Visualizza articoli per tag: nomine

 "La conferma di Cesare Baldrighi alla presidenza del Consorzio di Tutela Grana Padano DOP è la riprova degli ottimi risultati raggiunti in questi anni nella valorizzazione di una produzione cardine del settore lattiero-caseario cooperativo, che produce il 60,72% delle forme. A lui e al consiglio vanno i migliori auguri di buon lavoro". Così Giorgio Mercuri, presidente dell'Alleanza delle Cooperative agroalimentari, commenta la conferma di Cesare Baldrighi, membro del coordinamento lattiero caseario dell'Alleanza, alla presidenza del Consorzio per i prossimi quattro anni.

"Quando si lavora bene, si fa sistema e si punta sulla valorizzazione, i risultati non tardano ad arrivare. I dati - sottolinea Mercuri - fanno registrare tutti segni positivi. Nel 2016 il Consorzio avrà una produzione record che supera 4,8 milioni di forme, oltre il 35% in più rispetto al 1998. Bene anche l'export, con un aumento del 9% delle esportazioni rispetto al 2015".

(Roma, 3 maggio 2016).

Domenica, 24 Gennaio 2016 09:46

Emilia Romagna. I nuovi direttori generali

Regione, la Giunta comunica i nuovi Direttori generali. Le direzioni passano da 10 a 5. A Kyriakoula Petropulacos, che prosegue nell'incarico conferito lo scorso anno, si aggiungono Francesco Raphael Frieri e i confermati Paolo Ferrecchi, Valtiero Mazzotti e Morena Diazzi. Bonaccini: "Un altro importante tassello nella nostra riorganizzazione: auguro loro buon lavoro e ringrazio i direttori uscenti".

Bologna – Saranno nominati la prossima settimana dalla Giunta regionale quattro Direttori generali che, assieme al nuovo Capo di Gabinetto Andrea Orlando, già al lavoro dai primi di gennaio, saranno a capo delle Direzioni generali della Regione Emilia-Romagna, passate da 10 a 5 per effetto della riorganizzazione interna già approvata lo scorso mese di dicembre.
Le proposte che saranno sottoposte al vaglio della Giunta sono state illustrate stamani dall'assessore alle Risorse umane Emma Petitti, nell'ambito della Commissione consiliare Bilancio, Affari generale e istituzionali riunitasi nella sede della Regione, a Bologna.

Secondo la proposta, a capo della Direzione Gestione, sviluppo e istituzioni sarà Francesco Raphael Frieri, Paolo Ferrecchi guiderà la Direzione Cura del territorio e dell'ambiente, Morena Diazzi sarà a capo della Direzione Economia della conoscenza, del lavoro e dell'impresa, Valtiero Mazzotti guiderà la Direzione Agricoltura.
Per quanto riguarda la Direzione generale Salute e welfare, il contenuto coincide pienamente con quello dell'attuale Direzione generale Sanità e politiche sociali e integrazione, alla cui direzione è Kyriakoula Petropulacos, che sarà confermata nell'incarico assegnatole dalla Giunta regionale nel febbraio del 2015.

"Con la nomina dei Direttori generali – afferma il presidente della Regione, Stefano Bonaccini – mettiamo un altro importante tassello nel complesso mosaico del processo di riorganizzazione della struttura organizzativa della Regione, improntata sulla razionalizzazione delle risorse coerentemente con gli obiettivi che ci siamo prefissi. Voglio ringraziare chi, fino ad oggi, ha saputo dare qualità e concretezza alle Direzioni di cui è stato a capo: sto parlando di professionisti di alto profilo, il cui apporto è stato imprescindibile per garantire a questa Regione di essere ai primi posti per qualità in un contesto europeo, la cui professionalità sarà valorizzata nel processo di riorganizzazione, ancora in corso".

"Ai nuovi responsabili delle Direzioni – ha proseguito il presidente – auguro buon lavoro e sono certo sapranno interpretare al meglio il mandato che abbiamo loro affidato garantendo allo stesso tempo innovazione e continuità: fare sempre più dell'Emilia-Romagna una delle locomotive per lo sviluppo del Paese, coniugando efficienza amministrativa e controllo dei costi, massima trasparenza e semplificazione delle procedure".
I direttori, esterni e assunti a tempo determinato (con scadenza il 30 giugno 2020) per chiamata diretta nel rispetto dei requisiti culturali e professionali stabiliti dalla legge, sono stati selezionati in base a una comprovata esperienza professionale nella pubblica amministrazione, in enti di diritto pubblico o aziende pubbliche o private, nelle libere professioni o in altre attività professionali di particolare qualificazione. L'esperienza specialistica e le competenze sono maturate in ambiti e settori strettamente correlati con le materie di competenza delle Direzioni di riferimento.

