Visualizza articoli per tag: Francesca Caggiati

Lunedì 24 febbraio appuntamento con la meditazione: Cinzia Marchi, maestra di meditazione e counselor guiderà in un percorso teorico-esperienziale di una delle pratiche più antiche al mondo.

Nuovo appuntamento lunedì 24 febbraio con gli Aperitivi Formativi, curati dalla giornalista e motivatrice Francesca Caggiati in collaborazione con Esplora, al MisterBoito di Parma, cafè bistrot in stile lounge milanese che si trova in piazzale A. Boito, 5. A partire dalle ore 18.30 un happy hour in cui assaggiare un gustoso buffet con stuzzicherie abbinate ai drink preparati dai barman del locale permetterà ai partecipanti di arrivare e socializzare fra loro.

A seguire la parte formativa di un’ora tenuta da Cinzia Marchi – laurea in scienze biologiche, maestra di meditazione, counselor e operatrice reiki di secondo livello - sul tema della meditazione: una tecnica che diventa una stile di vita fatto di piccole e grandi consapevolezze sulla propria essenza ed autenticità.

Durante il mini workshop teorico-pratico si verrà guidati in uno stato di meditazione, utilizzando la tecnica del respiro consapevole, dell’ascolto del corpo e del come ci si percepisce nel “qui e ora”. Lo stato meditativo regala uno stato di rilassamento e leggerezza veramente impagabile per il nostro benessere quotidiano che ci fa sentire infinitamente più liberi.

Per ulteriori informazioni e per aderire – fino ad esaurimento posti – è possibile contattare il 338.5219408 oppure inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o ancora visitare l’evento sulla pagina Fb “Parma Da Vivere”.

 

Cinzia_Marchi.jpg

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Domenica 23 febbraio 2020, al ristorante Sapori Del Mondo, una serata di introduzione teorico-pratica alla medicina olistica indiana

Parma, 18 -02-2020 - Prevenzione e cura, trattamenti e rituali, profumi e prodotti naturali. La "scienza della durata della vita" sarà la protagonista della “Serata Ayurveda”, in programma domenica 23 febbraio 2020 alle ore 19.00 negli spazi del ristorante Sapori del Mondo di via Emilia Ovest 17/A a Parma.

Un appuntamento inserito nel calendario della rassegna "Salute & Benessere 2020", curata dalla giornalista Francesca Caggiati con la collaborazione di Esplora Aps e il patrocinio dalla Provincia di Parma, che farà da introduzione teorico-pratica alla medicina olistica tradizionale utilizzata in India fin dall'antichità e diffusa oggi nel sub-continente più della medicina occidentale. L'Ayurveda è infatti dal 2015 ben integrata nel sistema sanitario nazionale indiano con diversi ospedali ayurvedici presenti in tutto il paese.

A condurre l’incontro, conviviale ed esperienziale, saranno Daniela Monferdini e Morgan Visioli di Personalità Hair Style che faranno scoprire come questa affascinante scienza possa essere utile nella vita di tutti i giorni attraverso l’utilizzo di spezie, oli essenziali ed altri prodotti che mantengono sani il corpo e la mente. L’evento si concluderà con una cena tipica indiana, con un gustoso menù dai colori e sapori orientali, arricchita da pietanze cotte nel tradizionale forno in terracotta tandoori.

LA RASSEGNA
Ideata nel 2016 da Francesca Caggiati, la rassegna “Salute & Benessere” è stata concepita come attività di edutainment - cioè volta ad informare attraverso esperienze piacevoli e coinvolgenti - e si è sviluppata nel corso degli anni ottenendo la collaborazione in ambito medico sanitario dell'Ospedale Maggiore di Parma edi patrocini di Provincia di Parma, Confagricoltura Parma, Arga Emilia Romagna e di Associazioni radicate e attive sul territorio parmense o nazionale come Snupi, AIC (Associazione Italiana Celiachia), Sulle ALI delle Menti, Lidap, Overeaters Anonymous, Amici Obesi, Aidap e altre ancora, spaziando da tematiche prettamente mediche in cui vengono intervistati specialisti nelle diverse branchie della medicina tradizionale, passando da tematiche più olistiche, naturali e orientali, fino ad arrivare a vere e proprie esperienze multisensoriali per il ben-essere di corpo e mente.

