Visualizza articoli per tag: alberghi

Nella mattina di sabato gli agenti della Polizia di Stato – Squadra Volante intervenivano all’interno di un noto albergo nella zona nord della città per la segnalazione, giunta in banca dati, di due cittadini marocchini, un uomo e una donna, ricercati per pratiche inerenti alla loro posizione sul territorio nazionale.

Pubblicato in Cronaca Parma

15 alberghi chiusi in città e gli altri sottotono. Il 90% delle prenotazioni cancellate stanno mettendo in ginocchio il settore ricettivo proprio nell'anno di Parma2020. 

Di Lamberto Colla e foto di Francesca Bocchia - Parma 9 marzo 2020 - Emio Incerti, presidente di Federalberghi Parma e Vice Presidente regionale, disegna uno scenario particolarmente critico per il settore dell'accoglienza alberghiera. Tra eventi cancellati, sospesi o rimandati quasi tutti nell'ultimo quadrimestre del 2020, il Coronavirus rischia di fare una strage, oltre che nella sanità anche nel tessuto economico.

Se al momento attuale tutte le risorse disponibili e straordinarie devono necessariamente essere concentrate sulla sanità, cessata l'emergenza altrettante risorse, anzi molto probabilmente molte di più, dovranno essere allocate, senza elemosinare, sull'economia o diversamente si apriranno altri pesanti fronti sanitari. Non dimentichiamo che economia e sanità vanno a braccetto e perciò, prima si blocca il contagio e prima si potrà riaccendere il fuoco dell'economia.

Segnali terribili si sono manifestati, tutti concentrati nella giornata di Lunedi 9 marzo: il MIB crollato del 11,7%, il Petrolio (WTI) crollato tra il 20 e il 30% scendendo a meno di 30$ al Barile (era circa 50$), 27 carceri in rivolta dove si sono contati 7 morti e decine di feriti nel carcere di Modena e infine la diffusione della notizia ben poco rassicurante che 20.000 marines americani sono sbarcati in Europa, tra Olanda, Belgio, Lettonia e Estonia per l'Operazione (esercitazione?) "Defender Europe 20" e infine a sera tarda, il premier Giuseppe Conte che, a reti unificate, annuncia l'allargamento della zona arancione (ex rossa) a tutta la penisola. Un passaggio auspicato da molti, noi compresi, per accelerare il processo di arresto e inattivazione del contagio da Coronavirus.

Senza aprire altri scenari apocalittici, basta fare i conti al settore alberghiero, il primo a essere stato travolto dalla valanga Coronavirus, per immaginare quali e quanti danni si stanno riversando sul sistema economico e sociale del Paese.

"Ad oggi la situazione, informa Emio Incerti, del turismo nella nostra nazione in generale, ma in particolare nella nostra provincia è veramente drammatica. Soprattutto a Parma perché quest'anno c'era un'occasione d'oro per realizzare tantissimi eventi per Parma Capitale Italiana della Cultura Parma202 0. I primi segnali di crisi si sono manifestati quando alcuni cinesi sono stati ricoverati in Italia. Un evento che ha fatto sì che il mercato turistico, asiatico inizialmente, si sia bloccato nel giro di pochi giorni. Da metà gennaio abbiamo iniziato a ricevere tutta una serie di cancellazioni da parte del turismo organizzato, cinese, giapponese e sud coreano che anche da noi comunque segnava numeri importanti. Poi c'è stato il famoso 22 di febbraio, con le prime chiusure della zona rossa lombarda, che ha dato il via a cancellazioni a tutto spiano, soprattutto nella clientela business. Non dimentichiamo che Parma è una città d'arte ma è soprattutto una città d'affari con una clientela composta da professionisti, manager, imprenditori, consulenti e dipendenti anche del nostro territorio che girano abitualmente e che rappresentano lo zoccolo duro di tutti gli alberghi. Ad oggi, anche in forza degli ultimi decreti, la situazione si è sempre più aggravata e ci troviamo in questi giorni ad avere avuto cancellazioni dell'ordine del 90% delle prenotazioni delle camere. Cancellazioni che hanno condotto alla chiusura di una quindicina delle più grandi strutture alberghiere comprese all'interno delle mura cittadine. All'improvviso quindi circa 1.000-1.500 camere sono state sottratte alla vendita. Una decisione determinata dalla necessità di abbattere i costi, sia in termini di risparmi energetici e sia di personale. E' ovvio che tutte queste strutture dovranno attingere alla cassa integrazione e a tutte quelle agevolazioni che sono concesse dal Governo, seppure ancora in misura limitata."

Un danno veramente importante per tutto il territorio della provincia. Secondo le stime, riferisce il Presidente, la provincia di Parma dal solo turismo, quindi pernottamenti e cene, lascia sul terreno circa 300.000€ al giorno. Questo dato ovviamente è stimato sulla base degli alberghi che hanno chiuso ma la disponibilità è ben superiore e ben maggiore potrebbe essere il danno così procedendo.

6.500 camere per circa 12.000 ospiti è, infatti, il patrimonio ricettivo di tutto il territorio provinciale raccolto in 200 strutture, 37 delle quali (2.000 camere) concentrate in Parma città, che sommano a 68 (3.000 camere) se si considerano i territori adiacenti al capoluogo, per arrivare a 200 alberghi e 6.500 camere se si sommano tutti gli alberghi della provincia.

Tra le richieste avanzate da Federalberghi c'è la sospensione temporanea della tassa di soggiorno. "Non l'annullamento, sottolinea Incerti, perché con il ricavato della tassa che entrerà nelle casse comunali ci attendiamo che le somme raccolte vengano utilizzate a favore del settore per farlo ripartire al più presto."

Ormai è chiaro che tutti gli eventi in programma entro l'estate, a partire da Cibus, verranno spostati nell'ultimo quadrimestre dell'anno, qualcuno forse verrà recuperato nel mese di giugno, ma questo comporterà il sorgere di un altro problema connesso alla capacità ricettiva conseguenza della sovrapposizione degli eventi.

Un momento importante di riflessione e confronto per tutto il settore sarà l'occasione dell'Assemblea Nazionale di Federalberghi che vedrà riuniti a Parma, tra l'8 e il 9 maggio, i delegati dell'organizzazione provenienti da tutta Italia.

Videohttps://youtu.be/mq71gI8Nzd0 

Pubblicato in Cronaca Emilia