Visualizza articoli per tag: formazione

Promosso dalla cooperativa Prima del Palco, aderente a Confcooperative, insieme a Irecoop. Sono i tecnici specializzati nelle lavorazioni in quota, fondamentali nell’allestimento dei palchi.
Partirà a Modena il corso sostenuto dalla Regione con riconoscimento ufficiale della professione.

(Bologna, 17 settembre 2019) – Li abbiamo visti in azione in occasione di Modena Park, ma non solo, impegnati quasi tutti i giorni nelle attività di montaggio e smontaggio indispensabili per la realizzazione di grandi eventi in Italia e all’estero.


Sono i “rigger” - tecnici delle lavorazioni in quota -, figure professionali riconosciute per la prima volta in Italia grazie alla Regione Emilia-Romagna, che avranno a disposizione un corso di formazione con riconoscimento formale dei requisiti per svolgere questa mansione. Il progetto è della cooperativa modenese Prima del Palco (aderente a Confcooperative Modena) e di Italshow (associazione legge 4-2013), in collaborazione con Irecoop Emilia-Romagna (ente di formazione di Confcooperative). Questi promotori hanno raccolto le esigenze sia delle imprese che dei lavoratori interessati a intraprendere percorsi formativi qualificanti. Il progetto verrà realizzato coinvolgendo altre realtà, tra cui le cooperative modenesi Artisticoop e AF&Co.


“Il possesso di una sicura e certificata professionalità è oggi un requisito fondamentale per l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro dello spettacolo – afferma Enzo Milani, presidente della cooperativa Prima Del Palco -. Così come lo è la possibilità del riconoscimento delle competenze acquisite per coloro che da tempo svolgono questa attività. In particolare, è fondamentale non solo che tutte le persone che lavorano per la realizzazione di eventi live siano messe nelle condizioni di agire in sicurezza (i relativi corsi obbligatori sono già previsti dal decreto 81/2008 e dal decreto “Palchi e Fiere” del luglio 2014), ma che tutti gli addetti abbiano un’adeguata formazione in merito alle altre discipline necessarie per queste figure specializzate”.


Il percorso a qualifica per “rigger”, gestito dalla sede modenese di Irecoop Emilia-Romagna, partirà a dicembre 2019 e avrà luogo ad Abate Road 66 a Modena, sempre più punto di riferimento per lo sviluppo del riconoscimento della professionalità presente nel comparto dello spettacolo dal vivo. Il corso avrà una durata di 600 ore, di cui 200 di stage formativo.
Il corso per “rigger” fa parte dei 38 percorsi formativi rivolti a 680 destinatari, finanziati dalla Regione Emilia-Romagna con quasi 3 milioni di euro del Fondo sociale europeo per fornire alte competenze a chi opera o vuole operare nel mondo dello spettacolo, dalla musica alla danza, dal teatro all’opera in sicurezza e legalità.

“Siamo contenti che la Regione abbia compreso e apprezzato la portata innovativa di questo settore legato alle industrie culturali e creative e abbia così pensato di investire partendo dalla formazione – dichiara il presidente di Irecoop Emilia-Romagna Pierlorenzo Rossi -. È un’iniziativa nata dal basso, dalle nostre cooperative di artisti presenti a Modena che hanno riscontrato la carenza di figure professionali adeguatamente formate per svolgere queste funzioni e si sono messe insieme per progettare il corso, con il supporto di Irecoop”.


“Le cooperative culturali sono imprese decise a vincere una grande sfida: quella di essere presenti su un mercato difficile come quello artistico, dove spesso la professionalità non viene riconosciuta in maniera adeguata – aggiunge Chiara Laghi, presidente Confcooperative Cultura Turismo Sport Emilia Romagna -. L’innovativo corso per ‘rigger’ promosso dalle cooperative di Modena va proprio nella direzione di professionalizzare e fornire qualifiche e riconoscimenti a un settore che può crescere e prosperare solo nel rispetto delle competenze e delle regole”.


