Visualizza articoli per tag: Turchia

Domenica, 10 Ottobre 2021 18:59

F1, Turchia: una Bottas di vita

Cose turche all'Istanbul Park. Per la prima volta nella stagione vince Bottas, che batte Verstappen. Hamilton è solo quinto. La Ferrari è quarta e ottava, dopo aver cercato il miracolo con Leclerc.

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 15 Novembre 2020 15:43

F1, Gp di Turchia: il saluto dei Campioni

Vettel torna sul podio e si complimenta con il neo sette volte iridato Hamilton. L'inglese vince una gara pazza, complice un asfalto inadeguato.

di Matteo Landi

Sette volte Campione del Mondo, come Michael Schumacher. Epoche diverse, lo abbiamo detto più volte, rendono il paragone infattibile, ma la grandezza di Hamilton va oltre i numeri ottenuti al volante di vetture prestazionali quali McLaren prima e Mercedes dopo. La statura del pilota di Stevenage deriva dal modo in cui conduce gare difficili come quella odierna. Dopo una qualifica non eccezionale, solo sesto, l'inglese ha corso da attendista nella prima parte di gara. Mentre intorno a lui molti sbagliavano lui ha aspettato che la pista diventasse quasi asciutta, il momento giusto per portarsi in testa con un sorpasso, il meno bello della giornata, non appena ha avuto la possibilità di attivare l'alettone mobile. La grandezza della sua gara è evidente se paragonata a quella di Bottas. Il finlandese, che avrebbe dovuto contendere il titolo a Lewis, è incappato in una giornata decisamente storta. Non parliamo di sfortuna ma di quegli errori che non gli consentono di elevarsi ai livelli di Hamilton, e neanche di avvicinarli. A fine gara il sette volte iridato ha atteso alcuni minuti prima di scendere dalla sua vettura, non ha trattenuto le lacrime mentre metabolizzava quel che aveva appena ottenuto. Vettel, di nuovo sul podio, gli ha allungato la mano e si è complimentato con lui. Undici titoli mondiali in un frame, il momento più toccante della domenica.

Ferrari di nuovo sul podio! Vettel perfetto, Leclerc indomabile

Più del titolo vinto da Hamilton, in fondo ha corso un campionato a due in cui l'unico avversario è stato quel Bottas che oggi ha mostrato tutti i suoi limiti, ha destato scalpore riaccendendo gli entusiasmi la rimonta delle due Rosse, scattate entrambe dalla sesta fila. Al via Leclerc ha subìto il lato meno gommato e più scivoloso della pista sprofondando nei bassifondi della classifica. Vettel ha corso alla....Vettel! Abbiamo finalmente rivisto il pilota veloce e capace di andare oltre alle difficoltà della sua Ferrari. Ad inizio gara si è reso autore del migliore scatto da fermo. Dopo pochi chilometri dietro le due Racing Point battistrada (!) c'era lui, terzo. La gara è stata pazza per tutti ed il tedesco non è mai stato il più rapido in pista ma è stato colui che ha sbagliato meno tenendo costantemente un ritmo adeguato. Leclerc è invece rinvenuto come una furia, sorpasso dopo sorpasso. Spesso è risultato il pilota più veloce ed è stato un vero peccato vederlo arrancare al via per colpe non sue. A fine gara il monegasco non si è accontentato di una terza posizione certa ma si è gettato all'inseguimento della seconda piazza occupata da un grandissimo Sergio Perez. All'ultimo giro ha raggiunto il messicano e lo ha passato, ma una staccata a ruote fumanti non gli ha permesso di tenere la giusta traiettoria. La Racing Point lo ha quindi sopravanzato e Vettel ha colto l'attimo, tornando su un podio che per lui non arrivava dal Gp del Messico dello scorso anno. All'interno di un'annata per la Scuderia di Maranello sportivamente disgraziata il terzo posto del tedesco, molto "attaccato alla maglia", autore di svariati errori nel passato recente ma capace anche di riportare la Rossa a lottare per il titolo nel 2017 e nel 2018, è un bagliore di luce inatteso e bello. Un voto positivo va oggi ad entrambi i piloti, anche a Leclerc appunto, tutto grinta e cuore, un vero animale da gara.

