Visualizza articoli per tag: Ferrari

Disastro Rosso. Leclerc solo sesto, trionfa Verstappen davanti a Perez. Il pubblico, nonostante il freddo, la pioggia ed il fango, è tornato a regalare le emozioni più grandi

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 10 Aprile 2022 11:31

Il Cannibale

Leclerc distrugge la concorrenza e trionfa, lasciando le briciole agli avversari. Verstappen si ritira, come Sainz. Secondo Perez, terzo Russell. E adesso è il turno di Imola!

di Matteo Landi

Ultimi giri di una gara tutta all'attacco. Sempre in testa, di fatto, senza rivali. "Andiamo per il giro più veloce", lo dice una, due volte. Charles è indemoniato, dai box lo invitano alla calma, la tornata più rapida è già sua. Ma Leclerc non lascia neanche le briciole agli avversari, che dietro di lui soccombono. Con una Ferrari così la sua classe emerge, tanto da annichilire i rivali e realizzare il suo primo Grand Chelem: pole position, giro più veloce, vittoria e sempre in testa, dallo start alla bandiera a scacchi. Down under, il mondo capovolto. Australia, ci mancavi tanto. L'ultima volta che il Circus vi fece tappa era il 2020, all'inizio della pandemia. Le squadre si erano sistemate nel paddock ed appena riscontrata la positività al Covid di alcuni addetti scese un clima surreale che portò alla cancellazione anticipata della gara. Questo weekend più di 400 mila appassionati si sono recati all'Albert Park, la Ferrari non ha vinto, ha stravinto. La Mercedes è sul podio con Russell, e la Red Bull, seconda e ad una sola punta, si prende un distacco abissale dal vincitore. Due anni e tutto è cambiato.

Leclerc perfetto. Verstappen battuto e abbattuto

Leclerc 71, Russell 37, Sainz 33. 6° è Verstappen, a quota 25. La classifica mondiale è eloquente ed evidenzia la poca affidabilità espressa dalla Red Bull. Dopo la sofferta vittoria artigliata in Arabia Saudita il campione del mondo in carica incassa un altro ritiro per problemi tecnici. Da quando la Honda ha lasciato in gestione le sue power unit alla stessa Red Bull sono iniziati i dolori per gli anglo-austriaci. Nonostante l'arrivo presso il super team, condotto da Horner, di tanti ingegneri strappati dalla concorrente Mercedes. Verstappen ha provato a tenere testa a Leclerc, non riuscendo tuttavia ad impensierirlo, se non in concomitanza con la fine dei periodi di safety car. Lampi di speranza, spenti nel giro di pochi chilometri da un Leclerc oggi imbattibile. Il monegasco ha trovato una perfetta sinergia con una Ferrari veramente gentile con gli pneumatici. Perez ha regalato gli unici sorrisi al box Red Bull, arrivando secondo sotto la bandiera a scacchi, facendo assai meglio del suo alter ego in Rosso.

Sainz, il secondo violino stavolta suona male

Velocissimo nelle prove libere. Arrivato nell'ultima fase di qualifica sembrava poter realizzare il suo miglior weekend in carriera. Fino alla maledetta bandiera rossa che lo ha costretto ad abortire un giro perfetto. Da lì in poi è stato il disastro. Sainz sbaglia il suo ultimo tentativo e si ritrova obbligato a partire dalla nona posizione in griglia. In gara scatta male, anche a causa dell'utilizzo delle gomme più dure, e si gira malamente dopo pochi chilometri. A testa bassa esce dalla sua vettura bloccata in ghiaia. Binotto ne è convinto: Carlos imparerà da questo fine settimana e tornerà più forte di prima. Se lo augurano i tifosi Ferrari, perchè dall'altra parte, in Red Bull, Perez non sbaglia un colpo. Non è la prima volta che lo spagnolo incappa in errori marchiani ma ogni volta ha sempre mostrato di saper rialzare la testa. Coraggio Carlos!