Nel panorama nazionale il sistema emiliano-romagnolo dello spettacolo dal vivo è tra i più articolati e dinamici. La nostra regione, infatti, occupa una posizione di primo piano nei diversi comparti della domanda, offerta, occupazione e attrazione di finanziamenti statali. In Emilia-Romagna sono 377 le sedi attive di spettacolo dal vivo (95 sono teatri storici), di cui 251 con programmazione continuativa. La presenza di numerosi enti, istituzioni e manifestazioni di rilievo internazionale, corsi universitari e formativi, oltre a determinare l'alto livello qualitativo di artisti, tecnici e personale organizzativo, contribuisce a creare un terreno fertile per l’innovazione e la sperimentazione dal punto di vista artistico, organizzativo e finanziario.

RIGGER_2.jpg

 

 

 

 

Dalla Regione tre milioni di euro per formare le professioni dello spettacolo. Sono i tecnici specializzati negli appendimenti e lavorazioni in quota, fondamentali nell’allestimento di palchi, impianti e scenografie dei concerti ed eventi live.

Modena -


Li abbiamo visti in azione in occasione di Modena Park, ma non solo. Infatti sono impegnati quasi tutti i giorni nelle attività di montaggio e smontaggio indispensabili per la realizzazione di eventi in Italia e all’estero.
I “rigger” - tecnici delle lavorazioni in quota -, figure professionali riconosciute per la prima volta in Italia grazie alla Regione Emilia-Romagna, avranno un corso di formazione con riconoscimento formale della loro professione dedicato a loro. Il progetto è della cooperativa Prima del Palco (aderente a Confcooperative Modena) e di Italshow (associazione legge 4-2013), in collaborazione con Irecoop Emilia-Romagna, che hanno raccolto le esigenze sia delle imprese che dei lavoratori interessati a intraprendere percorsi formativi qualificanti. Il progetto verrà realizzato coinvolgendo altre realtà, tra cui le cooperative Artisticoop e AF&Co.


«Il possesso di una sicura e certificata professionalità è oggi un requisito fondamentale per l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro dello spettacolo – afferma Enzo Milani, presidente di Prima Del Palco - Così come lo è la possibilità del riconoscimento delle competenze acquisite per coloro che da tempo svolgono questa attività. In particolare è fondamentale non solo che tutte le persone che lavorano per la realizzazione di eventi live siano messe nelle condizioni di agire in sicurezza (i relativi corsi obbligatori sono già previsti dal decreto 81/2008 e dal decreto “Palchi e Fiere” del luglio 2014), ma che tutti gli addetti abbiano un’adeguata formazione in merito alle altre discipline necessarie per queste figure specializzate».
Il percorso a qualifica per rigger, gestito dalla sede modenese di Irecoop Emilia-Romagna (ente di Confcooperative per la formazione professionale), partirà a dicembre 2019 e avrà luogo presso Abate Road 66 a Modena, sempre più punto di riferimento per lo sviluppo del riconoscimento della professionalità presente nel comparto dello spettacolo dal vivo. Il corso avrà una durata di 600 ore, di cui 200 di stage formativo.


Il corso per rigger fa parte dei percorsi formativi, voluti e finanziati dalla Regione Emilia-Romagna con quasi 3 milioni di euro del Fondo sociale europeo, per fornire alte competenze a chi opera o vuole operare nel mondo dello spettacolo, dalla musica alla danza, dal teatro all’opera in sicurezza e legalità.
Sono 38 progetti rivolti a 680 destinatari pronti a partire.
Nel panorama nazionale il sistema emiliano-romagnolo dello spettacolo dal vivo è tra i più articolati e dinamici. La nostra regione, infatti, occupa una posizione di primo piano nei diversi comparti della domanda, offerta, occupazione e attrazione di finanziamenti statali. In Emilia-Romagna sono 377 le sedi attive di spettacolo dal vivo (95 sono teatri storici), di cui 251 con programmazione continuativa. La presenza di numerosi enti, istituzioni e manifestazioni di rilievo internazionale, corsi universitari e formativi, oltre a determinare l'alto livello qualitativo di artisti, tecnici e personale organizzativo, contribuisce a creare un terreno fertile per l’innovazione e la sperimentazione sia dal punto di vista artistico, organizzativo e finanziario.

