Visualizza articoli per tag: Territorio Fiorenzuola

Giovedì, 18 Febbraio 2016 15:49

Centri estetici a luci rosse

Due sequestri preventivi di centri massaggi a Parma e a Fiorenzuola d'Arda per sfruttamento della prostituzione. Nei centri si offrivano massaggi orientali e altri servizi sotto forma di prestazioni sessuali di diverso tipo.

Parma, 18 febbraio 2016

A gestire il giro di prostitute era una coppia di cinesi senza permesso di soggiorno che si serviva di due centri estetici. Sono scattate le manette per i due e sequestrati preventivamente i locali di Baganzola e di Fiorenzuola d'Arda.

Nei centri, previa telefonata che da un numero di annunci erotici online veniva deviata ai responsabili delle attività, si offrivano massaggi orientali e altri servizi sotto forma di prestazioni sessuali di diverso tipo. Le ragazze si prostituivano a turni di due alla volta e chiedevano dai 50 ai 100 euro.

Pubblicato in Cronaca Emilia
Martedì, 16 Febbraio 2016 16:33

CheftoChef presenta il suo 2016 di "cucina d'autore"

Presentato il programma 2016 dell'Associazione CheftoChef che riunisce i migliori chef e produttori dell'Emilia Romagna. Gli appuntamenti di quest'anno saranno all'insegna della "Cucina d'Autore". Da Rimini a Piacenza, celebrando al contempo la nomina di Parma a "Città creativa UNESCO per la gastronomia"

Parma, 16 Febbraio 2016 

L'associazione CheftoChef emiliaromagnacuochi riparte per un nuovo anno sulle orme del gusto e dell'eccellenza. Dopo un 2015 intenso di attività, culminate con il grande "viaggio dell'Emilia Romagna Verso Expo", 40 tappe sul mare Adriatico e sul fiume Po, attraverso l'Appennino e lungo la via Emilia, i progetti per questo 2016 si prospettano all'insegna della "cucina d'autore": il risultato di una ricerca continua proiettata sia al futuro che al passato, ma anche di un dialogo costante con i migliori artigiani del gusto della nostra regione.

«Come cuochi e ristoratori dell'Emilia Romagna abbiamo costituito l'Associazione "CheftoChef emiliaromagnacuochi" per favorire l'evoluzione della gastronomia regionale e la sua affermazione a livello nazionale e internazionale – ribadisce il Presidente Massimo Spigaroli, fra i fondatori dell'Associazione -. Vogliamo in primo luogo valorizzare i grandi prodotti di una regione ricca di tradizione e di credibilità nel mondo con un'offerta gastronomica che tenga conto del progresso delle tecniche di elaborazione e di analisi sensoriale in cucina».

Verranno riproposti una serie di appuntamenti viaggeranno idealmente lungo la via Emilia, da Rimini a Piacenza, celebrando al contempo la nomina di Parma a "Città creativa UNESCO per la gastronomia", capofila della rete regionale delle 12 "Città della gastronomia CheftoChef" costantemente impegnate verso lo sviluppo e la crescita qualitativa della gastronomia nei diversi territori. Il tutto diventando concretamente uno snodo fondamentale fra la cucina mediterranea e quella mitteleuropea.

«Oggi è possibile avviare strade innovative dove l'affermazione della qualità e del gusto sono alla portata di tutti e ciò può contribuire anche alla difesa della salute. E' per questo che siamo disponibili a un confronto con tutti i settori dell'offerta gastronomica, con il mondo della ricerca e della formazione, con la produzione e la distribuzione, ma anche con una domanda sempre più esigente e con le Istituzioni della nostra regione – afferma il Presidente Massimo Spigaroli - E 'in questo ambito che stiamo affrontando un'importante iniziativa di formazione-lavoro pluriennale per indirizzare nuove generazioni di chef in un clima di emulazione e di innovazione del settore, affinché la nostra regione si posizioni ulteriormente, anche in termini di attrazione turistica, nel novero delle realtà di riferimento internazionali. Fanno parte di questi obiettivi la partecipazione ai più importanti meeting ed eventi gastronomici nella nostra regione e nel Mondo, come la realizzazione e la diffusione di pubblicazioni che, partendo da nostri grandi prodotti, interpretino l'anima, la cultura e i sogni dei nostri migliori chef».

