Visualizza articoli per tag: Made in Italy

ECMOlife è il dispositivo prodotto da Eurosets in grado di dare supporto al sistema cardio-respiratorio di pazienti con gravi affezioni cardiache e polmonari, in arresto cardiaco o con compromissione della funzione polmonare dovuta ad infezione da Covid-19

Martedì, 18 Giugno 2019 12:15

Nuovi Obblighi del Made in Italy

di Mario Vacca, Parma 18 giugno 2019 - Con l'approvazione di un emendamento da parte delle Commissioni Bilancio e Finanze della Camera al decreto Crescita (D.L. n. 34/2019), si introduce una modifica all'art. 31 "Marchi storici".

Le imprese del Made in Italy, titolari di marchi registrati da almeno 50 anni, dovranno notificare tempestivamente al Ministero dello Sviluppo Economico le informazioni relative al progetto di chiusura o delocalizzazione dello stabilimento, a pena dell'applicazione di una sanzione fino a 50 mila euro.

L'obbligo informativo "salva-posto di lavoro" non vale solo per le imprese titolari o licenziatarie di un marchio iscritto nel registro speciale dei marchi storici di interesse nazionale, introdotto dal decreto Crescita, ma anche per marchi d'impresa registrati da almeno 50 anni o per i quali sia possibile dimostrare l'uso continuativo da almeno cinquanta anni. L'obbligo scatta in caso di cessazione dell'attività svolta o delocalizzazione della stessa al di fuori del territorio nazionale e vale per i marchi utilizzati per la commercializzazione di prodotti o servizi realizzati in un'impresa produttiva nazionale di eccellenza storicamente collegata al territorio nazionale.

Altri due emendamenti approvati dalle Commissioni prevedono contrariamente alcuni benefici per i produttori italiani che vendono all'estero tra i quali un credito d'imposta, pari al 50%, delle spese sostenute per la tutela legale dei prodotti, inclusi quelli agroalimentari, vittime del famigerato "Italian Sounding"

Pubblicato in Economia Emilia

Trehyus

Natale si avvicina ma ogni anno, tra novembre e dicembre, c'è un giorno molto speciale per tutti gli amanti dello shopping online e degli sconti: è il Black Friday.

Noi di Trehyus non potevamo mancare all'appuntamento col famoso "venerdì nero", tanto che il Trehyus Black Friday non solo vi permetterà di risparmiare sull'acquisto dei nostri prodotti, ma vi consentirà di avere un biglietto d'ingresso speciale per uno spettacolo di magia, e tutti voi, senza differenza d'età, potrete tuffarvi nel nostro mare d'arcobaleno.

Quello di Trehyus sarà un Black Friday pieno di regali che raccontano l'arte e la tradizione dei mestieri, l'artigianato, il "fatto a mano", l'unico e irripetibile. Mug, tazze e ciotole interamente dipinte a mano, arricchite con aforismi motivazionale e ricchi di gioia, per voi e per chi vi sta attorno.

Comprare un prodotto Trehyus non significa solamente portare a casa un oggetto inanimato e privo di emozioni. Le nostre ceramiche e i prodotti tessili sono vivi e respirano assieme a voi, vi accompagnano nell'arco di tutta la giornata.

Indossare una nostra pashmina significa due cose: tuffarsi in un morbido abbraccio, lasciandosi coccolare da un tessuto di altissima qualità; sentirsi coccolare dalle parole dei nostri aforismi e dai disegni dipinti a mano dai nostri artisti. Tutto diventerà estremamente rassicurante; vi sembrerà che le persone attorno vi sorridano. Provate se non mi credete, solo così capirete veramente ciò che intendo.

Cosa dire poi delle nostre pochette? Vi voglio raccontare come nascono. Abbiamo scelto per voi i migliori tessuti, come potete tranquillamente vedere osservando i nostri prodotti. Tessuti alla moda che rendono le pochette Trehyus estremamente belle da indossare, adatte a chi ama lo stile classico ma anche a chi ama lo street style. Le pochette Trehyus sono interamente fatte a mano: prima vengono tagliati i tessuti, poi dipinti e arricchiti da un nostro aforisma, infine cuciti al fine di creare la borsetta. Anche in questo caso, a differenza di una pochette classica, fredda e inanimata, Trehyus vi offre qualcosa di vivo e in grado di offrire emozioni. Gli altri leggeranno l'aforisma dipinto sulla pochette e capiranno il vostro stato d'animo, si renderanno conto, care amiche, di quanto voi siate felici.

