Visualizza articoli per tag: Territorio Rubiera

Al via il mercatino serale del mercoledì. Domattina parte da Piazza del Popolo la Cento Ore Classic, rally per auto storiche. Documentario in biblioteca -

Reggio Emilia, 3 giugno 2014 -

Domattina Rubiera farà da madrina alla 13° edizione della Modena Cento Ore Classic, rally per auto storiche con gare di circuito e 12 prove speciali in salita su strade chiuse e un percorso di 1,000 km totali su strade emozionanti attraverso meravigliosi paesaggi dell'Emilia-Romagna e Toscana. La Modena Cento Ore è una grande combinazione di vetture meravigliose, gentleman driver, competizione, turismo, gastronomia e relax. E' anche l'unico raduno classico in Italia, e uno dei pochi al mondo, dove i partecipanti possono competere su circuiti e strade di montagna chiuse al traffico. Per gli appassionati l'appuntamento è in Piazza XXIV Maggio alle 9.15

E ancora: parte domani ma proseguirà ogni mercoledì nei mesi di giugno e luglio, lungo le strade e le piazze del centro storico di Rubiera, il tradizionale mercato serale estivo: ambulanti, hobbisti, antiquari e produttori agricoli ma anche animazioni, spettacoli e musica nella splendida cornice del Centro Commerciale Naturale di "Rubiera Centro".
Quest'anno il mercato si presenterà rinnovato anche grazie alla collaborazione con Com.Re. Il programma delle animazioni di domani sera – mercoledì 4 giugno - propone "Road Signs...attento al segnale!", percorso ludico-educativo per "ciclisti in erba" in collaborazione con la Polizia municipale Unione Tresinaro Secchia. L'appuntamento con la sicurezza stradale è in piazza del Popolo, alle ore ore 21, mentre nel Cortile delle Arti (dietro la Biblioteca) l'Associazione Eclettica presenta "Prospekt Lenin a documentary from Russia" – ore 21.

(Fonte: ufficio stampa Comune di Rubiera)

Attivando il Fascicolo Sanitario Elettrico (FSE) è possibile utilizzare anche CUPWEB, il sistema completamente gratuito di prenotazione online delle prestazioni specialistiche (visite ed esami) della Regione Emilia-Romagna. Il sistema indica quali sono le prestazioni prenotabili sia nella nostra Azienda che nelle altre Aziende della Regione.

 

Reggio Emilia, 13 maggio 2014 -

Il suo utilizzo è riservato ai cittadini maggiorenni che possono effettuare prenotazioni per se stessi o per i minori/tutelati a loro associati, purché siano assistiti da un Medico di Medicina Generale convenzionato in una delle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna. 

L’utilizzo è subordinato al possesso di credenziali che vengono rilasciate dagli sportelli abilitati all’attivazione del Fascicolo Sanitario Elettronico delle Aziende Sanitarie. 

 

Nel caso in cui l’utente non sia in possesso di credenziali, l’accesso a CUPWEB consente solamente di

cercare le strutture delle aziende sanitarie presso cui prenotare tramite CUPWEB, 

cercare la prima data disponibile per prenotare una determinata prestazione tramite CUPWEB. 

 

Se l’utente è in possesso delle credenziali utilizzando CUPWEB può

prenotare le prestazioni sanitarie definite da ciascuna azienda sanitaria,

annullare uno o più appuntamenti prenotati tramite CUP WEB o sportello CUP/farmacia,

cambiare uno o più appuntamenti prenotati tramite CUP WEB o sportello CUP/farmacia, 

pagare una prenotazione attraverso il portale regionale del Pagamento On Line, 

visualizzare gli appuntamenti prenotati presso una azienda sanitaria, 

ristampare il promemoria dell'appuntamento e dell'eventuale costo della prestazione prenotata

Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina dedicata a CUPWEB https://www.cupweb.it 

 

Come ottenere le credenziali per il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) e il CUPWEB

L'attivazione è semplice. È necessario rivolgersi ad uno degli sportelli dell'Azienda USL o dell’Azienda Ospedaliera Santa Maria Nuova di Reggio Emilia per ottenere le credenziali, nel rispetto della privacy. Occorre portare con sé un documento di riconoscimentoe un indirizzo e-mail valido, dove verrà inviata la seconda parte di password di accesso (la prima viene consegnata allo sportello). 