L'alleanza fra produttori e cuochi è così riconosciuta anche dalle istituzioni ed il rinnovato protocollo d'intesa fra Regione, ANCI, CheftoChef e i dodici Comuni impegna tutti quale asse strutturale della "piattaforma gastronomica regionale".

I 12 comuni coinvolti sono: Argenta (FE), Bagno di Romagna (FC), Bologna, Bomporto (MO), Borgonovo Val Tidone (PC), Cesenatico (FC), Fiorenzuola (PC), Parma, Polesine Zibello (PR), Roncofreddo (FC), Russi (RA), Valsamoggia (BO).

Anche in questo 2016 non mancherà il tradizionale "CENTOMANI di questa terra", la festa dei Soci e degli amici di CheftoChef, in programma il 18 aprile a Polesine Parmense, all'Antica Corte Pallavicina. Otto ore di dibattiti, i 50 chef dell'associazione che proporranno la propria idea di cucina e i prodotti delle nostre eccellenze regionali. Una festa vera che è anche dialogo e spunto di riflessione sul lavoro di tutti.

Come non mancheranno le FESTEMERCATO. Feste locali uniche come 'Chefalmassimo' della famiglia Zivieri a Monzuno (BO), la Festamercato dei Salumicotti di Russi (RA) e il tOur-tlen a Bologna e Modena e ovviamente 'Al Mèni' a Rimini (18-19 giugno) che dall'Emilia Romagna si proietta nel mondo con il dialogo fra i nostri chef e i giovani più interessanti del panorama internazionale e il suo mercato unico di eccellenze regionali.

Gli eventi di FESTAMERCATO costituiscono l'appuntamento annuale e principale delle "Città della Gastronomia CheftoChef". Ogni evento avrà uno specifico argomento di valenza regionale. A Russi (RA) i 'salumicotti' dell'Emilia Romagna si celebrano da anni (appuntamento il 13 marzo), a Roncofreddo (FC) s'inaugurerà una giornata sui formaggi di qualità (1 maggio), a Valsamoggia (BO) protagonisti saranno tartufi e funghi, a Bomporto (MO) i Lambruschi, ad Argenta (FE) il "selvatico di pregio", a Villa Torlonia di San Mauro Pascoli (FC) il bovino romagnolo.

Altre attività in programma nel 2016

chef INNOVA - la scienza in cucina per l'innovazione continua
La cucina d'autore da oltre vent'anni valorizza i prodotti con pari dignità, li elabora con tecniche e tecnologie d'avanguardia e applica concetti nell'ambito dell'evoluzione culturale e artistica del mondo contemporaneo. Metodiche, tecniche e tecnologie per aprire nuovi orizzonti che hanno preso corpo nel progetto "iSensi", avviato nel 2015 e che proseguirà in questo 2016 fino alla realizzazione del primo Atlante Gastronomico della food valley, ossia dei prodotti di qualità dell'Emilia Romagna. Progetto realizzato assieme a: Confagricoltura, CRPA, CRPV.

chef INFORMA - la formazione gastronomica regionale per la crescita della ristorazione
In una regione che ha il record delle denominazioni di origine dei prodotti è fondamentale un piano che valorizzi i migliori studenti in alternanza formazione/lavoro, aggiorni e formi gli addetti già "al lavoro" e preveda corsi per formatori. Progetto realizzato in collaborazione con: Assessorato al coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, scuola, formazione professionale, università, ricerca e lavoro, Dinamica e le Scuole di formazione della regione.

chef inTRAVEL - l'identità come scambio e il turismo gastronomico
Viaggiare in modo consapevole per chi viene da noi e per noi che visiteremo le migliori realtà gastronomiche del Mondo. Accoglienza di delegazioni da tutti i Paesi nelle nostre Aziende e nella nostra Ristorazione. Progetto realizzato assieme a: APT Emilia-Romagna, Food Valley Travel e Leisure.