Ci sono poi le magliette dipinte a mano, i berretti e gli zainetti, tutti decorati dai nostri artigiani. Stiamo parlando di prodotti unici, care amiche e cari amici, prodotti che solo voi potrete avere perché irripetibili. Anche qui gli aforismi vi accompagneranno, sia che indossiate una maglietta o un berretto, sia che portiate sulla spalla uno zainetto.

C'è poi la ceramica Trehyus. Tutti i nostri prodotti sono dipinti a mano, unici. Tazze, mug, teiere, tazzine da caffè, tutto è artigianale e allo stesso tempo design. Ogni oggetto è dipinto, porta con sé il profumo dell'arte, Vi potrete tuffare in pozzanghere di cielo o vivere di aquiloni, potrete bagnarvi le mani di arcobaleno o sfiorare la pelle dei sogni. Decidete voi se amare di più i disegni, gli aforismi, o magari entrambi, saranno loro ad accompagnarvi accarezzandovi per tutto il giorno.

Regalatevi un po' di felicità, ne avete tutto il diritto, perché senza gioia il futuro sarà sempre troppo lontano per poterlo cogliere.

Trehyus vi offre poi tutta una serie di magliette realizzate attraverso la stampa serigrafica. Il tessuto con cui sono realizzate queste t-shirt è in assoluto tra i migliori. Le magliette sono tutte made in Italy. Capi di qualità elevata, aforismi scritti a mano su carta, e dai quali poi si sono realizzati dei telai per la stampa in serigrafia.

Il 23 novembre sarà una giornata molto speciale e noi di Trehyus siamo pronti ad accogliervi a braccia aperte
 
 
Pubblicato in Comunicati

Roma, 18 NOV – "Mi fa piacere che ciò che sto dicendo da mesi riguardo alla tutela del Made in Italy, che va estesa a tutte le nostre eccellenze, dal cibo al tessile, dalla moda al design, dalla meccanica ai motori e tanto altro, sia condiviso anche dal ministro Salvini. Forza Italia ha presentato in Parlamento, a mia prima firma, una proposta di legge per istituire il ministero del Made in Italy. Facciamone una battaglia comune di tutto il centrodestra, perché ora più che mai occorre un Ministero ad hoc per tutelare, promuovere e commercializzare ciò che sappiamo far meglio, che tutti ci invidiano e che rappresenta il nostro Paese, la nostra cultura e le nostre imprese nel mondo".

Lo afferma Benedetta Fiorini, deputata di Forza Italia e prima firmataria della proposta di legge per l'istituzione del Ministero per il Made in Italy.

 

foto_Benedetta_Fiorini.jpg

Pubblicato in Economia Emilia
Mercoledì, 15 Novembre 2017 09:27

FICO Eataly World

Un giro in anteprima negli immensi spazi di FICO Eataly World – La Fabbrica Italiana Contadina: 2 ettari di campi e stalle all'aria aperta, 40 fabbriche alimentari, laboratori, 40 tra ristoranti e bar, mercato e botteghe in un viaggio nella cultura ed eccellenza del made in Italy.

Testo e foto di Chiara Marando -

Oggi aprono le porte del tanto atteso FICO Eataly World - La Fabbrica Italiana Contadina: 2 ettari di campi e stalle all'aria aperta, 200 animali e 2.000 coltivatori, per raccontare la varietà e la bellezza dell'agricoltura e allevamento nazionali; 8 ettari coperti con 40 fabbriche alimentari che hanno prodotto tutti gli ingredienti più celebri della tavola italiana; oltre 40 luoghi ristoro allestiti, dai bar fino ai chioschi di cibo di strada ed ai ristoranti stellati; 9.000 metri quadrati di botteghe e mercato con il meglio dei prodotti e del design; aree dedicate allo sport, ai bimbi, alla lettura e ai servizi; 6 aule didattiche e 6 grandi "giostre" educative per far sperimentare e conoscere i segreti del fuoco, della terra, del mare, degli animali, delle bevande e del futuro; il centro congressi modulabile da 50 a 1.000 persone, con spazi per teatro e cinema; corsi ed eventi che animeranno tutti gli spazi di FICO.

