Venerdì, 26 Gennaio 2018 15:01

Analisi del sangue sull'iPhone

Apple punta sulla salute digitale: gli utenti potranno scaricare automaticamente sull'iPhone la propria cartella clinica con dati sanitari come i risultati delle analisi del sangue o i vaccini, per conservarli e per mostrarli facilmente a un dottore o ai familiari.

L'ultima funzione, lanciata per ora in fase di test negli Stati Uniti, fa parte delle novità di iOS 11.3, l'aggiornamento del sistema operativo di iPhone e iPad che tra l'altro introdurrà anche le funzioni legate al controllo della batteria e delle prestazioni del proprio smartphone promesse da Apple dopo essere stata investita dalla bufera per gli iPhone "rallentati" in caso di batterie non più al top. In arrivo pure nuove Animoji, le icone animate sugli iPhone X, e funzioni più avanzate per la realtà aumentata.

La versione 11.3 di iOS, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", è disponibile da ieri per gli sviluppatori, mentre per tutti gli utenti arriverà in primavera. La nuova funzione "sanitaria" lanciata da Apple sarà integrata nell'applicazione Salute e permetterà agli utenti di trasferire sul proprio iPhone i dati clinici direttamente da ospedali e dottori.

Apple sottolinea che i dati medici dei suoi utenti saranno criptati e archiviati localmente sugli smartphone, quindi nessun dato sarà accessibile alla compagnia californiana a meno che non sia l'utente a decidere di condividerli. All'iniziativa, ha già aderito una dozzina di istituti sanitari americani.

(Fonte: Lo Sportello dei Diritti)

Gli italiani non sono tra i primi al mondo come lettori: preferiscono altri hobby alla lettura, anche se non mancano anche in Italia i lettori accaniti, quelli appassionati di una specifica materia e chi legge per stare al passo nel proprio lavoro.

Nonostante Internet abbia rivoluzionato il modo di approcciarsi alle situazioni (pensiamo alla facilità di reperimento di informazione grazie a Google, ad esempio) e abbia diffuso gli e-book, i libri digitali, quelli cartacei riscuotono ancora grande successo, perché a differenza di quelli online, detengono precise peculiarità, come l'odore e il tatto della carta, la bellezza di sfogliare le pagine, la possibilità di prendere appunti con matita o penna o di evidenziare concetti-chiave e, non da poco, l'opportunità di essere custoditi in un'affascinante libreria.

Se da un lato chiunque può essere un lettore, dall'altro, fino a qualche anno fa, non tutti potevano essere degli scrittori. Ad essere precisi anche oggi non tutti possono essere autori, nel senso che servono doti particolari, come la capacità di scrivere bene in una lingua corretta grammaticalmente e sintatticamente, una buona dose di creatività, praticità nella comunicazione e così via.

Diciamo però che oggi è più semplice, una volta che si ha scritto un libro, pubblicarlo, anche senza appoggiarsi ad una casa editrice.
Ebbene sì, poiché alcuni siti di tipografia online permettono allo scrittore di stampare direttamente online il proprio libro, trasformando così un sogno in un cassetto in pura realtà.

Nulla è lasciato al caso: l'autore, che deciderà ovviamente il font, la grafica di copertina e il prezzo di copertina, potrà valutare la tipologia di carta (come l'uso mano nel caso di un libro standard, come un romanzo o un libro dell'ambito professionale; la carta patinata se si tratta di libri di fotografia o che contengono numerose illustrazioni, foto e disegni), il formato e le dimensioni, la grammatura e tanti altri elementi interessanti.

Molto utile è anche la possibilità che forniscono alcuni siti di stampa libri online, prima del compimento dell'ordine, di verificare una bozza di come verrebbe il libro una volta pubblicato. In questo modo si abbatte uno dei limiti dell'acquisto online in generale, cioè quello di non fidarsi al cento per cento del servizio via web poiché non è possibile testare prima un determinato prodotto. Ad esempio tecnograficarossi è stato uno dei pionieri in Italia a lanciare questo servizio con una casa editrice dedicata.
Se quindi hai in mente di scrivere un libro o addirittura l'hai già scritto, ma non trovi la casa editrice che soddisfa le tue esigenze, o, per diverse ragioni, non l'hai ancora pubblicato, forse potresti pensare di farlo stampare online.

