospiro di sollievo per Leclerc? Neanche per sogno! Ecco Bottas, pronto a subentrare nel pressing asfissiante. Il pilota monegasco, spesso taciturno durante la gara, è diventato una dolce cantilena per il suo box, costretto ad aggiornarlo costantemente sui giri rimanenti e sul distacco da Bottas. Sempre troppo vicino. Fino a quella tanto bramata bandiera a scacchi che oggi ha consacrato un campione. Un pilota in grado di emozionare e di farsi perdonare quell'egoismo che, sabato, gli ha fatto conquistare una strepitosa pole position ma anche qualche sgradevole polemichella. Avrebbe dovuto aiutare Vettel, fornendogli la scia. Non gli è riuscito, ma quanto accaduto nell'ultima fase del terzo segmento delle prove ufficiali, la melina di tutti i piloti all'inizio dell'ultimo giro di lancio sullo scadere del tempo, gioca a suo favore. Comunque sia, dopo una vittoria del genere, l'episodio del sabato non può gettare ombre su un weekend memorabile. Il suo, perchè quello del titolato compagno tedesco è stato decisamente da buttare.

Leclerc da favola, Vettel da incubo

Qualcuno sul web lo chiama "la girella". Appellattivo ingeneroso, ma se questo accade un motivo ci sarà pure. Dispiace parlare in questi termini di un campione affermato ma qualcosa deve essere sicuramente scattato nella mente di Vettel. Da Baku 2017, giorno della famosa ruotata ad Hamilton, il pilota Ferrari è incappato in una serie di disavventure piuttosto preoccupanti. Per lui, per i fan della Rossa e per la dirigenza del Cavallino, che lo paga profumatamente. Una trentina sono i milioni di stipendio che ballano fra quanto percepito dai due piloti ai servizi di Mattia Binotto. A vantaggio, ovviamente, del quattro volte campione del mondo Vettel. Ed oggi questa differenza in pista non si vede, anzi. Quando il tedesco al 6° giro è andato in testacoda sono sfumati i sogni di doppietta, bramati dal Team Principal del Cavallino. Onestamente l'obiettivo sarebbe stato comunque difficile da raggiungere ma, dopo l'errore imperdonabile compiuto da Vettel alla Variante Ascari, Leclerc si è ritrovato da solo a lottare contro i due bolidi d'argento. Poteva essere l'ennesima disfatta Ferrari, dopo quella subita lo scorso anno, invece la tenacia di Leclerc ha regalato una gioia che i tifosi della squadra italiana attendevano dal 2010, quando Alonso tagliò per primo il traguardo e festeggiò sopra il podio più bello del mondo. La gioia di Leclerc, in bambola davanti alla Marea Rossa, lo testimonia ancora una volta.

 Monza1

Che Giovinazzi!

Gli italiani possono gioire anche per la bella prestazione fornita dal pilota tricolore Antonio Giovinazzi. Con un Raikkonen stavolta fallace, soprattutto in prova, e penalizzato da un imbarazzante errore compiuto dal suo box, colpevole di avergli montato in partenza un set errato di pneumatici, il pilota di Martina Franca è stato la punta di diamante del team italo-svizzero. Realizzando un nono posto, al termine di una gara solida, che gli rende due punti iridati. 8 settembre 2019, Ferrari in trionfo ed un pilota italiano in top ten: l'Italia s'è desta!

Renault risorge

Leclerc, Bottas, Hamilton, Ricciardo e Hulkenberg, recita la classifica finale. Trionfo Rosso a parte c'è da rimarcare anche la bella gara dei due piloti Renault. Sulla pista iperveloce di Monza i due ottimi piloti in giallo hanno finalmente potuto contare su una vettura decente. Ed i risultati sono arrivati. A dimostrazione che il buon Hulkenberg non è un bollito ed il campione australiano resta comunque, appunto, un gran pilota.

Una lunga settimana di emozioni. Prossima tappa Singapore

Dal Belgio alla Brianza, quante emozioni. Due domeniche tinte di Rosso, grazie ad un Leclerc che è stato capace di sfruttare la prestazione che le Ferrari regalano sui tracciati più veloci. Fra due settimane il Grande Circus farà tappa a Singapore. Lì per gli arceri Ferrari sarà più difficile raggiungere certe vette. Nessuna fretta, comunque, per adesso: il sapore della vittoria è tanto dolce e vale la pena assaporarlo a dovere.

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 01 Settembre 2019 18:51

F1, Belgio: Leclerc nel nome di Hubert

A Spa la Ferrari chiude finalmente un digiuno di vittorie che durava da quasi un anno. Leclerc resiste ad Hamilton e raggiunge un meritato successo, spinto dal pensiero dell'amico Anthoine che non c'è più. Solo quarto Vettel, battuto anche da Bottas.

di Matteo Landi

Negli ultimi giri ha tirato fuori tutto quello che aveva. Braccato dal rimontante Hamilton, un piccolo errore ed avrebbe visto sfumare quel successo che almeno due volte quest'anno era andato vicino a cogliere. Voleva dedicarlo ad Hubert, deceduto il giorno prima durante la gara di F2. Oggi niente avrebbe potuto frapporsi fra Leclerc ed il podio più alto. Che, terminata la gara, lo ha ospitato. Commosso, neanche un sorso di champagne. Chissà come aveva immaginato il momento che ha rincorso per tutta la vita. Certo non così. Ma proprio oggi non doveva sfuggirgli, per poter onorare nel migliore dei modi il ricordo dell'amico che non c'è più. F1 e F2, due categorie al top del motorsport, con standard di sicurezza elevatissimi, non più abituate a questi tragici momenti. Due gruppi di piloti che hanno vissuto un weekend surreale.

Il terribile schianto e la notizia: Hubert non ce l'ha fatta. F2 e F1 rivivono momenti quasi dimenticati

Anthoine Hubert aveva 22 anni. Quando ieri pomeriggio è arrivata l'ufficialità del suo decesso il mondo del Circus si è catapultato in una dimensione quasi dimenticata. Halo, collare Hans e crash-test sempre più severi, ci si era quasi illusi che la tragedia di Bianchi, morto il 17 luglio 2015 dopo nove mesi di coma in seguito al terribile incidente di Suzuka 2014, potesse essere l'ultima. Le vetture di F2 hanno raggiunto livelli di sicurezza analoghi a quelli della sorella maggiore F1. Niente ha potuto però salvare la vita a Anthoine, schiantatosi nelle barriere e centrato dall'incolpevole Juan Manuel Correa. Quest'ultimo, al centro dei pensieri dei suoi cari, è ricoverato in terapia intensiva dopo aver subito fratture ad entrambi gli arti inferiori oltre a lesioni spinali. Sono queste le nubi che hanno oscurato il Gp del Belgio di F1 che ha riconsegnato alla Ferrari una vittoria che mancava dal 21 ottobre dello scorso anno, quando Raikkonen tagliò per primo il traguardo ad Austin. Quasi un anno di speranze ma anche di sconfitte. Adesso il ghiaccio è rotto. Soprattutto per Leclerc, che a Spa ottiene la sua prima vittoria in carriera.

Leclerc: finalmente vittoria, ma i pensieri erano altrove

La pole position ottenuta sabato, poco prima della tragedia di Hubert, aveva posto il monegasco di casa Ferrari nel ruolo di favorito alla vittoria. Al termine delle qualifiche la classifica registrava ben sette decimi di distacco fra il poleman e Vettel, secondo appena davanti a Hamilton. In gara però Charles ha dovuto fare i conti con una Ferrari meno gentile con gli pneumatici rispetto alle Mercedes. Vettel ha combattuto a lungo con l'inglese, garantendo un buon margine al monegasco, prima di sprofondare in quarta posizione, costretto ad un secondo cambio gomme. Negli ultimi giri Hamilton è rinvenuto come una furia ma Leclerc gli ha concesso quel tanto che gli bastava per assicurarsi la vittoria. Mostrando una maturità impressionante. A differenza del team mate il monegasco non ha mai commesso sbavature rilevanti. Solo un dritto innoquo nella prima parte di gara che non ha alterato gli equilibri. A fine gara è, appunto, arrivata la dedica all'amico che non c'è più. Un weekend che, per tanti aspetti, ha decretato il definitivo raggiungimento della maturità del giovane pilota Ferrari. Sfortunato in Bahrain, quando problemi tecnici gli hanno tolto un successo quasi scontato ed in Austria, quando una ruotata furba di Verstappen lo ha relegato al secondo posto, Leclerc ha finalmente concretizzato il suo sogno, seppur nel contesto che non avrebbe mai immaginato.

