Visualizza articoli per tag: Giuseppe Verdi

Nella casa in cui Giuseppe Verdi trascorse la sua giovinezza ed imparò la musica, in Via Piroli a Busseto si è tenuto un incontro in cui sono stati analizzati alcuni aspetti della vita del grande genio musicale connessi alle festività natalizie.

Lo studioso di cose Verdiane Corrado Mingardi ha ricordato che Verdi trascorreva la Vigilia di Natale come una notte di incantesimi e magie sull'onda della nostalgia per l'infanzia che rievocava negli occhi e nel cuore le più tenere e semplici memorie. Il Natale veniva festeggiato a Genova, luogo di soggiorno invernale, ove ogni anno gli editori Ricordi inviavano un enorme panettone. Quando iniziò la lunga gestazione di Otello il panettone assunse ogni anno il compito di farsi augurio di pronto completamento dell'opera.

Era infatti rivestito di cioccolato ed adornato con un bambolotto di cioccolato, man mano più completo,cui il Maestro doveva dar vita trasformandolo nel 'Moro di Venezia'.

Dopo la prolusione del professor Mingardi è intervenuta la ricercatrice verdiana Meri Rizzi che ha reso omaggio all'insigne studioso in occasione dell'imminente ottantesimo compleanno, ricordando alcune delle numerose iniziative culturali alle quali ha dato un prezioso contributo. In particolar modo la recente donazione della sua collezione di libri d'artista di valore inestimabile alla Fondazione Cariparma, raccolti ora nel volume 'Pagine da Collezione' edito da Franco Maria Ricci.

Il tutto è stato allietato dal Preludio dell'Attila che ha recentemente inaugurato la stagione scaligera,dall'Ave Maria dell'Otello e da musiche natalizie tradizionali eseguite al pianoforte dal Maestro Matteo Cavicchini.

L'evento è stato voluto da Anna Sichel, che come sempre, ha messo gratuitamente a disposizione la storica dimora verdiana di cui è proprietaria.

Pubblicato in Arte Parma
Mercoledì, 10 Ottobre 2018 15:09

Parma festeggia il 205° compleanno di Giuseppe Verdi

Sono iniziati i festeggiamenti per il 205° anniversario della nascita di Giuseppe Verdi: la cerimonia, molto sentita e partecipata da tanti appassionati, si è tenuta nel Foyer Arturo Toscanini del Teatro Regio, alla presenza del sindaco di Parma e Presidente Fondazione Teatro Regio Federico Pizzarotti, di Anna Maria Meo, direttore generale della Fondazione, dell'assessore alla Cultura Michele Guerra, del prefetto Giuseppe Forlani e delle massime autorità cittadine, insieme alle associazioni musicali del territorio e oltre, rappresentate dal presidente della Corale Verdi Andrea Rinaldi e da Ursula Riccio, presidente dell'associazione "Viva Verdi" di Norimberga.

COMPLEANNO_VERDI_TEATRO_REGIO_2018_014.jpg

"Il festeggiamento di oggi - ha esordito Pizzarotti - è come ogni anno una occasione per tracciare un bilancio. Il Teatro Regio ha ottenuto recentemente riconoscimenti e attenzione anche all'estero che ci rendono orgogliosi: anche in virtù di questi cercheremo di ottenere risorse economiche aggiuntive fondamentali per sostenere e perseguire il rilancio del nostro Teatro".

"I riconoscimenti internazionali che abbiamo ottenuto - ha continuato Meo - testimoniano l'attenzione per la qualità del nostro progetto culturale oltre i confini della nostra città e della nazione. Desideriamo continuare su questa strada migliorandoci e per farlo è importante riuscire ad ottenere risorse fortificate dal Ministero". 

"E' percepibile - ha sottolineato Guerra - un amore crescente in città per Verdi: una passione sempre più intergenerazionale che attraversa le vie di Parma e arriva ad ognuno di noi. Verdi è sempre più naturalmente presente e questo è un risultato importante per la città e per il Teatro Regio".

Per l'occasione il coro del Teatro Regio e la Corale Verdi hanno intonato il “Va pensiero”.

