Visualizza articoli per tag: Famiglia

Eccoci al 43esimo appuntamento con la rubrica "Dentro la Costituzione". Ogni domenica, il Professor Daniele Trabucco, docente di diritto Costituzionale, entrerà tra le pieghe della nostra Costituzione per svelarne i contenuti noti e meno noti. Un'analisi critica spiegata con semplicità, e calata nei  fatti di attualità. Quest'oggi l'argomento riguarda gli elementi base rilevatori della natura sociale.

Pubblicato in Politica Emilia

“I PROMESSI SPOSI – Providence, Providence, Providence” – primo spettacolo serale – ore 21.00
“IL GIGANTE EGOISTA” –primo spettacolo per famiglie in domenicale – ore 15.30 e 17.00
Nuovo Teatro di Via Pini 16 Parma

Pubblicato in Costume e Società Parma

Con i fondi straordinari europei per la ripartenza post-Covid ci giochiamo il futuro nel prossimo quinquennio.

Pubblicato in Economia Emilia

Lo scorso week end, viste anche le temperature africane registrate in città, sono stati molti quelli che hanno deciso di trascorrere una giornata in montagna in cerca di refrigerio e di un rilassante contatto con la natura.
In tale contesto, brutta disavventura, per fortuna a lieto fine, per una famiglia parmigiana, che ha deciso di passare la domenica a passeggio nei boschi di Corniglio, nella zona vicino al Lago Santo.

Pubblicato in Cronaca Parma
Mercoledì, 19 Maggio 2021 07:39

Famiglie e sviluppo, binomio inscindibile

Significati e mutamenti in atto nell’International Day of Families

Pubblicato in Economia Emilia

Educazione finanziaria tra famiglia, esperti e guru. Per il futuro si guarda a istituzioni e web

Pubblicato in Cronaca Emilia
Domenica, 14 Febbraio 2021 06:34

L’infelicità che viene dal web.

Bullismo e cyberbullismo. - Ci chiediamo spesso come si farà ad uscire dalla fase di un virus che ha sconvolto l’esistenza del mondo intero; le abitudini di un intero pianeta si sono dovute arrendere a ritmi di vita scanditi da isolamenti e brevi uscite, da didattica a distanza e poco o quasi inesistente approccio fisico. 

Pubblicato in Cronaca Emilia
Sabato, 27 Giugno 2020 08:13

Famiglia o lavoro?

di Matteo Impagnatiello Parma 26 giugno 2020 - Lo sapevamo già: nel Belpaese è difficoltoso conciliare il lavoro e la famiglia. I dati diffusi dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro non lasciano alcun dubbio: nonostante l’Italia si trovi da tempo in piena crisi demografica, solo il 21 % delle richieste di part time o flessibilità lavorativa, inoltrate da lavoratori con figli piccoli a carico, è stato accolto.

E’ bello sapere che ci sono persone che non si tirano indietro quando si tratta di aiutare gli altri. Soprattutto chi ha bisogno perché in difficoltà. Gesti semplici, impegno, solidarietà che apprezziamo, ma che sono segno anche di una comunità coesa e solida. In particolare in momenti di bisogno come quello attuale dovuto alle difficoltà indotte dal Coronavirus.” Con poche e semplici parole il Sindaco di Mirandola Alberto Greco, ha voluto ringraziare la società F. C. Scigghiese – società sportiva mirandolese, dedita al volontariato – che tra le proprie file annovera molti operatori delle forze dell’ordine.

La società Scigghiese, data l’emergenza epidemiologia in corso - e le ripercussioni che questa sta avendo anche in termini economici per tante persone e nuclei famigliari che si sono trovati con un reddito ridotto se non in taluni casi privati del reddito medesimo – ha donato al Comune di Mirandola 68 buoni spesa del valore di 25 euro l’uno per un totale di 1700 euro.

Donazione da destinare a quelle persone non abbienti, individuate dall’Amministrazione che per varie ragioni non possono usufruire dei buoni spesi messi a disposizione dalla Protezione Civile e distribuiti in questi giorni dal Comune.

Nel ringraziare nuovamente chi si è prodigato al tal senso e cioè la società Scigghiese - conclude il sindaco Greco - quanto è stato messo a disposizione rappresenta un contributo importante che ci permette di guardare anche oltre l’assegnazione dei buoni spesa e di aiutare anche altri. L’Amministrazione è già al lavoro al fine di contattare ed elargire al più presto quanti effettivamente abbisognano di questo sostegno.

Dalla donazione di farina alle famiglie in difficoltà alle pizze per gli operatori sanitari dell’Ospedale di Cento, la Holding di Renazzo scende in campo a supporto del proprio territorio.

In questi giorni di straordinaria complessità e di enormi sacrifici che coinvolgono l’intera popolazione si moltiplicano i gesti di solidarietà a sostegno della comunità. La famiglia Pivetti, proprietaria da cinque generazioni della storica azienda Molini Pivetti di Renazzo (Fe) specializzata nella produzione di sfarinati, non poteva essere da meno e ha deciso di mobilitarsi di fronte all’emergenza Covid-19 con tre iniziative solidali rivolte al proprio territorio.

Sono stati donati ieri (martedì 14 aprile) alla Protezione Civile di Cento, 140 sacchetti da 1 kg di farina per Pasta Fresca della linea Every Day Molini Pivetti, che verranno distribuiti nei prossimi giorni a cittadini anziani e alle famiglie bisognose del territorio comunale.

La generosità non si ferma qui. Nei giorni precedenti l’azienda ha donato 880 kg di farina, in collaborazione con l’azienda Smurfit Kappa, ai volontari della Croce Rossa di Finale Emilia (Mo) impegnati nella distribuzione di generi alimentari alle famiglie del territorio in difficoltà. Infine, nel giorno di Pasqua, insieme al Ristorante Pizzeria La Pergola di Renazzo, la Molini Pivetti ha regalato a sei reparti dell’Ospedale SS. Annunziata di Cento, 45 pizze destinate al personale sanitario ospedaliero. Un piccolo gesto per ringraziare tutti coloro che quotidianamente lavorano in prima linea nel contrastare il Coronavirus.

Gianluca Pivetti, AD della Molini Pivetti, esprime così il senso di queste iniziative: “La farina è da sempre un bene rifugio in tempi difficili, lo abbiamo visto con l’assalto agli scaffali. In questi giorni che ci vedono tutti sospesi ci sono persone e famiglie più fragili a cui dobbiamo pensare. Per questo abbiamo deciso, grazie allo straordinario lavoro dei volontari di Protezione Civile e Croce Rossa, di agire concretamente donando la nostra farina alle persone più bisognose e fragili. Ci sembra importante dare testimonianza viva della nostra vicinanza alle comunità, coerentemente con l’impegno quotidiano della nostra azienda, da sempre vicina ai bisogni e alle necessità del nostro territorio. Con la farina si possono realizzare diversi prodotti essenziali, dal pane alla pasta, speriamo che questo piccolo gesto aiuti le persone a sentirsi meno sole. Distanti ma vicini, ce la faremo.

La holding, che ha adottato misure di contenimento del virus fra i suoi lavoratori già a inizio marzo, porta avanti quotidianamente il proprio lavoro dando continuità nel rifornimento del cereale e nella distribuzione di farine, nonostante le difficoltà riscontrate a causa di blocchi e dei provvedimenti messi in atto dagli stati confinanti e in Italia.

Pagina 1 di 3