Bottas confermato in Mercedes anche per la prossima stagione. Ma Lewis lo batte ancora

Insieme al vincitore sono saliti sul podio Hamilton e Bottas. Quest'ultimo, confermato in Mercedes anche per la prossima stagione, non ha brillato. Il finlandese ha avuto la possibilità di attaccate il cinque volte campione del mondo nei primi km di gara. Hamilton si è difeso e Bottas non ha più avuto modo di riprovarci. Wolff e compagni hanno regalato al finnico ancora una stagione nel top team riferimento per tutti, "parcheggiando" Ocon, oggi terzo pilota Mercedes, in Renault al posto di Hulkenberg che, per il momento, rischia di ritrovarsi appiedato al termine della stagione in corso. Quanto concesso dalla squadra leader del mondiale a Bottas è da vedersi come l'ultima possibilità per un pilota che non è ancora riuscito a compiere quel definitivo salto di qualità necessario per eccellere ai più alti livelli. Intanto in Mercedes si godono Hamilton, oggi secondo ma sempre più vicino al sesto iride.

Red Bull: Albon buon quinto dal fondo del gruppo. Verstappen a muro

Nelle prime posizioni, questa volta, non si è mai affacciata la Red Bull. Con Verstappen subito fuori al primo giro in seguito ad un contatto con Raikkonen, le responsabilità sono passate sulle spalle del giovane Albon. Fresco di promozione ai danni di Gasly, bocciato e rimandato in Toro Rosso. Il londinese che corre con licenza thailandese non ha tradito al debutto nella squadra maggiore. Partito dal fondo della griglia in seguito alla penalità subita per aver montato la quarta power unit stagionale (in luogo delle tre concesse) si è dato da fare compiendo una bella rimonta, culminata nel sorpasso all'ultimo giro con due ruote sull'erba, giungendo quinto davanti al beffato Perez.

Alfa Romeo: weekend amaro

Weekend senza soddisfazioni per Alfa Romeo. Raikkonen ha subito al primo giro il disperato attacco di Verstappen. Con la vettura danneggiata ha terminato la gara in 16esima posizione, non potendo tradurre in punti la bella sesta piazza ottenuta in qualifica. La squadra del Biscione ha riposto così le speranze in Giovinazzi. L'italiano si è reso protagonista della sua gara più bella, fino all'ultimo giro quando si è malamente schiantato contro le barriere. Peccato. Aveva un disperato bisogno di punti, considerando che classifica alla mano non regge il confronto con il blasonato compagno Raikkonen. Si spera che l'incidente non scalfisca il suo morale.

Ed ora tocca a Monza

Da una pista veloce ad una iperveloce. Il prossimo weekend il Circus raggiungerà Monza. Una pista teoricamente favorevole alle Rosse e chissà che i tifosi Ferrari non possano ricevere altre soddisfazioni. Il Grande Circus e le categorie che lo accompagnano lasciano il Belgio con un amico in meno e tanti rimpianti in più. Tanto è stato fatto negli anni in nome della sicurezza ma il destino ricorda che il pericolo è una caratteristica intrinseca del motorsport. Addio Anthoine.

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 04 Agosto 2019 19:00

F1, Ungheria: Budafest Mercedes

A Budapest Hamilton nega la vittoria ad un gran Verstappen. Ferrari sul podio con Vettel che subisce un distacco abissale dal vincitore. Leclerc fregato da una strategia che favorisce il compagno di squadra. A Maranello avranno ora la pausa estiva per leccarsi le ferite.

di Matteo Landi

Ha sfiorato la seconda vittoria consecutiva, l'ottava in carriera. Dopo la bella pole position conquistata sabato, ed una gara da leader, al 67esimo dei 70 giri previsti Verstappen si è visto sopravanzare da Hamilton. La Mercedes ha trovato in Red Bull-Honda l'ostico rivale che fu, lo scorso anno, la Ferrari. Ma, come spesso accadeva la scorsa stagione, quando la competizione si alza di livello Wolff e compagni mostrano gli artigli tenuti nascosti. In Ungheria Hamilton ha soffiato a lungo sul collo del rivale della Red Bull. Con l'olandese, come suo solito, rivelatosi assai arcigno nella difesa della posizione, tanto da costringere Hamilton alla via di fuga al termine di un suo deciso tentativo di sorpasso. Il cinque volte campione del mondo, quasi scoraggiato, ha così chiesto l'intervento del suo box. A circa venti giri dal termine è stato richiamato per un'ulteriore sosta l'inglese sembrava spacciato, obbligato alla seconda posizione finale. Su una pista ad essa congeniale la Mercedes ha mostrato nell'ultima frazione di gara tutta la velocità che può esprimere, se messa nelle condizioni di doverlo forzatamente dimostrare. Negli ultimi giri Hamilton è parso una furia inarrestabile e a pochi chilometri dal termine ha superato Verstappen, spegnendo la gioia dei numerosi tifosi orange presenti in circuito, si è avuta l'ulteriore dimostrazione che questa Formula non può che avere un unico Re ed un'unica Regina, Hamilton e Mercedes. Devastante, solo così si può definire il dominio della squadra anglo-teutonica. La quale, nei primi metri di gara, ha visto Bottas sprofondare in fondo al gruppo a causa del danneggiamento dell'ala anteriore in seguito ad un contatto con la vettura di Leclerc. Bottas è poi giunto ottavo al termine, compiendo una rimonta, su una pista da sempre ostica ai sorpassi, che la dice lunga sul potenziale Mercedes, per altro ben espresso dal quasi sei volte campione del mondo Hamilton. L'inglese è ancora lontano dall'avere la matematica certezza di divenire nuovamente iridato, ma i fatti dicono che non c'è motivo per cui non possa già festeggiare.

Ferrari: un minuto di silenzio

Mercedes contro Red Bull, con Honda capace di fornire alla squadra austriaca una power unit ormai al livello delle avversarie più accreditate. E la Ferrari? Dopo la buona prestazione di Hockenheim a Maranello subiscono una severa doccia fredda. Vedere la prima Ferrari transitare sul traguardo a più di un minuto di distacco dal vincitore è qualcosa che fa male al cuore dei tifosi e di ogni appassionato di Formula 1. Dispiace dirlo, ma se arrivassero le dimissioni di Mattia Binotto non ci sarebbe da stupirsi. Anche nella stagione del sesto titolo Michael Schumacher finì malamente la gara magiara, addirittura doppiato dalla Renault di Alonso. Ma in quella stagione, disputata con una Ferrari non sempre al top, Schumacher riuscì ad accaparrarsi ben sei gare, sfruttando tutte le occasioni buone nel migliore dei modi. Ottenendo poi il titolo. Soddisfazioni che non arriveranno quest'anno, in un campionato che doveva essere trionfale ed invece rischia di passare agli annali come uno dei capitoli meno nobili della storia del Cavallino. Fa discutere anche la gestione dei piloti. Avrebbe meritato il podio Leclerc: aggressivo alla partenza, abile a superare Bottas, e poi costantemente in grado di tenere a distanza di sicurezza il compagno Vettel. Come dimostrato anche in qualifica, il giovane monegasco continua ad essere più veloce del team-mate ma la squadra di Maranello sembra ancora voler seguire quelle gerarchie che ad inizio stagione parevano scontate ed adesso risultano inutili, se non addirittura nocive per l'ambiente Rosso. In Ungheria Binotto e compagni hanno diversificato le strategie dei piloti, ritardando molto la sosta di Vettel che a fine gara si è ritrovato con gomme più fresche. Al 68esimo giro è poi arrivato il sorpasso del tedesco ai danni del compagno. Considerando la (poca) velocità espressa dalle due Rosse, la gara di rimonta di Bottas e la crisi del pilota Gasly (imbarazzante il confronto con il compagno Verstappen), Leclerc e Vettel avrebbero concluso la gara comunque in terza e quarta posizione. Assommando, ai fini della classifica costruttori, gli stessi punti. Con questa scelta strategica a Maranello hanno invece deciso di mescolare le carte a disposizione, consegnando a Vettel, evidentemente ancora considerato caposquadra, un podio che pareva saldo nelle mani di Leclerc. Una scelta dubbia all'interno di uno dei weekend più difficili per la squadra italiana. Adesso arriva la sosta estiva, occasione per Mattia Binotti di una lunga riflessione. Così non va.