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena

La full immersion dedicata alla produzione artistica ed esecutiva si terrà a L’Accademia di via Tartini sabato 21 e domenica 22 settembre prossimi

Parma - Sabato 21 e domenica 22 settembre 2019 si svolgerà, presso il centro polivalente L’Accademia in via Tartini, 5 a Parma, un corso di formazione - dedicato alla produzione artistica ed esecutiva dei format tv - tenuto da Roberto Manfredi, autore, regista e produttore esecutivo tra i più conosciuti e quotati nell’ambiente televisivo italiano, che annovera collaborazioni di lungo corso in Rai, Mediaset, La7, Sky, Disney Channel, solo per citarne alcune.


Già conosciuto a Parma per aver curato il Centenario del Parma Calcio come produttore esecutivo nel 2015 e la regia dei Pasta World Championship Barilla per diverse edizioni, si è occupato anche di campagne di comunicazione e advertising per la stessa azienda parmigiana, curandone la parte copy.
Completano il suo curriculum la pubblicazione di diversi libri e la collaborazione con alcune testate giornalistiche legate al mondo della produzione musicale e radiofonica, per cui è autore e conduttore.
“Fare Format TV”, questo è il titolo del corso, ha come obiettivo non solo la spiegazione di tutte le fasi e gli aspetti autoriali, produttivi e legali, ma mette in grado i partecipanti di ideare e scrivere un format inedito e di comporre un budget di costo e di vendita.


Il seminario formativo è destinato in particolar modo agli operatori del settore, come film-makers, registi, autori, giornalisti, documentaristi, ma si rivolge anche ad attori, fotografi, studenti e più in generale agli appassionati del settore delle immagini, degli audiovisivi e della comunicazione che vogliono cimentarsi e mettersi alla prova in questo ambito.
Il corso accorpa i due distinti ruoli professionali: autore e produttore esecutivo, che sono strettamente connessi, poiché l’uno dipende dall’altro e non sono separabili per la realizzazione del format. I contenuti artistici si sposano al ciclo produttivo - e viceversa – e la conoscenza reciproca delle due professionalità e il perfetto scambio tra esse produce il risultato finale. La migliore idea televisiva è quella che va in onda, che entra nel mercato e diventa realtà artistica e prodotto industriale.


Nel secondo giorno sulla base delle lezioni precedenti, ogni partecipante avrà il compito di ideare e scrivere un format basato su un tema proposto dal docente e stilare un budget di costo e di vendita. Il miglior format sarà proposto dalla Società LAB ai maggiori network televisivi tutelando l’autore per i suoi diritti d’autore.


La full immersion si sviluppa nell’arco di un intero weekend, dalle ore 10.00 alle 18.00 con un intervallo pranzo di un’ora, e prevede un massimo di 10 partecipanti, a cui è richiesto di dotarsi di un proprio pc o i-pad per l’esecuzione del project work.


Il programma completo del corso è disponibile sulla pagina Fb “Associazione Culturale Esplora”.
Per ulteriori informazioni e iscrizioni è possibile contattare Pierangelo Pettenati al 347.0694258 oppure scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

markette.jpg

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Sottoscritta convenzione tra Consorzio ed Enaip con il coordinamento dell’Agenzia Regionale per il Lavoro per la formazione di due persone con disabilità secondo le indicazioni della Legge Regionale 17 del 2005


Parma, 10 Settembre 2019 – Dare un’opportunità di avvicinamento al lavoro a persone con disabilità, il cui diritto di accesso al mondo del lavoro è garantito dalla Legge Regionale 17 del 2005, e allo stesso tempo attivare energie preziose e strategiche per il Consorzio della Bonifica Parmense che, in quanto Ente pubblico, ha come mission anche quella di sviluppare percorsi a favore delle categorie più fragili della società.

Sono questi i punti centrali di una Convenzione, sottoscritta dal Direttore Generale del Consorzio di Bonifica Fabrizio Useri con l’Enaip, l’Ente di formazione professionale di Parma con il coordinamento dell’Agenzia Regionale per il Lavoro Emilia-Romagna che ha previsto l’inserimento di due persone, di 51 e 56 anni, all’interno degli uffici della Bonifica in via Emilio Lepido. I due lavoratori hanno intrapreso un percorso formativo e stanno svolgendo varie mansioni sotto il coordinamento di personale dell’Ente e con progetti specifici. I tirocini formativi, attivati secondo le indicazioni della Legge Regionale 17 del 2005, si concluderanno alla fine del 2019. Dopo un periodo formativo i due lavoratori in tirocinio sono stati inseriti all’interno di Aree specifiche del Consorzio, con un progetto individuale e sotto il coordinamento di un responsabile.