Domenica, 10 Dicembre 2017 06:45

La tecnologia, un mondo tra idee e realtà

di Guido Zaccarelli - L'orizzonte è una stretta linea di confine che unisce e separa due mondi tenendoli in contatto da un punto: un mondo reale e un mondo ideale al quale l'uomo tende alla ricerca di nuovi orizzonti di conoscenza.

Il mondo celeste e il mondo delle idee come Platone li descrive nel Fedro pensando all'iperuranio, ciò che sta sotto e ciò che sta sopra al nostro mondo sensibile che l'uomo vive a stretto contatto con la realtà proiettato a modificarne le sembianze per renderlo aderente alle proprie aspettative.

Le idee sono il punto di arrivo e di partenza a cui l'uomo tende per dare forma al mondo reale. Difficile stabilire in quale punto si trova quando l'orizzonte si sposta sempre più in avanti e il mondo reale deve correre sempre più veloce per seguire il mondo delle idee, altrui, per non perdere il passo e farsi trovare impreparato innanzi agli accadimenti.

In questo mondo le idee avanzano e l'uomo al seguito per dare un senso al suo cammino alla ricerca di un perché ignoto che muta ogni giorno le proprie sembianze.

La tecnologia è il punto di questo nuovo orizzonte che prende forma nel mondo delle idee pronto a disegnare confini sempre più lontani ma pronti a condizionare la vita dell'uomo proiettandole in un quotidiano sospeso tra idee e realtà. Un mondo virtuale lontano dal ritmo delle stagioni che vive di luce riflessa emessa dai segnali luminosi dei bit che affiancano l'uomo in una corsa contro il tempo e dove il tempo ha perso il senso del fluire delle cose.

Un punto, il mondo virtuale, che separa l'uomo dal passato, sospeso tra idee e realtà, dove la parola era il frutto dell'incontro diretto e non mutuato tra persone. La parola aveva un senso e viveva di luce propria illuminata dall'emozione del momento pronta a seguire la strada delle idee in un continuo andirivieni con la realtà.

Mondi che ora convivono in uno stesso punto pronti a sfidarsi in una alternanza di ruoli per primeggiare alla ricerca di una identità universale, per dare origine ad un mondo possibile, più umano e meno tecnologico, per donare all'uomo il profumo del vivere insieme, incontrarsi in una piazza reale per vivere il senso di appartenenza che lo sguardo e la parola sono in grado di offrire: oppure il suo esatto contrario dove tutto sarà dominato dal bit?

La scoperta di Little Foot avvenuta di recente in Sud Africa è il più completo fossile australopiteco mai scoperto fino ad ora e potrebbe essere in grado di fornire utili elementi alla nascita e allo sviluppo dell'uomo sulla terra. Un mondo reale che ogni giorno sorprende per i ritrovamenti del passato come sorprende per le scoperte verso il mondo futuro, entrambi in continuo contatto con il mondo delle idee, per donare all'uomo la possibilità di vivere la vita ideale e renderla prossima alla propria primordiale identità.

Handimatica torna a Bologna dal 30 novembre al 2 dicembre. La mostra-convegno dedicata alle tecnologie digitali al servizio della disabilità giunge all'XI edizione

4,1 milioni di persone, pari al 6,7% della popolazione, con una spesa pubblica pro-capite annua di circa 437 euro, nettamente inferiore alla media europea (535 euro): sono i numeri della disabilità in Italia, secondo il Censis*. Numeri destinati a crescere (secondo le stime del centro di ricerca infatti i disabili saranno 4,8 milioni nel 2020) di cui però l'opinione pubblica stenta a percepire la portata: un italiano su 4 afferma che non gli è mai capitato di avere a che fare con persone disabili, e la disabilità è percepita da 2 italiani su 3 essenzialmente come limitazione dei movimenti, mentre in realtà la disabilità intellettiva è più diffusa in età evolutiva e rappresenta l'aspetto più misconosciuto, al limite della rimozione.

Ecco perché HANDImatica, la mostra-convegno di Fondazione ASPHI dedicata alle tecnologie digitali al servizio della disabilità, in programma a Bologna dal 30 novembre al 2 dicembre prossimi, si configura come un importante riflettore acceso su un mondo che, se nell'infanzia e in età scolastica riesce ad ottenere attenzione e "cura", in età adulta pare dissolversi, con percentuali bassissime di impiego e scarsa capacità di inserimento sociale.

