Visualizza articoli per tag: musei del cibo

A Monticelli Terme, il 30 agosto e il 13 settembre.

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Sabato 3 settembre, ore 16.30, presso il Museo del Prosciutto a Langhirano è in programma la presentazione delle nuove decorazioni. Con ingresso e visita guidata gratuiti

Sabato 3 settembre a partire dalle 16.30, all'ex Foro Boario di via Bocchialini - sede del Museo del Prosciutto e dei salumi di Langhirano -, è in programma la presentazione delle nuove decorazioni delle Vetrate del Museo che sono state realizzate partendo da antiche incisioni d'epoca.
Ad inaugurare il pomeriggio, la consegna da parte dell'Associazione Melusine al Museo di un'antica formella votiva con l'effigie di Sant'Antonio Abate col maiale.

Successivamente Giancarlo Gonizzi, Coordinatore del circuito dei Musei del Cibo della provincia di Parma e Alessandra Mordacci, Conservatore del museo, daranno inizio alla passeggiata illustrativa per raccontare attraverso aneddoti e notizie uniche le origini, la storia e l'evoluzione del Prosciutto di Parma.

L'evento, gratuito, è pensato per tutti: per i più curiosi ed appassionati di gastronomia, per i professionisti del settore e per chi semplicemente vuole approfondire la conoscenza di uno dei prodotti che hanno reso Parma ed il suo territorio famosi in tutto il mondo. Per l'occasione l'ingresso al Museo sarà gratuito dalle ore 16,30 alle 18,00.

L'iniziativa è ospitata all'interno della XIX edizione del Festival del Prosciutto di Parma che ogni anno celebra il "Suo" Prosciutto attirando nella celebrata Food Valley numerosi turisti e professionisti del settore che avranno la possibilità di conoscere e degustare una delle eccellenze gastronomiche del Made in Italy ed apprezzare inoltre le bellezze culturali *** e naturalistiche dei luoghi d'origine.

***
Tra queste è il castello di Torrechiara (sec. XV) dove l'Associazione Melusine condurrà, sabato 3 settembre, visite guidate gratuite (offerte dalla Strada del Prosciutto di Parma) alle ore 11:00, alle 14:45 e alle 18:15. Nella Cappella di corte dedicata a San Nicomede, la pala d'altare, opera del 1462 di Benedetto Bembo, raffigura tra gli altri proprio Sant'Antonio abate con un porcellino di razza cinta senese ai suoi piedi.

Di seguito il programma completo di tutte le attività ed orari del Museo del Prosciutto in occasione del Festival del Prosciutto di Parma.

ORARI APERTURA MUSEO PROSCIUTTO
Sabato 3 - Domenica 4
Sabato 10 - Domenica 11
Apertura Museo e Prosciutteria ore 10,00-20,00
Visite guidate gratuite alle ore 11,00 e alle ore 17,00
L'ingresso è 3,00 euro per tutti ed è gratuita la visita guidata.

Sabato 17
Apertura Museo e Prosciutteria ore 10,00-18,00
Visite guidate gratuite alle ore 11,00 e alle ore 17,00
L'ingresso è 3,00 euro per tutti ed è gratuita la visita guidata.

Domenica 18
Apertura Museo e Prosciutteria ore 9,30*-18
Visite guidate gratuite alle ore 11,00 e alle ore 17,00
L'ingresso è 3,00 euro per tutti ed è gratuita la visita guidata.
* 9,30 è determinato dalla presenza di un evento: vedi sotto.

Da Lunedì 5 a venerdì 9
Da Lunedì 12 a venerdì 16
Apertura Museo e Prosciutteria ore 15-18: visite al Museo del Prosciutto (Via Bocchialini). Ingresso ridotto per tutti "Speciale Festival" (3,00 euro). La mattina apertura su prenotazione per gruppi (t. 0521.821139).

EVENTI AL MUSEO DEL PROSCIUTTO
3 settembre
MUSEO DEL PROSCIUTTO - Visite e degustazioni (Via Bocchialini). Apertura continuata 10,00-20,00. Ingresso ridotto per tutti "Speciale Festival" (3,00 euro), gratuito dalle 16,30 alle 18. Presso la Prosciutteria del Museo sarà attivo il servizio di degustazione.