L'Associazione CheftoChef emiliaromagnacuochi ( www.cheftochef.eu ) non è una delle tante associazioni 'di categoria', ma è un'operazione culturale imperniata sul rapporto fra chef che fanno cucina d'autore e i grandi prodotti della Regione. CheftoChef è costituita dai 54 chef top della Regione, da 50 aziende compresi i più importanti Consorzi dei prodotti tipici e i gourmet di riferimento. Presidente dell'Associazione è Massimo Spigaroli, Vice Presidenti Massimo Bottura e Paolo Teverini. Presidente Onorario Igles Corelli.

Pubblicato in Cultura Emilia

Maiali a spasso sull'A1 e curiosi in fila dopo una notte di fuoco causata da due incidenti, di cui uno mortale. Ulteriore incidente avvenuto tra Piacenza e Fiorenzuola sempre in direzione di Bologna. -

Parma, 7 agosto 2015 - di A.K. -

La situazione sull'A1, sul tratto tra Parma e Piacenza, a diverse ore dall'incidente mortale della notte scorsa, rimane caotica. Ieri notte, poco dopo mezzanotte, una donna ha perso la vita in seguito a un tamponamento e tre viaggiatori, tra cui una bambina, sono rimasti feriti. A complicare questo tragico incidente si è aggiunto un tamponamento che ha coinvolto alcuni mezzi pesanti. Un grosso autoarticolato si è ribaltato disperdendo decine di maiali sulla carreggiata. Ci sono volute ore di lavoro incessante per recuperare gli animali.
La situazione rimane difficile perché si è formata una fila di 11chilometri, anche nel lato opposto, visto che i curiosi hanno deciso di fermarsi a fotografare l'accaduto.

A1 Milano-Napoli code verso Bologna aggiornameto delle ore 13:31

Sulla A1 Milano-Napoli, verso Bologna, è stato riaperto il tratto tra il bivio con la A21 Torino-Brescia e Parma precedentemente chiuso per due distinti incidenti, ora risolti. Rimangono code a tratti per traffico intenso tra Fidenza ed il bivio per la A15 Parma-La Spezia, con tempi di percorrenza di 25 minuti. Inoltre per un altro incidente avvenuto all'altezza del km 71+500 ci sono 3 km tra Piacenza e Fiorenzuola sempre in direzione di Bologna. Sul luogo dell'evento sono presenti tutti i mezzi di soccorso ed il personale di Autostrade per l'Italia a segnalare la coda.

Aggiornamenti sulla viabilità

Costanti aggiornamenti sulla situazione della viabilità e sui percorsi alternativi sono diramati tramite: i notiziari "my way" in onda sul canale 501 di SKY Meteo24; su RTL 102.5; su Isoradio 103.3 FM; attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV Infomoving in Area di Servizio. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il Call Center Autostrade al numero 840.04.21.21. Webcam www.autostrade.it/autostrade-gis/webcam.do 

Pubblicato in Cronaca Emilia

Interessante giornata su cause e conseguenze del progressivo incremento del dissesto idrogeologico nella provincia di Piacenza e nel bacino padano del Po e dei suoi affluenti, per i 200 studenti dell'Istituto Mattei. -

Piacenza, 10 aprile 2015 -

All'istituto superiore Mattei di Fiorenzuola 200 studenti ieri mattina hanno partecipato ad un evento di sensibilizzazione sulle tematiche legate alle cause e alle conseguenze del progressivo incremento del dissesto idrogeologico nella provincia di Piacenza e nel bacino padano del Po e dei suoi affluenti.

Una giornata realizzata dal Consorzio di Bonifica di Piacenza, grazie all'interessamento del presidente Fausto Zermani e alla responsabile degli Eventi e Comunicazione Orietta Cella, URBER e ANBI oltre al Dirigente Scolastico Mauro Monti. Un interessante incontro per far comprendere agli studenti come la risorsa esauribile acqua incida e condizioni la nostra vita quotidiana e soprattutto come, a seconda dei casi, possa rappresentare al contempo un valore aggiunto per l'agricoltura e i suoi prodotti di eccellenza locale oppure un elemento critico portando problematiche ambientali disastrose.

