Visualizza articoli per tag: Halloween

Domenica, 27 Ottobre 2019 08:48

Felino: Halloween Party al Babilon Cafe

Di Nicola Comparato - Dolcetto o scherzetto? Il 31 ottobre a Felino si fa sul serio con una serata all' insegna della musica house techno presso il bar Babilon Cafe in Piazza Miodini 4 a Felino (PR). Ad Albertelli Manuel in arte DJ Trinity, membro dell'associazione culturale Vinylistic, noto per aver suonato nei locali "Bar Mercury", "Gambero" e "Bagarre", spetterà il compito di animare la serata dietro alla console.

Aperitivo in musica dalle ore 18.30, chiusura alla ore 24.

Per informazioni 347 229 6560

Pagina Facebook Dj Trinity

https://www.facebook.com/Dj-trinity-1585642538359110/ 

Babilon Cafe vi aspetta il 31 ottobre con la nuova gestione. Vietato mancare.

 

IMG-20191026-WA0043_1.jpg

Pubblicato in Dove andiamo? Parma
Martedì, 31 Ottobre 2017 14:56

Per la sera di Halloween: Brioche di zucca

Una ricetta gustosa, facile e di sicuro effetto per la notte più spaventosa dell'anno. L'ingrediente principe: la zucca.

Di CM –

Avete già pensato a qualche dolcetto o preparazione particolare per la notte di Halloween?
Inutile dire che la zucca fa da padrona e permette di realizzare non solo divertenti decorazioni e luminarie "spaventose", ma anche golose leccornie da gustare nella serata più dark dell'anno.
Io vi consiglio una ricetta facile da preparare, ottima da mangiare e molto bella da vedere...perché, soprattutto per le feste, anche l'occhio vuole la sua parte: Brioche di zucca.

Ingredienti per circa 12 brioche:

  • 500 gr farina 00
  • 12 gr lievito di birra
  • 50 gr di latte freddo
  • 50 gr di zucchero, meglio se semolato
  • 150 gr di purea di zucca
  • 1 uovo
  • 50 gr di burro
  • 1 pizzico di sale
  • 1 tuorlo per spennellare

Preparazione:

Cuocete la zucca per circa 10 minuti in acqua bollente o a vapore. Frullatela e versate la polpa in un pentolino con il burro, lasciando cuocere il tutto a fiamma molto bassa e mescolando per amalgamare. Appena sarà pronto, spegnete il fuoco e aggiungete il latte continuando a mescolare; lasciate intiepidire il composto, unitevi l'uovo, lo zucchero e lavorate l'impasto con la frusta o il frullino elettrico per qualche minuto. A questo punto, aggiungete il lievito sbriciolato.

In una planetaria, versate la farina, un pizzico di sale e, poco alla volta, il composto di zucca appena preparato, continuando ad impastare fino ad ottenere un panetto liscio, compatto e morbido.

Fate lievitare per circa 1 ora.

Trascorso il tempo necessario per la lievitazione, tagliate 12 parti uguali, rendetele appena tonde e realizzate dei piccoli tagli con il coltello, circa 8. Dovranno ricordarvi la forma della zucca. Spennellate ogni zucca con il tuorlo, ponetele in una teglia con carta forno e create il "picciolo" infilando un seme di zucca centralmente ad ogni porzione, o un chiodo di garofano. Lasciate lievitare per altri 30 minuti e infornate a 180° per 15 minuti.

Che siano tiepide, calde o fredde, il risultato vi sorprenderà!

Pubblicato in Food
Martedì, 01 Novembre 2016 15:24

La Ghiaia in festa per Halloween - le foto

Da festa Irlandese, poi naturalizzata Statunitense, e infine a festa globale. La festa di Halloween ha conquistato il mondo occidentale e si è imposta, ormai da diversi anni, anche in Italia. Al motto "Dolcetto Scherzetto" tutti a divertirsi anche in Piazza Ghiaia.

(In Galleria Immagini le Foto di Francesca Bocchia - in fondo pagina)

31102016-HALLOWEEN GHIAIA 2016 054

 

31102016-HALLOWEEN GHIAIA 2016 055

Pubblicato in Cronaca Parma

Avvicinandoci ad Halloween, festa di origine anglosassone tanto amata dai bambini per la tipica frase "dolcetto o scherzetto" prendiamo spunto per proporvi una ricetta dolce e golosa, anche nella versione "gluten free", proposta da ILARIA BERTINELLI. Interessante con il vino di abbinamento da accompagnare al dolcetto proposto da CECILIA NOVEMBRI.

Di Ilaria Bertinelli e di Cecilia Novembri

La Ricetta (senza glutine; vegetariana; senza frutta a guscio)

La cannella è la spezia che mi suscita immediatamente il pensiero delle atmosfere invernali e natalizie; mi fa pregustare i sapori di una cioccolata in tazza aromatizzata, oppure di una fetta di strudel consumata in un rifugio di montagna, magari di fronte ad un caminetto.

