Venerdì, 02 Dicembre 2022 17:55

Dal Campo al Latte 2022: tutta l’innovazione del Consorzio Agrario di Parma per un’impresa zootecnica solida e sostenibile

Scritto da

 Il CAP incontra le imprese agricole della provincia: affollati i workshop itineranti a Fontanellato e a Parma

 

Due giornate, quelle organizzate dal Consorzio Agrario di Parma il 16 e del 30 Novembre, di formazione e informazione a tutto campo sulle tematiche dell’innovazione nella zootecnia sostenibile ; la prima giornata di approfondimento si è svolta a Fontanellato, mentre  la seconda, nella sede CAP a Parma, il tutto alla presenza di numerosi imprenditori agricoli e zootecnici del territorio che non hanno mancato l’appuntamento con gli aggiornamenti in materia presentati dai tecnici esperti del Consorzio agrario. I due seminari itineranti proponevano la medesima attualissima tematica del settore ovvero la migliore sostenibilità dell’impresa a fronte di scenari di mercato mondiali e locali spesso oscillanti e in cui le certezze arrivano proprio dalla solidità dell’expertize maturato da ogni imprenditore: “Dal campo al latte: tutta l’innovazione del Consorzio Agrario di Parma per un’impresa zootecnica solida e sostenibile”. La cronaca degli incontri ha visto l’apertura dei lavori da parte del Direttore Generale del Consorzio Agrario di Parma, Roberto Maddè che , nel portare il saluto del Presidente Giorgio Grenzi, e ricordando la prossima celebrazione del 130° anno di attività del Consorzio agrario - ha rimarcato come “ l’attuale attività di divulgazione e aggiornamento al mondo agricolo provinciale sia perfettamente in continuità con la mission dei padri fondatori del CAP Bizzozero e Guerci”. Subito dopo l’introduzione del direttore Maddè la parola è passata ai relatori che, ciascuno per il proprio settore di competenza, hanno illustrato le soluzioni più avanzate che il  Consorzio Agrario mette a disposizione delle imprese per rispondere in modo adeguato alle esigenze di innovazione e sostenibilità delle produzioni agricole territoriali.

In particolare – è stato sottolineato - il settore macchine ha presentato, a concreta testimonianza dello sforzo in direzione della continua innovazione tecnologica, una serie di attrezzature “4.0” per la fienagione (Kuhn – New Holland), Sistema di alimentazione automatico Pellon, carri miscelatori Siloking e le botti di distribuzione Joskin. Nel dettaglio, il settore zootecnico consortile ha proposto soluzioni alimentari con mangimi salubri NON OGM Emilcap volti a massimizzare l’uso dei foraggi aziendali e delle materie prime europee a minor impronta carbonica. Il settore agronomico, infine, ha illustrato il servizio Agroparma Precision, indispensabile supporto tecnico decisionale per le scelte colturali sostenibili delle imprese agricole. Contestualmente ha proposto soluzioni tecniche per la riduzione dei nitrati nei fieni, aumentandone la qualità (N-Gooo medica special – Actimol 80 – N-Gooo Nitrostop). Le parole chiave che il Consorzio intende declinare nelle azioni a fianco dei propri agricoltori sono Innovazione, Digitalizzazione e Sostenibilità sociale ed economica, e nel corso degli incontri, che verranno ripresi nelle prossime settimane in altre località, sono state ampiamente dibattute ed approfondite. 

A conclusione dei lavori è stato evidenziato l’effetto moltiplicatore della sinergia fra i diversi reparti, caratteristica qualificante dei Consorzi Agrari, anche come prospettiva futura di indirizzo gestionale da consolidare e sviluppare.

PR_CAP_latte_IMG-6230.jpeg

 

Altro in questa categoria: « Zootecnia sostenibile