Hamilton battuto da Russell

Ha sbuffato nel finale, quando la squadra lo ha invitato a tirare i remi in barca per preservare la sua power unit, in difficoltà con le temperature elevate. Hamilton ha dovuto masticare amaro, accontentandosi di giungere quarto, alle spalle del giovane compagno Russell. Ma anche senza problemi non sarebbe riuscito a sopravanzare il team mate, fortunato ed abile nel fermarsi ai box durante una fase di safety car. Dopo il turbolento finale della stagione 2021 c'era chi pensava che il sette volte iridato si sarebbe ritirato. Ipotesi che Lewis non ha mai realmente tenuto in considerazione. Hamilton ha vinto tanto. Ha vinto tutto. Le attuali prestazioni Mercedes lo renderanno ancora più affamato o abbatteranno le sue motivazioni?

McLaren, bentornata! Williams, che strategia!

Detto dei tre top team è piacevole sottolineare la rinascita della McLaren. Dopo un inizio di stagione catastrofico in Australia è tornata a correre più vicina ai grandi. Norris e Ricciardo hanno addirittura impensierito il duo Mercedes, prima di arrendersi nel finale ed accontentarsi di una quinta e ed una sesta piazza che comunque rilanciano il glorioso team fondato dal neozelandese Bruce McLaren. Sorride anche un altro storico team, la Williams. Escluso dalle qualifiche per la mancanza della benzina necessaria alle verifiche, Albon è risalito alla grande sfruttando la fantasiosa strategia orchestrata dalla sua squadra: zero soste fino a pochi chilometri dal traguardo. In virtù di un buon passo gara il pilota con licenza thailandese ha così artigliato un bel decimo posto che garantisce alla Williams il primo punto stagionale.

Haas, brusca frenata. Bene Alfa Romeo. Disastro Aston Martin

Aveva stupito ad inizio stagione, questo fine settimana è ripiombata nella seconda parte del gruppo. La Haas non ha fatto in tempo a gioire che già torna alle pene del passato? Magnussen, afflitto anche da problemi fisici, ha fatto quello che ha potuto, fra qualche alto e tanti bassi. Incostante anche Mick Schumacher che però sembra aver trovato il feeling con la sua vettura: un paio di errori in meno e la zona punti stavolta poteva essere sua. Convince invece Alfa Romeo e soprattutto Bottas. Il finlandese non è mai abbastanza "cattivo" nei duelli ma paradossalmente questo gli consente di tenersi lontano dai guai, e grazie ad un discreto passo è riuscito ad artigliare una bella ottava piazza finale. Disastroso è l'inizio di stagione di Aston Martin. La squadra che, a detta del suo proprietario, vuole diventare presto campione dal mondo è ancora ferma a zero punti. In Australia Vettel e Stroll, per giunta, hanno fatto più danni della grandine, ed i tanti colpi inflitti alle loro monoposto iniziano già a pesare sul bilancio, considerando i limiti di budget imposti dal regolamento.

Ed ora tocca a Imola!

Tutto esaurito. Fra due settimane sarà il turno di Imola. Le vittorie di Leclerc hanno scatenato gli appassionati, e dal venerdì l'Autodromo Enzo e Dino Ferrari sarà un'autentica bolgia. Due vittorie, primi in entrambi i campionati. Binotto al termine della gara australiana rimane composto, elogia la squadra, rifiuta di prendersi tutti i meriti. Però la realtà, caro Mattia, adesso supera i sogni. Il lavoro e la pazienza spesso pagano. Grazie Ferrari.

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 27 Marzo 2022 22:53

F1, Arabia Saudita: il Duello infernale

Verstappen vince dopo un duello estremo con Leclerc. Ferrari e Red Bull dominano la scena, mentre la F1 si interroga

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 20 Marzo 2022 20:42

Alba Rossa!