In occasione di Parma Capitale della Cultura 2020, la kermesse includerà una serie di iniziative a Parma e provincia, al Centro culturale La Caplèra di Medesano.

Per ulteriori informazioni e per partecipare - fino ad esaurimento posti – telefonare al 3385219408 oppure scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

 

Pubblicato in Salute e Benessere Parma

Paolo Traverso, della Roberto Re Leadership School di Parma, spiegherà come la nostra mente ci condiziona nei nostri comportamenti di tutti i giorni
Nuovo appuntamento lunedì 17 febbraio con gli Aperitivi Formativi, curati dalla giornalista e motivatrice Francesca Caggiati in collaborazione con Esplora, al MisterBoito di Parma, cafè bistrot in stile lounge milanese che si trova in piazzale A. Boito, 5. A partire dalle ore 18.30 un happy hour in cui assaggiare un gustoso buffet con stuzzicherie abbinate ai drink preparati dai barman del locale permetterà ai partecipanti di arrivare e socializzare fra loro.

Paolo_Traverso_1.jpgA seguire dalle ore 19.30 la parte formativa di un’ora tenuta da Paolo Traverso, trainer e responsabile della Roberto Re Leadership School di Parma, sul tema dell’atteggiamento mentale e di come questo incida profondamente sulla nostra vita relazionale e lavorativa.

Il nostro modo di pensare, di vedere le cose e le situazioni, incide profondamente sul valore che attribuiamo a circostanze ed eventi e al modo in cui ci rapportiamo con le altre persone e affrontiamo i problemi che comunque – piccoli o grandi che siano – si presentano quotidianamente nella nostra vita.

Sarà un modo per conoscersi meglio e confrontarsi con un esperto in materia per poter apprendere qual è l’atteggiamento mentale giusto e come arrivarci per affrontare positivamente le nostre giornate sul lavoro, con gli amici e in famiglia.

Per ulteriori informazioni e per aderire – fino ad esaurimento posti – è possibile contattare il 338.5219408 oppure inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o ancora visitare l’evento sulla pagina Fb “Parma Da Vivere”.

 

9.teacher_1.jpg

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Intervista a Gianluigi Negri, giornalista e ideatore delle rassegne che uniscono arti diverse e buon cibo

Di Francesca Caggiati - Nell’anno di Parma Capitale Italiana della Cultura incontriamo il direttore artistico di format culturali-enogastronomici innovativi e di grande successo come Mangia come scrivi, Mangia come ridi, Mangiamusica e Mangiacinema.

Stiamo parlando di Gianluigi Negri, giornalista professionista, critico cinematografico, collaboratore della locale testata Gazzetta di Parma e curatore di eventi pioneristici a Parma, Fidenza, Salsomaggiore Terme e Cantù, dove - nel ristorante di famiglia “Il Garibaldi” - si svolgono le trasferte e le edizioni speciali di Mangia come scrivi e Mangiamusica.

