Visualizza articoli per tag: Provincia di Piacenza

La richiesta inviata dal presidente della Provincia Massimo Trespidi e dal sindaco di Podenzano Alessandro Ghisoni alla direzione generale Sandvik Italia: "Inaccettabile la chiusura dello stabilimento di Crocetta: si apra un confronto" -

 

Piacenza, 24 aprile 2014 -

“Riteniamo inaccettabile che si voglia chiudere una presenza sul territorio piacentino di uno stabilimento altamente performante di un'azienda leader nella produzione di utensili meccanici: chiediamo quindi che la procedura di mobilità sia immediatamente ritirata e si apra subito un tavolo di confronto tra azienda, rappresentanza dei lavoratori e istituzioni locali per promuovere un confronto attivo al fine di mettere in campo ogni sinergia pubblico/privato volta al mantenimento sul territorio dello stabilimento di Crocetta”. Questa la richiesta inviata ieri mattina dal presidente della Provincia Massimo Trespidi e dal sindaco di Podenzano Alessandro Ghisoni alla direzione generale Sandvik Italia che, nei giorni scorsi, “aveva manifestato la volontà di avviare una procedura di mobilità per i dipendenti”.

La nota fa seguito a una precedente lettera inviata dall'Amministrazione provinciale e dall'Amministrazione comunale nel mese di gennaio in cui si chiedeva un incontro con la società “per conoscere l'attuale realtà produttiva ed organizzativa dell'azienda e per mettere in campo ogni possibile eventuale potenziamento dell'attività”. “Senza aver mai ricevuto risposta a tale comunicazione – continuano Trespidi e Ghisoni – siamo invece stati informati degli ultimi preoccupanti aggiornamenti: confidiamo adesso di poter fissare un incontro nello stabilimento”.

 

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Piacenza)

 

Il simbolo è stato scelto a conclusione del concorso promosso dalla Consulta con il patrocinio della Provincia di Piacenza. Trespidi: “Un'iniziativa finalizzata alla promozione del protagonismo studentesco” -

 

Piacenza, 24 aprile 2014 -

A premiare gli studenti che hanno partecipato all'iniziativa sono stati questo pomeriggio in Provincia il presidente della Provincia Massimo Trespidi e il presidente della Consulta degli studenti Giulia Sacchetti. “La Provincia – ha ricordato il presidente Trespidi – ha scelto di sostenere questa iniziativa con l'intento di promuovere il protagonismo degli studenti”. “Il logo vincitore – ha quindi illustrato Giulia Sacchetti – è stato creato dalla studentessa del liceo Gioia Giulia Mochi ed è stato scelto tra 40 simboli ideati dagli studenti piacentini. L'idea del concorso è stata quella di donare un simbolo identificativo alla Consulta degli studenti, stimolando così l'interesse dei giovani e della cittadinanza verso le attività svolte. Ricordo a questo proposito che la Consulta di Piacenza è impegnata in un progetto contro le mafie che avrà come obiettivo finale la pubblicazione dei risultati del lavoro”. 

Il simbolo vincitore del concorso raffigura due studenti senza volto a rappresentazione di tutto il mondo studentesco (chiunque può identificarsi nelle due figure disegnate); il logo secondo classificato (raffigurante una corona “protettrice” di tutto il mondo studentesco) è stato creato da Alberto Rescalli e Salwa Bouhsiss mentre il terzo classificato (raffigurante uno stemma) da Thomas Trenchi.

 

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Piacenza)

 

 

La delegazione russa è protagonista di uno scambio culturale con gli studenti delle scuole medie di San Nicolò -

 

Piacenza, 18 aprile 2014 -

Sono stati accolti ieri pomeriggio in Provincia gli studenti delle scuole medie della città di Togliatti protagonisti dello scambio culturale con gli studenti delle scuole medie di San Nicolò. La visita della delegazione russa a Piacenza fa seguito al viaggio che ha portato in settembre cinque studenti della scuola media “Gandhi” di San Nicolò, accompagnati da due insegnanti e dagli amministratori provinciali, nella città di Togliatti. 

A dare il benvenuto agli studenti piacentini e russi e ai loro insegnanti sono stati l'Amministrazione provinciale, rappresentata dal presidente Massimo Trespidi, l'Amministrazione comunale, rappresentata dall'assessore alla Cultura Tiziana Albasi, e l'associazione “La Valtidone” rappresentata dal presidente Valentino Matti.

