Visualizza articoli per tag: Design

Martedì, 16 Febbraio 2016 10:17

Design di lusso: i gioielli "Hand Made"

Gioielli: tutte le nuove tendenze 2016. Le forme i colori e i materiali protagonisti per tutti gli stili e tutte le tasche. Ecco cosa propongono i luxury brand da Bulgari a Cartier a Damiani, Eden e Chopard e i consigli pratici per essere sempre alla moda!

Di Giulia Santoro

Diciamo la verità: noi donne amiamo i gioielli!
Di qualsiasi genere, forma o colore, ogni scusa è buona per comprare qualcosa di nuovo, di prezioso che sia per una serata importante, un colloquio di lavoro o da abbinare ad un outfit speciale.

Non per niente i gioielli sono sempre il regalo più azzeccato ed apprezzato qualunque sia l'occasione.
Non per niente il tema odierno scelto per lo spazio in Rubrica dedicato al Design è rivolto ai gioielli e a tutte le nuove tendenze 2016.

I luxury brand da Bulgari a Cartier a Damiani, Eden e Chopard propongono collezioni brillanti, in tutti i sensi. I veri protagonisti sono l'oro e gemme coloratissime. Anche se siamo in pieno inverno infatti nessuna maison rinuncia all'allegria che questi monili portano con sé ed ecco che le grigie giornate invernali si ravvivano con i colori vivaci delle pietre preziose.

orecchini anelli gioiello moda flashon 1

 

Non per niente la parola d'ordine è "più grande è meglio è". Dalle passerelle dominano collane, bracciali e anelli over-size in pieno stile retrò, come per esempio proposto nell'ultima sfilata di gioielli da donna di Just Cavalli.

Si sà che i diamanti sono i migliori amici delle donne, ma è altrettanto vero che di gioielli ce n'è sempre per tutti i gusti e soprattutto per tutte le tasche.
Torna in auge anche la bigiotteria, ma non solo quella di lusso, non importa quanto sia "preziosa", l'importante è che faccia risaltare al meglio la donna che li porta.
I "gioielli ironici" sono una delle tendenze più in voga per l'autunno inverno 2015-2016. I gioielli di design di quest'anno vedono spiccare labbra, ancore, corde marinaresche e persino i nostri cari animali da compagnia diventano collane, anelli o bracciali (www.miasitaly.it).

gioiello bracciale bijoux flashon 3

Rimangono sempre un "evergreen" i gioielli eleganti dove la qualità dei materiali incontra un gusto classico e raffinato (www.digregoriogioielli.com ).
Per chi ama i "vecchi tempi" sempre di moda i gioielli dal tocco vintage: oro giallo e pietre preziose per un look casual da tutti i giorni.

bracciale gioiello bijoux 1

Il mio consiglio a tutti gli uomini previdenti, che magari si sono lasciati sfuggire l'occasione di per un regalo prezioso a San Valentino, è proprio quello di regalare un gioiello, di sicuro non sbaglierete!
Infatti sono impossibili i doppioni, che siano orecchini, bracciali, anelli o collane alle donne fanno sempre piacere riceverli, basta avere qualche accortezza:

  • il monile più adatto è quello che la vostra lei porta più spesso;
  • pensate all'occasione d'uso (una serata importante o qualcosa di più semplice per tutti i giorni)
  • pensate ai suoi gusti (su questo sito www.keblog.it/anelli-animali-avvolti-aggrappati-dita tanti bellissimi anelli con animali da cui prendere spunto) e anche ai vostri (altrimenti che regalo è?!).

E il gioco è fatto!!

brcciale gioiello bijoux glamour fashon

Mostre, installazioni, fotografia, architettura e design, video arte, realtà virtuale, food design, musica: uno sguardo a 360° sul sistema della creatività contemporanea italiana e un focus sulla creatività emergente: Festival della Creatività Contemporanea a Parma dal 2 aprile al 15 maggio.

Tutte le foto della presentazione nella galleria in fondo alla pagina ph. Francesca Bocchia

Parma, 10 febbraio 2016

E' stato presentato ieri, presso il Teatro Agorà della Triennale di Milano, "Parma 360", Festival della Creatività Contemporanea che si terrà a Parma dal 2 Aprile al 15 Maggio. Mostre, conferenze, installazioni, conferenze, workshop: un evento unico, senza precedenti sta per coinvolgere la nostra città.

