Visualizza articoli per tag: Polizia Municipale Modena

Modena 6 agosto 2020 - La Polizia di Stato, in collaborazione con la Polizia Locale, ha tratto in arresto una donna italiana di 48 anni, responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Pubblicato in Cronaca Modena

Polizia di Stato e Polizia Municipale: controlli anti droga negli istituti scolastici

Nell'ambito dei servizi di Controllo Integrato del Territorio, finalizzati alla prevenzione e repressione del fenomeno dello spaccio e del consumo di sostanze stupefacenti e psicotrope, nella mattinata odierna, personale del Commissariato di P. S. di Carpi, unitamente al Reparto Prevenzione Crimine di Reggio Emilia e a uomini della locale Polizia Municipale, con l'ausilio di una unità cinofila antidroga della Polizia di Stato, ha effettuato verifiche presso l’Istituto Tecnico Industriale “Leonardo da Vinci” e l'Istituto Professionale per l'Industria e l'Artigianato “Giancarlo Vallauri” in via Baldassarre Peruzzi.

I controlli, concordati con la dirigenza scolastica, hanno interessato sette classi complessivamente e sono stati estesi alle aree cortilive di pertinenza dei plessi scolastici.

Nel corso dell'attività agli studenti e al personale docente è stata illustrata la normativa in materia enunciata dal D.P.R. 309/90 e successive modifiche, in particolare gli artt. 73 e 75 relativi allo spaccio e al consumo di sostanze stupefacenti.

 

 MO_Polizia_scuole_droga-IMG-20200205-WA0013_1.jpg

Pubblicato in Cronaca Modena

Nella giornata di ieri, nell’ambito del Controllo Integrato del Territorio, personale del Commissariato di P.S. di Carpi, unitamente a tre equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine di Reggio Emilia e a uomini della Polizia Locale, ha svolto una serie di verifiche in città.

È stata posta particolare attenzione alla zona della stazione ferroviaria dove sono stati anche effettuati controlli, estesi agli avventori, all’interno di 4 esercizi pubblici, senza rilevare irregolarità.

Verifiche anche presso sei appartamenti, segnalati per la possibile presenza di stranieri irregolari, dove sono state identificate 10 persone, tutte in possesso di permesso di soggiorno.

In un altro appartamento intestato ad un cittadino pakistano, è stato trovato un suo connazionale nei confronti del quale non era stata effettuata la segnalazione di dimora, motivo per il quale al proprietario è stata contestata la violazione amministrativa ai sensi dell’art. 7 del D.Lvo 286/98. Sempre all’interno di detta abitazione erano presenti numerosi giacigli, segno evidente che l’appartamento è occupato da altre persone al momento resesi irreperibili. Sono in corso ulteriori accertamenti per capire l’effettiva frequentazione dell’immobile.

Complessivamente sono state identificate 42 persone di cui 25 di nazionalità straniera.

 

Pubblicato in Cronaca Modena
Martedì, 10 Settembre 2019 10:18

Il cane Thor salvato dalla Municipale.

Il cane Thor salvato dalla Municipale. Veniva tenuto in condizioni non idonee. Ora è al canile e potrà essere adottato

Una storia a lieto fine quella di Thor, un American Staffordshire Terrier che veniva tenuto alla catena e con il rischio di azzuffarsi con un proprio simile. La Polizia Municipale di Modena è intervenuta in seguito a una segnalazione e ha applicato il Regolamento Benessere Animale che prevede il sequestro amministrativo dell’animale in via cautelare.

MODENA – Veniva tenuto alla catena, fuori casa e in condizioni non idonee, con il rischio di azzuffarsi con un suo simile. È la storia, per fortuna a lieto fine, del cane Thor, un American Staffordshire Terrier maschio circa un paio d’anni di età, che nella giornata di sabato è stato sottoposto a sequestro amministrativo in via cautelare dalla Polizia Municipale di Modena, che ha applicato il Regolamento per il Benessere Animale del Comune.

Il “salvataggio” di Thor è iniziato in seguito a una segnalazione di un cittadino, che riferiva di un “pittbull” che veniva spesso tenuto in cattive condizioni nelle pertinenze di un’abitazione sulla Nonantolana, nei pressi di località Navicello, a Modena.

Gli agenti del Nucleo di Prossimità, che si occupa anche di animali, ha quindi effettuato una visita nel luogo segnalata, dove, effettivamente, ha trovato due cani di razza American Staffordshire. L’uomo che li aveva in custodia ha ammesso di tenerli, a turno, fuori casa di notte, poiché i due animali non andavano d’accordo e rischiavano continuamente di azzuffarsi.

La verifica del microchip, tuttavia, ha fatto emergere come uno dei due cani, Thor, non fosse di proprietà dell’uomo, ma di una donna residente in città che è stata quindi contattata dagli agenti. Informata delle condizioni in cui veniva tenuto il suo cane, ha dimostrato preoccupazione ed è andata a riprenderselo. Tuttavia, ha anche fatto presente la sua intenzione di cederlo a una terza persona, poiché impossibilitata a tenerlo in seguito a un trasferimento fuori città.