 

Galleria fotografica a cura di Francesca Bocchia

COMPLEANNO_VERDI_TEATRO_REGIO_2018_002.jpg

COMPLEANNO_VERDI_TEATRO_REGIO_2018_008.jpg

COMPLEANNO_VERDI_TEATRO_REGIO_2018_017.jpg

COMPLEANNO_VERDI_TEATRO_REGIO_2018_035.jpg

COMPLEANNO_VERDI_TEATRO_REGIO_2018_044.jpg

COMPLEANNO_VERDI_TEATRO_REGIO_2018_057.jpg

COMPLEANNO_VERDI_TEATRO_REGIO_2018_076.jpg

COMPLEANNO_VERDI_TEATRO_REGIO_2018_088-Modifica.jpg

COMPLEANNO_VERDI_TEATRO_REGIO_2018_092.jpg

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Ogni giorno, alla stessa ora e per tutto il Festival Verdi, un’aria verdiana canatata dai fornici del Teatro Regio di Parma. Un concerto speciale, un momento unico per emozionarsi e lasciare che la musica interrompa la frenesia della quotidianità, per poi tornare alle proprie cose con in testa una melodia verdiana.

L'iniziativa si inquadra all'interno degli appuntamenti di VERDI OFF, il ricco programma di eventi collaterali del festival verdiano, apertosi venerdì 21 settembre con la spettacolare performance di danza verticale Full Wall Verdinaria e l'installazione multimediale Macbeth Immersive Experience

A Parma, Busseto e la zona un mese di eventi. Molti eventi ad ingresso gratuito, tranne alcuni a pagamento.

Sul sito web del Teatro Regio è disponibile il programma completo.

 

Galleria fotografica a cura di Francesca Bocchia

VERDIOFF_2018_ESIBIZIONE_TEATRO_REGIO_002.jpg

VERDIOFF_2018_ESIBIZIONE_TEATRO_REGIO_003.jpg

VERDIOFF_2018_ESIBIZIONE_TEATRO_REGIO_004.jpg

VERDIOFF_2018_ESIBIZIONE_TEATRO_REGIO_005.jpg

VERDIOFF_2018_ESIBIZIONE_TEATRO_REGIO_011.jpg

VERDIOFF_2018_ESIBIZIONE_TEATRO_REGIO_020.jpg

Teatro Regio di Parma

da venerdì 21 settembre a domenica 21 ottobre 2018, ore 13.00

27 VOLTE VERDI

ALLIEVI DEL CONSERVATORIO DI MUSICA “ARRIGO BOITO” DI PARMA

Coordinamento
DONATELLA SACCARDI

In collaborazione con Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma

 

Pubblicato in Cultura Parma

Sono trascorsi 150 anni dallo storico incontro tra Giuseppe Verdi ed Alessandro Manzoni, un momento che il grande compositore descrisse come "colmo di emozioni e sensazioni indefinite", un abbraccio tra musica e letteratura che solo Busseto ha ricordato.

Nella Casa del Giovane Giuseppe Verdi in Via Piroli, come sempre messa a disposizione da Anna Sichel, davanti a un folto pubblico la ricercatrice verdiana Meri Rizzi e l'insigne studioso di cose verdiane Corrado Mingardi hanno descritto i particolari e le curiosità dell'incontro tra Verdi e Manzoni leggendo le antiche lettere che riguardavano le fasi preparatorie di quell'abbraccio tra il grande della musica ed il grande della letteratura.

Il tutto si è svolto con intermezzi eseguiti al pianoforte dall'eccellente M° Matteo Cavicchini. Le musiche non potevano essere che quelle della Messa da Requiem che Verdi dedicò a Manzoni un anno dopo la sua morte, oltre all'inno La Vergine degli Angeli richiesto dai presenti.

Il professor Mingardi ha anche descritto alcuni particolari, ancor oggi visibili, presenti nella dimora di Villanova d'Arda, che testimoniano l'ammirazione che il Cigno di Busseto aveva per l'illustre letterato.

