Visualizza articoli per tag: furto veicoli

I carabinieri di Parma oltretorrente questa notte nei pressi del ponte delle nazioni vedevano transitare una vettura marca Mercedes 200 con a bordo due giovani individui.

La macchina era stato oggetto di furto lo scorso 28 febbraio denunciata presso la stessa stazione di Parma Oltretorrente.

Pubblicato in Cronaca Parma
Venerdì, 28 Febbraio 2020 10:14

Ladro ruba carro funebre con la bara dentro

Ladro ruba carro funebre con la bara dentro. E' accaduto a Los Angeles: il furto di un carro funebre, compreso la defunta in una bara, si è concluso con un arresto in California dopo un inseguimento. Il sospettato si era immesso su un'autostrada senza pedaggio giovedì. Lì, il carro funebre nero, durante l'inseguimento con la polizia, è stato coinvolto in un incidente.

Non bastava il dolore per la morte della cara congiunta: le lacrime si sono trasformate in rabbia quando il carro funebre, una Lincoln Navigator del 2017, che trasportava la bara è stato rubato di fronte alla chiesa di Pasadena dove si sarebbero celebrati i funerale della donna. E’ accaduto a Los Angeles mercoledì sera: i due autisti dell’impresa di pompe funebri avevano parcheggiato di fronte alla chiesa e avevano iniziato a scaricare i fiori e portarli nella chiesa.

Quando sono usciti hanno trovato l’amara sorpresa: il carro funebre era sparito con a bordo la bara della povera donna. Devastati dal dolore amici e parenti hanno immediatamente fatto scattare le ricerche. Il carro funebre, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è stato rintracciato dalla volante della polizia il giorno dopo, alle 7:45 di giovedì, ora locale, su di un'autostrada senza pedaggio con l’uomo alla guida che aveva tentato di fuggire con il corpo della donna. A quel punto gli agenti di polizia, hanno iniziato l'inseguimento che si è concluso con un incidente stradale e l'arresto dell'uomo. Il ladro è stato trasportato in commissariato e nei prossimi giorni verrà valutata la sua salute mentale.

27 febbraio 2020

Pubblicato in Cronaca Emilia
Domenica, 16 Giugno 2019 10:32

Arrestata una donna per furto da un'auto in sosta

Donna ruba su auto in sosta: fermata dalle volanti giunte immediatamente sul posto e maltolto restituito ai legittimi proprietari

Parma 16 giugno 2019 -  Durante la notte gli agenti delle volanti, in occasione di un normale servizio di controllo del territorio, sono state inviate dalla sala operativa in Borgo Santo Spirito.

Infatti, al 113 erano giunte delle chiamate che segnalavano la presenza di una donna intenta a rubare all'interno di autovetture. Gli agenti delle volanti si sono precipitati sul posto ed hanno immediatamente fermato la donna.

Quest'ultima era in possesso di un trolley, con all'interno un pc portatile ed altri beni, e di una borsa contenente diversi oggetti di cui non ha saputo giustificare la provenienza ed il possesso. Non solo, la donna era altresì in possesso di "armi", ovvero oggetti atti ad offendere di cui il porto non era in alcun modo giustificato, in particolare forbici di medie dimensioni a portata di mano (all'interno della tasca dei pantaloni), ed alcuni coltelli svizzeri, nonché un cacciavite.

Per la merce sottratta dalle auto in Borgo Santo Spirito, beni di modico valore, la donna è stata denunciata a piede libero per il reato di furto aggravato dal possesso di armi.

Successivamente, grazie agli immediati sviluppi investigativi delle donne e degli uomini della Squadra Volante, è stato possibile rintracciare anche il proprietario del trolley contenente un pc portatile ed altri beni fondamentali per svolgere il proprio lavoro da parte del legittimo proprietario. Questi beni gli sono stati restituiti, ed anche per questa azione delittuosa, consumata nell'autovettura della vittima in un borgo poco distante da quello dove la criminale era stata rintracciata, la donna è stata denunciata.

Gli agenti hanno raccolto il plauso dei cittadini che si sono visti restituire i propri beni in una manciata di ore dall'avvenuto furto.

