Visualizza articoli per tag: CNA PR

Martedì 11 marzo al Centro Malaguzzi il lancio del progetto Sa Mech per le eccellenze emiliano-romagnole della filiera meccanica -

Reggio Emilia, 4 marzo 2014 -

Prende ufficialmente il via il progetto SA MECH, promosso da CNA Reggio Emilia insieme a CNA Parma e CNA Emilia Romagna, con la partnership di CNA Servizio Estero, Reggio Children – Reggio nel Mondo e la sponsorship di Reggio Emilia Innovazione. Per l'occasione martedì 11 marzo al Centro Internazionale Loris Malaguzzi, in Via Bligny 1/A a Reggio Emilia, dalle 11 alle 16 circa si terrà la presentazione del progetto, nato con la collaborazione della Regione Emilia-Romagna, con l'obiettivo di promuovere, sostenere ed incrementare le opportunità di crescita del tessuto imprenditoriale emiliano-romagnolo in Sudafrica.

Il progetto SA MECH è rivolto alle imprese della filiera meccanica che potranno partecipare ad un percorso di internazionalizzazione della durata di 18 mesi attraverso numerose attività, tra cui una costante formazione, una campagna informativa e di marketing in Emilia-Romagna e in Sudafrica, missioni imprenditoriali di outgoing e di incoming, incontri Business to Business, visite aziendali, partecipazione a eventi fieristici in Sudafrica.

Il programma della giornata prevede i saluti istituzionali della presidenza CNA, del Comune di Reggio Emilia e della Regione Emilia-Romagna. Ad aprire ufficialmente i lavori sarà il Primo segretario dell'Ambasciata del Sudafrica in Italia Mpho Oliphant con la presentazione delle opportunità e prospettive di cooperazione in ambito economico, a seguire il responsabile dello Sportello regionale per l'internazionalizzazione Ruben Sacerdoti inquadrerà lo stato delle relazioni tra la Regione Emilia-Romagna e il Sudafrica e Barbara Cavallin dello Studio legale Roedl & Partners presenterà vincoli e incentivi in campo giuridico e fiscale per gli operatori italiani che hanno intenzione di approcciare il mercato sudafricano. L'iniziativa prevede, inoltre, incontri bilaterali tra CNA Servizio Estero e le aziende partecipanti, onde prevedere percorsi di internazionalizzazioni personalizzati secondo le specifiche esigenze di ogni azienda.

Il Sudafrica è uno dei più sofisticati e promettenti mercati emergenti, in grado di offrire una combinazione unica: una infrastruttura economica da primo mondo, molto sviluppata, unita ad una dinamica economia di mercato con profonda attitudine alla transnazionalità. SA MECH intende offrire al sistema produttivo meccanico emiliano-romagnolo l'opportunità di rafforzare rapporti commerciali anche con i paesi che presentano relazioni privilegiate con il Sudafrica.

La scelta del Sudafrica quale paese target delle azioni del progetto SA MECH consolida la storia di relazioni radicate con la città di Reggio Emilia, nata a metà degli anni '70 quando l'Amministrazione comunale si è schierata a fianco dell'African National Congress con l'obiettivo di sostenere la liberazione di Nelson Mandela e per la fine dell'apartheid. In questi 40 anni Reggio Emilia è sempre stata tra i protagonisti a livello internazionale della lotta sudafricana, prima contro il regime e oggi per uno sviluppo sostenibile ed equo del paese. In questi ultimi anni – grazie anche al Tavolo Reggio Africa - l'amicizia con il paese africano si è rafforzata ulteriormente e dalla solidarietà si è passati alla costruzione di progetti di cooperazione in ambito economico, educativo, sociale e culturale.

Per adesioni entro e non oltre il 6 marzo si prega di contattare Elena Gatti - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e di compilare il company profile dal sito www.cnaservizioestero.it

(Fonte: ufficio stampa CNA RE)

 

Il ministero dello Sviluppo Economico dà l'ok all'affitto di poltrona e cabina per acconciatori ed estetisti. Ma a Parma le associazioni di categoria attendono, da oltre due anni, l'approvazione del nuovo regolamento generale -

Parma, 10 febbraio 2014 -

Parrucchieri ed estetisti potranno, d'ora in poi, affittare ad altri professionisti spazi interni dei loro negozi. Il Ministero dello Sviluppo Economico ha, infatti, adottato una circolare con cui si chiarisce la questione del contratto di 'affitto di poltrona' e 'di cabina' per le attività di acconciatore ed estetista. In base alla normativa nazionale l'ipotesi di affitto di poltrona o di cabina è possibile tra imprese, mediante uno specifico contratto in base al quale un titolare di salone di acconciatura o di centro estetico concede in uso una parte dell'immobile e delle attrezzature, dietro pagamento di un determinato corrispettivo. Quindi gli esercenti di attività di acconciatore o di estetista possono adesso consentire l'utilizzo dei propri spazi sia ad acconciatori sia a estetisti.

