Visualizza articoli per tag: Territorio MIrandola

Nella serata del 15.05.2020 u.s. personale del Commissariato di Pubblica di Sicurezza di Mirandola ha deferito all’autorità giudiziaria 2 persone per porto abusivo di armi.

Durante i servizi finalizzati al rispetto delle misure di contenimento in materia di Covid-19, gli agenti procedevano al controllo di due autovetture e dei relativi occupanti in via Agnini nei pressi del Mc Donald’s.

Pubblicato in Cronaca Modena

“Il dopo Covid delle imprese, la Persona al centro dei nuovi modelli organizzativi”, nasce da una brillante idea di Francesca Monari, esperta e consulente di risorse umane, che ha dedicato una parte importante della sua vita professionale alle persone all’interno delle organizzazioni aziendali.

Tommaso Sattin è il nuovo Ispettore della Polizia Locale dell’UCMAN, (Unione Comuni Modenesi dell’Area Nord) entrato a far parte del presidio del Comune di Mirandola.

Andrà ad affiancare l’altro Ispettore, Emanuela Ragazzi nel servizio Sicurezza del territorio e gli operatori che compongono il Corpo di Polizia per la città dei Pico.

Pubblicato in Cronaca Modena

Mirandola, smobilitato da parte della polizia locale l’insediamento abusivo di nomadi nel parcheggio adiacente al cimitero

È stata necessaria la Polizia Locale, ieri mattina, per smobilitare un presidio irregolare di nomadi nei pressi del cimitero di Mirandola. L’intervento condotto dall’Ispettore Emanuela Ragazzi, col coordinamento del Comandante della Polizia Locale dell’UCMAN Gianni Doni, ha posto termine ad una situazione che correva il rischio di degenerare, se fosse proseguita, in un campo abusivo di ampie dimensioni.

Pubblicato in Cronaca Modena

Possono finalmente partire i lavori per il recupero del Teatro Nuovo di Mirandola. La consegna del cantiere è avvenuta oggi, giovedì 7 maggio 2020. Presenti per l’occasione in piazza Costituente di fronte a quello che uno dei simboli della città dei Pico, i rappresentanti delle imprese costituenti l'ATI (Associazione Temporanea di Imprese formata dall’affidataria Edilstrade Building, Kairos Restauri e Mei Tecnologie e Costruzioni), con i tecnici di cantiere; il direttore dei lavori, l’ArchItetto Henry Gallamini; il Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione, l’Architetto Michele Maini; il collaudatore, l’Ingegner Mauro Cuoghi; il RUP dell'intervento, l’Architetto Michela Di Leva. In rappresentanza dell’Amministrazione comunale, il Vicesindaco e Assessore alla Qualità urbana, Ricostruzione e Sviluppo sostenibile, Letizia Budri, mentre per il consiglio del condominio dei palchettisti, la presidente: l’Avvocato Lucia Bocchi.

Dopo la formale stipula del contratto ai primi di marzo, vista la rapida evoluzione dell'emergenza sanitaria in atto da Covid-19, si era optato per posticipare la consegna. Scelta comunque rivelatasi azzeccata considerato anche stop che con il DPCM del 22 marzo, sarebbe stato comunque sancito di lì a poco – fa notare l’Assessore Budri - a seguito della riapertura delle attività di costruzione disposta a partire dal 4 maggio, oggi è stato finalmente sottoscritto il verbale di consegna. Un momento molto atteso a cui seguirà già nei prossimi giorni, l’avvio dei lavori le di accantieramento che, come concordato, garantiranno la continuità delle attività attualmente in essere in affaccio su piazza Costituente.

Le settimane appena trascorse – prosegue la Vicesindaco - hanno permesso di adeguare le procedure di cantiere ai protocolli per la salute e sicurezza dei lavoratori, in modo da consentire lo svolgimento delle opere nel rispetto delle stringenti misure previste. Le lavorazioni a seguito delle misure anti contagio Covid-19 risentiranno inevitabilmente di un rallentamento nella produzione, ma l'auspicio è quello di confermare un cronoprogramma che non vada di troppo oltre i 730 giorni preventivati. I lavori, finanziati con i fondi della ricostruzione post-sisma, sono stati aggiudicati per 2.976.637€, che insieme al 1.491.958,53€ a disposizione dell'Amministrazione, concorrono a quadro economico totale di 4.468.596,08€.

