Visualizza articoli per tag: sicurezza elettronica

Aperitivi formativi al MisterBoito di Parma. Lunedì 10 febbraio sarà la volta della cyber security: come tenere al sicuro i nostri dati?

Matteo Gianniello esperto in materia di sicurezza informatica spiegherà strumenti ed accorgimenti per evitare hackeraggi, furti e perdite di dati, truffe informatiche e altri consigli per la tutela di utenti, professionisti e aziende
Nuovo appuntamento lunedì 10 febbraio con gli Aperitivi Formativi, curati dalla giornalista e motivatrice Francesca Caggiati in collaborazione con Esplora, al MisterBoito di Parma, cafè bistrot in stile lounge milanese che si trova in piazzale A. Boito, 5. A partire dalle ore 18.30 un happy hour in cui assaggiare un gustoso buffet con stuzzicherie abbinate ai drink preparati dai barman del locale permetterà ai partecipanti di arrivare e socializzare fra loro.

A seguire dalle ore 19.30 la parte formativa di un’ora, tenuta dall’esperto e consulente aziendale Matteo Gianniello, che verterà su un tema caldo e di stretta attualità come la sicurezza informatica. Perché parlare di sicurezza informatica e perché è cosi importante tutelare i nostri dati?

Viviamo in una società altamente tecnologica, più di quel che possiamo credere e le informazioni saranno – o forse lo sono già - il nuovo petrolio. Una volta c'era un calcolatore elettronico isolato, oggi tutto può essere controllato da uno smartphone, che se viene violato può portare anche al furto della propria identità.
Gianniello spiegherà come i dati e la sicurezza delle informazioni e delle transazioni in rete diventino fattori cruciali di scelta per gli utenti e potenziali punti critici per le aziende.
Matteo Gianniello si occupa di consulenza e formazione in materia di sicurezza informatica e privacy, su questi temi ha condotto anche un programma radiofonico e cura il podcast Privacy Smart.
Per ulteriori informazioni e per aderire – fino ad esaurimento posti – è possibile contattare il 338.5219408 oppure inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o ancora visitare l’evento sulla pagina Fb “Parma Da Vivere”.

 

Matteo_Gianniello_1.jpg

Cyberbullismo: 9 adolescenti su 10 navigano in rete senza alcun controllo da parte dei genitori. 4 su 10 anche dopo le 23. Consegnata al Ministro Fontana l'indagine della no profit "social warning-movimento etico digitale".

 

Ieri, era il Safer Internet Day, giornata per la sicurezza in rete indetta dalla Commissione Europea, e della giornata nazionale contro il cyberbullismo e lunedì sono stati resi noti e consegnati al Ministro Fontana, che ha la delega in materia, i risultati di un'indagine che ha coinvolto, nel corso del 2018, 10mila ragazzi tra i 12 e 16 anni delle scuole medie e superiori di tutta Italia.

Commenta Davide Dal Maso, 23 enne fondatore del Movimento e social media coach: "Per i ragazzi non esiste on-line o off-line. Vivono tutto assieme, contemporaneamente, On-Life. Sta agli adulti non lasciarli soli e accompagnarli nell'esplorazione della rete che per la Generazione Z è e resta comunque una risorsa. Tra le poche regole imposte dai genitori ai ragazzi quella di "non usare più di 1 giga al giorno".

Cellulare in classe sì o no, gaming e dipendenza da Fortnite, fake news, hikikomori, sexting via WhatsApp: sono solo alcuni dei temi che i formatori-volontari del Social Warning-Movimento Etico Digitale  affrontano nei loro interventi nelle scuole medie e superiori di tutta Italia (oltre 10mila i ragazzi tra i 12 e i 16 anni incontrati nel solo 2018) durante i quali ai ragazzi è stato somministrato un questionario i cui risultati vengono resi noti oggi e sono stati consegnati in anteprima al Ministro della Famiglia Lorenzo Fontana che ha la delega al contrasto al cyberbullismo.

"I nostri interventi - sottolinea il fondatore della no profit Davide Dal Maso, che delle proprie competenze digital ha fatto una delle professioni più all'avanguardia del momento, il social media coach - hanno sempre il focus sulle potenzialità della rete, più che sui rischi, e puntano ad accrescere la consapevolezza dei ragazzi per i quali non esiste on-line o off-line. Vivono tutto assieme, contemporaneamente, On-Life. Anche per questo noi diciamo sempre loro: Prendi il meglio dal passato, Vivi il presente, Pensa al futuro".