1) Gianluigi come è iniziata la tua carriera da giornalista e come si è evoluta negli anni?
“Ho iniziato nel 1993, poco prima del centenario del cinema, a Radio Monte Kanate a Salsomaggiore con il programma “Hollywood e dintorni: carrellate e panoramiche sul cinema”. Poi, nel tempo, sono arrivate Radio 12 a Parma - lì ho fatto davvero tantissimi anni - Radio Inn a Piacenza, Radio 24.
Per la carta stampata, cominciai nel 1995 con un mensile che si chiamava Notorius e, subito dopo, con il quotidiano La tribuna di Parma, di cui ero critico cinematografico. Nel 1996 ho iniziato con la Gazzetta di Parma. Ci sono state tante altre esperienze, tra quotidiani, mensili e testate online, ma sarebbe lungo elencarle. Voglio solo ricordare il periodo alla Libertà di Piacenza: tre anni interi, dal 1999 al 2001, in cui ero la prima firma del cinema e recensivo i film di Kubrick, Lucas e Scorsese, giusto per fare tre nomi. In quel periodo il compianto Maurizio Schiaretti, persona particolarmente attenta ai meriti e all’impegno, mi chiese di diventare anche critico della Gazzetta di Parma, ma - altra epoca e altre “regole” - avrei dovuto scegliere di lasciare Piacenza: non lo feci, perché là avevo grandissimo spazio. Mi richiamò, se non ricordo male, nel 2003. E lì, pur avendo continuato sempre a scrivere sugli spettacoli a Parma ininterrottamente dal 1996, iniziai anche a firmare recensioni cinematografiche. Dal 2007 al 2009 sono stato redattore della Gazzetta di Parma, in diversi reparti, durante i quattro mesi estivi.”

2) Sei l'ideatore di straordinari e innovativi format in cui arte, cultura ed enogastronomia si fondono assieme in un tutt’uno unico e coinvolgente. Ci racconti la nascita di Mangia come scrivi?
“Con Mangia come scrivi, è iniziato tutto per gioco, nel 2006, in una trattoria di Montechiarugolo: il Cigno nero, gestito allora dai miei genitori Alda e Marco che dal dicembre 2010 gestiscono il ristorante Il Garibaldi di Cantù. L’idea era mettere a tavola tre autori e un artista, spogliandoli dell’abituale narcisismo con il quale si è soliti conoscerli nelle presentazioni in libreria o nelle mostre. La sfida era rendere la cultura “appetibile”, fruibile per tutti, cercando di lasciare fuori dalla sala l’autoreferenzialità e provando a “servire” al pubblico, letteralmente, qualcosa di invitante, accattivante, lieve: intrattenere facendo cultura, fare cultura intrattenendo. In 15 anni abbiamo messo a tavola oltre 500 scrittori, 170 artisti, 10.000 partecipanti, con più di 50 vignaioli e artisti del gusto presentati al pubblico.”

3) I numeri che ci riporti sono da record. E anche Mangiamusica e Mangiacinema non sono da meno. Ce ne parli?
“Parto da Mangiacinema a Salsomaggiore, la cui prima edizione si è svolta nel 2014. Era pronta nel 2012 e la proposi tre volte, in tre momenti diversi, vedendola sempre bocciare. La feci per “rabbia”, alla quarta volta, con soli 3 mila euro di finanziamento pubblico. Un festival nazionale, con Radio 24 e Film Tv come media partner e con ospiti Pupi Avati, Enrico Vaime, Gianmarco Tognazzi, Wilma De Angelis, Stefano Disegni, Edoardo Raspelli, tra i tanti. Follia pura: un format completamente nuovo, originale, in anticipo sui tempi e, successivamente, stra-imitato ovunque.
Anche Mangiamusica era pronta due anni prima, ma lì nessuna “bocciatura”: occorreva solo trovare il momento giusto per proporla al Comune di Fidenza, che nel 2016 ha accolto con entusiasmo l’idea ed il progetto “gemello” o “cugino” di Mangiacinema, da realizzare questa volta in un meraviglioso teatro ottocentesco: il Magnani. Siamo stati i primi in Italia a fare uno show cooking a teatro durante uno spettacolo. Quanti ne sono arrivati dopo (sorride, ndr)…”