Secondo il modello organizzativo già approvato dalla Giunta, l'attività delle Direzioni troverà un punto di sintesi nel Comitato di direzione, organismo che sarà coordinato dal Capo di gabinetto Andrea Orlando e che avrà il compito di rendere sinergiche tutte le attività messe in campo dalla Regione.

I nuovi Direttori, rispetto ai predecessori, avranno una retribuzione più bassa: dai 154 mila euro che percepivano (compresa l'indennità di risultato) si passa a 130 mila euro, che potranno aumentare fino ad un massimo del 5% come indennità di risultato.

I NUOVI DIRETTORI

Francesco Raphael Frieri, nato a Urbino nel 1973, laureato in Scienze politiche è Direttore generale dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna (Ravenna), una delle più grandi d'Italia con 103.000 abitanti. E' consulente e formatore di FonSer per conto della Regione autonoma del Friuli-Vanezia-Giulia e attualmente project manager della costituzione dell'Unione del Friuli Centrale (comprendente il Comune di Udine). E' stato assessore al Bilancio nel Comune di Modena. E' autore di numerose pubblicazioni in riviste scientifiche, libri e interventi in convegni, in Italia e all'estero, quotidiani, visibili su www.frieri.nfo.

Paolo Ferrecchi, 51 anni, laureato in ingegneria, è a capo della Direzione generale Reti Infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità della Regione Emilia-Romagna dal 2007. Precedentemente, è stato Direttore del settore mobilità urbana del Comune di Bologna dal 2002 al 2007. E' tra l'altro stato componente del Cda dell'Aeroporto di Forlì e dell'aeroporto di Bologna. E' autore di studi e pubblicazioni.

Valtiero Mazzotti, 53 anni, laureato in Scienze agrarie, è dal 2007 Direttore generale agricoltura, economia ittica, attività faunistico venatorie della Regione Emilia-Romagna. E' stato fino al 2006 direttore responsabile del Centro servizi ortofrutticoli di Ferrara, ha tra l'altro collaborato con l'Ersa (Ente regionale di sviluppo agricolo) e con il Cnr.

Morena Diazzi, nata a Modena nel 1961, è Direttore generale alle Attività produttive Commercio e Turismo della Regione dal 2006. Ha il Coordinamento dell'Area "Industria, Artigianato, Servizi, Commercio e Turismo" per la gestione delle attività legate agli eventi sismici del maggio 2012 ed è componente effettivo del Comitato del Punto di Contatto nazionale per l'attuazione delle Linee Guida Ocse su nomina della Conferenza delle Regioni. E' componente del Consiglio di Consultazione Industriale e Scientifico di Aster su nomina della Regione Emilia Romagna. E' stata Presidente dell'Osservatorio per il Sistema Fieristico Italiano della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome. Nel 1999/2005 è stata assessore agli Interventi economici, Rapporti con l'Università e la Ricerca, Infrastrutture telematiche e Pari opportunità della Provincia di Modena. E' laureata in Economia e Commercio e ha seguito corsi presso la London School of Economics.

Domenica, 01 Novembre 2015 08:30

Maurizio Danese nuovo Presidente di Veronafiere

L'Assemblea dei Soci dell'Ente di Viale del Lavoro riunitasi il 27 ottobre ha eletto Maurizio Danese nuovo presidente e con lui il nuovo Consiglio di Amministrazione composto da Barbara Blasevich, Marino Breganze, Guidalberto di Canossa e Claudio Valente. L'Assemblea ha rinviato la discussione dei restanti punti all'ordine del giorno a dopo l'insediamento del nuovo Consiglio.