Pubblicato in Ambiente Modena

Di Guido Zaccarelli 2 maggio 2020 - Il Covid-19 ha interrotto bruscamente il sistema delle relazioni umane sulle quali l’economia, e la finanza, avevano fissato nel tempo i loro quartieri generali, dove decidevano le sorti del mondo intero, condizionando con le loro decisioni il comportamento delle persone in ogni direzione di marcia. Una delle finalità principali è sempre stata rivolta alla produzione e, come conseguenza diretta, l’impegno a generare nuove fonti di ricchezza, in parte da riservare in esclusiva a pochi pretendenti e, il restante, da distribuire in parti sempre più ridotte ad una vasta platea di persone. 

E’ bello sapere che ci sono persone che non si tirano indietro quando si tratta di aiutare gli altri. Soprattutto chi ha bisogno perché in difficoltà. Gesti semplici, impegno, solidarietà che apprezziamo, ma che sono segno anche di una comunità coesa e solida. In particolare in momenti di bisogno come quello attuale dovuto alle difficoltà indotte dal Coronavirus.” Con poche e semplici parole il Sindaco di Mirandola Alberto Greco, ha voluto ringraziare la società F. C. Scigghiese – società sportiva mirandolese, dedita al volontariato – che tra le proprie file annovera molti operatori delle forze dell’ordine.

La società Scigghiese, data l’emergenza epidemiologia in corso - e le ripercussioni che questa sta avendo anche in termini economici per tante persone e nuclei famigliari che si sono trovati con un reddito ridotto se non in taluni casi privati del reddito medesimo – ha donato al Comune di Mirandola 68 buoni spesa del valore di 25 euro l’uno per un totale di 1700 euro.

Donazione da destinare a quelle persone non abbienti, individuate dall’Amministrazione che per varie ragioni non possono usufruire dei buoni spesi messi a disposizione dalla Protezione Civile e distribuiti in questi giorni dal Comune.

Nel ringraziare nuovamente chi si è prodigato al tal senso e cioè la società Scigghiese - conclude il sindaco Greco - quanto è stato messo a disposizione rappresenta un contributo importante che ci permette di guardare anche oltre l’assegnazione dei buoni spesa e di aiutare anche altri. L’Amministrazione è già al lavoro al fine di contattare ed elargire al più presto quanti effettivamente abbisognano di questo sostegno.

Mirandola: sabato 2 maggio mercato in Piazza Costituente con i soli banchi di prodotti alimentari. giovedì 30 aprile sempre in piazza, di fronte al teatro, il banco del pesce fresco, ma ambulanti presenti anche a Quarantoli e Cividale.

Col ritorno, un paio di settimane fa del mercato settimanale – solo però con i banchi di generi alimentari - in piazza Costituente, è ripresa l’attività mercatale anche nelle frazioni di Mirandola.

Nelle giornate di lunedì 27 e martedì 28 aprile, operatori ambulanti, dediti alla vendita di soli prodotti alimentari sono stati presenti a San Martino Spino e a Tramuschio. Domani, 30 aprile, si rinnoveranno anche gli appuntamenti a:
- Mirandola, in piazza Costituente di fronte al Teatro prenderà posto il banco del pesce, con un giorno d’anticipo rispetto a quello abituale del venerdì, data la festività dell’1 maggio;
- Quarantoli, col banco dell’ortofrutta che al mattino sarà presente su piazzale Grana;
- Cividale sempre con un banco di prodotti ortofrutticoli, collocato in piazzale Bering per tutto il giorno.

Sabato 2 maggio invece è confermata la presenza dei soli operatori del commercio ambulante oltre che dei produttori agricoli con vendita esclusiva per tutte le attività di prodotti alimentari, in piazza Costituente. Come nelle precedenti occasioni verrà riproposta una dislocazione dei banchi opportunamente distanziati tra loro, mentre l'area sarà appositamente delimitata nei punti di accesso. A presidiare il marcato, per tutta la sua durata ed ai fini della sicurezza, come del rispetto dei regolamenti in materia di distanza tra le persone previsti nelle misure di contenimento del Coronavirus, ci saranno oltre agli agenti della Polizia Locale, i volontari ai varchi.