Fico-bologna-madeinitaly.jpg

Insomma, un mondo legato all'eccellenza, alla storia e alla tradizione del Made in Italy, un mondo che nasce con la volontà di promuovere e valorizzare le nostre produzioni, inserendosi a pieno titolo tra i grandi protagonisti dell'innovazione europea.

Fico-bologna14.jpg

E il 9 novembre FICO ha aperto per un'anteprima dedicata ai media, un tour alla scoperta di ogni angolo e spazio che a breve sarà animato da avventori, certamente entusiasti per quello che potranno scoprire ed assaporare. Ad accogliere i giornalisti, il direttore generale per la Promozione del Sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri Vincenzo De Luca, e Gianni Bastianelli, direttore di ENIT, Agenzia Nazionale del Turismo, insieme al sindaco di Bologna Virginio Merola, al fondatore di Eataly Oscar Farinetti, all'amministratore delegato di FICO Eataly World, Tiziana Primori, al presidente della Fondazione FICO Andrea Segrè, al direttore generale del CAAB Alessandro Bonfiglioli e al direttore generale di Prelios Sgr, Andrea Cornetti.

Fico-bologna18.jpg

Una giornata che ha messo l'Italia al centro del mondo, promossa in collaborazione con ENIT, che proprio con FICO ha sottoscritto un accordo per fare della Fabbrica Italiana Contadina un volano di attrazione turistica a livello internazionale, favorendo il turismo e il rafforzamento dell'immagine del prodotto e del territorio italiano, soprattutto nell'ambito dell'enogastronomia.
Perché la cultura del buon mangiare e del buon bere rappresentano un patrimonio che dobbiamo imparare a valorizzare, una ricchezza frutto di esperienza, rispetto, impegno, tradizione tramandata nel tempo e capacità di evolversi rimanendo fedeli alle proprie radici.

2017-Fico-bologna-madeinitaly

E questa ricchezza si può respirare passeggiando per i vari spazi di FICO, si può scoprire, apprendere e degustare con le meraviglie della biodiversità italiana, si può capire la nostra agricoltura e la trasformazione alimentare che ha reso celebre la nostra terra. In un unico luogo si riesce ad assistere alla preparazione del pane e della pasta fatta a mano e a macchina, all'olio uscire dal frantoio, ma anche imparare a fare le caramelle; stupirsi e divertirsi con le esperienze nelle giostre multimediali; assaggiare i prodotti freschi e fragranti; vedere e toccare gli animali e i doni della terra; entrare in contatto con i protagonisti del Parco e le 150 aziende coinvolte nella sua realizzazione.

2017-food-Fico-bologna

2017-Fico-bologna-venchi

FICO Eataly World
www.eatalyworld.it 
Via Paolo Canali, 8 – 40127
Bologna (BO) -Italia

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia
Venerdì, 10 Novembre 2017 09:51

Il racconto in anteprima di FICO Eataly World

Un giro in anteprima negli immensi spazi di FICO Eataly World – La Fabbrica Italiana Contadina, che aprirà al pubblico mercoledì 15 novembre 2017: 2 ettari di campi e stalle all'aria aperta, 40 fabbriche alimentari, laboratori, 40 tra ristoranti e bar, mercato e botteghe in un viaggio nella cultura ed eccellenza del made in Italy.

Testo e foto di Chiara Marando -

Ormai manca pochissimo, tra qualche giorno si apriranno le porte del tanto atteso FICO Eataly World - La Fabbrica Italiana Contadina: 2 ettari di campi e stalle all'aria aperta, 200 animali e 2.000 coltivatori, per raccontare la varietà e la bellezza dell'agricoltura e allevamento nazionali; 8 ettari coperti con 40 fabbriche alimentari che hanno prodotto tutti gli ingredienti più celebri della tavola italiana; oltre 40 luoghi ristoro allestiti, dai bar fino ai chioschi di cibo di strada ed ai ristoranti stellati; 9.000 metri quadrati di botteghe e mercato con il meglio dei prodotti e del design; aree dedicate allo sport, ai bimbi, alla lettura e ai servizi; 6 aule didattiche e 6 grandi "giostre" educative per far sperimentare e conoscere i segreti del fuoco, della terra, del mare, degli animali, delle bevande e del futuro; il centro congressi modulabile da 50 a 1.000 persone, con spazi per teatro e cinema; corsi ed eventi che animeranno tutti gli spazi di FICO.