“Siamo molto contenti del lavoro portato avanti dalle due persone che stanno svolgendo il tirocinio formativo all’interno dei nostri uffici – dichiara Fabrizio Useri, Direttore Generale del Consorzio della Bonifica Parmense – . Abbiamo deciso di intraprendere questo percorso e di sottoscrivere la Convenzione per concretizzare la mission dell’Ente pubblico, ovvero sviluppare azioni di solidarietà, sempre legate alle esigenze strategiche del Consorzio di Bonifica Parmense. Per i due lavoratori in tirocinio abbiamo infatti stilato un progetto individuale e specifico: sono stati formati e poi affidati al coordinamento di un responsabile. La nostra idea è di continuare ad attivare, anche in futuro, percorsi formativi riservati alle fasce più deboli”.


“I tirocini in un ente come il Consorzio della Bonifica Parmense – sottolinea Andrea Panzavolta, Dirigente territoriale dell’Agenzia Regionale per il Lavoro – rappresentano, per la nostra esperienza, un’occasione molto valida per riattivazione le persone e per riportarle su un percorso di esperienze che possa sfociare in un’occupazione stabile”.


"L’opportunità che il Consorzio ha dato a queste persone – dichiara Marco Melegari, Responsabile Ufficio Collocamento mirato dell’ambito territoriale di Parma - ha avuto anche il merito di dare qualche opportunità in più a noi per risolvere, almeno parzialmente, il problema dell’assenza di opportunità di lavoro per le persone disabili che ne avrebbero diritto, secondo la Legge 68”.

(Foto_Melegari-Useri-Panzavolta)

Pubblicato in Ambiente Parma

Aperitivi formativi al Marcello experience. Giovedì 12 settembre seminario sugli obiettivi tenuto da Paolo Traverso. A Calicella di Pilastro di Langhirano fino a fine settembre si terranno workshop con argomenti e relatori diversi

(Calicella di Langhirano – PR) - Giovedì 12 settembre alle ore 19.30 al Marcello experience, degusteria e wineshop ricavato in un antico casale ristrutturato e immerso tra i vigneti, in strada della Buca 5 a Calicella di Pilastro di Langhirano, si terrà un seminario dedicato al raggiungimento degli obiettivi.

“Ci sono giornate, settimane, mesi, a volte anni della nostra vita in cui abbiamo la netta impressione di non aver raggiunto quello che desideravamo – spiega Paolo Traverso, trainer della Roberto Re Leadership School di Parma - e la prima reazione è quella di trovare scuse, dare la responsabilità ad altri, alla crisi, al periodo, al mondo. Continuare a non raggiungere ciò che veramente vogliamo – sottolinea Traverso – è molto frustrante. Ma se ci fosse un modo per raggiungere i tuoi obiettivi lo prenderesti in considerazione? La risposta a questa domanda fa la differenza tra l’essere insoddisfatti e vivere invece una vita di qualità in linea con i propri desideri.”


Durante il seminario formativo verrà spiegato come creare e raggiungere i propri obiettivi, come focalizzarsi sulle azioni da intraprendere e monitorarne i risultati.
Segue un momento conviviale con prodotti tipici del territorio, come salumi, formaggi con gelèe di lambrusco, torte ripiene salate ed altre sfiziosità abbinate ai vini di casa Ariola.

Il 19 settembre sarà la volta di un workshop dedicato alla psiche e allo sviluppo del potenziale con Elisa Tosi, master reiki e facilitatrice del metodo brevettato Psych-K; infine il 26 settembre la psicologa e costellatrice Caterina Carbone tratterà il tema delle costellazioni familiari e quantiche e terrà una meditazione guidata.

Per ulteriori informazioni e per aderire – fino ad esaurimento posti - è possibile contattare il numero 338 5219408 sempre attivo oppure lo 0521 639461 dal martedì al sabato dalle 10.00 alle 18.00.

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Atteggiamento mentale e definizione dei propri obiettivi.  Stefano Denna torna a Parma con una serata di formazione ad hoc.


