Visualizza articoli per tag: alcool

Giovedì, 09 Settembre 2021 11:04

Fidenza, il Questore ordina la chiusura di un locale

Fidenza 9 settembre 2021 - I carabinieri della Stazione di Fidenza, nella giornata di ieri hanno chiuso un bar situato in via Malpeli il cui legale rappresentate è un 43enne di origine cinese residente in paese.

Pubblicato in Cronaca Parma

Il titolare, un pakistano 40 enne, è incappato nei controlli della Polizia Locale ed è stato “pizzicato” mentre vendeva alcune bottiglie di birra a una sedicenne. Tanti anche i controlli per verificare il rispetto delle normative anti Covid, soprattutto da parte dei più giovani. 

Pubblicato in Cronaca Modena

Polizia di Stato: arrestato dalle Volanti 33enne di Parma per resistenza a Pubblico Ufficiale.

Pubblicato in Cronaca Parma

Arrestato in flagranza di reato in via D'Azeglio, straniero evaso e particolarmente pericoloso.

Parma 28 settembre 2019 - Durante la fine della mattinata di ieri sono giunte alcune telefonate al 113 per segnalare la presenza in via D'Azeglio di un cittadino straniero in palese stato di alterazione psicofisica.
In particolare, in una circostanza, l'uomo tentava di approcciare i passanti toccandoli ed infastidendoli. Nel frangente urlava anche ad un dipendente di un negozio insultandolo per il colore della sua pelle.
Anche gli agenti delle volanti che erano intervenuti sono stati insultati ed oltraggiati nonché minacciati di morte.


In considerazione del grave stato di agitazione dell'uomo gli agenti sono stati costretti a portarlo in questura ove il soggetto ha reagito nei confronti degli operanti violenta aggressività, spintonandoli e prendendoli a calci. La pericolosità del soggetto, per gli altri e per sé stesso, ha indotto gli operanti a trasportarlo al pronto soccorso dove gli sono state somministrate le cure necessarie per tranquillizzarlo. A detta dello stesso, oltre ad aver bevuto alcol, era anche sotto l'effetto di sostanze stupefacenti.

Durante gli accertamenti è emerso che il soggetto, GEORGE Robile etiope del '78, era l'autore di una rapina commessa ad agosto ai danni dell'Asia & Africa market, fatto per il quale era stato arrestato in flagranza di reato dagli agenti delle volanti e fatto per il quale era allo stato degli arresti domiciliari.

Quindi alla luce della condotta delittuosa tenuta dal soggetto, poiché trovato fuori dal luogo di detenzione domiciliare, è stato tratto in arresto per evasione nonché per resistenza pubblico ufficiale. Su disposizione del pubblico Ministero di turno il Robile è stato trattenuto nelle camere di sicurezza della Questura ed oggi sarà processato per direttissima.

Pubblicato in Cronaca Parma
Lunedì, 16 Settembre 2019 05:53

Alcol e droga, ritirate tre patenti

Settimana di controlli della Polizia di Stato finalizzati alla prevenzione delle c.d. stragi del sabato sera

Parma: La Polizia di Stato, nel dettaglio la Polizia Stradale di Parma, ha svolto durante la settimana serrati controlli finalizzati alla prevenzione di incidenti stradali causati dall’assunzione di bevande alcoliche o sostanze stupefacenti-psicotrope.


I posti di controllo sono stati organizzati in orario serale/notturno, anche in concomitanza al grande deflusso dei due concerti che si sono tenuti a Parma questa settimana e che hanno visto la partecipazione di un pubblico molto numeroso. L’intento è stato quello di evitare che persone ubriache o drogate potessero mettere in pericolo l’incolumità di altre persone.
Nei posti di controllo, oltre a personale della Polizia Stradale erano presenti un Medico della Polizia di Stato ed un infermiere, questo per poter svolgere tecnicamente tutti i controlli del caso, ovvero sia gli alcoltest che i controlli antidroga.


Durante il servizio sono stati fermati 21 veicoli, e controllate 26 persone. Sono state ritirate in tutto 3 patenti, due ragazzi neopatentati sono stati trovati con un tasso alcolemico superiore ai 0,8 g/l, un altro, invece, sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Per tutti è scattata anche una denuncia all’autorità giudiziaria.