Verona, 27 ottobre 2015. L'Assemblea dei Soci di Veronafiere ha eletto Maurizio Danese nuovo Presidente per il triennio 2015-2018. Insieme a Danese, l'Assemblea ha eletto anche il nuovo Consiglio di Amministrazione composto dai Consiglieri, Barbara Blasevich, Marino Breganze, Guidalberto di Canossa e Claudio Valente.
L'Assemblea ha rinviato la discussione dei restanti punti all'ordine del giorno, per dare il tempo al nuovo CdA di prendere piena visione delle proposte e delle valutazioni relative alle singole delibere su cui i soci saranno chiamati a pronunciarsi nel corso della prossima seduta.

«Ringrazio i soci e le istituzioni per la fiducia. Sarà ben corrisposta – dichiara il Presidente Maurizio Danese –. Entro in una realtà che il cda e il presidente uscente hanno saputo governare in anni difficili, consolidandola e valorizzandola ulteriormente nel suo ruolo di player internazionale, non solo nel settore del vino e dell'agroalimentare, ed efficace volano per l'internazionalizzazione delle imprese italiane e del Made in Italy. Veronafiere, poi, rappresenta una leva fondamentale per l'economia veronese: 1,3 milioni di visitatori annui generano un importante indotto. L'amministrazione uscente ha lasciato sul tavolo importanti progetti strategici che ora valuteremo in modo approfondito assieme ai soci. Scelte che non possono prescindere dal contesto competitivo in cui opera la Fiera. Un mercato europeo e mondiale dove è forte la spinta alla concentrazione. Le prime dieci fiere europee realizzano il 35% degli oltre 14 miliardi di volume d'affari del mercato e dispongono di più strutture e, soprattutto, di risorse finanziarie. Veronafiere ha delle potenzialità importanti e tutti i numeri per consolidare la propria collocazione in questo mercato in fermento. Sarà nostra cura valutare attentamente i piani di sviluppo, utilizzando le risorse che il Governo ha stanziato per le fiere nel Piano per la promozione straordinaria del Made in Italy. Con che strumenti è tutto da valutare insieme ai soci».

Danese, classe '62, è socio di un gruppo di aziende che opera nel settore della fornitura di prodotti alimentari al canale horeca, è Vicepresidente della Camera di Commercio di Verona, Vicepresidente vicario di Confcommercio Verona e Presidente dell'istituto di garanzia fidi, Confidi Veneto.

A seguire il comunicato stampa pervenuto dall'avvocato Massimo Rutigliano. "PIZZAROTTI – GIORGI E PD!!! " Nei giorni scorsi sulla stampa locale è apparsa la notizia che il dott. Marco Giorgi, attuale Presidente di ASP di Parma, sarebbe stato nominato quale nuovo Direttore Generale del Comune di Parma.

Due riflessioni:
A) sono convinto che tale nomina sia avvenuta quantomeno in violazione dell'art. 4 D.L.vo n. 39/2013 posto che ASP, stando al bilancio al 31/12/2014, ha ricevuto finanziamenti dal Comune di Parma quale contributo "per le spese di funzionamento generali aziendali". Dubito che tale fondamentale circostanza sia stata adeguatamente valutata e portata a conoscenza di chi dovrebbe aver esaminato la questione.
Le conseguenze sono molto gravi e sono certo che il Responsabile Anticorruzione del Comune di Parma vigilerà al riguardo. In ogni caso la sottoporrò direttamente anche all'Autorita' anti corruzione presieduta dal dott. Cantone ed alla Corte dei Conti;

B) quale iscritto al PD mi auguro che si sia trattato di una mera (quanto – ma solo sul piano personale - legittima) ambizione del dott. Giorgi e non già di un tentativo di inciucio di una parte del PD con l'ormai ex 5S Sindaco Pizzarotti che, resosi conto della sua totale inadeguatezza quale amministratore (anche se all'esterno cerca di vanitosamente raccontare il contrario), stà cercando in tanti modi di trovarsi una qualche nuova collocazione, evidentemente ritenendo che il suo "genio" non meriti di tornare al suo precedente lavoro.
Senonchè un tale tentativo di inciucio sarebbe una delle operazioni politiche più stupide che chi lo volesse praticare potrebbe compiere (indipendentemente da ipotetiche induzioni in errore extra comunali).

