Visualizza articoli per tag: parma fc

Dopo aver vinto in mattinata, partecipando attivamente in massa alla promozione dell’attività di prevenzione del tumore al seno, promossa da Andos, nel cuore di Fidenza, alla presenza del Sindaco Andrea Massari, il Parma Femminile ha replicato anche sul campo, nel pomeriggio di ieri, nella 5^ Giornata del Campionato di Eccellenza Femminile, battendo per 0-5 il Nubilaria sul campo in erba naturale “Enzo Sabbadini” di Campagnola (RE), dedicando infine la vittoria a Nicole Pizzera (vedi foto in evidenza e a fianco con la maglia a lei dedicata) che nei giorni scorsi si è sottoposta alla operazione al ginocchio per la ricostruzione del legamento crociato dopo il grave infortunio riportato in allenamento. Pur trattandosi di un punteggio piuttosto rotondo – è il secondo 5-0 di fila – non è stato sufficiente per mantenere la virtuale maglia rosa del Campionato, in quanto, a parità di percorso netto per entrambe con 15 punti raccolti nelle 5 gare fin qui disputate, per la differenza reti, il comando appartiene all’Original Celthic Boys che ha contemporaneamente superato in casa il PGS Smile per 11-0, portandosi ora a +5 sulle gialloblù. Peccato perché anche oggi le occasioni per riempire maggiormente il proprio carniere non erano mancate alle Crociate, ma un po’ la mancanza di precisione, un po’ gli interventi decisivi per limitare il passivo del portiere di casa, il Capitano Erica Caleffi, hanno fatto sì che ci si limitasse alla tripletta della ritrovata bomber Johara Boselli – da alcune partite riproposta da Mister Ilenia Nicoli al centro dell’attacco, come nei primi anni di militanza nel Parma, prima della trasformazione, per la indiscussa intelligenza tattica, oltre alla capacità di disegnare geometrie in campo, in centrocampista – e alla doppietta di Capitan Debora Fragni. Come già successo nell’ultimo match interno col Fraore il diesel ducale ci mette un po’ a carburare, la prima marcatura di Johara Boselli – testimonial di Andos Fidenza – arriva solo alla mezzora, quando, con consumata abilità e fiuto del gol, sfrutta al meglio un contrattempo della difesa avversaria, e mette dentro il pallone servitole dalla assist man di giornata Giada Maini. Al 37′, infatti, la numero 7, a coronamento di una perfetta azione di squadra a due tocchi, si ripete, liberando di nuovo Boselli che deposita a porta vuota, con un tap in, il pallone dello 0-2, col quale si va al riposo. Ad inizio ripresa (5′ st) Debora Fragni mostra allo sportivo pubblico reggiano (“è uno spettacolo vedere giocare questa squadra, diamo a Cesare quel che è di Cesare”, si ascolta sugli spalti) un classico del proprio repertorio, ossia il sinistro da fuori, raccogliendo una respinta della retroguardia granata (0-3). Al 16′ st il Capitano si cava la seconda soddisfazione personale in mischia incrociando di piatto sinistro nell’angolino destro (0-4). Il pokerissimo (0-5) viene calato da Johara Boselli alla mezzora della ripresa, raccogliendo, da posizione centrale da fuori area, il pallone passato da Aurora Remondini, girata e rete.

Questo, al termine, il commento di Mister Ilenia Nicoli, intervistata da Gabriele Majo, responsabile ufficio stampa e comunicazione del Settore Giovanile e delle Squadre Femminili del Parma Calcio 1913:

