Visualizza articoli per tag: Matteo Salvini

"Se qualcuno ha sbagliato sulla pelle dei bimbi, deve pagare il doppio". Questo l'anatema di Matteo Salvini lanciato dal Paese reggiano divenuto il simbolo dell'inchiesta "Angeli e demoni".

Di LGC 24 luglio 2019 - Una presenza del vice premier leghista che non poche polemiche ha scatenato, soprattutto dal PD, accusato di strumentalizzare politicamente il fattaccio horror che vede indagato e ai domiciliari lo stesso Sindaco di Bibbiano.

Proprio nelle ore in cui Matteo Salvini lanciava i suoi moniti usciva la notizia che il Tribunale dei Minori aveva riassegnato ai genitori 4 dei 6 bambini che furono oggetto di indagine.

"Entro i primi giorni d'agosto - ha annunciato Salvini, iniziando il suo discorso di ieri pomeriggio - verrà approvata al Senato una commissione d'inchiesta sulle case famiglie in Italia, c'è un disegno di legge cui sta lavorando Licia Ronzulli". 

 "Sono qua, prima ancora che da ministro, da papà, ha voluto sottolineare il Ministro degli Interni, e ringrazio chi ha fatto venire fuori questa schifezza. Qua si ruba la vita a bimbi di quattro, cinque, sei anni che hanno un futuro davanti. Sicuramente è una sconfitta. Sono qua per dimostrare che lo Stato c'è. Magari in ritardo, ma c'è. Un'inchiesta è in corso, io non voglio sostituirmi alla magistratura, ma vedremo se certe cooperative erano specializzate nel business sia sugli immigrati, sia sui bambini".

Per tutta risposta dalla regione Emilia Romagna ha fatto eco il sottosegretario Manghi: "Bene il ministro Salvini su verifiche e controlli, ma si parta da dati corretti: in Emilia-Romagna circa 1.500 minori in affidamento e altrettanti quelli inseriti in comunità"
"Giusto ogni tipo di accertamento, per il quale la Regione è ovviamente pronta a fare tutto quello che rientra nelle sue competenze, partendo proprio da un contributo di chiarezza sui dati che rispecchino la realtà, e non altri"
“Qualsiasi tipo di controllo e verifica venga fatto per la tutela dei minori ci trova assolutamente d’accordo. Bene quindi le parole del ministro dell’Interno, Salvini, ma crediamo sarebbe bene potesse agire per questo avendo un quadro della situazione che riporti dati corretti. In Emilia-Romagna, al 31 dicembre 2017 i minori in affidamento a famiglie erano 1.529 – considerati tutti i tipi di affidamento: a tempo pieno, part time, consensuali, giudiziari - e quelli inseriti in comunità 1.441. In totale, quindi, 2.970. Vi sono poi i minori ospitati in strutture insieme alle madri, ma certo si è lontani dai 10mila bambini ‘portati via ai genitori’ nella nostra regione di cui ha parlato il vicepremier oggi nella sua visita a Bibbiano”.
Così il sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale dell’Emilia-Romagna, Giammaria Manghi, che aggiunge: “Si tratta comunque di un numero elevato, di fronte al quale, ripeto, è giusto fare ogni tipo di verifica, per la quale la Regione è pronta a fare tutto quello che rientra nelle sue competenze, partendo proprio da un contributo di chiarezza sui dati che rispecchino il vero, e non altri”.

(servizio fotografico di Francesca Bocchia)

 

MATTEO SALVINI BIBBIANO RE 23 LUGLIO 2017 188.jpg

 

 

Pubblicato in Cronaca Emilia

Gli Anarchici locali sono riusciti a farsi propaganda su tutto il territorio nazionale grazie alle loro scritte contro Salvini, al quale augurano la morte per mano di qualcuno con buon amira e inneggiando alla libertà degli anarchici e delle anarchiche ospiti delle patrie galere.

di LGC 23 febbraio 2019 - Mentre tutti i Tg hanno messo in risalto la notizio non altrettanto diffusa è stata l'alzata di scudi a difesa e a sdegno di una tale minaccia verso un rappresentante dello Stato e per di più Ministro dell'Interno. 

Stupisce, infatti, che sul sito del Comune di Parma non compaia alcun comunicato stampa e la posizione dell'Amministrazione sia stata intercettata e diffusa dalla Gazzetta di Parma che riporta "Il sindaco Federico Pizzarotti e l'assessore Cristiano Casa deplorano le scritte con minacce di morte comparse sul muro del liceo Marconi e sottolineano che saranno esaminate le immagini della videosorveglianza, per risalire ai responsabili." "Sono cose che mi fanno imbestialire - scrive Pizzarotti sulla sua pagina Facebook - Inaccettabili le minacce di morte al ministro Salvini, al quale va la mia solidarietà. Le idee politiche si contrastano con idee politiche differenti, non con le minacce. La gente ignorante che manda messaggi minatori, sporca i muri, scrive cose senza senso è da condannare. Mi auguro che la videosorveglianza abbia individuato il manipolo di cretini che ha fatto questo".

L'assessore Cristiano Casa anch'egli interviene attraverso il suo profilo facebook  dichiarando "La mia solidarietà al ministro Salvini per le minacce di morte subite. La politica è discussione, non minacce. Agli imbecilli che hanno deturpato le pareti di Parma, atteggiandosi ad anarchici ma dimostrando soltanto di essere piccoli e ignoranti bulletti di quartiere, dico che visioneremo la telecamere e, una volta presi, quelle scritte ve le faremo pulire: vogliamo vedere i muri di Parma lustri e luccicanti. Poi, infine, una bella multa salata così la prossima volta anziché prendere il pennello prendete in mano un libro."