Il giorno seguente, la donna è stata ricontattata dagli agenti, che in quel frangente si sono fatti riferire i dati della persona a cui Thor stava per essere ceduto. Da una rapida verifica è risultato essere un uomo, residente in Romagna, con diversi precedenti penali, tra cui quello di maltrattamenti in famiglia.

Per evitare che il povero Thor finisse in una situazione ancora peggiore, la Municipale ha quindi deciso di applicare il Regolamento Benessere Animali del Comune di Modena per le violazioni accertate e ha fatto scattare un sequestro amministrativo in via cautelare. Thor si trova ora al Canile di Modena dove, se la proprietaria deciderà di cederlo, potrà iniziare il percorso di adozione per trovare finalmente una famiglia che si occupi di lui come merita.

 

Pubblicato in Amici Animali Modena

Nella giornata di ieri, personale della Squadra Mobile e della locale Polizia Municipale ha tratto in arresto un cittadino nigeriano di anni 27, clandestino sul territorio nazionale.

Il 10 aprile scorso, durante un servizio finalizzato alla prevenzione e al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti nella zona di viale Gramsci, via Canaletto e parco XXII aprile, gli agenti hanno assistito ad una cessione di droga tra il nigeriano e dei clienti che lo stavano aspettando in auto proprio in viale Gramsci. Non essendo stato possibile fermarlo nell'immediatezza, gli operatori lo hanno seguito fino a quando non è entrato in un palazzo in prossimità di viale Storchi, individuandone così la dimora.

L'indomani mattina, gli agenti hanno proceduto alla perquisizione del domicilio. Il nigeriano, che divide l'appartamento con altre persone, ha in uso esclusivo una stanza, dove sono stati rinvenuti all'interno delle tasche di un giaccone, risposto in un armadio, tre involucri di plastica trasparente termosaldata contenenti 16 dosi di sostanza stupefacente del tipo eroina per un peso complessivo di 5,1 grammi, nonché la somma in contanti pari a 2.175 euro, suddivisa in vari tagli.
Il malvivente è stato accompagnato in Questura per ulteriori accertamenti ed ivi trattenuto in attesa del processo con rito direttissimo.

Pubblicato in Cronaca Modena
Lunedì, 01 Aprile 2019 16:16

Aspirante suicida salvata dalla Municipale

Si tratta di una 24 enne che è stata notata da un cittadino mentre si trovava in bilico sul cavalcavia della Madonnina, in via Emilia Ovest. L'uomo ha subito avvertito la Municipale. La ragazza è stata poi portata al Pronto Soccorso dal 118

di Manuela Fiorini 1 aprile 2019 - Modena – Un tentativo di suicidio da parte di una giovane di 24 anni è stato sventato dal senso civico di un cittadino e dalla prontezza di due operatrici della Polizia Municipale. Erano circa le 21.45 di domenica 31 marzo quando un uomo, uscito da un ristorante di via Tabacchi, in zona Madonnina, ha notato una figura umana seduta sul culmine del cavalcavia in via Emilia Ovest e, intuendo il pericolo, ha deciso di "non farsi gli affari suoi" e di avvertire immediatamente la Polizia Municipale.

La pattuglia, giunta immediatamente sul posto, ha potuto verificare la presenza di una giovane donna che aveva accanto una borsa e una bottiglia. Quando però le operatrici della Municipale le hanno chiesto se avesse bisogno di aiuto, la ragazza si è voltata di scatto verso l'esterno del cavalcavia e si è arrampicata, scavalcando velocemente la paratia con l'intenzione di buttarsi nel vuoto.

Le agenti sono intervenute prontamente e, a fatica, sono riuscite a trattenerla e a metterla in salvo, nonostante la ragazza si dimenasse e si dimostrasse ferma nel perseguire il suo proposito di farla finita. Nel frattempo, due giovani di passaggio, che hanno assistito alla scena, hanno chiamato il 118. Sul posto è intervenuta a supporto anche un'altra pattuglia del 113. La 24 enne è stata quindi portata al Pronto Soccorso, dove è stata infine calmata.

Pubblicato in Cronaca Modena

Polizia di Stato e Polizia Municipale: spacciatore nigeriano arrestato al parco Novi Sad

Nel pomeriggio di ieri, personale della Squadra Mobile e della locale Polizia Municipale ha effettuato un servizio mirato alla prevenzione e repressione del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti nelle zone della Stazione ferroviaria, via Gramsci e dei parchi cittadini, nel corso del quale è stato tratto in arresto un cittadino nigeriano di anni 32.