Uno sguardo a 360° sul sistema della creatività contemporanea italiana e un focus sulla creatività emergente. Mostre, installazioni, fotografia, architettura e design, video arte, realtà virtuale, food design, musica. Un grande evento culturale che di snoderà fra mostre disseminate in tutta la città, conferenze, workshop e circuiti off.
Anche i negozi del centro storico, grazie al supporto di Ascom Parma Confcommercio Imprese per l'Italia, per tutto il periodo del Festival ospiteranno la creatività e le opere di numerosi artisti che si metteranno "in mostra" attraverso le vetrine dei negozi.

Spazio anche alla didattica. In occasione del Festiavl, le associazioni KONTAINER e 360° Creativity Events, con il contributo di Funder35, hanno ideato PARMA 360 CREATIVITY LAB una piattaforma di servizi per la formazione specializzata delle professioni dell'arte e della creatività in cui si incontrano patrimonio storico, cultura e nuove tecnologie per promuovere l'occupazione dei giovani, cercando di favorire e creare nuovi sbocchi professionali promuovendo la cultura e la creatività nei diversi settori (fotografia, design, new media, web digital) come leva di sviluppo socio-economico, motivo per il quale anche Cariparma Crédit Agricole e Chiesi hanno trovato una profonda unione di intenti con questa prima edizione del Festival Parma 360.

Tra le attività formative in programma: il workshop Fotografare con i Fotografi, il workshop Food Design e Food Stylist, un Forum Internazionale sulla "Rigenerazione Urbana", con la partecipazione di Michelangelo Pistoletto e la collaborazione di Cittadellarte – Fondazione Pistoletto e Ordine degli Architetti e Pianificatori di Parma. Un corso per curatori "Young Curator", impostato attraverso la metodologia del "learning by doing".

Fra i tanti eventi in programma, in Piazzale della Pace, insieme al maggiore artista contemporaneo, Michelangelo Pistoletto e a Cittadellarte – Fondazione Pistoletto, con il coordinamento dell'associazione parmigiana Manifattura Urbana, verrà realizzato il simbolo del Terzo Paradiso, con l'intento di avviare un processo di rinascita e rigenerazione urbana in un'area monumentale della città che sta subendo negli anni un processo di incuria e abbandono.

Palazzetto Eucherio Sanvitale, prezioso gioiello dell'architettura tardo-quattrocentesca nel cuore del Parco Ducale, ospiterà Maurizio Galimberti. L'Instant Artist presenterà a Parma una serie inedita intitolata AriDadaKali 2012-2015, a cura di Benedetta Donato. Attraverso il corpo, lo studio del nudo femminile e un intreccio di riferimenti e citazioni, da Giacomo Balla ai fotogrammi di Man Ray e Moholy-Nagy, Galimberti fa parlare la propria immaginazione.

A Palazzo Pigorini, in strada Repubblica, rivivrà l'archivio del designer e architetto Vico Magistretti con la mostra Archivio in viaggio realizzata in collaborazione con la Fondazione Vico Magistretti e Berni Studio di Parma. Schizzi, appunti, fotografie e oggetti d'arredo illustreranno gli storici sodalizi professionali di Magistretti con alcune delle più importanti aziende italiane di design.

Sempre Palazzo Pigorini ospiterà The art of food valley a cura di Chiara Canali: un tour attraverso le forme, i sapori e i colori del distretto territoriale della Food Valley emiliana, un percorso di intersezione tra artisti e cibo in omaggio a Parma recentemente eletta dall'Unesco "Città Creativa per la Gastronomia". Ventitré artisti rifletteranno su venti prodotti tipici DOP e IGP compresi nel territorio della Food Valley utilizzando tutte le forme e le tecniche espressive, dalla pittura alla scultura, dall'installazione alla fotografia.

La Chiesa sconsacrata di San Ludovico in via Cavour ospiterà la video-installazione OPUS del visual artist C999 e le fotografie di ERRESULLALUNA. Opus, ispirandosi alle cromie e all'estetica manierista, "affrescherà" simbolicamente le pareti con un'opera tra la video arte ed il vjing. Uno spettacolo immersivo, proiettato ogni ora per tutta la durata del festival amplificato ulteriormente grazie alla piattaforma cloud Fullmmersion che consentirà una navigazione virtuale a 360°. L'installazione è accompagnata da 17 opere fotografiche a sfondo sacro di grandi dimensioni realizzate da Erresullaluna e Chuli Paquin De Poulpiquet.