Mercoledì 11 settembre all’Hotel Villa Ducale (19,45 - 23,00)

(PARMA) - Torna a Parma Stefano Denna, coach con esperienza trentennale della Roberto Re Leadership School, mercoledì 11 settembre dalle 19.45 alle 23.00 al CDH Hotel Villa Ducale in via Del Popolo, 81.
Una full immersion interamente dedicata alla creazione e al raggiungimento dei propri obiettivi, attraverso il giusto atteggiamento mentale, per trasformare la prossima stagione nella migliore di sempre.
Avere un approccio focalizzato sugli obiettivi oggi è più che mai necessario per migliorare ogni ambito della vita.
Si tratta di un serata di formazione open del programma Fly, percorso di crescita personale e professionale della scuola di Roberto Re che si tiene settimanalmente a Parma.
Per ulteriori informazioni e per aderire alla serata – fino ad esaurimento posti - è possibile compilare il form http://bit.ly/11settembrepress

 

Ne riparliano a settembre - 11 settembre 2019 Parma.jpg

Al Marcello experience di Calicella di Pilastro l’operatrice olistica Laura Ferrari terrà un seminario teorico-pratico sui punti riflessi di mano e orecchio

Nuovo appuntamento con gli “Aperitivi formativi” al MARCELLO experience Parma, degusteria e wineshop ricavato in un antico casale ristrutturato e immerso tra i vigneti, in strada della Buca, 5/A a Calicella di Pilastro di Langhirano sulle prime colline parmensi.


Mercoledì 28 agosto alle 19.30 si terrà un workshop teorico-pratico dedicato alla riflessologia e alla digitopressione della mano e dell'orecchio come auto trattamento.
Dopo una breve introduzione sulla riflessologia, Laura Ferrari, riflessologa, operatrice olistica e master Reiki, che utilizza varie tecniche olistiche e psico-fisiche, approfondirà l'argomento con un workshop esperienziale di autostimolazione di alcune parti della mano e dell'orecchio attraverso il massaggio o il tocco dei punti riflessi, che aiutano a lenire sintomi o dolori come il mal di testa, cervicale, dolori alle spalle, stitichezza, solo per citarne alcuni.


Questi autotrattamenti non sostituiscono ovviamente le cure mediche tradizionali per le singole patologie, ma possono alleviare dolori e sintomi fornendo una integrazione al benessere quotidiano.
A seguire apericena con prodotti tipici del territorio, come salumi e formaggi, torte ripiene salate vegetariane, un primo e altre gustose specialità gastronomiche abbinate ai vini di casa Ariola.
Per ulteriori informazioni e per partecipare - fino ad esaurimento posti – è possibile contattare il numero 338 5219408 oppure il numero del MARCELLO experience 0521 639461.

Laura Ferrari, riflessologa e operatrice olistica (1).jpg

riflessologia-mappa-mano (1).jpg

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Iscrizioni dal 2 settembre. Lezioni di inglese, francese, spagnolo e italiano per stranieri. Seguiranno corsi di informatica, sartoria e degustazione vini.

 

Fedeli al motto “non si finisce mai di imparare”, il CPIA di Parma, in collaborazione con il Comune di Sala Baganza, organizza corsi di lingua straniera, ai quali prossimamente se ne aggiungeranno altri di informatica, sartoria e di degustazione vini, che si terranno nella Rocca Sanvitale. 

Una collaborazione, quella tra l’Amministrazione comunale e il Centro Provinciale Istruzione Adulti del Ministero della Pubblica istruzione, che prosegue e rilancia la filosofia della formazione permanente, alla luce del successo dei corsi organizzati negli ultimi anni che hanno visto una grande partecipazione da parte dei salesi.

Ai corsi di lingue, che si terranno sempre al mercoledì nella scuola media “Ferdinando Maestri” a partire dal 23 ottobre, dalle 18.30 alle 20.30, si potrà imparare l’inglese, il francese e lo spagnolo. Per ogni lingua verranno organizzate due “classi” a seconda del livello (A1 e A2), che verrà stabilito con un test. I corsi, che termineranno a maggio, avranno una durata di 50 ore e costeranno 100 euro. Sempre a Sala Baganza si terranno inoltre corsi di italiano per gli stranieri. 