Serrati i controlli, sempre per garantire l’incolumità degli automobilisti, nei confronti di coloro che non utilizzano le cinture di sicurezza o i sistemi di ritenuta per i bambini.
In tutto sono stati controllati 23 veicoli, ben 18 conducenti erano alla guida senza le cinture di sicurezza. Per questo motivo sono tutti e 18 stati sanzionati ai sensi dell’art. 172 c.d.s..
Questi controlli, che hanno il primario obiettivo di garantire la sicurezza e l’incolumità degli utenti della strada verranno previsti anche nelle prossime settimane.

PR polizia test alcol.jpg

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Un altro dramma della strada che ha per protagonista negativo l'alcol. A farne le spese questa volta è stato Mauro Dodi, il comandante della Polizia Municipale di Medesano, investito mentre stava svolgendo il suo dovere.

Un'auto guidata da un uomo, risultato positivo all'alcol test, ha travolto e ucciso Mauro Dodi mentre era impegnato nel controllo della velocità con l'autovelox. 

Sembra che il comandante avesse da poco fermato una macchina per contestargli un'infrazione e, mentre l'auto stava ripartendo, ne è arrivata un'altra, alla quale era stato intimato di fermarsi. Invece di arrestarsi il conducente ha proseguito andando a urtare violentemente l'auto che stava ripartendo, innescando una carambola che ha investito Mauro Dodi, deceduto poco dopo all'ospedale.

I carabinieri di Salsomaggiore hanno arrestato l'autista con l'accusa di omicidio stradale.

Il Comune di Medesano ha postato un link su facebook in ricordo del Comandante tragicamente scomparso.

"Sgomento e dolore pervadono i nostri animi.
Questa notte il nostro comandante della Polizia Municipale Ispettore Superiore Mauro Dodi ci è stato tragicamente portato via mentre svolgeva il suo amato lavoro.
Abbiamo perso un grande professionista che aveva fatto della dedizione al lavoro e del rispetto per gli altri i principi della sua vita professionale.
Abbiamo perso soprattutto un brav'uomo.
Sentite condoglianze alla moglie, ai figli, ai parenti, ai colleghi ed agli amici che hanno avuto la fortuna di incontrarlo.
Il Sindaco e l'Amministrazione Comunale"

Pubblicato in Cronaca Parma
Giovedì, 28 Luglio 2016 09:26

Divieto di vendita alcolici in Via Inzani

Il Sindaco ha firmato un Ordinanza di limitazione degli orari di vendita di bevande alcooliche e superalcooliche, nei confronti di un esercente attività commerciale operante in Strada Inzani.

Parma, 28 luglio 2016

In data 27 luglio 2016, il Sindaco ha firmato un'Ordinanza di limitazione degli orari di vendita di bevande alcooliche e superalcooliche, nei confronti di un esercente attività commerciale operante in Strada Inzani. L'Ordinanza va ad aggiungersi a quella emessa il 21 marzo 2016 nei confronti di altri quattro esercenti e concerne un esercozio che al tempo non risultava in attività.

L'assessore al commercio e sicurezza, Cristiano Casa, così commenta il provvedimento. "Questa ordinanza – spiega l'assessore – va ad integrare quella del marzo scorso, ordinanza che ha avuto effetti estremamente positivi sul quartiere e questo ci è stato testimoniato dai residenti e dai commercianti della zona, che hanno notato notevoli miglioramenti, rispetto al passato. Tutto questo anche grazie ad un aumento considerevole delle attività di controllo, sia attraverso le telecamere presenti che attraverso interventi della polizia municipale e della altre forze dell'ordine. Visto che si sono ravvisate le medesime problematiche anche sull'esercente oggetto di questa ordinanza, abbiamo reputato opportuno intervenire in questo senso".

Il provvedimento fa seguito alle denunce, segnalazioni ed esposti di cittadini residenti, riscontrate da approfonditi accertamenti della Polizia Municipale ed è diretto a contrastare il degrado ambientale causato da tale esercente, che vende bevande alcooliche indiscriminatamente anche a minori e a soggetti adulti in palese stato di alterazione psico-fisica a prescindere dalle loro condizioni, omettendo di intervenire durante le liti e non attivando neppure le forze dell'ordine.