The Strange Days – cose dell'altro mondo, da venerdì 1 aprile sino a domenica 3 aprile, animerà gli spazi dell'Ex-Manzini-WoPA (a cura di Federica Bianconi in collaborazione con Associazione Workout Pasubio, Solaris, spazio entropia, CNA, CACCA, Sequence e spazioborgoriccio e con il contributo di Paolo Schianchi, Gianluigi Ricuperati, Elisa Barbieri, Otto Grozni, Marco Scotti e Valentina Rossi).
72 ore di creatività dirompente, irregolare e fuori dal coro, The Strange Days condivide spensieratezza, bizzarria, divertimento, in un contesto multidisciplinare che coinvolgerà cittadini irregolari e non, artisti, scrittori, attori.

L'iniziativa è organizzata dalle associazioni 360° Creativity Events, Art Company, Made in Art, Kontainer, con il contributo del Comune di Parma, la direzione artistica di Camilla Mineo, Chiara Canali, Simona Manfredi, Federica Bianconi e un'ampia rete di partner pubblici e privati.
L'obiettivo della manifestazione, alla sua prima edizione, è quello di recuperare la naturale vocazione culturale e artistica della città, facendo vivere in modo nuovo e sinergico gli spazi espositivi, valorizzando la comunità creativa sul territorio e coinvolgendo in maniera attiva la cittadinanza.

Tutte le info su www.parma360festival.it 

Parma360 cultura arte mostre workshop rid

Pubblicato in Cultura Parma

Con l'arrivo di un bebè si rischia di perdersi nel mondo delle cose che sono o sembrano indispensabili. Qualche utile consiglio di Caterina Cappetti, family consultant, per arredare al meglio la cameretta del pargolo in arrivo. 

Di Giulia Santoro

Parma, 8 febbraio 2016

L'arrivo di un bebè è sempre una gioia enorme in una famiglia che lentamente prende forma. I neo genitori si devono dunque preparare al meglio per affrontare quella che sarà sicuramente una grande avventura.
Iniziano giri interminabili per negozi per scegliere tutto l'occorrente. Mamma e papà vengono catapultati così in un gigantesco nuovo mondo, costellato di oggetti e prodotti mai sentiti prima, abitato da persone che sembrano parlare un'altra lingua, per le quali TUTTO (ma proprio tutto!) è assolutamente indispensabile e va acquistato immediatamente (anzi, sei già in estremo ritardo).

A tutti questi neo genitori vogliamo dare un po' di tregua per avvicinarci ad un momento importante e pieno di gioia con la massima tranquillità, ma anche preparazione.
Ho avuto modo di incontrare Caterina Cappetti, family consultant genovese, che ci rivelerà qualche trucco per arredare al meglio la cameretta del pargolo in arrivo.

1 – NON TUTTO SERVE SUBITO
Dovete resistere alla tentazione di "ricoprirvi" di oggetti, perché il rischio è di ritrovarsi con ciò che potreste non usare mai. Quindi, "compilate una lista" delle cose strettamente necessarie. Fatevi aiutare da parenti e/o amici che ci sono già passati (in questi casi l'esperienza serve!!). Tenete presente che, dopo la nascita del bambino, arriveranno un sacco di regali quindi meglio limitare l'acquisto alle cose indispensabili, il resto può attendere.

2 – SPAZI VITALI
Un neonato ha bisogno di molto spazio (pur essendo così piccolo). Prima di procedere all'acquisto di qualunque cosa occorre avere la piena consapevolezza dello spazio a disposizione. Tenete un metro a disposizione sempre. Questo vale non solo per la stanza che avete deciso di adibire a "cameretta" ma anche per altri spazi di cui necessariamente il bambino dovrà usufruire quali la cucina, il salotto, il bagno, ecc.