 

PR-Questura-furti-auto-IMG-20190616-WA0003.jpg

Pubblicato in Cronaca Parma
Giovedì, 13 Dicembre 2018 06:48

Tentano di portare all'estero un mezzo da lavoro.

Nella giornata del 10 dicembre scorso, personale della Sottosezione di Polizia Stradale Modena Nord, ha posto in stato di fermo due cittadini albanesi di 48 e 23 anni, incensurati, per il reato di ricettazione.

Intorno le ore 20 circa, durante il servizio di vigilanza autostradale, in A1 carreggiata sud, gli operatori della pattuglia hanno notato un autoarticolato, con targa albanese, sul cui semirimorchio era stata caricata una frantumatrice da cava, marca RIMAC mod. Moby 1000, di grandi dimensioni, ai limiti della sagoma massima consentita.

Dopo aver intimato l'alt per effettuare il controllo presso il Casello di Modena Nord, gli operatori hanno accertato la regolarità della sagoma, contestando un'infrazione ai sensi del C.d.S. concernente un'irregolarità del cronotachigrafo. Soffermandosi sulla documentazione del carico ed accertando che la targhetta identificativa del mezzo era stata asportata, gli agenti hanno richiesto l'ausilio di personale del locale ufficio di polizia giudiziaria per accertare la provenienza del veicolo.

Contattando la casa costruttrice, è stato possibile verificare che il mezzo in questione era stato rubato nella notte, intorno alle ore 4, nei pressi di una cava con sede a Rudiano (BS).

Accertata quindi la provenienza illecita della merce trasportata, per la quale era stata predisposta tutta la documentazione necessaria per l'esportazione verso l'Albania, e ritenendo sussistente il pericolo di fuga dei due cittadini stranieri, si è proceduto a porre entrambi in stato di fermo, dandone notizia al P.M. di turno, il quale ha disposto per entrambi la conduzione presso la locale Casa Circondariale.

La frantumatrice, del valore di 75'000 €, non coperta da assicurazione contro i furti e di vitale importanza per lo svolgimento dell'attività della cava, è stata riconsegnata agli increduli proprietari che hanno commentato dicendo di aver ricevuto il più bel regalo di Natale.

Pubblicato in Cronaca Modena

Sabato notte, gli agenti della Sottosezione di Polizia Stradale di Modena Nord, unitamente a personale della Sottosezione di Bologna Sud, hanno deferito all'Autorità Giudiziaria due cittadini tunisini, di 27 e 28 anni, per ricettazione in concorso di una vettura rubata.

Modena 3 settembre 2018 - Durante i controlli di vigilanza autostradale, all'interno dell'area di parcheggio "Castelfranco Est" in A1 Nord, gli operatori decidevano di sottoporre a verifiche un'autovettura, Alfa Romeo Giulia, con a bordo i due soggetti. Alla richiesta dei documenti, il 28enne ha spintonato e fatto cadere uno degli agenti al fine di guadagnarsi la fuga nei campi adiacenti, procurandogli lesioni giudicate guaribili in 7 giorni, mentre l'altro è stato accompagnato in caserma per gli accertamenti del caso.

L'autovettura, del valore di circa 36'000 €, è risultata essere stata rubata in Provincia di Modena il 31 agosto u.s. ed è stata riconsegnata al legittimo proprietario. Nonostante la fuga, è stato ugualmente possibile ottenere una completa identificazione del 28enne e denunciarlo  per resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale.

Pubblicato in Cronaca Modena

Alle 23,30 di venerdi scorso, una donna segnalava alla Sala Operativa la presenza di un giovane di carnagione olivastra indossante un giubbino scuro con cappuccio che armeggiava tra le autovetture in sosta in piazzale Molza.

