Scegliere il proprio letto matrimoniale è un'operazione piuttosto complessa, all'interno della quale subentrano fattori determinanti di varia natura, come il gusto, lo stile, la comodità e le caratteristiche che tale componente deve rivestire. Da tali elementi non solamente discenderà il proprio riposo, bensì anche l'umore e la soddisfazione quotidiana che possiamo ottenere dal letto: ed ecco perchè, in sintesi, scegliere il letto matrimoniale è attività da farsi con calma, consapevolezza e attenzione. Ma in che modo?

In primo luogo, vi consigliamo di soffermarvi su alcune scelte che potrebbero essere di grande utilità sostanziale ed estetica per il futuro.

Innanzitutto, valutate se acquistare o meno un letto con vano contenitore: se in casa non avete grandi spazi, potrebbe essere un valido alleato per poter riporre la biancheria e tutto ciò che non vi serve quotidianamente.

Tenete poi in considerazione che non esistono più misure standard per i letti, e che la larghezza del matrimoniale può dunque dipendere non solamente dalle indicazioni del produttore, quanto anche dalla vostra volontà - compatibilmente con le dimensioni della camera da letto: se desiderate pertanto un letto più comodo e avete un'ampia stanza, potete procedere con l'acquisto di un "lettone".

Fate altresì attenzione ai materiali utilizzati per la struttura e per il rivestimento: quelli più fruiti sono il legno o il metallo, poi rivestito in tessuto o in pelle. Dal rivestimento dipenderà un diverso comfort estetico e una diversa longevità oltre che - naturalmente - un differente prezzo.

Infine, non possiamo non sottolineare come la scelta del letto matrimoniale debba altresì esprimere la creatività e la personalità della coppia. È infatti fondamentale acquistare un letto matrimoniale che possa far sentire la coppia a proprio agio, considerato che sarà un elemento essenziale nella sfera personale e intima.

Giunti a questo punto, se non avete ancora le idee chiare per poter procedere all'acquisto di un letto, o se le avete talmente chiare che dovete solamente individuare produttore e modello che fanno per voi, vi consigliamo di consultare la pagina della categoria letti di Livingo, dove troverete il più ampio catalogo online dei migliori letti per il vostro appartamento.

Ogni letto proposto è accompagnato da una valida scheda descrittiva, che vi permetterà di comprendere quali siano le caratteristiche di tale elemento, e se - in fin dei conti - è quello che state realmente cercando e che potrebbe pertanto fare per voi, o se invece sia meglio passare al modello successivo!

Lei è Veronica, giovane stilista parmigiana, ed il suo progetto è INSULA: brand completamente made in Italy, che spazia dall'abbigliamento a particolari per arricchire lo spazio del living, acquistabile principalmente online attraverso il sito di e-commerce

Di Chiara Marando -

Mercoledì 30 Novembre 2016 -

Capita che le idee, diciamo pure i sogni, si trasformino in progetti. Capita che questi progetti diventino l'espressione di una evoluzione legata profondamente alla nostra volontà. E capita che il risultato sia la concretizzazione di quello che avevamo anche solo lontanamente immaginato.

Capita, si...ma dietro non c'è solo la fortuna di veder realizzato ciò che volevamo, c'è l'impegno, la costanza e la tenacia di credere che ciò sia possibile. Non serve pensare in grande, basta partire dalle piccole cose, dalle attitudini che ognuno di noi ha, input che riescono a farci cogliere quel “non so che” capace di fare la differenza.

Questo percorso era già nella mia testa ma è diventato ancora più chiaro dopo aver parlato con Veronica, giovane stilista parmigiana che praticamente da subito, fin da ragazzina, è riuscita a dare una sua personale interpretazione al design e alla moda. Una passione che la accompagna da allora e che ha segnato le varie tappe della sua carriera lavorativa.

Oggi lei ha deciso che era il momento di rischiare, di rendere una realtà il sogno di una linea e di un marchio che la rappresentasse: così è nato INSULA, nuovo brand completamente made in Italy che spazia dall'abbigliamento a particolari per arricchire lo spazio del living.

Insula 3

INSULA nasce dall’idea di creare capi di abbigliamento, accessori e oggetti quotidiani senza tempo, realizzati con materiali selezionati e di altissima qualità, completamente ideati e prodotti artigianalmente in Italia e ad un prezzo accessibile – il risparmio è permesso da un abbattimento dei costi di distribuzione. Un marchio acquistabile principalmente online attraverso l'e-commerce www.insulaitalia.com

Insula osteria 04

Veronica mi spiega che la filosofia è quella di proporre collezioni con modelli evergreen dalle linee semplici ed eleganti, disponibili in diverse taglie e adatti a tutte le età: uomo e donna, bambini dai 3-6 mesi fino agli 8-10 anni, coppie e single accomunati dall’amore per lo stile classico che diventa un casual raffinato se abbinato a jeans e pantaloni anche originali e colorati.