Nella giornata dedicata a Verdi e Manzoni è intervenuto tra gli altri, per la prima volta, il sindaco di Busseto Giancarlo Contini, che ha avuto parole di elogio per le attività culturali svolte alla Casa del Giovane Giuseppe Verdi e per aver recuperato e ricondotto la casa a quell'importante periodo storico.

Da Torino è arrivato il M° Raffaele Montanaro autore del libro "La Musica mi ha Salvato", era presente anche Massimo Tedeschi, presidente dell'Associazione Europea delle Vie Francigene. Gli eventi proposti dalla "Casa del Giovane Verdi" traggono spunto da episodi della vita di Verdi poco conosciuti ma che ci riportano al periodo storico che il Maestro ha attraversato. Un grande richiamo per gli appassionati che raggiungono Busseto da luoghi sempre più lontani.

 

invito.jpg

 

Verdi-busseto-IMGP3169_1.jpg

Pubblicato in Cultura Emilia

In occasione dell'onomastico del Maestro, mai ricordato in precedenza nemmeno a livello istituzionale, è stata inaugurata una nuova sezione del museo che racconta la figura di Giuseppe Verdi agricoltore.

Oltre ad essere un grande genio della musica Verdi fu anche uno dei più importanti imprenditori agricoli del suo tempo, con possedimenti nel parmense e nel piacentino.

Il nuovo luogo verdiano è ospitato in uno stabile storico, in centro a Busseto, accanto alla Casa del Giovane Verdi in Via Piroli, dove il Maestro visse dai 10 ai 18 anni. Dopo la prima sala dedicata al frumento, è stata aperta una seconda stanza del Museo, "il Verdi Agricoltore", dedicata alla produzione del latte con attrezzature ed utensili di quell'epoca, presentata dal direttore del Museo Contadino di Soragna Mauro Parizzi..

Il tutto senza alcuna finalità lucrativa. L'immobile infatti è stato messo a disposizione gratuitamente dalla bussetana Anna Sichel, che è anche proprietaria della Casa del Giovane Verdi, anch'essa sin dalla sua riqualificazione destinata ad attività culturali senza fini di lucro.

L'inaugurazione, alla presenza di un folto pubblico, è stata accompagnata dai canti verdiani dei giovani coristi "Les Choristes" di Mantova diretti dal Maestro Matteo Cavicchini e dalle relazioni dello studioso di cose verdiane Corrado Mingardi e della ricercatrice Meri Rizzi. L'evento è stato deliziato con degustazioni di prodotti della azienda IBIS di Busseto.

coro_les_choristes_1.jpg

Pubblicato in Cultura Parma
Mercoledì, 13 Dicembre 2017 10:26

Busseto: inaugurato un nuovo museo.

Verdi non fu solo genio musicale ma anche un dei più grandi imprenditori agricoli del suo tempo.

Giuseppe Verdi non è stato solo il grande genio della musica che tutti conosciamo, ma anche uno dei più importanti imprenditori agricoli del suo tempo. I suoi possedimenti, nel parmense e nel piacentino ancor oggi costituiscono un esempio di agricoltura illuminata.

Un aspetto poco studiato del Cigno di Busseto che la Casa del Giovane Verdi, dove il Maestro visse dai 10 ai 18 anni, ha voluto valorizzare inaugurando la prima stanza del Museo 'Il Verdi Agricoltore' già casa Michiara, a Busseto in via Piroli, di fianco alla dimora in cui il Verdi giovinetto visse ed imparò la musica.

20171212-museo 1La stanza, dedicata al frumento, è caratterizzata da attrezzi ed utensili dell'epoca, visibili nella foto, donati da appassionati: Massimo Mami, Mauro Parizzi già titolare del Museo contadino di Soragna, Meri Rizzi, Fabio Sichel e Franco Sivelli, ha suscitato tanto interesse ed emozione.

Così come avvenuto per la storica dimora anche la stanza che ospita il museo è stata messa a disposizione, senza alcuna finalità lucrativa, da Anna Sichel.