Girelle alla cannella ricetta

Ma oltre a tanta bontà, la cannella ha anche tante proprietà terapeutiche. E' infatti ottima per rafforzare le difese dell'organismo (sarà forse un caso che venga utilizzata nei climi freddi?) e soprattutto, grazie alla presenza di polifenoli, svolge un'azione anti-glicemizzante naturale, importante dunque per chi è affetto da diabete.
Questi biscotti sono perfetti per tutto l'anno, non solo per l'inverno e non solo a colazione, ma anche come fine pasto accompagnati dal giusto vino oppure come spuntino pomeridiano. Sono inoltre molto pratici perché, una volta preparati, si possono conservare a lungo se messi in una scatola di latta ben chiusi. Che altro aggiungere: provateli!

Girelle alla cannella e Gewurztraminer

Ingredienti

250 g farina di riso*
200 g burro
170 g farina di mais fine*
75 g zucchero
75 g zucchero a velo*
2 uova intere
8 g lievito per dolci
1 punta di bacca di vaniglia
2 cucchiai di zucchero Demerara più un po' per spolverare i biscotti
2 cucchiaini cannella

(*) Versione con glutine sostituire la farina senza glutine con:
- 120 g di farina
- 100 g di fecola di patate

Girelle alla cannella abbinamento con Gewurztraminer

PREPARAZIONE

  • Mescolare il burro con lo zucchero e lo zucchero a velo, i tuorli e la vaniglia con un cucchiaio fino a quando risulta cremoso
  • Aggiungere la farina e incorporare bene.
  • Stendere due rettangoli di 20x30 cm su un foglio di carta forno
  • Nel frattempo mescolare lo zucchero Demerara con la cannella e spolverare il composto sulla frolla
  • Con un mattarello premere leggermente in modo che lo zucchero e la cannella vengano incorporati dalla frolla
  • Arrotolare il rettangolo dal lato di 20 cm usando la carta per aiutarvi.
  • Mettere in frigorifero per circa 30 minuti.
  • Riscaldare il forno a 180°C
  • Tagliare circa 20 biscotti, cospargere un altro pizzico di zucchero Demerara
  • Cuocere per 10-12 minuti fino a quando risultano dorati.

Girelle alla cannella ricetta gluten free

L'Abbinamento Vino

Sono soffici coccole al profumo di cannella.
Il gusto non esageratamente complesso, dove la cannella e la vaniglia sono gli elementi più significativi.

Per questo occorre degustarle con un vino che abbia un profumo intenso, floreale e fruttato, con note di miele e cannella, un gusto piacevole, su un fondo molto morbido e dolce ma mai stucchevole, un vino di grande struttura con lunga persistenza.

Girelle alla cannella halloween Gewurztraminer

Perfetto un GEWURZTRAMINER VENDEMMIA TARDIVA dai bellissimi riflessi dorati.

Girelle alla cannella Gewurztraminer vendemmia tardiva

CREDITS: viversano.net – vinoincantina.it – giocagioca.com – desainer.it – lastampa.it – blog.wecoffeestore.com – xtrawine.com – greenme.it – nutrifree.it – vitattiva.info – comefare.com – naturasi.it – tuttosalute.net – it.dreamstime.com – girlan.it – italianwineshop.it – winefolly.com

Questo pomeriggio alle 16.30, in occasione di Halloween, il Barilla Center presenta il laboratorio gratuito Scacciamostri per bambini e bambine dai 6 anni in su.

Parma, 29 ottobre 2016

La festa più spaventosa dell'anno, Halloween, sta per arrivare e per l'occasione il Barilla Center di Parma organizza un laboratorio gratuito, nell'ambito della rassegna Circus Days.
Oggi, Sabato 29 ottobre alle ore 16.30 in piazzetta centrale l'appuntamento è con il Laboratorio Scacciamostri per bambini/e dai 6 anni in su, curato da Circolarmente, in collaborazione con MisterLino Officina Lana Caffè, che offrirà i gomitoli di lana. Un laboratorio sensoriale per diventare bambini e bambine "senza paura", in piazzetta centrale verranno allestite scatole sensoriali con apposite fessure per infilarvi le mani, così i bambini e le bambine saranno guidati in un percorso tattile alla ricerca del materiale per costruire uno scacciamostri.

Pubblicato in Dove andiamo? Parma
Giovedì, 30 Ottobre 2014 16:40

Halloween accende la zucca

La tradizione della festa di Haloween, con i consigli della Confederazione Italiana Agricoltori di Reggio Emilia per la scelta delle varietà per l'intaglio e per la cena della notte di Halloween -

Reggio Emilia, 30 ottobre 2014 -

E' arrivata già da qualche anno la moda della celebrazione di Halloween, una festa di origine celtica che ha preso piede soprattutto negli Stati Uniti, ma appunto, è arrivata fino a noi. La ricorrenza è una festività anglosassone che trae le sue origini da radici celtiche che ha assunto negli Stati Uniti le forme accentuatamente macabre con cui oggi la conosciamo e che si celebra la notte del 31 ottobre. La parola Halloween rappresenta una variante scozzese del nome completo All-Hallows-Eve, cioè la notte prima di Ognissanti.