Un contributo scientifico di rilevante livello sulla materia è stato portato dall'esperto professor Luigi Viaroli, decano dell'Università di Parma, che ha tratteggiato i contorni e le possibili soluzioni di prevenzione del fenomeno stesso, dai rappresentanti dell'Ordine dei Geologi Emanuele Emani e Massimo Mannini e dalle rappresentanti dell'Ufficio tecnico della Bonifica Ing. Chiara Celada e Debora Siviera.

A conclusione della giornata di studio, lo spettacolo teatrale "Terra dura in Multicolor" di Lorenzo Bonazzi che ha spiegato in maniera coinvolgente la storia delle bonifiche dai romani ad oggi. L'incontro, patrocinato da Comune di Fiorenzuola, Provincia di Piacenza e da Green Cross, è stato moderato dal giornalista agroambientale Andrea Gavazzoli.

Pubblicato in Cronaca Piacenza

Otto profughi clandestini fermati dalla polizia nei pressi di Fiorenzuola. Si cerca di far luce sui loro movimenti -

Piacenza 17 Febbraio 2015 -

Un gruppo di giovani profughi afghani, otto in totale tra cui un minorenne, sono stati fermati dalla polizia nella serata di lunedì 16 febbraio mentre si aggiravano al buio nell'area di servizio Arda di Fiorenzuola lungo l'autostrada A1.

Erano circa le 21,30 quando una pattuglia li ha notati avvisando la questura di Piacenza che si è subito attivata con l'invio di un furgone, mezzo che li ha portati all'ospedale Guglielmo di Saliceto. Qui, hanno trascorso la notte, sempre sotto lo stretto controllo delle volanti di Piacenza, e sono stati sottoposti ad esami ed analisi radiologiche al fine di stabilire la loro effettiva età.

Il ragazzo minorenne, l'unico del gruppo, è stato identificato ed affidato subito ai servizi sociali, mentre gli altri 7 sono stati registrati e la loro situazione è ora sottoposta all'Ufficio Immigrazione della Questura che sta cercando di ricostruirne movimenti, viaggio e identità.

L'ultima parola sulla vicenda spetterà probabilmente alla Prefettura di Piacenza, ma nel frattempo verranno ospitati provvisoriamente in una struttura di prima accoglienza.

Pubblicato in Cronaca Piacenza

Finanziati dalla Provincia, i lavori di asfaltatura e ripristino del manto stradale di diversi tratti lungo la strada Provinciale di Bardi, tra Castellarquato e Fiorenzuola -

Piacenza, 8 settembre 2014 -

Si sono conclusi alla fine di agosto i lavori di asfaltatura e ripristino del manto stradale di diversi tratti lungo la strada Provinciale n. 4 di Bardi tra il centro abitato di Castellarquato e quello di Fiorenzuola d'Arda.

L'intervento di riqualificazione della sovrastruttura stradale è stato finanziato dalla Provincia di Piacenza con 145mila e 379euro, dopo che la Regione Emilia Romagna ha autorizzato l'utilizzo integrale delle somme derivanti dalle economie del progetto originario (finanziato con risorse derivanti dal trasferimento delle strade ex Anas), che prevedeva la realizzazione di una variante locale su nuova sede alla Strada Provinciale di Bardi presso la ditta Biffi, per un nuovo e specifico progetto.

Per verificare la conclusione dei lavori, il presidente della Provincia Massimo Trespidi ha compiuto venerdì mattina un sopralluogo lungo il tratto interessato dal cantiere. L'intervento, nel suo complesso, ha comportato l'asfaltatura di tratti di pavimentazione stradale ammalorata, con la realizzazione di opere complementari di ricarico delle banchine stradali e il rifacimento della segnaletica orizzontale.

"Come Provincia - sottolinea il presidente Trespidi - abbiamo utilizzato economie per un significativo intervento di riqualificazione di questa strada provinciale che riveste un particolare interesse anche dal punto di vista turistico: un intervento che dimostra come questa amministrazione abbia sempre messo in campo tutte le risorse che possono essere utilizzate per garantire il buon governo del territorio".

