Visualizza articoli per tag: saldi

Ampia offerta di prodotti e prezzi vantaggiosi spesa media pro capite prevista di 164 euro. Mercoledì 5 gennaio inizieranno in Emilia-Romagna i saldi invernali.

L’emergenza COVID-19 sta mettendo a durissima prova la tenuta del sistema del commercio di vicinato ed in particolare dell’intera filiera della moda: necessario trovare quindi il modo per cercare di ampliare il più possibile il periodo in cui sarà possibile garantire le migliori occasioni di acquisto.

Lunedì, 05 Agosto 2019 11:03

Lo Sbaracco Day raddoppia! 7 e 8 settembre.

LO SBARACCO A SETTEMBRE RADDOPPIA! SABATO 7 E DOMENICA 8  CACCIA ALL’AFFARE NEI NEGOZI DEL CENTRO STORICO REGGIANO

Reggio Emilia, 5 agosto 2019. Formula vincente non si cambia. Vero, infatti ci saranno i super sconti sulla merce di fine stagione, ci saranno i banchetti davanti alle vetrine con la merce in promozione, ci saranno i commercianti del centro storico pronti a dar vita alla settima edizione dello “Sbaracco”, la festa del piccolo commercio di qualità. Per la prima volta, però, l’iniziativa promossa da CNA Reggio Emilia e CNA Commercio, con il patrocinio del Comune di Reggio Emilia e il sostegno di Assicoop Emilia Nord, si svolgerà per un intero weekend, sabato 7 e domenica 8 settembre.

Una sfida che molti commercianti hanno accettato di buon grado, presa in considerazione da CNA su segnalazione dei commercianti stessi che, sull’onda del successo delle precedenti edizioni, vedono nell’apertura domenicale una possibilità in più per farsi conoscere e dare fondo alla merce estiva dopo le vendite disastrose nei mesi di maggio e giugno.

Le giornate proposte coincidono, non a caso, con la sagra della Giareda: lo “Sbaracco” sarà dunque un motivo in più per andare in centro e animare anche le vie non direttamente interessate dagli stand e dalle bancarelle della Giareda.

Come sempre le proposte dei negozi aderenti, tra conferme e nuove adesioni, sono ampie e per tutti i gusti: abbigliamento uomo, donna, bimbo, calzature, profumerie, ma anche erboristeria, casalinghi, articoli regalo, ottica, profumeria, biancheria e arredamento, elettrodomestici, bigiotteria e accessori, gastronomia.

I commercianti interessati ad aderire possono scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il presidente CNA Commercio Spallanzani: "Stiamo lavorando con le nuove amministrazioni per azioni promozionali collettive che valorizzino i centri storici al di fuori dei saldi"

Reggio Emilia, 17 luglio 2019. "Dopo i mesi di maggio e giugno in forte sofferenza per le vendite, i saldi stanno proseguendo bene, facendo ritornare un po' di ottimismo tra i commercianti e si confermano, dunque, come un momento di vendita "off-line" importante, durante il quale la maggior parte dei clienti "fisicamente" si reca nei nostri negozi attirati dai prezzi vantaggiosi. Una doppia sfida per i commercianti, per giocare al meglio le proprie carte di professionalità, competenza e servizio e far sì che il cliente ritorni anche a saldi terminati". E' il commento di Dino Spallanzani, presidente CNA Commercio Reggio Emilia, a margine dell'inizio dei saldi estivi.

Il timido segnale di ripresa, tuttavia mostra i limiti del provvedimento regionale in vigore dallo scorso anno (delibera del 9 novembre 2016), che ha vietato le vendite promozionali nei 30 giorni prima dei saldi, chiesto da altre associazioni e criticato da CNA, che non ha sortito gli effetti sperati sulle vendite. Ma quanti commercianti l'hanno realmente rispettato?

"Come CNA stiamo lavorando, in ogni caso, su diverse realtà provinciali – conclude il presidente Spallanzani - per favorire il piccolo commercio anche fuori dai canonici saldi, con proposte e politiche di valorizzazione dei centri storici, partendo dagli incontri in calendario con le nuove amministrazioni comunali. Secondo noi ha più senso insistere sulle azioni promozionali collettive, che cercano di valorizzare i piccoli commercianti attraverso iniziative con una chiara riconoscibilità".

