Confcooperative Parma comunica la sintesi dei bandi ancora aperti ai quali è possibile accedere per finanziamenti.

  • "I grandi temi della politica economica": tornano online martedì 1 dicembre alle ore 18 - NEXT GENERATION EU: l'occasione per ripartire?
  • Dopo una lunga pausa dovuta all’emergenza sanitaria tornano a Bologna, naturalmente solo online, gli incontri della rassegna "I grandi temi della politica economica: posizioni a confronto", organizzata dal Dipartimento di Scienze Economiche dell'Università di Bologna in collaborazione con la Società editrice il Mulino e l'Associazione Prometeia. 

Cerchi lavoro? Archimede Spa, Agenzia per il lavoro, propone ogni settimana le posizioni aperte in diversi settori e per diverse mansioni.

Un profondo cratere creato dai flussi impetuosi delle ultime piene mette a repentaglio la stabilità dell’opera idraulica che segna il confine tra le province di Reggio Emilia e Modena con conseguenti ripercussioni anche sulla solidità dell’argine vicino. Corsa contro il tempo del cantiere prima delle piogge previste per i prossimi giorni

  • Un progetto realizzato da UniCredit e AAC Consulting. Il 3 dicembre un nuovo incontro formativo e gratuito per affiancare le imprese nel percorso di ripresa.

Sulla Sp 32 Pedemontana, per lavori di sistemazione dei giunti di dilatazione, chiusura del ponte di Mamiano.

25 novembre 2020 - Sono attualmente tre - e potrebbero essere quattro a gennaio - i "Decreti Ristori", pacchetti di provvedimenti che interessano milioni di imprese e lavoratori colpiti dall'emergenza Covid. A "fare le pulci" ai tre decreti (n. 137 del 28 ottobre, n. 149 del 9 novembre e n. 154 del 23 novembre) sono gli esperti dell'Unsic, organizzazione datoriale con oltre tremila uffici in tutta Italia, tra Caf, Patronati e Caa.

Cuscini e arazzi sartoriali, sfere natalizie in preziose stoffe e in terracotta decorata a mano, originali e preziose riproduzioni dei putti e delle maschere che decorano i palchi del Teatro Regio in polvere di marmo decorata a foglia d’oro,  l’esclusiva eau de parfum Regio Parma, i volumi illustrati per i più piccoli della collana I miti dell’Opera e molto altro ancora. Una selezionata offerta di creazioni originali, manufatti artigianali, pezzi unici che racchiudono la sapienza artigianale del Regio, da oggi a portata di click sul nuovo shop on line, teatroregioparma.it/shop oltre che al Bookshop del teatro, per portare un pezzo di storia del Regio a casa propria

Italian Sounding: al Dairy Summit il Parmigiano Reggiano quantifica il danno (2 miliardi di euro solo in area extra-UE) e propone soluzioni per la lotta al parmesan

La Gilda degli Insegnanti di Piacenza e Parma ritiene incomprensibile l'atteggiamento della politica piacentina che, trasversalmente, vuole negare all'Istituto Romagnosi Casali l'attivazione, a partire dal prossimo anno scolastico, di un corso serale ad indirizzo socio sanitario. Eppure si tratta di un percorso d'istruzione che servirebbe ad incrementare un ambito professionale che è tra quelli di cui il nostro territorio necessita, ciò dovrebbe essere una priorità.

 

La Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza, tramite il suo coordinatore Salvatore Pizzo, esprime il pieno sostegno ai colleghi impegnati nei corsi per gli adulti, che qualche sconsiderata voce in quel di Fontanellato considera "ospiti".come se fossero estranei al sistema dell'Istruzione Pubblica. La scuola è sempre tale quando è mattutina, quando è pomeridiana e quando è serale! Non esiste la serie A e la serie B!