3 – PRATICITA', SEMPLICITA' E COVENIENZA
Sono i tre principi che dovete tenere a mente sempre perché gli oggetti che andrete ad acquistare devono semplificarvi la vita non complicarvela!
Sconsiglio l'uso preponderante del colore che si riferisce al sesso del bimbo. Puntate piuttosto su colori neutri. Questo renderà la stanza più versatile e nel tempo non sarete costretti ad effettuare grossi cambiamenti. Per lo stesso motivo non acquistate una marea di "mini mobili", meglio adattare quelli già esistenti.

I "must" di prima necessità:

  1. Il lettino o la culla. Sembra tornata in "voga" la vecchia culla di vimini forse dato dal fatto che utilizzare i vecchi cimeli di famiglia riesca a conciliare il lato affettivo con quello economico. Negli ultimi tempi sono nati anche i lettini trasformabili. Il costo non è molto contenuto (dai 300 Euro in su) ma potrete sfruttarlo per molto tempo (potendo diventare poi anche un comodo divanetto da camera). Marche (Foppapedretti, Stokke, Ros, Ikea solo per citarne alcune) e forme (rettangolari, ovali, circolari) non mancano. Tuttavia consiglierei l'acquisto di un lettino trasformabile rettangolare perché sarà così più semplice e meno dispendioso l'acquisto (sia immediato che futuro) delle lenzuola in coordinato.
  2. Carrozzina. Molto comodi i modelli "trio" che incorporano passeggino, navicella e seggiolino omologato per auto. Tenete sempre in considerazione le dimensioni (verificando che possa entrare ad esempio in ascensore) e peso. cerca passeggini flashon mag rid
  3. Fasciatoio. Meglio adibire un mobile già esistente in camera come una cassettiera o una scrivania. brevilindo rid
  4. Vaschetta per il bagno. Esistono delle vasche apposite da collocare su un "tre-piedi" che assicura maggiore comodità alla schiena della mamma e anche perché ormai nelle case è più facile trovare una doccia super attrezzata che non la vecchia vasca da bagno.

Tutto il resto verrà da sé...in bocca al lupo e congratulazioni per l'arrivo del bebè!!

baby collage rid flashonmag

Credits images with the courtesy of: cercapasseggini.it – brevi.eu – lettioutlet.com – twenga.it – wallsome.info

Martedì, 02 Febbraio 2016 11:37

Design Retrò: alla ricerca di arredi preziosi

Oggetti strani, preziosi, veri pezzi unici d'altri tempi, capaci di cambiare il volto del nostro arredamento. Un mercato che non ha mai conosciuto crisi e attira intenditori da tutto il mondo. Nella zona pittoresca del Naviglio Grande di Milano, alla scoperta di NIPPER: un "negozietto" vero paradiso per gli appassionati di oggettistica d'antan.

- di Giulia Santoro -

Ci sono luoghi che più di altri sanno ispirare la nostra creatività e di conseguenza andiamo a scovarli quasi inconsapevolmente. Non è intuitivo però sapere che per avere un arredamento personalizzato, e ricercato ci vengono in aiuto dei "negozietti" che non vendono solo e necessariamente ciò che è più di moda. Questi "negozietti" sono in realtà delle vere e proprie botteghe d'arte che conservano, riparano e vendono gli oggetti più strani, più preziosi, veri pezzi unici che la storia abbia visto.

Quello che ho scovato è proprio uno di quei "negozietti" nella zona pittoresca del Naviglio Grande di Milano.
Anni fa l'estroso Alfonso, nato in Olanda e trapiantato in Italia da diverso tempo (anche se l'accento è ancora riconoscibile), insieme alla moglie Chantal hanno portato le loro passioni al punto di creare quello che oggi è considerata "LA MECCA" degli appassionati di oggettistica, questo è NIPPER.

Entrando ci rendiamo subito conto di essere passati ad una dimensione diversa, fatta di passione, di impegno e di tantissima esperienza. Muovendoci nei piccoli spazi dello show-room notiamo pezzi così particolari che in realtà abbiamo spesso visto solo nei film o in qualche pubblicità, anche se questi contrariamente sono gli originali! Vi sono vecchie Casse Contabili del 1700 (avete presente quelle dei saloon del far west dei film?), Grammofoni provenienti da ville ottocentesche, la prima Cabina Telefonica italiana, telegrafi, barometri, bussole, scrittoi, gabinetti decorati a mano di porcellana finissima trovati in una casa patrizia inglese del 1850, frammenti tangibili di un tempo che normalmente viene studiato tra i banchi di scuola. Ma non solo. Si possono scovare quelle che furono le straordinarie progettazioni dei grandi del passato come Castiglioni, Zenuro,Sapper.
In questo viaggio temporale veniamo catapultati negli anni sessanta con i favolosi Juke Box, Flippers, Dispensers coloratissimi per caramelle o chewingum, insomma c'è tutto e di tutto di più. Un vero paradiso per gli appassionati di oggettistica d'antan.