4) Che tu sia un precursore, creativo e lungimirante è fuori da ogni dubbio. Ci puoi anticipare qualcosa sulle prossime edizioni di Mangiacinema e Mangiamusica: quando si terranno? i nomi di alcuni ospiti?
“Per Mangiacinema le cose sono sempre difficili, anzi difficilissime. La sesta edizione (anno zero) del 2019, dedicata a Bertolucci, è stata un successo senza precedenti. Poco dopo ho ricevuto le “solite” promesse dall’amministrazione, ma non abbiamo al momento alcuna certezza e dobbiamo ancora chiudere il bilancio 2019. Il tempo stringe, ma lì è sempre difficile organizzare tutto: in primis per ragioni economiche, poi per ragioni di pianificazione e di logistica. Abbiamo già tante richieste ed idee, ma non c’è ancora nulla di concreto. Il cuore ci spingerebbe a rifarlo, la ragione no. Vediamo cosa prevarrà: in passato, nonostante le mille difficoltà, ha sempre prevalso il cuore.
Per Mangiamusica è diverso: la quarta edizione (che si è appena chiusa) ha fatto registrare quattro sold out su quattro serate. Con Roberto Brivio, Flavio Oreglio e Alberto Patrucco nello spettacolo “Invenzioni a tre voci”, con Rossana Casale, con Renato Pozzetto, che ha ricevuto anche il Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni, con Enrico Ruggeri e i Decibel. Ci sono già le future quattro date (a partire da fine ottobre 2020) e sto prendendo contatti con alcuni artisti, ma è presto per le anticipazioni.”

5) Quest'anno Mangia come scrivi si presenta come limited edition. Dopo la serata dedicata alla scrittura surrealista di Antonio Tacete, che ha avuto grande successo, quale sarà il prossimo appuntamento?
“La serata di fine gennaio alle Tre Ville di Parma è stata una “limited edition”, peraltro da tutto esaurito e molto divertente. Al momento è prevista una data a Cantù, che annunceremo a breve, ma non sono previsti altri appuntamenti a Parma. Siamo la rassegna di artisti e scrittori a tavola più longeva e imitata d’Italia. Nati nel 2006, abbiamo fatto 175 cene letterarie e artistiche in 15 anni, senza mai ricevere un euro di contributo pubblico. Qualcuno non vuole che si dica o non ama sentirselo dire: ci sono imprenditori della cultura e volontari della cultura. Noi facciamo cose libere e indipendenti da sempre, che non hanno eguali in termini di originalità e che non si trovano in nessun altra realtà italiana. Non sempre c’è spazio per iniziative libere e coraggiose come queste.”

6) Hai un sogno nel cassetto o una "pazzia" che vorresti fare?
“Avevo un bellissimo format di cinema e sport, che ho proposto a un Comune: hanno promesso di finanziarlo e poi lo hanno copiato, fallendo miseramente… Sarebbe andata in maniera diversa se avessero sposato il nostro, anziché copiarlo malamente. Mi piacerebbe farlo, ma il “mercato” della cultura è completamente saturo e inondato di iniziative che spesso risultano senz’anima, identità e necessità.”

7) Ci salutiamo con una domanda semplice, al contempo difficilissima: tre pregi e tre difetti di Gianluigi Negri...
“Sono sia pregi che difetti, a seconda dei punti di vista: ostinazione, precisione, eccessiva schiettezza.”

In attesa delle novità 2020 per questi straordinari format, ringraziamo Gianluigi Negri e lo esortiamo a continuare nella sua attività di divulgatore di Cultura, vera, fruibile e golosa con la passione che lo contraddistingue da sempre e con l’augurio che istituzioni e aziende lungimiranti e sensibili come lui possano affiancarlo in questo cammino fatto di Arte e ancor di più di persone e di esperienze multisensoriali uniche!

Gianluigi_Negri_con_Pupi_Avati.jpg

 

Pubblicato in Cultura Emilia

Aperitivi formativi al MisterBoito di Parma. Lunedì 10 febbraio sarà la volta della cyber security: come tenere al sicuro i nostri dati?

Matteo Gianniello esperto in materia di sicurezza informatica spiegherà strumenti ed accorgimenti per evitare hackeraggi, furti e perdite di dati, truffe informatiche e altri consigli per la tutela di utenti, professionisti e aziende
Nuovo appuntamento lunedì 10 febbraio con gli Aperitivi Formativi, curati dalla giornalista e motivatrice Francesca Caggiati in collaborazione con Esplora, al MisterBoito di Parma, cafè bistrot in stile lounge milanese che si trova in piazzale A. Boito, 5. A partire dalle ore 18.30 un happy hour in cui assaggiare un gustoso buffet con stuzzicherie abbinate ai drink preparati dai barman del locale permetterà ai partecipanti di arrivare e socializzare fra loro.