SEDE DI PARMA:Borgo delle Colonne 32– 43121-Parma-
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -tel.338/8103820 – tel.fax 0521/684809

SEDE DI PIACENZA: Via S. Marco, 22 – 29100 Piacenza
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Tel. 0523 314046 – 338/8103820

La dottoressa Lotti è tra i vincitori del Bando “Giovani Ricercatori” del Ministero della Salute nell’ambito della Ricerca Finalizzata 2019. Sono due i progetti vincitori in tutta l’Emilia – Romagna

Editoriale:  - Il “Banco Vince”... sempre! E’ crisi ma non per tutti - Lattiero caseario: "Grana Padano" e "Parmigiano" sempre più in alto - Cereali e dintorni. Nessun segnale di rallentamento.-Bocca d’Enza in sicurezza, al via il cantiere del Consorzio della Bonifica Parmense - Abbiamo un solo pianeta: la partita decisiva della crescita e del lavoro per tutti - Eima Digital Preview: Novità Tecniche 20/21... il concorso continua -

 

 

L’evento si è tenuto questa mattina alla presenza di un numero contingentato di rappresentanti istituzionali

Reggio Emilia, 21 novembre 2020 – L’edificio A del terzo Polo Universitario cittadino è stato ufficialmente consegnato all’Università di Modena e Reggio. Così diventa realtà il progetto UniMoRe 2020. Nato dalla collaborazione tra Diocesi e Comune, nel giro di pochissimo tempo il progetto si è trasformato in uno sforzo corale cui hanno preso parte numerose realtà pubbliche e private del territorio.

L’imponente ristrutturazione dell’immobile dell’ex Seminario, iniziata il 29 aprile 2019 e proseguita senza interruzioni nonostante l’emergenza sanitaria, ha dato vita ad una struttura che ospiterà circa duemila persone, tra studenti e personale.

Ad oggi sono stati investiti 7,7 milioni di euro per l’intero Lotto A. L’obiettivo era quello di rendere fruibile alla città una struttura dalle dimensioni molto importanti e situata nel cuore pulsante di Reggio Emilia. Il modo migliore per farlo era dedicarlo a luogo di cultura e formazione per i giovani studenti universitari.

Le dichiarazioni

“Il progetto di riqualificazione dell’ex seminario in viale Timavo è uno straordinario risultato – ha spiegato Alessio Mammi, Assessore all'agricoltura e agroalimentare, caccia e pesca della Regione Emilia Romagna, intervenuto anche per portare il saluto del presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini -, che ha visto coinvolte le forze migliori della città e della provincia. La Regione ha partecipato con un importante contributo di 500mila euro, nel solco di una strategia condivisa in tutto il territorio regionale di sostegno alla formazione, al sapere, ai giovani, e compiendo una grande operazione di rigenerazione urbana. Con l’ex seminario trasformato in Università, la città di Reggio Emilia acquista il terzo polo dopo la sede di Palazzo Dossetti all’ex caserma Zucchi e la riqualificazione del Campus San Lazzaro”.

Ha proseguito poi Mammi: “La nostra terra ha una caratteristica unica: sappiamo portare a termine i risultati con efficacia, e sappiamo farlo condividendo strategie e obiettivi. Credo di dover porgere doverosi ringraziamenti a Sua Eccellenza il Vescovo Mons. Massimo Camisasca per aver avuto la lungimiranza del valore di un progetto di tale portata per la città, al comitato Reggio Città Universitaria e al suo Presidente Mauro Severi, alle altre istituzioni coinvolte, a tutti i donatori pubblici e privati, ai tecnici e alle maestranze che hanno portato a casa questo bel risultato in un tempo perfetto”.

“La consegna del primo lotto del nuovo Polo universitario – ha riferito il Presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giorgio Zanni - rappresenta un segnale di speranza per la nostra comunità, chiamata ad affrontare questi difficili mesi di emergenza sanitaria. Lo è per il rispetto del cronoprogramma, nonostante proprio la complessità del momento, che conferma come - anche in Italia ed anche oggi - sia possibile lavorare bene, onorando tempistiche ed impegni. Lo è per il livello di eccellenza di questo ambizioso piano di riqualificazione del sistema educativo ed urbano di una parte importante della città che oggi inizia a vedere la luce e che, da domani, inizierà ad ospitare i giovani - e dunque il futuro - di tutta la nostra provincia, e non solo”.

