Visualizza articoli per tag: territorio San Cesario sul Panaro

Mercoledì, 12 Agosto 2020 16:28

Scuola, a San Cesario si ripartirà in presenza

Oltre al rispetto delle direttive anti-contagio, nuovi investimenti anche sull’efficienza energetica delle strutture

Approvato il progetto per la collaborazione fra cittadini e istituzioni e per l’installazione di nuovi punti di sorveglianza alla Graziosa

Dopo l’approvazione della Giunta Comunale, anche a San Cesario sul Panaro partirà il Controllo di Vicinato. Il progetto prevede una forte collaborazione fra cittadini, amministrazione comunale e forze dell’ordine per attivare percorsi condivisi di sorveglianza del territorio che entreranno nella fase operativa tra novembre e dicembre con tre incontri informativi. Ad affiancare questa importante novità l’implementazione di due nuovi punti di video sorveglianza con lettura targhe nella zona della Graziosa.

“Sono molto soddisfatto di poter dare avvio a questo progetto” – spiega il Sindaco Francesco Zuffi –. C’è una forte richiesta da parte dei cittadini. È stato uno dei temi più trattati in campagna elettorale e per questo ci siamo spesi per dare subito attuazione al progetto a pochi mesi dall’insediamento della nuova Giunta. Essendo già attivo in altri Comuni, abbiamo avuto modo di verificarne l’utilità. Si tratta di un progetto che riguarda la sicurezza, ma in realtà è qualcosa di più: una politica attiva di coesione sociale, utile a rafforzare i legami della comunità”.

Il Controllo di Comunità prevede una forte collaborazione fra l’Amministrazione Comunale, la Polizia locale e i cittadini, con l’obiettivo di creare un sistema integrato di sicurezza urbana. Ma il progetto sarà utile anche per accrescere il senso civico e rafforzare i rapporti sociali all'interno della comunità. Il Controllo di Comunità vedrà l’Amministrazione impegnata su più fronti, la promozione del progetto e il supporto alla Polizia Locale che sarà uno degli attori principali. La Polizia Locale infatti sarà il riferimento per i gruppi che si formeranno nel territorio e sosterrà di referenti nella loro azione di coordinamento.

“Con l’approvazione del progetto Controllo di Comunità – spiega l’Assessore alla Sicurezza Luca Brighetti- iniziamo un percorso importante per il nostro Comune. Il nostro obiettivo è quello di costruire una rete di relazioni sociali, di prassi, di azioni, per aiutare, da un lato le Forze dell’Ordine a garantire sempre maggior sicurezza nel nostro territorio e, dall'altro aumentare la coesione sociale e diminuire la frammentazione all’interno della comunità”.

Dopo l’approvazione del progetto, saranno organizzati tre momenti di incontro tra la Polizia Locale e i cittadini che avverranno tra novembre e dicembre. Questi incontri riguarderanno tutto il territorio comunale, comprese le frazioni di Sant'Anna e Altolà. Durante questi momenti informativi la Polizia Municipale fornirà ai cittadini le informazioni principali e i dettagli del progetto, oltre a spiegare bene gli obiettivi e i ruoli dei soggetti interessati. Dopo questi incontri si svolgerà un’assemblea aperta finalizzata alla creazione formale dei gruppi di Controllo di Comunità, alla presenza anche dei funzionari della Regione Emilia Romagna.

“L’approvazione del Controllo di Comunità – prosegue Brighetti - si inserisce ad un più ampio ragionamento sulla sicurezza che l’Amministrazione sta mettendo in campo, come l’implementazione del servizio di videosorveglianza comunale e la collaborazione con i Carabinieri di Castelfranco, tutti volti a garantire sempre maggior sicurezza ai cittadini e alle imprese. Per questo, mi sento di rivolgere un grande ringraziamento al nostro gruppo di Polizia Locale che si spende quotidianamente sul nostro territorio”.

Il Controllo di Vicinato non è infatti l’unica novità sul tema della sicurezza: “Nelle prossime settimane – conclude il Sindaco Zuffi – installeremo due nuovi punti di video sorveglianza con lettura targhe nella zona della Graziosa. Vogliamo iniziare un percorso che porti a rendere più controllata quella zona, dove hanno sede importanti realtà industriali. Le nuove installazioni aumenteranno anche i controlli all’isola ecologica, dove in passato si sono verificati episodi di abbandono di rifiuti e degrado che vogliamo eliminare”.

Pubblicato in Cronaca Modena
Lunedì, 16 Aprile 2018 11:11

Incendio al frantoio. Sospetto di dolo.

Sono servite quasi 4 ore di lavoro dei Vigili del Fuoco di Modena per domare l'incendio che si è sviluppato l'altra notte in un cantiere di San Cesario sul Panaro. Tre betoniere, l'una accanto all'altra, hanno preso fuoco per cause ancora in via di accertamento. 

Non si esclude l'ipotesi di incendio doloso anche in ragione del fatto che poco tempo fa la medesima ditta, "Granulati Donnini Spa", venne derubata di due betoniere poi recuperate dalla Polizia di Stato.

I commenti:

Il Sindaco Gozzoli: "Preoccupati per l'accaduto"
"Messi al corrente dell' incendio notturno presso il frantoio di San Cesario sul Panaro, in via Modenese, come Amministrazione esprimiamo la nostra preoccupazione per l'accaduto e auspichiamo che le forze inquirenti sappiamo individuare le cause dell'incendio e nel caso si manifestasse doloso perseguirne con efficacia gli autori".

Rogo frantoio San Cesario Aimi (FI): "Fatto grave e preoccupante. La criminalità alza la guardia. Serve risposta ferma e straordinaria"

"L'atto incendiario con la distruzione di tre mezzi al frantoio di San Cesario rappresenta un fatto grave ed un segnale preoccupante per tutta la nostra comunità. Simbolo di come la sfida lanciata dalla criminalità abbia raggiunto livelli che vanno ben oltre la soglia di allarme. In attesa che gli inquirenti facciamo luce su quanto è successo nella notte, è chiaro che serve una reazione netta e straordinaria, anche e soprattutto sul piano istituzionale. Perché se gli anticorpi rispetto a certi tipi di fenomeni ed attività ci sono, allora è evidente che vanno rinforzati, con una dose doppia di vaccino.
Fatti come quello accaduto questa notte a San Cesario non possono passare come normali fatti di cronaca e serve un'azione unanime e congiunta e rafforzata da parte delle istituzioni a tutti i livelli.
E' necessaria una reazione forte e straordinaria per impedire che la criminalità penetri in modo irreversibile nel nostro territorio".

Rogo frantoio San Cesario, Fiorini (FI): "Fatto inquietante. Tenere alta la guardia".

"L'incendio di tre mezzi in un frantoio di San Cesario è un fatto grave e inquietante. In attesa che la magistratura faccia chiarezza su quanto accaduto la scorsa notte, è necessario che tutti noi rappresentanti delle istituzioni teniamo alta la guardia e reagire con forza e fermezza a questi episodi. Vanno rafforzate, a tutti i livelli, le azioni di contrasto per fermare la penetrazione della criminalità nel nostro territorio. E' quanto mai urgente dare risposte ai cittadini che chiedono sicurezza". Lo dichiara Benedetta Fiorini, deputata emiliana di Forza Italia, commentando il rogo di San Cesario.

 

 

Pubblicato in Cronaca Modena