La chicca in più? E' possibile scegliere di acquistare un capo che sia per tutta la famiglia, con il divertimento di vestirsi uguali.

foto per copertina

E' lei a disegnare e scegliere i tessuti ed i colori, con l'obiettivo che ci sia una continuità, che i capi preferiti superino in concetto di stagionalità e si possano trovare indipendentemente dalle nuove proposte, ma spaziando tra tinte e fantasie diverse.

Insomma, aggiungo io, la riscoperta di quella preziosa semplicità e qualità che ormai è sempre più merce rara.

Insula4

Maglieria quindi, ma non solo. INSULA propone oggetti d'arredo dalla marcata personalità, lampade e vasi che diventano macchie di colore in grado di riempire lo spazio: ceramiche lavorate e dipinte che incontrano tessuti ricercati ed estremamente particolari.

Un progetto che vede la collaborazione dell'Agenzia Baboon di Milano per tutto quello che riguarda l'ambito di gestione e creazione e-commerce, ma anche di comunicazione a 360 gradi.

Martedì, 20 Settembre 2016 17:27

Il design dal richiamo del mare: The beach lamp

Design italiano: Giulia Santoro ha scoperto in un piccolo angolo della Liguria una "bottega" che crea con materiale "povero" oggetti che ci riportano e trasportano quasi là, in riva al mare, dove il ricordo delle vacanze è più vivo che mai!

Parma, 20 settembre 2016

L'estate è ormai finita e tornando alla routine quotidiana anche le vacanze sono ormai un ricordo.

Ma c'è qualcosa che possiamo portare nelle nostre case soprattutto se siamo appassionati di mare, conchiglie, sabbia e tutto di ciò che possa evocare un paesaggio marino.
In uno degli angoli più belli e modaioli della Liguria è da poco nato THE BEACH LAMP, un'impresa fatta di esperienza, creatività e amore per il mare.

the black lamp design

A Camogli, vicino a Recco in provincia di Genova, Franca Massone e Anna Stradella sono le titolari di un luogo in cui si sente il profumo del mare alle pareti e si respira la creatività di chi ha saputo trasformare un magazzino per piccoli pescherecci in una "bottega" dalle vesti eleganti e malinconicamente raggianti.

the black lamp camogli design

"Le mie Lampade nascono dall'incontro tra i legni ed i sugheri portati dal mare sulle mie amate spiagge di Sardegna legati dal Coir. Il Coir è una fibra di cocco proveniente dall'India, usata ogni anno dai pescatori per fare le funi e tessere le reti della antica Tonnara Mediterranea di Camogli il luogo dove vivo e sono nata" ci spiega Franca.

lampade design camogli

Ogni lampada è fatta a mano e la sua unicità è impressa dal disegno della Natura: i pezzi di legno levigati dal vento e dalla sabbia sono legati l'un con l'altro da una sottile corda.
Le lampade sono create dall'unione di sughero e sassi che ben si sposano con un arredamento di tipo più moderno, più lineare e freddo.
La lampada è perfetta per la living zone anche se arredata in stile classico, possibilmente se abbinata a nuance o tinte sui colori chiari partendo dal crema fino ad arrivare alle calde sfumature di un parquet mogano.

lampade design artigianali camogli

Un'altra recente creazione è la lampada rivestita da una rete che rimanda immediatamente al tema principe del negozio: il mare e il passato.
La luce che si riflette sulle pareti crea un atmosfera magica, romantica e con un filo di nostalgia.

"Ideale sarebbe sistemare questa lampada nella zona notte, dove i sogni e i ricordi sono più liberi di tornarci alla mente" ci suggerisce Anna "L'importante è trasmettere l'emozione di qualcosa che ci sia famigliare, un'esperienza vissuta, qualcosa da cui non vorremmo separarci.

lampade camogli artiginali

Come lo sono quei piccoli oggetti che talvolta ci portiamo a casa per ricordare meglio un momento magico delle nostre passate vacanze".

Se siete rimasti affascinati o quantomeno incuriositi, potete trovare tutte le informazioni alla pagina Facebook THE BEACH LAMP. Per avere un ricordo di quell'estate che, prima o poi, tornerà con il suo mare, la sua pace e soprattutto il suo stile.

With the Courtesy of : – tuttogreen.it – villarosmarino.com – it.depositphotos.com – thecookrestaurant.com – italythisway.com – naturamediterraneo.com

Mercoledì, 15 Giugno 2016 15:04

Un Mini Design per un Mini Spazio!

La nuova sfida è coniugare prodotti che possano soddisfare al meglio sia esigenze logistiche che estetiche che etiche. Ecco alcuni esempi del "microcosmo del design".

Di Giulia Santoro

All'ultimo Salone Internazionale del Mobile a Milano –edizione 2016- è stata posta particolare attenzione al "microcosmo del design" partendo dalla realtà in cui, soprattutto nelle grandi città, lo spazio abitativo subisce sempre più un ridimensionamento, anche in termini di economicità.

Nasce così la sfida dei nuovi interior designer e dei giovani architetti nel proporre prodotti che possano soddisfare al meglio sia esigenze logistiche che estetiche che etiche.

