Visualizza articoli per tag: terremoto

I lavori di miglioramento sismico sono stati conclusi dalla Provincia prima dell’inizio dell’anno scolastico. Massari: ”Edificio più sicuro e più bello, esempio virtuoso di realizzazione in tempi brevi di un intervento di particolare complessità.”

Pubblicato in Scuola Parma

Tra i tanti temi che ogni giorno in un modo o nell’altro, aleggiano nei nostri pensieri, c’è quello dell’aumento sproporzionato del gas e il suo possibile razionamento.

Pubblicato in Politica Emilia
Giovedì, 25 Agosto 2022 14:39

Amatrice: un esempio di tradimento politico

Erano le 3:36 di quella notte del 24 agosto 2016 quando una scossa di intensità di magnitudo 6.0 causò la morte di 299 persone e il ferimento di altre 388, distruggendo vari centri abitati e frazioni nei comuni di Amatrice, Accumoli e Arquata del Tronto.

Pubblicato in Politica Emilia

Scossa tellurica di medio alta  intensità con epicentro tra Bagnolo e Correggio, ben avvertita a Modena e anche a Bologna riaccende le paure di 10 anni fa.

Pubblicato in Cronaca Emilia
Lunedì, 29 Marzo 2021 06:56

A Cento riapre la Chiesa di San Pietro

Ricostruzione. A Cento (Fe) riapre al culto la chiesa parrocchiale di San Pietro. Dalla Regione un contributo di oltre 1,5 milioni di euro. L'assessore Calvano: "Prosegue l'impegno a restituire luoghi simbolo alle comunità, un lavoro che anche nella pandemia non si ferma". Domenica 28 marzo l'inaugurazione con una cerimonia religiosa presieduta dall'Arcivescovo di Bologna, cardinale Zuppi. Realizzate opere di miglioramento sismico e ristrutturazione: con l'edificio religioso recuperato anche il campanile gravemente danneggiati dal sisma del 2012

Pubblicato in Cronaca Emilia

A quattro anni dal sisma del 30 ottobre 2016, il messaggio dalla Basilica di Santa Rita di Cascia, dove venerdì alle ore 21:00 si terrà una veglia di preghiera 

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani ritiene fondamentale, in occasione dell’anniversario del terremoto che distrusse Amatrice e Accumoli, verificatosi il 24 agosto 2016, causò circa 250 morti ed ebbe ripercussioni gravi sull’economia e la società civile, ribadire l’importanza di un intervento risolutivo da parte dello Stato onde concedere i finanziamenti necessari per la ricostruzione delle aree coinvolte.

Mercoledì 10 Luglio, ore 16,30: Visita guidata straordinaria all'interno del Duomo di Mirandola.
Grande emozione ha suscitato tornare a visitare il cuore pulsante della Chiesa di S. Maria Maggiore che, a pochi mesi dall'apertura (21 settembre 2019), ha allontanato da sè i segni del sisma del 2012, mostrandosi nella sua imponenza architettonica, recuperata, grazie al lavoro di esperti che hanno condiviso le azioni e gli interventi per portarlo all'antico splendore.

L'ing. Susanna Carfagni, direttore dei lavori, ha illustrato i singoli interventi che sono stati effettuati partendo dalla storia della chiesa, dai restauri e dagli ampliamenti avvenuti nel tempo.

Un particolare, le volte a vela realizzate in legno per l'occasione e pronte per essere installate.
Appuntamento per tutti il 21 settembre 2019, quando finalmente il Duomo di Mirandola aprirà le porte, a tutti, per sempre.

 

Mirandola-Duomo-ristrutturazione_Post_sisma2012-IMG_20190710_172435.jpg

(Guido Zaccarelli Mirandola 11 luglio 2019)

Pubblicato in Cultura Modena

Molte sono state le dichiarazioni di soddisfazione per l'approvazione della direttiva europea riguardo la tutela del diritto d'autore, ma il percorso per vedere applicata la norma è ancora lungo e gli ultimi buoi faranno in tempo a scappare dalla stalla lasciata aperta "colpevolmente".

di Lamberto Colla Parma 31 marzo 2019 -

Ebbene sì, partiamo dall'ultima affermazione, "la stalla lasciata aperta colpevolmente".

