Visualizza articoli per tag: Design

Il concorso, lanciato dal Consorzio Parmigiano Reggiano negli USA in collaborazione con Kartell e ALESSI, ha raccolto quasi 500 proposte da designer professionisti e studenti sul tema dell’Autenticità. Il premio Best of Show Award è andato a Qing Yan per “Cillio”: il set di coltelli da formaggi ispirato alle forme delle foglie degli alberi.

Di Mario Vacca Parma, 4 luglio 2021 - Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto Legge n. 73/2021 (c.d. decreto "Sostegni bis") vede la luce il contratto di rioccupazione, volto ad agevolare l'inserimento nel mondo del lavoro dei soggetti disoccupati. 

Pubblicato in Economia Emilia
Venerdì, 02 Luglio 2021 15:49

Mario Vacca su “Fashion Life”

Il nostro collaboratore, Mario Vacca, questa settimana si cimenta in una interessante disanima di come cambia il collezionismo grazie alle nuove tecnologie.

Pubblicato in Economia Emilia

We are Plastic..and you? Parma2021 riparte dalla cultura della cura con il progetto Message in a Bottle by QuadrilegioLab

#Parma2021: Arte, Riciclo, Sostenibilità dal 15 al 23 maggio la cultura riparte dall’Ospedale Vecchio con la cura dell’ambiente nei giorni dedicati alla rassegna I Like Parma che celebra il patrimonio artistico della città - Ogni cittadino può partecipare e ogni ‘Message in a Bottle’ si trasforma in arte condivisa nel progetto di Elisa Cantarelli firmato Quadrilegio per la ripartenza di Parma Capitale della Cultura-Online in video di racconto del progetto

Pubblicato in Cultura Emilia

Parma, 15 aprile 2021 - Dieci sedute, dieci moduli che daranno forma a numerose iniziative, sono stati posati insieme a otto alberi, nel cuore di Parma a comporre un'installazione architettonica e artistica che rappresenterà, per i prossimi sei mesi, un nuovo ambiente ospitale e simbolico per attività progettate in forma di riflessione collettiva.

Pubblicato in Arte Parma

1936 - 2021: Maletti Group, leader internazionale nel settore dell’arredamento per saloni di parrucchieri, centri estetici e SPA, festeggia il suo 85º compleanno. 

Dal design alla storia del costume, dalla moda al bijoux passando per l’antiquariato. Agli incontri on line, promossi da Mercanteinfiera, prenderanno la parola imprenditori, esperti dei singoli settori, collezionisti e giornalisti. Dazzi: “non solo una necessità momentanea ma una modalità di raccontare il salone che rimarrà nel tempo”.

Parma, 

Si chiama “Mercante e dintorni. Incontri tra il virtuale e il reale” la rassegna ideata da Fiere di Parma in programma a partire da martedì 16 marzo.

Un’ iniziativa “virtuale” attraverso la quale si darà spazio e voce a una pluralità di soggetti del mondo “reale” che contribuiranno ad arricchire il dibattito intorno a tutte quelle discipline che a Mercanteinfiera trovano la loro sede naturale: dal design alla storia del costume, dalla moda al bijoux passando per l’antiquariato. Agli incontri on line prenderanno la parola imprenditori, esperti dei singoli settori, collezionisti e giornalisti.

“La formula del talk - precisa Ilaria Dazzi brand manager di Mercanteinfiera - non è solo una decisione guidata da una necessità momentanea. Si tratta piuttosto di una modalità nuova di raccontare il salone che rimarrà nel tempo”.