3 settembre - Langhirano - Museo del Prosciutto - ore 11,00.
Visita guidata gratuita. Ingresso ridotto per tutti "Speciale festival" (3,00 euro).

3 settembre - Langhirano - Museo del Prosciutto - ore 16,30
Consegna al Museo di una antica formella votiva con l'effigie di Sant'Antonio Abate e il maiale da parte dell'Associazione Melusine. Alessandra Mordacci e Giancarlo Gonizzi raccontano la curiosa storia di Sant'Antonio e del suo legame col maiale. Presentazione delle nuove vetrate figurate del Museo.
Ingresso libero dalle 16,30 alle 18,00.
3 settembre - Castello di Torrechiara - ore 11,00 – ore 14,45 – ore 18,15
Visite guidate gratuite al Castello dove i dipinti consentono riferimenti al paesaggio agrario medievale, alla cura del maiale e alla figura di Sant'Antonio abate, effigiato nella cappella di corte con il suo principale attributo iconografico: un maialetto. Il biglietto d'ingresso è a carico dei partecipanti; intero 4 euro; ridotto 18/25 anni euro 2 - gratuito fino a 18 anni.

Pubblicato in Dove andiamo? Parma
Sabato, 27 Agosto 2016 09:35

Tomaca Fest 2016 - L'oro rosso in piazza

Il fotoracconto di Francesca Bocchia della prima giornata di TOMACA FEST 2016, il festival che celebra la polpa. L'oro rosso della tradizione celebrato anche lungo le strade dei Musei del Cibo. (vai in galleria immagini)

Dall'esigenza di valorizzare un prodotto indispensabile per l'economia locale nasce TOMACA FEST 2016, il festival dedicato a uno dei frutti simbolo della dieta mediterranea. Per il primo anno il Comune di Collecchio e l'Azienda Stuard festeggeranno insieme, nell'ultimo week end di agosto 26-27-28, una delle eccellenze del settore agro-industriale del nostro territorio: il Pomodoro.

26082016-TOMACAFESTIVAL2016 02026082016-TOMACAFESTIVAL2016 032

TOMACA FEST 2016 sono tre giorni di festeggiamenti, approfondimenti e intrattenimento per tutti. Tra i Musei del Cibo della provincia di Parma quello dedicato all'oro rosso, il Pomodoro, è proprio uno dei luoghi in cui verranno ospitati alcuni appuntamenti della manifestazione. Di origine notoriamente americana, il Pomodoro ha trovato nel suolo parmense un terreno fertile già a partire dalla seconda metà dell'Ottocento diventando, nel corso del tempo, un luogo di riferimento a livello nazionale ed internazionale per la trasformazione. Oggi vengono esportati in tutto il mondo non solo i 'Prodotti' a base di Pomodoro ma anche la tecnologia per l'industria conserviera. Il Pomodoro è a pieno titolo protagonista nel percorso museale che valorizza i prodotti tipici della Food Valley. Anche la sede del museo dedicato, un centro di trasformazione agroalimentare d'epoca medievale, non poteva essere location più adeguata. La Corte di Giarola (Collecchio) oggi è anche sede del Parco Fluviale Regionale del Taro.

Ancora una volta il Circuito dei Musei del Cibo ospita diversi appuntamenti legati alla tradizione del prodotto simbolo della dieta mediterranea.
Venerdì 26 agosto il primo appuntamento è in piazza Garibaldi, grazie all'ospitalità del Comune di Parma, con l'esposizione della collezione delle biodiversità di Pomodoro a cura del Podere Stuard. La festa proseguirà poi con la cena rossa; un'occasione unica per invitare amici e parenti a cenare in piazza con una tavola rigorosamente imbandita di rosso.