Gli amministratori hanno espresso particolare soddisfazione per la presenza degli studenti russi a Piacenza e per la prosecuzione dei rapporti di collaborazione istituzionale e culturale tra le due realtà, segno del solido legame tra il territorio piacentino e la città di Togliatti con i rispettivi istituti scolastici.

 

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Piacenza)

 

 

La premiazione del concorso è in programma mercoledì 23 aprile in Provincia -

 

Piacenza, 18 aprile 2014 -

La Consulta provinciale degli studenti di Piacenza ha un nuovo logo. Il simbolo è stato scelto a conclusione del concorso promosso dalla Consulta con il patrocinio della Provincia di Piacenza. 

A presentare l'iniziativa è stato ieri mattina in Provincia il presidente della Provincia Massimo Trespidi con il presidente della Consulta degli studenti Giulia Sacchetti (accompagnata da Corinna Alberti e Alessandra Vaghini).

“Il logo vincitore – ha illustrato Giulia Sacchetti – è stato creato dalla studentessa del liceo Gioia  Giulia Mochi ed è stato scelto tra 40 simboli creati dagli studenti piacentini. L'idea è quella di donare un simbolo identificativo alla Consulta degli studenti stimolando così l'interesse dei giovani verso le attività svolte”. Mercoledì 23 aprile alle 14,30 in Provincia è in programma la cerimonia di premiazione alla presenza di tutti gli studenti che hanno partecipato all'iniziativa. 

Il logo secondo classificato è stato creato da Alberto Rescalli e Salwa Bouhsiss mentre il terzo classificato da Thomas Trenchi.

 

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Piacenza)

 

 

Coinvolti circa 40 insegnanti della scuola primaria e dell'infanzia e secondaria di primo grado nell'ambito dell'iniziativa "Amore e Violenza - Percorsi formativi per un'identità di genere contro la discriminazione e per fermare la violenza", promossa dalla Provincia di Piacenza -

 

Piacenza, 17 aprile 2014 -

Si sono conclusi a Bobbio altri due corsi (il primo rivolto a 31 insegnanti della scuola primaria e infanzia e il secondo rivolto a 10 insegnanti della scuola secondaria di primo grado) nell'ambito dell'iniziativa "Amore e Violenza - Percorsi formativi per un'identità di genere contro la discriminazione e per fermare la violenza", promossa dalla Provincia di Piacenza nell'ambito del Tavolo provinciale di confronto contro la violenza alle donne.

L'attività formativa, iniziata il 25 febbraio e terminata il 15 aprile scorso, si sviluppa attraverso una serie di incontri formativi rivolti agli insegnanti finalizzati a prevenire e riconoscere le situazioni di violenza e a fornire le informazioni necessarie per attivare la rete dei servizi. Relatori del percorso sono stati: l'assessorato alle Pari Opportunità della Provincia di Piacenza, la questura di Piacenza, l'Arma dei carabinieri, l'Ausl, l'associazione Città delle Donne - Telefono Rosa Piacenza, l'associazione “ Il pane e le Rose” e il Centro Italiano per la Promozione della Mediazione.

Gli attestati sono stati consegnati dalla presidenza del Consiglio provinciale; l'iniziativa è stata promossa con la collaborazione della dirigente scolastica dell'istituto comprensivo di Bobbio Adele Mazzari.

Gli insegnanti che hanno partecipato sono: Alpegiani Eugenia, Anselmi Anna Maria, Armani Valentina, Ballerini Lucia, Balletti Anna, Balzarini Lidia, Bocaccia Anna Maria, Canevari Maria Elena, Castelli Mirella, Castelli Rosa Divia, Croce Morena, Cromati Elena, Davoli Emanuela, Elli Giannina, Ertola Maria Teresa, Follini Maria Assunta, Fugazzi Carla, Giordani Giovanna, Lovari Anna Maria, Manfredi Ilaria, Marchi Patrizia, Nicora Pieranna, Raggi Dina, Repetti Monica, Silva Ivana, Volterrani Vittoria, Bergonzi Rita, Feli Maria Elisa, Filippazzi Roberta, Maggi Rossana e Cante Stefania (scuola primaria e infanzia); Bionda Stefania, Cella Maria Grazia, Chiapponi Roberta, Fioretto Daniela , Malchiodi Cristina, Mallozzi Silvia, Rettagliata Enrico, Ronsisvalle Angela Antonia, Scotti Antonella e Ballerini Eugenia (scuola secondaria di primo grado).