“La terza sede universitaria di Reggio Emilia è realtà. Un fatto di importanza determinante per il futuro di una città che vuole impostare il proprio domani sul sapere e sulla conoscenza e che, al contempo, ha a cuore il riuso di spazi prestigiosi quali sono quelli del Seminario”, ha affermato il Sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi. “Questa operazione ha radici antiche, si è concretizzata con una serie di atti della Giunta comunale già diversi anni or sono ed è nata grazie al confronto sincero, collaborativo e improntato al bene pubblico, che abbiamo instaurato da tempo con il Vescovo della nostra città, monsignor Massimo Camisasca, che ringrazio. Dal dialogo con la Curia e con l'Ateneo di Modena e Reggio Emilia ha preso il via questa straordinaria avventura, che arriva in porto felicemente. Al tempo stesso voglio ringraziare gli enti pubblici - Regione e Provincia in testa - per aver sostenuto la terza sede universitaria di Reggio al Seminario, e la città diffusa, le associazioni di categoria, i tanti attori del mondo economico che con sensibilità e lungimiranza sono stati al nostro fianco”.

Mauro Severi, presidente del Comitato Reggio Città Universitaria, ha dichiarato: “Nonostante la pandemia, non abbiamo subito ritardi sul nostro programma di lavori e di questo andiamo molto fieri. Gli step che avevamo programmato e che fin dal principio erano per noi la risposta alla fiducia dei nostri committenti sono stati rispettati. Quello di oggi è un primo, importante passo. Ci auguriamo che da domani i lavori possano proseguire allo stesso ritmo. Nel convinto sostegno generalizzato di cui abbiamo avuto testimonianza c’è il motore di una nuova cultura professionale e la forza di un nuovo sviluppo delle competenze a disposizione delle imprese, la spinta tangibile di un’apertura nazionale e internazionale da parte di Reggio Emilia”.

“Il recupero del Seminario vescovile di Reggio Emilia – ha commentato il Rettore dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Carlo Adolfo Porro - oltre a rappresentare un’importante opera di riqualificazione urbanistica di uno spazio adiacente al centro cittadino, segna la sua restituzione ad una funzione attiva nello sviluppo sia culturale sia formativo del territorio. Con l'ingresso dell'Università in questi spazi, dove troveranno sede aule e laboratori per attività didattiche, un auditorium, studi di docenti e una residenza per studenti, prende corpo attraverso questo terzo polo l'idea di quella "città universitaria" immaginata e sottesa nell'accordo firmato recentemente col Comune di Reggio Emilia”.

Ha proseguito il Rettore: “Nella Curia di Reggio Emilia abbiamo trovato un attore fondamentale e attento a cogliere le nostre esigenze e nel Comitato Reggio Città Universitaria un interlocutore puntuale e competente nel soddisfare l'urgenza di poter disporre in tempi brevi di questa struttura, divenuta fondamentale e indispensabile per la grandissima crescita di iscritti della sede reggiana di UniMoRe. Accogliere un numero crescente di studenti e studentesse in spazi e luoghi adeguati è un compito che come UniMoRe ci siamo assunti con responsabilità perseguendo, costantemente, l'obiettivo di un Ateneo di qualità, radicato nel territorio e con lo sguardo, al contempo, aperto al contesto nazionale e internazionale”.

“Fino nella struttura architettonica ideata da Enea Manfredini questo edificio è una casa di luce. Per molti anni questa luce ha accompagnato la formazione dei giovani che si preparavano al sacerdozio. Ora, divenendo polo universitario, esso non dismette, ma anzi continua e approfondisce la sua vocazione educativa investendo con la sua luce e la sua storia nuove generazioni di giovani che si preparano a guidare e servire il nostro Paese”, ha dichiarato monsignor Massimo Camisasca, vescovo della Diocesi di Reggio Emilia e Guastalla. “Mi auguro che il fondamento cristiano di questo complesso assieme alla memoria della donazione e del servizio di tutti coloro che negli anni passati hanno studiato e vissuto tra queste mura possano contribuire a ispirare i cuori di coloro che abiteranno questo edificio, aprendoli alle dimensioni più profonde e vere dall’esistenza”.