26082016-TOMACAFESTIVAL2016 01626082016-TOMACAFESTIVAL2016 022

Ad inaugurare la giornata di sabato 27 agosto sarà il convegno - "Le istituzioni premiano la ricerca" - in programma presso la sede del Museo del Pomodoro. Immersi nell'affascinante cornice della Corte di Giarola i professionisti della trasformazione, guidati dal OI Pomodoro da Industria del Nord Italia, incontreranno le ultime ricerche promosse da SSICA (Stazione Sperimentale Industria Conserviera Alimentare) e si confronteranno sull'attuale situazione del comparto conserviero e delle possibilità di sviluppo futuro, nel segno della sostenibilità. Al termine del convegno, alle ore 12, il Coordinatore dei Musei del Cibo Giancarlo Gonizzi e il prof. Ballarini accompagneranno i partecipanti ad una visita guidata al Museo del Pomodoro.
Nel pomeriggio di domenica 28 agosto, a partire dalle ore 16.00 un'attività rivolta alle famiglie con bambini dai 7 anni: Scopri un tesoro al Museo del Pomodoro!

Un modo nuovo per scoprire il Museo, giocando con spirito di osservazione e un pizzico di creatività. Molte le prove che i partecipanti, divisi in squadre, dovranno superare per conquistare il tesoro: attività creative, prove di memorizzazione, giochi di associazione e tanto altro ancora.
Attività gratuita fino ad esaurimento dei posti disponibili. Prenotazione consigliata al 347- 4018157.
In serata, invece, ci si sposterà a San Pancrazio con visita alla mostra pomologica per conoscere il Pomodoro della biodiversità e successivamente, all'interno del Podere Stuard, si terrà una cena a base di pomodoro e prodotti del territorio.

Infine, per domenica 28 agosto, il ritrovo sarà al Parco Nevicati di Collecchio. Durante la giornata ci sarà un Pic-Nic a cura di Slow Food, una gara di cucina a tema Pomodoro, un cooking show del celebre chef Guerrino Maculan e tanti laboratori per adulti e bambini. Tra questi il laboratorio "la passata come si faceva una volta" vedrà come protagoniste le "resdore" che sveleranno i trucchi per preparare un'ottima passata anche a casa.

Per i più curiosi non mancheranno infine le occasioni di visita agli stabilimenti produttivi della zona e ai Musei del territorio: Museo Guatellli (Ozzano) e Museo del Pomodoro (Corte di Giarola). Al Museo del Pomodoro, inoltre, nelle giornate di sabato 27 e domenica 28 agosto l'ingresso sarà gratuito. Domenica pomeriggio, oltre alla "caccia al tesoro" in programma per le ore 16.00, ci sarà l'apertura straordinaria del PomoCovo (dalle 14.30 alle 18.00).

L'impegno è che TOMACA FEST possa diventare un appuntamento fisso in grado di appassionare e coinvolgere tutti gli amanti, e non solo, delle tradizioni, della cultura e della valorizzazione del territorio parmense, una terra di storia e di sapori antichi.

Per info: www.collecchioonline.it , www.stuard.it  oppure presso L'Emporio al Podere Stuard o tramite mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

(Guarda la galleria immagini)

26082016-TOMACAFESTIVAL2016 012 26082016-TOMACAFESTIVAL2016 003

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia

Sabato 9 aprile l'inaugurazione della sala realizzata grazie alla ditta Rodolfi Mansueto. Giocare, leggere, disegnare e imparare saranno alcune delle attività ricreative che sarà possibile realizzare in uno spazio a misura di bambino, creato all'interno del Museo del Pomodoro della Corte di Giarola, grazie al contributo della Rodolfi Mansueto S.p.A.