Doppietta Rossa in Bahrain. Leclerc domina, Sainz approfitta del ritiro di Verstappen ed è secondo. La tanto attesa rivoluzione 2022 è arrivata, ed è festa Ferrari!

Pubblicato in Motori Emilia
Giovedì, 17 Febbraio 2022 19:21

Ferrari, il futuro è qui!

Rosso intenso, ali nere, volti determinati. Benvenuta Ferrari F1-75, l'arma con cui Sainz e Leclerc vogliono tornare a lottare al vertice, all'alba di una nuova Era. La rivoluzione del 2022 è qui!

Pubblicato in Motori Emilia

Un partecipato evento aziendale, con focus su strategie, attività di vendita e team building, per dare slancio all’azienda di Vignola e celebrare i 44 anni di storia del brand con un nuovo catalogo.

Pubblicato in Motori Modena
Sabato, 05 Febbraio 2022 19:11

Formula Rivoluzione!

Svolta epocale in Formula 1. Dopo un 2021 elettrizzante è il momento dello stravolgimento regolamentare. Chi riuscirà ad approfittarne? Benvenuti nel nuovo Anno Zero! "Breve" guida introduttiva al Campionato che verrà.

Pubblicato in Motori Emilia

Ferrari contro un albero, si disintegra. Alta velocità e carreggiata bagnata sono i protagonisti di un violentissimo impatto che non ha causato ferite

Pubblicato in Cronaca Emilia
Domenica, 12 Dicembre 2021 19:01

Il Nuovo Re

Verstappen trionfa ad Abu Dhabi al termine di una gara incredibile, battendo d'un soffio Hamilton. Max è il nuovo Campione del Mondo. Nel giorno dell'addio di Raikkonen, ultimo campione Ferrari, la Scuderia termina sul podio con Sainz ed è terza nel costruttori. Grande anche la faentina AlphaTauri.

di Matteo Landi

Si è chiuso come non era partito. Il 2021 doveva essere l'ennesima passerella trionfale della Mercedes, visto il congelamento regolamentare che ha permesso alle squadre di sviluppare le monoposto 2020 senza troppe concessioni. Ed invece in campionato ha fatto capolino la Stella Verstappen, forte di una Red-Honda performante ed al livello della Mercedes. Le ultime vittorie di Hamilton avevano riportato i due piloti in parità, in vista di un'ultima gara che si preannunciava incandescente. E così è stata. Allo start della corsa decisiva Verstappen non è riuscito a rimanere davanti al rivale, nonostante la splendida pole position conquistata dall'olandese. E già al primo giro si è verificato il controverso episodio che ha rischiato di decidere la gara. Il pilota Red Bull attacca Hamilton, questi decide di tagliare la chicane e tornare davanti. Il box dell'inglese incalza i commissari: il pilota n°44 non ha avuto scelta, Max l'ha chiuso. Il direttore di gara Michael Masi accoglie la tesi di Toto Wolff e decide di non investigare la manovra. Quasi a voler restare fuori dalla vicenda iridata, per non intromettersi finisce per farlo, perchè quantomeno il "controsorpasso" di Hamilton meritava un'indagine. Verstappen incassa il colpo ma vede allontanarsi Hamilton, forte di una Mercedes più veloce e più gentile con gli pneumatici. Prima tornata di pit stop e Perez si sacrifica, resta in pista e caparbiamente rallenta Hamilton, prima di entrare in corsia box. I due rivali per l'iride tornano vicini. Sembra fatta però per l'inglese, vista la superiorità della sua monoposto, fino a quando entra in pista la safety car per il botto della Williams di Latifi, a pochi giri dal termine. E qui avviene la mossa che cambia le sorti della corsa: Red Bull cambia gomme a Verstappen, Mercedes non fa lo stesso con il suo pilota di punta. Ad un giro dalla fine, fra le urla di Toto Wolff che impreca contro il direttore di corsa, riparte la gara. Verstappen attacca ferocemente Hamilton, che prova a controbattere. Max si sposta un pò troppo in rettilineo, ma la distanza del rivale è di svariati metri, lo fa solo per "spezzargli" la scia. Al termine dell'ultimo giro Verstappen fa sua gara e mondiale! Mercedes (dimostrando zero classe) fa reclami su reclami, mentre il box Red Bull esplode di gioia ed il mondo applaude il Nuovo Re, colui che ha saputo rompere l'egemonia di Hamilton, regalandoci un Mondiale finalmente avvincente. L'ultimo titolo Red Bull è datato 2013: adesso la casa austriaca ha il suo secondo pilota iridato dopo Sebastian Vettel. Per la Honda arriva il titolo nell'anno dell'addio alla massima Formula, sperando sia solo un arrivederci.