Alfonso ci spiega che, anche se non sembra, il mercato di questo tipo di arredamento non ha mai conosciuto crisi e attira intenditori da tutto il mondo. Oggi, grazie anche alla tecnologia e i social network, è tutto più rapido, efficiente e sicuro. Perciò vendere un telefono del 1915 ad un americano che vive in Texas è diventato un gioco da ragazzi. Avviare una trattativa via skype è all'ordine del giorno.

La cosa singolare però, che si è mantenuta nel tempo, è che non si è "allargato il giro", come se fosse una setta segreta di intenditori che gelosamente custodiscono il segreto di dove andare a scovare questi tesori. Ma quale sacrilegio!!! Questi mondi alternativi andrebbero scoperti da tutti, anche se non necessariamente con il fine ultimo di acquistare.
In realtà, anche se in un primo momento può sembrare una follia portare a casa anche solo un Pezzo di una collezione così eclettica, ha il potere di rendere i nostri ambienti domestici favolosi. Infatti, nonostante arredamenti basici, spesso economici o fatti con poca cura o passione, le nostre case possono prendere vita nuova e cominciare a respirare profumi diversi! A volte basta anche un singolo oggetto per dare una personalizzazione all'ambiente.

Non potrete sbagliare, uno qualsiasi di questi oggetti sarà l'ideale per il vostro soggiorno, camera da letto o ingresso.
Il mio consiglio, sempre che io sia riuscita ad ispirarvi o quanto meno ad incuriosirvi, è quello di cominciare a farvi un idea sul sito www.nipper.it, poi meglio contattare telefonicamente Nipper per mettere quanto prima in Agenda una possibile visita in loco. Da qui probabilmente verrete instradati sulla magica Via dei "negozietti", pochi e sparsi in punti strategici di tutto il mondo. Assolutamente da scoprire e perché no, approfittarne per un break lontano dalla quotidianità o per un fine settimana diverso.

 

 

Pubblicato in Design Emilia
Mercoledì, 20 Maggio 2015 16:56

Citroen C4 Cactus alla Milano Design Week

Nel salone d'onore della Triennale di Milano, fra le icone del design anche Citroen C4 Cactus, un'auto scelta come icona della temporaneità, per l'altissimo contenuto di design. -

Parma, 20 maggio 2015 -

Nel "garage" ricostruito di un casa virtuale, la Citroen C4 Cactus è stata parcheggiata tra le eccellenze del design contemporaneo esposte alla Triennale di Milano nella sezione The Art of Living.

- Scopri di più nel video in fondo alla pagina -

(in collaborazione con www.videomotori.eu )

c4 cactus design week rid

 

Pubblicato in Motori Emilia

Dal 1° al 3 maggio 2015 lo splendido Palazzo Berzieri di Salsomaggiore ospiterà la seconda edizione di Parma Vintage

Parma 01 Aprile 2015 -

Dal 1° al 3 maggio 2015 torna Parma Vintage, evento d'eccellenza dedicato al mondo della moda ed al design d'altri tempi. Una location d’eccezione come lo splendido Palazzo Berzieri a Salsomaggiore (PR), maestoso edificio termale considerato il più raffinato esempio di art decò e liberty italiano, ospiterà più di 50 espositori con il meglio dell’abbigliamento, degli accessori e del design d’epoca.

Diverse saranno le attività collaterali che sapranno coniugare shopping vintage e relax termale. E’ infatti già partito il contest fotografico POST (your) CARD, con album ufficiale sulla pagina Facebook ParmaVintage. In palio un trattamento Spa per 2 persone e 10 ticket omaggio per la mostra-mercato.

Inoltre, proprio grazie alla collaborazione con Parma Vintage, il Fidenza Village proporrà l’esclusiva promozione del 10% di sconto sui prezzi outlet + Vip Card presentando la cartolina Parma Vintage presso l’ufficio turistico dell’outlet. Promocard disponibili al Fidenza Village e in tutta la città di Parma.