Attenzione: ogni assistito dovrà avere un proprio indirizzo di posta elettronica non condiviso con altri, nemmeno i familiari.

È possibile ottenere le credenziali per il FSE e CUPWEB per altre persone: in questo caso è necessaria la delega scritta con l’indicazione del loro indirizzo e-mail e fotocopia del documento di identità del delegante. Per i minori, il FSE è attivato dai genitori che potranno collegarlo al proprio fino al compimento della maggiore età del figlio. Anche in questo caso è necessario compilare un apposito modulo. Lo stesso vale per i tutori in caso di persone soggette a tutela.

Con le credenziali complete occorre collegarsi al sito www.fascicolo-sanitario.it per iniziare a consultare e utilizzare il proprio FSE oppure al sito https://www.cupweb.it se si vuole solo prenotare le proprie prestazioni sanitarie.

 

Dove attivare il Fascicolo Sanitario Elettronico e CUPWEB nel Distretto di Scandiano:

 

 

Luogo di accesso per rilascio credenziali

Orari apertura

Telefono per informazioni

Scandiano

URP Via Martiri della libertà, 6 - Scandiano

da lunedì a venerdì 8,00-12,00

0522 850400

 

CUP Corso Vallisneri, 41 - Scandiano

da lunedì a venerdì: 7,40-13,50  sabato: 8,30-12,00

0522 850203
da lunedì a venerdì: 8,00-9,00; 12,00-13,30 sab: 8,30-9,30

 

CUP Via Roma, 57 - Castellarano

da lunedì a venerdì: 8,00-13,00  sabato: 8,00-12,00

0522 850701
da lunedì a sabato: 8,00-9,30

 

CUP Via De Gasperi, 1 - Rubiera

da lunedì a venerdì: 8,00-13,00  sabato: 8,00-12,00

0522 339010
da lunedì a sabato: 8,00-9,30

 

(Fonte: L’Ufficio stampa Ausl RE)

 

 

Erano stati gli agenti di Palazzo Allende a ritrovare, lo scorso luglio, il 75enne rubierese nella zona industriale di via Mascagni purtroppo ormai senza vita -

 

Reggio Emilia, 15 aprile 2014 -

La famiglia di Franco Berni, il 75enne rubierese scomparso nello scorso luglio, ha ringraziato l’Amministrazione e la Polizia provinciale. Erano stati infatti proprio gli agenti della Polizia provinciale – impegnati nelle ricerche, coordinate dai carabinieri, insieme a una trentina di volontari messi a disposizione dalla Protezione civile della Provincia e dal Coordinamento delle organizzazioni di volontariato – a ritrovare nella zona industriale di via Mascagni a Rubiera il corpo, purtroppo ormai senza vita, di Franco Berni.

Questa mattina, nel comando di Villa Ottavi, la vedova Giuseppina Beacci con la figlia Silvia Berni ha voluto ringraziare, con una targa, la Provincia di Reggio Emilia e  gli agenti per l’impegno profuso in quella drammatica circostanza. All’incontro erano presenti, oltre al comandante Andrea Gualerzi con i suoi uomini, anche il dirigente Valerio Bussei e l’assessore Alfredo Gennari, che ha sottolineato “come da sempre la Polizia provinciale sappia venire incontro alle esigenze del territorio, grazie alla disponibilità, alla competenza, alla professionalità e all’abnegazione dei nostri agenti”.

 


(Fonte: ufficio stampa Provincia di Reggio Emilia)

 

Finanziato dalla Provincia di Reggio Emilia ha come obiettivo la riqualificazione dell’offerta commerciale del centro storico -

 

Reggio Emilia, 7 aprile 2014 - 

La Provincia di Reggio Emilia ha finanziato, in base alla legge regionale 41/97, il progetto di “centro commerciale naturale” di Rubiera, che prevede la riqualificazione dell’offerta commerciale del centro storico attraverso attività di promozione e animazione, in particolare la creazione e l’utilizzo di un logo, campagne di comunicazione pubblicitaria, strumenti di marketing, definizione di un piano di miglioramento dell’accessibilità al centro, servizi comuni come la copertura wifi in tutta l’area.