"Quante volte - continua Dal Maso che dall'esperienza negativa di essere bullizzato da ragazzo attraverso il web ha riunito nel Social Warning, letteralmente attenzione ai social, una rete di formatori-volontari, professionisti dei settori più disparati che ogni giorno lavorano con la rete e quindi la conoscono bene - capita anche a noi adulti di scrollare Facebook mentre siamo sul divano a guardare un film o, peggio ancora, mentre siamo a cena fuori con gli amici? Ecco, in quel momento siamo contemporaneamente on-line e off-line. E questa distinzione negli adolescenti non viene proprio percepita: per loro è normale essere contemporaneamente nelle due dimensioni. Sta agli adulti condividere con loro che il reale viene prima del virtuale".

Oltre 10mila i ragazzi che il Movimento Etico Digitale ha "ingaggiato" nel 2018, suo primo anno di vita, mentre i genitori che hanno partecipato agli interventi formativi sulle potenzialità e i rischi del web sono stati circa 3mila.

Nonostante i risultati dell'Osservatorio raccontino di ragazzini spesso e volentieri abbandonati alla galassia digitale con scarso controllo da parte degli adulti, Davide Dal Maso - che a 23 anni insegna social media e promozione on-line in un Istituto professionale ed è il docente più giovane d'Italia - vede il bicchiere mezzo pieno: "Nella mia generazione ho tanta fiducia: l'esposizione continua al web ci ha reso più creativi, capaci di fare team con persone culturalmente diverse e ci ha regalato una visione più globale. Se riusciremo a coniugare con la tecnologia il bagaglio culturale che i nostri nonni ci hanno consegnato, sono certo che sapremo costruirci un grande futuro".

(in allegato il file pdf dell'Osservatorio)

9_Logo_della_no_profit_Social_Warning_1.jpg

 

*****

I RISULTATI DELL'OSSERVATORIO SULL'EDUCAZIONE DIGITALE PROMOSSO DAL SOCIAL WARNING-MOVIMENTO ETICO DIGITALE

Alla vigilia del Safer Internet Day, giornata per la sicurezza in rete indetta dalla Commissione Europea, e della giornata nazionale contro il cyberbullismo, il Movimento rende noti i risultati dell'indagine promossa, attraverso un questionario somministrato dagli oltre 100 formatori durante gli interventi realizzati nel 2018 in scuole medie e superiori di tutta Italia, a circa 10mila ragazzi di età compresa tra i 12 e 16 anni.

LA TECNOLOGIA COME BABY SITTER

Il 92% dei ragazzi intervistati (9 su 10) quando è connesso alla rete è da solo (81%) o in compagnia di amici (11%). Solo l'8% naviga in rete seguito dai genitori.
Davide Dal Maso: L'indagine che abbiamo condotto ci racconta di un numero troppo basso di genitori disposti ad affiancare i figli durante la navigazione (solo l'8% dei ragazzi approccia la rete seguito da mamma o papà) e questo si spiega con il fatto che, ignorando nella maggior parte dei casi i social utilizzati dai loro figli, se ne chiamano fuori. Oppure per comodità li lasciano ore ed ore davanti a Youtube o Twitch. Che i ragazzi vogliano essere liberi di navigare in solitaria è normale, un po' meno lo è che al 92% di loro sia consentito farlo. Voi lascereste da soli per strada in una città sconosciuta ragazzini dai 12 ai 16 anni?

NON USARE PIÙ DI UN GIGA AL GIORNO

Il 52,4% dei ragazzi intervistati dichiara di non aver, da parte della famiglia, controlli, limiti o regole rispetto all'utilizzo dei social media e alla navigazione sul web in generale.
Davide Dal Maso: Più di metà dei genitori lascia che i propri figli approccino la rete da soli senza dare loro alcun libretto di istruzioni e senza che i genitori stessi conoscano questi strumenti. Tra le poche regole che i ragazzi ci hanno riferito mi colpisce particolarmente quella del "non usare più di 1 giga al giorno", come se la reale preoccupazione della famiglia fosse più economica che legata ai veri rischi del web.