Un Mini Design per un Mini Spazio 1

Come? Ecco alcuni esempi: Big Game, noto studio di architettura svizzero propone una composizione modulare da inserire nel sottoscala che al tempo stesso è spazio contenitivo, libreria e cucina.
Remo Zimmerli, noto designer nostrano, propone il CUBO, una sorta di cubotto che nella parte superiore è letto matrimoniale e in quella sottostante è cassettiera e mini cabina armadio. Interamente fatta di legno, personalizzabile sia nelle dimensioni che nel colore.
A colpire ancora una volta nel segno è però la MINI-KITCHEN.

design mini house casa 2

Una deliziosa mini cucina, compatta, colorata e super accessoriata. Inventata nel 1963 da Joe Colombo oggi rivisitata in 14 nuance di colori differenti, concepita per cucinare ed apparecchiare per sei persone. Dotata di piano cottura, tagliere, minifrigo, piano di lavoro estraibile, scompartimenti chiusi e prese elettriche per gli elettrodomestici.
Ha ricevuto dalla Triennale di Milano il premio Medaglia d'Argento, perfetto esemplare di quanto la creatività italiana, unita ad una nota ingegneristica, sappia proporre grandi prodotti di interior design.

Un'altra proposta intelligente viene da Cinius che ha studiato un meccanismo elettrico per cui il letto può muoversi, salire e scendere a seconda delle esigenze.

mini case design house 3

Per il bagno invece vengono concepite mini vasche da bagno e mini sanitari, armadietti componibili e porta salviette che sono anche vani contenitori e termoarredo. Idea Standard e Claudio Silvestrin si affermano come i migliori design in questi termini.

mini case design house 4

Ma non finisce qua perché anche la zona esterna si fa mini e, addirittura, entra nelle nostre case. Con le Mini serre infatti è possibile ricreare giardini e orti anche all'interno delle abitazioni. Alcune Mini Serre sono davvero carinissime e soddisfano ogni tipo di stile, da quello country chic a quello moderno.

mini case design house 5

Ma la vera ambiziosa missione per gli studiosi del settore è stabilire entro quanto spazio possa vivere l'uomo.
Si sta parlando delle case Cubo e delle Mini case. Appartamenti che non superano i 6 mq ma arredate alla perfezione e con ogni confort.
Mike Page per esempio, propone una casa di 3m x 4m da costruire anche da soli in 4 ore di tempo. C'è una cucina, un bagno attrezzato e una camera da letto. Costa dai 11.000 $ ai 53.000$.
Ma non è finita qui perché a rilanciare la scommessa è niente popò di meno che Renzo Piano che progetta una casa ecosostenibile di 6 m2 al prezzo di 20.000 euro comprensiva di camera da letto, doccia, cucina e zona living.
Ancora, dal Regno Unito arriva il progetto Keret House, la casa più stretta del mondo. Larga tra i 72 e i 122 cm. È davvero impressionante vedere cosa sia possibile incastrare in spazi così angusti e anzi, trovarli pure gradevoli, è proprio vero che l'immaginazione e l'ambizione umana non abbia limiti, anche nel caso fosse "mini".

mini case design house 6

CREDITS: - cinius.com –jardingue.fr –designerblog.it – hall-design.fr –repubblica.it –bagnodesign.com – design.it – huffingtonpost.it – viagginews.com – homeedit.it – miniki.eu – mullermoebel.de –holzlaborbern.ch – incredibilia.it – citylab.com

Il Salone del Mobile, il Fuorisalone o meglio la Design Week, altro importante evento internazionale del "Made in Italy" a Milano, si è da poco concluso con l'edizione 2016. GIULIA SANTORO in esclusiva per FLASHON MAG ha girato in lungo e in largo tra eventi ed esposiizoni per offrire a tutti noi un assaggio di quelle che sono state le ultime proposte, le novità in tema di Design, arredo e tanta eccellenza italiana!

Di Giulia Santoro

Ogni anno si dice più o meno la stessa la cosa, ma quest'anno il Salone del Mobile ha superato se stesso, o meglio, è stato superato dal FuoriSalone!
Per chi non ha avuto la possibilità di visitare Milano durante l'ultima Design Week cercherò di riproporre ciò che ho trovato di maggior interesse e che ha regalato momenti emozionanti.

La Design Week ha aperto i battenti martedì 12 Aprile con il grande Opening: tanti, tantissimi gli eventi sparsi per la città. I più grandi e famosi brand di design, architettura e moda hanno organizzato sontuosi eventi per l'Opening della design week di Milano. Concentrati nel distretto di Brera assistiamo ai più blasonati e attesi eventi dell'inaugurazione. In particolare da Kartell quest'anno in collaborazione con Lapo Elkann ha creato una linea essenziale, di carattere, sofisticata con ricercatezza e ricchezza dei materiali e nelle logiche di produzione.
UNOPIU' mantiene il suo incontrastato ed inimitabile stile.
Brand d'eccellenza italiano per l'arredamento da esterno, colpisce come questo marchio riesca a mantenere uno standard altissimo per scelta dei materiali e del design. Un design che abbatte le barriere dei muri ed interno ed esterno comunicano tra di loro.