A seguire dalle ore 19.30 la parte formativa di un’ora, tenuta dall’esperto e consulente aziendale Matteo Gianniello, che verterà su un tema caldo e di stretta attualità come la sicurezza informatica. Perché parlare di sicurezza informatica e perché è cosi importante tutelare i nostri dati?

Viviamo in una società altamente tecnologica, più di quel che possiamo credere e le informazioni saranno – o forse lo sono già - il nuovo petrolio. Una volta c'era un calcolatore elettronico isolato, oggi tutto può essere controllato da uno smartphone, che se viene violato può portare anche al furto della propria identità.
Gianniello spiegherà come i dati e la sicurezza delle informazioni e delle transazioni in rete diventino fattori cruciali di scelta per gli utenti e potenziali punti critici per le aziende.
Matteo Gianniello si occupa di consulenza e formazione in materia di sicurezza informatica e privacy, su questi temi ha condotto anche un programma radiofonico e cura il podcast Privacy Smart.
Per ulteriori informazioni e per aderire – fino ad esaurimento posti – è possibile contattare il 338.5219408 oppure inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o ancora visitare l’evento sulla pagina Fb “Parma Da Vivere”.

 

Matteo_Gianniello_1.jpg

Domenica 19 gennaio si parte con il corso di motivazione “Quanto Vali?!” e il brindisi inaugurale del variegato cartellone di appuntamenti dell’Associazione medesanese, partner di Parma Capitale della Cultura 2020.

Medesano (PR) 12-01-20 – Il 2020 sarà un anno importante per la cultura a Parma e provincia e il nuovo incarico di referente eventi del centro culturale La Caplèra di Medesano, sede dell’omonima associazione costituita nel 2016, vedrà da subito all’opera Francesca Caggiati.

Già domenica 19 gennaio, dalle 12.00 alle 18.00, i locali della villa ospiteranno il corso di motivazione e consapevolezza "Quanto Vali?!", che porterà i partecipanti a sperimentare vari modi per darsi il giusto valore, nelle relazioni di lavoro - riposizionandosi all'interno della propria azienda o addirittura cambiando lavoro - e nelle relazioni interpersonali, di coppia, genitori/figli o amicali.

“Nel momento in cui diventiamo consapevoli del nostro valore – spiega Francesca Caggiati - possiamo trasmettere agli altri le nostre qualità e competenze per farci riconoscere una retribuzione più consona, vivere un rapporto più equilibrato e rispettoso con noi stessi e di conseguenza con gli altri”.

Francesca_Caggiati_-_giornalista.jpgCaggiati, 46 anni, formatasi con rinomati docenti italiani ed esteri, conta una laurea in Economia e Commercio, è specializzata in comunicazione e marketing turistico e territoriale. Giornalista pubblicista dal 2001, attualmente ricopre il ruolo di revisore dei conti, nel Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti dell'Emilia Romagna, per cui organizza anche alcuni dei seminari di aggiornamento relativi alla formazione obbligatoria degli iscritti.
Il corso è a numero chiuso e prevede un massimo di dodici partecipanti. Per ulteriori informazioni è possibile contattare il 338 5219408 oppure inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o un messaggio attraverso la pagina Fb Parma Da Vivere.

L’Associazione senza scopo di lucro La Caplèra è partner ufficiale di Parma Capitale della Cultura 2020 con un progetto previsto presso il Ponte Nord, mentre in sede ospiterà eventi socio-culturali, artistici, informativi, educativi e benefici.