La deputata parmigiana della Lega Laura Cavandoli è intervenuta sulla sua pagina Facebook sulle scritte anti-Salvini apparse a Parma

"Non sono le prime minacce di morte a Matteo Salvini apparse sui muri di Parma e di altre città italiane.
Mi sento di assicurare agli autori che non saranno queste manifestazioni meschine a fermare il Governo del Cambiamento e un Ministro che si è impegnato come mai accaduto in passato per la sicurezza, il controllo del territorio, la lotta allo spaccio - soprattutto davanti agli istituti scolastici -, la legalità e l'ordine pubblico.
Nell'esprimere la mia solidarietà a Matteo Salvini, credo sia doveroso prendere le distanze da queste parole e da chi le pronuncia troppo spesso.
Spero che la eco mediatica della notizia riesca a sollecitare anche il sindaco nonostante la cronica e perdurante assenza da Parma."

Fabio Rainieri, anch'egli dal suo profilo facebook scrive

"SPARA A SALVINI E MIRA BENE": SPIACE CHE QUESTI ATTIVISTI DI SINISTRA NON CONOSCANO FORME DI COMUNICAZIONE CIVILE, MA SOLO L'USO DELLA MINACCIA E DELLA VIOLENZA...
Ancora scritte ingiuriose sui muri del Marconi. Qualche vandalo delinquente ha tracciato sui muri dell'Oltretorrente delle frasi inaccettabili, una in particolare incita alla violenza: "Spara a Salvini e mira bene". Ebbene, scritte con insulti e soprattutto minacce di morte sono inaccettabili ed è per questo che auspichiamo che si possano punire questi personaggi incivili e violenti che utilizzano metodi deplorevoli e fuori dal tempo per cercare di intimidire il ministro Matteo Salvini e chi rappresenta il nostro partito. Questi modi vigliacchi vanno repressi con decisione. Spiace constatare che questi attivisti di sinistra non conoscono forme di comunicazione civile se non l'uso della minaccia e della violenza. Confidiamo quindi nella professionalità delle forze dell'ordine, a cui va il nostro ringraziamento.

FORZA CIVICA

"Le scritte spray comparse a Parma in cui si invita a sparare contro il Ministro Salvini rappresentano un grave attacco oltre che alla persona, alle istituzioni – dichiarano gli esponenti di Forza Civica – la violenza e l'odio sono l'unica arma di chi non ha idee e coraggio di confrontarsi civilmente.
Chi semina odio deve essere isolato e punito con pene severe, l'istigazione alla violenza va combattuta da tutti, nessuno escluso.
Esprimiamo al Ministro – conclude la nota degli esponenti civici - la nostra solidarietà e vicinanza."

FORZA ITALIA

MINACCE A SALVINI PARMA
Parma, 22 febbraio 2019 | "Inaccettabili le minacce al Ministro dell'Interno Matteo Salvini che questa mattina sono comparse sul muro della facciata della scuola superiore Marconi di Parma", così il vice coordinatore provinciale di Forza Italia Parma & Provincia Nicolas Brigati commenta le scritte contro Salvini.
"Mi auguro che l'Amministrazione Comunale faccia rimuovere immediatamente le scritte vergognose e prenda una posizione decisa contro coloro che le hanno realizzate. La firma, chiaramente anarchica, nasconde un profondo problema della società che arriva a scrivere simili minacce nei confronti di un Ministro, di qualsiasi colore o partito esso sia. Si tratta - prosegue Brigati - di un problema politico molto grave dove viene a mancare il rispetto per le Istituzioni e per il ruolo che il Ministro stesso ricopre all'interno dello Stato". Le minacce a Salvini, come sottolinea
il vice coordinatore di FI, sono un fatto estremamente grave per il quale occorre subito prendere precauzioni: "La morte - conclude Brigati - non si deve augurare a nessuno. Ribadisco la gravità delle scritte e mi auguro che da tutte le parti politiche arrivi il sostegno al Ministro e venga ribadita l'indignazione per quanto successo oltre che fortemente condannata l'azione"

NICOLAS BRIGATI Vice Coordinatore Provinciale Forza Italia Parma e Provincia

Sinistra: Non pervenuta! Dal Profilo facebook del PD ci si indigna e si prendono giustamente  le difese di Emma Marrone,  per i commenti sessisti e soprattutto volgari di un consigliere leghista, immediatamente espulso, ma di Salvini si cerca solo di evidenziare i suoi rapporti con Putin.

Tutto il resto è niente, parafrasando una magnfica canzone di Franco Califano (Tutto il resto è noia)

emma_marrone_PD.jpg

 scritte_contro_salvini_Morte-parma_liceo-22feb19.png

  

Pubblicato in Cronaca Parma
Martedì, 18 Dicembre 2018 16:50

Salvini a Sorbolo: Lo Stato è più forte - Le foto

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini da Sorbolo (PR), dove ha consegnato alloggi sequestrati alla 'Ndrangheta alla Guardia di Finanza, ha fatto la solenne promessa che le mafie perderanno la guerra contro lo Stato. 

"Siamo più forti noi. Possono tener duro ancora qualche mese o qualche anno, ma mafia, camorra e `ndrangheta saranno cancellate dalla faccia di questo splendido paese, ce la metteremo tutta", sottolinea il Vice Presidente del Consiglio che poi aggiunge "Parma sarà la Capitale della Cultura ma ha quartieri che soffrono".

(Gallery di Francesca Bocchia)

 

Matteo_Salvini_Sorbolo_18dic18DSC_7342_1.jpg

Matteo_Salvini_Sorbolo_18dic18DSC_7538_1.jpg

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca Parma
Pagina 2 di 2