design week 2016 arredo milano 1

Richard Ginori invece ci catapulta in un mondo parallelo, fatto di antica eleganza, il fascino di un tempo che fu, soprattutto invidiato e sospirato, traslato nel nostro tempo. Romantico ma aggressivo, leggero ma deciso, unico e non per tutti.
In serata, nel meraviglioso contesto privato del giardino di Palazzo Borromeo, l'evento organizzato dalla nota vodka Belvedere. Un installazione di geniale sincretismo tra ecologico, futurismo ed eleganza. Una veranda su due livelli, fatta di specchi e legno. Dentro ci sono piante, una cucina, il bancone. Tutto a risparmio energetico ecosostenibile.

design week 2016 arredo milano 2

Il tour continua l'indomani tra i vibranti distretti del FuoriSalone e la curiosità di captare particolari unici in angoli che normalmente sono inaccessibili come i palazzi o le corti del vivace quartiere di zona Tortona: ovunque ci sono installazioni.

design week 2016 arredo milano 3

Il museo del design, Superstudiopiù, il Palazzo Ansaldo hanno aperto le loro frontiere e ci fanno conoscere i loro tesori, fatti di visionarie e grandi installazioni inventate per rendere la nostra vita migliore. Non per altro la linea guida proposta in quest'edizione della Design Week è rivolta a poche regole in cui è l'arredamento, e non solo, ad adattarsi alle esigenze dell'uomo e della Terra piuttosto che il contrario.

Ci sono illuminazioni, auto lussuose, piscine, biciclette, arredamento per la casa, cucine, salotti, orologi. Nulla è lasciato o dato per scontato. La bellezza e la praticità ecosostenibile sono i principi cardine di questo volteggiare e susseguirsi di esemplari del design.

Durante il weekend il Salone del Mobile apre le porte anche al pubblico e di certo non potevamo mancare questo intenso momento.
Rispetto al FuoriSalone si intuisce subito che qui l'atmosfera è più business e meno mostra, ma è pur sempre interessante scoprire per primi quali saranno le novità del domani in termini di arredamento domestico, illuminazione, ufficio, ed esterni.
Sono presenti tutti i grandi brand del settore e posizionati per aree tematiche.
Ci sono i padiglioni dedicati alle cucine, alle zone Living, alle sale da bagno, al giardino.

design week 2016 arredo milano 4

Anche qui grande attenzione è rivolta all'ecosostenibilità e alla presentazione dei nuovi materiali dove vengono scoperti i segreti delle tecnologie alternative, ma pur rispettando le esigenze di oggi in termini anche di fruibilità e praticità delle cose.
Le cucine sono tecniche, di facile manutenzione, studiate sia per ambienti piccoli che per tasche meno "ricche".
I bagni sono semplici ma orientati per offrire qualche "servizio aggiuntivo" per chi li vive, come ad esempio doccie-sauna, cromoterapia, musicoterapia in filodiffusione col resto della casa.
Tema centrale e ricorrente è il colore, la vivacità e l'eleganza.
Inoltre sono sempre più numerose le collaborazioni tra top brand di moda con i brand del design che quest'anno hanno la piena fusione in un connubio ideale.
Ora che questo importantissimo evento internazionale si è concluso, Milano è tornata alla consueta normalità: i negozi ai loro consueti orari, le dinamiche installazioni sono state smantellate e le pagine dei giornali, dei blog, dei siti internet cominciano a pubblicare quelle che sono le novità emerse quest'anno.
E così come quando si torna da un viaggio di quelli che ti cambiano e ti fanno crescere, così la Design Week ha lasciato quella voglia di rivivere questa esperienza unica ed emozionale.....arrivederci ad Aprile 2017!

CREDISTS: - glamour.it – indiansavage.com – living.corriere.it

Come la moda anche il design ha mobilizzato Milano per il grande evento internazionale del Salone del Mobile in una Design Week ricca di eventi sparsi per la città nel contesto del FuoriSalone. VERONICA VOLPI ci illustra tante novità di Design ma con innovativi innesti con la "nostra" Moda. Evviva alla creatività tutta ed esclusivamente "Made in Italy"!

Di Veronica Volpi

Come ogni anno, il mese di aprile ha significato per Milano l'arrivo delle novità in materia di design, arredamento e confort-life.
Stilisti, designer e per la prima volta operatori del settore wine-food hanno unito le loro idee e forze per creare oggetti sempre nuovi e funzionali per il living quotidiano, senza dimenticarne le caratteristiche estetiche e il piacere dei sensi.