L'inaugurazione, avvenuta domenica scorsa, è stata accompagnata dalla musica: al pianoforte il Maestro Matteo Cavicchini con una rara romanza verdiana , alla fisarmonica Ercole Calza che ha anche donato alla Casa del Giovane Verdi, un ritratto autentico di Verdi.

Sono intervenuti la ricercatrice Meri Rizzi ed il verdianissimo Corrado Mingardi che ha letto e commentato alcune lettere di Giuseppe Verdi relative a proposte di acquisti di terreni in Salsomaggiore, in Sala Baganza (il Ferlaro e i boschi ), in Soragna ed in San Secondo.

Tutte proposte rifiutate da Verdi con motivazioni condivisibili, che ne confermano la competenza anche in questa materia.

L'incontro è stato seguito da un folto pubblico.

Le iniziative della Casa del Giovane Verdi, che mirano a far conoscere aspetti inediti della vita del Grande Maestro, riscuotono sempre un maggiore successo nei confronti degli appassionati che giungono a questi appuntamenti periodici dimostrando un vivo interesse.

 

 

 

 

 

 

 

 

20171212-inaugurazione 1

Pubblicato in Cultura Parma

A Busseto, il 10 ottobre, in occasione dell'anniversario del compleanno del Maestro Verdi, si terrà una giornata dedicata all'eccellenza della musica e della salumeria. Nel programma oltre all'esclusivo tour nelle stanze private di Villa Verdi, aperte per l'occasione e ad un concerto verdiano, si svolgerà il seminario "Si rafforza la tutela del Culatello di Zibello DOP". Sarà l'occasione per approfondire le tematiche affrontate nel nuovo Decreto, che regolamenta le produzione e la vendita del "Culatello".

Il Re dei salumi, simbolo della bassa parmense e orgoglio per l'intero Paese, non poteva dimenticare il compleanno del Maestro di Busseto, Giuseppe Verdi.

Il Consorzio di tutela del Culatello di Zibello Dop, in collaborazione con il comune di Busseto, per il 10 ottobre 2017, ha infatti indetto una giornata di festeggiamenti e corretta informazione: raccontare il Culatello di Zibello attraverso un seminario di approfondimento incentrato sul prodotto e approfittare della ricorrenza verdiana per celebrare il Maestro Verdi in ogni sua sfaccettatura, dalla più artistica alla più quotidiana e inedita, fatta di abitudini, passioni e frammenti di vita.

Un 10 ottobre da appuntare in agenda se non si vuole perdere il suggestivo viaggio nei luoghi verdiani e nelle atmosfere bucoliche legate alla produzione di una simile eccellenza agroalimentare. Arte e gastronomia sono due universi in continua contaminazione e Giuseppe Verdi questo lo sapeva bene, essendo un vero e proprio cultore della sua terra, amante di una cucina fatta di piatti semplici ma anche di preparazioni artigianali ricercate, come ci dimostrano le tante lettere a sua firma o della compagna di vita, Giuseppina Strepponi, miniere di suggerimenti, ricette e aneddoti culinari.

Proprio nelle sue residenze il compositore era solito organizzare ricevimenti e pranzi conviviali e proprio quelle stanze saranno aperte il 10 ottobre a tutti i visitatori che vorranno rivivere la magia di allora e assaporare le stesse prelibatezze che al tempo ispiravano il Maestro di Busseto e oggi deliziano i palati di tutto il mondo.

Per festeggiare Giuseppe Verdi ci sarà anche una grande torta di compleanno e il gastrosofo Alex Revelli Sorini racconterà aneddoti e tradizioni locali, curando una degustazione interattiva di Culatello di Zibello Dop abbinato a pani e vini della zona, regalando ai presenti un'esperienza unica sospesa fra gusto e storia, gastronomia e antropologia, sapori e arie musicali.

Ispirati dai lontani fasti d'epoca verdiana, il 10 ottobre a Busseto trionferà l'abbondanza e ad essere decantato non sarà solo il Maestro ma anche il Culatello di Zibello Dop, frutto del lavoro e della dedizione di tante generazioni: il re del panino, Daniele Reponi, ospite fisso alla Prova del cuoco di Rai Uno, realizzerà infatti un panino a base di culatello di Zibello dal titolo "Buon compleanno Maestro!" e corredato da una candelina simbolica.