Ritengo che tale operazione sarebbe gravemente stupida in quanto:
1) la politica è fatta di confronto di idee e non di giochini (ancor più se giocati da pessimi giocatori) la cui perpetuazione ha portato le persone ad allontanarsi dalla politica (le percentuali dei votanti lo confermano, così come lo confermano i voti in favore di movimenti politici di protesta che, però, alla resa dei conti, una volta conquistato il "potere", hanno manifestato la loro incapacità di amministrare e la loro piena capacità di "banchettare" a spese della collettività. Ci ricordiamo il cerchio magico di Bossi, maestro di Salvini?);
2) Federico Pizzarotti, politicamente parlando, è ormai un sorridente "cadavere che cammina". Camminare con un cadavere è vivamente sconsigliato;
3) Il consenso si conquista con le idee e la capacità di amministrare, non con altro. Il Sindaco, purtroppo per Parma, queste qualità ha dimostrato di non possedere;
4) Il PD ha l'obbligo di presentare alla città un programma serio e realistico, aprendosi al contributo ed alla partecipazione delle persone che hanno davvero a cuore l'interesse della città.
Se questo non dovesse accadere (ma il PD della città di Parma stà operando proprio in questo modo, a partire dalla lodevole iniziativa ParMap) altre, più amare e piu drastiche non potranno che essere le riflessioni e le scelte.
Parma, 26 agosto 2015
Massimo Rutigliano

Pubblicato in Politica Parma
Domenica, 21 Dicembre 2014 11:00

Nicola Levoni designato alla Presidenza di Assica

Le funzioni sono svolte da oggi e verranno ratificate nel corso dell'Assemblea dei Soci nei primi mesi del 2015.

Milanofiori, 16 dicembre 2014 - Giunta e Consiglio Direttivo di Assica, del 15 dicembre, hanno designato Nicola Levoni, Presidente di Levoni Spa, nuovo Presidente dell'Associazione. Le funzioni sono svolte da oggi e verranno ratificate nel corso dell'Assemblea dei Soci nei primi mesi del 2015. Lisa Ferrarini ha infatti rassegnato le proprie dimissioni da Presidente Assica in ottemperanza alle regole di Confindustria sulle incompatibilità tra la Vicepresidenza nazionale e le cariche nel sistema confederale.

"Ringrazio Lisa Ferrarini per il lavoro svolto e per l'impegno profuso per il settore in questi quattro anni e i membri di Giunta e Consiglio per la mia designazione" ha dichiarato Nicola Levoni. "È un momento chiave per il nostro comparto. Nel 2015 ci aspettano sfide importanti come l'Expo e il rinnovo del Contratto nazionale di lavoro. A questo si aggiunge tutto quello che dovremo fare insieme per crescere, creare reddito e occupazione: aprire i mercati internazionali ai salumi e alle carni fresche, sostenere i consumi in Italia, recuperare redditività e affrontare le sfide delle nuove legislazioni nazionali ed europee, a partire dalla grande rivoluzione dell'etichettatura. Sono grandi temi che Assica affronterà con le Istituzioni nazionali e comunitarie, dialogando con tutti gli anelli della filiera e i Consorzi di tutela: perché oggi il comparto cresce se lavora unito."

Nicola Levoni ha già una vasta esperienza nel mondo consortile e associativo maturata come Vicepresidente dell'Associazione (dal 2013), Presidente dell'Istituto Valorizzazione Salumi Italiani (dal 2006 al 2012), Presidente di ISIT-Istituto Salumi Italiani Tutelati (dal 2012), Vicepresidente del Consorzio Salame Cacciatore e membro del Consiglio di Amministrazione e del Comitato Esecutivo del Consorzio del Prosciutto di San Daniele.

ASSICA - Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi
ASSICA, Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi, è l'organizzazione nazionale di categoria che, nell'ambito della Confindustria, rappresenta le imprese di macellazione e trasformazione delle carni suine. Nel quadro delle proprie finalità istituzionali, l'attività di ASSICA copre diversi ambiti, tra cui la definizione di una politica economica settoriale, l'informazione e il servizio di assistenza ai 160 associati in campo economico/commerciale, sanitario, tecnico normativo, legale e sindacale. Competenza, attitudine collaborativa e affidabilità professionale sono garantite da collaboratori specializzati e supportate dalla partecipazione a diverse organizzazioni associative, sia a livello nazionale che comunitario. Infatti, sin dalla sua costituzione, nel 1946, ASSICA si è sempre contraddistinta per il forte spirito associativo come testimonia la sua qualità di socio di Confindustria, a cui ha voluto aderire sin dalla nascita, di Federalimentare, Federazione italiana delle Industrie Alimentari, di cui è socio fondatore, del Clitravi, Federazione europea che raggruppa le Associazioni nazionali delle industrie di trasformazione della carne, che ha contribuito a fondare nel 1957.