“Mi fa piacere che il pubblico di casa abbia detto che è uno spettacolo vedere giocare il Parma, intanto perché era da tanto tempo che non c’era il piacere di vedere gente sugli spalti. In effetti oggi le ragazze, a mio avviso, sono state molto brave, cercando di fare le cose che abbiamo provato in settimana e certamente abbiamo raccolto i frutti del loro impegno che veramente mi lusinga ogni volta. E’ bello vedere giocare a calcio, e avere di fronte una squadra come il Nubilaria che prova a farlo merita un plauso. Nelle ultime due partite, in effetti, siamo state un po’ diesel a sbloccare il risultato, ma credo che sia una caratteristica di queste ragazze, perché hanno bisogno di capire e di studiare l’avversario. Ripeto, poi, una considerazione che ho già fatto anche in altre occasioni e cioè che per noi giocare sull’erba naturale non è semplice perché ci alleniamo tutta la settimana sul sintetico, perciò i ritmi cambiano inevitabilmente. Detto questo abbiamo anche cambiato sistema di gioco dopo mezzora e credo che le abbia aiutate a sbloccarsi, perché ci siamo alzate di più, perciò sono state brave loro ad adattarsi di nuovo ad una mia richiesta. Comunque non era tanto un discorso di difesa a quattro: tatticamente, prima, non eravamo state brave a sfruttare nella parte alta – da centrocampo in su – le situazioni studiate in settimana e a muoverci di conseguenza. Poi è anche vero che avevamo veramente tante ragazze fuori, per cui alcune si sono ritrovate a giocare in un certo modo per la prima volta, e in un primo contesto non è mai semplice adattarsi velocemente. Voglio fare un plauso a tutte le ragazze che sono entrate e che hanno fatto bene anche nel secondo tempo e questo mi fa molto piacere, perché non credo più ad un calcio dove gli undici di partenza fanno sempre la differenza. Non è così: io, invece, credo che spesso possano fare la differenza proprio le ragazze che salgono nel secondo tempo, perciò sono contenta che abbiano fatto bene. Questa strategia viene sposata da tutto lo staff e dalle ragazze, anche perché sono qualitativamente tutte brave, anche a livello tecnico, perciò ci danno la possibilità di lavorare in grande serenità. Ripeto: non ci sono panchinare, per me le riserve non esistono. la super-parata di Matilde Ravanetti? Sì, lei sta facendo molto bene, assieme anche a Giorgia Bedini che in questo momento sta anche aiutando l’Under 19: sono tutte e due ragazze che si stanno impegnando molto: hanno, tra l’altro, un allenatore molto bravo che non sono io, ma il loro preparatore Alessandro Corradi e quindi stanno crescendo moltissimo. Matilde, oggi, ha fatto una bellissima parata: è uno spettacolo vederla giocare, perciò sono molto contenta e credo che sarà una ragazza che avrà un futuro abbastanza spianato per le sue doti e le sue caratteristiche”.

NUBILARIA-PARMA 0-5 (5^ GIORNATA DI ANDATA DEL CAMPIONATO REGIONALE DI ECCELLENZA FEMMINILE) / IL TABELLINO
Marcatrici: 
30′, 37′ e 30′ st Boselli, 5′ st e 16′ st Fragni

NUBILARIA – 1. Erica Caleffi (Cap.); 2. Beatrice Eunini, 3. Fabiana Amadini (V. Cap.); 4. Giulia Buttarelli, 5. Giulia Bartoli, 6. Aurora Di Pietro (20′ st 13. Sharon Rivelli); 7. Martina Manfreda, 8. Alice Bertolotti (40′ st 15. Alice Dondi), 9. Alessandra Barilli (20′ st 16. Alessia Coppola), 10. Annalisa Coccetti, 11. Francesca Bruno. Allenatore: Diego Armando Napolitano
A disposizione: 12. Mariachiara Solimene; 14. Linda Ghizzoni

PARMA – 1. Matilde Ravanetti; 2. Naike Naummi (1′ st 17. Lucia Frati), 3. Francesca Alfieri; 4. Giorgia Cocconi (30′ st 13. Giulia Soncini), 5. Giulia Scaffardi, 6. Aurora Remondini (34′ st 15. Alessia Pirri); 7. Giada Maini, 8. Marta Baccanti (V. Cap., 34′ st 16. Alice Gennari), 9. Johara Boselli, 10. Debora Fragni (Cap.), 11. Giorgia Tommasini (1′ st 14. Beatrice Parizzi). Allenatore: Ilenia Nicoli
A disposizione: 12. Giorgia Bedini

Arbitro: Sig. Gabriele Pette della Sezione A.I.A. di Bologna

Ammoniti: Bartoli, Bottarelli; Scaffardi

VIDEO DAL CANALE UFFICIALE YOUTUBE DEL PARMA CALCIO 1913 SETTORE FEMMINILE

Pubblicato in Sport Parma

Serata speciale, giovedì 7 Ottobre 2021 per la prima squadra del Parma Femminile che, prima della sessione serale di allenamento, ha ascoltato con attenzione le toccanti e coinvolgenti parole di Alberto Tagliapietra, medico chirurgo con diploma d’alta formazione in psico-oncologia, fondatore di “Atleti al tuo fianco”, progetto che domanda agli sportivi di raccontarsi per aiutare chi sta affrontando il cancro.