Fico-bologna-madeinitaly.jpg

Insomma, un mondo legato all'eccellenza, alla storia e alla tradizione del Made in Italy, un mondo che nasce con la volontà di promuovere e valorizzare le nostre produzioni, inserendosi a pieno titolo tra i grandi protagonisti dell'innovazione europea.

Fico-bologna14.jpg

E il 9 novembre FICO ha aperto per un'anteprima dedicata ai media, un tour alla scoperta di ogni angolo e spazio che a breve sarà animato da avventori, certamente entusiasti per quello che potranno scoprire ed assaporare. Ad accogliere i giornalisti, il direttore generale per la Promozione del Sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri Vincenzo De Luca, e Gianni Bastianelli, direttore di ENIT, Agenzia Nazionale del Turismo, insieme al sindaco di Bologna Virginio Merola, al fondatore di Eataly Oscar Farinetti, all'amministratore delegato di FICO Eataly World, Tiziana Primori, al presidente della Fondazione FICO Andrea Segrè, al direttore generale del CAAB Alessandro Bonfiglioli e al direttore generale di Prelios Sgr, Andrea Cornetti.

Fico-bologna18.jpg

Una giornata che ha messo l'Italia al centro del mondo, promossa in collaborazione con ENIT, che proprio con FICO ha sottoscritto un accordo per fare della Fabbrica Italiana Contadina un volano di attrazione turistica a livello internazionale, favorendo il turismo e il rafforzamento dell'immagine del prodotto e del territorio italiano, soprattutto nell'ambito dell'enogastronomia.
Perché la cultura del buon mangiare e del buon bere rappresentano un patrimonio che dobbiamo imparare a valorizzare, una ricchezza frutto di esperienza, rispetto, impegno, tradizione tramandata nel tempo e capacità di evolversi rimanendo fedeli alle proprie radici.

2017-Fico-bologna-madeinitaly

E questa ricchezza si può respirare passeggiando per i vari spazi di FICO, si può scoprire, apprendere e degustare con le meraviglie della biodiversità italiana, si può capire la nostra agricoltura e la trasformazione alimentare che ha reso celebre la nostra terra. In un unico luogo si riesce ad assistere alla preparazione del pane e della pasta fatta a mano e a macchina, all'olio uscire dal frantoio, ma anche imparare a fare le caramelle; stupirsi e divertirsi con le esperienze nelle giostre multimediali; assaggiare i prodotti freschi e fragranti; vedere e toccare gli animali e i doni della terra; entrare in contatto con i protagonisti del Parco e le 150 aziende coinvolte nella sua realizzazione.

2017-food-Fico-bologna

2017-Fico-bologna-venchi

Quindi, per quando prepararsi?
L'appuntamento con l'apertura ufficiale di FICO Eataly World Tour è per mercoledì 15 novembre 2017.

FICO Eataly World
www.eatalyworld.it 
Via Paolo Canali, 8 – 40127
Bologna (BO) -Italia

Pubblicato in Cronaca Emilia

Anuga - Federalimentare difende Made in Italy: ritirati prodotti Italian Sounding Ministro Martina: "Presidio essenziale per tutelare nostra filiera"

Colonia, 10 ottobre - Arriva da Anuga, la più grande fiera del mondo dedicata al food, una nuova importantissima conferma per il Made in Italy. L'alimentare italiano, infatti, ha dato grande prova di sé in Germania mettendo in mostra la sua eccellenza con ben 1200 imprese, aggiudicandosi così il titolo del Paese in assoluto più rappresentato, battendo anche i padroni di casa. Non solo numeri però, anche qualità e innovazione hanno distinto la produzione italiana su cui per la prima volta Federalimentare ha attuato un'attività di vigilanza e tutela.

20171017-Italian-Sounding4Nei giorni della fiera, infatti, Federalimentare, in collaborazione con Fiere di Parma e con uno studio legale italo-tedesco, ha attivato per le sue aziende presso lo stand Cibus un desk gratuito di ascolto, consulenza legale e intervento contro l'Italian Sounding, una fra le più subdole forme di comunicazione ingannevole per il consumatore che si sostanzia attraverso l'attribuzione di origine italiana ad un prodotto che in realtà non lo è.