“Dal 2000 ad oggi – ha spiegato il vicepresidente della Provincia Pierluigi Saccardi – la Provincia ha gestito 33 interventi per un valore di circa sei milioni di euro rivolti proprio alla riqualificazione dei centri storici. Si tratta di azioni per ridare vitalità ai nostri centri. Rubiera e Quattro Castella sono stati protagonisti, in questo ambito, di due progetti sperimentali”.

“L’obiettivo – ha aggiunto il vicesindaco di Rubiera Emanuele Cavallaro -  è quello di costruire strumenti e occasioni che consentano di restituire l’immagine dell’offerta commerciale di Rubiera proprio come si trattasse di un centro commerciale: “naturale”, però, con le meravigliose forme secolari dei suoi portici e delle sue piazze. E l’offerta disponibile – in termini di marchi, differenziazione e qualità – è certamente di altissimo livello”.

È nato così il progetto Rubiera Centro, attraverso la coprogettazione con le associazioni di categoria – Confesercenti, Confcommercio, CNA – che ha programmato una serie di iniziative già a partire da quest’anno, anche attraverso la creazione di innovativi sistemi di partecipazione, a partire dalla “Comunity” del centro storico che riunisce gli attori di quel particolarissimo e qualificato spazio: dalle attività commerciali ai pubblici esercizi, sino alle associazioni di volontariato.

 Primo step del progetto, la creazione di un logo che identifichi “Rubiera Centro”, anche qui con modalità coinvolgenti e innovative.

Il logo è stato creato e selezionato attraverso la piattaforma web Starbytes, grazie alla quale, sono stati coinvolti grafici e appassionati, mettendo in palio, per il più creativo, la somma di quattrocento euro. Una iniziativa innovativa e ambiziosa che ha portato risultati sorprendenti: in soli dieci giorni la pagina del progetto ha registrato più di 600 proposte da tutta l’Italia.

Quella selezionata è la proposta della community rubierese composta da commercianti e associazioni locali, Amministrazione comunale, Associazioni di categoria. I commercianti hanno votato attribuendo un punteggio da 1 a 10 a 15 proposte selezionate.

Domani, domenica 6 aprile, il logo verrà presentato ufficialmente alle 11.00 a Rubiera  durante la sagra “Fior Fior di Salame”.

Il logo scelto racchiude le peculiarità che contraddistinguono il centro di Rubiera: la torre dell’orologio, simbolo storico del paese, i portici, principale collegamento tra le attività presenti in centro, la shopper, ovvero il richiamo alle tante attività di livello presenti, oltre ad un naming chiaro e preciso, “Rubiera Centro”, che da oggi contraddistinguerà tutte le attività del progetto.

Il logo non è altro che la punta dell’Iceberg di un progetto che vede coinvolta tutta la community rubierese per realizzare iniziative volte al rilancio del centro storico, con un occhio di riguardo al commercio.

A partire dal mese di Giugno inizieranno due campagne promozionali che faranno da cornice a tutti gli eventi già stabiliti nella ricca agenda dell’Amministrazione Comunale.

Proprio da Giugno, attraverso il meccanismo della “collect card” verranno premiati coloro che avranno come abitudine quella di fare acquisti nei negozi di Rubiera Centro, con carnet di buoni da rispendere a Rubiera. La seconda promozione, prevista a Dicembre, sarà un concorso a premi che metterà in palio un fantastico viaggio per due persone in una delle città più rinomate per lo shopping.

Rubiera Centro sarà sempre in contatto con il grande pubblico attraverso la pagina www.facebook.com/rubiera.centro, oltre che attraverso campagne pubblicitarie di tipo tradizionale.