E' la zucca il simbolo di questa festività. In essa vengono intagliati volti più o meno minacciosi illuminati da candele. Gli irlandesi inizialmente utilizzavano rape intagliate e altre verdure di stagione con la candela accesa dentro, per ricordare la leggenda e anche per tenere lontani gli spiriti maligni. La tradizione voleva che questa lanterna "vegetale" - con il ghigno beffardo del tenebroso Jack'o'Lantern - venisse collocata sulla soglia di casa per tutta la durata di Halloween, la notte in cui gli spiriti escono dalle loro tombe.

Quando arrivarono in America, gli irlandesi, al posto delle rape, iniziarono a intagliare le zucche, dopo essersi resi conto che erano più morbide e facili da lavorare, e che nel nuovo continente erano molto più abbondanti. Secondo la cultura tradizionale di molte località italiane, comprese zone della nostra regione, la notte del Giorno dei Morti le anime dei defunti tornerebbero dall'aldilà effettuando delle processioni per le vie del borgo. In alcune zone, come nel mondo anglosassone in occasione della festa di Halloween, era tradizione scavare e intagliare le zucche e porvi poi una candela all'interno per utilizzarle come lanterne.

La zucca -sottolinea la Cia- è di origine americana. Insieme alla patata e al pomodoro è stato uno dei primi ortaggi importati dopo la scoperta dell'America. La coltivazione nazionale copre complessivamente una superficie di circa duemila ettari e interessa soprattutto la Lombardia (Mantova, Cremona, Brescia) e l'Emilia-Romagna (Ferrara, ma anche la Bassa reggiana ha una tradizione, e Reggio vanta una varietà 'autoctona' denominata "Cappello da prete").

Per l'occasione della festa del 31 ottobre -ricorda la Cia reggiana- è consigliabile orientarsi sulla Cucurbita maxima varietà Halloween. Questa zucca particolarmente usata per la festa di Halloween è perfettamente indicata per la cucina, ma è anche molto tenera e si presta quindi alle lavorazioni richieste nell'occasione: svuotamento ed incisione. Se invece si preferisce farne dei tortelli "di zucca" che è un primo piatto tipico della nostra pianura, meglio altre varietà, tra le quali la Mantovana, l'Americana e la Violina; tra queste spicca la suddetta "Cappello da prete", che però è rara, tanto da dover essere adottata dagli "agricoltori custodi" della biodiversità. Per la scelta della zucca al giusto grado di maturazione, preferire quelle con picciolo secco e colore non lucido.

(Fonte: ufficio stampa Cia di Reggio Emilia)

Hanno approfittato della psicosi dei clown picchiatori per giustificare un ritardo a scuola: adolescenti nei guai. I carabinieri proseguono le indagini su procurato allarme. I militari temono numerose emulazioni con l'approssimarsi di Halloween. Per questo hanno avviato attività di dialogo nelle scuole con gli adolescenti, dove la psicosi del fenomeno è maggiormente avvertita.

Reggio Emilia, 20 ottobre 2014 – di Ivan Rocchi

Non erano stati aggrediti da una banda di clown mentre stavano andando a scuola. Alla fine i giovani studenti hanno confessato di aver usato questa scusa per giustificare il ritardo. I Carabinieri hanno così concluso l'indagine sull'unica aggressione da parte di pagliacci picchiatori che sia stata denunciata nel nostro territorio.

Ma, bisogna dirlo, a Reggio e provincia ormai è clown-mania. Dall'inizio di ottobre, in tutta Emilia, i Carabinieri sono subissati di telefonate di adolescenti e genitori, che raccontano che un loro conoscente avrebbe visto o avrebbe avuto a che fare con persone mascherate da pagliaccio che aggredivano i passanti.

Secondo i Carabinieri si tratterebbe di uno scherzo, che si è diffuso attraverso la Rete, social network e whatsApp. Ma anche attraverso il territorio, precisamente da Modena. Nei video prodotti dai ragazzi, delle specie di candid camera, le vittime si ritrovano davanti dei clown, che utilizzando dei manichini simulano efferati delitti, per poi inseguire i testimoni.

Ora c'è il rischio concreto che il fenomeno si propaghi ancora di più. Halloween è ormai alle porte e i Carabinieri temono che dei ragazzini possano travestirsi e fingere aggressioni, rischiando di essere aggrediti. Infatti, segnalano i militari, alcuni cittadini starebbero proponendo su internet delle ronde anti-clown.

Visto l'approssimarsi di Halloween, i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Emilia hanno deciso di recarsi nelle scuole per aprire un dialogo con i più giovani, tra i quali il fenomeno ha preso maggiormente piede.

Pubblicato in Cronaca Reggio Emilia