Le Crociate, in occasione del prossimo incontro casalingo col Fraore, poseranno tutte insieme con il gesto distintivo di “Atleti al tuo fianco” con la divisa di gioco ufficiale ed una calciatrice entrerà del team gialloblù precederà le compagne con una polo bianca a sostegno dell’Associazione Andos (Associazione Nazionale donne operate al seno) di Fidenza che da circa 20 anni lavora nel territorio fidentino a favore delle donne operate al seno svolgendo importanti attività di carattere medico, formativo, collaborativo, ricreativo ed aggregativo.

Ad implementare le ormai consuete attività, l’associazione è inoltre riuscita a centrare l’ambizioso obiettivo di mettere a disposizione di tutti coloro che hanno necessità di essere accompagnati a visite e cure sanitarie specialistiche un trasporto gratuito affidato ad un gruppo di autisti volontari.

VIDEO DAL CANALE UFFICIALE YOUTUBE DEL PARMA CALCIO 1913 SETTORE FEMMINILE

Pubblicato in Sport Parma

TORNEO NAZIONALE UNDER 12 FEMMINILE / LE CROCIATINE BATTONO 3-2 IL SASSUOLO IN FINALE E SI LAUREANO CAMPIONESSE REGIONALI

Sabato 2 Ottobre 2021 al Centro Sportivo “Biavati” di Corticella (BO), si è disputata la Finale della Fase Regionale del Torneo Nazionale Under12 Femminile, una gara molto sentita e molto intensa con protagoniste Parma e Sassuolo, e che vedrà vittoriose le Crociatine (in completo gialloblù “personalizzato” col sleeve sponsor Callegari) per 3-2, laureandosi così Campionesse Regionali ed approdando alla Fase Interregionale della competizione da imbattute e prime della regione. Un successo importante per tutto il movimento provinciale del calcio femminile e di estrema soddisfazione per il Parma Calcio, dal momento che le protagoniste sono tutte cresciute nel proprio vivaio, nato Mercoledì 22 Agosto 2018, con l’acquisizione dell’intero Settore Giovanile Femminile (60 atlete in erba) della società affiliata ASD Vicofertile, trasformando concretamente in opportunità gli obblighi federali in materia.


Partono subito forte le giocatrici di Mister Elisabetta Rabaglia arrivando ad impensierire il portiere nero-verde già a pochi secondi dal fischio d’inizio, con una duplice occasione di Malanca (3’ e 7’). La stessa Malanca arriva a siglare il gol del vantaggio un minuto più tardi, all’8’, con un bel tiro su cui il portiere non può nulla. Il Parma, galvanizzato anche dal vantaggio, non lascia spazio alle giocate delle avversarie e continua a produrre occasioni, arrivando vicino al raddoppio con Cavalli (esordiente in questa categoria, classe 2009) e Ianelli (19’) ma senza concretizzare.
Il secondo tempo riparte con lo stesso copione: Parma molto aggressivo e il Sassuolo che non riesce ad affacciarsi alla porta di Carcelli: al 3’ st Camellini batte una punizione da lontano, ma il portiere (autrice di splenditi interventi durante tutta la partita) è bravo ad allontanare. Al 7’ st Cavalli riesce a segnare, ma la rete viene annullata per fuorigioco. Il Parma crea, ma non concretizza, e allora ne approfitta il Sassuolo, che, con Montanari, al 9’ st beffa Carcelli (fino a quel momento inoperosa) con un ottimo inserimento su calcio d’angolo. Le nostre sono però brave a non retrocedere, e a cercare subito la rete de pareggio, che arriva pochi minuti più tardi, al 13’ st, con Pizzacchera che è la più veloce di tutte a ribadire in rete dopo un’altra ottima parata del portiere nero-verde su un tiro a botta sicura di Cammi.


La terza ed ultima frazione vede il Parma in vantaggio dopo soli 13 secondi dal fischio, grazie ad una rete di Ianelli che con un tiro preciso ad incrociare buca Vocale. Malanca, Ianelli, Cavalli e Cammi sfiorano più volte il vantaggio, però non arriva per imprecisione sotto-porta e bravura del portiere. A 10’ dalla fine arriva il pareggio del Sassuolo, con Venturi, che porterà a chiudere anche il terzo tempo, come il secondo, per 1-1.