 

Tra le prossime iniziative possiamo anticipare che l’immagine del centro storico sarà ravvivata attraverso allestimenti coordinati e sarà indetta una vera e propria gara tra commercianti, i quali, dopo aver seguito un corso di “visual merchandising”, si metteranno in gioco nell’allestimento della vetrina più bella. I giudici saranno proprio i clienti che attraverso Facebook voteranno, appunto, la miglior vetrina. 

 

(Fonte: ufficio stampa Provincia Reggio Emilia)

 

Due appuntamenti a Rubiera nell’ambito di “Noicontroloemafie”: il fim di Pif, Nicola Gratteri e Antonio Nicaso a Rubiera -

 

Rubiera, 31 marzo 2014 -

Primo appuntamento giovedì 3 aprile al Cinema  Teatro Excelsior in via Trento 3D a Rubiera alle 20.45, con la proiezione di La Mafia uccide solo d’estate, di Pif.

Film che diverte e commuove. Perché si può parlare di mafia, anche con un sorriso. E’ con il sorriso infatti che Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, racconta le stragi mafiose che sconvolsero la Sicilia tra gli anni ’70 e ’90 attraverso gli occhi di un bambino.

Ai saluti di Emanuele Cavallaro, Vice Sindaco ed Assessore alla Cultura del Comune di Rubiera seguirà un dialogo con Ginevra Antona, interprete del ruolo di Flora nel film.

Interverrà quindi “I.M.D” Sovrintendente della Polizia di Stato – Squadra Catturandi di Palermo e scrittore che, con i suoi libri, ha saputo raccontare con leggerezza ed ironia la cattura di pericolosi latitanti come i Lo Piccolo, Giovanni Brusca e Bernardo Provenzano. Autore de Il Vurricatore (ed. Leima) e socio fondatore dell’Associazione 100X100INMOVIMENTO.

Conduce Elia Minari di Cortocircuito.

 

Il secondo appuntamento è venerdì 4 aprile al teatro Herberia, in piazza Gramsci a Rubiera alle 20.30, con l’intervista agli autori di Acqua Santissima (ed Mondadori) Nicola Gratteri, e  Antonio Nicaso curata da Cesare Giuzzi del Corriere della Sera

 

Nicola Gratteri è un magistrato italiano, attualmente  Procuratore aggiunto della Direzione Distrettuale antimafia di Reggio Calabria  che lotta in prima linea contro la 'Ndrangheta calabrese e attualmente costretto a vivere sotto scorta. Il 24 giugno 2005 gli viene potenziata la scorta alla scoperta (solo sulla carta stampata, in realtà rimane invariata dal 2003 e così è tutt'ora), il 21 giugno nella piana di Gioia Tauro, da parte del Ros dei Carabinieri di un arsenale di armi (un chilo di plastico con detonatore, lanciarazzi, kalashnikov, bombe a mano) che sarebbero potute servire per un attentato ai danni di Gratteri.

Antonio Nicaso è un giornalista, scrittore, ricercatore e consulente italiano, uno dei massimi esperti di 'ndrangheta a livello internazionale. Tiene corsi estivi di storia della questione meridionale e storia delle organizzazioni criminali per post laureati al Middlebury College (Vermont, USA). Ha scritto 17 libri. Nel 1995 ha pubblicato Global Mafia, un libro che per la prima volta ha introdotto e spiegato il concetto di partenariato criminale. Vive e lavora in Nord America. È stato tradotto in francese (Dans les coulisses du crime organisé: le rôle stratégique du Canada à l'aube du 21e siècle, (1996), olandese (De wereldwijde maffia: de nieuwe wereldorde van de georganiseerde misdaad, 1996), ungherese (A maffia: A szervezett bûnözés új világrendszere, 1997), e indonesiano (Mafia Global: sebuah ekspose mega-kejahatan masa kini). Nicaso ha anche collaborato con saggi alle seguenti raccolte: Utopia e rivoluzione in Calabria: scritti in onore di Enzo Misefari (1993), Un'altra Calabria: lo sviluppo della regione nelle idee dei calabresi della diaspora (1997), Organized Crime & Money Laundering: The Globalization Revolution - A Business Reference for the 'New Economy' (2001), La scuola Italiana di Middlebury (1996-2005) - (2005) e Chromosomes, a project by David Cronenberg (2008).