«È stato sancito un principio importante, che va nel senso di incentivare l'iniziativa privata e la concorrenza, con indubbi vantaggi per i consumatori – commentano le associazioni dell'artigianato Confartigianato Imprese Apla e CNA. - Da oggi chi avrà nel proprio salone di bellezza uno spazio poco utilizzato, potrà migliorare la redditività della propria impresa, garantendo maggiori servizi. E giovani acconciatori ed estetisti che non dispongono di propri locali adeguati potranno comunque avviare la loro attività». Quella che si apre è «Una possibilità che però - precisa il sottosegretario allo Sviluppo Economico Simona Vicari - non lede i diritti dei consumatori e non abbassa la qualità e la sicurezza del servizio, visto che i nuovi affitti dovranno rispettare le norme vigenti».

A Parma, però, si sta ancora attendendo il regolamento comunale. La giunta tergiversa non tanto per l'affitto di poltrona ma perché non fa chiarezza sulla questione 'massaggi'. E così intere categorie di artigiani sono in attesa di questo documento che ha un'importanza fondamentale soprattutto in chiave di lotta all'abusivismo, un fenomeno che in questo settore ha una rilevante consistenza e che rischia di strangolare chi esercita la propria professione nel pieno rispetto delle normative. Queste attività sono regolamentate dai singoli Comuni ai quali sempre più frequentemente arrivano segnalazioni di abusivi che operano in casa e senza dimostrare alcun titolo. Molte persone considerano con molta superficialità il fatto che la maggior parte di questi non rispetti le normative, come ad esempio la sterilizzazione obbligatoria con autoclave: epatiti virali, funghi, scabbia, pediculosi possono essere trasmesse con l'uso di lime, forbici, pettini non adeguatamente sterilizzati. Gli operatori del settore Benessere chiedono trasparenza sul comportamento di chi dovrebbe tutelare la salute dei cittadini.«Fra l'altro sono già due i solleciti fatti ufficialmente dai consiglieri comunali di minoranza Roberto Ghiretti, Pierpaolo Scarpino, Maurizio Vescovi e Alessandro Volta. Il regolamento era apparso sul sito del Comune a dicembre 2012 con un titolo che lo annunciava come imminente e poi è scomparso, ci chiediamo perché – chiedono le associazioni dell'artigianato».

(Fonte: ufficio stampa CNA Parma)

 

Pubblicato in Comunicati Lavoro Emilia

Il 18 febbraio 2014 si terrà a Roma, in Piazza del Popolo, una giornata di mobilitazione nazionale, promossa da Rete Impresa Italia (CNA, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, Casartigiani), per denunciare la drammatica situazione in cui versa la piccola e media impresa nel nostro Paese e per chiedere al Governo un immediato cambio di passo -

Parma, 7 febbario 2014 -


I dati economici recenti dell'Emilia Romagna (fonte Movimprese) registrano nel 2013 la chiusura di 5.827 imprese, si tratta in media di sedici imprese al giorno. Soltanto nella provincia di Parma il deficit delle imprese attive rispetto il 2012 ammonta a ben 686. Tutto questo è inaccettabile in un Paese con un sistema economico che fino a qualche anno fa è stato tra i primi al mondo, con un sistema economico produttivo composto per il 97% da piccole e medie imprese. Siamo invece in uno Stato che, anziché stare a fianco di chi si impegna ogni giorno per produrre e garantire lavoro, pensa solo ad un fisco oppressivo per imprese e cittadini, un fisco che sottrae risorse allo sviluppo delle imprese, utile solo a mantenere un apparato politico e burocratico fine a se stesso e di nessuna utilità, che non dà nessun contributo allo sviluppo del Paese, anzi ne è la zavorra, sottoponendo cittadini e imprenditori ad un vero e proprio calvario burocratico.
Da qui l'esasperazione, e di conseguenza la necessità, di una grande manifestazione di imprenditori alla quale le locali Associazioni CNA, Confartigianato Imprese Apla, Ascom Confcommercio e Confesercenti, in rappresentanza dei settori dell'artigianato, del commercio, dei servizi, del terziario, si apprestano a partecipare con nutrite delegazioni di imprenditori, per dire con forza: basta all'inerzia del Governo! Per dire che oltre alla risoluzione dei problemi evidenziati, il mondo delle imprese reclama che si tolgano i vincoli e i costi che pesano sul lavoro per poter assumere giovani, che le banche ricomincino a investire sull'economia reale, che lo Stato saldi i suoi debiti con le imprese; che vogliono cioè, interventi di forte impulso alla ripresa economica, misure urgenti per consentire alle medesime di resistere alle difficoltà e tornare rapidamente allo sviluppo.
Anche per questo CNA, Confartigianato Imprese Apla, Ascom Confcommercio e Confesercenti hanno deciso di convocare una conferenza stampa pubblica per informare ancor più compiutamente imprese e cittadini sui motivi che hanno portato alla scelta di organizzare, a livello nazionale, una manifestazione di piazza che non ha precedenti nel mondo delle imprese.