Si parte martedì 16 marzo (ore 17) con “Made in Italy. Tra storia e prospettiva del glamour”.
Da dove dovrà ripartire la moda nel dopo-covid? Quali gli elementi vincenti del nostro passato che non potremo trascurare? E ancora, la nuova campagna di Gucci omaggia lo stilista americano Ken Scott; Lorenzo Serafini per Philosophy ripropone la donna anni ’80: che posto ha allora ilvintage nell'attuale scenario ed ha ancora senso parlare nella moda di tendenze?
A parlarne saranno Lucia Mantero dal 2011 alla guida (col fratello Franco) dell'azienda tessile Mantero di Como, Fulvio Alvisi docente di Textil Design all'Istituto Europeo di Design di Milano, Franco Jacassi proprietario di Vintage Delirium, storico negozio milanese e Paolo Aquilini direttore del Museo della seta di Como che testimonierà come la digitalizzazione stia contribuendo a conservare la tradizione legata alla fibra proteica di origine animale più famosa al mondo, la seta.

Martedì 30 marzo (ore 17) sarà invece la volta di “Brillanti illusioni. Due passi virtuali nel bijoux americano”.
Il bijoux spesso derubricato a puro oggetto dal valore estetico ha in realtà profondamente segnato la storia del costume italiano e americano contribuendo in modo significativo al processo di emancipazione della donna. A parlarne, Maria Teresa Cannizzaro presidente dell’Associazione culturale Passato e Futuro - Sezione italiana Vintage Fashion &Costume Jewelry Club e Fiorella Operto vicepresidente, con un affondo specifico su Kenneth Jay Lane. Amico di Andy Warhol, il bigiottiere statunitense incarnò con i suoi gioielli “in serie” lo spirito democratico dei tempi, poiché “se un diamante è per sempre, un bijou è per tutte”.
Perché è proprio la corona a cingere ogni anno la testa di Miss America? Quali storie cela il bijoux simbolo incontestato di inarrivabile regalità? Sarà Paola Pennetta giornalista, autrice del blog Lady Violet's Sofa ed esperta conoscitrice della famiglia reale inglese ad accompagnarci nel mondo di altri bigiottieri come Pell (al secolo Pellegrino Gaeta) e Trifari. E se c’è nel collezionismo “qualcosa di personale” ce lo svelerà Daniela Russo collezionista esperta di Miriam Haskell.

Mercanteinfiera è l'appuntamento riconosciuto a livello internazionale di arte, antiquariato e design storico. Ad aprire gli incontri di aprile (data in via di definizione), sarà così il talk “Arte e Antiquariato digitali: risultati e prospettive post Covid” cui seguirà il talk “D come Design. L'alfabeto di uno stile che ha rivoluzionato gusti e tendenze”.
Al primo incontro prenderanno la parola Stefano Vannucchi Fondatore di Antico Antico portale di vendita di oggetti d'arte e Livia Napoleone Fondatrice di Intondo, Italian vintage furniture marketplace. Accanto alle esperienze dirette di chi ha saputo portare con successo il business dell’arte on line prenderanno la parola Andrea Maulini docente di Marketing presso l'Università di Bologna e Guido Guerzoni docente alla Bocconi di Museum Management e co-founder di B2G strategy per raccontare le potenzialità che la tecnologia può esprimere in questi ambiti.
Il design d'arredamento italiano ha la capacità di rispondere a delle esigenze abitative con oggetti che nello stesso tempo esprimono bellezza e alta qualità. Questa è sempre stata la chiave del suo successo. Ma quali insidie nasconde il futuro ad esempio con l'avanzata del “total look”?
A discutere sul tema nel quarto ed ultimo appuntamento in programma Aurelio Magistà giornalista, direttore di RepDesign (inserto del quotidiano la Repubblica) e professore all’Università IULM di Milano assieme a Lorenza Luti Direttore marketing di Kartell. Ad Alba Cappellieri professore Ordinario al Politecnico di Milano dove insegna Design del Gioiello e dell'accessorio e direttore del Museo del Gioiello di Vicenza, sarà lasciato un affondo appunto sul gioiello proposto nei suoi diversi aspetti: progettazione, storia e presenza viva di un museo.
Chiuderà l'incontro Damiano Gulli, Public Program Head Curator della Triennale che si soffermerà su come siano messi in scena, al Museo del Design italiano, al di là di collezioni e pezzi iconici, i temi e le urgenze della contemporaneità.

Per vedere gli incontri (gratuiti) è sufficiente andare al sito www.mercanteinfiera.it, sezione eventi, a questo link.

