Visualizza articoli per tag: democrazia

Il Consiglio Nazionale dei Commercialisti ha trovato il modo di alimentare un nuovo intervento sul concetto generale di “democrazia”.

Pubblicato in Politica Emilia

Sino a che punto un organo in clima di "prorogatio" può spingersi nell'adottare decisioni straordinarie e private della più elementare dialettica interna? Il codice deontologico è super partes o pro domo loro?

Pubblicato in Politica Emilia
Domenica, 28 Febbraio 2021 08:48

Torna a volare l’EXPORT Statunitense

Sono state sufficienti 5 settimane di presidenza Biden-Harris e l’export statunitense è tornato a volare. 

Pubblicato in Politica Emilia
Domenica, 21 Febbraio 2021 11:12

Il volto più oscuro e violento della sinistra.

Progressista, riformista, populista, DEM (democratica), pacifista  e chi più ne ha più ne metta di aggettivi "luminosi" per etichettare la sinistra degli ultimi decenni.

Pubblicato in Politica Emilia

Dopo la cerimonia di insediamento alla casa Bianca, il neo Presidente degli Stati Uniti si è messo subito al lavoro e tra le prime firme ha bloccato l'oleodotto in costruzione tra Canada e Messico suscitando l'ira degli alleati del nord.

Pubblicato in Politica Emilia
Domenica, 06 Dicembre 2020 13:16

"Peppone e Don Camillo sono di Collecchio?"

A Collecchio si inasprisce la querelle sulla dichiarazione "antifascista." Dalla discussione nei corridoi si è passati alla discussione consiliare e relative deliberazioni, infine il contraddittorio si è trasferito sulla stampa locale. Dove arriverà questa disfida "ideologica" d'altri tempi, che tanto sarebbe piaciuta al grande Giovannino Guareschi?

Pubblicato in Politica Emilia
Domenica, 06 Dicembre 2020 13:02

L’Antifascismo Antidemocratico

Di Daniele Trabucco (*) 6 dicembre 2020 - Il dibattito politico, sorto a seguito dell’utilizzo da parte dell’associazione culturale Pensiero e Tradizione della sala consiliare del Comune di Collecchio (Provincia di Parma) per la presentazione del libro della prof. ssa Mara Morini «La Russia di Putin» edito per i tipi de il Mulino, ha condotto, dopo alterne vicende, alla modifica del regolamento comunale disciplinante le modalità di concessione degli spazi pubblici.

Pubblicato in Politica Emilia
Domenica, 19 Gennaio 2020 10:59

In Nome della Libertà.

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa della Comunità Iraniana a Parma: In Nome della Libertà!