L'evento, realizzato in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna, la supervisione scientifica dell'Università di Bologna, il partner tecnologico IBM, il patrocinio – tra gli altri - di FISH Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap, e FAND Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità, ed il sostegno di UniCredit, Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, Centergross, IMA P.M.I Digidoc e Sanofi Genzyme, si svolgerà negli spazi dell'Istituto di Istruzione Superiore Aldini Valeriani (via Bassanelli,9). Una scelta non casuale, quella di organizzare la manifestazione in un istituto scolastico, che risponde al desiderio di avvicinarsi concretamente ad un pubblico giovane: all'interno dell'istituto saranno ospitate le numerose aziende, i produttori e distributori specializzati che presenteranno le ultime novità tecnologiche, così come il ricco programma di eventi, tra convegni, seminari e laboratori.

Con circa 80 espositori, 20 tra convegni e seminari e 35 laboratori, HANDImatica rappresenta un punto di riferimento fondamentale sia per le persone con disabilità e loro famiglie, sia per il personale scolastico (dirigenti ed intero corpo docente), gli operatori sociali e sanitari, i responsabili di strutture per anziani, per il mondo del lavoro e della ricerca universitaria, istituzioni, ma anche per tutti quanti siano interessati a conoscere come le tecnologie possano incidere positivamente sulla qualità di vita, indipendenza e inclusione.

Fondazione ASPHI, nata nel 1980 allo scopo di promuovere l'integrazione delle persone disabili nella scuola, nel lavoro e nella società attraverso l'utilizzo delle tecnologie digitali, persegue da sempre l'obiettivo di costruire una società inclusiva, attraverso la capacità delle tecnologie di diventare facilitatori e di porsi al servizio di una società in cui ciascuno possa muoversi secondo le proprie personali abilità e specificità.

Tre le macro-aree tematiche in cui si raggruppano gli appuntamenti di HANDImatica, dai convegni ai seminari ai laboratori pratici: "Inclusione Scolastica", con l'ampio focus sulla didattica e l'insegnamento; "Inclusione Lavorativa" che include gli appuntamenti dedicati al disability management, e "Inclusione Sociale", per tutto ciò che concerne il mondo degli anziani e delle persone non autosufficienti.

Il convegno di apertura (giovedì 30 novembre, ore 10) affronta, in maniera trasversale ai tre ambiti di riferimento della manifestazione, il tema dell'Inclusione nell'era della robotica: un appuntamento che vedrà, tra gli altri, l'intervento di Roberto Cingolani, Direttore dell'Istituto Italiano di Tecnologia, che parlerà dell'utilizzo dell'ormai famoso robot R1 nella assistenza agli anziani e alle persone con disabilità.

Quello della robotica è un argomento di centrale interesse per Fondazione Asphi, che all'inizio dell'anno scolastico 2017-18 ha iniziato una collaborazione con le Aldini Valeriani-Sirani e con la IBM introducendo il TjBot, ideato dagli ingegneri IBM, il primo robot progettato per interagire in classe con insegnanti e studenti, per affiancarli e stimolarli nell'apprendimento: un esperimento didattico unico nel suo genere, anche perché saranno gli stessi studenti della scuola bolognese a costruire e programmare nei prossimi mesi i "fratelli" del robot-compagno di classe, con l'aiuto degli insegnanti e delle stampanti 3D in dotazione nei laboratori dell'istituto.

Il tema della robotica è al centro di diversi incontri: tra essi si segnala giovedì 30 novembre (ore 11) il laboratorio "Robotica ed autismo", durante il quale la Scuola di Robotica di Genova presenterà la propria quinquennale esperienza sull'utilizzo della robotica per migliorare le capacità di relazione e di linguaggio degli studenti con disabilità cognitive, con particolare attenzione all'autismo. E ancora sabato 2 dicembre alle 10 il convegno "Robotica, lavoro e disabilità: lo stato dell'arte per guardare al futuro", che rifletterà sul rapporto tra lavoro e robotica dal punto di vista del lavoratore con disabilità e del suo empowerment.
Proprio per porre l'accento sulla crescente importanza dei robots, la cui rapida e pervasiva diffusione sul mercato ha reso l'uso delle loro applicazioni una parte non trascurabile delle nostre azioni quotidiane, HANDImatica ha lanciato una Call for Robots, allo scopo di raccogliere soluzioni progettate per la disabilità: un'apposita commissione selezionerà le proposte ricevute, che saranno presentate durante la manifestazione in un'area dedicata. Hanno aderito tra gli altri l'Università di Pisa, il Politecnico di Milano e il Politecnico di Torino.