La Dop di Zibello sarà protagonista anche dei momenti più tecnici della giornata, come quello del seminario, in cui non mancherà l'occasione per sottolineare l'importanza del decreto a firma congiunta del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell'Agricoltura, documento che regolamenta la produzione e la vendita del Culatello, comportando quindi l'eliminazione dal mercato di tutte quelle denominazioni che ingiustamente si fanno riconoscere nel titolo Culatello e nella Dop correlata e per anni hanno generato confusione nella coscienza del compratore.

PROGRAMMA

VILLA VERDI, SANT'AGATA DI VILLANOVA
Ore 13.30 Aperitivo di benvenuto
Ore 14.30 Esclusivo tour nelle stanze private, aperte per l'occasione, tra i cimeli, le memorie e l'eredità del Maestro Giuseppe Verdi.

TEATRO VERDI, BUSSETO
Ore 16.00 Presentazione del filmato "Viaggio nelle terre del Culatello di Zibello DOP" un viaggio tra la gente, la terra e il prodotto.

Ore 16.15 Seminario, introduce il presidente del Consorzio Culatello di Zibello Dop Massimo Spigaroli, con la partecipazione dei rappresentanti del MIPAAF, del MISE e delle regioni Emilia Romagna e Lombardia. Modera Chiara Giallonardo (giornalista Rai).

Ore 18.00 Concerto Verdiano per ricordare il compleanno di Giuseppe Verdi con l'Orchestra Filarmonica di Parma diretta dal Maestro Giovanni Veneri, Tenore: Francesco Tuppo, Soprano: Tania Bussi.

SCUDERIE DI VILLA PALLAVICINO
Ore 19.45 Laboratorio di degustazione a cura del Gastrosofo Alex Revelli Sorini e Buffet con il Re dei salumi, il Culatello di Zibello DOP, protagonista con i pani ed il vino del suo territorio.

Info: 06 69202304 – 06 69920710 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Sabato, 17 Giugno 2017 15:59

Busseto, domani un "gemellaggio" verdiano

Un gemellaggio tra temi verdiani quello che sarà celebrato domani mattina 18 giugno nella Casa del giovane Giuseppe Verdi a Busseto in via Piroli luogo a disposizione gratuita per la cultura, dalla proprietaria Anna Sichel: alle 11 si confronteranno Meri Rizzi autrice del testo "Verdi, la sua musica e la follia" e Raffale Montanaro che ha dato alle stampe "La musica mi ha salvato".

Meri Rizzi, specialista in psichiatra-psicoterapia e musicoterapia illustra gli effetti terapeutici della musica verdiana sulla psiche, il suo libro è edito dalla Casa editrice Sichel. Raffaele Montanaro torinese, illustre pianista nel suo volume edito da LiberFaber racconta come la musica "balsamo per la sua sofferenza" sia un bene per tutti che ha bisogno solo di sensibilità.

Il maestro Raffaele Montanaro perse entrambi i genitori a soli 15 anni e la musica gli ha veramente cambiato la vita, decidendo del suo avvenire divenuto nuovamente aperto alla speranza. In occasione del confronto tra i due autori, interverrà lo studioso ed eccellente Corrado Mingardi che come sempre descriverà aspetti poco conosciuti dell'epopea verdiana, il tutto intervallato da musiche verdiane proposte dal M° Matteo Cavicchini.

A seguire rinfresco con degustazione di prodotti locali firmati ed offerti dalla IBIS Busseto.

 

"Les Choristes" di Pegognaga, diretti dal M° Matteo Cavicchini hanno reso un omaggio inusuale al grande Maestro presso la Casa del Giovane Verdi di Busseto.