Fra tante interessanti novità, rimangono gli elementi  che hanno garantito il successo della scorsa edizione, come la selezione speciale per la sposa e lo shooting fotografico di abiti d’epoca direttamente dalla collezione di A.N.G.E.L.O. Vintage Palace, con acconciature e make-up curati da Bizzarri Capricci.

Info, dettagli e regolamento  sono disponibili sul sito www.parmavintage.it

L’evento, patrocinato da Regione Emilia Romagna, Provincia di Parma e Comune di Salsomaggiore, è a cura di Bi&Bi Comunicazione in collaborazione con A.N.G.E.L.O., Fidenza Village, Terme Salsomaggiore e Tabiano.

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia
Mercoledì, 18 Giugno 2014 09:30

"Love Brera Business Together"

Nasce nel cuore di Brera, la nuova trasmissione - evento "Love Brera Business Together": professionisti e aziende si raccontano, alla scoperta del made in Italy di respiro internazionale -

Parma, 18 giugno 2014 -

Francesca Abbati, "tv blogger" del portale Syncronia e i suoi partner si uniscono per dar vita a "Love Brera Business Together", che sorgerà a Brera, nel cuore pulsante della cultura milanese. Un evento unico, che grazie a figure di spicco del mondo del design, dell'arte e della moda darà vita a un talk show alla scoperta del made in Italy di respiro internazionale. Condotto da Francesca Abbati, da cui è partita l'idea del progetto, gli ospiti si racconteranno in un incontro confidenziale tra colleghi e aziende. Un percorso a episodi, che vede coinvolto lo Studio Claudio Nardi Architects di Firenze. Ospite d'eccezione, sarà proprio l'Architetto Claudio Nardi, tra i cui progetti di fama internazionale, il Museo di Arte Contemporanea, Ex Fabbrica Schindler a Cracovia (2010). Illustre partner di questo evento-trasmissione, che vede già nel nome l'importanza di creare business unendo le forze, l'azienda Newform capace di sintetizzare in ogni oggetto realizzato i concetti di qualità, design allo stato puro e di stile carismatico. Nella sede di Milano è già pronto il set televisivo, che domani, accenderà i riflettori su "Love Brera Business Together". Per svelare solo un nome, fra tutti gli ospiti delle prime due puntate, l'azienda Italgraniti di Formigine, fiore all'occhiello della ceramica made in Italy, per pavimenti e rivestimenti d'autore. Gli episodi saranno ripresi da Ada channel, canale 84 del digitale terrestre.

Pubblicato in Design Emilia

Un momento culturale che unisce design e musica, mostre di fotografia e grafica, progetti di arte e architettura in un contesto indipendente ed autogestito dagli artisti in un'ottica di confronto e condivisione di idee.

 

Modena, 19 aprile 2014 -

È di nuovo il «Temporary Art Garden» l'appuntamento di riflessione degli artisti di Salsomaggiore. Uno spazio espositivo, temporaneo, aperto a tutti per creare sinergia tra le varie forme espressive. Il vernissage inaugurale, giovedì 24 alle 18 nella splendida cornice delle Serre Comunali del Parco Mazzini, sarà per Salsomaggiore un momento di incontro con gli artisti che dall'anno scorso, quando durante la prima edizione della Gran Fiera di San Vitale avviarono questo percorso, stanno lavorando ad un ripensamento del territorio, una rivalutazione dei tesori che esso racchiude.
«La seconda edizione di "Temporary Art Garden", in programma dal 24 al 28 aprile all'interno della Gran Fiera di San Vitale, permette una riflessione sulla storia di Salsomaggiore Terme, dai suoi inizi come Borgo del Sale, passando dalla sua epoca d'oro della "Ville des eaux" fino ad arrivare alla sua identità odierna, senza omettere possibili risvolti future» spiegano i ragazzi coinvolti.
È, senza dubbio, un momento culturale che unisce design e musica, mostre di fotografia e grafica, progetti di arte e architettura in un contesto indipendente ed autogestito dagli artisti in un'ottica di confronto e condivisione di idee.
Quest'anno "Temporary Art Garden" si presenta al pubblico con tre progetti artistici ed un "Atelier" pensato per i bambini: un evento salsese che, ripartendo dalle origini della città termale, vuole spingere lo sguardo oltre il presente.