Parma 18 gennaio 2020 - Prima di tutto Ringraziamo Comune di Parma e Le forze dell’ordine per darci la possibilità per fare sentore la nostra voce.
Quello che con questo comunicato vorremmo chiedere riguarda il nostro paese e suoi 80 milioni di abitanti.
Iran e Italia sono tra paesi e civiltà più antiche nel mondo, e durante queste migliaia d’anni hanno avuto tanti punti comuni.
Oggi di quell’ Iran civile e libero non è rimasto più niente. Dal 1979 e dopo rivoluzione islamica, 80 milioni di iraniani vivono sotto controllo di uno dei peggiori regime dittatoriali e teocratici nella storia contemporanea. Un regime che, dai primi anni di presa del potere nel paese, al contrario di quello che fa vedere ai paesi occidentali, non ha mai tollerato i pensieri diversi ai suoi e sempre ha risposto alle richieste del popolo con arresti ed esecuzioni e violenza. Già da primi anni e dal luglio 1988 con diretto ordine di “Khomeini”, il regime ha ucciso migliaia di prigionieri politici (un numero tra 8000 e 30000). In anni recenti e durante l’attuale governo del leader del paese “Khamenei”, il popolo si è rivolto contro il governo in più di tre occasioni ma ancora, come prima, la risposta da parte del regime è stata la violenza. Nelle proteste studentesche del luglio 1999, Proteste post-elettorali del 2009-2010, Proteste 2017-2018 sono stati uccise e arrestate migliaia di persone (circa 100 Morti e circa 11000 arrestati). Purtroppo, durante tutte queste proteste né i governi europei né il governo italiano e i partiti politici hanno mai supportato il popolo iraniano e nemmeno hanno condannato il regime iraniano per violazione dei diritti umani. E anzi hanno fatto nuovi accordi con il regime e hanno fatto più business con il regime.
Quello che è successo in passato non è più ricuperabile ma come sapete nell’ultimi mesi e giorni sono successe di nuovo le proteste. Questa volta molto più grandi e con numeri più alti di partecipanti (più di 100 città in qui quasi tutti capoluoghi delle province con milioni di partecipanti ), ma questa volta la risposta del regime iraniano è stata più dura e violenta, dalle prime ore del inizio proteste il regime ha bloccato tutta la rete d’internet, blocco che è durato per quasi una settimana, e durante questo blackout d’internet, hanno fatto i crimini più orrendi che un regime può fare contro suo popolo violando diritti principali del cittadini iraniani e diritti umani. Hanno usato armi di guerra, da cecchini che sparavano direttamente per colpire la testa dei protestanti, macchine di guerra, carro armato, e armi pesanti. Il risultato finale è più di 1500 morti, più di 5000 feriti e più di 10000 arrestati. Ma i crimini di guerra del regime e violazione dei diritti non finiscono qui. Il regime durante le proteste usando guardia rivoluzionaria “Pasdaran” arrestavano anche i protestanti feriti nell’ospedale e gli portavano nel carcere, i Pasdaran tenevano i corpi di protestanti uccisi e chiedono soldi dalle famiglie per liberare il corpo di loro cari, il regime minacciava le famiglie con arresto se le famiglie decidevano di fare funerali o parlavano con giornali stranieri. Gli arrestati in carcere vivono in situazioni molto dure, sono sotto tortura fisica e mentale. Tante persone sparite in qui le famiglie non hanno nessuna notizia.
Nella scorsa settimana, governo iraniano abbattuto un aereo commerciale e suoi 180 passeggeri uccidendo tutti incluso cittadini canadese, svedese e iraniano, solo per usare innocenti cittadini come scudo umano e per fare propaganda contro Stati Uniti.


Le nostre richieste verso Governo italiano e tutte e tutti Italiani sono:
1 – condannare il regime iraniano per violazione di diritti umani e per crimini della guerra.
2 – condannare e bloccare i capi del regime iraniano e le persone che hanno ordinato arresti e uccisioni del popolo iraniano ad entrare nel Europa e Italia per fare propaganda per il regime
3 – aiutare gli iraniani d’Italia a lottare contro il regime islamico. Per esempio, aiutare iraniani per fare le denunce contro regime iraniano e le persone che hanno ordinato e hanno fatto gli atti violenti contro popolo iraniano.
4 - finire qualsiasi tipo di accordo e business con governo iraniano, perché i soldi sempre finiscono nelle tasche del regime e non sono spesi per iraniani ma anzi esattamente al contrario e vengono usati per uccidere e arrestare iraniani che cercano la libertà.

Il popolo iraniano durante la storia non ha mai dimenticato gli amici che aveva a fianco in momenti più difficili. L’Italia è sempre stata amica del popolo iraniano e supportando iraniani in questo periodo più scuro della storia della persia, terrebbe aperte le porte di amicizia tra iraniani e italiani per costituire un futuro migliore e illuminato."

Comunità Iraniana a Parma
18/01/2020

PR_Iraniani_manifestazione-photo5845681370574205630.jpg

 

Pubblicato in Cronaca Parma

La “gogna” non è mai stata abolita e quella mediatica è abusata e per di più senza regole nonostante le briglie della privacy.
  
di Lamberto Colla Parma  4 agosto 2019 - L’ispirazione mi è arrivata con l’ennesima notizia di presunti abusi sessuali di cui sarebbe accusato un prete di Piacenza.