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 05 Dicembre 2021 23:22

Campioni sporchi

Hamilton vince dopo un duello senza esclusione di colpi con Verstappen. La F1 non ha scritto una delle sue migliori pagine. Pista e commissari inadeguati. Ferrari settima e ottava consolida il terzo posto nel mondiale.

di Matteo Landi

È stato scritto un altro capitolo del Mondiale 2021. Non il migliore. La gara odierna sarà ricordata a lungo, o forse no. Passano gli anni, scorrono le gare, poi ritroviamo in pista piloti velocissimi, con una classe (nella guida) immensa, che tuttavia ripetono quelle azioni che in passato sono state da molti condannate. Verstappen era costretto ad una gara di rimonta, scattando solamente terzo dopo il terribile errore compiuto in qualifica, che lo ha portato a sbattere al termine di un giro (quasi) capolavoro. Non concluso. Alla partenza, la prima di giornata, non è riuscito a recuperare alcuna posizione, rimanendo terzo. Poteva essere una domenica soporifera, ma ci ha messo lo zampino l'ineguatezza della pista araba ed un Michael Masi preso dal panico. 250 km/h di media fra muretti che non perdonano il minimo errore. Per rivedere Imola in F1 abbiamo atteso una vita, aveva bisogno di essere aggiornata, dicevano. Hanno quindi soppresso una variante, e dopo anni eccola tornare nel Grande Circus. Eccoci poi questo weekend in Arabia Saudita, fra fuochi artificiali fuori e dentro dalla pista, sul tracciato di Jeddah, quanto di peggio possa offrire il motorsport. Si è sfiorato il dramma, più volte. Grazie ad un tracciato totalmente inadatto a questa F1. Quando Mick Schumacher si è schiantato contro le barriere, ripetendo quanto fatto in prova da altri colleghi ben più rodati, ha dato il via ad un concatenarsi di accadimenti ed azioni che hanno fatto storcere il naso ai veri appassionati. E rendendo invece felici coloro che amano l'autoscontro.

