Visualizza articoli per tag: confcooperative

Un settore tradizionalmente maschile ma che da due mandati è saldamente in mani femminili. Elisa Cugini subentra a Ilenia Rosi al comando di FedAgriPesca, il settore di Confcooperative di Parma che accoglie e rappresenta l’ampio e importante settore agroalimentare  dell’organizzazione di via Sonnino.

Pubblicato in Agroalimentare Parma

Ammontano complessivamente a 225 mila euro gli investimenti che due cooperative modenesi effettueranno grazie a "Rigenerazione Cooperativa", il bando di Fondosviluppo (il fondo mutualistico di Confcooperative) a sostegno della ripartenza delle micro e piccole imprese cooperative che hanno maggiormente risentito dell'emergenza Covid.

Pubblicato in Economia Modena

Eletto all’unanimità dal comitato esecutivo riunitosi ieri alla presenza della vicepresidente della Regione, Elly Schlein. Massimo Mota e Giovanni Monti sono i co-presidenti.
Le priorità: fondi UE, lavori sociali, sostegno a workers buyout e cooperative di comunità.

Pubblicato in Cronaca Emilia

Mirca Renzetti (coop sociale La Formica di Rimini) è la nuova presidente in rappresentanza di 950 amministratori di cooperative fino ai 40 anni.
Maria Vittoria Vignoli (CEA di Bologna) eletta vicepresidente.

Pubblicato in Cronaca Emilia

Il progetto Melting Pot, esperienza intensa di impegno, è a chiusura di due anni di lavoro; abbiamo voluto immaginare la chiusura di questo percorso con un momento non di racconto del progetto ma di co-costruzione della vision politica del lavoro educativo.

Pubblicato in Comunicati Lavoro Emilia

Previsto aumento medio di 62,57 euro dei minimi tabellari. Destinate risorse al welfare per rafforzare le coperture e le prestazioni sanitarie per i lavoratori. Il contratto è stato siglato da Agci-Agrital, Confcooperative-Fedagripesca e Legacoop Agroalimentare e Fai - Cisl, Flai - Cgil e Uila – Uil.

Pubblicato in Comunicati Lavoro Emilia

Roma, 6 ottobre 2020 - Maurizio Gardini è stato riconfermato alla presidenza di Confcooperative per il mandato 2020 - 2024 dall'assemblea di Confcooperative. Maurizio Gardini, 60 anni è il presidente del Gruppo Cooperativo Conserve Italia (Cirio, Valfrutta, Yoga, Derby Blue).

La commissione delle Dirigenti Cooperatrici di Confcooperative e le Giovani Imprenditrici e i Giovani Imprenditori insieme sottolineano la necessità di sostenere le azioni di contrasto agli abusi de della violenza di genere.

di LGC Parma 21 aprile 2020 - In questo difficile momento comune a tutti la Commissione delle Dirigenti Cooperatrici "vuole aggiungere la sua voce per portare maggiore attenzione nel far sentire sostenuti le donne, le ragazze, i ragazzi, le bambine e i bambini che subiscono sopruso verbale, emotivo, fisico. L'emergenza dovuta al contagio da Coronavirus costringe tutti ad una forzata clausura, ed è quasi certo che vengano ad inasprirsi le occasioni di vessazione e abuso, e ad abbassarsi le opportunità di richiesta di aiuto, decompressione e soccorso."