Una volta concluse le lezioni e superato il test finale, verranno rilasciati gli attestati di frequenza e competenza del livello raggiunto, che saranno validi anche come credito formativo

Le iscrizioni si apriranno lunedì 2 settembre e termineranno il 12 di ottobre. A fine agosto sul sito del Comune (www.sala-baganza.pr.it), sarà possibile scaricare l’apposito modulo (chi volesse può anche ritirarlo direttamente in Municipio in formato cartaceo), che dopo essere stato debitamente compilato potrà essere inviato all’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., oppure consegnato a mano nella sede municipale di via Vittorio Emanuele II, sia allo Sportello multifunzione (Piano terra), sia all’Ufficio Scuola (Primo piano). 

«Siamo molto soddisfatti di questa collaborazione con il CPIA, istituto della scuola pubblica – sottolinea il sindaco Aldo Spina –. Alla professionalità dei docenti corrisponde un interesse crescente che per noi diventa uno stimolo per ricercare nuovi spazi per lo sviluppo di ulteriori esperienze. L’idea della formazione continua ci appartiene e continueremo a sostenerla». 

Formazione continua che «è il nostro obiettivo – afferma Linuccio Pederzani, docente e vicario del CPIA –. Negli ultimi tre anni abbiamo registrato un aumento di partecipazione da parte della popolazione e abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto con l’Amministrazione salese».

Tra i “testimonial” dei corsi c’è anche Lucia Longhi, responsabile dell’Ufficio Scuola del Comune che ha partecipato ai corsi di lingue per “rispolverare” l’inglese e il francese e imparare un po’ di spagnolo. «Chiunque dovrebbe cogliere queste opportunità – spiega – che hanno un carattere educativo anche nei confronti dei figli. “Mia mamma va a scuola”, diceva mia figlia e credo che per lei sia stato un esempio del fatto che nella vita si ha sempre bisogno di imparare e di conoscere cose nuove. Tornare dietro a un banco per me è stato anche un modo anche per rimettermi in gioco». Accettate la sfida? 

Sulle prime colline parmensi la pedagogista e sommelier Alessandra Giovanelli terrà un seminario teorico-pratico sul vino come esperienza sensoriale, emotiva e prevenzione all’abuso di alcol

Nuovo appuntamento con gli “Aperitivi formativi” al MARCELLO experience Parma, degusteria e wineshop ricavato in un antico casale ristrutturato e immerso tra i vigneti, in strada della Buca 5 a Calicella di Pilastro di Langhirano sulle prime colline parmensi.


Mercoledì 7 agosto alle 19.30 si terrà un workshop teorico-pratico sulla degustazione del vino, come esperienza sensoriale ed emotiva e come canale di comunicazione e relazione con gli altri.
Bere a "cervello pieno" (Roger Scruton) sarà il comune denominatore che ci consentirà di gustare appieno i piaceri del vino, senza rischi per la propria salute fisica e mentale.


Il seminario sarà tenuto dalla dottoressaAlessandra Giovanelli.jpg Alessandra Giovanelli, pedagogista, consulente e mediatrice familiare, sommelier AIS e degustatrice.
Ha realizzato progetti legati al tema del bere consapevole e al tema del legame tra vino, emozioni e relazioni, anche come prevenzione all'abuso di alcol.


Si procederà con un assaggio guidato di alcuni vini di casa Ariola - come il bianco millesimato e spumantizzato - e la degustazione di prodotti tipici del territorio come salumi e formaggi e altre specialità gastronomiche.
Per ulteriori informazioni e per aderire - fino ad esaurimento posti - contattare il numero 338 5219408 oppure il numero del MARCELLO experience 0521 639461.

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Quasi 4.5 milioni di euro di contributo regionale per progetti già pronti a partire dal prossimo anno accademico, con docenti di livello internazionale, oltre 32 edizioni nel triennio per circa 4.500 ore di formazione e 950 partecipanti. L'assessore Patrizio Bianchi: "10 scuole di eccellenza per permettere a questo territorio di rafforzare ulteriormente la propria attrattività e quella capacità di innovazione nella produzione e nei servizi alle imprese, alla persona ed alla comunità che fanno dell'Emilia- Romagna una regione ad alto valore aggiunto".