INSEGNANTI POCO SOCIAL

Il 65% dei ragazzi intervistati ha imparato ad utilizzare la rete senza essere affiancato da un adulto (in totale solitudine il 31%, con fratelli il 17% e con amici - comunque minorenni - il 17%). Solo il 25% dei ragazzi è stato supportato da un genitore ed il 9% da un insegnante o educatore.
Davide Dal Maso: Di chi è la responsabilità di educare i giovani a vivere con consapevolezza una parte integrante della loro vita, come quella on-line? Anche la categoria degli insegnanti dovrebbe essere coinvolta ed essere più attiva: spesso non solo non vivono i social media dall'interno ma, essendo restii al cambiamento, non ne conoscono le dinamiche. Noi educatori, dal genitore all'insegnante, dobbiamo essere particolarmente attenti e consapevoli del fatto che il digitale è parte della vita dei nostri figli così come la finanza personale fa parte di quella di molti adulti.

LE FAKE NEWS GIRANO SOPRATTUTTO SU FB

Nonostante sia bassa la percentuale dei ragazzi che vengono affiancati da un adulto durante la navigazione, il 57,1% dichiara di fidarsi "poco" delle informazioni in cui si imbatte in rete; l'11,2% dei ragazzi non si fida "per niente".
Davide Dal Maso: Come emerso anche durante la prima edizione italiana del Fake News Festival nel 2018, la diffusione di notizie false, che avviene soprattutto da parte degli adulti, è un aspetto culturale ascrivibile alla prassi che li vede utilizzare quasi esclusivamente Facebook, su cui le fake news girano molto più che sugli altri social, come fonte di informazione. I ragazzi invece non sono più su FB, e quello che è emerso è che le fake arrivano alla Generazione Z o attraverso la messaggistica diretta come WhatsApp o tramite le informazioni che arrivano dai loro stessi genitori. Anche per questo è sempre più forte la necessità di mettere in campo una campagna di educazione civica digitale non solo rivolta ai ragazzi ma anche agli adulti che vanno accompagnati, su questo versante, tanto quanto i loro figli.

NAVIGANTI NOTTURNI

Il 41,1% dei ragazzi intervistati (4 su 10) è connesso alla rete anche dopo le 23.
Davide Dal Maso: Il dato che ci racconta che 4 adolescenti tra i 12 e i 16 anni siano connessi per chattare o navigare anche dopo le 23 si commenta da sè. Dove sono i genitori? Quale filtro adotta la famiglia per evitare che un utilizzo prolungato dei dispositivi digitali si trasformi in dipendenza o ancora peggio in hikikomori? Tantissimi ragazzi che abbiamo approcciato sono connessi per oltre 4 ore al giorno e fino a notte fonda giocano a Fortnite o guardano stories su Instagram. Ma la mattina dopo a scuola non ci vanno?

CONNESSI MA ABBASTANZA PRUDENTI

Solo il 43% dei ragazzi intervistati interagisce, attraverso i propri profili social, con persone che conosce anche nel "mondo reale"; il 22% "anche con sconosciuti", il 19% "anche con sconosciuti ma con followers in comune". Solo 16 ragazzi su 100 non hanno alcun account social.
Davide Dal Maso: Fortunatamente, nei ragazzi che abbiamo sentito, c'è una buona propensione a tenere il proprio profilo chiuso, a non esporsi tanto con chi non conoscono e comunicare piuttosto in modo assiduo con i loro coetanei. Questo si può notare anche dal fatto che i giovani pubblicano sempre più stories, ovvero contenuti della durata di 24 ore con cui raccontare ogni lato della loro quotidianità.
Inoltre va sottolineato che oltre il 40% di loro si interfaccia con sconosciuti diventando facile bersaglio di possibili malintenzionati, con l'aggravante che non sempre sanno a chi rivolgersi se accade qualcosa di strano attraverso la rete.