Gli agenti hanno notato lo straniero, già conosciuto alle Forze dell'ordine, nei pressi della Stazione ferroviaria e hanno deciso di tenere sotto controllo i suoi spostamenti. Così dopo aver ricevuto una telefonata, il nigeriano si è diretto in via Nicolò dell'Abate, dove in cambio di denaro ha ceduto un pacchetto a due giovani, che si sono poi allontanati.

Lo spacciatore si è diretto quindi verso il parco Novi Sad, dove gli agenti hanno potuto assistere ad ulteriori cinque cessioni di stupefacente. Lo straniero accortosi della presenza della Polizia si è dato a precipitosa fuga in sella ad una bicicletta in direzione di via Berengario; nei pressi dell'ingresso dell'Università si è disfatto del mezzo continuando la fuga a piedi a ritroso verso il parco Novi Sad, dove con non poca fatica e dopo una colluttazione con gli agenti è stato definitivamente bloccato.
Il nigeriano è stato trovato in possesso di 54 grammi di marijuana, della somma di 165 euro, in banconote di vario taglio, provento dell'attività di spaccio, e di due telefoni cellulari. Il tutto è stato sottoposto a sequestro.

I vari episodi di spaccio sono stati documentati anche dalle riprese delle telecamere di video sorveglianza cittadina.
Il 32enne è stato accompagnato in Questura ed ivi trattenuto, come disposto dal Magistrato di turno, in attesa del processo con rito direttissimo.

Pubblicato in Cronaca Modena

Nel pomeriggio di ieri, nell'ambito del piano di Controllo Integrato del Territorio, gli agenti del Commissariato di P.S. di Carpi, unitamente ad operatori della Reparto Prevenzione Crimine di Reggio Emilia e a personale della Polizia Locale, hanno svolto un servizio straordinario volto a prevenire e contrastare il fenomeno dell'immigrazione clandestina e dei reati predatori in genere. Particolare attenzione è stata rivolta al contrasto della vendita di sostanze alcoliche ai minorenni.

Durante l'attività sono state identificate complessivamente 80 persone e controllati 10 esercizi commerciali, tra cui 9 minimarket ed una sala bingo, dove sono state rilevate delle irregolarità dal punto di vista igienico sanitario motivo per il quale la Polizia Municipale ha avviato le procedure per l'irrogazione delle relative sanzioni.

Pubblicato in Cronaca Modena
Domenica, 26 Agosto 2018 09:34

Carpi, controlli straordinari

Carpi, controlli straordinari della Polizia di Stato. Personale del Commissariato di P.S. di Carpi, coadiuvato da quattro equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine di Reggio Emilia e da operatori del locale Comando di Polizia Municipale, ha effettuato, nella giornata di ieri, dei controlli straordinari volti al contrasto del fenomeno dell'immigrazione clandestina.

Nel corso del servizio sono state identificate 53 persone, controllati 7 veicoli ed effettuate 2 verifiche all'interno di due condomini.

 

MO_Polizia_e_vigili_1.jpg

 

 

Pubblicato in Cronaca Modena

A Modena un centinaio di studenti si sono dati appuntamento davanti all'istituto Barozzi con la chiara intenzione di darsele di santa ragione. L'agente che stava regolando il traffico ha chiamato subito i rinforzi, scongiurando il peggio.

di Manuela Fiorini Modena 9 maggio 2018- Quel raduno insolito di studenti che sembravano essersi dati appuntamento davanti all'Istituto Barozzi di Modena allo squillo dell'ultima campanella aveva qualcosa di anomalo. Quando poi il numero ha raggiunto il centinaio e si sono formate due fazioni, con il chiaro intento di fronteggiarsi a suon di botte, l'agente della Polizia Municipale che era in servizio per regolare il traffico ha capito che di lì a poco sarebbe scoppiata una maxi rissa e ha chiamato i rinforzi.

Dal comando di via Galilei sono quindi arrivate sul posto alcune pattuglie, che hanno ricevuto anche il supporto dei Carabinieri. Alla vista delle Forze dell'Ordine pronte a intervenire, gli studenti hanno preferito mettere da parte le ostilità. Le due fazioni hanno cominciato a sciamare verso il Parco Novi Sad, per poi disperdersi.

Non si conoscono le cause che hanno portato i ragazzi a fronteggiarsi, ma a fare scattare l'intuito dell'agente della Municipale c'è stato forse un precedente, che risale allo scorso mese di ottobre. Allora, davanti all'area di fronte all'istituto Barozzi, davanti ai frequentatori del mercato del lunedì, qualche decina di studenti era stata coinvolta in una maxi rissa, un regolamento di conti che aveva a che fare con il cyberbullismo.

Pare, infatti, che alcuni ragazzi avessero creato sui social network un gruppo nel quale venivano messi alla berlina, con tanto di foto e commenti acidi, i loro coetanei e compagni che non potendosi permettere abiti "griffati", cercavano comunque di seguire la moda con vestiti e accessori non firmati o imitazioni dei brand più in voga.

Pubblicato in Cronaca Modena
Pagina 1 di 2