Bologna -

Dall’Intelligenza artificiale, ai servizi per l’Industria 4.0. Dall’automotive alla sostenibilità alimentare.  E ancora: una “Future Earth research school” che si occuperà di cambiamenti climatici, un corso sul pluralismo religioso, una scuola internazionale di politica. La Regione mette al centro il “capitale umano” e finanzia dieci nuove scuole triennali di Alta formazione, in ambito tecnologicoeconomico e culturale. Un nuovo importante tassello di un impegno che nasce dal Patto per il Lavoro firmato a inizio legislatura e che vede nello sviluppo della conoscenza la condizione per costruire uno sviluppo di qualità, inclusivo e sostenibile, capace di creare valore aggiunto e di rafforzare la capacità di competere del sistema Emilia-Romagna. Quasi 4,5 milioni di euro il contributo regionale, su un costo complessivo di 5,1 milioni, per dieci progetti pronti a partire già dall’anno accademico 2019-2020.
“Queste dieci scuole di alta formazione completano il disegno avviato ad inizio legislatura di investimento sulle alte competenze necessario per rilanciare lo sviluppo, generare buona occupazione e riposizionarci a livello globale- ha detto questa mattina durante la conferenza stampa l’assessore regionale all’Università e alla Ricerca, Patrizio Bianchi- Un disegno che tra Fse - con cui abbiamo finanziato 135 dottorati triennali di ricerca, 148 assegni formativi, 211 assegni di ricerca - e Fesr, ha previsto un investimento pari a circa 65 milioni di euro per attività di ricerca e alta formazione universitaria. L’integrazione tra atenei per far convergere le migliori competenze delle nostre università su una formazione d’eccellenza in ambiti e settori in cui la nostra regione è già leader a livello internazionale- ha continuato l’assessore- la triennalità dei progetti e l’approccio interdisciplinare di queste 10 scuole di eccellenza permettono a questo territorio di rafforzare ulteriormente la propria attrattività e quella capacità di innovazione nella produzione e nei servizi alle imprese, alla persona ed alla comunità che fanno dell’Emilia- Romagna una regione ad alto valore aggiunto”.