Da ultimo ma non meno importante, data la presenza degli ambulanti in piazza Costituente sabato 2 maggio, è confermato il divieto di sosta con rimozione per l'intera area in cui si tiene il mercato (piazza Costituente), ad eccezione del parcheggio posto all'altezza del pubblico esercizio "La Degusteria" e di quelli di piazza Castello e piazza Marconi.

Data la festività dell’1 maggio, gli appuntamenti mercatali nelle frazioni di Mortizzuolo – che si tiene solitamente al venerdì – e Gavello – sabato pomeriggio – riprenderanno dalla prossima settimana (8, 9 maggio).

Giovedì, 23 Aprile 2020 12:52

L’uomo al lavoro: il tempo in uno “slot”

L’uomo vive da tempo inserito in uno “slot", un connettore tecnologico utilizzato nei computer per contenere una scheda elettronica.

Di Guido Zaccarelli Mirandola 23 aprile 2020 - La parola che corre fluente nelle aziende tra i diversi comparti è “slot” per indicare il tempo che una persona può dedicare all’altra in una conversazione telefonica, o sul luogo di lavoro.

Al mattino il monitor si sveglia mettendo in bella mostra una moltitudine di rettangoli di differenti colori, simili alle celle di un foglio di calcolo, corrispondenti al tempo che una persona ha programmato di dedicare all’altra in una conversazione telefonica, o sul luogo stesso di lavoro. Purtroppo, come spesso accade, la conversazione in atto non esaurisce tutto l’orizzonte che rimane tra: ” il detto e il non detto, tra quello che si voleva, o poteva dire, ma che non è stato detto.”.

Si viene “estratti” dallo “slot” per essere “inseriti” in un altro “slot” dove condividere il tempo con persone anche loro “infilate” in altri “slot”. Viene da pensare che la scrivania sia diventata una vera e propria “scheda madre” di un computer, la cui architettura obblighi l’uomo a comportarsi come una macchina digitale che dialoga con i diversi componenti digitali (persone) che entra ed esce dagli “slot” al pari di una scheda elettronica. Non sarà che il “mondo” abbia addestrato l’uomo a vedere il lavoro come una scheda madre di un computer e il tempo delle persone come una scheda elettronica da inserire al bisogno ed estrarla quando ha esaurito la sua funzione, come una parte di un componente alla catena di montaggio?

La scrivania del computer si chiama “desk-top”, scrivania principale. Nel mondo analogico, quando l’organizzazione del lavoro dipendeva dall’orologio a lancette le persone traevano dalla loro posizione il ritmo per pianificare la giornata di lavoro. Ora i ritmi hanno superato il display dell’orologio digitale e sono scanditi dalle celle colorate che indicano in quale “slot” il lavoratore si deve inserire all’ora x: «mi sono inserito in una conversazione». Questi comportamenti condizionano la vita delle persone che si muovono alla velocita dei bit come un computer, quando deve elaborare una elevata quantità di informazioni in breve tempo.
Cos’è quindi il tempo? Il tempo è uno spazio cosmico che si muove nella dimensione infinita dell'esistenza umana. Intervalli precedenti seguono a ruota istanti successivi che definiscono gli accadimenti vissuti nella sensazione, e nella percezione, del vivere quotidiano. Il tempo nasce con il cosmo, da una pulsione di energia che si è diffusa nel tempo fino a raggiungere la dimensione infinita nel quale l’uomo proietta la sua presenza terrena.

Ogni parola, o azione, è istante zero, ma è immediatamente istante precedente e istante successivo, che trascende. krónos e Kairós sono le due dimensioni temporali, fondamentali, per condensare, o dilatare, nel tempo ogni singolo accadimento in relazione al contesto della vita. krónos è il tempo che assume le sembianze della persona che muove i sui passi sulla linea della vita ben rappresentata dalle lancette dell’orologio. Tutto ciò che appare è misurabile, diventando un punto di riferimento, unico e imprescindibile, per valutarle all’interno di una dimensione singola e prospettica. Kairós rappresenta l’emozione episodica che ha un inizio, un presente e un dopo; è in grado di assegnare un valore all’azione e condiziona l’insorgere dello stato emotigeno che si manifesta nell’istante esperienziale in grado di condizionare l’opportunità e le scelte.