In generale si è assistito a un ritorno alle origini: materiali organic ed ecosostenibili sono stati la base per mobili e complementi di arredo, a tal punto da inserire persino l'orto stesso nelle terrazze di casa.
Attenzione per la natura, ma senza trascurarne la funzionalità e comodità: se da una parte cucine ipertecnologiche ci distoglieranno sempre di più dalle preoccupazioni quotidiane casalinghe, dall'altra il piacere del confort di sedie, divani e letti allevieranno il corpo dall'aumento di stress, luci soffuse rilasseranno occhi e mente, mentre la cromoterapia assumerà quasi una funzione psicanalista.

salone del mobile 2016 milano design

Sulle novità in materia di collaborazioni tra stilisti e designer, ancora una volta Kartell si è posizionato in prima fila, lasciando i propri oggetti iconici nelle mani di sarti e stilisti: Lapo Elkann ha applicato la tecnica del car wrapping alle sue sedie, mentre N°21 ha "vestito" l'iconica lampada Tatì Lace di Ferruccio Laviani.

salone del mobile arredo milano 2016

Non da meno è stato Louis Vuitton, da sempre protagonista della manifestazione con la sua linea Objets Nomades, che ha arricchito il concept del viaggio con la Chaise Longue di Marcel Wanders.

salone del mobile arredo milano 2016 2

Etro, Roberto Cavalli, Versace e Armani hanno ampliato le loro home collection con nuove fantasie a tema floreale, mentre Marni ha acceso il mondo della danza trasformando lo spazio di Viale Umbria in una sala da ballo con tanto di ballerini che danzano in un set ispirato alla Colombia.

salone del mobile arredo milano 2016 3

Non da meno sono state le installazioni promosse da Tommy Hilfiger, che ha dato vita a un'isola temporanea, in perfetto stile caraibico per rendere omaggio alla campagna pubblicitaria Hilfiger Denim Primavera Estate 2016, o ancora l'installazione video-interattiva METEOMORPHOSIS che da sfondo ai capi e calzature di GORE-TEX® realizzati in Limited Edition dai Brand Partner internazionali come Acronym, Asics, Camper, Clarks, Herno, Frau, Kennel & Schmenger e Nanamica.

Ultimo, ma non meno importante, grande successo del Made in Italy è stata la collaborazione tra Smeg e Dolce&Gabbana: gli stilisti hanno fatto dipingere a mano l'iconico frigorifero FAB28 Smeg da artisti siciliani con fantasie e ricami tratti dalla tradizione.
Dal carretto siciliano alla frutta del sole, come i limoni, i temi degli abiti delle sfilate sono stati ripresi in 100 pezzi unici che fondono la creatività dell'arte e cultura con la tecnologia del nostro paese.

salone del mobile arredo milano 2016 4

CREDITS photo: Dolce&Gabbana, Louis Vuitton, Kartell designdate.cz – fradiavola.it – arredamento.it – fashiontimes.it – upstudiomilano.com – ilgiornale.it – touringclub.it – milanodesignagenda.com – robertocavalli.com -

Martedì, 19 Aprile 2016 18:26

Utili consigli su come ristrutturare casa

I consigli utili di GIULIA SANTORO in tema di design e dintorni sono rivolti a tutti coloro che sono in procinto di ristrutturare casa. Sono sempre tanti i primi pensieri e le cose da affrontare, quindi superata la fase dell'emozione che domina l'inizio dell'impresa, bisogna cominciare a fare ordine sulle priorità!

Di Giulia Santoro

Finalmente il sogno si realizza: siete riusciti ad acquistare la vostra prima casa!
È un momento emozionante da vivere con gioia e serenità, quindi la prima cosa da fare, dopo i dovuti festeggiamenti, è mettere ordine alle idee.
Fondamentale è partire con un'idea piuttosto precisa sullo stile da creare.
Sfogliare qualche rivista d'arredamento, curiosare tra negozi in città o visitare le case di amici che prima di voi hanno passato questo momento, sarebbe opportuno e consigliato.
Lasciatevi trasportare per di più dalle sensazioni, senza ragionamenti ma solo col cuore, capirete così intuitivamente quale stile più di altri vi attrae con maggior convinzione.

Altro obiettivo è fissare un budget totale da dedicare sia alle spese di ristrutturazione che per l'arredamento della casa. Tenente presente che in genere il budget viene puntualmente sforato, perciò mantenetevi di manica larga.
Quando siete pronti per iniziare i lavori bisognerà decidere a chi affidare un compito così oneroso.

ristrutturare casa 1

La cosa migliore sarebbe affidare l'intero compito ad un'unica impresa. Cercate quindi tramite conoscenze o passaparola una ditta che sia il più completa possibile che abbia tra le figure di competenza un geometra e diversi muratori, oltre ad un elettricista, idraulico ed imbianchino.
Facendo così abbatterete diversi costi accettando un pacchetto "all inclusive" e naturalmente risparmierete tanto tempo per la ricerca di singoli professionisti.

Il prossimo passo è quello di contattare l'amministratore del palazzo per informarlo che per qualche tempo dalla vostra abitazione potrà provenire rumore o esserci un po' di sporco proprio per via dei lavori in corso. Lasciate un vostro recapito così da poter essere contattati per ogni esigenza.

ristrutturare casa 2

In corso d'opera non lasciate mai che qualcuno scelga per voi!
Dovrete essere presenti nella scelta dei materiali, dei colori e nella logica di impiego. Sarà più semplice così evitare sorpresine irrimediabili potendo intervenire per tempo.
Non lasciatevi prendere dall'entusiasmo e tenete sempre ben a mente il vostro budget durante i lavori per questo può essere utile farsi una "lista dei desideri" con le priorità per la casa.
Inoltre conservate scontrini, fatture, biglietti di ogni cosa che andrete ad acquistare, compresa la manodopera. Sarà così più semplice potervi tutelare nel caso qualcosa dovesse andare storto.

ristrutturare casa 3

A lavori terminati arriva in realtà il momento più emozionante: l'arredamento! Dal momento che avete ben chiaro il vostro stile abitativo, le prime cose da farsi sono di ordinare cucina, sanitari e letto. Senza questi sarebbe praticamente impossibile anche solo sopravvivere una notte. Per tutto il resto ci sarà più tempo.

