Visualizza articoli per tag: influencer

Oggi impariamo qualcosa di nuovo grazie allo giovanissima e in gambissima Connie Barra, una ragazza che vuole essere un esempio per tanti altri giovani.

Pubblicato in Lavoro Emilia

Al di là di quale giudizio etico o culturale si possa esprimere nei loro riguardi, gli influencer sono ormai un fenomeno ben radicato nella società digitale contemporanea. Non è un caso se anche il cinema sta iniziando a raccontare le loro storie (il recente docu-film su Chiara Ferragni) e se addirittura si stanno introducendo corsi universitari dedicati a queste figure. Si tratta di persone, non per forza famose, che con l'ausilio dei social network riescono ad attorniarsi di un folto numero di seguaci, dalle centinaia sino a oltre un milione: fedeli sostenitori i quali, anche più volte al giorno, consultano le pagine dei loro nuovi punti di riferimento e prendono spunto da immagini e suggerimenti da essi pubblicati per la propria vita.

Il fenomeno degli influencer, attori ormai di primo piano nel mercato
Risulta dunque naturale che molte aziende abbiano deciso di appoggiarsi agli influencer per utilizzarli come tramite attraverso cui pubblicizzare prodotti e servizi, al fine di poter veicolare il messaggio desiderato con una ulteriore base di visibilità. È così nata la strategia dell'influencer marketing, già da qualche anno in rapida crescita e con previsioni che ne vedono ancora margini di sviluppo nel futuro prossimo.
Con questo processo gli influencer lavorano in sinergia con brand presenti nel mercato, per pubblicizzare specifici prodotti sui social. Il tema può riguardare diversi settori di interesse, dalla moda all'informatica, da trucchi e creme per il corpo ai giochi per i telefonini, dalla cucina ai viaggi, con risultati molto spesso di notevolissima portata. La spiegazione risiede nel fatto che, secondo le più recenti statistiche, una larga fetta di pubblico, in particolare di età giovane, decide di effettuare i propri acquisti seguendo l'influsso del passaparola e i consigli di persone di cui si fidano e per le quali provano stima. Gli influencer fanno senza dubbio parte di quest'ultima categoria: ecco perché un prodotto messo in mostra sulle loro pagine riesce in molti casi a ottenere un concreto riconoscimento in termini di vendite.


Strategie possibili per la promozione del brand
Per usare un influencer nel marketing ci sono diverse tattiche da mettere in atto: si va dall'immissione di contenuti sponsorizzati, dove attraverso uno o più post si evidenziano i pregi di quel determinato prodotto e si inserisce una call to action per spingere gli utenti all'acquisto, sino all'introduzione di giochi, contest, link di affiliazione, sconti, omaggi, senza dimenticare l'eventualità di assegnare al personaggio prescelto il ruolo di testimonial (ambassador) dell'azienda. Sono tutte opzioni utili per far conoscere il business, implementare l'interesse dei potenziali clienti, valorizzare un nuovo prodotto o aumentarne la forza di attrazione.

Chiaramente, per sfruttare gli influencer per la propria attività, è necessario compiere una serie di valutazioni riferite a quale personaggio possa meglio rappresentare il business, cercando di studiare con attenzione che tipo di pubblico lo segue e con quali modalità e interazioni. Non è infatti sempre detto che i cosiddetti mega-influencer (con oltre un milione di follower) portino automaticamente a un risultato migliore rispetto ai piccoli influencer (con poche centinaia o migliaia di follower), perché questi ultimi hanno comunque di solito un rapporto più stretto e intimo con i propri supporter. Dunque è bene considerare forme diverse di investimento, con interlocutori di differenti fasce, al fine di trovare la strategia perfetta per promuovere il brand. Allo stesso modo, sarà anche fondamentale la scelta dei canali social in cui operare, in base al fatto che si voglia puntare su foto e video di breve durata (in qual caso sarà senz'altro meglio Instagram), video più lunghi (Youtube) o messaggi che contengano mix di testi, immagini e video (Facebook).

In ogni caso resta immutata la consapevolezza di come questo fenomeno conduca al raggiungimento di obiettivi ampi, talvolta eclatanti: una dettagliata guida online relativa all'influencer marketing sottolinea che molte aziende guadagnano 6,5 volte tanto rispetto a quello che investono in questa strategia; un numero già di per sé sorprendente, oltretutto talvolta in grado di salire fino a un guadagno di oltre 10 volte rispetto alla spesa effettuata. Cifre importanti, attraverso cui si ribadisce senza margini d'errore il ruolo che questo tipo di marketing sta assumendo.

Ogni campagna promozionale messa in pratica con gli influencer potrà poi successivamente essere monitorata senza difficoltà e con precisione, grazie a una serie di strumenti rintracciabili in rete con cui avere sempre sott'occhio la situazione, i giudizi e il gradimento del pubblico, le interazioni, l'efficacia dei contenuti: si avrà quindi la possibilità di valutare in tempo reale se e quanto la campagna stia funzionando e cosa eventualmente è indispensabile modificare, cancellare, aggiungere e migliorare.
Se si tracciano le decisioni corrette, analizzando con cura, pazienza e lucidità i bisogni e i desideri degli utenti e le modalità con cui si approcciano ai loro influencer, le occasioni di crescita del proprio business saranno reali, solide e proficue.