Alfa Romeo: Raikkonen è garanzia di punti

Se per la Ferrari si è trattato di un weekend non felice, lo stesso non si può dire della "cugina" Alfa Romeo. Considerando gli obiettivi della squadra italo-svizzera il settimo posto di Raikkonen è oro che luccica. Con il finlandese capace, nel finale, di contenere la rimonta di Bottas. Peccato per la penalità subita al termine del Gp di Germania, altrimenti oggi in Alfa Romeo potrebbero vantare ancor più punti iridati. Il 24 settembre verrà discusso l'appello presentato dalla squadra del Biscione ma nel frattempo arriverà il Gp del Belgio, che si disputerà domenica 1° Settembre, al termine della sosta estiva. L'Alfa non sarà una vettura da vertice assoluto ma il Re di Spa, Kimi Raikkonen, ce l'hanno loro.

Ferrari: le gioie arrivano dall'Academy con la vittoria di Mick Schumacher

All'interno di un weekend che ha consegnato alla Ferrari un podio amaro è arrivata per i fan del Cavallino una gioia dai contorni nostalgici, la prima vittoria in F2 di Mick Schumacher. Il tedesco, figlio del pilota più vincente di tutti i tempi, quest'anno non vincerà il titolo, appannaggio di piloti più esperti, ma ha posto un'altra pietra miliare all'interno di un percorso di crescita che si crede possa portarlo nella massima Formula. Magari al volante di una Rossa, e considerando che fa già parte del Ferrari Driver Academy chissà che il sogno di tanti, prima o poi, non si tramuti in realtà. Con Vettel, Leclerc e Mick Schumacher in panchina, a Maranello, la situazione piloti non rappresenta un problema. A patto di saperla gestire bene, come non sempre accade, vedi questa terribile domenica ungherese. A Spa, su una pista veloce, le Rosse potrebbero tornare competitive. Una vittoria, obiettivo impossibile guardando alle prestazioni espresse oggi, sarebbe un toccasana per l'intero ambiente ferrarista.

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 28 Luglio 2019 21:32

Gp di Germania: un bagno di gloria

Scende la pioggia ad Hockenheim e si accende lo spettacolo. Vince Verstappen, Vettel rimonta dall'ultima posizione. Nel giorno della débâcle Mercedes, e dell'errore di un lanciatissimo Leclerc, vince la Formula 1. Bentornata!

di Matteo Landi

Ad Hockenheim si attendeva l'ennesima cavalcata vincente di Hamilton e Bottas, a sublimare i festeggiamenti per i 125 anni di motorsport della Casa della Stella. L'intero circuito addobbato con striscioni Mercedes, Stelle a tre punte ovunque, persino sulla cartellonistica del podio. Ma quando vuole il destino può essere beffardo, ed oggi lo ringraziamo. A Stoccarda avranno storto la bocca durante un pazzo Gp di Germania che, per lo spettacolo offerto, ha sicuramente riconciliato i fans con il Grande Circus. In un campionato stradominato e sterilizzato dal dominio Mercedes serviva una bella gara bagnata per svegliarci dal torpore. In un weekend in cui è successo veramente di tutto.

Podio inatteso

Il podio finale vede tre piloti belli sorridenti ritirare trofei di dubbio gusto. Verstappen, Vettel e Kvyat hanno i lori buoni motivi per festeggiare. L'olandese è alla settima vittoria in carriera, la seconda con il motore Honda (alzi la mano chi, ad inizio stagione, si sarebbe mai immaginato, non uno, ma addirittura due successi per il costruttore nipponico), Vettel ancora non vincente ma capace di conquistarsi un insperato podio dopo essere partito dalla 20esima posizione e Kvyat in grado di regalare il secondo podio della storia alla Toro Rosso, dopo la vittoria monzese di Vettel nell'ormai lontano 2008. Un podio su cui non è salito nessun pilota Mercedes, entrambi incappati nel loro peggior weekend dell'anno. In quello che è probabilmente il miglior fine settimana per l'intera Formula 1, intesa come sport. Sorpassi, ruotate, colpi di scena, errori clamorosi. Una volta Bernie Ecclestone propose di irrigare artificialmente i circuiti ogni fine settimana di gara. Si trattava di una mera provocazione, in quanto nella democratica Formula 1 era, ed è tutt'oggi, difficilissimo scrivere nuove regole che vadano a favorire lo spettacolo trovando il consenso dei costruttori, focalizzati solamente sugli interessi personali. Ad Hockenheim la pista bagnata, in questo caso non artificialmente, ha regalato tutto lo spettacolo che serviva a questa Formula 1, rimescolando più volte le carte durante i 64 giri di gara. Provocando tanto nervosismo nel box Mercedes, altrimenti lanciata verso l'ennesima vittoria, e molta delusione in quello Ferrari, quando Leclerc, velocissimo nella prima parte di gara, si è schiantato contro le barriere mentre la sua Ferrari montava gomme da asciutto su pista ancora umida.

Ferrari, affidabilità carente ma ritrova Vettel. Un podio che regala ossigeno. Leclerc, che peccato!

A Maranello non hanno certo facilitato la vita ai loro piloti, costretti a rincorrere dopo un sabato a dir poco disastroso. Con entrambe le Rosse ammutolite all'interno del box per problemi tecnici Vettel non è riuscito a compiere neanche un giro cronometrato e Leclerc si è ritrovato costretto ad abbandonare la lotta per la pole position prima che iniziasse il Q3. Morale: ventesima posizione in griglia per il tedesco, decima per il monegasco. In gara, mentre Leclerc rimontava furiosamente fino a candidarsi per la vittoria, il plurititolato compagno arrancava, non riuscendo a tenere il passo dell'Alfa Romeo di Raikkonen. Dopo l'errore di Leclerc e con l'asciugarsi della pista tutto è cambiato per il quattro volte campione del mondo. Quando a pochi giri dalla fine è entrata in pista l'ultima safety car, in seguito all'errore di Bottas, stampatosi contro il muro, Vettel si è ritrovato fra le mani la vettura più veloce del lotto. Come dimostrato nelle prove libere del venerdì, disputate su asfalto asciutto, la Ferrari ha finalmente messo in mostra quello che era il suo reale potenziale e Vettel dalla quinta posizione è risalito alle spalle del vincitore Verstappen. Poteva essere una domenica veramente trionfale per la Ferrari ma a Maranello possono festeggiare la ritrovata fiducia del quattro volte campione del mondo, oltre a confidare nel fatto che per il futuro possono contare su un cavallino di razza come Leclerc. Oggi ha sbagliato, come Hamilton, Bottas, Hulkenberg e tanti altri. Ma è più facile perdonare l'errore di un pilota che si trova al secondo anno nella massima formula.

