Visualizza articoli per tag: Bonus Pubblicità

Domenica, 04 Ottobre 2020 10:43

Le verità nascoste della busta arancione

Di Mario Vacca Parma 4 ottobre 2020 - Negli scorsi giorni è emersa sui quotidiani nazionali la notizia dell’aumento dello stipendio del presidente dell’Inps e naturalmente da più parti è giunto un segno di sdegno non tanto per il fatto in se per se quanto per il delicato momento in cui avviene.

Pubblicato in Economia Emilia

Di Mario Vacca Parma 27 settembre 2020 - La circolare n. 105 del 18 settembre emanata dall’Inps fornisce le prime indicazioni per la gestione degli adempimenti previdenziali connessi alla   misura di esonero contributivo prevista dall’articolo 3 del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104,

Pubblicato in Economia Emilia

di Mario Vacca, Parma 20 settembre 2020 - Con la circolare n. 20/2020 la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro analizza gli interventi del legislatore relativi alle sospensioni dei versamenti in autoliquidazione, alla proroga del secondo acconto ISA, alla proroga della riscossione coattiva e al raddoppio del limite welfare aziendale per l’anno 2020, tutte misure per il sostegno ed il rilancio dell’economia previste nel decreto legge 14 agosto 2020, n. 104.

Pubblicato in Economia Emilia

di Mario Vacca, Parma 18 settembre 2020 - L’ultimo comma dell’articolo 2490 del Codice Civile dispone che qualora per oltre tre anni consecutivi non venga depositato il bilancio d’esercizio in fase di liquidazione, la società è cancellata d'ufficio dal Registro delle imprese con provvedimento dal Conservatore del Registro delle imprese con gli effetti previsti dall'articolo 2495. L’articolo fa riferimento soltanto alle società già in liquidazione. 

Pubblicato in Economia Emilia
Domenica, 13 Settembre 2020 09:07

Sul Concordato preventivo in continuità d’impresa

Di Mario Vacca Parma, 13 settembre 2020 - A differenza dell’art. 186 bis della Legge Fallimentare per il nuovo codice della crisi di impresa e dell’insolvenza, la continuazione dell’attività d’ impresa diventata centrale nell’ambito dell’istituto del concordato preventivo tanto che è espressa nel primo comma dell’articolo 84 dedicato alla finalità del concordato preventivo.

Pubblicato in Economia Emilia

Di Mario Vacca Parma, 6 settembre 2020 - Il termine finale di sospensione dell’attività di riscossione ed a quella delle sospensioni dei pignoramenti su stipendi e pensioni precedentemente fissato al 31 agosto 2020 dal decreto “Cura Italia”

Pubblicato in Economia Emilia
Mercoledì, 02 Settembre 2020 05:43

Comunicazione di accesso al bonus pubblicità 2020

Di Mario Vacca Parma, 1 settembre 2020 - Dall’01 al 30 settembre è possibile inoltrare al Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri - unicamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate - la comunicazione per l’accesso al credito d’imposta investimenti pubblicitari (c.d. bonus pubblicità) effettuati o da effettuarsi nell’anno 2020

Pubblicato in Economia Emilia
Martedì, 27 Agosto 2019 10:16

Il “Bonus pubblicità” diventa permanente

L'Unione Stampa Periodica Italiana, in una informativa dell'8 agosto scorso, ha segnalato la prossima pubblicazione, sulla Gazzetta Ufficiale, delle modifiche al cosiddetto "Bonus Pubblicità" che diventerà una misura permanente. domande dovranno essere presentate dal 1° al 31 ottobre 2019, per la pubblicità effettuata nel corrente anno.

USPI: “Soddisfazione per l’impegno mantenuto dal Governo. La messa in sicurezza del credito di imposta sugli investimenti pubblicitari incrementali è stata una delle prime nostre richieste agli Stati Generali dell’Editoria, per aiutare il settore editoriale (e non solo)”.
Il nuovo testo del decreto, insieme alla legge di conversione, devono ora essere pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale.


"Come anticipato alcuni giorni fa, - scrive USPI - il decreto-legge 28 giugno 2019, n. 59 (AC. 2019), dopo l’approvazione della Camera dei deputati è passato, in terza lettura, all’esame del Senato con il numero AS. 1374-B.
Ricordiamo che in Aula alla Camera, su proposta della 7ª commissione, era stato approvato l’emendamento 3.0.100 (testo 2 corretto) che ha reintrodotto il credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari incrementali nei giornali e nelle TV locali per il 2019 e ha reso la misura strutturale valevole anche per gli anni successivi.
Martedì 6 agosto scorso, l’Aula di Palazzo Madama ha approvato in via definitiva il testo nella formulazione approdata dalla Camera, senza ulteriori modificazioni. Per l’effettiva efficacia giuridica, si attende ora solo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. A questa seguiranno le determinazioni specifiche attuative del Dipartimento editoria della Presidenza del consiglio.
Al momento sappiamo che le domande dovranno essere presentate dal 1° al 31 ottobre 2019, per la pubblicità effettuata nel corrente anno.
Nel 2018, sono state oltre 4.800 aziende le aziende e i liberi professionisti coinvolti nella misura."

**********
AS 1374-B
«Articolo 3-bis
(Modifiche all’articolo 57-bis del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50)
All’articolo 57-bis del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, sono apportate le seguenti modifiche:
1. a) al comma 1 le parole «a decorrere dall’anno» sono sostituite dalle seguenti: «per l’anno»; 

2. b) dopo il comma 1 è aggiunto il seguente: 

“1-bis. A decorrere dall’anno 2019, il credito d’imposta di cui al comma 1 è concesso, alle stesse condizioni e ai medesimi soggetti ivi contemplati, nella misura unica del 75 per cento del valore incrementale degli investimenti effettuati, nel limite massimo di spesa stabilito ai sensi del comma 3, e in ogni caso nei limiti dei regolamenti (UE) indicati al comma 1. Ai fini della concessione del credito d’imposta si applica il Regolamento adottato con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 16 maggio 2018, n. 90. Per l’anno 2019, le comunicazioni per l’accesso al credito d’imposta di cui all’articolo 5, comma 1, del citato Regolamento, sono presentate dal 1° al 31 ottobre.”.
1. c) al comma 3, dopo il terzo periodo è inserito il seguente: 

“Per gli anni successivi al 2018, alla copertura degli oneri per la concessione del credito d’imposta di cui al presente articolo, si provvede mediante utilizzo delle risorse del Fondo per il pluralismo e l’informazione, di cui all’articolo 1 della legge 26 ottobre 2016, n. 198, nel limite complessivo, che costituisce tetto di spesa, determinato annualmente con il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri di cui all’articolo 1, comma 4, della citata legge n. 198 del 2016, da emanare entro il termine di scadenza previsto dall’articolo 5, comma 1, del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 16 maggio 2018, n. 90, per l’invio delle comunicazioni per l’accesso al credito”».
Conseguentemente, al titolo del decreto-legge, dopo le parole: “per i beni e le attività culturali” inserire le seguenti: “, di credito di imposta per investimenti pubblicitari nei settori editoriale, televisivo e radiofonico”.
(Seguiranno aggiornamenti)

Bonus-Pubblicita (1).jpg

 

 

Pubblicato in Economia Emilia