E un aiuto ai piccoli commercianti e ai centri storici arriva anche dalla Regione: dopo l'estate, infatti, sarà pubblicato un bando da oltre 4 milioni di euro per il rilancio di botteghe, negozi, bar e ristoranti dell'Emilia-Romagna. I fondi andranno direttamente agli operatori commerciali e saranno previsti meccanismi premiali per chi è in affitto, una novità importante visto che, soprattutto nei centri storici, gli alti costi finiscono, di fatto, per limitare le possibilità di investimento sulla qualificazione dei punti vendita.

Dino_Spallanzani_1.jpg

(Dino Spallanzani)

 

 

 

 

 

Martedì, 08 Gennaio 2019 07:24

Primo week end di saldi, positivo per confesercenti

Saldi in regione indagine Confesercenti E.R. sulle vendite del primo week end: soddisfazione degli operatori e fiducia anche per i prossimi giorni.

L'avvio dei saldi in Emilia Romagna nel primo week end di gennaio ha registrato mediamente un buon andamento delle vendite rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e una generale soddisfazione fra gli imprenditori commerciali e i consumatori. E' quanto emerge dall'indagine svolta dal Centro Studi della Confesercenti E.R. su un campione di imprese commerciali del settore abbigliamento, calzature e accessori della regione.

Il 70% degli intervistati ha confermato un aumento o un livello identico delle vendite nel primo week-end rispetto allo stesso periodo del 2018 e solo il rimanente 30% ha rilevato una diminuzione dei prodotti venduti.

Lo sconto medio praticato è stato del 30%, con un quarto degli intervistati che ha dichiarato di aver praticato già da questo primo week-end uno sconto superiore al 30% con un 5% delle imprese che ha applicato sconti del 50% o più.

Il valore dello scontrino medio è risultato, rispetto allo stesso periodo del 2018, invariato o superiore per più del 75% delle imprese.

Il valore medio dello scontrino è stato di 103,53 euro.

Quasi il 70% delle imprese ha manifestato soddisfazione rispetto all'andamento delle vendite e fiducia per i prossimi giorni di saldi anche perché la proposta, in termini di offerta, rimane alta, con un'ampia possibilità di scelta in termini di prodotti e taglie.

"Il dato è particolarmente significativo – afferma Dario Domenichini, presidente di Confesercenti Emilia Romagna - perché, per le imprese del settore, i saldi continuano a rappresentare una percentuale significativa del volume d'affari annuale (pari al 30,21%) e vengono dopo i primi dieci mesi del 2018 che avevano fatto registrare una flessione delle vendite superiore al 2% parzialmente recuperate nel mese di novembre grazie al cosiddetto Black Friday e al periodo natalizio. Questo inizio serve a ridare un po' di fiducia alle imprese anche se appare sempre più necessario cercare di regolamentare in modo più preciso il fenomeno delle vendite on-line che, ad oggi, per quanto riguarda i grandi gruppi, sfugge spesso ad ogni regolamentazione amministrativa e fiscale generando una concorrenza poco leale e trasparente".

1-vendite-rispetto-2018.png

 

Vendite rispetto 2018

 

 

 

 

 

2-calore_scontrino.png

 

 

Valore scontrino

 

 

3-soddisfazione.png

 

Tasso di soddisfazione

 

Dal 5 gennaio al via le vendite invernali di fine stagione. FISMO Confesercenti, saldi: "Seria opportunità per negozi abbigliamento ma regole da rispettare"
L'Associazione: "Doverosi i controlli rispetto ad eventuali promozioni nei giorni prima della partenza." Sui saldi spesa media prevista introno ai 175 euro a persona

"Un'occasione per i consumatori, che potranno trovare capi invernali a costi scontati. Un'occasione per le attività commerciali modenesi del settore moda e abbigliamento, per cercare finalmente di risalire la china dopo anni non facili." Puntuale arriva il commento di FISMO-Confesercenti Modena, in vista dell'avvio dei prossimi saldi invernali, fissato per il 5 gennaio prossimo, verso i quali cresce comunque l'attesa da parte degli acquirenti. Due mesi – si concluderanno il 4 marzo 2018 – in cui sarà possibile per quanti ne vorranno usufruire di concludere buoni affari, sostiene l'Associazione, considerato che in molti negozi si partirà già con sconti sostanziosi.

Secondo l'organizzazione di categoria, oltre il 50% degli esercizi di Modena e provincia, partirà con riduzioni sul prezzo esposto del 30%, mentre il resto praticherà ribassi iniziali ancora più sostenuti, compresi tra il 40 ed il 50% del costo del capo.

