Visualizza articoli per tag: denuncia

I Carabinieri di Sissa Trecasali, nei giorni scorsi, al termine di una articolata e complessa attività investigativa hanno denunciato alla Procura delle Repubblica di Parma un 40enne nigeriano, residente nel Lazio perché ritenuto il presunto autore di una truffa.

 

L’illusione di un nuovo amore e l'amara scoperta di trovarsi raggirati e col conto alleggerito. Si chiama "romance scam” o truffa romantica. Si tratta di uno dei raggiri più dolorosi di cui si può cader vittima in quanto, colpendo la sfera dei sentimenti, ferisce il desiderio di felicità, lasciando l’amaro in bocca per essere stati manipolati nel peggiore dei modi, creando un danno psicofisico oltre a quello economico".

Il copione è sempre lo stesso, cambiano solo i nomi degli attori che di volta in volta recitano la parte dell’imprenditore o del militare in servizio in Paesi martoriati dalla guerra o comunque con una posizione lavorativa di alto livello.

Iniziano i primi scambi di messaggi che si intensificano nel tempo arricchendosi di particolari sempre più intimi sulla propria vita. Si comincia così a creare un legame con il truffatore, che si rivela entusiasmante per la vittima che ha la sensazione di essere tornata a vivere, immersa in una nuova e travolgente storia d’amore proiettata nel futuro.

Dopo aver instaurato questo falso ma intenso rapporto di “amicizia” virtuale, i truffatori cominciano a chiedere denaro, accampando una serie di motivazioni fantasiose, come nel caso della signora originaria di Sissa, ma ora residente in un altro comune, che si è vista chiedere denaro per la spedizione di un pacco regalo.

Ma facciamo un passo indietro, è il settembre del 2023 quando Maria (nome di fantasia ndr) 60enne originaria di Sissa Trecasali ha conosciuto in una delle tante Chat presenti sul web un 58enne architetto, di nazionalità inglese che al momento, per motivi di lavoro si trovava in America ma a suo dire residente a Parma.

Con questa persona la donna ha iniziato una serie di scambi di messaggi in chat, a seguito dei quali nasceva prima un’amicizia poi diventata, almeno per lei, un vero e proprio rapporto sentimentale.

A questo punto, il presunto fidanzato virtuale informava Maria che stava provvedendo alla spedizione di un pacco con una grossa sorpresa che le avrebbe cambiato la vita.

Ma dopo alcuni giorni l’architetto informava Maria che se avesse voluto ritirare il pacco avrebbe dovuto inviargli 1.400 Euro, al primo rifiuto, ecco che l’architetto minaccia Maria di interrompere la loro storia e Maria accetta suo malgrado di pagare. Da lì in poi è stato un continuo susseguirsi di richieste di soldi e di bonifici effettuati sui conti correnti di volta in volta indicati, fino ad arrivare ad una cifra ragguardevole.

La donna ha continuato a pagare fino al mese di febbraio di quest’anno quando si è resa finalmente conto di essere stata vittima di una truffa e si rivolgeva disperata ai Carabinieri di Sissa Trecasali.

L’indagine si è rivelata particolarmente complessa in ragione dell’ambiente nel quale è stata condotta, un mondo virtuale, nel quale operano personaggi con identità virtuali, difficili da perseguire.

Fatto salvo il principio di innocenza fino a sentenza definitiva il 40enne nigeriano è stato denunciato alla Procura della Repubblica per il reato di truffa.

I militari a seguito della denuncia effettuavano una serie di accertamenti bancari, sui conti correnti dove erano confluiti i vari bonifici, i cui dati, incrociati con quelli emersi dai controlli sui tabulati telefonici, portavano all’identificazione del presunto autore.

I Carabinieri raccomandano la massima attenzione nell’instaurare relazioni con persone sconosciute incontrate sulle piattaforme social. Infatti esistono numerose organizzazioni criminali che effettuano un’attività di vera e propria “social engineering” finalizzata a studiare i comportamenti, le abitudini, e gli interessi delle potenziali vittime, analizzando i contenuti condivisi sui social, i commenti e i “like”.

Pubblicato in Cronaca Parma

La Polizia di Stato di Modena ha tratto in arresto un cittadino nigeriano di 34 anni per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Pubblicato in Cronaca Modena

Siti ad hoc e prezzi bassi. Ad attirare il consumatore, oltre al prezzo basso, anche le immagini che mostrano un prodotto bello e moderno. Si procede mettendo in vendita degli oggetti – online – nel caso di specie delle piscine ultra moderne e, una volta arrivato il pagamento, il venditore scomparire nel nulla. Purtroppo un copione già visto in molti altri ambiti. I truffatori fanno perno sulla voglia di comprare una piscina attesa la forte calura.

Pubblicato in Cronaca Parma

Nella nottata di ieri, 10.07.2024 alle ore 02.00 circa, personale dell'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico interveniva in via Garibaldi, ove era stato segnalato uno straniero che inseguiva una coppia brandendo una catena da bicicletta.

Pubblicato in Cronaca Parma

Parma, 10 luglio 2024 - Il 10 luglio 2024, alle ore 10.30, in Parma, Piazzale della Pilotta n. 15, presso il Complesso Monumentale della Pilotta, 56 monete di notevole pregio e rarità, appartenenti al Medagliere del Museo Archeologico del Complesso Monumentale della Pilotta, sono state riconsegnate dal Comandante del Nucleo Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (TPC) di Bologna al Direttore del suindicato Complesso Monumentale.  (allegato in pdf l'elenco delle monete)

Pubblicato in Cronaca Parma

Comunicato Stampa Comando Provinciale Carabinieri di Parma

Pubblicato in Cronaca Parma

Sul web è chiamata “Rendez Moi o truffa del Resto”. E’ una truffa molto in voga e conta già centinaia di vittime.

Pubblicato in Cronaca Parma

Denunciato dai carabinieri un 18enne colto in flagrante.

Pubblicato in Cronaca Parma

Trovato con 15 grammi di hashish mentre era “ai domiciliari”. Il giudice dispone che deve tornare in carcere

Pubblicato in Cronaca Parma

I Carabinieri della stazione di Parma Oltretorrente al termine di attività investigativa, sono riusciti ad identificare e quindi denunciare a piede libero, un 20enne, nato a Parma che nei giorni scorsi, in via Sidoli al culmine di un litigio ha colpito in testa con una mazza da baseball in metallo, un 25enne italiano, procurandogli un trauma cranico.

Pubblicato in Cronaca Parma
Pagina 1 di 42
È GRATIS! Clicca qui sotto e compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna quotidiana.



"Gazzetta dell'Emilia & Dintorni non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio e a conservare la nostra indipendenza, con una piccola donazione. GRAZIE"