L’uomo nel suo agire quotidiano oscilla tra krónos e Kairós, alla ricerca di uno “slot” in cui trovare la sua vera identità, ma soprattutto deve raggiungere gli obiettivi economici che il potere gli ha ordinato, fatto individualismo”, che si comporta come un attore teatrale che vuole sempre essere il protagonista assoluto della scena, e non semplice comparsa.
Il Covid-19 ha introdotto una variabile imprevista in un paradigma che il tempo ha cercato di proteggere mostrando, in ogni circostanza, l’immagine di una fortezza inespugnabile, al cui interno l’organizzazione funzionava in termini di rapporto, e non di relazione tra le persone: «abbiamo sempre fatto così», è da sempre la frase ricorrente che il potere conferisce ai subalterni per godere del privilegio assunto dalla posizione di controllo.

La tecnologia ha reso evidente quanto la fragilità delle mura che al primo sobbalzo si sono sgretolate dimostrando che le persone anche fuori dagli “slot” sono in grado di manifestare la professionalità e incrementare la produttività. Questo porta a considerare che un sistema rigido “vincola” le persone al fare senza ricevere in cambio il necessario coinvolgimento emotivo fondamentale per governare percorsi di crescita economica e di scambi relazionali.

L’etica e i talenti sono alcune delle virtù principali che l’uomo deve possedere e posto nelle condizioni di essere portati alla luce per raggiungere il bene comune. La critica che viene qui mossa intende riportare l’uomo al valore del tempo e come questo deve essere inteso da chi esercita il controllo. Dobbiamo tutti ricercare la strada per incamminarci verso un nuovo umanesimo, prendendo come riferimento “questo tempo” per iniziare a tracciare il sentiero di un universo capace di colmare lo spazio vuoto che si è creato quando, privato della libertà personale, l’uomo ha compreso il verso senso della vita fuori dallo “slot”.

 

__________________________________________________________________________ 

CURRICULUM - Guido Zaccarelli, è docente di informatica, giornalista, saggista, consulente aziendale e collaboratore redazionale di Gazzetta dell'Emilia. È laureato in Comunicazione e Marketing, ha conseguito un Master in Management per il coordinamento delle professioni sanitarie e frequentato la scuola di alta specializzazione per formatore e consulente d'impresa. È stato referente del Servizio Informativo dell'Azienda Sanitaria di Modena, presso il distretto di Mirandola e dal 2008 al 2018 docente a contratto di informatica presso l'Università di Modena Reggio.
Bibliografia: Informatica, insieme verso la conoscenza (2010) - La conoscenza condivisa, verso un nuovo modello organizzativo (2012) - Finestre di casa nostra (2013) - Dalla piramide al cerchio, la persona al centro della azienda (2016)

 

Organizzati dal Comune, verranno divulgati in diretta Facebook sulla pagina della biblioteca "E. Garin"

Il primo appuntamento si terrà giovedì 23 aprile 2020. Come tema, quello delle imprese e degli imprenditori oggi. La scuola invece sarà protagonista il 30 aprile; mentre a maggio sono previsti due focus su: AI, l’intelligenza artificiale e l’uomo di fronte al Coronavirus. Sono i quattro incontri della rassegna “A tu per tu con…” rigorosamente in digitale, per un convegno Smart organizzato dal Comune di Mirandola, biblioteca “E. Garin”.

Il Coronavirus ha messo in evidenza la fragilità dell’uomo innanzi ad eventi imprevisti che stanno profondamente incidendo nell’economia, nella didattica e in ogni aspetto della vita quotidiana. Innanzi a questi scenari è necessario aprire fronti di dialogo per cercare di dare una prospettiva sulla realtà che ci circonda e provare a fornire una chiave di lettura sui possibili scenari che potrebbero delinearsi in futuro. “A tu per tu con…” vuole essere ad ogni appuntamento, un momento di incontro, in perfetto stile “smart working” in cui al centro ci sono il territorio e le sue peculiarità, economiche, educative e sociali. E non a caso, come strumento di divulgazione, si è scelto proprio la pagina Facebook della biblioteca “E. Garin” (https://www.facebook.com/begmirandola) in modo da poter raggiungere un maggior numero di persone.