Il 1 dicembre HANDImatica ospiterà il convegno "Una scuola digitale inclusiva si può fare?", che vedrà alternarsi sul palco dei relatori sia i rappresentanti delle istituzioni (Loredana Leoni, Damien Lanfrey), sia gli esperti (Stefan VonPronzinski), sia le proposte e il punto di vista di chi quotidianamente vive la scuola, dirigenti, docenti e ragazzi. Si parlerà di Nuovi riferimenti normativi, del nuovo Piano Nazionale Scuola Digitale, di didattiche laboratoriali che mirano all'apprendimento per competenze, e di un modello di scuola inclusiva, capace di avvalersi del digitale per diventare più accogliente e attenta alle esigenze formative di tutti gli alunni, anche di quelli con disabilità o con Bisogni Educativi Speciali, come gli stranieri. Sette i tavoli di lavoro che elaboreranno proposte su diversi temi, per portarle poi all'attenzione di esperti (Dario Ianes) e dei referenti del MIUR nella persona del capo dipartimento Rosa De Pasquale e del Presidente di INDIRE, Giovanni Biondi. Un'occasione per fare il punto sulla situazione attuale e per ipotizzare linee di sviluppo su strategie, azioni concrete e percorsi per una scuola sempre

E ancora si segnalano i momenti laboratoriali e formativi per docenti, che guardano ad una scuola in grado di cogliere differenze e bisogni speciali e valorizzare le specifiche competenze, e che guardano ad esperienze come quella della flipped classroom in cui l'interazione tra studenti e insegnanti attraverso l'uso della tecnologia vuole superare la consueta interazione passiva per stimolare un apprendimento attivo e coinvolgente.

Al tema del lavoro e della disabilità è dedicata una giornata di aggiornamento e formazione sul disability management: venerdì 1 dicembre dalle 10.30 nel convegno "Persone con disabilità e lavoro: una parte del futuro" verranno presentate le più significative esperienze di politiche imprenditoriali rivolte non solo a lavoratori con disabilità riconosciute, ma anche verso coloro che per età o attività usurante, si trovano non più in grado di svolgere compiutamente il ruolo a loro richiesto. Un tema di fondamentale importanza in un momento in cui le condizioni culturali paiono favorevoli: la Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, una più attenta sensibilità all'ambiente ed in generale al contesto, lo straordinario sviluppo delle tecnologie lasciano intravedere modalità più efficaci che in passato nella gestione delle persone con disabilità in Azienda.

Infine, non per importanza, ad HANDImatica si affronterà il tema della disabilità in età adulta e nella terza età. Da segnalare giovedì 30 novembre alle 10.30 il seminario "Adulti con disabilità in una società sempre più digitale", che intende esplorare le possibilità del digitale per sviluppare nei disabili adulti nuove competenze ed autonomie, oltre che maggiori possibilità di comunicazione e auto-determinazione. Non mancheranno gli strumenti sviluppati da alcuni Centri Riabilitativi della Regione Emilia Romagna per incentivare l'autonomia, dai computer touch ai sensori di movimento alle tastiere facilitate.

Venerdì 1 dicembre alle 10.30 "Anziani fragilità e tecnologie: "parliamo di esperienze, servizi e ricerche", in cui si confronteranno esperienze concrete di sistemi di cura e mantenimento della qualità della vita attraverso l'uso del digitale all'interno di centri diurni e residenze per anziani, al fine di garantire una longevità attiva, la gestione della fragilità e della non autosufficienza.
Il mondo dell'Università e della Ricerca è rappresentato dal CINI (Consorzio Interuniversitario Nazionale per l'Informatica (CINI) che nel Convegno "Tecnologie Assistive per l'accessibilità alla Formazione: dalla scuola all'Università" presenterà le ricerche in atto per accedere al materiale didattico (libri di testo, articoli scientifici, grafici, etc.), con particolare riferimento agli studenti con disabilità sensoriali. Venerdì 1 dicembre ore 11.30.