Busseto, 22 marzo 2017

Busseto ha vissuto domenica un evento musicale davvero unico alla Casa del Giovane Verdi. Importanti brani tratti dalle opere di Verdi (Nabucco-Traviata e Forza del destino) sono stati eseguiti da un coro di voci bianche. E' la prima volta in assoluto che Verdi viene interpretato in questo modo così diverso e particolare, mai prima d'ora sperimentato. "Les Choristes" di Pegognaga, diretti dal M° Matteo Cavicchini hanno reso un omaggio inusuale al grande Giuseppe Verdi. Ed è anche la prima volta che nella casa in cui il Maestro visse da giovane ed ebbe a compiere i suoi primi studi musicali vengono interpretate le sue composizioni. Si è ritornati indietro nel tempo, come quando da quella casa si udivano i primi approcci con la musica di un Verdi giovanissimo che si esercitava giorno e notte con la spinetta, disturbando i gendarmi della casa di fronte.

Lo studioso di cose verdiane Corrado Mingardi ha accompagnato l'evento con notizie e aneddoti relativi alla vita e alle abitudini del Maestro. Era anche l'occasione dell'onomastico del Cigno di Busseto e della sua seconda moglie Giuseppina. L'evento, del tutto gratuito, che ha richiamato nella città di Busseto tantissime persone, compresi bimbi incuriositi dalla performance dei loro coetanei, è stato possibile grazie ad Anna Sichel, proprietaria della storica dimora verdiana che mette a disposizione il suo "tesoro" gratuitamente per finalità culturali. Orgogliosa per l'ottimo risultato, ha elogiato oltre al Maestro e ai giovanissimi coristi, anche le loro famiglie per i sacrifici grazie ai quali sono giunti ad un risultato davvero unico.
Il Maestro Cavicchini con quest'appuntamento ha confermato la sua fama internazionale di direttore di concerti in città italiane ed estere. I brani verdiani proposti per l'occasione al pubblico sono stati da lui trascritti.
L' introduzione è stata tenuta da Meri Rizzi, studiosa ed autrice di alcuni libri relativi a Verdi tra i quali "il Giovane Giuseppe Verdi". La ditta Gourme' Ibis spa di Busseto in collaborazione con la Casa del Giovane Verdi ha donato ai giovani ospiti prodotti tipici ed a loro dedicati.

Pubblicato in Cultura Parma

A Busseto importante omaggio a Giuseppe Verdi nel giorno dell'onomastico con il coro internazionale "Les Choristes". Domenica 19 marzo alle ore 11,00 casa di Via Piroli. Evento gratuito.

Busseto, 16 marzo 2017

Domenica 19 marzo alle ore 11,00 a Busseto si renderà un importante omaggio al grande Giuseppe Verdi, nel giorno del suo onomastico, con le voci di un gruppo di bimbi, il coro di voci bianche "Les Choristes" di Pegognaga, diretto dal M° Matteo Cavicchini. Un omaggio inusuale, sia per i piccoli cantori, che per la prima volta si cimenteranno in brani così importanti, sia per il pubblico, che conoscerà un Verdi diverso, interpretato in modo particolare e suggestivo. Ancora una volta la celebrazione verdiana si terrà nella casa di Via Piroli, nella quale il Cigno di Busseto ebbe a compiere i suoi primi studi musicali suonando la spinetta.

L'evento, del tutto gratuito, sarà possibile grazie ad Anna Sichel, proprietaria della storica dimora verdiana ed editrice di un testo sugli anni giovani di Verdi, trascorsi proprio in quel luogo che da alcuni anni viene messo a disposizione per attività culturali. Il Maestro Cavicchini, noto per concerti in città italiane ed estere, si è detto entusiasta di portare il suo magnifico coro in terre verdiane. Il programma da lui preparato per l'occasione prevede esclusivamente brani verdiani da lui trascritti e per la prima volta eseguiti da voci bianche, tratti dalle opere Nabucco, Traviata e Forza del Destino. Introdurrà Meri Rizzi studiosa ed autrice di alcuni libri relativi a Verdi tra i quali "il Giovane Giuseppe Verdi". Il professor Corrado Mingardi accompagnerà il concerto con notizie introduttive ai brani e con aneddoti relativi al grande compositore.

Pubblicato in Dove andiamo? Parma
Pagina 2 di 10