*****

3_Davide_Dal_Maso_riceve_il_Premio_Italia_Giovane_1.jpgCHI È DAVIDE DAL MASO

Docente e coach di Social Media Marketing, Davide Dal Maso, di Arzignano in provincia di Vicenza, classe 1995, allena all'uso dei social (non solo LinkedIn ma anche WhatsApp) gli imprenditori sempre più consapevoli che l'utilizzo strategico e professionale della rete possa fare la differenza nel settore business. E affianca le aziende formandone il personale per generare vendite con i social media.
Figlio di due operai delle concerie vicentine, a 19 anni vince una selezione europea sul social media marketing e lavora a Cardiff, nel Regno Unito, in un'organizzazione governativa. A 20 torna in Italia, apre la partita IVA e, spinto da una forte motivazione personale che nasce dall'essere stato bullizzato alle superiori proprio attraverso la rete, fonda la no profit Social Warning-Movimento Etico Digitale (https://socialwarning.it/), gruppo spontaneo di formatori volontari nato dalla volontà di sensibilizzare ragazzi e genitori sulle potenzialità e sui rischi del web.
A soli 23 anni, ha già tenuto lezioni alle Università di Padova, Verona, Milano e Firenze su temi inerenti alle sue competenze di formatore ed esperto di digital marketing.
Nel novembre scorso, presso la Luiss Business School di Roma, gli è stato conferito il "Premio Italia Giovane" (presidente del Comitato d'Onore l'ex ministro degli Esteri Franco Frattini) per "la sua storia, esperienza personale e professionale nel settore Social Warning-Contrasto al cyberbullismo che sono esempi positivi che danno lustro al Paese e forte stimolo per le nuove generazioni".

Attualmente è anche "il Prof", come lo chiamano i suoi alunni, più giovane d'Italia: dal settembre del 2017 infatti insegna in un Istituto professionale in provincia di Vicenza "social media e promozione online" spiegando ai ragazzi come utilizzare al meglio i social network per attrarre clientela nelle attività commerciali in cui lavoreranno.

In accordo con la dirigenza della scuola ha ottenuto che dal prossimo anno scolastico la sua materia di insegnamento diventi "educazione civica digitale", anticipando nelle cose il cuore di diverse proposte di legge ferme in Parlamento e pensate proprio per introdurre questa materia nelle scuole medie e superiori: "Tratteremo regole e comportamenti per essere cittadini consapevoli e partecipi sia nel web che nella quotidianità - spiega fiero Davide - e conoscere i rischi della rete così da poter proteggere noi stessi e preservare gli altri. Inoltre tratteremo le potenzialità e le peculiarità del web per rendere i ragazzi veri cittadini attivi nella vita reale".

 

 

6_Davide_Dal_Maso_mentre_fa_lezione_in_un_Istituto_professionale_in_provincia_di_Vicenza_1.jpg

Pubblicato in Cronaca Emilia

La società di oggi ama il divertimento e la cerca in ogni dove e in qualunque modo. Che sia una passeggiata, un cinema o stare comodamente a casa, la parola d'ordine è sempre relax e passatempo. E così, in un inquadramento così peculiare dedito al gioco e perché no anche al guadagnò, non poteva mancare nelle preferenze degli italiani quella di collegarsi su un sito per dedicarsi al gioco di casinò online.

Casinò online: come sfatare la diffidenza
E' chiaro e scontato che per quanto sia allettante l'idea di darsi al poker o al blackjack comodamente seduti da casa, non è da biasimare al tempo stesso la tendenza a mostrare almeno un pizzico di diffidenza quando si tenta il primo collegamento ad un qualunque casinò on line, in particolar modo nel momento in cui si compie primo step, collegato alla fase della registrazione in cui vanno indicati i propri dati personali.
Un tale livello di dubbi non può essere criticato, ma è ovvio che con i giusti accorgimenti non c'è bisogno nella maniera più assoluta di diffidare. Tutti i casinò on line mettono a disposizione un'alta percentuale di riservatezza in materia di inserimento dei dati personali senza poi contare l'alto grado di affidabilità e trasparenza quando si opera (in qualunque verso o senso). È così che vengono posti in essere dei controlli molto severi, una esperta e seria professionalità da parte degli specialisti ai lavori, e come detto e ripetuto all'infinito, non poteva certo non esserci il 100% della sicurezza.

Casinò online: tutto ciò da sapere su depositi e prelievi
Certo, esiste chi ha la tendenza a non affacciarsi al settore dei casinò virtuali, perché si vive quel timore di dover divulgare su una piattaforma i propri dati. C'è poi, chi invece non ha poi tutta questa fiducia nei pagamenti virtuali, così come prelievi e depositi. Ma sono paura, se pur lecite, infondate. Questo perché i casinò on line, come per esempio quelli legali AAMS recensiti su Theglobalsquare.org mettono a disposizione un alto indice di riservatezza in merito all'inserimento dei propri dati personali, e una sicurezza accorta su depositi e prelievi.