"È essenziale —ha detto il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Martina—un presidio costante che tuteli e protegga la vera italianità. Il lavoro fatto con Federalimentare ad Anuga è, in questo senso, un passo importante per contrastare concretamente il fenomeno dell'Italian sounding e per tutelare tutta la filiera agroalimentare italiana".

Un servizio che ha dato subito i suoi frutti. Alcuni prodotti con nomi evocativi dell'italianità, da Pasta Ciao alla passata Tomatino, con tanto tricolore in bella mostra, pur senza aver nulla a che fare con il nostro Made in Italy, sono stati ritirati grazie al pronto intervento del desk negli stand della Serbia, dell'Ucraina, della Grecia, della Turchia, di Panama e della Romania, caso quest'ultimo ora al vaglio del tribunale di Colonia. In certi casi si è trattato di ritiro volontario dopo la segnalazione, in altri di una conseguenza a misure legali come la diffida. Scaricabili a questo link alcuni esempi di Italian Sounding riscontrati in fiera: https://we.tl/l0mM2N6NqC .

"Finalmente il real Italian viene riconosciuto e tutelato anche fuori confine e non solo contro denominazioni o trade mark, ma anche contro l'Italian Sounding - ha commentato Luigi Scordamaglia, presidente di Federalimentare - Un'azione necessaria se pensiamo che il giro d'affari maturato da prodotti contraffatti e Italian Sounding si attesta ben oltre i 60 miliardi di euro, un terzo dei quali solo sul mercato americano".

Anche secondo Antonio Cellie, Ceo di Fiere di Parma, "Il desk ad Anuga, oltre ad essere la continuazione ideale e legale del percorso di Cibus, da sempre l'evento fieristico di riferimento dell'Authentic Italian, è la testimonianza della validità di una alleanza strategica tra Fiere di Parma e Koeln Messe che garantisce, a livello mondiale, visibilità e promozione nonché tutela al nostro Made in Italy Alimentare".

20171017-Italian-Sounding2

 

Pubblicato in Agroalimentare Emilia
Martedì, 31 Gennaio 2017 16:40

Riviera Gin: il primo Gin made in Italy

FlashOn Mag, da sempre interessato a mettere in evidenza le eccellenze del nostro Bel Paese, quest'oggi propone una novità made in Italy nel campo del food and beverage: il Riviera, primo gin italiano nato da un'antica ricetta tutta da scoprire.

 

di Cecilia Novembri

Riviera Gin primo made in Italy     

   

    Il Gin, già da tempo, si sta facendo largo nel mondo degli amanti dei distillati e sempre di più si       sta allargando il sentiero italiano del Gin!

 

    I sentori di ginepro, cardamomo, coriandolo, pepe nero, bacche di rosa canina,               rosmarino, prugna, ciliegia, nocciola, bergamotto e note agrumate saranno                       sentori sempre più familiari al palato dei nuovi estimatori di Gin.

 

    La ricoperta e rivalutazione di questa essenza di antica tradizione ha portato molti                         produttori a rispolverare antiche ricette o ad intraprendere nuove sperimentazioni:                          RIVIERA GIN è il risultato di questa nuova sensibilità del mondo enologico nei confronti del           Gin.

 

 

Riviera Gin primo made in Italy2  

Tutto è partito da un'antica ricetta ritrovata in un cassetto di un vecchio casolare di famiglia frutto di un incontro tra due persone durante la II Guerra Mondiale, un proprietario terriero romagnolo e un ufficiale inglese con una passione e un sogno in comune: creare un distillato che mantenesse inalterata la sua profumazione inconfondibile e il suo gusto classico, usando però l'uva e non i cereali.

Riviera Gin primo made in Italy 3 

Oltre settanta anni più tardi l'antico scritto rivive una nuova gioventù grazie a Riviera Gin, la prima ricetta la cui base è distillata dal vino, l'unico distillato che nasce da vino sangiovese. Coriandolo, cannella, fiori di sambuco, zenzero, ginepro, bergamotto e arance dolci, queste le fragranze botaniche che il Gin made in Italy regala ai propri degustatori e che grazie alla sua fragranza non invadente si accosta perfettamente alla cucina gourmet: già diversi ristoranti hanno scelto di inserirlo nella carta dei menu. Una nuova esperienza da provare.