_________________________
PROGRAMMA INCONTRI

16 marzo, ore 17 - Made in Italy. Tra storia e prospettiva del glamour
30 marzo, ore 17 - Brillanti illusioni. Due passi virtuali nel bijoux americano
aprile, (data in via di definizione) - Arte e Antiquariato digitali: risultati e prospettive post Covid
aprile, (data in via di definizione) - D come Design. L'alfabeto di uno stile che ha rivoluzionato gusti e tendenze

Pubblicato in Cultura Emilia

Nuova prospettiva per la 26esima edizione di Mercanteinfiera - La proroga dell'attuale stato di emergenza spinge a prevedere due nuove ipotesi di data. Parte subito un forum permanente sulle opportunità offerte dal canale digitale - In Fiera saranno protagonisti i gioielli democratici di Kenneth Jay Lane.

Parma, 

Mercanteinfiera, l'appuntamento di Fiere di Parma dedicato ad Antiquariato, Collezionismo Vintage e Design storico, slitta a metà maggio o a metà giugno. L’attuale situazione pandemica e la conseguente imprevedibilità di scenario hanno infatti suggerito a Fiere di Parma uno slittamento delle date originariamente a calendario (6-14 marzo).

La decisione è stata motivata dall'esigenza e priorità di tutelare gli investimenti degli espositori. Il cambio di data sarà infatti decisivo per garantire loro il medesimo flusso di visitatori e buyer esteri da sempre offerto da Mercanteinfiera.
Due le possibilità attualmente sul tavolo: organizzare il salone per metà maggio oppure per metà giugno. Una scelta che comunque dovrà tenere conto dell'andamento generale della pandemia e della campagna vaccinazioni. La scommessa: incrociare la progressiva ripresa economica e commerciale in Italia e nel mondo.

Mercanteinfiera anche nel 2021 resterà una fiera in presenza per consentire alla community internazionale di tornare sul territorio, ma nel frattempo l'evento capitalizzerà anche il matching generato nei mesi precedenti dalla piattaforma on-line e soprattutto dai numerosi contenuti già organizzati anche dopo l'edizione di autunno 2020.

Un panel di contenuti (interviste e approfondimenti) - online e digitali - sarà a disposizione degli utenti, già da febbraio, con l'obiettivo di mantenere il filo conduttore che lega gli aspetti non solo commerciali ma, soprattutto, culturali di Mercanteinfiera alla sua numerosa community internazionale.

Protagonista della 26ma edizione di Mercanteinfiera, sarà Kenneth Jay Lane scomparso nel 2017 a 85 anni. Amato dalle star da Audrey Hepburn a Lady Gaga passando per Liz Taylor e Joan Collins (i gioielli del designer apparvero anche nella serie Dynasty), con le sue realizzazioni in serie fu assoluto interprete dello spirito democratico americano perché, come amava ripetere, “se un diamante è per sempre, uno strass è per tutte”.

La mostra dal titolo “Brillanti Illusioni: omaggio a Kenneth Jay Lane” è curata da Maria Teresa Cannizzaro, collezionista, studiosa di bijoux americani e Presidente dell'associazione culturale Passato e Futuro - Sezione italiana Vintage Fashion & Costume Jewelry Club e Fiorella Operto storica del costume, vice-presidente e appassionata collezionista.

Restano comunque l’antiquariato, il design d'autore e il collezionismo vintage. Un arcipelago di suggestioni che spazia dal XV secolo al barocco, dall'Art decò al Liberty fino al vintage. Non è allora inusuale scovare tra i molti espositori un Cristo della scuola fiamminga a fianco di una libreria in ottone di Romeo Rega. Il tutto magari poco lontano da un raro atlante del 700, da un coloratissimo vaso Emile Gallé o da un prezioso scrittoio da viaggio in tartaruga firmato dall’ebanista Pierre Gole.