 

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Piacenza)

 

 

L'intervento della Provincia di Piacenza consente di mettere in sicurezza l'intersezione con la strada provinciale di Croce -

 

Piacenza, 17 aprile 2014 -

E' stata inaugurata ieri mattina la nuova rotatoria nel centro abitato di Pianello. L'intervento ha consentito di mettere in sicurezza l'intersezione tra la strada provinciale 60 di Croce e le strade comunali che attraversano l'area risolvendo il problema di limitata visibilità che interessava l'incrocio. 

L'opera da un lato consente di migliorare la viabilità all'interno del paese e dall'altro permette di aumentare la sicurezza dell'utenza ciclopedonale. 

L'opera, realizzata e finanziata interamente dalla Provincia con una spesa di 150mila euro (con fondi provenienti dal Tesoretto), è stata completata nel giro di un mese: i lavori, eseguiti dalla ditta Ets Srl, erano infatti iniziati in marzo. 

I lavori, che hanno riguardato anche la sistemazione del marciapiede attiguo alla rotatoria, sono stati seguiti dal dirigente del servizio Edilizia, progettazione infrastrutture e grandi opere della Provincia di Piacenza Stefano Pozzoli con i progettisti e tecnici Dante Solenghi e Guglielmo Mastromarino.

 

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Piacenza)

 

Appuntamento, in occasione della tradizionale Fiera dell'Angelo, lunedì 14 aprile alle 10. L'iniziativa è promossa da Coldiretti con Provincia e Comune -

 

Piacenza, 10 aprile 2014 -

Un focus sull'agricoltura piacentina in vista di Expo 2015. E' questo il cuore del tradizionale convegno promosso da Coldiretti con Provincia e Comune di Borgonovo, nell'ambito della Fiera dell'Angelo, lunedì 14 aprile a Borgonovo. 

L'evento, dal titolo “Vento d'Expo: l'agricoltura piacentina verso l'esposizione universale del 2015” è stato presentato ufficialmente questa mattina in Provincia alla presenza di tutti i soggetti promotori. “L'Expo 2015 – ha detto l'assessore provinciale all'Agricoltura Manuel Ghilardelli – rappresenta il punto di riferimento per l'attività del territorio. Le aziende agricole locali lavorano prodotti di qualità: è necessario in vista del 2015 proporre a livello internazionale questo straordinario patrimonio nella convinzione che proprio in questo momento di crisi bisogna trovare il coraggio di osare e investire”.

“Il convegno – ha detto il presidente di Coldiretti Piacenza Luigi Bisi – pone l'attenzione su uno dei temi più importanti dell'agricoltura piacentina in vista dell'Expo: la sicurezza alimentare e la promozione del Made in Italy. Borgonovo rappresenta una delle porte principali verso Piacenza da Milano: occorre sfruttare questa importante via”. “La Valtidone – hanno aggiunto l'assessore al Turismo del Comune di Borgonovo Matteo Lunni con Fabbiana Bianchi (Comune di Borgonovo) – è il simbolo del vino, della gastronomia, dell'arte e della cultura: il Comune di Borgonovo in particolare è impegnato da anni nella preparazione del cammino verso l'Expo”.

Il programma dell'iniziativa prevede, dopo i saluti delle autorità e del presidente Bisi, una tavola rotonda con Ettore Prandini (presidente Coldiretti Lombardia), Silvio Ferrari (presidente Ats Piacenza per Expo 2015), Rolando Manfredini (capo area sicurezza alimentare Confederazione nazionale Coldiretti) e Fabio Piccoli (direttore responsabile Editor in Chief). Modererà l'iniziativa la direttrice di Telelibertà Nicoletta Bracchi. E' inoltre in programma l'esposizione del vero e del falso Made in Italy.

L'appuntamento è lunedì 14 aprile alle 10 nell'auditorium della Rocca municipale di Borgonovo. Per informazioni è possibile consultare il sito internet www.piacenza.coldiretti.it.

 

 

 

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Piacenza)

 

 

I principali lavori eseguiti riguardano la realizzazione di un nuovo muro di sostegno lungo la provinciale nei pressi dell'abitato di Gambaro. Coinvolti i Comuni di Pontedellolio, Bettola, Farini e Ferriere. 