La gara si chiude così sul 3-2 a favore del Parma che, seppur essendo stretto per le occasioni create, consente alle Crociatine, guidate dallo staff interamente femminile di Mister Elisabetta Rabaglia e Gessica Gandolfi, di vincere questa finale, laureandosi Campionesse Regionali.

SASSUOLO-PARMA 2- 3 / GARA DI FINALE REGIONALE DEL TORNEO NAZIONALE UNDER 12 FEMMINILE
1° TEMPO 0-1 
(8′ Malanca)
2° TEMPO 1-1 (9′ st Montanari, 13′ st Pizzacchera)
3° TEMPO 1-1 (1′ tt Ianelli, 10′ st Venturi)

SASSUOLO – 1. Emy Vocale; 2. Mariachiara Atena, 3. Giulia Degola, 4. Alyssa Di Sarno, 5. Irene Gerpelli, 6. Alessia Giberti, 7. Eleonora Montanari, 8. Nicole Nizzoni, 9. Elisa Palama, 10. Emma Panciroli, 11. Viola Venturi, 13. Elisabetta Viani, 14. Sara Zaccarelli, 15. Anna Abruzzese. All. Alessia Marchetti

PARMA – 1. Alessia Carcelli; 3. Chiara Tognolini, 4 Roberta Stojcheva, 5. Stella Camellini (Cap.), 6. Sofia Prevoli, 7. Martina Malanca, 8. Matilde Pizzacchera, 9. Vanessa Ianelli, 10. Isotta Cammi, 11. Alice Cavalli, 13. Martina Fregoso. All. Elisabetta Rabaglia

VIDEO DAL CANALE UFFICIALE YOUTUBE DEL PARMA CALCIO 1913 SETTORE FEMMINILE

ISCRIVITI (CLICCA QUI) AL CANALE UFFICIALE YOUTUBE PARMA CALCIO SETTORE FEMMINILE E CLICCA SULLA CAMPANELLINA PER RICEVERE IN TEMPO REALE LE NOTIFICHE DEI VIDEO CARICATI DI TUTTE LE SQUADRE DEL PARMA ROSA 

Pubblicato in Sport Emilia

Nuove soddisfazioni per Marta Sicuri, entrata nella storia Crociata per essere stata la prima calciatrice del Parma Femminile ad essere stata convocata in Azzurro.

Pubblicato in Sport Parma

Giorni di emozioni forti per Marta Sicuri, la prima calciatrice del Parma Femminile a vestire i colori azzurri della Nazionale Italiana. La giovanissima classe 2006, centrocampista offensiva punto di forza della Under 17 Crociata, Lunedì scorso 12 Luglio 2021 ha terminato lo stage di Tirrenia (PI) con l’Italia Under 15 nel quadro del Programma “Calcio+15” e ieri, Giovedì 15 Luglio 2021, ha conosciuto il presidente del Parma Kyle Krause che ha voluto congratularsi personalmente con lei (anche dal vivo, dopo i tweet post-convocazione) e posare assieme per una foto ricordo sul manto verde del Tardini. In serata il Presidente ha quindi twittato una delle immagini dello shooting con la frase: “È stato bello incontrare di persona Marta Sicuri oggi. Non vedo l’ora di vederla giocare pienamente per la nazionale di Vivo Azzurro. Sono orgoglioso di te”.

Al termine di questo ulteriore importante momento che resterà indelebile nella sua mente così come quelli vissuti nel ritiro dell’Italia, Marta Sicuri ha risposto disinvolta e con prontezza alle domande di Gabriele Majo, responsabile ufficio stampa e comunicazione del Settore Giovanile e delle Squadre Femminili del Parma Calcio 1913.

Marta Sicuri, sono giorni indimenticabili per Te: prima lo stage con l’Italia Under 15, quale prima Crociata chiamata in Azzurro, e poi oggi l’incontro con il Presidente Kyle Krause…

“Il presidente è davvero molto gentile e mi ha fatto veramente tanti complimenti: ha voluto fare la foto con me e sono super contenta di questa cosa”.

Oggi vi siete conosciuti dal vivo, ma i complimenti del presidente ti erano già arrivati via Twitter…

“Io ho installato Twitter quando mi ha twittato, però non ero riuscita a rispondergli perché ancora non lo so usare molto bene…”

Come sono stati questi giorni colorati d’azzurro a Tirrenia?