(fonte ASSICA)

Martedì, 19 Agosto 2014 10:45

Periti industriali, rinnovato il consiglio

Il Collegio dei Periti Industriali di Modena rinnova il Consiglio Direttivo nel segno della continuità. Confermato Alberto Bevini.

Modena, 19 agosto 2014 – Il Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati di Modena ha, nei giorni scorsi, rinnovato il proprio Consiglio Direttivo nel segno della continuità, confermando con il 73% delle preferenze Alberto Bevini alla carica di Presidente e facendo registrare un'alta affluenza alle urne per il rinnovo degli organismi dirigenziali della categoria in ambito locale.
Molto significativo anche il rinnovamento generazionale: il nuovo Consiglio avrà un'età media di 45 anni, mentre la componente femminile sarà di 2 consigliere una delle quali assumerà anche la carica di Segretario del Collegio, a testimonianza di una categoria aperta e attenta alle necessità di una professione ormai non più esclusiva prerogativa maschile.
Il nuovo Consiglio direttivo risulta quindi così composto da Alberto Bevini (Presidente), Elisa Capitani (Segretario), Andrea Verdi (Tesoriere) e dai consiglieri Carlo Alberto Bertelli, Fabio Luccarini, Luciana Pagiusco, Enrico Pivetti, Luca Torricelli e Nicola Zecchini.
"Desidero ringraziare pubblicamente tutti gli iscritti che hanno voluto manifestare il proprio interesse alle vicende del nostro Collegio professionale recandosi ai seggi ed esprimendo il proprio voto" afferma il Presidente Alberto Bevini. "L'alta partecipazione alle nostre elezioni interne – prosegue Bevini – testimonia la vitalità e la concretezza che caratterizzano la nostra professione. La mia soddisfazione deriva sia dall'esito personale del voto sia – soprattutto – da quello della nostra lista "Crescere Insieme", che ha visto eletti tutti i componenti. Ringrazio gli iscritti per la rinnovata fiducia e confermo che questo Consiglio avrà come scopo principale quello di prestare attenzione alle esigenze dei colleghi, ma anche di aprire il nostro Collegio ai rapporti esterni con le Istituzioni locali e regionali. Sono certo che questo Consiglio dimostrerà di essere un gruppo coeso ed efficiente, in grado di affermare quelle che sono le nostre capacità e l'importanza del nostro ruolo".
Il Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati di Modena è stato fondato nel 1946, conta ad oggi 1023 iscritti di cui circa 200 sono giovani Under 40. La maggior parte degli iscritti pratica prevalentemente la libera professione, gli altri si dividono tra attività imprenditoriale e come dipendenti presso gli uffici tecnici di Enti pubblici ed aziende private. Il Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati di Modena conta 16 diverse specializzazioni; con questa articolazione riesce a coprire gran parte delle esigenze impiantistiche, e non solo, del nostro territorio. La cultura e la tradizione dell'istruzione tecnica degli eccellenti Istituti della nostra provincia (ITIS Corni, ITIS Fermi, ITIS Da Vinci ed altri) vengono arricchite dall'esperienza professionale e tramandata dai periti industriali "senior" alle giovani generazioni di periti industriali. Il Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati di Modena partecipa a tutti i tavoli tecnici e politici al pari delle altre professioni, con particolare attenzione verso le altre realtà tecniche del territorio.
- Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della provincia di Modena -

Pubblicato in Lavoro Modena
Domenica, 09 Febbraio 2014 09:26

Patfrut, Piero Emiliani è il nuovo presidente

 

 

Succede a Luciano Torreggiani che ha lasciato il vertice dell’importante cooperativa ortofrutticola di Monestirolo (Ferrara)

 

 - 05 Febbraio 2014 -

Ferrara, 5 Febbraio 2014. Piero Emiliani, 45 anni, imprenditore agricolo di Molinella (Bologna) con alle spalle oltre 20 anni di attività nel settore orticolo, è il nuovo presidente della Patfrut, importante realtà ortofrutticola di Monestirolo di Ferrara, aderente alle Organizzazioni di produttori Apo Conerpo ed Asso.Pa., a Conserve Italia, Confcooperative e Legacoop.