 

Piacenza, 9 aprile 2014 -

Tre interventi completati per la messa in sicurezza della strada provinciale 654R di Val Nure nei comuni di Pontedellolio, Bettola, Farini, Ferriere. Questa mattina il presidente della Provincia Massimo Trespidi ha compiuto un sopralluogo istituzionale in alta Valnure al fine di verificare la conclusione delle opere di consolidamento del collegamento a seguito di alcuni fenomeni di dissesto. 

I principali lavori eseguiti riguardano la realizzazione di un nuovo muro di sostegno lungo la provinciale nei pressi dell'abitato di Gambaro (nel Comune di Ferriere); la realizzazione di opere di sostegno flessibili con allargamento della piattaforma stradale (al confine tra i comuni di Bettola e Farini) e, infine, la protezione della strada con una rete paramassi (al confine tra i comuni di Bettola e Pontedellolio). E' inoltre in corso un intervento di ripristino del ponte a monte di Gambaro. Il tris di interventi ha comportato una spesa di 250mila euro (finanziati per il 60% con fondi della Regione Emilia Romagna e per il 40% con fondi della Provincia di Piacenza); i lavori sono stati seguiti dal dirigente del servizio Edilizia, progettazione infrastrutture e grandi opere della Provincia di Piacenza Stefano Pozzoli con i progettisti e tecnici Valeria Toscani, Katia Merli e Rino Corti.

“Le opere – ha spiegato Trespidi – consentono di mettere in sicurezza un tratto di strada provinciale, quello dell'alta Val Nure, bisognoso di interventi. L'attenzione verso il territorio della montagna rimane una priorità per l'azione amministrativa. Nel territorio dei comuni di Farini e Ferriere sono previsti inoltre per il 2014 altri interventi di ripristino di alcuni cedimenti stradali a seguito di dissesti franosi: a monte dell'abitato di Farini (finanziato dalla Regione Emilia Romagna), a monte della località Perotti (finanziato dalla Provincia) e nei pressi dell'abitato di Ferriere (previsto nel programma triennale dei lavori pubblici 2014-2016 della Provincia di Piacenza per una spesa di 150mila euro). Altri interventi sulla provinciale Val Nure verranno annunciati nel corso del prossimo Consiglio provinciale”.

Al sopralluogo di questa mattina hanno preso parte anche il consigliere provinciale Bruno Ferrari, il sindaco di Bettola Sandro Busca e il vicesindaco di Ferriere Paolo Scaglia, che hanno espresso soddisfazione per il risultato raggiunto, e il titolare della ditta che ha realizzato gli interventi (Cdf Costruzioni Srl) Pietro Marchesi.

 

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Piacenza)

 

Questa mattina la presentazione dell'iniziativa con le scuole e Manlio Castagna vicedirettore e Head of Communication & Marketing del Giffoni Film Festival -

 

Piacenza, 26 marzo 2014 -

 

Il progetto “One and different – essere giovani in Europa” inserito nell'iniziativa “Yec – Young european citizen” prende forma. Questa mattina il vicedirettore e Head of Communication & Marketing del Giffoni Film Festival Manlio Castagna ha incontrato i giovanissimi partecipanti al videoconcorso, promosso dalla Provincia di Piacenza in collaborazione con il Giffoni Film Festival, che prevede la realizzazione di micrometraggi della durata massima di 90 secondi sul tema della cittadinanza europea.

L'iniziativa, che fa seguito al concorso del 2012 “La felicità in 90 secondi”, è stata presentata questa mattina in Provincia dall'assessore provinciale alle Politiche giovanili Massimiliano Dosi, che ha consegnato insieme a Castagna una targa di riconoscimento alla classe della scuola di Pecorara vincitrice del My Giffoni 2013.

“One and different – essere giovani in Europa” si inserisce nel programma “Yec- young european citizen” realizzato con Upi e Presidenza del Consiglio dei ministri nell'ambito di Azione Province Giovani. Due le sezioni in concorso: giovani dai 13 ai 30 anni (gli studenti delle scuole secondarie e gli universitari potranno realizzare e caricare i cortometraggi in modo autonomo con smartphone e tablet) e giovanissimi dai 6 ai 12 anni (frequentanti le scuole primarie e secondarie fino ai 12 anni: potranno realizzare in gruppo o con la propria classe il micrometraggio). I vincitori riceveranno premi e la possibilità di partecipare in qualità di giurati al Giffoni Film Festival. Per informazioni è possibile contattare il numero 0523/795507, scrivere un messaggio all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o collegarsi al sito www.provincia.pc.it - sezione Politiche giovanili. 