Stroll poleman, Perez secondo al traguardo: che weekend per Racing Point!

Poteva essere la grande domenica di Stroll, ma una strategia non ottimale lo ha privato di un podio ampiamente alla portata. Il nono posto finale non gli rende merito ma poco importa: la pole position ottenuta circa 24 ore prima è qualcosa che rimarrà per sempre nei ricordi degli appassionati e nelle statistiche più prestigiose: prima volta in carriera per lui e prima partenza al palo per la Racing Point. Da notare anche il ritorno alla pole position per un pilota canadese: non accadeva da Jerez 1997, la gara che incoronò Campione Jacques Villeneuve. Numeri a parte è da rimarcare la bravura sul bagnato di Stroll, imprendibile in prova e nella prima bagnatissima parte di gara. Con questa prestazione ha definitivamente zittito chi non gli riconosceva i giusti meriti, nonostante le vittorie ottenute nelle categorie inferiori, in quanto figlio di uno degli uomini più ricchi del mondo: Lawrence, possessore della squadra per la quale corre e che il prossimo anno diverrà Aston Martin. Non da meno è risultato il compagno di Lance, quel Sergio Perez che ancora non ha un contratto per l'anno prossimo: in qualifica è risultato terzo, in gara si è arreso solo ad Hamilton, avendo la meglio su quel pilota, Vettel, che il prossimo anno occuperà il suo sedile.

La pessima organizzazione turca esalta Mugello ed Imola

Evoluzioni dei piloti a parte è giusto evidenziare la cattiva organizzazione del Gran Premio di Turchia. Da biglietti proposti a soli tre euro in piena pandemia all'ovvia assenza di pubblico, fino ad una riasfaltatura sconsigliata dalla Federazione e da consulenti esterni ma ugualmente eseguita a ridosso del weekend di gara. Oltretutto utilizzando un manto appena adeguato per la normale circolazione stradale, figuriamoci per le vetture più veloci del pianeta! Venerdì i piloti non hanno contenuto le critiche ed abbiamo assistito a fuori pista, testacoda e giri lentissimi. Un fondo sporco, oleoso, oltretutto lavato nonostante la bassa temperatura atmosferica non ne consentisse un'adeguata asciugatura. Guardando ai ritorni ed alle prime volte di questo strano 2020 spicca ancora di più l'ottima organizzazione dei Gran Premi di Toscana e dell'Emilia Romagna. In vista delle prossime stagioni, Stefano Domenicali, prossimo Presidente e CEO della F1, pensaci bene!

Pubblicato in Motori Emilia

Turchia, 15 morti per consumo di alcol contraffatto per battere il Coronavirus. Altre 60 sono state ricoverate nel reparto di terapia intensiva ad Istanbul

Ad Istanbul 15 persone sono decedute e 60 persone sono finite in ospedale, dopo aver consumato alcol contraffatto per mettersi al sicuro dalla minaccia di infezione da Coronavirus. Lo riporta. Secondo la ricostruzione dei fatti diffusa dal giornale Hurriyet, alcuni originari del Turkmenistan hanno acquistato alcol prodotto artificialmente per uso esterno al fine di prevenire l'infezione da coronavirus.

In seguito, questo gruppo di cittadini stranieri ha iniziato ad utilizzare l’alcol per somministrazione orale, causando un avvelenamento di massa. Sette persone, coinvolte nella vendita dell’alcol sono state arrestate.

Le forze dell’ordine hanno avviato un’indagine. Nei giorni scorsi, una storia simile è accaduta in Iran, dove sono morte per il medesimo motivo oltre 60 persone. A fine settembre, in tutto il paese sono stati segnalati diversi casi di contrabbando di alcol avvelenato, che ha ucciso almeno 22 persone. Solo i membri delle minoranze religiose riconosciute dallo Stato hanno il diritto di produrre o acquistare bevande alcoliche in Iran, ma l'alcool di contrabbando è facilmente reperibile dai commercianti illegali.