Si cercheranno, in particolare, calzature (pare da sondaggio di Confesercenti nazionale, che un nuovo paio di scarpe sia l'acquisto in saldo più desiderato dagli italiani), prodotti di maglieria e pantaloni. Quindi capispalla, come giubbotti e giacconi, ma anche prodotti tessili e moda per la casa.

In molti approfitteranno dei ribassi: in Emilia Romagna, e quindi anche sul territorio modenese le previsioni sono di una spesa media di 175 euro a persona. "Restano sempre una buona occasione per acquistare a prezzi scontati articoli di qualità – fa sapere FISMO Modena – Con diversi i vantaggi (per restare in tema di qualità del servizio offerto) riscontrabili solitamente in negozio: l'opportunità di conoscere i prodotti da acquistare, toccarli con mano e provarli. Oltre che essere consigliati al meglio dai commercianti."

Il tema dei saldi però per FISMO Modena introduce anche un altro argomento: quello sui controlli rispetto ad eventuali vendite promozionali, nel periodo che anticipa quelle di fine stagione. "Controlli che riteniamo doverosi al fine di evitare forme di concorrenza sleale che arriverebbero a penalizzare solamente quanti rispettano le regole. A tal proposito vogliamo ricordare che l'Articolo 22 della Legge Regionale. In riferimento alle disposizioni collegate alla Legge Regionale di Stabilità per il 2018 viene stabilito che nei 30 giorni antecedenti le vendite di fine stagione non possono essere effettuate vendite promozionali dei seguenti prodotti: abbigliamento, calzature, biancheria intima, accessori di abbigliamento, pelletteria e tessuti per abbigliamento e arredamento. È fondamentale attenersi ai regolamenti, visto e considerato che il settore ancora fatica ad uscire dalla crisi e che fino ad oggi è costato a livello nazionale nel solo 2017 la chiusura di oltre 2400 negozi moda, alcuni anche sul nostro territorio", conclude FISMO.

Da sabato 1 luglio, fino al 29 agosto, secondo quanto stabilito dalla Regione, in Emilia Romagna inizieranno i saldi estivi, un'opportunità per acquistare capi d'abbigliamento, calzature e altri numerosi articoli a prezzi scontati.

Secondo l'Osservatorio Confesercenti, in questo periodo si spenderanno in media circa 94€ a persona, che si possono tradurre in un ammontare complessivo di 419 milioni di euro di vendite nella nostra regione.
"Sono fiducioso – ha dichiarato il presidente della Confesercenti E.R. Dario Domenichini - che l'avvio di stagione dei saldi sia come quello dell'anno scorso, che ha risollevato il morale dei commercianti dopo un inverno certamente non facile. Naturalmente, la variabilità del flusso dei consumatori nei trenta giorni successivi non sarà quello dell'inizio, ma il fatto che sia stato introdotto il divieto di effettuare vendite promozionali nel periodo prima dei saldi, offre un impulso maggiore al desiderio di acquistare e ridona il vero significato alle vendite di fine stagione."

Pubblicato in Cronaca Emilia

Saldi in regione: avvio soddisfacente e buone aspettative per i prossimi giorni di saldi in un sondaggio Confesercenti E.R. Lo scontrino medio, secondo il rilevamento, è stato tra i 70 e i 100 €.

Parma, 11 gennaio 2017

Moderato ottimismo per l'andamento dei primi giorni di vendite e riaffermazione dell'utilità dei saldi come formula che garantisce vantaggi sia al consumatore che all'esercente. E' quanto emerge dall'indagine svolta dalla Confesercenti E.R. attraverso le proprie Associazioni territoriali su un campione di 140 esercenti del settore abbigliamento, per conoscere i risultati dei saldi in regione dal 5 gennaio scorso (dall'inizio dei saldi, all'ultimo week end).
Quasi tutti gli intervistati hanno confermato una stabilità delle vendite (55%) o un aumento (28%), rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso; solo il 17% ha rilevato una diminuzione dei prodotti venduti.
Lo scontrino medio, secondo il rilevamento, è stato tra i 70 e i 100 €.
Il perdurare del freddo, induce inoltre ottimismo anche per quanto riguarda le aspettative del prosieguo dei saldi per la maggior parte degli interpellati.
La maggioranza degli interpellati infine, ritiene utile il divieto di effettuare vendite promozionali nel periodo prima dei saldi introdotto quest'anno in Emilia Romagna se viene fatto rispettare ovunque, anche se non mancano opinioni diverse o operatori che per ora non si esprimono

(Ufficio stampa Confesercenti ER)

Un inizio 2017 all'insegna della convenienza! A Parma Retail dal 5 gennaio al 5 marzo i protagonisti assoluti saranno i saldi invernali. Dai capi di abbigliamento più trendy, agli oggetti di arredamento per la casa, dall'offerta per tutta la famiglia, al food.