 

Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito.

In allegato il volantino scaricabile

 

(fonte: ufficio stampa Comune di Rubiera)

 

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia

Furto aggravato l'accusa mossa al giovane romeno dai Carabinieri di Correggio, che stanno conducendo le indagini per risalire al complice.

Reggio Emilia, 28 febbraio 2014 - Ivan Rocchi -

Si muovono tra varie province, saccheggiando i supermercati Coop con un vecchio stratagemma: riempiono i carrelli della spesa con generi alimentari, cosmetici e super alcolici, per poi uscire dalle casse non attive mentre i complici distraggono le cassiere. Questo l'identikit dei predatori, che agiscono in squadre ben organizzate che si aggirano in tutto il nord Italia, colpendo quasi ogni giorno. Lo scorso pomeriggio però una batteria di questi malviventi è incappata nei carabinieri di Correggio che hanno arrestato un componente della banda, recuperando e restituendo al supermercato derubato oltre 700 euro di refurtiva.
Ieri pomeriggio una pattuglia dei carabinieri di Correggio è intervenuta presso la Coop di piazzale Finzi, dove era stato fermato un ladro. Il giovane, un cittadino romeno 22enne senza fissa dimora, era entrato poco prima nel punto vendita insieme a un'altra persona, che si è dileguata prima dell'arrivo dei militari. L'uomo aveva riempito il carrello spesa con generi alimentari, bevande e altro, per poi oltrepassare il varco cassa chiuso e privo di personale.
Adesso saranno le indagini condotte dai carabinieri di Correggio a stabilire se l'arrestato appartenga o meno a una delle famigerate battere dei predoni delle Coop. Infatti, negli ultimi giorni nei negozi della Coop della provincia di Reggio (Scandiano, Rubiera, Novellara, San Martino in Rio e Rio Saliceto) si sono verificati episodi analoghi. La posizione del 22enne romeno potrebbe quindi aggravarsi: infatti i militari stanno esaminando i filmati che riprendono le singole azioni delittuose, alla ricerca di riscontri

 

Pubblicato in Cronaca Emilia

Attivato dall'Agenzia regionale di Protezione civile lo stato di attenzione in tutte le province dell'Emilia-Romagna per pioggia, criticità idraulica ed idrogeologica, vento e stato del mare -

Bologna, 10 febbraio 2014 -


Un'intensa perturbazione sta portando in queste ore in tutta la regione precipitazioni estese e abbondanti, che secondo le previsioni Arpa-Simc dureranno per le prossime 24-48 ore; i quantitativi maggiori, intorno ai 100 mm, sono previsti sulle aree appenniniche. Alle piogge sono associati venti, che in serata diverranno forti sui rilievi centro orientali e sulla costa, con raffiche comprese tra i 55 km e i 65 km all'ora.
L'effetto combinato di questi fenomeni può determinare l'innalzamento del livello dei fiumi e degli altri corsi d'acqua, mareggiate e dissesti idrogeologici diffusi su tutto il territorio, in particolare nelle province già colpite dal maltempo nelle scorse settimane.
Per seguire l'evoluzione della situazione, monitorare i punti critici e organizzare una pronta risposta in caso di eventi rischiosi per la popolazione è stato attivato il centro operativo della Protezione civile regionale, in presidio 24 ore su 24, in raccordo con Arpa, Servizi tecnici di bacino, Aipo, Prefetture, Comuni, Province e volontariato.
Dalla Protezione civile giunge ai cittadini la raccomandazione di non sostare in prossimità di argini, ponti e moli e di seguire le indicazioni fornite dalle autorità locali.

