Domenica, 13 Settembre 2020 20:10

Nonostante tutto...Grazie Mille Ferrari! In evidenza

Scritto da
Esposizione Ferrari in Piazza della Signoria a Firenze Esposizione Ferrari in Piazza della Signoria a Firenze Fotografie di Benedetta De Marchi e Matteo Landi

Al Mugello la Formula 1 onora con una gara spettacolare le 1000 presenze delle Rosse in F1. Leclerc giunge ottavo, Vettel decimo. Nonostante questo, grazie Ferrari!

di Matteo Landi

Gp di Monaco 1950, la Scuderia Ferrari debutta nel mondiale di F1. Alberto Ascari, al volante della Rossa, taglia il traguardo in seconda posizione, alle spalle dell'Alfa Romeo di Juan Manuel Fangio. Non impiegherà molto a battere tutti, la Scuderia del Grande Enzo coglierà la prima vittoria l'anno seguente in Gran Bretagna grazie a Josè Froilan Gonzalez. Anno 2020, il Covid stravolge i piani di tutti, non solo quelli della massima Formula. A fronte di tanti organizzatori costretti a dare forfeit, altri vedono e colgono inaspettate possibilità. L'Italia si ritrova così ad ospitare ben tre Gran Premi e la Ferrari riesce ad aprire le mura amiche del Mugello, pista di sua proprietà, al Grande Circus proprio in occasione della millesima gara della Scuderia del Cavallino. Leclerc e Vettel si giocano le ultime posizioni della top ten, in lotta con un'Alfa Romeo ben diversa da quella che agli albori della massima Formula dominava la scena. Nel giorno dell'ennesima disfatta Ferrari, nella domenica in cui Mattia Binotto e compagni dovevano onorare con una prestazione soddisfacente la millesima presenza della squadra più blasonata della Formula 1, non possiamo che ringraziare la Scuderia di Maranello per quanto è stata, nella speranza che presto torni ai livelli che le competono. Grazie mille Ferrari.

Grazie Mugello!

Un grazie di cuore per aver permesso alla massima categoria automobilistica di competere su una pista che meriterebbe di rimanere in calendario non solo negli anni a venire ma in aeternum. Potrebbe trattarsi, purtroppo, dell'unico Gp di Toscana della storia, ma, in fin dei conti, grazie lo stesso. Vedere le vetture percorrere "Arrabbiata 1" e "Arrabbiata 2" in pieno durante le qualifiche è uno spettacolo che avrà deliziato gli appassionati più accaniti. Una pista vera, che nessun Hermann Tilke di turno potrà mai ricreare, ma forse scopiazzare un po' qua e là. Un tracciato che non fa sconti, in cui oltre l'asfalto i piloti trovano vie di fughe in ghiaia che non concedono il minimo errore. Resterà forse l'unico episodio nella storia della F1, ma una gara come quella odierna la ricorderemo a lungo.

Safety car, incidenti e bandiere rosse. E comunque vince ancora Hamilton

Hamilton e Bottas, Bottas e Hamilton. La vittoria è sembrata un affare riservato al duo Mercedes fin dalle qualifiche. Preludio di una gara noiosa? Niente affatto. L'inglese ha prevalso in qualifica, ma in partenza è stato Bottas ad avere la meglio, issandosi in prima posizione. Alle loro spalle un indomabile Leclerc è riuscito a portarsi in terza posizione, dopo una qualifica da favola che lo ha visto addirittura quinto, un risultato importante per gli standard odierni Ferrari (sigh!). Purtroppo alle vetture di Maranello non è bastato correre in una stupenda livrea amaranto, la stessa colorazione della 125 del 1950. La gara di Charles si è rivelata presto un autentico calvario. Superato da Stroll, da Ricciardo e quindi da Albon. Non il miglior modo di onorare la ricorrenza Ferrari. A farlo nella maniera più scoppiettante possibile sono stati invece i vari episodi di gara che hanno portato ad addirittura due interruzioni con bandiere rosse, come non accadeva dal Gp del Brasile 2016. Giovinazzi che centra Magnussen al riavvio dopo la fase di safety car innescando una pericolosa carambola, dalla quale escono solo 13 vetture superstite, visto anche l'incidente che in avvio di gara ha subito escluso Verstappen ed il vincitore di Monza, Gasly. Stroll, autore di una serie innumerevole di sorpassi, si schianta contro le barriere innescando una seconda interruzione. La lotta Hamilton-Bottas, ben vinta dal sei volte campione del mondo, alla 90esima vittoria in carriera. Al di là delle disavventure Ferrari, il "Gran Premio di Toscana Ferrari 1000" ha regalato uno spettacolo unico.

Primo podio per Albon. Raikkonen, l'evergreen

Giornata trionfale per Mercedes. Memorabile e di insegnamento, per vari motivi, per la Ferrari. Ed indimenticabile per Albon e Raikkonen. L'uno ha finalmente ottenuto il primo podio in carriera, proprio quando sentiva sfuggirgli dal sottoschiena il sedile che pareva ormai destinato a Gasly, vincitore con AlphaTauri a Monza. La squadra di Faenza ha comunque gioito per il settimo posto colto dal bravo Kvyat. L'altro, il mai domo Raikkonen, ha artigliato uno stupendo nono posto. Il quasi 41enne, al volante della sua Alfa Romeo, ha corso mostrando una grinta da ragazzino. L'ultimo campione del mondo Ferrari si è reso autore di una leggerezza, compiuta entrando in pit lane, che lo ha costretto agli straordinari. Con cinque secondi di penalità da scontare il finlandese ha affilato gli artigli, riuscendo a guadagnare così tanto sugli inseguitori (Leclerc, Vettel e Russell) da scalare solo dalla ottava alla nona posizione finale. Il ritmo tenuto dall'esperto pilota è parso inavvicinabile anche per la Ferrari n°16 di Leclerc, il quale ha sofferto terribilmente l'eccedente usura degli pneumatici.

Nonostante oggi, nonostante tutto, grazie Ferrari

Ferrari in sofferenza, Ferrari al passo del gambero, Ferrari che non riesce a portare sviluppi su una vettura disgraziata. Un presente difficile, un dramma sportivo. Gioire per quanto ottenuto in passato può risultare deprimente, vista la situazione odierna. Eppure la Ferrari merita questo. Perchè non potrà mai un dannato 2020 cancellare le vittorie di Ascari, i successi di Lauda, i salti sul podio del Supercampione Schumacher. Mai riuscirà, questa "particolare" stagione, a farci dimenticare gli sforzi e la tenacia del Fondatore Enzo. Per questo e per quello che si spera verrà, Grazie Mille Ferrari!

Toscana gp 1000 2 

Altro in questa categoria: « F1, Gp d'Italia: il miracolo di Faenza