«Appunti sul Tempo»
Il progetto, ideato da Cecilia Pratizzoli, artista e fotografa salsese, ideatrice di Frame Foto Festival di Salsomaggiore Terme, con la collaborazione di Julie Uni, sarà dedicato alla "Bella Epoque" di Salsomaggiore. È un collage fotografico, con cartoline d'epoca e scorci fotografici attuali, in un parallelismo che viaggerà su fotografia e video, grazie alle interviste degli anziani, degli adulti e dei bambini, per conoscere una Salsomaggiore diversa, quella già vissuta e quella che, forse, non esisterà mai.

«Salso.Interrotta»
Allestita dall'associazione OBoPROPTER, collettivo di studenti di architettura in Salsomaggiore che, coinvolgendo studenti di altre realtà, si propone di analizzare, capire e valorizzare il patrimonio architettonico salsese, la sezione vuole procedere a ritroso, arrivando a fissare l'interruzione e, re-immaginando la città, capire quali sono gli elementi che la rendono unica. Perchè ad un certo punto della sua storia Salso ha smesso di essere qualunque cosa, se non ciò che è ora.

«Cum grano salis»
Proposto dall'associazione Jamais Vu, gruppo di giovani uniti dalla volontà di mettere le loro esperienze umane e lavorative a servizio dello sviluppo culturale della regione e del territorio in cui vivono, il progetto vuole riprendere il contatto con l'essenza storica della città: il sale.
L'idea è quella di ricreare e rinvigorire un senso storico di appartenenza nella collettività, un tuffo nel passato per poter mirare al futuro con uno sguardo nuovo. Un viaggio di ritorno al "Borgo del Sale" e alle acque medicamentose di Lorenzo Berzieri, per non perdere la ricchezza dei nostri luoghi ma per sottolineare una differente e consapevole nuova identità.
L'installazione prevede la costruzione di una piramide di 2 metri e di alcuni oggetti del quotidiano completamente ricoperti di sale.

Atelier per bambini
Ideata da Julie Uni, laureata in Estetica e storia dell'arte contemporanea all'Università Vincennes-Saint Denis di Parigie animatrice e mediatrice culturale dell'arte alla Galerie des Enfants al Centro Georges Pompidou, la valigia ARTEfatta: si propone come un laboratorio d'arte itinerante per i bambini dai 4 ai 10 anni.
Tre le proposte:
L'oggetto cristallizzato: ricordando le origini di Salsomaggiore come Borgo del Sale, i bambini ricoprono interamente di sale un oggetto d'uso quotidiano a loro scelta.

Salso-collage: i bambini sperimentano la tecnica del collage utilizzando vecchie cartoline di Salsomaggiore, foto, tessuti e oggetti vari.

La città ideale: i bambini completano il disegno della città seguendo la loro ispirazione con tecniche diverse su una tela gigantesca.

 

 

Pubblicato in Cultura Emilia


Una settimana interamente dedicata allo stile, questo è il Milano Design Week, l'evento internazionale legato al mondo del design che animerà la città di Milano fino al 14 Aprile.

In questa occasione lo store di Bormioli Rocco in corso Garibaldi 3, ha aperto le sue porte al pubblico per mostrare l'eccellenza del suo design. Un vero e proprio percorso allestito per regalare una panoramica affascinante sulla storia dell'azienda, ed in particolare sugli ultimi quattro anni di attività, in un susseguirsi di straordinarie collezioni e prestigiose collaborazioni con affermati designer: da Cometa di Antonio Cos, Hya di Gumdesign, Perseo di Maurizio Maiorana, Giove e Cassiopea di Gabriele Cossu, infine Arches e Naos di Alberto Sanchez.

Ultima nata in casa Bormioli Rocco è la grande novità 2014, la raffinata collezione di calici in Alto firmata Aldo Cibic, uno dei designer italiani più conosciuti a livello mondiale, che ne ha seguito meticolosamente ogni fase di sviluppo. Una linea realizzata per ristoranti ed hotel di prestigio che per la sua eleganza ed innovazione dei materiali è stata scelta dal più giovane chef stellato Michelin d'Italia Lorenzo Cogo.