Difese oltre il limite, scontri evitabili. Domenica folle a Jeddah

Safety car in pista, tanti entrano per cambiare gomme. Anche Hamilton, mentre Verstappen resta sul tracciato e si ritrova primo. Il direttore di gara opta poi per la bandiera rossa. Una soluzione a molti parsa eccessiva, ma tant'è. L'olandese ha rischiato, provando l'azzardo che ha pagato. Alla ripartenza però Hamilton scatta meglio, Max si difende andando oltre i limiti della pista per poi rientrare e costringere l'inglese a perdere la posizione anche nei confronti di Ocon. Neanche il tempo di capire cosa sta accandendo che viene esposta nuovamente la bandiera rossa per un terribile incidente multiplo. Rischia tanto Mazepin che tampona violentemente Russell, quasi fermo in pista per evitare le altre vetture incidentate. La gara riprende con Ocon incredibilmente in pole position, davanti ad Hamilton e Verstappen. Quest'ultimo compie l'azione più bella del weekend, con una staccata da brivido si porta subito in testa. Si susseguono poi varie "virtual safety car", necessarie per rimuovere detriti persi da monoposto in lotta, strette fra claustrofobici muretti. Hamilton attacca quindi Verstappen che arriva lungo, entrambi finiscono fuori pista. Una condotta non certo cristallina quella del giovane olandese che deve poi rallentare per cedere la posizione a Hamilton. L'inglese però tentenna, arrivando a tamponare il pilota Red Bull, che desiderava cedere la posizione prima del rettilineo principale. Uno scontro che ha ricordato Baku 2017, e che costò una severa penalizzazione a Vettel. Tornando ancora più indietro nel tempo, nel 1998, fu Coulthard a rallentare di colpo per cedere la posizione a Michael Schumacher, e questi si schiantò nel posteriore della McLaren. Allora furono molti a scagliarsi contro il tedesco, riprendendo il codice della strada, non considerando che le corse sono altra cosa e le condizioni della pista di quel giorno, bagnatissima da un diluvio incessante. Verstappen ha rallentato troppo? Volutamente? Hamilton poteva evitare l'incidente? Comunque la si metta siamo di fronte a due immensi, "sporchi", piloti. Invochiamo spesso un ritorno alle lotte del passato, ma questo oggi si è ripresentato nel suo lato peggiore. Ed ora ad Abu Dhabi, teatro dell'ultima gara della stagione, si salvi chi può. La vittoria odierna di Hamilton ha portato i due a pari punti, con Verstappen avanti in virtù del maggior numero di successi. Nel dopo gara entrambi sono stati convocati dai commissari, vedremo se quest'ultimi prenderanno altre decisioni, dopo i cinque secondi di penalità subiti dal pilota Red Bull, che di fatto non hanno cambiato le sorti della gara. Certamente i due leaders del campionato non hanno dato un buon esempio ai campioni del futuro.

Ferrari sempre più terza

Ha rischiato di finire anzitempo la gara, fra contatti e sbandate. Dopo una bella qualifica Leclerc ha visto vanificare i suoi sforzi dalla decisione dei commissari di gara di sventolare bandiera rossa dopo l'incidente di Mick Schumacher. Il monegasco è quindi rimasto invischiato nel traffico e nella pancia del gruppo, fra ruotate e sorpassi fatti e subiti, transitando poi sotto la bandiera a scacchi settimo. Appena davanti a Sainz. Poco meglio è andata alla McLaren, in virtù del quinto posto di Ricciardo e del decimo di Norris. La squadra inglese ha recuperato un solo punto alla Rossa, che vede l'obiettivo del terzo posto fra i costruttori ormai vicinissimo.

Alfa a punti. Williams nessuna gioia ad una settimana dall'addio di Sir Frank

Gran gara per Giovinazzi, nono, tornato finalmente a punti. L'Alfa Romeo lo rimpiangerà. Brutta domenica per la diretta sfidante Williams, a secco di punti, che mantiene tuttavia l'ottava piazza fra i costruttori. Il team inglese, come tutte le altre squadre, ha portato sulle sue vetture un adesivo in ricordo del patron Frank Williams, deceduto una settimana fa. Uomo capace di realizzare un sogno meraviglioso che pareva impossibile, in grado di fondare e far diventare grande una squadra (garagista, come la definiva Enzo Ferrari) nove volte iridata, trovando nel tempo gli appoggi giusti e facendo scelte sempre coraggiose. La realtà attuale della compagine che porta il suo nome è molto diversa dalla sua Williams. Resta comunque una squadra che conserva quello spirito, seppur in un contesto storico-sportivo ben diverso da quello, ad esempio, degli anni '90, decade che il team inglese trionfare spesso e volentieri. Dopo una domenica in cui la F1 non ha scritto una delle sue pagine migliori è bello ricordare una di quelle figure leggendarie che l'hanno fatta grande.

Pubblicato in Motori Emilia
Pagina 2 di 17