Riviera Gin primo made in Italy4

With the Courtesy of: amazon.it – reportergourmet.com – rivieragin.com – dissapore.com – ladolcevita.tv – pixabar.com – chiamamicittà.it – viadeigourmet.it

Pubblicato in Cultura Emilia
Sabato, 17 Settembre 2016 10:35

Amazon diventa anche Made in Italy Gourmet

Amazon punta sempre di più sul comparto alimentare. Dopo le consegne a domicilio negli Stati Uniti e in Europa, ora arriva con una novità: una sezione Made In Italy Gourmet. L'utente potrà scegliere tra una ricca selezione di prodotti di eccellenza tipicamente italiani

Di Chiara Marando -

Sabato 17 Settembre 2016

Amazon punta sempre di più sul comparto alimentare. Gli “addicted” dell'acquisto online saranno già capitati sulle tante offerte di prodotti presenti nello store, ma quello che adesso si può trovare è una vera e propria sezione gourmet dedicata alle eccellenze dell'enogastronomia italiana.

Ebbene si, anche il colosso americano investe nel Made in Italy di alta qualità, con specialità del food&wine che mirano a tutelare i consorzi locali

Un'ampia scelta di bontà acquistabili solo con un click, delle quali il consumatore potrà conoscere dettagli e tracciabilità. L'idea è quella di diventare un punto di riferimento anche per quanto riguarda il mondo dell'e-commerce alimentare. E conoscendo le infinite potenzialità di Amazon non è difficile immaginare che l'obiettivo verrà raggiunto.

Amazon Made In Italy

Ma non si tratta di un salto nel buio. Da tempo il re dello shopping mondiale aveva identificato il ramo food&beverege come ambito dalle grandi potenzialità di reddito, affrontandolo per step: prima con consegne a domicilio negli Stati Uniti, poi in Europa ed, infine, anche in Italia.

L'offerta oggi raccoglie un catalogo gourmet da acquolina in bocca, una vetrina ricca di specialità regionali, con prodotti a marchio Igp, Dop e Docg che rappresentano la cucina italiana nel mondo: Parmigiano Reggiano, Aceto Balsamico di Modena, Pasta di grano duro, Culatello di Zibello, Prosciutto di Parma, Speck dell'Alto Adige, alcune tra le migliori produzioni italiane di vino, Confetture e Olio extravergine di oliva. Ma l'elenco è ancora lungo, con più di 1000 articoli suddivisi in categorie, con oltre 50 brand presenti.

parmigiano reggiano

Inutile dire che nel mucchio ci si può imbattere anche in etichette che di artigianale ed eccellente hanno ben poco, con prezzi certamente non da grande distribuzione.

Insomma, benché il servizio sia molto interessante e allettante, è sempre meglio prendersi un po' di tempo per esplorare con calma tutta la vetrina ed evitare la “fregatura”.

prodotti tipici

Giusto per darvi un 'idea, ecco un assaggio di quello che dovreste guardare con sospetto.

Ad esempio, quale legame c'è tra il made in Italy e il box di dolci assortiti Kinder, Haribo o Rittersport? Il dubbio è lecito.

Per non parlare dell'Aceto balsamico Ponti...i commenti sono superflui. Cercando “Parmigiano Reggiano” le opzioni spaziano da eccellenze reali come quello preparato con latte di vacche rosse, il 24 mesi e addirittura il 40 mesi, per arrivare a marchi sconosciuti che non sembrano neppure italiani.

Un ultimo dettaglio da controllare: le quantità. Già, perché capita che la farina venga venduta in pacchi da 25 kg, oppure che la scatola di pelati sia da 2 kg e mezzo ed il Prosciutto di Parma in confezioni da 2 kg. Indubbiamente eccessivi per un uso domestico.

Pubblicato in Cultura Emilia
Domenica, 17 Luglio 2016 12:04

I sapori d'Italia in Giappone

La rubrica dedicata alle "Storie del gusto" parte oggi e come le migliori ricette della grande tradizione italiana, ha un qualcosa di unico quando è semplice, di tradizione e fatta di passione.