Ordinate tutto su misura se potete, almeno i "pezzi" principali. Il che non vuol dire affatto spendere di più. Anche IKEA predispone esperti dediti proprio a comporre su misura l'arredamento domestico.
La casa apparirà sicuramente più curata e ordinata.

ristrutturare casa consigli 4

Scegliete possibilmente colori tenui e rilassanti, sia per il colore delle pareti che per l'arredamento generale, ad esclusione solo del divano che, sempre per ragioni logistiche, dovreste acquistare di una gradazione più scura rispetto al resto per evitare che segni di usura e macchie si vedano eccessivamente.
Per ultima cosa ritagliatevi del tempo tutto per voi per farvi un giro tra i negozi e....scegliere il vostro primo e unico portachiavi di casa!

CREDITS photo: casa.lc.it, fazland.com, arredamento.it, latanadelserpente.it, habitoactivair.it, venetorcstrutturazioni.it, immobiliare.it
ristrutturainterni.com – centroedile.com – lavorincasa.it – mobili.it – ristrutturaearreda.it – roverisrl.com -

Il misterioso e affascinante mondo dell'arredo dalle tradizioni antichissime segue una vera e propria filosofia di vita: il Feng Shui. Ecco come abbracciare questa filosofia.

Di Giulia Santoro

Ne abbiamo sentite davvero di cotte e di crude su questa filosofia. Ho visto spesso arredamenti domestici spacciati per Feng Shui, ma in realtà avevano più cose in comune coi bazar di China Town a Milano.
 Insomma molta, tanta, troppa confusione regna sull'argomento questo il motivo per cui cercherò di chiarire qualche punto su questo esotico, esoterico, magico mondo.
Il FENG SHUI è una disciplina filosofica cinese antichissima. Pensate che i primi ritrovamenti risalgono a delle tombe di Fu Hsi più antiche della dinastia degli imperatori Qin. È una filosofia che basa i suoi concetti sulla naturalità dei processi, dei cicli, come il trascorrere del tempo, delle stagioni o delle ere.

Feng Shui filosofia cinese arredare casa 2

La seconda osservazione la possiamo fare sulla parola stessa: feng shui significa vento e acqua.
 Questi sarebbero i due elementi primari che regolano i vari processi della vita. Si narra infatti che quando tutto cominciò, prima ancora della vita stessa sulla terra, ci fosse un dio dragone che dalle montagne fece scendere la sua energia lasciando che si disperdesse con i venti. 
L'energia poi si fermò e si consolidò appena raggiunse lo specchio d'acqua.
Ecco perché Vento e Acqua sono i due elementi del feng shui.

Feng Shui filosofia cinese arredare casa

Ma andiamo sul concreto, come possiamo interpretare nelle nostre vite tutto questo? 
La realtà è che è una disciplina complicatissima e davvero molto difficile. Pensate solo che in Cina le famiglie più benestanti e ossequiose del taoismo, il fensg shui è una delle materie taoiste, chiamano un esperto apposta che costruisca e arredi le loro case, città, uffici seguendo appunto impeccabilmente le regole fengshuiste.
Senza interpellare oracoli cinesi possiamo anche noi lasciarci affascinare e seguire in qualche modo le istruzioni, per far si che le energie positive del drago che ci circondano possano essere incanalate nelle direzioni giuste e portarci verso felicità, pace, successo e tante altre bellissime cose, semplicemente spostando qualche mobile in casa. 
Innanzi tutto liberatevi del superfluo e di tutto ciò che possa ostacolare l'ordine e il pulito.

Feng Shui filosofia cinese arredare casa 3

La casa deve infatti contenere giusto quello che sia ritenuto essenziale per la vita di tutti i giorni e che sia facile da mantenere pulito. 
Seconda cosa liberatevi degli specchi. Questi infatti sono vissuti come traditori della realtà. Rimandano un immagine che può essere travisata, anche dalle energie stesse del drago che potrebbero scambiare lo specchio come fonte di acqua e imprigionarsi per sempre li.
A questo punto assicuratevi che la vostra casa abbia una forma quadrata o rettangolare.
 Non dovrebbero esserci strani corridoi o pertugi che possano influire negativamente con il flusso energetico. Se così non fosse pazienza, dovrete mettere in conto che, al limite, avrete Energie un po' più affaticate dalla complessità delle planimetrie occidentali.
Adesso siete pronti a rivoluzionare casa!
 Immaginate che le direzioni del vento siano appunto 4: Nord, Sud , Est e Ovest. Immaginate che ogni direzione sia più adatta ad un tipo di energia piuttosto che ad un altra. Basterà concentrare verso la direzione giusta le varie attività domestiche che sicuramente il flusso energetico comincerà a rinvigorirsi.