Emiliani, già consigliere della cooperativa, è stato eletto dal Consiglio di amministrazione della Patfrut a seguito delle dimissioni di Luciano Torreggiani. Nella stessa seduta il Consiglio ha anche cooptato come nuovo consigliere Enea Veronesi, titolare di un’azienda agricola di Calderara di Reno (Bologna).

“A breve – ha dichiarato il neo presidente Emiliani – si svolgerà l’assemblea dei soci per nominare il nuovo Consiglio di amministrazione che sarà chiamato a lavorare per offrire le risposte migliori alle esigenze della base sociale. Personalmente, sono decisamente soddisfatto di aver ottenuto una nomina all’unanimità, che testimonia il valore del mio forte impegno come agricoltore e cooperatore. Sono anche consapevole delle responsabilità del mio ruolo finalizzato al raggiungimento di nuovi obiettivi nell’interesse di tutta la cooperativa e quindi dell’intera base sociale”.

Nella campagna 2012/2013 il fatturato della Patfrut ha superato i 62 milioni di euro con un aumento del 3% circa rispetto all’esercizio precedente. La produzione conferita, ottenuta su una superficie di 4.000 ettari, si è attestata sulle 114.000 tonnellate (32.000 di frutta, 34.000 di ortaggi e 32.000 di prodotti destinati all’industria) a cui si aggiungono oltre 16.000 tonnellate di prodotti acquistati nelle aree più vocate del Paese

 

 Il piacentino Francesco Milza alla guida di Confcooperative dell’Emilia Romagna. Promozione della cooperazione e sostegno alla crescita le priorità.

 

Bologna,  dicembre 2013 --

Milza Francesco Confcooperative ER gde

Francesco Milza è il nuovo presidente di Confcooperative Emilia Romagna, associazione che raggruppa quasi 1.750 imprese con 72.000 addetti, oltre 273.000 soci e un fatturato superiore ai 12.600 milioni di euro, cui va aggiunta la raccolta delle Banche di Credito Cooperativo, con la quale raggiunge i 26.200 milioni di euro. Subentra a Massimo Coccia.

Nato a Piacenza 49 anni fa, studi universitari in Scienze Politiche con indirizzo in Relazioni Industriali alla Statale di Milano, dal 2004 Francesco Milza è presidente della Confcooperative di Piacenza. È inoltre vice presidente e consigliere delegato della cooperativa San Martino, società che ha fondato nel 1987 ed opera nel settore dei servizi all’impresa, nonché vice presidente e Amministratore delegato della società Piacentina, azienda specializzata nella logistica agroalimentare. 

“In questo periodo, caratterizzato da una diffusa crisi economica, – dichiara il neo presidente Milza – Confcooperative ha saputo rafforzare la propria identità, costruendo relazioni forti e stabili con le cooperative associate e con le Istituzioni e confermandosi un punto fermo ed importante del tessuto economico e sociale”. “Il nostro – prosegue Milza – non è quindi un modello imprenditoriale di secondo piano, ma costituisce una via privilegiata per poter avviare la ripresa, valorizzando il patrimonio umano e generando una economia etica ed inclusiva”.

“Nell’attuale, difficile, congiuntura – prosegue Francesco Milza – la cooperazione non solo è riuscita a garantire la tenuta occupazionale, ma continua a rappresentare un bacino prezioso e per certi versi unico di nuove opportunità di lavoro, confermando così la sua vocazione storica a offrire le risposte più convincenti nei periodi di maggiore difficolta economica e sociale del nostro Paese”. “In quest’ottica – conclude il presidente Milza – Confcooperative Emilia Romagna proseguirà con decisione nella promozione di nuova cooperazione e nel sostegno alla crescita competitiva delle cooperative, garantendo alle imprese associate il massimo supporto per affrontare la crisi. In definitiva, la cooperazione deve continuare ad essere protagonista, progettualmente attiva, innovatrice, per poter realmente essere di supporto alle cooperative e garantire futuro e prospettive all’intero movimento”.

(fonte confcooperative E.R.)

Pubblicato in Economia Emilia
Pagina 3 di 3