Tra gli eventi va segnalato il seminario "Accessibilità dei servizi bancari e finanziari", giovedì 30 novembre ore 14.30, in cui daranno testimonianza di buone pratiche la Banca d'Italia, l'ABI, e gli Istituti bancari 20171124-kinect, Intesa San Paolo e Banco BPM.

*3° numero del «Diario della transizione» del Censis, 2014

 

Alla conferenza stampa erano presenti Giuseppe De Biasi, Capo di Gabinetto Città metropolitana di Bologna, Franco Bernardi, Presidente Fondazione ASPHI Onlus, Andrea Magalotti, Segretario Generale Fondazione ASPHI Onlus, Leonardo Gregianin, Territorial Development & Relations Manager Centro Nord UniCredit e Filippo Cipriani, Responsabile progetto Make to Care di Sanofi Genzyme.

HANDImatica 2017
Tecnologie digitali per una società inclusiva
30 novembre – 2 dicembre 2017
ITI Aldini Valeriani Sirani, via Sario Bassanelli, 9, Bologna

Un evento ideato e promosso da Fondazione ASPHI
Supervisione scientifica: Università degli Studi di Bologna
Con il contributo di: Regione Emilia-Romagna

Main partner: UniCredit, Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, Centergross, IMA P.M.I Digidoc, Sanofi Genzyme

Sostenitori: Aica, Almaviva, Cisco, IBM, Inail, Intesa San Paolo, Gruppo Unipol, Coopfond, Fondazione Giovanni Agnelli
Aderenti: Barilla, Brunello Cucinelli, Buzzi Unicem SPA, Chiesi Farmaceutici, Coop Alleanza 3.0, Dallara Automobili SpA, Gruppo HERA, Lavoropiù, Poste Italiane

Con il patrocinio non oneroso di: FISH Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap, FAND Federazione tra le Associazioni delle Persone con Disabilità, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Uici Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, Lavoropiù, Associazione GLIC, Istituto per la Ricerca Sociale, AIDP Associazione Italiana per la Direzione del Personale, Eramiat, FLI Federazione Logopedisti Italiani, Gender Community Network, Legacoopsociali Emilia Romagna, AIF Associazione Italiana Formatori, ASTER. Rai Responsabilità Sociale, AITO Associazione Terapisti Occupzionali, CINI Consorzio Interuniversitario Nazionale per l'Informatica, SIDiMa Società Italiana Disability Management, Cisl, FAV Scuola di Industrial Management Confindustria Emilia Area Centro, Jointly, Rotary – Distretto 2072: Emilia-Romagna e Repubblica di San Marino, CGIL, AICA Associazione Italiana per l'Informatica ed il Calcolo Automatico

20171124-Tracy TJBot

"Ovh", il più grande server datacenter d'Europa, è down sin dalle prime ore di stamattina. Email e siti in tilt, disservizi in tutta Europa, Italia compresa. Stanno tornando alla "luce", da pochi minuti, i siti oscurati. 

di LGC Parma 9 novembre 2017 - #ovhdown è l'hashtag più trendy della giornata. Alcuni guasti, non in correlazione tra essi, hanno abbattuto il più grade "server" europeo, il francese OVH. Un incidente che ha spento milioni di siti, anche molto importanti, e caselle mail in tutto il mondo.

20171109-OVH-Twitter-CEOUn inconveniente talmente grave  da scomodare lo stesso di OVH. Octave Klaba, ceo dell'azienda di web hosting francese, spiega su Twitter che il problema elettrico nel data center di Strasburgo ha isolato tutta l'infrastruttura nella quale sono ospitati migliaia di siti italiani. In aggiunta a questo l'azienda con sede a Roubaix ha problemi su tutti i collegamenti in fibra ottica tra le varie sedi in tutta Europa, da Milano ad Amesterdam, da Parigi a Londra.

"Stiamo lavorando al loro ripristino – scrivono dalla società – Octave Klaba sta inviando aggiornamenti in tempo reale via Twitter e continuerà a farlo finché la situazione non sarò tornata alla normalità. I suoi aggiornamenti verranno man mano ripresi sulle pagine Twitter locali. Per avere un quadro in tempo reale della situazione potete seguirci su @ovh_it".

Solo in questo momento, stanno giungendo le prime informazioni sui ripristini dei vari siti incolpevolmente oscurati.