Autori e editori, di ogni categoria professionale e artistica, erano, in un passato ormai remoto, molto soddisfatti dell'aiutino che derivava al loro business da queste strane "piattaforme", d'origine prevalentemente statunitense, che senza nulla chiedere consentivano di divulgare il loro prodotto.

La carta stampata tirava, i dischi dal vinile passarono al cd e poi dvd quando le case discografiche iniziarono a associare storielle alla canzone, e i prodotti primari incrementavano le vendite o la popolarità in altre fasce demografiche.

Grazie a queste nuove tecnologie, piattaforme aggregatrici (Wikipedia, e Youtube ad esempio) ai motori di ricerca (Google ad esempio) e infine ai social media (Facebook ecc...), il lancio dei dischi e la campagna di promozione riceveva sostanziosi aiuti senza intaccare il portafoglio così come pure i quotidiani potevano anticipare le notizie che il lettore avrebbe trovato il giorno seguente sui sui affezionati giornali freschi di stampa.

Il business dell'hardware tirava e, grazie a queste strane attrezzature digitali che si muovevano nel mondo sommerso di internet, gli affari prosperavano senza la necessità di ampliare il budget della comunicazione.

Uno sfruttamento che sembrava una manna dal cielo sino a quando ci si accorse che quegli strumenti tanto stupidi non erano e avevano iniziato a diventare i punti di riferimento del consumatore di informazioni, di musica e di libri ben oltre l'immaginazione e puntavano a competere o addirittura a sostituirsi ai negozi di musica, alle librerie e alle edicole.

Nonostante tutto, la miopia dei nostri industriali del settore si faceva sempre più grave e, per quanto i ricavi cominciassero a crollare, nessuno pensò a qualche strada alternativa da percorrere , magari investendo in tecnologie analoghe ma di fattura nazionale.

copyright.jpg

Niente di tutto questo!
Si preferì fare aumenti di capitali alle testate giornalistiche piuttosto che investire nel nuovo.

E così i nuovi costumi presero il sopravvento. Quello che siano a pochissimi anni fa era lo status symbol per eccellenza, ovvero i tre quotidiani (due rosa e un locale) sotto l'ascella, è stato sostituito dallo smartphone di ultima generazione capace di far leggere, ascoltare musica, guardare video e Tv in qualsiasi ora e senza lasciare macchie di stampa sui polpastrelli.

Ora che i buoi sono scappati e i giornali sono a meno di un terzo di lettori e il mondo musicale tradizionale sta per venire travolto dai musicisti underground nati e cresciuti nel sommerso mondo del web (da Achille Lauro a Sfera Ebbasta e al circuito dei trapper ad esempio) ecco che ci si sveglia e si decide che è ora di far pagare i contenuti che sino a ieri venivano offerti gratuiti pensando di averne un giovamento eterno.

Comunque, anche questa è solo propaganda!
Intanto perché dalla direttiva approvata dal Parlamento Europeo lo scorso 26 marzo, necessita della approvazione della identica proposta da parte del Consiglio Europeo (l'organo di rappresentanza degli Stati membri) e infine i singoli Stati, tra cui anche l'Italia, avranno due anni di tempo per recepire la direttiva, decidendo la strada da percorrere per raggiungere gli obiettivi che questa fissa. Insomma un percorso lungo quasi tre anni per arrivare all'applicazione della tanto decantata direttiva sul "Copyright", che, per i tempi dell'era digitale, sono una eternità.

Durante questi tre anni i "mostri" del web pian piano aumenteranno i prezzi di advertising e di accesso alle loro piattaforme incrementando ancor più il loro tornaconto a scapito del portafoglio degli autori e editori più piccoli che si vedranno costretti a limitare la loro visibilità a scapito della libertà di espressione.

Perciò, quando la direttiva entrerà in vigore il mondo sarà totalmente cambiato e la norma entrerà direttamente, senza passare dal "Via", nel cassetto dei ricordi inutili di questa Europa che non vuole modernizzarsi.