Il gruppo Facebook Piacenza con Giffoni e la pagina Facebook Piacenza con Giffoni – Concorso One and Different saranno i mezzi di collegamento principale al concorso: il concorso verrà infatti gestito tramite la pagina Facebook e il sito internet www.giffonifilmfestival.it. I video dovranno essere caricati su YouTube e sull'apposita sezione sul sito del Giffoni. 

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Piacenza)

 

Questa mattina in Provincia prima assemblea “plenaria” con le scuole coinvolte. "Concittadini" coinvolge per l'edizione 2014 i tre Consigli comunali dei ragazzi di Carpaneto, Gragnano e Piacenza, il Comune di Carpaneto, le scuole Isii "Marconi", "Casali" con la sezione associata del "Romagnosi", "Gioia", "Colombini", "Raineri Marcora", gli istituti comprensivi di Cadeo-Pontenure, Cortemaggiore, Rivergaro e Fiorenzuola, le medie di San Nicolò, Calendasco e Gragnano e il terzo circolo didattico di Piacenza -

 

Piacenza, 25 marzo 2014 - 

Primo confronto “plenario” questa mattina in Provincia tra tutti i soggetti e le scuole coinvolte nel progetto Concittadini. La maxi-assemblea, coordinata dalla Provincia di Piacenza, è servita a fare il punto sul lavoro fino ad oggi svolto in vista dell'appuntamento del prossimo 20 maggio, quando, ragazzi e insegnanti presenteranno i progetti prodotti di fronte agli amministratori provinciali e comunali. “I lavori - ha detto l'assessore provinciale alle Politiche giovanili Massimiliano Dosi – sono di grande qualità e la partecipazione delle scuole su temi così importanti è di sicuro un ottimo segnale nell'ambito della cittadinanza attiva”.

Tre i temi affrontati dai ragazzi: memoria, diritti e legalità. Gli stessi argomenti, lo si ricorda, hanno visto protagonisti gli studenti nelle tre giornate di formazione promosse da inizio anno in Provincia con Francesco Maria Feltri, insegnante di scuola superiore e collaboratore scientifico del Museo Monumento del Deportato Politico e Razziale sul tema della Memoria; con Daniele Borghi - responsabile Regionale Associazione Libera nomi e numeri contro le Mafie - e il capitano Luca Ferrari Comandante della Compagnia di Piacenza della Guardia di finanza sul tema della situazione mafiosa in Emilia-Romagna e della legalità economica e finanziaria e, infine, con Alberto Emiletti - Ufficio “Educazione ai Diritti Umani della Sezione Italiana di Amnesty Intemational e Paolo Lazzarini - Referente all'Educazione ai Diritti Umani dell'Emilia Romagna sul tema dei Diritti umani e dei Diritti delle donne. 

Il progetto prevede inoltre in aprile la visita, per ottanta studenti coinvolti nel progetto,  all'Assemblea legislativa di Bologna e alla Fondazione Fossoli (museo del deportato politico e razziale e ex campo).

"Concittadini" coinvolge per l'edizione 2014 i tre Consigli comunali dei ragazzi di Carpaneto, Gragnano e Piacenza, il Comune di Carpaneto, le scuole Isii "Marconi", "Casali" con la sezione associata del "Romagnosi", "Gioia", "Colombini", "Raineri Marcora", gli istituti comprensivi di Cadeo-Pontenure, Cortemaggiore, Rivergaro e Fiorenzuola, le medie di San Nicolò, Calendasco e Gragnano e il terzo circolo didattico di Piacenza (in totale duemila studenti e circa trecento adulti fra insegnanti e genitori).

Gli obiettivi del progetto, promosso dalla Provincia in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna, sono molteplici: promuovere la cittadinanza attiva e la partecipazione diretta dei giovani alla vita civile della loro comunità; promuovere il rispetto reciproco, la solidarietà, l’ascolto e la tolleranza tra i giovani al fine di rafforzare la coesione sociale; favorire l’incontro tra il mondo dei giovani, quello degli adulti e quello delle realtà istituzionali e contribuire a migliorare la qualità degli interventi formativi e pedagogici a favore dei giovani. 

 

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Piacenza)

 

Pagina 6 di 23