 

I siti web ospitati sull'infrastruttura OVH stanno quindi tornando visibili proprio in questi minuti.
Se il vostro sito non si dovesse visualizzare potrebbe essere necessario svuotare la cache del browser.

Sentenza Tribunale di Mantova: foto dei figli su Facebook solo con il consenso dell'altro genitore. "L'inserimento di foto di minori sui social network costituisce comportamento potenzialmente pregiudizievole per essi"

Attenti a pubblicare su facebook le foto dei vostri figli.

Un genitore non può pubblicare sulle reti sociali foto dei figli minorenni senza il consenso dell'altro genitore, e le foto che sono già in rete vanno immediatamente rimosse.

Lo ha stabilito il Tribunale di Mantova con una sentenza del giudice Mauro Bernardi, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", riguardante il caso di due coniugi separati in cui il padre aveva richiesto la revisione dell'accordo sull'affido dei bambini e la loro residenza con la madre.

Nel ricorso l'uomo ha sottolineato il fatto che la madre, a cui erano affidati i due figli (uno di tre anni e mezzo e un altro di un anno e mezzo) aveva deciso di pubblicare le loro foto sul web. Il padre si era opposto e, quando le ha viste ancora sui social network, è ricorso al giudice.

Il Tribunale, infatti, ha ritenuto che l'inserimento delle foto dei figli minori sui social network nonostante l'opposizione di uno dei genitori integri violazione dell'art. 10 c.c., che vieta la pubblicazione di foto e immagini senza il consenso dell'avente diritto, nonché degli artt. 4, 7, 8 e 145 del Dlgs. 196/2003, riguardante la tutela della riservatezza dei dati personali, nonché degli artt. 1 e 16, 1° comma, della Convenzione di New York sui Diritti del Fanciullo (Conv. NY 20.11.1989, ratificata dall'Italia con l. 27.5.1991 n. 176) che entrerà in vigore l'anno prossimo.

«L'inserimento di foto di minori sui social network costituisce comportamento potenzialmente pregiudizievole per essi - scrive il giudice - in quanto ciò determina la diffusione delle immagini fra un numero indeterminato di persone, conosciute e non, le quali possono essere malintenzionate e avvicinarsi ai bambini» non potendo, inoltre, trascurare il pericolo che qualcuno «con procedimenti di fotomontaggio», ne tragga «materiale pedopornografico da far circolare tra gli interessati».

Nonostante questo il giudice non ha ritenuto di modificare l'accordo sui figli.

Il nuovo device Apple vale effettivamente il prezzo? La recensione dell'iPhone X dopo pochi giorni di utilizzo.

6 novembre 2017

Dopo circa due mesi dal lancio, finalmente Apple rivela al mondo le piene potenzialità del suo iPhone X, in commercio dal 3 novembre, in 55 Paesi. Tante le persone in fila per acquistarlo, fra questi Raffaele, appassionato da anni del marchio della Mela e non nuovo ai "day one".
Pubblichiamo la sua recensione per i nostri lettori.

Dimensioni e display Super Retina

Sicuramente vincente è il form factor: iPhone X integra nelle dimensioni dei vecchi telefoni - non Plus - un display OLED full retina HDR ancora più grande di quello dei Plus a cui eravamo abituati, complice l'assenza delle cornici e del tasto home. Il display è nitido, i contrasti ottimi ed eccellente la resa, anche al sole.

iPhone_X.jpg

                               design interamente in vetro e splendido display Super Retina da 5,8 pollici

Face ID

Straordinaria la presenza del sensore face ID che consente lo sblocco del dispositivo tramite tracciamento biometrico di 80.000 punti del volto, garantendo un riconoscimento nonostante barba baffi, capelli lunghi e accessori quali occhiali e capelli. Vi assicuro che funziona splendidamente.
Questo è sicuramente uno degli aspetti che colpisce di più e lascia spazio ad applicazioni della tecnologia biometrica anche in altri ambiti, quali quello della realtà aumentata.

Animoji

Stupende le Animoji: il vostro volto e la vostra voce saranno utilizzate per animare le classiche emoji in tempo reale e personalizzeranno i vostri video divertenti da inviare agli amici.