Abituato a selezionare i comunicati stampa e le informative che giungono dalle diverse fonti, anche istituzionali e quindi dagli organi di sicurezza dello Stato, dove alla narrazione delle varie operazioni di polizia l’arrestato in flagranza di reato è identificato con l’etnia di appartenenza e le sole iniziali del nome e cognome, rimango sempre attonito quando, come nel caso piacentino, l’uomo è perfettamente pubblicizzato con nome e cognome, parrocchia di appartenenza e via di seguito con i dettagli che man mano emergono dalla strada e dalle “talpe”.

“Fino a maggio don Nome Cognome era il parroco di “parrocchia”, una delle chiese più frequentate della città.

Un sacerdote di Piacenza, don Nome Cognome, è stato arrestato con l’accusa di aver compiuto abusi sessuali ai danni di ragazzi maggiorenni. Fino a maggio era responsabile della parrocchia di San “parrocchia” una tra le più frequentate della città. Il vescovo Gianni Ambrosio lo aveva destituito in via cautelare dall’incarico dopo alcuni esposti giunti in diocesi. Da qui è poi scattata l’indagine della squadra mobile di Piacenza.
Oltre che per abusi sessuali, il prete è indagato anche per procurato stato di incapacità. Si sospetta che il sacerdote possa aver somministrato droghe o sostanze chimiche alle sue vittime per poi commettere le violenze.
Don “Nome” si trova agli arresti domiciliari su ordinanza di custodia cautelare e nei prossimi giorni verrà ascoltato dal giudice nell’interrogatorio di garanzia”.

Questo il testo riportato da molti siti web e TV sul quale vorrei concentrare alcune considerazioni.

La presunzione di innocenza e il diritto alla privacy dove sono finite nel pruriginoso caso del prete piacentino ma stessa cosa vale anche per il Sindaco di Bibbiano (ancora agli arresti domiciliari mentre è libero il capo della associazione piemontese) e via va per i tanti politici, lavoratori e dirigenti che si siano trovati immischiati in faccende giudiziarie e opportunamente poste sotto indagine ma poi prosciolti o assolti dalle accuse, spesso pesantissime?

Inquietanti sono le ultime parole del testo sopra riportato “nei prossimi giorni verrà ascoltato dal giudice nell’interrogatorio di garanzia”.

Ma come, i delinquenti seriali, arrestati in flagranza di reato, vengono protetti nell’identità mentre un soggetto libero, sottoposto a indagine e non ancora nemmeno ascoltato dal giudice, viene sbattuto sulle prime pagine di tutti i giornali? Poi, magari, in caso di assoluzione (come spesso accade a lustri di distanza) un solo e misero trafiletto sarà dedicato a questo “mostro” che nel frattempo avrà perduto il lavoro, la famiglia, la dignità, avrà speso migliaia di euro per difendersi e per curarsi.

Ma quando questi, anche a distanza di anni, cercherà il proprio nome sul motore di ricerca tornerà alla mente la vicenda giudiziaria e le accuse ma non certamente l’assoluzione e la riabilitazione, men che meno quella sociale. Già perché quella ricerca rapida la farà certamente chi dovrebbe assegnare un lavoro al malcapitato “delinquente temporaneo” e emarginato permanente.

Domanda: per qualche spettatore o “like” in più, è etico mettere alla “gogna” un uomo o una donna libero e sottoposto solo a indagine?

Ebbene, se così fosse, ovvero che tutti accettassimo questo principio illegale, allora vorrei che venisse applicato a tutti, che siano le “fasce protette” come spesso sono i vari mascalzoni di strada o gli appartenenti alle famiglie “bene” di questa o quell’altra località.

Dalla presunzione di innocenza alla presunzione di mostruosità, un buon modo per vendere di più.