Il dottore iraniano Shahin Shadnia ha raccontato quali conseguenze può avere il consumo dello spirito contraffatto e quali tipi di alcol non dovrebbero essere utilizzati nemmeno per pulire le mani. Il primo caso di contagio dal COVID-19 in Turchia è stato confermato lo scorso 11 marzo. Secondo gli ultimi dati, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, nel paese sono registrati 192 casi di infezione dal COVID-19, di cui tre persone sono morte.

(20 marzo 2020)

Pubblicato in Cronaca Emilia

Cibus Agenzia Stampa Agroalimentare: SOMMARIO Anno 19 - n° 01 05 gennaio 2020 -
Editoriale:  - 2020, 20 di guerra- Lattiero caseario. Stabili i derivati del latte - Cereali e dintorni. Mercati in attività, in attesa della firma USA/CINA - Cinghiali: è allarme trichinosi. - “Agricoltura reggiana, un 2019 di luci e ombre” - sicurezza alimentare... -


SOMMARIO Anno 19 - n° 01 05 gennaio 2020

cibus_1_5gen2020_cop.jpg
1.1 editoriale
2020, 20 di guerra
3.1 lattiero caseario Lattiero caseario. Stabili i derivati del latte.
3.1 Bis lattiero caseario Lattiero caseari. tendenza
4.1 cereali e dintorni Cereali e dintorni. Mercati in attività, in attesa della firma USA/CINA
5.1 cereali e dintorni tendenze.
6.1 sicurezza sanitaria Cinghiali: è allarme trichinosi..
6.2 sicurezza alimentare Micotossine oltre i limiti, ritirato il pane grattugiato.
7.1 ambiente  Spandimenti, agricoltori in difficoltà per le promesse non mantenute della giunta regionale dell'emilia romagna
8.12019, l’agricoltura reggiana “Agricoltura reggiana, un 2019 di luci e ombre”
9.1.1promozioni “vino” e partners
10.1 promozioni “birra” e partners

 

(per seguire gli argomenti correlati clicca QUI)

(Scarica il PDF alla sezione allegati)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Domenica, 05 Gennaio 2020 07:40

2020, 20 di guerra

Il nuovo anno non si è certamente aperto secondo i migliori auspici facendo intendere di non voler smentire il detto popolare che lo vorrebbe funesto
 
Di Lamberto Colla 5 gennaio 2020 - La bandiera con la mezza luna turca sventolerà in Libia a sostegno del Governo regolare accettato dall’Onu e dall’Italia e guidato da Fayez al-Sarraj

Dall’altra parte invece il generale Khalīfa Belqāsim Ḥaftar, l’uomo forte della Cirenaica e da sempre fedele a Gheddafi, che sta cercando di conquistare il potere con la forza e il sostegno imbarazzante della Francia, il solito splendido alleato.

A questo punto quanto potrà mai valere la diplomazia europea che vede contrapposte la seconda e terza forza economica fronteggiarsi, l’Italia con il Governo centrale di Tripoli e la Francia con i ribelli? E infine Il terzo incomodo, la Turchia, anch’essa appartenente alla NATO entrare prepotentemente nel conflitto senza alcuna autorizzazione, come di fatto nemmeno i Francesi chiesero ma dovettero confessare dopo che vennero scoperti dei missili nelle aree coperte dal generale Haftar.

Trump_e_Soleimani_2018.jpg

(nella foto centrale Trump e Soleimani quando si sfidarono nel 2018 su twitter in perfetto stile “Game of Thrones”: “Le sanzioni stanno arrivando novembre 5” scriveva Trump e ritratto di profilo Soleimani rispondeva “Venite vi stiamo aspettando”)

E poi l’IRAN che non perde occasione di stuzzicare gli USA e questa volta in territorio Iracheno andando a fomentare una rivolta contro l’ambasciata USA di Badgad dove un mercenario USA (contractor) ha perso la vita.

Poco più di 24 ore dopo la reazione USA, mirata e chirurgica, molto simile alle risposte israeliane agli attacchi dei palestinesi, ha colpito il convoglio che stava trasportando il numero due Iraniano, il Generale Qassim Soleimani, accreditato per diventare il leader supremo e capo dei Quds, i guardiani della rivoluzione, oltre al suo fedelissimo con il quale aveva aizzato la folla irachena contro gli USA.