In queste settimane – spiega Marina Marchi Assessore del Comune di Mirandola alla Cultura e all’Innovazione - stiamo cambiando le nostre modalità di fare cultura, cercando di essere comunque vicini a tutte le famiglie: dai bambini agli adulti, passando per i ragazzi, fino ai nonni. Con queste quattro dirette Facebook vorremmo far sentire la voce di diversi esperti del nostro territorio e, dialogando con loro, capire come il lavoro, la scuola siano cambiati ai tempi del Covid-19. Ma pure le modalità con cui l’intelligenza artificiale ha dimostrato di essere di aiuto alla medicina e come l’essere umano ha dovuto adattarsi per sopravvivere all’isolamento. Quattro temi molto attuali, affrontati grazie al contributo di Guido Zaccarelli che come moderatore intervisterà quattro professionisti noti a molti Mirandolesi (ma non solo), mentre è prevista la possibilità di rivolgere domande rivolgere domande agli ospiti.

Ed in proposito di modalità cambiate di fare cultura, unitamente alla volontà di avvicinare un pubblico più numeroso – ”A tu per tu con…”, va in tale direzione - si segnalano anche i riscontri più che positivi ottenuti in queste settimane dalla pagina Facebook della biblioteca Garin. L’incremento di visibilità della pagina, si è registrato dopo la partenza de “L’almanacco di Garin”, con le proposte digitali della biblioteca rivolte a persone di tutte le età. Una programmazione giornaliera che inizia alle ore 10.00 per terminare oltre le ore 21. Tutti i giorni, letture e proposte di lettura, musica, poesia, approfondimenti, consigli sul cinema… Ad oggi, dal 24 marzo scorso si riscontrano circa 600 mi piace in più, con un incremento di oltre il 500%; quasi 12mila interazioni coi post, mentre le visualizzazioni oltre superano le 2.400.

“A TU PER TU”: LE DATE, GLI INCONTRI, I PROTAGONISTI

Il primo incontro, quello di giovedì 23 aprile – il cui inizio è fissato per le ore 17.30 vedrà come protagonista, Paolo Neri, Relationship Manager di Warrant Hub spa – Gruppo Tinexta. Neri, che da oltre 15 anni si occupa di Innovazione a fianco di imprese, Università e Centri di Ricerca a livello nazionale ed europeo, focalizzerà l’attenzione su “Le imprese oggi: dall’analogico al digitale”. A vestire i panni del moderatore, così come tutti gli altri che seguiranno, Guido Zaccarelli giornalista, saggista e consulente aziendale.

A Neri, il 30 aprile (ore 17.30) seguirà Anna Oliva. Dirigente scolastica della scuola secondaria di I grado “F. Montanari” di Mirandola, vanta una lunga esperienza come docente scolastico oltre che di autrice del testo “Ragazzi, pubblicità. Educazione all’analisi dei messaggi verbali e visivi”, Edizioni del Sole 24. Ha assunto, presso la scuola media di Mirandola, un’importante sfida formativa: il presidio della scuola come parte del territorio mirandolese attento ai bisogni degli studenti. E dove, l’istituzione scolastica è una comunità educante che fa rete con gli enti locali e le diverse realtà istituzionali, culturali e sociali, senza dimenticare l’apporto fondamentale delle famiglie. Il tema su cui si concentrerà Oliva, è “Verso una scuola agile: le nuove frontiere della formazione a distanza”.

Il terzo appuntamento – giovedì 7 maggio (ore 17.30) - vedrà come protagonista Matteo Stefanini, attualmente dottorando in Intelligenza Artificiale all’Università di Modena e Reggio Emilia dove si occupa di ricerca in ambito Visione e Linguaggio. È autore di varie pubblicazioni scientifiche in ambito Intelligenza Artificiale e Deep Learning, organizzatore del TEDx Mirandola e nutre interesse verso il campo biomedicale. Per Stefanini, il punto sarà “L’avvenire dell’intelligenza artificiale tra scienza società”.

Chiude il ciclo degli incontri giovedì 14 maggio 2020 (ore 17.30), Germano Ghelfi con “L’essere umano ai tempi del Covid-19 tra socialità e individualismo”. Medico psichiatra presso il centro di salute mentale del Distretto di Mirandola, Ghelfi da anni è impegnato come volontario ad allenare i settori giovanili della società Stadium Pallavolo Mirandola.

Pagina 4 di 28