Sabato 9 aprile alle ore 10,00 avrà luogo l'inaugurazione ufficiale del nuovo Spazio ludico didattico, che sarà tenuto a "battesimo" dalla classe 2^E della Scuola "D. Galaverna" di Collecchio, accompagnata dalla Prof. Michela Castiglioni. A seguire gli studenti collecchiesi prenderanno parte ad alcuni laboratori didattici sull'"oro rosso" protagonista del Museo, che proseguiranno fino a mezzogiorno. Apertura straordinaria poi nel pomeriggio, con ingresso libero e laboratori gratuiti per tutti i piccoli alle ore 15,00, 16,00 e 17,00 a cura di Esperta. Prenotazione consigliata: 0521 803017; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Libri illustrati, il Domino del Pomodoro, giochi di carte, di memoria o di velocità: tutti i materiali dello Spazio ludico didattico saranno a tema fattoria, frutta, verdura e altri alimenti. "L'idea – spiega Roberta Mazzoni, Responsabile della didattica dei Musei del Cibo – è che i Musei del Cibo siano vissuti come spazi pensati anche ai più piccoli, con ambienti a loro riservati nei quali approfondire l'esperienza fatta con i genitori durante la visita". Non solo dunque Musei come percorsi espositivi ma anche luoghi di svago in cui tornare e divertirsi con mamma e papà: "Qualunque oggetto può essere lo spunto per nuove scoperte e conoscenze e questo Spazio è allestito proprio per avvicinarsi ancor più alle tematiche dell'alimentazione ed in particolare al pomodoro e agli altri vegetali".

"Questo spazio – commenta Maurizio Ceci, presidente dei Musei del Cibo – sarà un luogo deputato a diffondere i temi dell'educazione alimentare, che non è limitata alla conoscenza della caratteristiche nutrizionali di un prodotto, ma si estende all'intera cultura che ci gira attorno. Desidero ringraziare Roberta Mazzoni, che con grande intelligenza ha ideato questa sala in modo da coinvolgere sia i bambini in visita con le famiglie che le scuole del territorio per rafforzare ancor più il rapporto scuola-museo. Ma un particolare ringraziamento va a Giuseppe Rodolfi e alla sua azienda per la sensibilità e l'attenzione che hanno dimostrato nel sostenere questo progetto".

"La sala didattica – dichiara Giuseppe Rodolfi, Presidente della Rodolfi Mansueto S.p.A – è intestata a Mansueto Rodolfi, mio padre, in quanto pioniere della coltivazione del pomodoro e della produzione di allora della conserva di pomodoro. Dalla fine del 1800, il pomodoro è parte integrante della nostra zona e dell'intera pianura parmense, dalla coltivazione alla lavorazione nelle fabbriche, ed ha creato una tradizione e una cultura del territorio che unisce agricoltura e industria e dà lavoro a migliaia di persone. Proprio in questa Corte di Giarola sorgeva una delle prime fabbriche per la lavorazione del pomodoro, della quale oggi purtroppo restano solo le mura diroccate.

La Sala ludico didattica va dunque ad integrare il Museo del Pomodoro ove le nuove generazioni, e specialmente i più piccoli, dopo la visita, possono sperimentare i vari prodotti che attualmente, grazie ad una razionale ed evoluta agricoltura e ad un'industria all'avanguardia, si producono e sono sinonimo di bontà, sicurezza e salute alimentare".

La Rodolfi Mansueto S.p.A sorge da 120 anni a pochi chilometri da Giarola. Un'azienda legata al territorio e al mondo agricolo, che proprio in occasione dell'Expo di Milano si è aperta a molti visitatori esteri ed italiani, nonché alla popolazione locale con il motto della tradizione e dell'innovazione.
(Fonte uff. stampa Museo del Pomodoro)

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia

Parmigiano Reggiano, Pomodoro, Pasta, Vino, Salame e Prosciutto: un percorso culinario tra le eccellenze del territorio. Il 1° marzo riapre la stagione di visite, eventi e laboratori del circuito 
della provincia di Parma, che comprende tanti appuntamenti gratuiti per tutti i bambini.

Parma, 20 febbraio 2016

Con la consueta riapertura del 1° marzo, il circuito dei Musei del Cibo della provincia di Parma dà il via ad una stagione 2016 colma di eventi, degustazioni e laboratori didattici. Un anticipo di primavera per coloro che desiderano approfittare del clima mite per organizzare le prime gite fuori porta e fare tappa nei templi della buona tavola di Parma, da poco insignita del titolo di "Città creativa della gastronomia UNESCO".