 

Romano Sassatelli, Presidente della Fondazione Manodori, ha commentato: "La creazione di questo nuovo polo universitario è un’opportunità straordinaria per la nostra comunità. Risponde ad un bisogno, promuove il sistema formativo locale, si configura come un luogo in grado di incentivare le relazioni e la coesione sociale. Si tratta inoltre di un progetto corale, di cui fa parte anche la Fondazione Manodori al fianco di tante realtà pubbliche e private per poter contribuire, insieme, a cambiare il volto della nostra città, incentivando le occasioni di incontro e di crescita".

 

Fabio Storchi, Presidente di Unindustria Reggio Emilia, ha riferito: “Siamo particolarmente lieti di vedere rafforzata la presenza nella nostra città dell’Università di Modena e Reggio Emilia, con il recupero dell’ex Seminario diocesano e la creazione del terzo polo dell’Ateneo a Reggio Emilia. Al Vescovo Massimo Camisasca va la nostra riconoscenza per aver saputo immaginare per l’edificio, con generosità e lungimiranza, un futuro al servizio della Comunità”.

 

“Un complesso simile realizzato nel giro di un anno è un vero miracolo – ha affermato Stefano Landi, Past President della Camera di Commercio di Reggio Emilia –, e questo è stato possibile grazie alla generosità di tanti, una caratteristica per cui Reggio si è sempre distinta e continua a farlo. Il fatto di avere un centro nevralgico della cultura in centro città sarà sicuramente di grande beneficio per la nostra economia, nonché per il senso di comunità che questa realtà sempre dimostra di avere”.

L’intervento di restauro

L’intervento di restauro è diretto dall’Ente Seminario ed è suddiviso in due lotti.

Il lotto A, consegnato oggi, ha coinvolto tutti i piani dell’ala nord su viale Timavo, da quello rialzato fino al terzo piano. Sono stati realizzati 1.032 posti aula e 160 postazioni di lavoro.

Un Auditorium da 293 posti è stato edificato al posto dell’ex refettorio sotto l’atrio, mentre l’area del seminterrato dell’ala nord è stata destinata a foyer, ai servizi Centro elaborazione dati e alle sotto-centrali impianti. Infine, l’area del seminterrato nell’ala sud è destinata a centrale termica.

UniMoRe avrà a disposizione tre Aule Magne da oltre 150 persone cadauna.

Il lotto B interessa oltre 11mila metri quadrati di edificio e proprio in queste settimane verranno completati i progetti che a breve saranno sottoposti all’attenzione degli enti.

L’invito del Sindaco di completare quanto prima anche il lotto B pare essere stato bene accolto dal Vescovo, che ha incaricato il Comitato Reggio Città Universitaria di programmare l’intervento.

La storia del progetto

Il progetto Reggio Città Universitaria affonda le proprie radici nell’aprile 2018, quando il Vescovo Camisasca annunciò la sua decisione di mettere a disposizione della comunità reggiana l’immobile del Seminario Vescovile di viale Timavo, firmato dall’architetto Enea Manfredini e inaugurato il 24 novembre 1954, al fine di aprire un nuovo polo universitario.

Seguirono la firma di un protocollo d’intesa tra la Diocesi, il Comune di Reggio Emilia e l’Università di Modena e Reggio Emilia per l’attivazione dell’iter di progettazione esecutiva e la raccolta di adesioni tra enti pubblici e privati, aziende e istituzioni della città di Reggio Emilia, al fine di raccogliere i fondi necessari alla ristrutturazione.