“L’esperienza è stata bellissima: c’erano delle giocatrici molto forti e uno staff molto organizzato e super disponibile: gli allenamenti erano molto belli, anche se è stato molto faticoso, perché tutte le mattine e tutti i pomeriggi facevamo degli allenamenti da due ore”.

Hai avuto modo di rubare qualche segreto a queste giocatrici importanti, lavorando, tra l’altro, con uno staff numeroso e qualificato?

“Lo staff ci aiutava sempre a migliorare: ci faceva fare degli allenamenti molto istruttivi e tecnici, per aiutare l’intera squadra. Sono stati allenamenti soprattutto tecnici e ci dicevano brave o dove migliorare”.

Ti aspettavi questa chiamata o è stata una lieta sorpresa?

“Quando il nostro dirigente Federico Pangrazi mi aveva anticipato che doveva darmi una bella notizia non avevo pensato alla Nazionale, quanto piuttosto a una Selezione Regionale. La Nazionale, proprio, non ce l’avevo in mente, infatti, quando poi l’ho saputo, mi sono messa a piangere emozionata e felice di essere arrivata a questo punto”.

E in famiglia?

“Mia mamma, quando l’ha saputo, si è emozionata anche lei, però io non ero presente in quel momento perché il dirigente glielo aveva detto prima… Anche mio papà era molto felice e urlava felice per la casa: La Marta va a fare il provino per la Nazionale!!!, poi mi ha detto brava e così via. Il giorno dopo mi ha riscritto dicendomi: brava Marta sono fierissimo di te!”

Orgogliosi di te anche a Mezzani, il tuo paese, tra cui il vice sindaco Romeo Azzali che ricordava i tuoi trascorsi quando eri più forte dei maschietti con cui giocavi in quel periodo…

“Sì, io a Mezzani ci ho fatto dai 7 agli 11 anni a giocare a calcio e questa passione l’ho portata avanti fin da quando ero piccola, anche quando ancora non giocavo e chiedevo a mia mamma di portarmi. Poi l’ho convinta e sono andata a giocare nel Mezzani, una meravigliosa squadra, in cui, se tornassi indietro, andrei mille volte, perché sono gentilissimi e mi piacciono un sacco. Tantissimi di Mezzani mi hanno fatto i complimenti, mi hanno scritto sui social. Una volta ero a Mezzani e una signora si è fermata dicendomi che le sue amiche le avevano chiesto se conoscesse questa Marta Sicuri. E lei: Sì, sì, io la conosco è fortissima! E poi si è voluta fare una foto con me. Io sono orgogliosissima di essere nata nel Mezzani e di portare avanti il nome del Mezzani”.

La tua prima esperienza nel Parma fu al Torneo del Trincerone, a La Spezia, riservato alle squadre Under 12…

“Io ero felicissima di fare questo primo torneo e questo debutto nel Parma. Mi ricordo che in quel torneo avevo fatto più o meno 6 gol ed era la prima volta che indossavo la maglia del Parma e ho giocato tutti i tempi e tutte le partite. mi avevano fatto i complimenti anche i genitori delle calciatrici delle altre squadre e io ne andavo fierissima, anche perché la prima volta nel Parma è stato un debutto meraviglioso”.

Finaliste di quel torneo, soccombeste solo ai tiri di rigore. il contrario di quello che è capitato all’Italia ad Euro 2020…

“Dagli sbagli si impara e così se avevamo sbagliato un rigore quella volta, vorrà dire che andrà meglio la prossima, così come è successo all’Italia che, dal dischetto, ha vinto gli Europei”.

Quello per il pallone è amore puro, oppure ci sono altri sport che ti attraggono?

“Io ho sempre avuto un amore puro per il pallone, perché io giocavo anche con mio fratello, già in giardino, e con mio papà quando avevo 4-5 anni, però mia mamma non era tanto convinta di farmi andare a giocare a pallone, infatti a 6-7 anni ho fatto ginnastica artistica con mia sorella. Ma dopo i 7 anni ho convinto mia mamma a farmi andare a giocare a calcio e così ho iniziato…”

Con l’Azzurro vi siete salutati con un arrivederci?

“Lì c’erano delle giocatrici veramente molto forti: io spero sia stato un arrivederci, ci credo e penso che ci saranno altre occasioni, magari non subito quest’anno, ma nei prossimi sì. Non mi hanno comunicato nulla al riguardo: ad Ottobre mi diranno se mi han presa o no”.