Situazione dei fiumi
Le precipitazioni previste fino a domani, martedì 11 febbraio, potranno determinare l'innalzamento dei livelli idrometrici su tutti i corsi d'acqua della regione, con possibile superamento del livello di pericolosità per piena nelle province di Reggio Emilia, Modena, Ferrara e Bologna.
Ieri è stato attivato il preallarme sul fiume Secchia, a causa delle diffuse e intense precipitazioni e per le condizioni di criticità causate dalle ultime piene. Sono interessati i comuni di Soliera e Campogalliano nel Modenese e Casalgrande, Castellarano e Rubiera nel Reggiano. Resta in vigore l'allerta emessa lo scorso 5 febbraio per i Comuni di Modena, Bastiglia e Bomporto.
È ancora attivo lo stato di preallarme piena del Fiume Enza in provincia di Reggio Emilia per i comuni di Mezzani, Brescello, Sorbolo e Gattatico.

Rischio frane e dissesti
Le piogge di queste ore potrebbero aggravare la situazione dei territori già colpiti da maltempo nelle scorse settimane, determinando movimenti franosi diffusi (smottamenti, colate, cadute di massi) nelle province centro occidentali.

Vento
Possono verificarsi localmente cadute di rami e alberi, segnaletica stradale, danni alle abitazioni e alle infrastrutture pubbliche e private. Può risultare difficoltosa la circolazione stradale e si possono verificare sospensioni nell'erogazione di fornitura elettrica e telefonica.

Mare
Vento e pioggia potranno determinare sulla costa mareggiate, fenomeni di erosione con possibili conseguenze per gli stabilimenti balneari, compromissione di moli e dighe foranee e difficoltà per le attività nautiche ed il funzionamento delle infrastrutture portuali.

 

(Fonte: ufficio stampa Regione Emilia Romagna)

 

Rinnovata la convenzione, Saliera: "Uno strumento eccellente per aiutare le persone". Nel 2013 il sostegno a 87 vittime o loro familiari -

Bologna, 29 gennaio 2014 -

La Regione Emilia-Romagna ha rinnovato la convenzione triennale con la Fondazione per le vittime dei reati, l'istituzione creata dalla Regione, dalle Province e dai Comuni capoluogo per dare un sostegno immediato alle vittime dei crimini dolosi di maggiore gravità.
"E' uno strumento eccellente per aiutare le persone e siamo molto grati al senatore Sergio Zavoli che svolge, fin dalla nascita della Fondazione, con passione e impegno il ruolo di presidente", spiega Simonetta Saliera, vicepresidente e assessore alle Politiche per la sicurezza della Regione Emilia-Romagna.
La Fondazione nel 2013 ha aiutato 87 persone con 34 interventi pari a 237.271 euro. "Si conferma - sottolinea Saliera - che la Regione è al fianco di chi subisce un torto e opera concretamente con risposte efficaci e tempestive".
Nello specifico, 37 delle 87 persone aiutate sono minorenni (17 ragazze e 20 ragazzi) e 50 adulti (38 donne e 12 uomini). Tenendo conto dei reati, la fattispecie maggiore di intervento ha riguardato vittime di femminicidio con 8 casi, segue quella di casi di violenza domestica (cioè maltrattamenti avvenuti all'interno della sfera familiare e affettiva) con 7 casi. Sono stati 6 sia gli interventi per sostenere familiari di vittime di omicidi sia gli aiuti a chi ha subìto una violenza sessuale, 3 i casi di sostegno a vittime di tentato omicidio, 2 di tentato femminicidio e 2 di aggressione.
Venendo, invece, alla ripartizione territoriale, 11 interventi sono stati realizzati nella provincia di Bologna per un importo complessivo di 77 mila euro (6 dal Comune di Bologna, 1 da Casalecchio di Reno, 1 da Pianoro, 1 da Monghidoro, 1 da Budrio e 1 da San Lazzaro di Savena); 7 nella provincia di Modena per 42.770 euro (3 dal Comune di Modena, 2 da Novi di Modena e 2 da Sassuolo); 3 nella provincia di Parma per un importo complessivo di 22 mila euro (1 dal Comune di Parma, 1 da Sorbolo e 1 da Tizzano Val Parma); 6 nella provincia di Reggio Emilia per 32.500 euro (2 dal Comune di Reggio Emilia e 1 rispettivamente da Rubiera, Guastalla, Castelnovo di Sotto e Rio Saliceto); 2 nella provincia di Ravenna per 15 mila euro (1 dal Comune di Ravenna e 1 dal Comune di Faenza); 2 nella provincia di Piacenza per 25 mila euro (1 dal Comune di Fiorenzuola d'Arda e 1 da Alseno); 2 nella provincia di Ferrara per un importo complessivo di 20.500 euro (1 dal Comune di Argenta e 1 da Comacchio);1 nella provincia di Forlì-Cesena per un importo complessivo di 2.500 euro (dal Comune di Civitella di Romagna).