Il 20 dicembre 2018 fu costituito il Comitato “Reggio Città Universitaria”, di cui è stato eletto presidente Mauro Severi, vicepresidente Paolo Bonaretti, e membri del Consiglio direttivo Giorgio Zanni, presidente della Provincia di Reggio Emilia, Daniele Marchi, assessore del Comune di Reggio Emilia, Gino Belli, di Confcooperative, l’avvocato Ferdinando Del Sante e il dottor Gian Pietro Menozzi. Il Collegio dei Sindaci è costituito dal presidente Giulio Morandi, Ivan Villa e Mauro Macchiaverna.

Chi di noi non si è accorto delle promozioni legate al Black Friday? Pubblicità martellanti in tv, alla radio, sui social ci ricordano che abbiamo pochissimo tempo per beneficiare delle imperdibili promozioni sulle grandi piattaforme di e-commerce.

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero delle Politiche Agricole, di concerto con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che suddivide lo stanziamento dei fondi dedicati al “Programma di distribuzione di derrate alimentari alle persone indigenti”. Il provvedimento ha tenuto conto delle necessità espresse dalle organizzazioni caritative a fronte dei 250,9 milioni di euro disponibili: 900mila euro di residui sul Fondo 2020 e 250 milioni di euro derivanti dalle risorse straordinarie del decreto Rilancio.

Un progetto realizzato da UniCredit e AAC consulting. Il 23 novembre, il terzo incontro formativo e gratuito per affiancare le imprese nel percorso di ripresa: un live coaching della Digital & Export Business School UniCredit.

OPI Parma - Ordine delle Professioni Infermieristiche: importante donazione all'hospice e alle strutture per anziani gestite dalla Cooperativa Auroradomus.

AIPo e Autorità distrettuale del Po insieme nella “Giornata della Trasparenza” per far conoscere ai cittadini i progetti più importanti inerenti il Bacino del Grande Fiume

Sulla Sp 10 di Cremona, a causa delle criticità emerse nel sopralluogo tecnico. Da oggi venerdì 20 novembre fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.

Proseguono i webinar gratuiti organizzati dallo Studio DR48 in collaborazione con UniCredit per offrire una panoramica sui provvedimenti ricompresi dal Decreto Rilancio in materia di agevolazioni fiscali sulle spese sostenute per la riqualificazione energetica e sismica degli immobili.

Venerdì, 20 Novembre 2020 06:49

Agricoltura digitale e interoperabilità

A Eima Digital Preview, Image Line punta i riflettori sulle esperienze pratiche di chi ha scelto il digitale in campo

Il Comune di Piacenza, in collaborazione con le associazioni di categoria - Unione Commercianti, Confesercenti, Coldiretti, Cia, Confagricoltura e Cna- e ai volontari di Croce Rossa Italiana e Scout Agesci, al fine di contrastare e contenere il diffondersi del contagio da virus Covid-19, ha attivato un servizio di ordinazione e consegna a domicilio di beni alimentari e di prima necessità.

Confcooperative Parma comunica la sintesi dei bandi ancora aperti ai quali è possibile accedere per finanziamenti.

Sopralluogo di Regione Emilia Romagna e Comune di Sorbolo Mezzani sulla fase operativa del progetto consortile realizzato in collaborazione con l’impresa SGC di Parma e la bolognese Innova. Nell'ordine le interviste si riferiscono a: IRENE PRIOLO - Assessore Difesa del suolo Regione ER; - LUIGI SPINAZZI - Presidente Consorzio della Bonifica Parmense; - NICOLA CESARI - Sindaco Comune di Sorbolo Mezzani.

Sopralluogo di Regione Emilia Romagna e Comune di Sorbolo Mezzani sulla fase operativa del progetto consortile realizzato in collaborazione con l’impresa SGC di Parma e la bolognese Innova

  • La banca ha organizzato una giornata di confronto con tutti gli attori chiave coinvolti nell’iniziativa governativa. A oggi, sul totale delle pratiche in valutazione, circa l’88% ha come beneficiario un privato, l’8% un condominio e la restante parte un’impresa.

Pagina 1 di 359