.

twit_white_house.png

Ora la tensione è alle stelle e la diplomazia UE è spuntata a causa della Francia, della Turchia e dalla perdita di Federica Mogherini dalla posizione di Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, decaduta il 1° dicembre 2019 e ricevuto in carico dal 2014.

La guida della politica estera e di sicurezza comune dell’Unione Europea, solida e efficace, è oggi passata nelle mani dello spagnolo Josep Borrell che sembra voler proseguire lo stile dell’italiana, ovvero il laico, inutile silenzio.

 

____________________


(Per leggere i precedenti editoriali clicca qui)


____________________

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Politica Emilia
Martedì, 22 Ottobre 2019 06:32

Parma dalla parte del popolo curdo

Ieri sera, 21 ottobre, il Consiglio Comunale di Parma ha discusso la Mozione di solidarietà e sostegno alla popolazione curda della Siria che impegnerà il Sindaco e la Giunta Comunale a condannare fermamente quanto avvenuto, ad intervenire presso il Governo perché promuova in tutte le sedi istituzionali, con particolare riferimento all'Unione Europea, al Consiglio d'Europa, alla Nato e all'ONU, una risoluzione del Consiglio di Sicurezza che contempli l'invio di una forza di interposizione dei caschi blu e affinché vengano attivati tutti i canali diplomatici per spingere il Governo turco a cessare gli attacchi contro i curdi nel Nord della Siria e ad evitare l'ennesima tragedia ai danni del popolo curdo.

La Mozione, sostenuta dalle sezioni locali di +Europa, Siamo Europei, Italia in Comune, Volt, Italia Viva, Partito Democratico, Partito Socialista Italiano, Verdi, Effetto Parma, Possibile , è firmata da 24 Consiglieri Comunali, di maggioranza e opposizione, e dagli Assessori Michele Alinovi, Marco Bosi, Nicoletta Paci, Laura Rossi, Ines Seletti .

I promotori auspicano che l’impegno e l’attenzione della comunità internazionale non si spenga con il semplice passare del tempo e prima di aver ottenuto risultati concreti e che venga esteso a tutte le altre guerre e aggressioni a minoranze etniche spesso dimenticate dai media e dall’opinione pubblica.

 

72710070_393488257985513_6763196004993859584_n.jpg

 

 

+Europa | Gruppo di Parma

Strada San Donato 4/F | 43122 Parma | Italy

T +39 0521 487869| M +39 348 3390220| F +39 0521 484732

parmapiùQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | cid:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. @PiuEuropaPR | cid:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. https://www.facebook.com/piueuropaPR/ |

Pubblicato in Cronaca Parma

Di Nicola Comparato Parma, 14 ottobre 2019 - A seguire alcuni scatti del corteo di protesta organizzato da Rete Kurdistan Parma per dire NO all'invasione turca del Rojava. Dopo la manifestazione di mercoledì 9 ottobre, Rete Kurdistan Parma torna di nuovo piazza per protestare contro il governo turco. Il corteo partito alle ore 19 da piazzale Santa Croce è proseguito lungo via D'Azeglio per concludersi in piazza Garibaldi. Centinaia di persone hanno affollato le strade della città. 

"OVUNQUE RESISTENZA OVUNQUE ROJAVA"

Oltre ai tanti cittadini hanno preso parte all'iniziativa: 

Il sindaco Luigi Lucchi di Berceto, Art Lab Occupato, Collettivo La Rage, Rete Diritti in Casa, Officina Popolare Parma, Usi-Cit Parma, Anpi Parma, Parmantifascista 2.0, LINK - Studenti Indipendenti Parma, L'Otto anche domani- La libertà delle donne libera tutti, Altra Emilia-Romagna, Info Movimento Parma, Associazione Amo-Colorno, Ciac Onlus, Rete Kurdistan Emilia Romagna, Cgil Parma, PD Parma, Forum Solidarietà, Associazione UDU Parma, Partito Socialista Italiano Federazione di Parma e provincia, Jambo Fidenza, Libertari Berceto Lorenzo Orsetti, Sinistra Classe Rivoluzione Parma, Potere al Popolo, PCI, Partito Rifondazione Comunista. 