I Musei dedicati a Parmigiano Reggiano, Pomodoro, Pasta, Vino, Salame e Prosciutto sono ormai i protagonisti indiscussi degli itinerari culturali e golosi del territorio parmense, tra rocche, castelli, pievi e teatri. Non solo sedi di notevole valore storico-architettonico, ma luoghi che testimoniano il legame indissolubile tra i prodotti e gli edifici che ne ospitano i musei e l'identità locale.

Il primo appuntamento di rilievo dopo la riapertura è per sabato 5 marzo alle 15,30 con l'inaugurazione della nuova Sala degustazione annessa al Museo del Vino di Sala Baganza. Per l'occasione l'ingresso al museo sarà libero e verrà offerto a tutti un brindisi beneaugurale. A seguire, alle ore 16,00, bambini e ragazzi dai 6 ai 12 anni potranno partecipare a "Tra anfore, tini e bottiglie", un evento curato dalla Pro Loco Sala Baganza. Guidati da Babette, figlia del Re di Francia, di casa alla Corte ducale di Parma, i partecipanti saranno coinvolti in una Caccia al Tesoro negli affascinanti ambienti del Museo alla scoperta dell'uva e delle stagioni della vigna. La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria presso IAT Parma, tel. 0521 218889, aperto tutti i giorni 9,00-19,00.

Domenica 6 marzo farà invece tappa al Museo della Pastanello scenario della Corte di Giarola (Collecchio) – l'evento itinerante "Al Museo con Gusto!", che rientra nel progetto del Comune di Parma "Crescere in Armonia, Educare al Benessere" con la collaborazione dei Musei del Cibo.
Dalle 15,30 alle 17,30,
una visita guidata appositamente pensata per i piccoli dai 6 ai 12 anni, li accompagnerà attraverso l'allestimento museale, cercando di far emergere tutte le curiosità e le domande di ciascuno. Seguirà un laboratorio interattivo sul Gusto, dove con rigore scientifico, ma anche con modalità divertenti e coinvolgenti, i partecipanti saranno accompagnati alla scoperta di come funziona questo senso così fondamentale quando si parla di alimentazione. L'evento è a cura di Roberta Mazzoni, Didattica Musei del Cibo. La partecipazione è gratuita per tutti i bambini/ragazzi e per un max di due accompagnatori adulti a testa. La prenotazione è obbligatoria presso IAT Parma, tel. 0521 218889, aperto tutti i giorni 9,00-19,00.

Laboratorio Museo Pasta cibo bambini

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Domenica 18 ottobre, tutte le attività gratuite del circuito museale della provincia di Parma. Un evento globale che vede protagonista, nel Paese più buono del mondo, un circuito d'eccezione con sette Musei del Cibo e un denso calendario di attività per tutta la famiglia.

Si tratta della "Giornata mondiale dell'alimentazione 2015", che verrà celebrata domenica 18 ottobre in tutta la provincia di Parma per ricordare la nascita della FAO nel 1945. Per tutto il giorno, tra le 10,00 e le 18,00, i Musei dedicati ai prodotti enogastronomici principi del territorio saranno aperti al pubblico con ingresso libero e numerose attività interattive gratuite: laboratori, tour multimediali e "speciali" visite guidate e animate.

A condurre i percorsi saranno esperti e studiosi chiamati a raccontare le storie e i segreti dei prodotti che rendono famosa la Food Valley nel mondo e animatori con consolidata esperienza. Numerosi incontri vedranno al centro in particolare i più piccoli, che saranno padroni del museo per un pomeriggio grazie all'iniziativa "Un Museo tutto per noi", proposta dall'Associazione Googol negli spazi espositivi di Felino (Museo del Salame) e di Soragna (Museo del Vino).

Anche ai musei di Collecchio (Museo del Pomodoro e della Pasta) i bambini potranno divertirsi "Con le mani in pasta..." per fare esplorazioni senso-percettive e giochi di memorizzazione proposti da Esperta, mentre al Museo del Vino di Sala Baganza sarà caccia al tesoro con "Al Museo con Babette". Infine al Museo del Prosciutto di Langhirano si avrà la prima tappa del progetto "Crescere in armonia, educare al benessere 2015-2016" del Comune di Parma, con l'appuntamento "Al Museo c'è più Gusto!": bambini e ragazzi, accompagnati dai propri genitori, potranno partecipare ad una visita guidata, espressamente pensata per loro, e ad un laboratorio interattivo per scoprire come funziona il senso del Gusto.