Le ispirazioni, a Fiere di Parma, vanno a toccare anche mete lontane come la Cina - con una statua del XV sec che immortala un placido dignitario - o il Giappone con le sue giade per tornare in Italia. Tra le sedie imbottite di Carla Tolomeo o le pochette romantica di Mario Buccellati dei primi anni ’20, rigorosamente fuori produzione.

E poi lui, il design con i nomi che hanno reso famosa l'Italia nel mondo: Gio Ponti, Franco Albini, Fornasetti, Castiglioni o Ettore Sottsass, solo per citarne alcuni.

Pezzi iconici ma anche ludici come un'inaspettata macchina da caffè modello Elvis del 1969 ispirata alla amata Cadillac rosa Fleetwood. Perché Mercanteinfiera non è solo un salone per effettuare acquisti ma un luogo della curiosità e della memoria per progettare emozioni.

Pubblicato in Dove andiamo? Parma
Martedì, 01 Settembre 2020 12:11

Come scegliere la giusta lampada a sospensione

L’illuminazione in un’abitazione è un fattore più che importante.

Pubblicato in Design Emilia

Il salone dedicato ad antiquariato, modernariato e collezionismo vintage va on line ed è subito successo. Mercanteinfiera torna negli spazi di Fiere di Parma dal 18 al 23 aprile.

Parma, 3 marzo 2020

3 mila operatori registrati in soli due giorni, 20 mila pezzi caricati tra antiquariato, modernariato e collezionismo vintage e soprattuto 400 mila click.

Sono i numeri che fotografano il primo week-end di “Mercanteinfiera a portata di mouse” dopo che il quartier generale di Viale delle Esposizioni ha deciso, a causa del coronavirus, di aprire alla community mondiale di operatori e di pubblico la piattaforma mercanteinfiera.it. Una piattaforma b2b nata nel 2019 dalla partnership tra Fiere di Parma e Antico-Antico (portale leader del settore) sulla quale è stata trasferita l’offerta espositiva di1000 espositori.

Nell’emergenza sanitaria nazionale con otre 70 manifestazioni semplicemente rinviate (la maggior parte) o cancellate (poche) Fiere di Parma ha così trovato una soluzione alternativa: far slittare ad aprile (18 - 23) la manifestazione ma nel frattempo traslocare on line lo show. Soluzione possibile afferma l’amministratore delegato Antonio Cellie “essendo oggi l’unico polo italiano ad avere un modello di business consolidato sia in ambito fierstico che digitale”.

Così la caccia di rarità cercando, sognando o per i più fortunati comprando pezzi d’arte antichissimi, antichi o di poco meno di 40 anni fa, si è spostata in questi giorni dai 45 mila metri di spazio espositivo all’ on line con connessioni che continuano ad aumentare anche in queste ore.

Segno distintivo della kermesse sono ormai da anni le sue due mostre collaterali. “The Golden Twenties. Vita e moda del decennio de Les Années Folles” prima collaterale in programma in questa 26ma edizione e “Brillanti Illusioni: omaggio a Kenneth Jay Lane. Il Re dei falsi” la seconda, così cambiano soltanto data a calendario.

Ma come funzionerà Mercanteinfiera.it? Da casa si entra sul sito di manifestazione esprimendo le proprie preferenze merceologiche come antiquariato, ceramiche e maioliche, cornici, dipinti, vintage, gioielli e orologi ecc… e si accede alle migliori offerte degli espositori blind. Solo dopo aver fatto la propria scelta si scoprirà a quale espositore è abbinato il pezzo scelto.

“Tra le 19 categorie merceologiche proposte - afferma soddisfatta Ilaria Dazzi Brand Manager di Mercanteinfiera - il pezzo forte continua ad essere anche on line il modernariato un ambito nel quale in questi anni ci siamo riposizionati con pezzi importanti di design. L’obiettivo di queste ore è ambizioso, ovvero ampliare ulteriormente l’offerta espositiva e conquistare nuovi netsurfer“.

Una sfida per la quale non resta che attendere domenica 29 marzo quando Mercanteinfiera.it chiuderà al pubblico.

Pubblicato in Dove andiamo? Parma
Pagina 1 di 6