Visualizza articoli per tag: Badolato

Martedì, 20 Settembre 2022 06:26

Madonna della Salute. Nuovi gemellaggi.

Lettere a Tito n. 421. Madonna della Salute di Badolato (CZ): statua replicata pure allo Zòmaro (RC) oltre che in Perù. Proposti utili gemellaggi.

di Domenico Lanciano 12 agosto 2022 - Nel 1935, in tempi davvero non sospetti, l’allora ventinovenne insegnante elementare calabrese Nicola Caporale di Badolato (1906-1994) in provincia di Catanzaro (poi noto narratore, poeta, giornalista, pittore, fotografo sociale, politologo, ecc.) ha scritto la lunga novella “L’amica d’infanzia” sul celibato dei sacerdoti, pubblicata nel 1966 dall’editore Interlisano di Parma dentro la raccolta “Con gli occhi non si vede”.

Pubblicato in Cultura Emilia
Giovedì, 16 Giugno 2022 08:51

Amarcord! 50 anni di voto

Lettere a Tito n. 405 - Festeggiamo insieme il mio 50mo elettorale! (in allegato il documento completo)

Lettere a Tito n. 404 - Pietro Borraro (1927-1982) uno degli intellettuali più esaltanti del Novecento europeo.

Pubblicato in Cultura Emilia

Lettere a Tito n. 403 - Caro Tito, la poesia di Giacomo Leopardi “L’INFINITO” rappresenta bene lo stato spirituale ma anche le possibilità meravigliose che, a 360 gradi, offre IL BUON TURISMO comunque declinato. Per fortuna, la nostra Calabria non ha soltanto il turismo balneare lungo quasi 800 km di coste, ma elargisce un turismo 4 stagioni e 4 dimensioni (mare, colline, montagne e laghi). L’importante è farlo sempre bene. Come è essenziale fare bene e con Amore tutte indistintamente le cose.

Caro Tito, tramite te da oggi in poi vorrei pubblicare alcuni documenti storici locali, principalmente a beneficio delle nuove generazioni. Comincio con due “ciclostilati”. (allegato ciclostile)

BADOLATO (CZ) dovrebbe valorizzare il suo ricco “cineturismo” e il turismo artistico-intellettuale

Badolato (CZ), 29 aprile 2022 - Fino a mezzo secolo fa, la civiltà contadina tradizionale, soprattutto nelle nostre regioni meridionali, aveva come prima caratteristica la massima frugalità.

Sùbito dopo la disastrosa alluvione del 16-18 ottobre 1951 che ha colpito numerosi borghi collinari e montani della Calabria del basso Jonio catanzarese e reggino, l’allora Governo De Gasperi si adoperò per una ricostruzione immediata delle case per i senza-tetto, scegliendo il litorale (ferroviario e stradale) per il sito dei nuovi paesi come gemmazione di quelli più gravemente colpiti.

Lunedì, 04 Ottobre 2021 09:59

“Italia a perdere”

Il drammatico bilancio a 35 anni dall’allarme di Badolato Paese in vendita in Calabria (prototipo delle periferie e di migliaia di borghi in agonia).