"In sintonia con gli obiettivi della manifestazione internazionale – spiega Maurizio Ceci, presidente dei Musei del Cibo della provincia di Parma – questa giornata ai Musei farà riflettere sul valore, simbolico oltre che culturale, del cibo. In primis dunque mettiamo il non spreco e il rispetto dell'alimentazione, temi che quest'anno sono al centro di Expo a Milano. Ma sottolineiamo anche il forte contenuto di identità culturale che si lega al cibo di ogni Paese".

Ecco il programma nel dettaglio:
* MUSEO DEL PARMIGIANO REGGIANO – SORAGNA
Aperto dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 - Ingresso libero
Ore 16,00 - "Un Museo tutto per noi"
I bambini padroni del Museo per un pomeriggio. Percorso guidato e interattivo, attraverso tante tappe dislocate all'interno dell'allestimento del Museo. Racconti, giochi ed esperimenti per scoprire insieme, bambini e genitori, che cosa è un museo e a cosa serve, le storie che raccontano gli oggetti, quanta esperienza e scienza si nascondono negli alimenti che portiamo in tavola. Una mappa verrà lasciata ad ogni bambino per non perdersi e per... ritornare! Consigliato dai 6 ai 12 anni. In collaborazione con Googol.
Ore 17,00 - Visita guidata gratuita al Museo del Parmigiano Reggiano
A seguire - Nel contiguo Museo della Civiltà contadina di Mauro Parizzi, visita guidata alle tecniche di produzione e trasformazione dei prodotti alimentari. Mostra: "Dalle api al miele" sulla apicoltura antica.

* MUSEI DELLA PASTA E DEL POMODORO – CORTE DI GIAROLA – COLLECCHIO
Aperto dalle 10 alle 18 - Ingresso libero
Menu speciale (a pagamento) al Ristorante della Corte
Ore 15,00 - "Con le mani in pasta..."
Visita animata al Museo della Pasta per famiglie con bambini.
Guidati da un racconto, i bambini saranno coinvolti in una visita animata con attività interattive, esplorazioni senso-percettive, giochi di memorizzazione e creatività alla scoperta della storia della pasta. Consigliato dai 6 ai 12 anni. In collaborazione con Esperta.
Ore 16,00 - "Scatole d'amore in conserva: pasta, pomodoro e Futurismo"
Visita guidata al Museo del Pomodoro, con Giancarlo Gonizzi Coordinatore dei Musei del Cibo.
Durante la visita intervento di Carlo Grandi sulla curiosa storia dell'apriscatole.
Ore 17,00 - Visita guidata gratuita al Museo della Pasta

* MUSEO DEL VINO – ROCCA DI SALA BAGANZA
Aperto dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 - Ingresso libero
Ore 16,00 - "Al Museo con Babette"
Visita animata al Museo del Vino per famiglie con bambini.
Guidati da Babette, figlia del Re di Francia, di casa alla Corte ducale di Parma, i bambini saranno coinvolti in una visita animata con caccia al tesoro finale negli affascinanti ambienti del Museo alla scoperta dell'uva e delle stagioni della vigna.Consigliato dai 6 ai 12 anni. In collaborazione con Pro Loco Sala Baganza.
Ore 17,00 - Visita guidata gratuita al Museo del Vino

* MUSEO DEL SALAME – CASTELLO DI FELINO
Aperto dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 - Ingresso libero
Menu speciale (a pagamento) al Ristorante del Castello
Ore 16,00 - "Un Museo tutto per noi"
I bambini padroni del Museo per un pomeriggio. Percorso guidato e interattivo, attraverso tante tappe dislocate all'interno dell'allestimento del Museo. Racconti, giochi ed esperimenti per scoprire insieme, bambini e genitori, che cosa è un museo e a cosa serve, le storie che raccontano gli oggetti, quanta esperienza e scienza si nascondono negli alimenti che portiamo in tavola. Una mappa verrà lasciata ad ogni bambino per non perdersi e per... ritornare! Consigliato dai 6 ai 12 anni. In collaborazione con Googol.
Ore 17,00 - Visita guidata gratuita al Museo del Salame