Come tutti gli amanti del gioco virtuale sanno, qualunque tipo di transazione con denaro effettuata nell'ambito del casinò on line avviene sfruttando i canali di comunicazione sicuri e soggetti a criptazione. Quindi, non c'è che dover stare tranquilli, pure tra gli utenti alle prime armi.
Inoltre, le piattaforme on line così come le app dei casinò on line, mettono a disposizione l'opzione del deposito di denaro, o del prelievo il denaro attraverso sia carte prepagate che account virtuali, come ad esempio PayPal. Una maniera sicura e semplice per far stare più tranquilli tutti coloro che hanno paura di perdere i propri risparmi (come giusto che sia).

Casinò online: quali sono i mezzi di sicurezza
Detto ciò un ultimo appunto riguarda l'alto tasso di sicurezza. Non a caso infatti, a prescindere l'esistenza di una buona dose di riservatezza per tutti gli utenti registrati ai casinò on line, ci sono anche degli eccellenti strumenti di "security" che rimarcano molto la totale e trasparente regolarità di qualunque tipo di gioco on line.

Detto più semplicemente, c'è la totale sicurezza e garanzia che i giochi non siano "truccati" o alterati, e che vengono effettuato dei controlli severi in ogni sfaccettatura. Gli utenti hanno da star tranquilli, sia per quanto riguarda la sicurezza dei propri dati, sia per ciò che concerne la sicurezza di ogni fase di gioco.

("contributo redazionale esterno")

STUPRO VIRTUALE. E' questa l'ultima frontiera della violenza sul web: gruppi chiusi dei vari social network su cui uomini, giovani e adulti, postano foto innocenti, con tanto di nome, di una donna, spesso di una ex, e invitano gli altri membri della community a bersagliarla di offese, insulti e umiliazioni in quello che diventa un vero e proprio "delirio diffamatorio".

A lanciare l'allarme, parlando di "drammatico sviluppo" del fenomeno, e' stato Roberto Sgalla, Direttore Centrale della Polizia stradale, ferroviaria, delle comunicazioni e per i Reparti speciali della Polizia di Stato, intervenuto alla conferenza internazionale sulla violenza contro le donne fondata sull'onore. #essercisempre

L'aumento esponenziale delle estorsioni sessuali online ha fatto si che diventasse un fenomeno così diffuso tanto da essere indicato con un suo nome specifico: "sextorsion". Non si contano più, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti" gli episodi di navigatori della rete che si sono trovati ingenuamente ad essere ricattati dopo conversazioni con malintenzionati di ogni genere che sono riusciti a carpire immagini o video espliciti e molto spesso assai spinti per poi minacciare di diffonderli salvo il pagamento di un prezzo.

 

Pubblicato in Nuove Tecnologie Emilia

Impennata dei falsi e-shop e vetrine online. Tra i metodi più utilizzati dai cybercriminali per estorcere o sottrarre denaro e dati delle carte di credito

Una vera e propria esplosione della cybercriminalità economica si è verificata nei primi otto mesi dell'anno in corso, così come evidenziato dalle forze di polizia o organizzazioni e società europee che si occupano di sicurezza del web.

Sono migliaia gli indirizzi di shop e vetrine online registrati e poi soppressi perché truffaldini. Soltanto nel mese di agosto la fondazione elvetica Switch ha cancellato ben 4.500 siti fraudolenti registrati sotto il dominio ".ch", contro i 700 dell'anno scorso. Quindi, anche i domini svizzeri identificati con il suffisso ".ch, un tempo ritenuti garanzia di sicurezza, non lo sono più e questo vale per i tanti italiani che tentano di acquistare prodotti o servizi online.

Così come raccomandato dalla fondazione svizzera, anche Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", invita a prestare particolare attenzione quando online si trovano delle offerte straordinariamente convenienti.

È possibile riconoscere l'affidabilità di un sito da alcuni segnali nella fase del pagamento, tra cui la presenza del prefisso "https://" al posto di "http://". Spesso i criminali utilizzano degli indirizzi appartenenti a dei siti legittimi, ma che sono stati soppressi. E bene, inoltre, che i siti web ritenuti fraudolenti vadano segnalati prontamente alla Polizia Postale per evitare che altri ignari cittadini vi incappino.

Sul sito istituzionale https://www.denunceviaweb.poliziadistato.it/polposta/wfintro.aspx  è possibile compilare l'apposito formulario seguendone le relative istruzioni. E se in ogni caso abbiate subìto la sottrazione dei vostri dati sensibili o di denaro, potrete contattare per assistenza la nostra associazione agli indirizzi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.