La Conferenza Stampa si terrà venerdì 14 febbraio alle ore 11,00 nella sede della Camera di Commercio di Parma in via Verdi 2, sarà il luogo dove i presidenti delle Associazioni organizzatrici di Parma presenteranno ai cittadini, agli imprenditori e alla stampa, i motivi che hanno portato alla decisione di una manifestazione di piazza unitaria che possa dar forza reale alle loro richieste, perché finalmente il Governo e la politica passino dalle parole ai fatti. Subito.

(Ufficio stampa CNA Parma)

 

Pubblicato in Comunicati Lavoro Emilia
Martedì, 29 Ottobre 2013 12:57

CNA Parma, presentato il Bilancio Sociale 2012

Un miglioramento continuo, tanto nel processo di rendicontazione quanto nel dialogo con gli Stakeholder con un Valore Aggiunto Globale, che per l' anno 2012 è stato pari a ...
 
Parma, 29 ottobre 2013
 
Si è svolto ieri pomeriggio, nella splendida cornice di Palazzo San Vitale, l' evento di presentazione del Bilancio di Responsabilità Sociale 2012 di CNA Parma con il sostegno di Banca Monte Parma e il contributo di Ecipar Parma, Tecna e Prefina.
Un evento importante che per l' occasione è stato arricchito dall' intervista a Davide Bollati Presidente di Davines e dal racconto di due giovani imprenditrici nel settore del benessere.
Il Presidente Provinciale di CNA Parma, Gualtiero Ghirardi ha da subito sottolineato come in questo momento di grandissima difficoltà sia rilevante l'opportunità del VI Bilancio di Responsabilità sociale, come mezzo per "esplicitare la capacità di un Gruppo a creare condivisione attorno a determinati valori". Un documento che oltre a dare conto e visione della mission associativa di CNA, vuole essere strumento di comunicazione, riflessione e miglioramento. La rendicontazione sociale ha mostrato, attraverso le parole del Direttore Provinciale di CNA Parma Domenico Capitelli, l' insieme delle attività svolte dall' Organizzazione, che spaziano dalla rappresentanza tipica, alla erogazione di servizi qualificati alle imprese (attraverso strutture dedicate: CNA Servizi, Tecna, Prefina), ad attività che hanno una connotazione più sociale svolte mediante l'opera del Patronato Epasa e da CNA Pensionati, per giungere ad una assistenza maggiormente indirizzata al cittadino attraverso il Caf e CNA World.
 