I lavori, consegnati il 28 luglio 2014, sono stati seguiti dal dirigente del servizio Edilizia, progettazione infrastrutture e grandi opere della Provincia di Piacenza Stefano Pozzoli insieme ai progettisti e tecnici Francesca Putzolu e Paolo Biasini e al capocantoniere Carlo Guselli. La ditta aggiudicataria dell'intervento è la Asfalti Piacenza S.r.l. di Cremona.

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Piacenza)

Da lunedì primo settembre ripristineranno l'apertura pomeridiana con orario continuato cinque uffici postali di Piacenza e provincia -

Parma, 29 agosto 2014 -

Dopo la rimodulazione oraria estiva, a partire da lunedì 1° settembre, anche gli uffici postali di Piacenza 3 (Via Colombo), Piacenza 5 (Via Carini), Piacenza 7 (Via Trivioli), Castel San Giovanni e Fiorenzuola, ripristineranno l'apertura pomeridiana con orario continuato per cinque giorni alla settimana, dal lunedì al venerdì dalle 8.20 alle 19.05. Resta invariato l'orario di apertura del sabato, dalle 8.20 alle 12.35.

Pertanto, in una fascia oraria più ampia, saranno disponibili per la clientela tutti i servizi, sia postali (Posta Prioritaria, Raccomandate, Assicurate, Postacelere e Pacchi) e sia finanziari (Buoni Postali, Libretti, Fondi Comuni, Obbligazioni, prodotti assicurativi Poste Vita, Prestiti e Mutui e il servizio di trasferimento internazionale di denaro MoneyGram).
Per ulteriori informazioni su orari e servizi è possibile consultare il sito www.poste.it o contattare il call center al numero verde 803.160.

(Fonte: ufficio stampa Poste Italiane)

Il presidente Trespidi: "Impegno mantenuto: la struttura sarà a disposizione degli studenti e delle associazioni sportive". Prosegue l'impegno della Provincia verso l'edilizia scolastica -

Piacenza, 6 giugno 2014 -

Il polo scolastico Mattei e la città di Fiorenzuola possono contare su una nuova palestra. Questa mattina il presidente della Provincia Massimo Trespidi ha ufficialmente inaugurato la nuovissima struttura sportiva che potrà essere utilizzata dagli studenti del polo e dalle associazioni che ne faranno richiesta. Insieme a lui il sindaco di Fiorenzuola Giovanni Compiani, il dirigente scolastico Mauro Monti, il parroco don Gianni Vincini, gli amministratori locali, il personale della Provincia che ha progettato la palestra coordinandone i lavori, la ditta che ha realizzato l'opera, gli insegnanti e gli studenti.
"L'edificio – ha spiegato il presidente Trespidi al taglio del nastro – potrà essere utilizzato dagli studenti e dalle associazioni che ne faranno richiesta. La palestra di Fiorenzuola rappresenta una parte del consistente finanziamento che l'Amministrazione provinciale ha assegnato al settore dell'edilizia scolastica nei mesi scorsi: a inizio anno scolastico, lo ricordo, era stata infatti aperta a Castel San Giovanni la nuova palazzina del polo medio-superiore. L'impegno è stato mantenuto e l'attenzione verso il mondo della scuola e verso il sostegno concreto al diritto allo studio rimane costante. L'Amministrazione provinciale ha portato a termine un'opera a lungo rimasta bloccata. Sarà la palestra di tutti e il risultato è stato ottenuto grazie ad un gioco di squadra importante ed efficace. Ringrazio in particolar modo i tecnici della Provincia, il personale e il rappresentante dell'impresa Graziano Ceci per l'ottimo lavoro svolto". "Un ringraziamento particolare – ha detto il sindaco di Fiorenzuola Compiani – va alla Provincia e al presidente Trespidi per l'impegno mantenuto. Si tratta di un'opera importante per Fiorenzuola e per l'intera comunità". "Non è vero – ha concluso il dirigente Monti – che a nessuno importa della scuola: c'è ancora fortunatamente che investe mettendo a disposizione uno spazio da sfruttare poi al meglio a livello locale".
I lavori sono stati seguiti da Stefano Pozzoli, dirigente del servizio Edilizia, progettazione infrastrutture e Grandi Opere della Provincia di Piacenza e responsabile del procedimento, e dai tecnici Davide Marchi (progettista e direttore lavori), Matteo Bocchi (progettista e coordinatore della sicurezza) e Roberto Dacrema (progettista e direttore operativo) questa mattina presenti insieme al direttore tecnico dell'impresa Edil.Ge.Co Srl di Parma Graziano Ceci.
La nuova palestra, lo si ricorda, sorta all'interno del complesso scolastico di via Boiardi, ha comportato un investimento di 1 milione 635mila euro, cofinanziato da Stato (per un milione 193mila euro) e Amministrazione provinciale (per 442mila euro). La struttura, pensata per un uso scolastico e per un possibile adattamento futuro, potrà essere sfruttata anche per attività extra-scolastiche, a disposizione dunque delle associazioni sportive locali. La struttura è idonea allo svolgimento di diverse discipline sportive grazie alla tipologia di materiale scelto (legno) per il rivestimento del pavimento. La palestra - attrezzata oltre che per l'attività didattica anche per quella agonistica - ha una superficie complessiva di 600 metri quadrati. La superficie degli spogliatoi è invece di 140 metri quadrati; al piano primo trovano posto, oltre ai servizi igienici, anche le tribune con oltre 70 posti a sedere. Tutti gli spazi della palestra sono privi di barriere architettoniche; i percorsi verticali saranno garantiti dai due gruppi scala, che fungono anche da uscite di emergenza, e dall'ascensore.
Le strutture portanti della palestra, prima in regione ad essere bioclimatica, sono interamente realizzate con materiale eco-compatibile; in particolare la palestra è stata costruita in una posizione "eliocentrica" al fine di sfruttare al meglio gli apporti solari per l'impianto di riscaldamento ed è stata completata con pannelli fotovoltaici e con pannelli solari-termici. Il progetto, redatto dalla Provincia, si caratterizza quindi per un'altissima attenzione al contenimento dei consumi energetici e alla contrazione dell'impatto ecologico ambientale.