Hamilton: il giorno degli errori. Bottas: occasione persa

Pareva impossibile ma siamo a commentare errori compiuti da Lewis Hamilton. Poco male per le sue ambizioni iridate: fosse successo l'anno scorso, all'interno di un campionato più "tirato" (ma accadde a parti invertite, con Vettel a muro) sarebbe stata una disgrazia, ma quest'anno non gli cambia una virgola ai fini della classifica. Tanto più che anche Bottas è uscito a zero punti dal weekend germanico. Tuttavia fa sensazione che un pilota come l'inglese sia riuscito a mettere insieme tanti sbagli in una sola gara. Nell'ordine: va a copiare l'errore di Leclerc, uscendone con solo l'ala anteriore danneggiata, incappa in una penalità per essere entrato in modo scorretto in corsia box, per ultimo compie un testacoda a velocità elevata distruggendo gli pneumatici. Nel mezzo tante sbavature. Bottas avrebbe potuto accorciare sensibilmente il suo distacco in classifica iridata. Ed invece sbatte violentemente contro il muro. Morale: il finlandese non coglie l'occasione di passare dal ruolo di gregario di lusso a quello di contendente per il titolo e Mercedes esce da Hockenheim con due miseri punti artigliati. Sarebbero stati zero senza la penalità ricevuta dopo il termine della gara dal duo Alfa Romeo. Considerando quello che significava questo weekend per la Casa di Stoccarda, beh....dalle stelle alle stalle.

Verstappen, Red Bull e Honda. Chi l'avrebbe mai detto?!

Ha brillato invece la Stella di Verstappen. Anche lui incappato in un testacoda, senza però conseguenze per la sua monoposto. L'olandese è ormai una delle certezze della Formula 1 e, non a caso, l'unico capace di spezzare il dominio Mercedes 2019. Pochi mettono il luce il fatto che Red Bull stia vincendo con power unit Honda. I giapponesi hanno raggiunto livelli di performance assolutamente impensabili fino allo scorso anno. Nei quali non hanno creduto in McLaren durante tre lunghi anni di delusioni, necessari ad Honda per avvinarsi alle prestazioni di Mercedes, Ferrari e Renault.

Outsider in festa. Alfa Romeo, top ten poi la bruciante penalità.

Si è trattato di un weekend da ricordare anche per Stroll, quarto grazie ad una strategia impeccabile, e per Albon, sesto. Avevano festeggiato anche in Alfa Romeo. Raikkonen in qualifica era riuscito a conquistare un'incredibile quinta posizione. In gara è stato anche fra i primi tre, prima di sprofondare fuori dai punti a causa di un pit stop effettuato troppo tardi. Alla fine era riuscito a strappare una settima posizione finale, portandosi dietro un Giovinazzi più che convincente. La gioia del box italo-svizzero è però durata poche ore: entrambi si sono visti aggiungere ben 30 secondi sul loro tempo di gara, finendo fuori dai punti. I commissari hanno rilevato delle irregolarità durante la procedura di partenza dei piloti della squadra del Biscione. Una brutta batosta, anche di immagine. Non mancheranno, certamente, opportune spiegazioni da parte della squadra. A beneficiarne Hamilton, che risale così in nona posizione e Kubica, al primo punto iridato dopo il rientro in F1.

Prossima tappa: Ungheria

Dopo un avvincente Gp di Germania il prossimo weekend il Circus farà tappa in Ungheria, su una pista angusta e lenta, in cui Mercedes dovrebbe tornare a farla da padrona. Usiamo il condizionale però, perchè anche in un campionato monocolore come quello in corso, le sorprese non sono da escludere. Hockenheim insegna.

Pubblicato in Motori Emilia

Hamilton vince e per Mercedes sono nove centri su dieci gare stagionali. Leclerc, terzo, entusiasma e conferma essere il futuro della Formula1. Disastro Vettel: è 15esimo. Bene Raikkonen.

di Matteo Landi

Mancassero le due Mercedes parleremmo di una delle stagioni di F1 più emozionanti di sempre. Ma la vincitutto dell'era turbo-ibrida c'è e continua imperterrita la sua marcia trionfale. A Silverstone le battaglie in pista ci sono state, eccome. Sorpassi e controsorpassi, ruotate, frenate al limite. Dalla terza piazza in giù le posizioni sono rimaste incerte per tutti i 52 giri di gara. La vittoria è stata invece un affare conteso fra i piloti delle frecce d'argento, con un tonicissimo Bottas capace di scattare ottimamente dalla prima posizione in griglia conquistata sabato, con un giro che ha annichilito i migliaia di fans occorsi sulla storica pista inglese per applaudire il loro idolo Hamilton. La lotta fra i due per alcuni giri è stata entusiasmante. Poi la safety car, entrata al 21esimo giro in seguito all'uscita di pista di Giovinazzi, ha spento i sogni di gloria di Bottas: con la vettura di sicurezza in pista Hamilton ha potuto svolgere la sua sosta mentre gli altri, in pista, procedevano a rilento. Di fatto la vittoria dell'inglese è maturata così. Le statistiche recitano quota 80 per Lewis, sempre più vicino al record assoluto di 91 successi che Michael Schumacher ha costruito quando i campionati avevano meno gare in calendario. Se il campionissimo tedesco ha potuto godere delle prestazioni vincenti Ferrari, raggiunte grazie ad anni di sacrifici compiuti dallo stesso driver teutonico, Hamilton si trova a far parte del ciclo vincente più dominante di sempre. Se la Ferrari di Ross Brawn e Rory Byrne risultò imbattibile nel 2002 e nel 2004, quando avrebbe vinto forse con chiunque, l'armata anglo-germanica attualmente non lascia spazio a nessuno dal 2014. E fino a quando non ci sarà un drastico cambio dei regolamenti difficilmente vedremo cambiare l'andazzo.

Mercedes imbattibili ma i riflettori sono tutti per Leclerc e Verstappen

Se da metà gara in avanti i piloti nelle prime due posizioni non sono quasi mai stati inquadrati dalle telecamere il merito è di coloro che saranno il futuro della categoria: Charles Leclerc e Max Verstappen. Dopo l'ingiustizia subita in Austria il pilota Ferrari era pronto a prendersi la rivincita in terra inglese. Oggi, su una pista in cui il carico aerodinamico Red Bull faceva la differenza, Verstappen e Gasly avevano a disposizione un'arma se non vincente quantomeno da podio. Hanno dovuto fare i conti con un Leclerc fenomenale. Non ci sono aggettivi per descrivere quanto mostrato questo fine settimana dal monegasco, in qualifica capace di cogliere la terza posizione ad un soffio dal poleman Bottas, in gara un osso duro per chiunque. Verstappen è stato una costante spina nel fianco per il pilota Ferrari, che ha mostrato più volte gli artigli durante la strenua difesa della posizione. L'ingresso della safety car ha poi scombinato anche i suoi piani. Il box Ferrari ha tardato a richiamarlo ai box costringendo Leclerc alla sesta posizione. Tutto da ricostruire per il pilota n°16 che non si è dato per vinto regalandoci il più bel sorpasso della stagione, girando all'esterno di un Gasly fino a quel momento impeccabile ma sorpreso dalla prodezza dell'avversario. A quel punto il podio non sembrava un obiettivo più alla sua portata, con il terzo gradino conteso da Vettel, terzo grazie alla sosta in regime di safety car, e Verstappen. Ma se in Ferrari possono gioire per la precoce maturità raggiunta da Leclerc, sanno di dover fare i conti con il carattere double face di colui che, teoricamente, dovrebbe essere il caposquadra. Vettel. E così pochi km dopo la magia di Leclerc, ecco la castroneria di Vettel, con il tedesco che frana addosso a Verstappen e, senza volerlo, spiana la strada per il podio al monegasco. La fortuna aiuta gli audaci, è cosa nota. Novità di metà campionato è che a Maranello la punta di lancia è un pilota di 21 anni e non un quattro volte campione del mondo.

Alfa Romeo si gode Kimi

Provocazione delle provocazioni: se quest'anno a Maranello avessero avuto la coppia Raikkonen-Leclerc, a quale campionato staremmo assistendo? Mentre Vettel, inspiegabilmente, si perde in ripetute sbavature, in Alfa Romeo si stanno godendo la concretezza del buon vecchio Kimi. Poche esuberanze, mai i riflettori puntati ma guardi la classifica e vedi il finlandese buon ottavo, capace di artigliare altri preziosissimi punti anche a Silverstone. In classifica piloti Raikkonen si trova ora in ottava posizione, secondo degli altri dopo Sainz. Con il suo apporto di 25 punti in carniere permette alla squadra del biscione di ritrovarsi sesta nel campionato costruttori a quota...26 lunghezze. Se Giovinazzi, oggi ritirato, dovesse definitivamente ingranare, la squadra italo-elvetica potrà puntare ancora più in alto.