* MUSEO DEL PROSCIUTTO – LANGHIRANO
Aperto dalle 10 alle 18 - Ingresso libero
Possibilità di degustazioni (a pagamento) alla Prosciutteria del Museo
Ore 15,30 - "Al Museo c'è più gusto!"
Visita guidata al Museo fra maiali e curiosità e laboratorio interattivo per bambini, ragazzi e famiglie alla scoperta del senso del gusto. Consigliato dai 6 ai 12 anni. In collaborazione con Comune di Parma nell'ambito del progetto "Crescere in armonia, educare al benessere 2015-2016". Prenotazione obbligatoria presso Parma Point tel. 0521 931800 (tutti i giorni, 9,30-19,30).
Ore 17,00 - Visita guidata gratuita al Museo del Prosciutto

* MUSEO D'ARTE OLEARIA – SAN SECONDO PARMENSE
Aperto dalle 15 alle 18 - Ingresso libero
Ore 17,00 - Visita guidata gratuita al Museo d'Arte Olearia Orsi-Coppini

 

(Comunicato Stampa Musei del Cibo)

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

A pochi chilometri da Milano, pronta ad accogliere i visitatori di Expo 2015, c'è Parma, per antonomasia territorio di cultura e di eccellenze enogastronomiche. Una storia millenaria custodita nei Musei del Cibo.

Parma, 19 aprile 2015 -

Expo 2015 è un evento atteso da tempo, un momento in cui tutti saranno chiamati a riflettere sul significato profondo dell'impegno a "Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita". Questo spirito porterà a Milano l'intero pianeta; un mondo intero che si confronterà sul ruolo del cibo per l'uomo e per la società.

Expo quindi non sarà solo Milano, ma sarà un punto di partenza per guardare a tutto il territorio italiano. Sarà un'occasione unica per presentare i territori a tutto il mondo seguendo il fil rouge tematico dell'esposizione universale 2015.

A pochi chilometri da Milano, pronta ad accogliere i visitatori di Expo 2015, c'è Parma, per antonomasia territorio di cultura e di eccellenze enogastronomiche. A raccontarle troviamo il circuito dei Musei del Cibo della provincia di Parma, sei percorsi museali dedicati ai prodotti che hanno contribuito a far crescere e a diventare famosa la Food Valley italiana, raccontandone la storia, le tradizioni, le evoluzioni industriali e il loro contributo alla cultura nazionale.

I Musei del Parmigiano Reggiano, della Pasta, del Pomodoro, del Salame, del Prosciutto e la Cantina dei Musei del Cibo nell'anno dell'Expo sono una meta significativa con il loro approccio didattico-esperienziale alla crescita della conoscenza del tema del food, della cultura legata all'agro-alimentare.

Museo del Parmigiano Reggiano - Il Taglio del Nastro novembre 2003

Il lavoro e l'amore per la terra, la ricerca tecnico-scientifica, l'imprenditoria illuminata hanno portato Parma a divenire un luogo simbolo dell'industria agro-alimentare.

Qui si concentrano importanti industrie della lavorazione della pasta, del latte, del pomodoro, dei salumi e dei formaggi tra i più famosi nel mondo, offerti anche grazie ad un'industria meccanica specializzatasi nelle tecnologie d'avanguardia per la lavorazione degli alimenti. Sono proprio le tecniche e le tecnologie produttive, di trasformazione e di conservazione che vengono illustrate in ogni museo, partendo sempre dalla tradizione e dalla cultura che si nasconde dietro ogni alimento.

In questi mesi interamente dedicati al cibo e alla sua funzione nella vita dell'uomo, i Musei continueranno le loro attività intensificando quelle rivolte alle scuole e alle famiglie per rispondere allo spirito di divulgazione e sensibilizzazione delle giovani generazioni che traccia le linee guida di Expo. Tutti insieme per nutrire il nostro pianeta e dare nuova energia alla vita.

MUSEI DEL CIBO - logo cibus