PA280106 rid1
 
Nonostante il perdurare della crisi economica "il Gruppo, continua a mantenere un importante livello di adesioni, a mantenere sostanzialmente inalterati i livelli occupazionali, ad investire in servizi e strutture, competenze e conoscenze" ha sottolineato Domenico Capitelli. Con questo Bilancio Sociale CNA Parma ha ribadito il suo impegno verso un miglioramento continuo, tanto nel processo di rendicontazione quanto nel dialogo con gli Stakeholder. Un rapporto consolidato con gli Associati che viene rafforzato attraverso incontri, seminari ed eventi finalizzati alla valorizzazione dei mestieri, ad azioni formative, informative e di rappresentanza. Tra gli eventi del 2012 sono stati ricordati "Cioccolato Vero", manifestazione svoltasi a febbraio in Piazza Garibaldi, la seconda edizione di "Parmacamp" e l'iniziativa voluta da CNA in stretta collaborazione con Ecipar Parma che ha visto coinvolto l' Ipsia "Primo Levi" di Parma.
E' stato poi illustrato il Rendiconto Economico del Bilancio Sociale, prospetto nel quale si trovano le informazioni principali sulla situazione economica dell'associazione nell'ottica della produzione e distribuzione del Valore Aggiunto Globale, che per l' anno 2012 è stato pari a € 6.413.500. Nonostante il perdurare della congiuntura sfavorevole, Domenico Capitelli ha evidenziato che nel 2012 la quota più rilevante della ricchezza prodotta è stata distribuita alle Risorse Umane e al Sistema CNA, confermando il ruolo centrale delle persone nell'attività associativa e l'importanza degli Stakeholder del sistema associativo.
Domenico Capitelli ha ribadito infine, l' obiettivo del Gruppo di disegnare un progetto operativo che infonda coraggio e fiducia nel futuro, che continui a coniugare stabilità economica e forte rappresentanza associativa; con un impegno forte alla valorizzazione delle imprese associate, perseguendo con coerenza e determinazione i principi e i valori della responsabilità sociale.
Pubblicato in Lavoro Emilia
Parma, 26 ottobre 2013
 
Si terrà a Parma, lunedì 28 ottobre nella splendida cornice della Sala delle Feste di Palazzo Sanvitale alle ore 16,00 la presentazione pubblica del Bilancio Sociale 2012 di CNA Parma, con il sostegno di Banca Monte Parma e il contributo di Ecipar Parma, Tecna e Prefina.
Ospite d'eccezione dell'evento sarà Davide Bollati, il Presidente di DAVINES che, incalzato dalle domande del Prof. Maurizio Morini, ci racconterà la straordinaria storia di successo dell'azienda, la cui fonte primaria di ispirazione nel business è la passione per la bellezza sostenibile, una combinazione di tecnologia e rispetto per l'ambiente che è diventata il Mantra per il gruppo Davines.
La conversazione sarà introdotta dal racconto di due imprenditrici del settore benessere, Valeria Trovò e Michela Basoni, titolari di E.CUT che sveleranno i segreti sulla creazione della propria attività, basata sul rispetto della natura e sul valore e la cura del benessere e della bellezza.
 
PROGRAMMA
16,00 Registrazione dei partecipanti;
16,20 Saluto del Direttore Generale di Banca Monte Parma, Bruno Bossina;
16,30 Saluto del Presidente Provinciale di CNA Parma, Gualtiero Ghirardi;
16,40 Presentazione del Bilancio Sociale 2012 a cura del Direttore Provinciale di CNA Parma, Domenico Capitelli;
17,00 Racconti d'impresa. Introduzione del Presidente dell'Unione Benessere e Sanità di CNA Parma, Angelo Guidozzi e intervento di Valeria Trovò, Michela Basoni, socie di E.CUT e l'Arch. Pier Luigi Pizzuti;
17,15 Conversazione con Davide Bollati, Presidente di DAVINES, "Natura. Innovazione. Sostenibilità. Quando la bellezza salverà il mondo", condotta da Maurizio Morini, Professore di Cultura d'Impresa e Gestione della Qualità all'Università di Bologna e Presidente di Best Advance. Partecipa alla conversazione il filosofo, Alberto Peretti.
18,30 Conclusione con aperitivo a buffet.
 
(Fonte: ufficio stampa CNA PR)
Mercoledì, 02 Ottobre 2013 11:10

"InHuman" l' arte alla CNA di Parma

Parma, 2 ottobre 2013 -
 
L' arte torna protagonista alla CNA con "Art In Progress"
; l' inaugurazione della mostra "InHUMAN" dell'artista parmigiano Luca Soncini, domani, giovedì 3 ottobre alle ore 18 presso la sede provinciale di CNA -

"Art In Progress" nasce dalla volontà di dare nuove opportunità ai giovani artigiani del settore artistico e moda, artisti emergenti, scultori, fotografi e creativi. Il progetto offre la possibilità di esporre le proprie opere all'interno degli spazi della sede provinciale CNA: una vetrina per tutti coloro che molto spesso non hanno la possibilità di esporre in maniera visibile al pubblico.