Dopo l'ostica Silverstone in Ferrari si preparano ad Hockenheim

Con la terza posizione di Leclerc la Ferrari lascia la Gran Bretagna con un paio di convinzioni in più: le capacità del giovane monegasco sono ormai una certezza e gli sviluppi della vettura vanno nella direzione giusta. A Maranello sapevano che la gara inglese sarebbe stata ostica ma, con le ultime modifiche apportate alle vetture, sono riusciti a limitare i danni. E fra due settimane a Hockenheim, su un circuito più congeniale alle caratteristiche della Rossa, potremmo vederne delle belle. Anche per quest'anno i sogni iridati sono destinati a rimanere tali, ma perchè non provare a togliersi delle soddisfazioni?

Pubblicato in Motori Emilia
Lunedì, 01 Luglio 2019 21:33

Gp d'Austria: Il Grande Circo

Leclerc ad un passo da una meritatissima vittoria. Verstappen ed i commissari gliela negano. Vettel quarto rimedia ad un sabato, per lui, da incubo. Mercedes in difesa. Ma ancora una volta ci si domanda: che fine hai fatto Formula 1?

di Matteo Landi

Dopo aver dominato nelle Formule propedeutiche ed aver disputato una prima stagione convincente in F1, Charles Leclerc è approdato in Ferrari. Un talento cristallino alla guida di quella Rossa che tutti vorrebbero fra le mani. Eppure il monegasco, dopo 9 gare, non è ancora riuscito a festeggiare un podio come avrebbe voluto. Inclusa la gara austriaca di ieri può vantare già quattro arrivi fra i primi tre. Ma per Charles non è abbastanza. E soprattutto non ha ancora gioito come avrebbe voluto e come si sarebbe meritato. La quasi vittoria in Bahrain, stoppata da problemi tecnici, un terzo posto poco convincente in Canada, nella gara moralmente conquistata dal compagno di squadra Vettel, poi una bella terza piazza in Francia, ma ad un soffio dal secondo gradino del podio, perso per pochi decimi. L'Austria era la sua occasione d'oro. Dopo essersi imposto dalle prove libere alle qualifiche, con una sonora pole position, ed aver condotto 68 giri sui 71 di gara previsti, alla 69esima tornata il ciclone Verstappen si è imbattuto, è proprio il caso di dirlo, nel ferrarista. Il pilota Red Bull, in rimonta con pneumatici più freschi, era ormai da alcuni giri una reale minaccia per il monegasco. Pochi km prima del fattaccio aveva già provato l'infilata al tornante, ma Leclerc aveva tenuto duro e sulla traiettoria esterna, in uscita, aveva trovato la trazione necessaria per non farsi sopravanzare. Una lotta meravigliosa, fra due talenti indiscussi. Peccato che l'olandese, come già mostrato in passato, tenda spesso a spegnere il cervello quando trova qualcuno in grado di tenergli testa. Non come Bottas, sopravanzato come fosse un'anziana signora in coda al supermercato. L'infilata di Verstappen al 69esimo giro non ha concesso diritto di replica all'avversario, speronato e mandato fuori pista. Dopo il traguardo i commissari hanno impiegato svariate ore per decidere se ci fossero la condizioni per penalizzare l'olandese. Non se la saranno sentita di rovinare la festa alla Honda, tornata alla vittoria dopo anni di patimenti prima in McLaren e poi in Toro Rosso. Avranno subito l'energia dei migliaia di fans orange che hanno assediato il circuito. Fatto sta che il risultato è rimasto invariato. Non può che avere il sapore amaro della beffa per la Ferrari, mazziata ingiustamente in Canada, ed ancora una volta bastonata dopo la gara austriaca. Prima nelle vesti dell'accusata, poi nei panni dell'accusante: comunque la si metta a Maranello tornano sempre a casa con le pive nel sacco. E questo fa rabbia ma deve anche far riflettere.

Ferrari, sempre mazziata

Non è bello per lo sport, ma le regole sono le regole, dissero i commissari dopo il Gp nordamericano. Ci dispiace ma sono le corse, tuonano gli steward in Austria. Potremmo chiederci, e giustamente lo facciamo, quanto il business sia andato oltre all'essenza dello sport. Se in Canada la penalità a Vettel era un colpo nello stomaco di chiunque ami le competizioni, ma regolamento alla mano poteva essere data, in Austria, come dichiarato da Mattia Binotto, non c'erano le condizioni per poter confermare la vittoria a Verstappen. La colpa non era dei commissari, quando in Canada applicarono il regolamento, ma delle stesse regole che tarpano le ali allo spettacolo. Regole che i commissari non hanno voluto osservare in Austria. Ma perchè quando la Ferrari è chiamata in causa, la bilancia pende sempre dalla parte a lei opposta? C'è chi lo definisce "potere politico", chi a questo punto si chiede quanto siano preparati gli uomini in Rosso quando c'è da affrontare "una battaglia legale". Tutto sommato qualche dubbio viene se si considera che fra le prove per riprendersi la vittoria di Vettel, gli uomini di Binotto portarono all'attenzione di Pirro e compagni l'analisi video di Sky Sport Uk esposta dall'ex pilota indiano Karun Chandhok. Quello che è certo è che quel peso Ferrari, quel timore reverenziale con cui potevano farsi scudo a Maranello, adesso non c'è più.

Vettel: l'inaffidabilità Ferrari priva Leclerc di un appoggio

Vittoria sfumata a parte la Scuderia dovrà continuare a lavorare sul fronte affidabilità. A fine gara il dominatore Leclerc avrebbe potuto avere un alleato fondamentale in Vettel. Invece, per il tedesco, le speranze di podio sono naufragate quando in qualifica non è riuscito ad andare oltre la nona piazza a causa di un problema idraulico. In gara, nonostante un pit-stop drammatico, il pilota n°5 si è ripreso bene, battendo un poco convincente Hamilton e portandosi a ridosso dell'ultimo gradino del podio. Occupato da un Bottas che ancora non mostra la tempra del campione. Considerando il passo delle Rosse, però, Vettel avrebbe potuto togliersi ben altre soddisfazioni.

Hamilton: il leone stavolta non ha ruggito

A proposito di Hamilton, solo quinto al traguardo. Il campione del mondo in carica ha scontato una penalità di tre posizioni in griglia di partenza, divenute due per la sanzione subita da Magnussen, qualificatosi quinto ma partente decimo. Nessun problema meccanico per l'inglese che a fine prove ha fatto mea culpa per aver colpevolmente ostacolato Raikkonen, che si trovava nel suo giro veloce. Il pilota Mercedes in gara, poi, non è sembrato incisivo. Anzi, le sue continue divagazioni oltre i cordoli lo hanno obbligato alla sostituzione del musetto della sua Mercedes. Su una pista totalmente diversa da quella di Barcellona, sulla quale la Mercedes fa il bello ed il cattivo tempo grazie alla sua efficienza aerodinamica, le due frecce d'argento hanno faticato. Mostrandosi battibili. Ed a Maranello non possono che mangiarsi le mani.

McLaren e Alfa Romeo: marchi da pelle d'oca che tornano alla ribalta

Tre top team a parte, è necessario rimarcare le prestazioni ottenute dai McLaren boys e da quelli più o meno giovani dell'Alfa Romeo. Sesto Norris, ottavo Sainz, che era partito dal fondo del gruppo. A Woking stanno compiendo importanti passi in avanti. Che sia da ascrivere anche all'assenza di quella pressione che la presenza di Alonso portava alla squadra? Sul Red Bull Ring anche la squadra del Biscione conquista un doppio arrivo a punti. E Giovinazzi artiglia il suo primo punto iridato. Il pilota di Martina Franca ha finalmente disputato un weekend esente da errori, allineandosi al passo del suo capo-squadra. Che sia la svolta per il nostro portacolori? Se per i tifosi italiani la lotta al vertice logora il fegato, ecco che un pò di sollievo arriva quindi dal centro gruppo.