La segnalante gli chiedeva cosa stesse facendo, cosa che ha comportato l'allontanamento dello stesso. Rimanendo in contatto con la Sala Operativa, la donna comunicava che il giovane si dirigeva verso il parco Novi Sad. Nell'immediatezza giungeva in zona la Volante che cominciava a setacciare l'area, rintracciando trovava l'individuo che aveva ancora in mano la maniglia di un'autovettura Lancia Ypsilon sulla quale aveva tentato di commettere il furto. Lo stesso veniva identificato per C. S. magrebino di 26 anni, irregolare sul Territorio Nazionale, veniva arrestato e trattenuto in Questura in attesa del giudizio direttissimo che si terrà nella mattinata odierna. Lo stesso è risultato avere precedenti specifici per furto aggravato e resistenza a P.U. e sottoposto all'obbligo di presentazione alla P.G. Al termine del processo verrà messo a disposizione dell'Ufficio Immigrazione per la relativa espulsione dal Territorio Nazionale.

Alle ore 02,30 della scorsa notte una Volante transitando in viale Monte Kosica, notava una persona che, dopo essere sceso da un'autovettura parcheggiata, si accovacciava dietro al veicolo presumibilmente per nascondersi alla vista degli operatori.

L'uomo si dava a precipitosa fuga, lanciando qualcosa a terra. Mentre un operatore cominciava ad inseguirlo a piedi, l'altro cercava di anticipare la direzione di fuga con l'auto di servizio, il tutto alla presenza del proprietario del mezzo che era dall'altra parte della strada. L'uomo veniva bloccato quasi nell'immediatezza. Gli Agenti riuscivano a recuperare quanto lanciato a terra, si trattava di un portafogli contenente i documenti di identità del proprietario lasciati a bordo della autovettura di cui era stata forzata la serratura. L'uomo aveva con sé un cacciavite multiuso presumibilmente usato per eseguire il furto. Lo stesso, B.A.A., è un cittadino sedicente tunisino di circa 28 anni clandestino che risulta avere numerosi precedenti di Polizia per reati contro il patrimonio (furto aggravato, ricettazione, rapina) e spaccio di sostanze stupefacenti con diversi nominativi. Al termine del processo verrà messo a disposizione dell'Ufficio Immigrazione per la relativa espulsione dal Territorio Nazionale.

Pubblicato in Cronaca Modena

Intorno alle ore 2.00 di ieri mattina, ignoti malviventi si sono introdotti all'interno dell'impianto della Granulati Donnini S.p.a. di San Cesario (MO), asportando due Autobetoniere Iveco Trakker della Litaltrasporti Societa' Cooperativa Coop di San Prospero (MO).

Il titolare dei mezzi, avvisato del furto dalla centrale che gestisce l'allarme satellitare, ne ha dato tempestiva notizia alle forze dell'ordine; la segnalazione è stata girata anche alle pattuglie impiegate nella vigilanza delle arterie autostradali di questa provincia.

Intorno alle ore 5.00, una pattuglia della Sottosezione Modena Nord della Polizia Stradale, ha intercettato i due veicoli sulla Autostrada A/1 direzione Milano, poco prima di Parma.

Eseguendo un intervento in regime di safety-car, ovvero facendo rallentare gradatamente la velocità di marcia dei veicoli in transito, con l'ausilio di due mezzi pesanti, gli agenti hanno poi bloccato del tutto la circolazione nei pressi dell'area di servizio San Martino est, mettendo in scacco i ladri che si sono vista preclusa qualsiasi via di fuga.

A quel punto, i malviventi hanno abbandonato i mezzi rubati e, favoriti dalle tenebre e dalla fitta foschia, si sono dati alla fuga nella campagna adiacente facendo perdere le loro tracce.

Gli operatori, dando preminenza alla sicurezza della circolazione e degli utenti in transito, hanno fatto spostare i mezzi pesanti dalla carreggiata, facendo riprendere nel minor tempo possibile la circolazione.

Sul posto è successivamente giunto il titolare della cooperativa che, con l'ausilio di un dipendente, ha provveduto a condurre i mezzi rubati presso la Sottosezione di Modena Nord.

Ultimate le incombenze burocratiche, alle prime ore della mattinata i due autocarri, del valore complessivo di oltre 250.000 €, sono stati riconsegnati agli aventi diritto.

Pubblicato in Cronaca Modena