La morale: a fare i furbetti non sempre, anzi quasi mai, ci si guadagna... a lungo!

 

Clicca qui per leggere gli altri editoriali

 

  

Pubblicato in Politica Emilia

L'Unione Europea teme che l'Italia diventi il "Cavallo di Troia" per l'invasione gialla. Dalla linea ferroviaria Zhengzhou -Amburgo (Germania) nessuna preoccupazione invece? E no, sulla Germania non si può!

di Lamberto Colla Parma 24 marzo 2019 -

L'Italia, come al solito, non ne fa una giusta, soprattutto quando pensa per sé stessa e non per la comunità.

Sino a ieri ci si raccontava la favola che il turismo (uno dei 19 accordi sottoscritti per un totale di 20 miliardi) potrebbe essere il "petrolio" dell'Italia e oggi, grazie al memorandum sottoscritto tra Italia e Cina, che potrebbe diventare una realtà, non va più bene. Chissà cosa potrà mai nascondere l'accordo Italia Cina di tanto pericoloso!

italia-cina-flags.jpgIntanto è da apprezzare la trasparenza. E' lo stesso presidente Xi Jinping che si è mosso per porre la firma a un memorandum che regolerà gli scambi e le acquisizioni. Un accordo che ovviamente prevede che l'Italia possa giocare la Golden Share nel caso in cui venisse compromesso il controllo nazionale su imprese e siti considerati di interesse strategico.

Ma non basta, e allora i nostri cari alleati e i loro fiduciari in Italia, sempre attenti a che l'Italia non cresca troppo rapidamente, ecco che scendono in campo con una ipotesi di Super Golden Power europea per bloccare la "Belt and Road Initiative" cinese, ovvero il programma infrastrutturale che i cinesi stanno "esportando" dal 2013 un po' in tutto il mondo, a partire dal continente africano, per arrivare ai paesi dell'est europa e ora, compiendo un notevole salto di qualità, sottoscrivendo un'intesa con il primo governo appartenente ai G7, l'Italia appunto.

Di questo piano infrastrutturale così pericoloso non si discusse quando venne progettata e infine inaugurata la linea ferroviaria più lunga al mondo che copriva la distanza commerciale tra Zhengzhou e guarda caso, Amburgo, un "paesino" della Germania, in soli 15 giorni.
Obiettivo, era il 2013, consisteva nel colmare la distanza di oltre 10.200 chilometri che separa le due città in 15 giorni con collegamenti periodici (la metà del tempo navale). Un flusso inesorabile di merci che dalla Cina approdano nel cuore dell'Europa. Ma lì tutti zitti, era coinvolta la DB Schenker, divisione Trasporti e Logistica di Deutsche Bahn (ferrovie tedesche), e... sulla Germania non si può!

D'altro canto la Germania è il più importante partner commerciale europeo e mondiale con la Cina per un valore di interscambio di 170 miliardi di euro nel 2017, contro 167 della Francia e 165 degli Usa. I 40 attuali di Italia sono una vera miseria, ma Junker, Macron e Merkel hanno avuto il coraggio di affermare che la Cina è un concorrente con il quale "non possiamo costruire qualcosa di stabile". Così, In tutta risposta al bilaterale Roma - Pechino, a dimostrazione che l'UE vuol dire Francia e Germania con l'assist della Commissione UE, mercoledi il triumvirato ha invitato Xi Jinping a Parigi per un incontro, 15 giorni in anticipo sul vertice UE/Cina del 9 aprile e subito a ridosso del vertice Italia Cina appena concluso, per riaffermare l'asse di ferro Parigi-Berlino.

I soliti splendidi alleati. Loro possono intervenire in Libia bombardando senza alcuna autorizzazione preventiva dell'ONU, pur di prendere i nostri contratti petroliferi, mentre noi non possiamo fare nulla senza il visto della UE.

 

Enologica_degustazione.jpg

(foto di copertina: Great Wall of China near Jinshanling - Jakub Hałun - 29 may 2009)

 

Clicca qui per leggere gli altri editoriali

 

  

Pubblicato in Politica Emilia
Pagina 1 di 20