Prossima tappa: Silverstone

Domenica 14 luglio, a Silverstone, Vettel e Leclerc sperano possa realizzarsi quel weekend perfetto che ancora non è arrivato ed i piloti Alfa Romeo potrebbero confermare quanto di buono mostrato in Austria. La Formula 1 è un Circo ed ultimamente la finzione sembra prevalere sulla realtà. Un wrestling che talvolta strizza l'occhio al passato ruggente che, forse, non tornerà più. Travolta da decisioni (insensate?), prese da chi non corre, che lasciano l'amaro in bocca. Ma questo è quello che passa il convento e speriamo che le campane tornino presto a suonare a festa. Non solo per la Rossa, ma per l'intera Formula 1 che ha bisogno di ritrovare se stessa.

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 23 Giugno 2019 19:47

Ferrari, c'est la vie

Sconfitta dalla burocrazia in Canada, sonoramente battuta in pista dalla Mercedes in Francia. Leclerc è il faro che illumina il difficile cammino degli uomini di Maranello. Mentre Vettel, solo quinto, delude. Hamilton stravince davanti a Bottas e Leclerc. Per il momento, questa Mercedes è troppo forte.

di Matteo Landi

In pista e fuori, la Mercedes in un modo o nell'altro le vince tutte. E con quella francese raggiunge l'ottava vittoria stagionale su otto gare disputate. Un dominio incontrastato, asfissiante. Per questo fa ancora più male constatare che la richiesta di revisione della penalità subita in Canada da Vettel, che ha privato la Ferrari di un successo sacrosanto e conquistato con pieno merito, non abbia modificato l'ordine di arrivo della gara nordamericana. Di queste otto disputate, due avrebbe potuto avere un epilogo roseo per la squadra di Maranello, che invece continua a leccarsi delle ferite probabilmente destinate a rimanere aperte. Il prossimo weekend si disputerà il Gp d'Austria, su un circuito teoricamente favorevole alle caratteristiche della Rossa, ma come dimostra la storia di questa stagione tutto gira a favore di Hamilton e della Mercedes. Ed anche quando i tedeschi sembrano battuti o gli steward, come a Montreal, o improvvisi cali di affidabilità Ferrari, vedi la quasi vittoria di Leclerc in Bahrain, cambiano una storia che pare già scritta. Il circuito del Paul Ricard, al pari di quello di Barcellona, sapevamo essere teatro ideale per una cavalcata indisturbata delle frecce d'argento, e così è stato. Se in Canada la lotta al vertice ha creato emozioni, disturbate dall'ingerenza dei commissari, in Francia abbiamo assistito ad una delle gare più monotone degli ultimi anni. Hamilton ha dominato, Bottas ha provato a seguirlo da vicino ma è riuscito nel suo intento solo per pochi giri. L'inglese, poi, è fuggito via. Ed il distacco finale di 18 secondi inflitto al compagno di squadra suona come la campanella della scuola: ricreazione finita per il finlandese, che adesso sembra impotente davanti al miglior Hamilton di sempre. Le due vittorie di tappa ottenute da Bottas in questo inizio di stagione sono un lontano ricordo. Gli ultimi giri di gara sono lo specchio della situazione attuale, con la vettura n°77 addirittura incalzata dalla non irresistibile Ferrari guidata da un superbo Leclerc. Mentre Hamilton, là davanti, chiudeva una gara disputata in solitudine.

Ferrari: Leclerc fa sperare, Vettel delude

Leclerc, con il suo terzo posto finale, è stato il faro nella situazione nebulosa Ferrari. Il monegasco ha corso da veterano consumato. Mai una sbavatura, avrebbe meritato la seconda posizione insidiata con grinta a Bottas. Fa un effetto strano pensare come spesso nel box della squadra di Maranello le situazioni si invertano, se consideriamo che sarebbe Vettel il pilota incaricato a portarsi il team sulle spalle. Ed invece in Francia il tedesco è tornato nello stato abulico pre-Canada. In qualifica non è riuscito ad andare oltre la settima posizione, sopravanzato dalla Red Bull di Verstappen e da entrambe le McLaren. A Maranello non tutto va per il verso giusto quest'anno, ma una prestazione del genere è difficilmente spiegabile. Vettel in gara si è rifatto con bei sorpassi, ma dopo il risultato del sabato e considerando il passo della Ferrari ben presto è parso evidente che più avanti della quinta posizione finale non sarebbe potuto andare. Come detto, il prossimo circuito che ospiterà la massima Formula dovrebbe sposarsi con le caratteristiche delle vetture di Maranello, ma servirà il miglior Vettel per battere questa Mercedes. Ammesso che il compito non lo assolva Leclerc: l'immeritata sconfitta del Bahrain grida ancora vendetta.

McLaren rinvigorita, Raikkonen immenso. Insieme ai piloti Renault regalano spettacolo

Se nelle posizioni al vertice la gara francese si è rivelata decisamente soporifera, lo stesso non si può dire della lotta che ha animato la seconda parte della top ten. La McLaren non è ancora tornata ai livelli che il suo blasone merita, ma a Woking hanno fatto dei decisi passi in avanti. In qualifica Norris e Sainz hanno conquistato rispettivamente la quinta e sesta posizione consentedogli una gara vissuta costantemente nella zona punti e terminata con Sainz agevolmente sesto mentre dietro di lui, negli ultimi chilometri, si scatenava lo spettacolo. Una manovra disperata di Ricciardo su Norris ha dato il via a sorpassi e controsorpassi che hanno visto protagonisti oltre ai due anche Raikkonen e Hulkenberg. Un incrocio di traiettorie, viziato dalla malizia dell'australiano che è finito sotto investigazione per aver superato il finlandese di casa Alfa Romeo andando fuori pista. Tenendo conto di quanto deciso in Canada, meriterebbe di essere sanzionato con gli stessi cinque secondi di penalità inflitti a Vettel nello scorso Gran Premio. Al termine della gara, comunque, la classifica recita Ricciardo settimo davanti a Raikkonen, Hulkenberg e Norris.

Alfa Romeo, velocità ritrovata e Kimi Raikkonen. La combinazione per tornare a punti.

A proposito di Raikkonen: costanza, velocità ed affidabilità. Mai un errore, nonostante si sia trovato per tutta la gara in costante bagarre con gli avversari. Il finlandese è una risorsa fondamentale per Alfa Romeo Racing che raggiunge la settima posizione nel mondiale costruttori grazie alle prestazioni dell'ultimo campione del mondo Ferrari. Peccato per Giovinazzi: dopo essersi qualificato ottimamente decimo non è riuscito a concretizzare in gara, cogliendo un misero 16esimo posto finale. Quest'anno l'italiano è tornato alle corse dopo quasi due anni di inattività ma adesso è arrivato il momento di tradurre in risultati il talento che ha dimostrato di avere nelle categorie propedeutiche. Nella qualifica francese aveva ben battuto il blasonato compagno di squadra ma in gara l'esperienza e la concentrazione di Raikkonen hanno ristabilito le gerarchie. Forse con una strategia migliore Giovinazzi avrebbe potuto ottenere di più, ma l'impressione è che mai avrebbe potuto raggiungere la zona punti.