Il design firmato Bormioli Rocco arricchisce anche altri punti di grande interesse:
- Stand Ernesto Meda (pad.11, stand A15/B16)
- Showroom Misura (via Larga, 13)
- Stand Siloma (pad. 8, stand C21/D20)
- Stand Schiffini (pad.11, stand C21/D20)
- Superstudio Più (via Tortona, 27 – area Lounge)

Venerdì 11 Aprile dalle 17:00 alle 20:00, Bormioli Rocco vi aspetta per un aperitivo all'insegna del gusto e del benessere in collaborazione con Zenzero Juice Bar. Per gli ospiti è stato preparato in omaggio uno dei prodotti icona dell'azienda.

L'azienda Bormioli Rocco, che vanta alle sue spalle quasi duecento anni di tradizione nel settore vetrario, ha saputo conquistarsi un ruolo da leader a livello internazionale grazie alla qualità dei suoi prodotti. La costante innovazione tecnologica, l'impiego di materie prime selezionate e la passione per il design Made in Italy fanno della Bormioli Rocco il punto di riferimento per i consumatori di oltre cento paesi del mondo alla ricerca di oggetti in vetro per la casa e la cucina di alta gamma.

Chiara Marando
Ufficio Stampa Digitale Bormioli Rocco
Zenzero Comunicazione
Via F.S Nitti 14, 43126 Parma
Tel. 0521 969489
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Comunicati Arte Emilia

 

 

Lo store di Bormioli Rocco in corso Garibaldi 3, ha aperto le sue porte al pubblico per mostrare l'eccellenza del suo design -

 

Parma, 10 aprile 2014 - 

Una settimana interamente dedicata allo stile, questo è il Milano Design Week, l'evento internazionale legato al mondo del design che animerà la città di Milano fino al 14 Aprile.

In questa occasione lo store di Bormioli Rocco in corso Garibaldi 3,  ha aperto le sue porte al pubblico per mostrare l'eccellenza del suo design. Un vero e proprio percorso allestito per regalare una panoramica affascinante sulla storia dell'azienda, ed in particolare sugli ultimi quattro anni di attività, in un susseguirsi di straordinarie collezioni e prestigiose collaborazioni con affermati designer: da Cometa di Antonio Cos, Hya di Gumdesign, Perseo di Maurizio Maiorana, Giove e Cassiopea di Gabriele Cossu, infine Arches e Naos di Alberto Sanchez.

 

Ultima nata in casa Bormioli Rocco è la grande novità 2014, la raffinata collezione di calici in Alto firmata Aldo Cibic, uno dei designer italiani più conosciuti a livello mondiale, che ne ha seguito meticolosamente ogni fase di sviluppo. Una linea realizzata per ristoranti ed hotel di prestigio  che per la sua eleganza ed innovazione dei materiali è stata scelta dal più giovane chef stellato Michelin d'Italia Lorenzo Cogo.

 

Il design firmato Bormioli Rocco arricchisce anche altri punti di grande interesse:

- Stand Ernesto Meda (pad.11, stand A15/B16)

- Showroom Misura (via Larga, 13)

- Stand Siloma (pad. 8, stand C21/D20)

- Stand Schiffini (pad.11, stand C21/D20)

- Superstudio Più (via Tortona, 27 – area Lounge)

 

Venerdì 11 Aprile dalle 17:00 alle 20:00, Bormioli Rocco vi aspetta per un aperitivo all'insegna del gusto e del benessere in collaborazione con Zenzero Juice Bar. Per gli ospiti è stato preparato in omaggio uno dei prodotti icona dell'azienda.

 

L’azienda Bormioli Rocco, che vanta alle sue spalle quasi duecento anni di tradizione nel settore vetrario, ha saputo conquistarsi un ruolo da leader a livello internazionale grazie alla qualità dei suoi prodotti. La costante innovazione tecnologica, l’impiego di materie prime selezionate e la passione per il design Made in Italy fanno della Bormioli Rocco il punto di riferimento per i consumatori di oltre cento paesi del mondo alla ricerca di oggetti in vetro per la casa e la cucina di alta gamma.

 

 


(Fonte: Ufficio Stampa Digitale Bormioli Rocco)

 

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia
Pagina 4 di 6