Parma, 17 luglio 2016

Il racconto di oggi tocca passione e coinvolgimento per il buon cibo, l'onore e il forte legame con l'Italia per una continua scoperta di talento e sviluppo personale.
Il protagonista è Marco Ferrari, un ragazzo nato a Reggio Emilia, che si è stabilito con tenacia e buona volontà in Giappone e che forte di una esperienza fatta nel Paese del Sol Levante, in dieci anni di attività come responsabile di una società di intermediazione turistica, proprio fra Italia e Giappone, oggi sta promuovendo il buon cibo e i prodotti tipici di Reggio Emilia ad Osaka ed oltre i suoi confini.
La sua grande voglia di intraprendere lo ha messo in contatto con importanti chef, ristoratori ed operatori del settore, fra i quali tanti Italiani che abitando e che lavorano alacremente in Giappone, cercando di emergere e che alla fine svettano a mio parere, per qualità e preparazione, su parecchi colleghi italiani.

vino made in italy italia giappone 1

E' il caso della professionalità dello chef romano Fabrizio Valentini della trattoria romana Casareccio a Mukonuso vicino Kobe; leggendo nei blog giapponesi e di settore, ne esce una cucina "...commovente e di casa" o come dicono altri "...molto fedele a quella romana di una volta"..., io direi che dal punto di vista tecnico è anche molto ricercata, lo chef è preparato ed attento, tanto fedele alla tradizione romana pur ricercando tratti di originalità tipica Italiana.
Tornando invece al Samurai di Reggio Emilia, il ragazzo si è distinto per avere stretto legami e fatto parlare di se nell'ambiente e per questo ho pensato fosse il momento di scrivere di Lui perchè gli eventi e le partecipazioni enogastronomiche ai quali ci sta abituando da tempo, sono di richiamo e ben strutturati, tutto grazie anche a partner rigorosamente italiani e selezionati.
Marco è partito poco dopo il diploma superiore e concreto come sa essere, ha fatto una valutazione lucida e non di semplice istinto come potrebbe sembrare e quindi si è cimentato nella gestione di una azienda turistica a mangement di stampo americano in Giappone, in una Terra dove non era che un ragazzo di belle promesse ed in punta di piedi, ha mosso i primi passi come ricorda Lui: "Sono arrivato a Dicembre del 2005 e a Febbraio del 2006 avevo già un lavoro, che faccio ancora adesso – ricorda – Eppure non sapevo il Giapponese, ma solo l'Inglese, e non avevo più esperienza lavorativa di quando ero partito".

marco ferrari vino food giappone made in italy

Oggi lavora per varie agenzie e non ha abbandonato il sogno di creare un forte legame fra Italia e Giappone proprio come nel 2014 in cui insieme pr la prima volta siamo stati impegnati nella creazione di un evento ad Osaka chiamato "I SAPORI D'ITALIA IN GIAPPONE" e dove l'idea era proprio quella di far sentire ai clienti Giapponesi alcune specialità Italiane abbinate a piatti tipici regionali con alcune selezionate eccellenze come l'Aceto balsamico tradizionale di Reggio Emilia della Acateia San Giacomo di Novellara, il re dei formaggi Parmigiano Reggiano ed una selezione di vini della Valpolicella della cantina di Montecariano a San Pietro in Cariano (Verona).

Ricordo le nostre telefonate kilometriche ed il progetto che ha preso forme sulle nostre divergenze e sulle nostre similitudini, la sua tenacia e la sua preparazione sulla cultura giapponese e la mia esperienza di sommelier hanno fatto rincontrare dopo vent'anni due amici che avevano condiviso l'infanzia nello stesso quartire e che oggi da adulti, da uomini, si sono ritrovati con la stessa passione e professionalità in questo campo.
Ho ritrovato una persona fedele alla tradizione e rispettosa del lavoro altrui, perfettamente integrata ed attenta al gusto emiliano nei confronti dei clienti giapponesi, assetati di spiegazioni e continui approfondimenti, un Popolo davvero affascinante e non così lontano da quello che ci rappresenta come italiani. Il Giappone ha fantasia, tradizione, cultura e rispetto per l'onore, ingredienti di cui la cucina di Marco non può fare a meno per poter costruire il ponte fra queste due culture.
Il progetto ha avuto grande successo ed ha portato a Marco nuovi spunti e punti di vista per il suo futuro che si prospetta di grande rilievo e pieno di idee innovative per il settore enogastromico e dell'ospitality.

www.facebook.com/marcoferrarigiappone 
www.facebook.com/saporidellamamma 

L'Equilibrista

Pagina 1 di 2