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Piacenza)

Gli istituti che hanno preso parte alla visita a Flossenbürg -Norimberga hanno presentato ieri pomeriggio i lavori di riflessione sull'esperienza -

 

Piacenza, 15 maggio 2014 -

Tramandare per non dimenticare. Riflettere per ricordare. Sono questi i motti che hanno accompagnato il Viaggio della Memoria 2014 promosso il 3-4-5 aprile scorso con il sostegno dell'Assemblea legislativa della Regione Emilia Romagna, della Provincia e del Comune di Piacenza, dei Comuni di Castel San Giovanni e Fiorenzuola. Gli studenti, gli insegnanti e i rappresentanti delle istituzioni hanno fatto visita a Flossenbürg -Norimberga; una tappa, quest'ultima, che conclude la visita ai campi di concentramento nazisti nei quali sono stati deportati in maggior numero i piacentini (negli anni passati gli studenti hanno fatto visita ai lager di Mauthausen-Gusen, Dachau, Buchenwald-Dora e Auschwitz-Birkenau).


Ad accogliere gli studenti e gli insegnanti che hanno preso parte al Viaggio sono stati ieri pomeriggio in Provincia il presidente Massimo Trespidi, il presidente del Consiglio provinciale Roberto Pasquali, l'assessore alle Politiche giovanili del Comune di Piacenza Giulia Piroli, il consigliere provinciale Marco Bergonzi e Fabrizio Achilli e Carla Antonini dell'Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea.
"A Flossenbürg – ha ricordato Antonini – sono stati deportati 17 piacentini: 9 di questi non sopravviveranno. Il Campo ha quindi un particolare significato per la nostra Memoria".
Gli istituti che hanno partecipato all'iniziativa e che questo pomeriggio hanno presentato i lavori di restituzione dell'esperienza sono: Raineri-Marcora, San Vincenzo, Cassinari-Tramello, Volta, Mattei, Respighi, Colombini, Romagnosi-Casali, Isii Marconi e Gioia.