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 09 Giugno 2019 23:51

Canada, la tomba della Formula 1

Vittoria di Vettel, scacciacrisi per la Ferrari e scacciasonno per gli appassionati? Macchè. Una penalità assurda toglie alla Ferrari quanto di guadagnato sul campo e riduce ad insensato reality show la massima serie automobilistica.

di Matteo Landi

Doveva essere la vittoria della rinascita Ferrari. Dopo la strepitosa pole position conquistata sabato da Vettel, ed uno scatto impeccabile del tedesco allo start della gara, il ritorno al trionfo del quattro volte campione del mondo era praticamente certo, considerando la potenza della power unit di Maranello che ha permesso alle Ferrari di essere irraggiungibili ed insuperabili sugli allunghi del circuito che sorge sull'isola Notre Dame. La vittoria di Vettel avrebbe fatto bene non solo al morale dello stesso, a secco dal Gp del Belgio disputato il 26 agosto dello scorso anno, ma all'intera F1 in ricerca disperata di una seria antagonista alla schiacciasassi Mercedes, dominatrice della stagione in corso oltre che squadra campione del mondo dall'inizio dell'era turbo-ibrida datato 2014. La cavalcata di Vettel è stata meravigliosa, con un'unica, piccola, sbavatura. Hamilton è stato per il tedesco un pungolo costante per tutta la gara, ma, a pit stop completati, solo un'errore del leader della gara avrebbe permesso all'inglese di acciuffare la vittoria. Un'esitazione che è arrivata al 48esimo giro, quando Vettel sbanda alla seconda variante, va sull'erba e rientra in pista controllando la posizione su Hamilton, che non riesce ad approfittarne. Il tedesco lascia all'inglese lo spazio necessario per evitargli l'impatto con il muro. Il campione del mondo in carica alza il piede e resta dietro. Una manovra come le tante che si vedono abitualmente nella pancia del gruppo. Un ritorno al ruota a ruota nella lotta per la leadership che tanti attendevano con ansia, necessaria a riportare un pò di adrenalina in questo altrimenti abulico mondiale. Qualcosa a cui Hamilton e Mercedes non erano più abituati, ed infatti ecco servito il team-radio polemico del pilota inglese. A cui rispondono i commissari con cinque, vergognosi, secondi di penalità affibbiati al tempo di gara di Vettel.

La dignità persa dalla F1 e la rabbia di Vettel. Storia di una domenica insensata

A fine gara il tedesco è furioso. Va sotto il podio, dove dietro i cartelli che indicano i primi tre classificati manca la Ferrari n°5, abbandonata altrove dal pilota stesso. Vettel toglie il n°1 davanti alla vettura di Hamilton, perdendo definitivamente l'aplomb teutonico. Un gesto di rabbia, dopo una vittoria sfumata a causa di una decisione assurda, fischiata anche dal pubblico canadese. Il Gran Premio del Canada avrebbe potuto riaccendere i riflettori spenti da tempo su una F1 in crisi di consensi. Ed invece ne diviene la tomba definitiva. Da gladiatori, uomini che sfidavano le leggi della fisica e persino la morte, a burattini imbavagliati ed imbrigliati dal politically correct ed una Federazione che così facendo spegne definitivamente le luci su un mondiale che alla Mercedes, a meno di cataclismi, non potrà sfuggire. Il 9 giugno 2019 la F1, dispiace dirlo, è morta. Per risorgere avrà bisogno di ritrovare credibilità. Con gli occhi lucidi per l'addio di Lauda, abbiamo ricordato i gesti eroici di un'epoca che, oggi ne abbiamo la conferma, non tornerà mai più.

Leclerc terzo, completa un podio amaro

Hamilton primo, Vettel secondo. Recita la classifica falsata dalla già citata decisione non condivisibile dei commissari. Dietro di loro è giunto un buon Leclerc. Il monegasco stavolta non ha viaggiato sugli stessi ritmi del compagno di squadra. Se in Bahrain si trattò di podio amaro, anche oggi non ha potuto festeggiare come avrebbe voluto, fra i fischi dedicati ad Hamilton dal pubblico, alla faccia scura di Vettel, secondo ma moralmente primo. Si spera che presto riesca a brindare come merita.

Renault risorge e Ricciardo emoziona

Chi ha da gioire pienamente è la Renault, sesta e settima al traguardo con Ricciardo davanti a Hulkenberg. La competitività ritrovata dalla squadra francese ha del prodigioso. La forza d'animo messa in pista da Ricciardo è commovente. Vedere l'australiano lottare con le Red Bull è una gioia per gli occhi ed una rivincita nei confronti del destino che lo aveva allontanato dagli austriaci, dopo che agli stessi tanto aveva dato. Le caratteristiche della pista di Montreal sono uniche, ma si spera che Renault riesca ad assicurare a Ricciardo una vettura degna del suo talento, anche altrove.

Ridateci presto la Formula 1

Fra due settimane la Formula 1 tornerà in Europa. Si correrà in Francia. Oggi, il giocattolo è rotto. Raccogliere e mettere insieme i pezzi non sarà facile. Presto ci renderemo conto se a qualcuno, veramente, interessa. Mettetevi la mano sul cuore, cari commissari. Così non va.

Pubblicato in Motori Emilia

Doppio podio Mercedes con Hamilton primo e Bottas terzo. Vettel nega la doppietta alle frecce d'argento. Ma chi regala le emozioni più grandi è Leclerc. Pochi giorni dopo l'addio di Lauda, la Formula 1 omaggia degnamente il Grande Campione con una gara memorabile.

di Matteo Landi

Cappellino rosso per i primi classificati, vetture con foto, frasi o il suo semplice nome sulla carrozzeria. Niki Lauda non c'è più, ma rimarrà per sempre nei cuori degli appassionati e degli addetti ai lavori. A Monaco è stato per tutto il weekend una presenza costante. E rimarrà eternamente fonte di ispirazione per Hamilton e Vettel, che hanno ricordato il Gran Campione indossando caschi replica del tre volte campione del mondo. Le gare sul circuito del Principato, per le note caratteristiche della pista, possono tradursi in noiose processioni. Oggi, la tensione regalata dalla lotta al vertice e le azioni compiute da un giovane predestinato hanno animato una gara che i top drivers hanno giustamente dedicato al Grande Niki. Hamilton ha vinto ancora, ma stavolta l'esito non era scontato, nonostante la bella pole position conquistata con un giro da qualifica da urlo. Un monito al pur veloce e consistente Bottas che in Mercedes il pilota di riferimento resta ancora il cinque volte campione del mondo. Stavolta l'inglese ha dovuto sudarsela. Verstappen gli ha fiatato sul collo fino agli ultimi metri di gara. Una bella battaglia vissuta sui decimi di secondo, sfociata persino in un contatto che non ha privato Hamilton della vittoria.

Il box Mercedes sbaglia, Hamilton no

Il trionfo è arrivato nonostante un errore strategico, ammesso anche da Toto Wolff, che ha costretto il pilota n°44 ad un blando ritmo di gara per gran parte dei 78 giri. Avvenuto quando ad Hamilton, nel suo unico pit stop, sono state montate gomme medie. Sottoposto agli eventuali attacchi degli avversari, forti di pneumatici più duraturi, il pilota inglese è dovuto ricorrere a tutta la sua esperienza per non soccombere. Verstappen e Vettel hanno atteso a lungo l'eventuale errore del campione del mondo in carica. Negli ultimi giri l'olandese ha poi rotto gli indugi con un disperato attacco finale. Respinto dal pilota Mercedes. A Monaco stare davanti a vetture più veloci non è un compito impossibile. Nel 2001 Bernoldi riuscì con la modestissima Arrows a tenere dietro per ben 33 giri l'allora velocissima McLaren di Coulthard. Ma oggi, negare i meriti di un Hamilton capace di respingere un osso duro come Verstappen, sarebbe improprio. L'olandese, fra l'altro, non è neanche potuto salire sul podio, sanzionato per l'unsafe release ai danni di Bottas. I cinque secondi aggiuntivi assegnati al pilota Red Bull sono parsi una sanzione fin troppo blanda, se si considera che la sua condotta ha pesantemente danneggiato la gara del finlandese, costretto ad un pit stop aggiuntivo per la rottura del cerchio.