"InHUMAN" è il nuovo progetto artistico dell'artista parmense Luca Soncini, classe 1980. Nel 1999 si diploma all'Istituto artistico "Paolo Toschi" di Parma con l'indirizzo di grafica pubblicitaria. Ne conseguirà la laurea nel 2004 all'Accademia Delle Belle Arti di Brera (Milano). Dal 1996 espone in diverse città italiane quali Parma, Milano, Lecce, Treviso, Bologna, Torino, Roma e Napoli. Da segnalare l'assegnazione del primo premio conferitagli nel concorso "Helios Arts Award" bandito dalla "BP Italia" nel 2003 presso il "Museo della scienza e della Tecnica" di Milano e la partecipazione ad una esposizione calcografica presso il Palazzo Bodoniano della Pilotta di Parma per la rassegna dedicata al Parmigianino.

L'inaugurazione di "InHUMAN" si terrà giovedì 3 ottobre alle ore 18 presso gli spazi espositivi della sede provinciale di CNA Parma, in via La Spezia 52/A.
 
(Fonte: ufficio stampa CNA PR)
Pubblicato in Comunicati Arte Emilia
Giovedì, 05 Settembre 2013 16:06

Il primo "Speed Date" a servizio dell' impresa


Parma, 5 settembre 2013 -


Si terrà martedì 10 settembre, presso Ca' Pina (via Traversetolo 200, loc. Botteghino), il primo "speed date" dedicato agli imprenditori. CNA Parma, in collaborazione con Compagna delle Opere, ha voluto mettere a disposizione delle imprese un metodo innovativo per fare rete, condividere progetti, agevolare la relazione e le possibili collaborazioni.

Incontrarsi, conoscersi, creare relazioni ma anche condividere e progettare insieme. Questo è lo scopo di "Incontri", un vero e proprio speed date per imprenditori, iniziativa voluta ed organizzata da CNA Parma e da Compagnia delle Opere Emilia perché tanti piccoli imprenditori possano trovare un momento in cui parlare del proprio futuro e capire se anche altri si trovano a condividere gli stessi progetti, sogni o ambizioni.

Oggi più che mai le relazioni sono fondamentali per portare avanti un processo imprenditoriale e di sviluppo. Relazioni che si giocano anche a livello web ed informatizzato ma che non possono prescindere dalla vera conoscenza dell'interlocutore, dal rapporto di fiducia reciproca che solo l'incontro personale può far emergere. Le "reti d'impresa", futuro prossimo del nostro tessuto imprenditoriale fatto di tante PMI, nascono dai contatti personali e poi possono evolvere ed allargarsi anche grazie alla maturazione tecnologica e alla conoscenza digitale.

Ecco che allora, attraverso una modalità nuova, o non ancora particolarmente sfruttata nell'ambito imprenditoriale, CNA e CDO hanno pensato di far incontrare tra loro 50 imprenditori del territorio con idee di sviluppo e metterli in condizione di raccontare agli altri la propria visione. Reciprocamente saranno poi gli altri intervenuti a raccontare la loro, proprio in una logica di scambio aperto, di proposta di collaborazione, di voglia di relazione.

In una cornice piacevole e non formale, l'obiettivo sarà quello di dare vita e possibilità a nuovi percorsi imprenditoriali, di investimento e di crescita. Chissà quante volte ci è capitato di stupirci di avere avuto un'idea simile a chi ci stava raccontando un qualcosa (fosse solo anche il progetto di un viaggio); chissà quante volte avremmo potuto dare un suggerimento o un contatto giusto all'interlocutore occasionale e non l'abbiamo fatto per timore di essere considerati invadenti. "Incontri" è l'occasione per farlo, per aprirsi agli altri con fiducia, su una tematica difficile ma imprescindibile per il nostro futuro: il fare impresa e il creare sviluppo guardando al futuro.
L'evento sarà anche l'occasione per lanciare, attraverso le parole di imprenditori che vi hanno già partecipato, Matching 2013, una sorta di fiera B2B organizzata a Milano da CDO che prevede per le imprese che si iscriveranno la possibilità di tanti incontri d'affari con società ed aziende italiane ed estere. Anche questo un esempio di modalità di fare business attraverso la reciproca conoscenza e creazione di relazioni, nell'idea che la crescita possa avvenire "insieme agli altri" e non in una limitante logica di concorrenza assoluta.

Se l'evento avrà successo e troverà il consenso degli imprenditori partecipanti CNA e CDO hanno già stabilito di riproporlo anche con numeri di posti maggiori e con forme organizzative più evolute ed innovative, come già da nove edizioni accade del resto a MATCHING 2.0, evento di alto indice di gradimento per lo sviluppo delle PMI, che tramite incontri fra imprenditori si pone come un ottimo strumento per il miglioramento della competitività dell'impresa.