"Credo – ha sottolineato il presidente Trespidi – che la restituzione dell'esperienza sia un momento fondamentale all'interno del quale anche gli adulti, e non solo i giovani, devono ricoprire un ruolo decisivo e responsabile. In questa occasione vorrei ricordare due persone che a Piacenza, in due celebrazioni del Giorno della Memoria (nel 2013 e del 2014), hanno incontrato amministratori e studenti portando le loro testimonianze uniche. La prima è Nava Semel che fa parte della seconda generazione dell'Olocausto: la madre e il padre furono deportati e poi sopravvissuti ad Auschwitz e lei ha vissuto l'infanzia all'ombra del grande campo di sterminio. Oggi Nava Semel è una scrittrice: lo è da quando a 26 anni ha deciso di svelare la storia dei genitori, di conoscerne fino in fondo la tragicità. Lei stessa ha ricordato in un'intervista all'Università di Cosenza: 'Mi accorgo che l'Olocausto è parte della mia pelle, della mia anima; è la mia identità e realizzo quanto sia difficile trasmetterne la memoria'. L'Umanità, spiega ancora nella medesima intervista la scrittrice, è a continuo rischio di Olocausto, ogni volta che qualcuno ne nega l'esistenza. Il rischio peggiore è, dunque, il negazionismo; insieme al tentativo di rendere eventi storici e persone irrilevanti. La seconda figura è Uri Orlev, deportato e sopravvissuto all'orrore del campo di Bergen-Belsen, che qui a Piacenza di fronte ad una vastissima platea di studenti aveva detto: 'In una situazione infernale se ci sono persone buone vuol dire che esiste una speranza per l'umanità'. Quella speranza deve essere coltivata mai stancandosi di ascoltare quello che i testimoni della Shoah hanno da raccontare. Dal loro dolore, che chiede di uscire, nasce la lezione più importante: la memoria non può andare perduta".

 

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Piacenza)

Nell’Area Centro Nord ai primi posti nelle rispettive categorie per qualità del servizio e attenzione alla clientela -

 

Piacenza, 14 maggio 2014 -

 

La Filiale di Piacenza ha ottenuto importanti riconoscimenti in occasione del meeting degli Specialisti Commerciali dell’Area Centro Nord di Poste Italiane, svoltosi a San Lazzaro di Savena, nelle vicinanze di Bologna.

Grazie alla loro capacità di ascoltare i bisogni dei clienti e di proporre soluzioni personalizzate per ogni tipologia di esigenza, l’ufficio postale di San Nicolò a Trebbia si è classificato al primo posto nella rispettiva categoria. Tale successo (arricchito dal secondo posto di Fiorenzuola e dai terzi posti di Piacenza 6, Piacenza 9 e Rivergaro, è stato determinato da consulenze ispirate all’etica e alla competenza professionale, che pongono il cliente al centro di ogni proposta commerciale. A suggello delle singole competenze è arrivato il premio personale a Tommasina Porcelli come migliore pianificatrice commerciale dell’intera Area.

I lavori della convention sono stati aperti dal responsabile territoriale Doriano Bolletta, che coordina una rete di 15 Filiali e oltre 1.350 uffici postali, davanti ad una platea formata dai vertici aziendali nazionali, dai direttori di Filiale e da circa 400 operatori specializzati del settore provenienti da Emilia Romagna e Marche, selezionati tra i più rappresentativi dell’intera Area.

Per la provincia di Piacenza erano presenti, oltre al responsabile Enrico Carini, 22 Specialisti Commerciali che negli uffici postali lavorano nelle salette riservate alle informazioni finanziarie e che si sono particolarmente distinti per la qualità del lavoro svolto, gli obiettivi raggiunti e la soddisfazione dimostrata dalla clientela.  

La Filiale di Piacenza abbraccia un bacino territoriale in cui sono presenti complessivamente 82 uffici postali (di cui 2 interamente dedicati a professionisti e imprese), distribuiti nelle varie località della provincia, e 27 sportelli automatici Postamat, in funzione 24 ore su 24.

 

(Fonte: ufficio stampa Poste Italiane)

 

Pubblicato in Comunicati Lavoro Emilia
Pagina 3 di 6