Leclerc: velocità e meravigliosa follia. Momenti che saranno ricordati più di una vittoria

Nel weekend del ricordo e delle emozioni forti, molte ne ha regalate Leclerc. Per il giovane pilota Ferrari questa gara poteva essere la svolta. Nelle prove libere aveva mostrato un passo superiore a quello del compagno di box. Peccato che in casa Ferrari, quest'anno, gli errori strategici siano una costante. Delle qualifiche gestite in modo quasi amatoriale dagli uomini di Mattia Binotto hanno relegato il monegasco alla 15esima posizione in griglia. Che sarebbe stata una 16esima senza la penalità ricevuta da Giovinazzi. Una disfatta totale che ha deluso Charles, ma non lo ha abbattuto. In gara è partito con il coltello fra i denti e su una pista dove il sorpasso è quasi impossibile ha compiuto due prodezze che saranno ricordate a lungo. Due sorpassi, il primo subito da Norris ed il secondo da Grosjean, che hanno animato la gara ed hanno confermato la classe cristallina del talento 21enne. Ha rischiato di regalarci persino una terza gemma, ma il tentativo di sorpasso su Hulkenberg è finito con il pilota Ferrari di traverso con una gomma forata. Il ritorno ai box, con lo pneumatico dilaniato ed il fondo vettura a brandelli, a qualcuno ha ricordato la stupenda follia ed il giro su tre ruote compiuto da Gilles Villeneuve nel Gp d'Olanda del 1979. Dopo il cambio gomme Leclerc, al volante di una vettura divenuta inguidabile, ha provato a proseguire la gara ma le condizioni della sua vettura erano veramente al limite. La safety car innescata dalla manovra del monegasco ha favorito la gara del compagno Vettel. Con l'entrata in pista della vettura di sicurezza i top driver si sono immediatamente catapultati nei box per l'unica sosta prevista. Da lì è sorto il contatto in pit lane fra Verstappen e Bottas che ha cambiato l'esito del podio. Al di là del involontario "favore" fatto a Vettel la gara di Leclerc sarà ricordata per quegli esempi di stupenda follia che non consegnano punti iridati ma emozioni d'altri tempi. In quanto alla gara di Vettel, senza guizzi ma concreta, è da salvare il risultato finale. Un secondo posto accolto dagli uomini del Cavallino come un trionfo, considerando quanto le Rosse si erano trovate in difficoltà nel tratto più lento della pista di Barcellona, sede della gara di due settimane fa.

McLaren e Toro Rosso: il podio degli altri

Detto dei tre top team che stanno monopolizzando le prime posizioni della classifica di questo campionato, è giusto rimarcare l'autorevole gara di Sainz, sesto con una McLaren che sta finalmente ritrovando il bandolo della matassa dopo anni bui. Da segnalare anche la bella gara dei due piloti Toro Rosso, con Kvyat settimo davanti ad Albon. Se il russo è definitivamente tornato a mostrare quella classe che gli permise di sovrastare persino Ricciardo nel suo primo anno in Red Bull, il debuttante Albon continua a stupire. A metà schieramento, nella combattutissima pancia del gruppo, il driver che corre con licenza thailandese si sta facendo rispettare. Fornendo prestazioni frutto di concretezza e velocità, senza regali altrui.

Dal tortuoso circuito monegasco alla veloce Montreal

Dopo il tortuoso tracciato del Principato la Formula 1 farà tappa, fra due settimane, a Montreal. Su una pista completamente diversa, dove la potenza e la stabilità in frenata la fanno da padrone la Ferrari potrebbe finalmente trovare quelle condizioni ideali che va cercando. Necessarie per fornire ai tifosi quell'urrà tanto sospirato. Le ambizioni iridate, al momento, è bene tenerle in un cassetto ma tornare alla vittoria di tappa sarebbe un atto che a Maranello devono a se stessi ed alla stessa storia Ferrari.

Pubblicato in Motori Emilia
Martedì, 21 Maggio 2019 21:44

Addio Niki

A 70 anni Lauda imbocca la corsia box e se ne va. Problemi ai reni e poi l'addio. Protagonista di mille battaglie, nelle corse e nella vita. Ci lascia un Uomo che tanto ha insegnato ed un Pilota che ha scritto pagine indelebili della massima Formula.

di Matteo Landi

Gran Premio del Giappone. Sul circuito del Fuji, quel 24 ottobre del 1976, pioveva a dirotto. Oggi assisteremmo ad una partenza in regime di safety car, con la vettura di sicurezza a menare le danze per chissà quanti giri. Al tempo la Formula 1 era diversa, la percezione del pericolo era diversa. Quel giorno, forse, cambiò per sempre. Lauda, con il volto sfigurato dal rogo del Nurburgring, percorse pochi km di gara, poi prese la via della corsia box. Il campione del mondo in carica ebbe il coraggio di avere paura. Gli uomini Ferrari avevano pronta la scusa più banale: un problema tecnico era l'alibi perfetto. Lauda non si sarebbe confermato iridato ma avrebbe salvato la sua immagine di campione inossidabile ed impavido, sopravvissuto alle fiamme e tornato alle corse un mese e mezzo dopo l'incidente che lo sfigurò per sempre. Capace di indossare il casco nonostante ferite sanguinanti non ancora rimarginate. Invece, quel giorno di ottobre, Niki decise che non avrebbe dovuto vergognarsi della sua scelta. Perse il titolo, ma la rivincita arrivò l'anno successivo. Quando nel 1977 vinse il secondo dei suoi tre titoli iridati. 177 gran premi disputati, 25 vittorie e 24 pole position in un'epoca in cui tanti piloti non poterono raggiungere il fine carriera per anzianità, sono le cifre del Lauda pilota. Ma Niki, al di là dei numeri, è stato qualcos'altro. Un inno al coraggio, una poesia che non finisce mai. Per molti cinico ed irriconoscente, quando dopo l'addio ad Enzo Ferrari ed alla Rossa non esitò a rimarcare tutto quello che non aveva funzionato nella sua permanenza a Maranello, anche più dei successi che l'accoppiata italo-austriaca aveva ottenuto. Nel 2009 ammise di aver sbagliato, se fosse rimasto con Ferrari avrebbe vinto ancora di più. Niki era così, prendere o lasciare. Mai politically correct, le sue interviste, le sue dichiarazioni, non erano mai banali. Lontane dalle solite frasi di circostanza dei giorni d'oggi. I suoi scontri con il Grande Enzo furono duri, ruvidi. Ma fra di loro ci fu sempre rispetto. Ferrari sapeva che senza l'austriaco gli anni 70 della Rossa avrebbero regalato meno gioie, Lauda sapeva che al Vecchio doveva tanto, quasi tutto. Ed oggi Luca Cordero di Montezemolo, durante l'epopea austro-italiana assistente di Enzo e Responsabile della Squadra Corse, lo ricorda con commozione. 20 maggio 2019, Niki Lauda se ne va. Come quel giorno di ottobre del 1976 imbocca la corsia box. Saluta tutti e raggiunge lo sfidante che quell'anno gli soffiò il titolo. Quel James Hunt avversario di tante battaglie salito in cielo nel 1993. Non si arrese, Lauda, neanche il 2 agosto scorso, quando fu ricoverato per un'infezione, subendo un trapianto di polmone. Continuò a combattere, con la stessa tempra che contraddistinse il suo recupero dopo il rogo del Ring. Fino ai recenti problemi ai reni, la dialisi presso una clinica privata di Zurigo e l'addio. Che non è e mai sarà una resa. Fra curve ad alta velocità e rettilinei infiniti è solo tornato a sfidare quell'inglese sulla quale rivalità Ron Howard, nel 2013, costruì persino un film. 70 anni di leggenda, durante i quali ha reso definitivamente popolare la Formula 1, colorando le domeniche pomeriggio dei tifosi ferraristi. Ha insegnato tanto. Ha mostrato cosa significa rialzarsi dopo un terribile schianto. Ha fatto scelte forti, per poi tornare sui suoi passi come quando rientrò alle corse dopo un addio che fu un arrivederci. Battendo, nel 1984, un certo Alain Prost. Perchè solo i poco intelligenti non cambiano mai idea. Ti ricorderemo sorridente Niki, ed anche un pò incazzato. Perchè nella vita è bello essere schietti e sinceri, come lo eri tu. La Leggenda dell'Uomo, ancor più del Pilota, non verrà mai dimenticata. Addio Niki. E grazie di tutto.

Pubblicato in Motori Emilia