Appuntamento quindi a Parma presso Ca' Pina (via Traversetolo 200, loc. Botteghino) il prossimo martedì 10 settembre alle ore 18,00. La partecipazione è gratuita ma i posti sono limitati pertanto l'iscrizione è obbligatoria.

Per la registrazione all'evento o per ricevere maggiori informazioni: contattare CNA al 0521227211 o scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

(Fonte: ufficio stampa CNA Parma)

Venerdì, 16 Agosto 2013 18:55

Rischio 3 milioni di disoccupati. Allarme CNA

 

Emilia, 16 agosto 2013 - -


Rischiamo di arrivare a fine anno con 3 milioni e mezzo di italiani senza lavoro. Il numero degli occupati, circa 22 milioni e mezzo, ha raggiunto il valore più basso del nuovo secolo.

La crisi dell'occupazione si sta aggravando. Senza una decisa e tangibile inversione di tendenza che faccia ripartire effettivamente lo sviluppo, la situazione sociale del nostro Paese può diventare critica.
L'analisi del Centro Studi CNA fa riferimento soprattutto ai 548 milioni di ore di cassa integrazione autorizzate nei primi sei mesi del 2013. A peggiorare il quadro, sempre nel primo semestre dell'anno, le pessime condizioni generali del mercato del lavoro. Rispetto allo stesso periodo del 2012 l'occupazione si è ridotta di 407mila unità, che equivalgono all'1,8% in meno. Nel frattempo, il numero dei disoccupati è salito del 16,4% a 431mila unità.

Alla fine dello scorso giugno, il numero degli occupati, 22,5 milioni circa, ha raggiunto il valore più basso del nuovo secolo, mentre il tasso di disoccupazione ha toccato il livello record del 12,1%, con oltre tre milioni di senza lavoro. Numeri da brivido per le donne, con il 12,9% di disoccupate, e per i giovani, tra i quali la media dei senza lavoro tocca addirittura il 39,1%. Una crisi della quale forse non abbiamo ancora toccato il fondo. Nei primi sei mesi del 2013, il numero di ore autorizzate di Cassa integrazione è stato di circa 548 milioni, segnando un incremento consistente, quasi il 4,6%, rispetto al 2012, toccando il livello più alto a partire dal 2009.
Un dato particolarmente preoccupante per la tenuta del mercato del lavoro: se queste ore fossero interamente utilizzate, sottolinea il Centro Studi CNA, si tradurrebbero nella perdita di circa 322mila posti di lavoro. Le costruzioni e l'industria continuano a essere i settori maggiormente affetti dalla crisi. Le ore di Cig autorizzate nelle costruzioni sono aumentate di 7,8 milioni, pari al 13,7% in più. Le ore di Cig autorizzate nell'industria sono cresciute di 22,3 milioni, il 6,4% in più. Negli ultimi cinque anni i due settori hanno perso un numero equivalente di addetti, rispettivamente 370mila e 362mila unità. Ma ben diverso è stato l'impatto sulla base occupazionale: nel caso dell'industria si è ridotta del 7,5%, nelle costruzioni del 18,7%. Se le ore di Cig autorizzate nel primo semestre del 2013 dovessero essere utilizzate per trattamenti salariali a zero ore, i posti di lavoro persi nei due comparti dall'inizio della crisi salirebbero a 400mila nelle costruzioni (-21%) e a 594mila nell'industria (-10%). L'acutizzarsi della crisi in questi due comparti si riflette pesantemente nell'artigianato. Nei primi sei mesi dell'anno, le ore autorizzate di Cig sono state pari a 46,1 milioni con un incremento intorno al 10% (+4,1 milioni di ore) rispetto al 2012. Nell'artigianato l'utilizzo effettivo di queste ore si tradurrebbe in una perdita potenziale di altri 28mila posti di lavoro.
(Fonte Cna)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Emilia

Parma, 20 giugno 2013 -

La richiesta formale di costituire un Tavolo Istituzionale ad hoc per i lavori di Via Emilia Est -

Parma, 12 maggio 2013 -

Ricamo, merletto, patchwok, quilting, tessitura, puntocroce...questo e molto altro a "Italia Invita 2013" evento patrocinato da CNA Federmoda dedicato alla creatività tessile dal 10 al 12 maggio al quartiere espositivo delle Fiere di Parma.

Pagina 3 di 4