Parma, 5 gennaio 2017

Segnatevi in agenda il 5 gennaio, giorno in cui inizieranno i saldi invernali al parco commerciale di Parma. Lo shopping imperdibile grazie a prezzi super convenienti arriva a Parma Retail dove chi vorrà potrà accedere agli sconti in tutti i negozi del parco commerciale e realizzare così i propri desideri.
Le giornate passate a Parma Retail, tra nuovi acquisti, cibo e divertimento, saranno l'occasione per trascorrere insieme alle persone più care momenti di spensieratezza nel periodo dell'anno che più unisce.
Parma Retail si conferma quindi luogo dove vivere una giornata rilassante e divertente e dove poter realizzare i propri desideri grazie alle iniziative pensate per coinvolgere tutti i visitatori e alla varierà dei negozi adatti a soddisfare esigenze di ogni tipo. Il parco commerciale offre anche un'ampia offerta: dai capi di abbigliamento più trendy, agli oggetti di arredamento per la casa, dall'offerta per tutta la famiglia, al food. SIGMA per la spesa di tutti i giorni, HAPPY CASA per gli acquisti casalinghi, Euronics per gli amanti della tecnologia, Ovs, Decathlon, Nike per gli amanti dello sport, Contè e Kiabi per lo shopping di tutta la famiglia e tanti altri ancora. Tra i bar e ristoranti presenti all'interno del parco commerciale Mishi Mishi, Old Wild West, America Graffiti, Bar Millennium, Lino's Coffee, Zumo Fruit Bar accolgono i visitatori per un pranzo, un aperitivo e una cena tra amici.
Il parco commerciale, dal design unico ed inconfondibile, si conferma inoltre una realtà adatta anche ai più piccoli grazie alla zona leisure più grande d'Italia: il parco divertimenti Youngo (circa 9.000 mq) con sale compleanno tematizzate, videogiochi e laser game. Comfort e divertimento fanno del parco commerciale di Parma la meta prescelta per una giornata diversa dalle altre, divertente e mai banale, dalla merenda all'happy hour.
A completare i tanti appuntamenti che coinvolgeranno tutti i visitatori di Parma Retail sarà la presenza, fino al 15 gennaio, di una meravigliosa pista sul ghiaccio dove chi vorrà potrà divertirsi e provare i pattini sul ghiaccio.

saldi parma

Scopri gli orari sul sito parmaretail.it e sulla pagina Facebook!
Per maggiori informazioni visita il sito www.parmaretail.it 
Per info scrivi sulla pagina Facebook di Parma Retail

Pubblicato in Dove andiamo? Parma
Mercoledì, 06 Gennaio 2016 12:38

Saldi con denuncia

Le offerte effettuate dai negozi con l'inizio dei saldi non sono bastate ad una 16enne che ha pensato di poter ottenere uno sconto "totale" sui capi desiderati. Ieri, a seguito di una segnalazione giunta al 112, una pattuglia del Nucleo Radiomobile di Parma è intervenuta presso il negozio di abbigliamento Oviesse di via Emilio Lepido dove il personale addetto all'antitaccheggio aveva fermato una 31enne di origini campane unitamente a tre minorenni.

I militari hanno accertato che la sorella minore della donna, di soli 16 anni, era stata notata mentre prelevava dagli scaffali alcuni capi di abbigliamento e si recava all'interno del camerino per poi uscirne senza nulla in mano.
Nonostante la confusione dovuta ai molteplici avventori i movimenti della giovane non sono passati inosservati e quando la stessa si è recata all'uscita delle casse ha causato l'attivazione del sistema antitaccheggio.

Dal successivo controllo è emerso che la , all'interno della borsa, alcuni indumenti femminili del valore di circa 150 euro. Al termine di tutti gli accertamenti la ragazza è stata denunciata in stato di libertà per furto e la refurtiva restituita al negozio.

Pubblicato in Cronaca Parma
Pagina 1 di 2