La realtà medesanese prende il nome dalla cappellaia, in dialetto locale la caplèra appunto, che viveva nella vecchia casa e che di mestiere cuciva i cappelli per gli abitanti della zona. Da qui, l’attuale proprietario e fondatore, è stato ispirato e ha tradotto in favola la straordinaria avventura che gli ha permesso di acquistare la Caplèra, fatta costruire dal maestro Romano Gandolfi, e che il centro culturale ha in animo di poter offrire al pubblico a fine maggio, con uno spettacolo teatrale rivolto ad adulti e bambini.

Sempre domenica 19 gennaio alle ore 19.00 si terrà la presentazione del calendario eventi La Caplèra 2020 e il brindisi inaugurale - aperto a tutti fino ad esaurimento posti – per cui è richiesta l’adesione contattando il centro culturale attraverso la mail del sito www.lacaplera.it  o la pagina Fb "La Caplèra".

Centro_Culturale_La_Caplèra_-_Medesano_PR_1.jpg

 

FB_IMG_1450638105881.jpg

 

 

 

Pubblicato in Cultura Parma

Arriva il corso di formazione per capire quanto valiamo veramente tenuto dalla giornalista Francesca Caggiati. Domenica 10 novembre al centro culturale La Caplèra di Medesano (PR)

Parma, 24 ottobre 2019 - Ci siamo mai fermati un attimo a riflettere su quanto valiamo realmente? Abbiamo mai pensato di conoscerci meglio? Per trovare il coraggio di fare quelle scelte che non abbiamo mai fatto? O dire quello che non abbiamo mai detto? Di sentirci soddisfatti a fine giornata e al mattino carichi e pieni di energia per affrontare nuove sfide? E ancora siamo contenti di quanto guadagniamo? O pensiamo di meritare di più ma non sappiamo come ottenerlo?

Il corso di formazione “QuFrancesca_Caggiati_-_giornalista.jpganto vali?!” della giornalista Francesca Caggiati, organizzato domenica 10 novembre dalle 14 alle 20 al centro culturale La Caplèra in Strada Costa Garibalda, 11 Medesano (PR), nasce proprio per rispondere a queste domande.

“Qualche anno fa in seguito ad un mio percorso di crescita personale – spiega Francesca Caggiati - mi sono resa conto che molte persone, io per prima, non erano del tutto consce del valore che davano al proprio tempo e alle proprie competenze e alla difficoltà di tradurre entrambe in un valore non solo qualitativo, ma anche quantitativo". Capire cioè se quello che stiamo guadagnando per fare un determinato lavoro è congruo con la nostra formazione, le nostre capacità e le nostre competenze e con il valore e il beneficio che restituiamo all'azienda o al cliente per cui lavoriamo.
Nel momento in cui diventiamo consapevoli del nostro valore - che è già un primo passo molto importante - come possiamo farci riconoscere dagli altri le nostre qualità e capacità insieme ad un giusto corrispettivo?
Durante il corso sarà possibile sperimentare vari modi per riuscire a riposizionarsi all'interno della propria azienda o addirittura cambiare lavoro. "Perché se l'obbiettivo è chiaro, applicando le giuste argomentazioni, si ottiene sempre, anche se magari non immediatamente, il risultato desiderato”

Il corso, prevalentemente pratico unito ad una breve parte teorica per veicolare alcuni concetti di base, è veramente rivolto a tutti. Ognuno di noi indipendentemente dall'età, dal titolo di studio o dalla posizione lavorativa può in qualunque momento della propria vita fermarsi un momento a riflettere analizzando la propria situazione.
Durante l'esercitazione saranno utilizzate molteplici tecniche riprese da discipline diversissime tra loro, ma che inducono tutte all'elaborazione mentale e all'atto pratico.
“Una full immersion di sei ore dove si lavorerà sodo mettendosi in gioco seriamente per provare a cambiare la propria vita” spiega la Caggiati.

I posti sono limitati, massimo dodici persone. Per richiedere maggiori informazioni o per iscriversi al corso è necessario inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o mandare un messaggio alla pagina facebook Parma Da Vivere. E' possibile iscriversi entro il 9 novembre, salvo esaurimento posti.

 

Massima_rivisitata.jpg