Oltre alle tue indubbie doti, un grazie va anche a Federico Pangrazi, Coordinatore delle Giovanili-Femminili del Parma e ai vari allenatori e staff che stanno curando la tua crescita… Che desiderio esprimi per il futuro?

“Io spero di portare il Parma in Serie A e di scendere in campo in Serie A con la Maglia del Parma…”

Pubblicato in Sport Parma

Da lunedì 14 giugno per quattro settimane campi estivi allo Stadio Tardini e ai campi Stuard 

Pubblicato in Sport Parma
Mercoledì, 15 Luglio 2020 06:47

Il grande Parma degli anni '90

Gli anni '90 sono stati senza dubbio il decennio più emozionante per gli amanti del pallone dell'Emilia, specialmente per i tifosi del Parma,

Pubblicato in Sport Emilia
Domenica, 29 Gennaio 2017 19:52

Lega Pro: Parma beffato sul più bello a Venezia

Nel big match contro i lagunari, i crociati vanno sul due a zero grazie alle reti di Baraye e Nocciolini ma giocano tutta la ripresa in dieci uomini a causa dell'espulsione di Canini e vengono rimontati dai padroni di casa

Parma 29 gennaio 2017 - di Luca Gabrielli

Davvero un'occasione persa. Nello scontro diretto al vertice tra la prima e la seconda in classifica, i crociati hanno illuso i 1500 tifosi ducali giunti a Venezia per incitarli. L'uno-due micidiale di Baraye e Nocciolini nel giro di quattro minuti sembrava avesse spianato la strada agli uomini di D'Aversa per il colpaccio al Penzo di Venezia e invece nell'ultimo minuto del primo tempo, la svolta della partita. Canini si fa espellere per doppia ammonizione grazie a due falli ingenui e lascia la squadra in inferiorità numerica per tutta la ripresa. La partita cambia radicalmente con il Parma non più arrembante e cinico di inizio partita ma chiuso in difesa e in balia della manovra arrembante del Venezia targato Inzaghi che trova il pareggio all'ultimo minuto come accadde nello scontro dell'andata.
Nulla da dire sulla prestazione e l'approccio alla gara del Parma che in quattro minuti porta il risultato sul due a zero. Prima è Baraye al 15' a portare i crociati in vantaggio con un colpo di testa sul traversone perfetto di Nocciolini e al 18' è lo stesso Nocciolini dalla destra a rientrare sul sinistro e battere il portiere Facchin con un tiro a giro. I padroni di casa rimangono tramortiti da questo inizio di partita e faticano a riorganizzarsi e a rendersi pericolosi dalle parti di Frattali ma al 46' Canini la commette grossa facendosi espellere per doppia ammonizione.

La prima frazione di gioco termina con il doppio vantaggio dei crociati costretti però a giocare la ripresa in dieci uomini.

La capolista non ci sta e riporta la gara in parità

D'Aversa corre allora ai ripari e rimpolpa la difesa con Saporetti al posto dell'autore del primo gol Baraye ma il Venezia trova subito il due a uno con il colpo di testa di Moreo. Da questo momento il Parma non produce più una trama di gioco e rimane per tutta la partita sotto assedio dei ragazzi di Inzaghi che sfiorano la rete più volte. La partita tra mille sofferenze sembra volgere al termine con la vittoria in trasferta dei crociati ma al 90' l'arbitro decreta un calcio di rigore per un fallo di mano di Lucarelli: Gejio si presenta dagli undici metri e batte Frattali che pure aveva intuito, fissando il risultato finale sul due a due.

Una partita che lascia l'amaro in bocca per come si era messa nei primi minuti ma che ancora una volta mostra le potenzialità e allo stesso tempo le fragilità della squadra ducale. Il campionato è ancora lungo e la prima posizione è sempre lì a portata di mano soli tre punti.

Pubblicato in Calcio Parma

E' dedicato al "Primo Tifoso" del Parma, Ernesto Ceresini, il museo del Parma calcio presentato in anteprima alla stampa questo pomeriggio. 103 anni di storia gloriosa che verrà aperto al pubblico a partire dal prossimo 13 gennaio 2017.

C'è il primo trofeo conquistato in Coppa Italia nel 1992, ma anche la maglia di Wembley e della prima Coppa Uefa. Un "tempio dei ricordi", dedicato al signor Presidente, l'indimenticato Ernesto Ceresini, frutto di passione, sofferenza ma anche tanta generosità. 

Al nuovo Parma il compito di onorare, con orgoglio e dignità, questa storia meravigliosa. 