Semplificando quindi avremo:


Nord: Acqua, il colore è il blu ed è indicato per il riposo, l'interiorità e i rapporti interpersonali.
 Adattissimo per la camera da letto.
Sud: Fuoco, colore è il rosso. Perfetto sarà sistemare in questa direzione tutto ciò che ha a che vedere con il governo, l'amministrazione, il sociale, l'alimentazione e la salute.
 Est: Legno, il colore è il verde. Da questa parte andranno le cose della casa dedicate ai viaggi, al commercio, alle invenzioni e all'informatica.
 Ovest: Metallo, il colore è il giallo. Da questa parte andranno le cose invece dedicate all'attività finanziarie e al denaro in generale.

4

Ci sarebbero davvero ancora tantissime cose da dirvi, alcune bellissime e interessantissime. Se voleste saperne di più ritagliatevi un po' di tempo per fare delle ricerche in biblioteca o su internet e cominciate a fare i primi passi verso quella che potrebbe diventare la vostra filosofia di vita.
Con l'auspicio di aver chiarito più idee possibili ne approfitto per dirvi Nì Lài Le! ( arrivederci in cinese)

With the Courtesy of: 
fengshui.about.com - geomancy.net - aidecworld.com - openspacesfengshui.com - avso.org - chisallsiteslike.com - lushome.com

Per tutti gli amanti della montagna qualche utile consiglio su come arredare la propria da casa di villeggiatura. Sia per chi debba ancora iniziare da zero sia per dare un volto nuovo agli ambienti, con alcuni facili accorgimenti.

Di Giulia Santoro

Anche se quest'anno ne è venuta veramente pochina, la neve è la protagonista indiscussa dei nostri inverni.
Molti di noi ne sono così attratti che non resistono a scappare tra le nostre bellissime montagne per godersi qualche ora di relax in ogni momento libero.
Tra questi, certamente, c'è che finalmente ha realizzato il sogno di acquistare o prendere in affitto la tanta desiderata "Casa per le Vacanze" in montagna!

arredo montagna design

Il primo divertente impegno da prendersi in questo caso è "come arredarla"?
Il primo indicatore è "seguire il nostro istinto". Ognuno di noi ha gusti e preferenze più o meno dettagliate, ed è giusto che anche la nostra casa rifletta quello che siamo attraverso l'arredamento. Senza dimenticare che questa però è una casa di montagna, dove trascorreremo per lo più momenti sereni, lontani dalla caotica realtà quotidiana.
Provate a chiudere gli occhi un momento e cercate con la mente di essere tra quelle montagne. Immaginate ora di entrare nella vostra casa, in un posto che avete solo sognato, un posto che è il massimo delle aspettative. Quali oggetti sta immaginando la vostra mente e quali colori e quali sapori?
Benissimo, partiamo da qui e tenente a mente le sensazioni provate durante questo esercizio e cosa avete visto.
L'arredamento ideale per voi sarà proprio quello!

casa di montagna arredamento design

Non temete di osare troppo perché in montagna tutto è concesso, anzi, è d'obbligo.
Per ricreare il vostro splendido " chalet di montagna", si trattasse anche di un appartamento nel centro storico del paese, vi consiglio di sfruttare gli elementi che la natura già vi mette a disposizione: legno e pietra faranno da padrone ed è doveroso renderne omaggio anche in casa.

Benissimo dunque i travoni a vista grezzi, le boiseries imponenti dovranno abbracciare la maggior parte delle pareti della casa.
Pietre, o pietroni, saranno l'elemento principale nelle zone della sala da bagno, in cucina e attorno al caminetto.
Per un arredamento di montagna è necessario lasciare tutto come natura l'ha fatto, senza apportare modifiche ai colori del legno o delle pietre.

Andate a trovare qualche oggetto naturale tra i boschi: pigne, rami di abete, ceppi dimenticati infatti saranno l'ideale come seduta attorno ad un tavolo, come porta lumière o come centro tavola per le vostre cene.

montagna arredo design 2

Tappeti di pelo, grossi cuscini con ricami tirolesi o dell'alta savoia, copertone ripiegate su divani, divanetti, puff e letti saranno l'ideale per ricreare un atmosfera calda e accogliente.

I colori dominanti dovranno essere i complementari di quelli che sono all'esterno, di conseguenza gli opposti del marrone, del grigio e del verde. Esagerate dunque con bianco, rosso, panna, con tutto quello che riguarderà biancheria del soggiorno, della camera da letto e del bagno. Esagerate con le essenze da ambiente, candele, abat-jour, luci soffuse e tutto ciò che vi aspettereste di trovare in una baita di alta montagna.
Se invece opterete per un arredamento più freddo ed elegante invece vi consiglio il "tone sur tone" il cui effetto sarà sicuramente più soft.