(https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/emilia-romagna/abusi-sessuali-arrestato-un-sacerdote-a-piacenza_3223642-201902a.shtml?fbclid=IwAR0PVuJoCbO82qTUcjUMZ4Kw6pBhrte0C9vx4Yq9MiG401cQ04z4OEWuNSQ )
______________________________________________

 CORTEO PRIMO MAGGIO 2019 PARMA 122.jpg

 

______________________________________________
(Clicca qui per leggere gli altri editoriali)

 

 

 


 

 

Pubblicato in Politica Emilia

Il 3 ottobre Carola Rackete sarà ascoltata nel Parlamento dell’Unione europea. Lo annuncia su Twitter il gruppo della Sinistra unitaria europea (Gue) dell’Eurocamera.
  
di Lamberto Colla Parma  28 luglio 2019 -

“Siamo lieti che interverrà per parlare dell’importanza della ricerca e del salvataggio nel Mediterraneo, sfidando Salvini e per commemorare la tragedia del 2013 dove morirono in centinaia”. E’ questo il testo del cinguettio del GUE che annuncia l’intervento della paladina dei migranti in occasione della commemorazione della tragedia avvenuta di fronte a Lampedusa 6 anni fa.

Una notizia che riempirà di gioia tutti i benpensanti, coloro i quali ritengono che tutto sia possibile, basti invocare “lo stato di necessità grave” ma solo quando pare a loro giusto, gli stessi forse che non riuscirono a prendersi una laurea nemmeno con il 18 accademico preteso dai sessantottini e si inventano scuole improbabili da scrivere sui curriculum, piuttosto che frequentare strani corsi, giusto per avere qualcosa da segnare sulla carta bianca al di sotto del nome e cognome.

Quelli che idealizzano una società “democratica” dove tutti sono buoni e cattivi si diventa sempre a causa di altri, magari di quelli che sono al governo o all’opposizione se alla guida del Paese ci sono i loro compagni di merende.

L’importante comunque è non giudicare loro nell’esercizio del proprio mandato parlamentare.

Giustappunto è di questi giorni, la notizia che i tre eroici deputati (Fratoianni, Prestigiacomi e Magi) che quest’inverno sfidarono i marosi per salire sulla Sea Watch 3 sono stati multati e perciò chiedono l’immunità parlamentare. Dalla Capitaneria di Porto era stata disposta una sanzione da 2.000 euro a testa, contestando ai tre parlamentari di essere saliti prima che sulla nave fosse eseguita la “Libera Pratica Sanitaria” (LPS).
Ma questi non ci stanno e chiedono al presidente della camera Fico di “investire con urgenza la Giunta delle autorizzazioni affinché la Camera dei Deputati dichiari l’insindacabilità dell’attività ispettiva da noi svolta”. Un mandato parlamentare che si attua “grazie alle prerogative che tutelano la libertà d’esercizio“.

Il Fatto Quotidiano riporta inoltre che Magi avrebbe dichiarato quanto sia “importante stabilire cosa sia reato e cosa prerogativa di un parlamentare”.

Non credo che sia prerogativa di un parlamentare chiedere l’indennità dalle violazioni del codice. Così facendo potrebbe un giorno chiedere l’indennizzo per avere superato i limiti di velocità giustificando un controllo sulla sicurezza stradale.

Tutto ciò si traduce in una parola: Anarchia!

... e a mio giudizio l’anarchia è ben più pericolosa del fascismo e del comunismo, il che la dice lunga sulla strada che stiamo prendendo, altro che pastasciutta che servirà!.

C’è da fare un pensiero serio sul dichiarare lo “Stato di necessità” e reagire a questi pericolosi incapaci.
______________________________________________
(Clicca qui per leggere gli altri editoriali)

UE Bruxells parlamento 4f808792-a849-4632-b15c-712ec70cc8ed.jpg

 

PASTASCIUTTA ANTIFASCISTA PLE PICELLI PARMA 2019 026 (2).jpg

 

 


 

 

Pubblicato in Politica Emilia
Pagina 1 di 2