(Fonte: ufficio stampa Regione Emilia Romagna)

 

L'accordo è stato raggiunto ieri a Roma, al ministero del Lavoro. Saccardi: "Importante tassello per permettere la ripartenza produttiva dello stabilimento di Rubiera" -

Reggio Emilia, 20 dicembre 2013 -

I lavoratori della Terim spa potranno contare, a partire dal 16 gennaio, su ulteriori sei mesi di cassa integrazione guadagni in deroga. E' questo il risultato dell'importante accordo sottoscritto ieri, a Roma, al ministero del Lavoro con la mediazione del sottosegretario di Stato Carlo Dell'Aringa. L'intesa interessa i 332 lavoratori della ditta, con stabilimenti a Rubiera e Baggiovara, attualmente in liquidazione e concordato preventivo.
All'incontro di ieri erano presenti dirigenti del Ministero, funzionari delle Province di Reggio Emilia e Modena, in rappresentanza anche della Regione Emilia-Romagna, rappresentanti della Terim, delle Rsu aziendali, della Fiom/Cgil e della Fim/Cisl e un funzionario di Italia Lavoro.
L'accordo, insieme alle intese precedentemente sottoscritte dalle istituzioni locali e dalle parti sociali, si inserisce nel progetto di acquisizione aziendale e ripartenza produttiva dello stabilimento Terim di Rubiera da parte di Eg Italy srl con la salvaguardia dei posti di lavoro e la riconversione del sito produttivo di Baggiovara.
"Questo accordo è un ulteriore, importante tassello per permettere la ripartenza produttiva dello stabilimento Terim di Rubiera - commenta il vicepresidente della Provincia, con delega al Lavoro, Pierluigi Saccardi -. La Provincia di Reggio Emilia, insieme alle altre istituzioni locali coinvolte e alle parti sociali, si è impegnata sin dall'inizio di questa difficile vertenza, seguendone gli sviluppi e cercando di dare risposte ai lavoratori e alle loro famiglie, con azioni concrete per rilanciare una così importante attività produttiva del nostro territorio e dell'economia locale".
Le Province di Reggio Emilia e Modena e la Regione Emilia-Romagna hanno inoltre ribadito la disponibilità ad attivare azioni di orientamento e formazione per i lavoratori della Terim, questo al fine di favorire opportunità di ricollocazione del personale.
"Un ringraziamento particolare - conclude Saccardi - va al sottosegretario Dell'Aringa, che ha permesso e favorito l'approvazione 'in deroga' di questo importante accordo, confermando la particolare attenzione del Governo e del presidente Letta alle difficoltà dei lavoratori, delle aziende e l'impegno per la ripresa dell'economia nazionale che, in questo caso, grazie all'accordo siglato, permette anche il rilancio di un marchio storico del nostro territorio".

(fonte: ufficio stampa Provincia di Reggio Emilia)

 

Pubblicato in Comunicati Lavoro Emilia
Giovedì, 19 Dicembre 2013 15:56

Rubiera, rapina con ostaggi in una banca del centro

Dopo una lunga trattativa i malviventi sono stati arrestati -

Reggio Emilia, 19 dicembre 2013 -

Verso le 13,30 di oggi una filiale della Banca Popolare dell' Emilia Romagna in centro a Rubiera, è stata presa d'assalto da due malviventi. Quando i Carabinieri di Reggio Emilia hanno bloccato uno dei due uomini che faceva da palo fuori dalla banca, il complice, armato, si è barricato all' interno prendendo in ostaggio sei persone. Dopo una lunga trattativa i malviventi sono stati arrestati, fortunatamente non ci sono stati feriti.

 

Pubblicato in Cronaca Emilia
Pagina 5 di 7