Conseguenza di tali comportamenti sono l'abbandono indiscriminato dei contenitori delle bevande consumate dalla clientela, liti e risse e complessiva situazione di degrado, con rischi per la sicurezza di automobilisti e pedoni e lesione del decoro e pulizia dei luoghi, che costituiscono un'evidente lesione dell'interesse collettivo dei cittadini e, in particolare, di quelli che abitano in prossimità dell'esercizio stesso.
Per effetto di tale provvedimento, l'esercente non potrà vendere bevande alcooliche e superalcooliche tutti i giorni dalle ore 17.00 alle ore 22.00 (è infatti questo l'arco temporale in cui il fenomeno si intensifica) e con decorrenza dalla data della notifica fino al 30 settembre 2016, per prevenire l'ulteriore aggravamento del degrado legato alle favorevoli condizioni climatiche legate al periodo estivo, che inducono un maggiore stazionamento della clientela in esterno. Si fa presente, che dalle 22 alle 6 del mattino è già previsto il divieto di vendita per asporto degli alcolici, sulla base del Regolamento della Convivenza.

L'Ordinanza, preventivamente comunicata e condivisa con il Prefetto è già stata notificata al destinatario e le sue eventuali violazioni saranno punite con la sanzione pecuniaria di Euro 300,00 e con l'applicazione della sospensione dell'attività di vendita fino ad un massimo di 20 giorni, trattandosi di violazione di particolare gravità.

(Fonte: ufficio stampa Comune di Parma)

Domenica, 15 Settembre 2013 09:02

Bevande alcoliche, il rischio di consumi illegali

 

ACCISE: PRODUTTORI DI BEVANDE ALCOLICHE CON FEDERALIMENTARE SI APPELLANO AL GOVERNO LETTA PER SCONGIURARE ULTERIORI AUMENTI FISCALI.

Roma, settembre 2013 -
AssoBirra, AssoDistil, Federvini assieme a Federalimentare, la Federazione dell'industria alimentare italiana che rappresenta oltre 6000 aziende e 405.000 addetti, hanno scritto una lettera urgente al capo del Governo Enrico Letta per scongiurare ogni ulteriore aumento delle accise sulle bevande alcoliche, già colpite dagli aumenti introdotti con il decreto legge 91/2013 di agosto. Nella lettera, i Presidenti delle Associazioni Alberto Frausin, Antonio Emaldi, Lamberto Vallarino Gancia e, a sostegno, Filippo Ferrua Magliani chiedono un incontro al Presidente Letta per presentare i dati sull'andamento dei settori, affinché il legislatore faccia una valutazione attenta prima di introdurre ulteriori inasprimenti fiscali sulle bevande alcoliche. "Nonostante siano già stati deliberati degli aumenti per i due prossimi anni – si legge nella lettera - si torna ancora a parlare di possibili ulteriori aumenti e le voci trovano sempre forti echi allorché siano prossimi ad essere adottati nuove misure di intervento da parte del Governo." Ma la missiva congiunta ricorda che "anche se apparentemente di portata limitata, ogni aumento porta con sé importanti oneri amministrativi e finanziari che ne amplificano la portata". In questo particolare momento storico, a tutti sono richiesti sacrifici. Ma, senza alzare i toni, i produttori di bevande alcoliche hanno un invito da rivolgere alla politica: che venga scongiurato l'aumento delle accise sulle bevande alcoliche come strumento per fare cassa o, tantomeno, per eventuali formule di copertura. Il gettito delle accise si è infatti continuamente contratto per la crisi dei consumi alimentari: nel solo primo semestre del 2013 ha mostrato una contrazione superiore al -8%. Inoltre, sulle accise gli operatori si vedono addebitata anche l'IVA del 21% (imposta su imposta). È uno scenario che non ammette spazio per aumenti di sorta, se non mettendo a rischio la sopravvivenza di numerose piccole e medie imprese che operano sul territorio nazionale nella produzione e vendita delle bevande alcoliche. La Federazione ricorda, a tale proposito, il parere contrario espresso dalla Ragioneria Generale dello Stato sulla copertura indicata in Parlamento nel disegno di legge sugli esodati della scuola, "in quanto lo stesso, incrementando in modo consistente la tassazione sugli alcolici determina, in un contesto di difficoltà economiche diffuse, sicuri effetti regressivi, con diminuzione dei consumi e conseguente aumento dei consumi illegali, peraltro privi dei necessari controlli sanitari, correlati al fenomeno contrabbandiero."
(fonte federalimentare)

Pubblicato in Agroalimentare Emilia