Per maggiori informazioni visitate la pagina Facebook Rete Kurdistan Emilia Romagna a questo link: 

https://www.facebook.com/Rete-Kurdistan-Emilia-Romagna-655510344965603/ 

Video protesta: https://youtu.be/YZzqIPR5yb0

Pubblicato in Cronaca Parma

E’ stata la forza di terra più determinata a distruggere lo Stato islamico in terra di Siria. Oggi il popolo curdo è lasciato solo a difendersi dalla Turchia.
  
di Lamberto Colla Parma  13 ottobre 2019 - C’è solo una parola per definire l’atteggiamento delle diplomazie occidentali in questo frangente: vigliaccheria.

E’ stato sufficiente il “cinguettio” di Donald Trump che annunciava l’intenzione di ritirare le truppe dalla Siria che le colonne dei blindati hanno lasciato le caserme turche alla volta dei territori curdi siriani e solo 24 ore dopo i missili con la “mezza luna” avevano già solcato i cieli e fatto le prime vittime civili.

Una missione contro le ultime nicchie del terrorismo islamista, è la giustificazione di Erdogan, che però lasciano aperti molti dubbi e poche speranze per il popolo curdo che occupa le terre nel nord della Siria.

E purtroppo è nota l’idiosincrasia turca verso il popolo curdo che da secoli chiede quantomeno una identità e una autonomia regionale da sempre negata con forza dalle autorità ottomane prima e turche poi.

Divieti di lingua ma anche di folklore e costumi curdi per arrivare a torture e violenze inaudite pur di cercare di negare l’identità curda. Almeno 50.000 sarebbero i morti curdi sulle coscienze turche ma è vietato di parlare di genocidio proprio per il veto posto dalla Turchia all’ONU sullo specifico argomento.8AAC8A1F-5062-4B56-B566-45D22CF28FBC.jpg

Ebbene, sino a ieri abbiamo osannato le coraggiose ragazze soldato che hanno sconfitto i terroristi del Daesh (Daesh Sigla di Al dawla al islamiya fi al Iraq wal Sham - Stato islamico dell'Iraq e del Levante-, in precedenza ISIS) subendo violenze sessuali, torture e mutilazioni prima di essere giustiziate e oggi si volta le spalle a questi, che ancora vivono nelle macerie, divenuti essi stessi prede della vendetta turca.

Avrebbe potuto essere una buona occasione per negoziare, se non uno stato indipendente una regione autonoma per il popolo curdo sparpagliato tra Iraq Siria e Turchia, e invece restiamo qui inermi a osservare un probabile nuovo massacro, perché di genocidio non si può parlare.

Attenzione ai formalismi e non alla sostanza sembra essere l’imperativo delle diplomazie occidentali, sempre più deboli e incapaci su ogni fronte.
Sarebbe sufficiente che Putin e Trump prendessero in disparte Erdogan per ricondurlo alla ragione. E invece siamo costretti a ascoltare le reazioni e le dichiarazioni, all’acqua di rosa ma con toni perentori, dei nostri diplomatici.

Erdogan, invece, è così terrorizzato dal proseguire a far quel che vuole e anzi minaccia di mandarci i profughi che “detiene legalmente”, facendo il lavoro sporco per nostro conto a fronte di un compenso di 6 miliardi di Euro donati dall’Unione Europea per nascondere le magagne agli occhi televisivi e quindi al mondo intero.

Ecco quello di cui le nostre diplomazie son capaci di fare: comprare.

Incapaci e vigliacchi, ecco quello che tutti noi siamo. Stiamo coprendo una nuova vergogna.

Da oggi i Turchi entrano di buon diritto nel club dei “Nostri splendidi Alleati”.

 Califfato_ISIS.jpg

____________________
(Per leggere i precedenti editoriali clicca qui)
____________________

Pubblicato in Politica Emilia