Fotocamere anteriore e posteriore con funzione "illuminazione ritratto"

Sensibili miglioramenti nella fotocamera posteriore da 12 megapixel con design innovativo e doppia stabilizzazione ottica dell'immagine. La fotocamera anteriore guadagna in termini di nitidezza e acquisisce la possibilità di avvalersi della profondità di campo per selfie davvero artistici.

iphonex_fototocamera.jpg

                fotocamera anteriore TrueDepth da 7MP e fotocamera posteriore da 12MP riprogettata con doppia OIS

Design all-screen
Impareggiabile la cura dei materiali e del design. Splendido il display all screen che segue esattamente le curve del dispositivo fin negli eleganti angoli smussati.

Batteria

Non ho ancora sperimentato a sufficienza sul campo la durata della batteria ma la sensazione è che si possa attestare ai livelli standard per gli smartphone odierni, arrivando tranquillamente a fine giornata con residuo di carica. Bisogna ricordare che molto spesso è il tipo di utilizzo che si fa del telefono ad essere problematico, non tanto la performance della batteria.

Difetti

Il prezzo - parte da 1.189 euro - non è un vero e proprio difetto se consideriamo che già agli albori della telefonia cellulare i telefoni più quotati si aggiravano intorno al milione di lire.
In definitiva iPhone X, più costoso di qualche centinaio di euro dei rivali più quotati, fa pagare senza dubbio il blasone che l'azienda di Cupertino porta con sé.

 

ALBUM. Questo tipo di messaggio truffaldino nasconde un'insidia. Fate attenzione. #essercisempre

Sms truffaldini per carpire i dati dei nostri dispositivi. Dietro falsi messaggi per la condivisione di album fotografici con Google Foto si nasconde l'insidia. L'allarme lanciato da Commissariato di PS On Line della Polizia Postale.

Lo "Sportello dei Diritti": cancellate i messaggi in questione e non cliccate sul link

20171104-PS-sms-truffaUn'altra allerta in materia di tentativi di truffa attraverso messaggi apparentemente innocui sui nostri dispositivi è stata segnalata con un post sulla pagina Facebook della Polizia Postale "Commissariato di PS On Line – Italia" che ha evidenziato come attraverso questi sms che possono pervenire dai nostri contatti, del tutto ignari, possa nascondersi l'insidia di un hacker che tenta di accedere sul nostro dispositivo, con tutte le conseguenze del caso in termini di rischio di sottrazione di dati sensibili e credenziali bancarie.

In particolare, con l'allerta in questione vengono posti all'attenzione del pubblico i falsi messaggi per la condivisione di album fotografici con Google Foto. Per Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", è sufficiente prestare attenzione quando ci giungono sms di questo tipo o messaggi tramite messaggerie istantanee, cestinarli immediatamente, non rispondere e non cliccare mai sui link. Nel caso siate comunque incappati nella frode potrete rivolgervi agli esperti della nostra associazione tramite i nostri contatti email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso per evitare pregiudizi.

Dall'Agente Lisa una allerta con consiglio - La Polizia postale ha messo a segno un bel colpo nella lotta al recentissimo malware che viene letteralmente inoculato nei Pc delle vittime grazie alle false mail che sono inviate a nome dell'Agenzia delle Entrate.

20171102-F24-malwareAll'interno della mail c'è un file F24 opportunamente infettato dall'ideatore di questo phishing (e chi è abituato a pagare le tasse in banca con questi moduli è facilmente ingannabile) che serve appunto per carpire credenziali bancarie e indirizzi e-mail tra i quali quelli dei domini più noti e degli indirizzi pec usati da professionisti e uffici pubblici. La finalità infatti è anche quella di controllare un pc per utilizzarlo come testa di ponte per infettarne progressivamente altri.

Ovviamente il fatto che come mittente figuri falsamente l'Agenzia delle Entrate e che il veicolo del virus sia un modulo F24 serve apposta per ingannare anche quelli un pochino più attenti, sebbene ricordo sempre che l'Agenzia delle Entrate NON utilizza le e-mail per le comunicazioni se non quella certificata.

La Polizia postale, che sta ancora analizzando a fondo il virus, ha scoperto che si tratta di una evoluzione del precedente e mettendo in campo i suoi specialisti tecnici si è frapposta fra il pc infetto che doveva comunicare ai malfattori il buon fine dell'installazione del virus e appunto il centro di comando informatico della frode.