Non abbiate timore di "riempire". Le case di montagna vanno assolutamente riempite. Ogni sorta di suppellettili, oggetti d'arredamento o di design vanno tutti benissimo, ma con l'unico imperativo: rigorosamente acquistati o raccolti in loco!
Sarebbe una vera caduta di stile portare qualcosa di non autoctono in un contesto così incontaminato.
Il mio augurio però è che possiate riempire i vostri spazi di mille ricordi indimenticabili, di sorrisi, di brindisi e relax, a prescindere dall'arredamento che avrete scelto.

With the courtesy of chaletdimontagna.net  

Martedì, 02 Febbraio 2016 11:37

Design Retrò: alla ricerca di arredi preziosi

Oggetti strani, preziosi, veri pezzi unici d'altri tempi, capaci di cambiare il volto del nostro arredamento. Un mercato che non ha mai conosciuto crisi e attira intenditori da tutto il mondo. Nella zona pittoresca del Naviglio Grande di Milano, alla scoperta di NIPPER: un "negozietto" vero paradiso per gli appassionati di oggettistica d'antan.

- di Giulia Santoro -

Ci sono luoghi che più di altri sanno ispirare la nostra creatività e di conseguenza andiamo a scovarli quasi inconsapevolmente. Non è intuitivo però sapere che per avere un arredamento personalizzato, e ricercato ci vengono in aiuto dei "negozietti" che non vendono solo e necessariamente ciò che è più di moda. Questi "negozietti" sono in realtà delle vere e proprie botteghe d'arte che conservano, riparano e vendono gli oggetti più strani, più preziosi, veri pezzi unici che la storia abbia visto.

Quello che ho scovato è proprio uno di quei "negozietti" nella zona pittoresca del Naviglio Grande di Milano.
Anni fa l'estroso Alfonso, nato in Olanda e trapiantato in Italia da diverso tempo (anche se l'accento è ancora riconoscibile), insieme alla moglie Chantal hanno portato le loro passioni al punto di creare quello che oggi è considerata "LA MECCA" degli appassionati di oggettistica, questo è NIPPER.

Entrando ci rendiamo subito conto di essere passati ad una dimensione diversa, fatta di passione, di impegno e di tantissima esperienza. Muovendoci nei piccoli spazi dello show-room notiamo pezzi così particolari che in realtà abbiamo spesso visto solo nei film o in qualche pubblicità, anche se questi contrariamente sono gli originali! Vi sono vecchie Casse Contabili del 1700 (avete presente quelle dei saloon del far west dei film?), Grammofoni provenienti da ville ottocentesche, la prima Cabina Telefonica italiana, telegrafi, barometri, bussole, scrittoi, gabinetti decorati a mano di porcellana finissima trovati in una casa patrizia inglese del 1850, frammenti tangibili di un tempo che normalmente viene studiato tra i banchi di scuola. Ma non solo. Si possono scovare quelle che furono le straordinarie progettazioni dei grandi del passato come Castiglioni, Zenuro,Sapper.
In questo viaggio temporale veniamo catapultati negli anni sessanta con i favolosi Juke Box, Flippers, Dispensers coloratissimi per caramelle o chewingum, insomma c'è tutto e di tutto di più. Un vero paradiso per gli appassionati di oggettistica d'antan.

Alfonso ci spiega che, anche se non sembra, il mercato di questo tipo di arredamento non ha mai conosciuto crisi e attira intenditori da tutto il mondo. Oggi, grazie anche alla tecnologia e i social network, è tutto più rapido, efficiente e sicuro. Perciò vendere un telefono del 1915 ad un americano che vive in Texas è diventato un gioco da ragazzi. Avviare una trattativa via skype è all'ordine del giorno.

La cosa singolare però, che si è mantenuta nel tempo, è che non si è "allargato il giro", come se fosse una setta segreta di intenditori che gelosamente custodiscono il segreto di dove andare a scovare questi tesori. Ma quale sacrilegio!!! Questi mondi alternativi andrebbero scoperti da tutti, anche se non necessariamente con il fine ultimo di acquistare.
In realtà, anche se in un primo momento può sembrare una follia portare a casa anche solo un Pezzo di una collezione così eclettica, ha il potere di rendere i nostri ambienti domestici favolosi. Infatti, nonostante arredamenti basici, spesso economici o fatti con poca cura o passione, le nostre case possono prendere vita nuova e cominciare a respirare profumi diversi! A volte basta anche un singolo oggetto per dare una personalizzazione all'ambiente.

Non potrete sbagliare, uno qualsiasi di questi oggetti sarà l'ideale per il vostro soggiorno, camera da letto o ingresso.
Il mio consiglio, sempre che io sia riuscita ad ispirarvi o quanto meno ad incuriosirvi, è quello di cominciare a farvi un idea sul sito www.nipper.it, poi meglio contattare telefonicamente Nipper per mettere quanto prima in Agenda una possibile visita in loco. Da qui probabilmente verrete instradati sulla magica Via dei "negozietti", pochi e sparsi in punti strategici di tutto il mondo. Assolutamente da scoprire e perché no, approfittarne per un break lontano dalla quotidianità o per un fine settimana diverso.

 

 

Pagina 2 di 3