Le dieci scuole triennali 
Una scuola triennale è dedicata al Food, capofila l’Università di Parma
, con un’International Summer School in Food Sustainability rivolta a studenti e a professionisti con un approccio globale agli aspetti ambientali, economici, giuridici, sociali nonché comunicativi, riconducibili alla sostenibilità alimentare, e con il Master Internazionale “Food City Design” che forma esperti nella gestione di progetti di rigenerazione urbana in grado di riqualificare territori e aree urbane valorizzando beni e identità culturali connessi all’ambito agroalimentare.
Forte dell’esperienza già maturata con i due corsi di Laurea Magistrale interateneo, con capofila l’Università di Modena, nasce la Scuola internazionale di alta formazione MUNER in Automotive per una mobilità intelligenteche si snoda su tre livelli di intervento: “Italian Motor Valley Experience”, volta  al rafforzamento delle competenze di base e all’orientamento dei giovani verso studi universitari o professionalizzati di natura tecnica; “High School MUNER Women in Transport”,   che guarda al rafforzamento delle competenze di I livello, promuovendo un  maggiore accesso delle ragazze alle lauree di II livello in questo settore; “Future of automotive for intelligent mobility” con percorsi post laurea professionalizzanti.
Tre sono le scuole finanziate in
 ambito tecnologico che diventano strategiche per la formazione di risorse umane in un ambito in cui l’Emilia-Romagna si sta posizionando - grazie alle infrastrutture per il supercalcolo già attratte sul territorio (il data Center del Centro europeo per le previsioni metereologiche di medio termine e il Supercomputer europeo HPC Leonardo.) -  quale polo di eccellenza, vera e propria Data Valley, a livello mondiale.  Con capofila l’Università di Modena, è stata finanziata l’Advanced Schools in AI per la formazione ad altissimo livello di senior engineers e laureati in ambito scientifico-tecnico.  
Una scuola triennale, coordinata dall’università di Bologna, è dedicata all’’industria 4.0 per la gestione integrata di intere filiere produttive. Coinvolge importanti imprese del territorio e punta anche alla riqualificazione di quanti già operano nelle industrie in profonda trasformazione. Grazie a questo intervento straordinario nasce in Emilia-Romagna anche una scuola di alta-formazione postdottorale, capofila la Fondazione Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), sul futuro dell’uomo e del pianeta, che propone percorsi intensivi sul clima futuro e sul mutato rapporto con risorse naturali, tecnologie emergenti e sostenibilità.
Tre progetti hanno l’obiettivo di formare alte competenze per il policy maker con specializzazioni strategiche per lo sviluppo, l’internazionalizzazione, la coesione e la sicurezza del territorio regionale.  Si tratta dell’Emilia-Romagna International School of Policy- ERISP che  nella collaborazione tra  i dipartimenti di economia degli atenei regionali, 15 università italiane e 9 università estere (Addis Abeba University, Goldsmiths University of London, SOAS University of London, South-China Normal University, South-China University of Technology, Trinity College Dublin, University of California - Los Angeles, Universidade Federal do Rio de Janeiro, University of Johannesburg), è dedicata a formare competenze strategiche sui temi economici e sociali su cui oggi ovunque si sfidano le realtà regionali: tra questi, lavoro, industria, tecnologia, innovazione, istruzione e ricerca, ambiente, territorio, qualità della vita. Un secondo progetto, anche questo coordinato dall’Università di Ferrara - After the damages | Prevention and safety solutions through design and practice on existing built environment. The Italian experience - intende formare o specializzare professionalità espertein riduzione e gestione del rischio correlato agli impatti di eventi catastrofici naturali e provocati dall'uomo sul patrimonio culturale. A partire dall’esperienza maturata in Emilia-Romagna a seguito degli eventi sismici del maggio 2012, la scuola  è attuata in collaborazione con la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara, l’Istituto per i Beni Artistici, Culturali e naturali dell’Emilia-Romagna, l’Agenzia per la Ricostruzione–Sisma 2012 e un partenariato internazionale di enti e associazioni di ricerca e di alta formazione con sede in Turchia, Slovenia, India, Brasile, Spagna, Equador e Cina. E infine un terzo progetto - Alta Formazione e innovazione per lo Sviluppo Sostenibile dell’Appennino – AL.FO.N.S.A - capofila l’Università di Modena, è dedicato a valorizzare la grande ricchezza  del nostro Appennino in termini ecologico-ambientali, sociali, culturali, economici, paesaggistici con percorsi di Alta Formazione, progettati nel confronto con  stakeholders pubblici e privati, per mettere a disposizione dell’Appennino professionalità specifiche con competenze mirate. Verranno attivati, in una logica di “specializzazione incrementale”, corsi di perfezionamento e specializzazione su: agricoltura di montagna, gestione integrata dei versanti, gestione forestale sostenibile, valorizzazione turistica del patrimonio culturale e paesaggistico, gestione delle acque.
In ambito culturale due le scuole d’alta formazione triennali finanziate. “Solo” è il Corso di Alta Formazione Musicale per strumentisti solisti, con capofila l’Università di Bologna, che nasce per sostenere nella carriera musicale giovani dotati d’eccellente talento, forti di una formazione ad hoc assicurata dai migliori solisti del panorama nazionale e internazionale. Il Corso, riconosciuto dal MIUR, è rivolto a giovani talenti del violino, violoncello, flauto traverso, oboe, clarinetto e ha la direzione artistica del flautista Andrea Griminelli. Finanziato anche Religious Pluralism, HIstorical knowLEdge: exchange, education, resources, teaching expertise – REPHILE,promosso da FSCIRE - Fondazione per le Scienze Religiose Giovanni XXIIIprogetto di alta formazione su pluralismo religioso e sapere storico, che prevede un Master affiancato da scuole di formazione intensive, seminari di ricerca e workshop internazionali.
Tutti i progetti sono articolati in una pluralità di interventi: diverse tipologie di percorsi di alta formazione con docenti di livello internazionale. Nel triennio saranno oltre 32 le edizioni previste per circa 4.500 ore di formazione e circa 950 partecipanti. Parallelamente all’alta formazione sono previste attività di confronto tra i soggetti che costituiscono il partenariato che sostiene il progetto e altre realtà d’eccellenza internazionale impegnate nei medesimi ambiti e la produzione di materiali che permettano un’ampia diffusione degli esiti delle attività realizzate. /BM

Fonte: Regione ER

Pagina 6 di 42