(Galleria Immagini, a seguire in fondo pagina, a cura di Francesca Bocchia)

16122016-MUSEO PARMA CALCIO 2016 001

 

16122016-MUSEO PARMA CALCIO 2016 005 16122016-MUSEO PARMA CALCIO 2016 015

 

 

16122016-MUSEO PARMA CALCIO 2016 040

(Galleria Immagini completa in fondo pagina)

 

 

Pubblicato in Calcio Parma
Lunedì, 12 Dicembre 2016 09:26

Parma Calcio: brusca frenata contro il Teramo

Dopo la buona prova di giovedì scorso a Bolzano, i crociati non vanno oltre al pari al Tardini. Un notevole passo indietro dal punto di vista fisico e sul piano del gioco in proiezione dell'attesissimo derby contro la Reggiana di lunedì prossimo.

Parma, 12 dicembre 2016 - di Luca Gabrielli

Il Parma proprio non riesce ad ingranare in questa stagione. Risultati troppo altalenanti e prestazioni al di sotto delle aspirazioni di inizio stagione per la squadra guidata dal nuovo allenatore D'Aversa. Dopo la vittoria conseguita solo quattro giorni fa contro il Sudtirol con una gara di sacrificio e carattere, ci si aspettavano ieri, contro un modesto Teramo, altri tre punti per dare un po' di continuità all'ambiente. Ed invece i crociati sono arrivati alla partita stanchi e scarichi dalla partita di Bolzano e hanno pareggiato uno a uno grazie ad un rigore di Felice Evacuo. Così proprio non va per una squadra che doveva puntare alla promozione diretta e che invece, man mano che passano le giornate, ci si rende conto sia composta da giocatori modesti che al massimo potranno ambire ai playoff, a voler essere ottimisti. Questa è la realtà delle cose e almeno che a gennaio la dirigenza non decida di mettere mano al portafoglio, sarà difficile per D'Aversa cambiare il trend del campionato crociato.

Squadra falcidiata da squalifiche ed infortuni

Formazione fortemente rimaneggiata a causa delle assenze di vari elementi chiave. Agli squalificati Lucarelli e Calaiò si aggiunge all'ultimo momento l'acciaccato Saporetti, così l'allenatore crociato si trova costretto ad arretrare Giorgino nella linea dei difensori al fianco di Canini, con Mazzocchi e Nunzella terzini. Trio di centrocampo composto da Corapi, Miglietta e Scavone a suggerire per il tridente offensivo Nocciolini, Evacuo, Baraye.

Le reti nel primo tempo e ripresa noiosa tra la nebbia

Il Parma inganna i tifosi e inizia la partita in modo incoraggiante, dando l'impressione di volere comandare il gioco e raggiungere il vantaggio il prima possibile. Ma questa sensazione dura solo un quarto d'ora e al 16' il Teramo passa in vantaggio inaspettatamente su un errore di tutta la difesa crociata incomprensibile: Cross dalla sinistra del Teramo, difesa del Parma completamente scoperta e Ilari che prima cicca la conclusione, poi scarica in rete. Il solito copione della stagione che vede la squadra ducale, in affanno, passare in svantaggio e dover rimontare. Solo un lampo al 32' permette al Parma di raggiungere il pareggio su calcio di rigore: Corapi arcignamente crossa dalla destra dell'area di rigore, Scavone colpisce di testa e Capitanio colpisce con il braccio. Sul dischetto si presenta Evacuo che non sbaglia.
Il primo tempo termina in parità in un Tardini avvolto dalla nebbia.
Nella ripresa ci aspetta una prova più convincente da parte dei padroni di casa ma ben presto ci si rende conto che la benzina nelle gambe sia finita ed il pallino del gioco resta per tutto il resto della partita nelle mani del Teramo. Il Parma non subisce ma in quarantacinque minuti non crea nemmeno un'occasione limpida da gol e termina la partita tra i fischi del pubblico. Era una partita da vincere assolutamente e per l'ennesima volta nella stagione non si è sfruttata un'opportunità importante per scalare posizioni in classifica.
La prossima di lunedì 19 sarà una partita diversa dalle altre, attesa da anni, contro gli "odiati" cugini della Reggiana. Avrà molto da lavorare D'Aversa questa settimana, sia nella testa che nelle gambe dei giocatori.

Pubblicato in Calcio Parma
Pagina 1 di 7