In questo modo i miei colleghi riescono a rintracciare le macchine infette, perché appunto sono loro a manifestarsi, e man mano avvisano i gestori di rete delle grandi aziende, o uffici pubblici, che ripuliscono dal virus l'installazione e in caso si tratti di privati attraverso l'IP contattano i provider. Immaginate la mole di lavoro.

Queste informazioni sono sicuramente interessanti per quelli di voi più pratici ma per tutti gli altri, dato che gli antivirus più usuali ancora potrebbero non essere aggiornati per questo recentissimo malware, a scanso di equivoci mi raccomando NON aprite mail che hanno come mittente quello segnalato dalla Polizia postale Chiaro?

Gli Emirati Arabi Uniti si dimostrano ancora una volta una nazione che, pur beneficiando di immense ricchezze derivanti dai suoi numerosi giacimenti petroliferi, non dorme sugli allori ma si proietta convinta verso il futuro, un domani che non potrà essere legato indefinitamente e in maniera esclusiva al benessere e all'economia basate sull'oro nero.

Come riportato da business.it, la piccola nazione araba punta con decisione sull'innovazione e sulla tecnologia e, per meglio seguire le trasformazioni del mondo che cambia e gli orizzonti di opportunità che presto potrebbero aprirsi, ha da poco nominato un ministro dell'Intelligenza Artificiale.

Si tratta del giovane ventisettenne Omar Bin Sultan Al Olama, il quale, a capo di questo nuovo e particolare ministero, primo al mondo nel suo genere, dovrà occuparsi di tutti gli aspetti che hanno a che fare con il mondo dell'Intelligenza Artificiale, delle sue potenzialità ai molteplici utilizzi, dai possibili sviluppi alle implicazioni etiche, morali e legali, nonché alle opportunità economiche che può generare.

L'obiettivo è quello di avere la possibilità di muoversi in anticipo rispetto al già rapido sviluppo tecnologico in questo campo, in modo tale da creare le giuste capacità di controllo e supervisione di un processo che porterà, nei prossimi anni, ad un sempre maggiore interesse verso questa tecnologia.
Si tratterà anche di sviluppare una giurisprudenza dedicata che faciliti l'utilizzo, sostenga i mercati e le attività economiche legate alle IA e preveda, limitandoli o addirittura prevenendoli, eventuali svantaggi ed aspetti deleteri per la popolazione, il mondo del lavoro ed il mercato futuri.

Si tratta di un annuncio, pur avvolto da un alone di eccezionalità e concezioni futuristiche straordinarie, del tutto in linea con le aspirazioni e i progetti di un paese che, appena qualche mese fa, aveva espresso la volontà di introdurre i primi poliziotti robot, da affiancare alle tradizionali forze dell'ordine umane, entro il 2030.

Appare sensato, quindi, che tali progetti debbano vedere la luce in una società già preparata culturalmente e con mezzi legislativi adeguati a tutto quello che il futuro delle IA riserverà nei prossimi anni.

Durante l'annuncio, il vice presidente e primo ministro Shaikh Mohammad Bin Rashid Al Maktoum ha sottolineato come la nomina del ministro dell'Intelligenza Artficiale segua la volontà dell'Emirato di confermarsi nazione all'avanguardia.

‎"Vogliamo che gli Emirati Arabi Uniti diventino il paese più preparato al mondo per quanto riguarda il settore dell'intelligenza artificiale," - ha detto Shaikh Mohammad Bin Rashid Al Maktoum – Questa non è che una nuova fase nella continua ricerca da parte degli Emirati di capacità, conoscenze scientifiche e tecnologie rivolte al futuro, così da preparare, mentre ci avviciniamo al centenario del nostro Stato, un futuro migliore per le nostre nuove generazioni."

Il lavoro che aspetta il giovane ministro Omar Bin Sultan Al Olama non sarà certo facile e, nonostante gli innovativi orizzonti da esplorare ed il fascino di una sfida che guarda al futuro, dovrà confrontarsi giornalmente con una tecnologia che fa passi da gigante in tempi brevissimi e che potrebbe radicalmente mutare nell'arco di pochi anni, con il pericolo di vanificare sforzi che al momento, sembrano necessari per cercare di comprendere e rendere positiva, per tutto il genere umano, una nuova tecnologia che però nasconde ancora tanti dubbi e possibili insidie.