La lettera delle imprenditrici giunge praticamente in contemporanea con la diffusione dei dati che fanno riferimento alle richieste d'aiuto giunte al numero telefonico "1522" messo a disposizione dalla Presidenza del Consiglio Dipartimento per le Pari Opportunità. Nel comunicato trasmesso dl dipartimento nella giornata di ieri infatti viene riportato che "I dati del numero antiviolenza e antistalking e dell’app 1522 per i mesi di marzo e aprile 2020 rilevano una crescita importante delle telefonate e dei contatti per segnalare episodi di violenza domestica e chiedere aiuto.
Mentre i mesi di gennaio e febbraio 2020 registravano un decremento nell’utilizzo del servizio sia rispetto agli stessi mesi del 2019 (455 telefonate a gennaio 2020 contro le 623 del gennaio 2019; 508 nel febbraio 2020, 528 nel febbraio 2019) sia rispetto al dato medio mensile di telefonate del 2019 (587 telefonate), durante il lockdown da Covid-19 è cresciuto il numero di donne che si sono rivolte al numero di pubblica utilità.
Nel mese di marzo sono stati infatti 716 i contatti (erano stati 670 nel marzo 2019), mentre dal 1 al 18 aprile 2020 sono saliti a 1037 (397 nello stesso periodo del 2019). Da rilevare, inoltre, la crescita nell’utilizzo della app “1522”: se le segnalazioni via chat a gennaio 2020 sono state solo 37 e a febbraio 50, confermando così una sostanziale preferenza per il mezzo telefonico, con la campagna di comunicazione mirata alla diffusione della conoscenza dell’app le segnalazioni via chat sono salite a 143 a marzo e a 253 nei primi 18 giorni di aprile.
“Questi numeri sono un segno – spiega la Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti – che ci dice l’emersione di un fenomeno purtroppo nascosto, difficile da contrastare proprio nella misura in cui più viene taciuto mentre si consuma nelle mura domestiche. Una delle nostre preoccupazioni ha sempre riguardato, dall’inizio dell’epidemia, le conseguenze che lo stare a casa avrebbe comportato per le categorie più fragili. Il 1522 – contattabile sia chiamando sia tramite app, attivo 24 ore su 24, disponibile in italiano e in altre 4 lingue (inglese, francese, spagnolo e arabo) – è uno strumento fondamentale in questa lotta. Soprattutto l’app è utile in condizioni in cui anche fare una telefonata espone una donna a ulteriori rischi per la propria incolumità. Per questo abbiamo sostenuto e rafforzato la campagna di comunicazione, riportando in Rai lo spot #LiberaPuoi e realizzando una nuova campagna di sensibilizzazione, attualmente in programmazione, con diversi artisti attenti a questo tema. L’opera di informazione che i media stanno svolgendo in queste ore è cruciale per diffondere il messaggio alle donne che ne hanno bisogno per salvare se stesse e i propri figli. Vorrei inoltre ricordare l’app Youpol della Polizia di Stato, per la segnalazione di violenza domestiche, anche in anonimato, alle questure. Così come il sostegno della rete delle farmacie che, con l’accordo recentemente raggiunto con il Dipartimento per le Pari Opportunità, si aggiungono come un presidio informativo fondamentale per l’accesso al 1522”

Le Dirigenti Cooperatrici di Confcooperative Nazionale sostengono perciò la campagna di comunicazione "Libera Puoi" per le donne vittime di violenza e chiedono di fare riferimento all'hastag #fattisentire per moltiplicare il tamtam informativo anche sui social.

Dip-Pari_opportunità.jpg

 

Venerdì, 01 Novembre 2019 06:11

Confcooperative, servono misure "azzera-dazi"

Agroalimentare, servono misure ‘azzera-dazi’, è questa la richiesta di Confcooperative Fedagripesca ER

(Bologna, 31 ottobre 2019) – “Sosteniamo con forza la richiesta di misure ‘azzera-dazi’ e di interventi compensativi avanzata all’Unione Europea dal ministro Teresa Bellanova e dall’assessore regionale Simona Caselli. È necessario aiutare le nostre imprese riducendo i danni causati dai dazi aggiuntivi USA sulle eccellenze agroalimentari italiane, a partire dai prodotti più colpiti come il Parmigiano Reggiano e il Grana Padano, due filiere fondamentali per l’economia della nostra regione”.


È quanto ha dichiarato Paolo Bono, responsabile di Confcooperative FedAgriPesca Emilia Romagna (425 cooperative agroalimentari con 55.000 soci e 9,7 miliardi di euro di fatturato), intervenendo oggi all’iniziativa “L’Emilia-Romagna dice no ai dazi e sì alla tutela di Dop e Igp” tenutasi a Bologna e organizzata dalla Regione.


“Le nostre imprese hanno necessità di aprire nuovi mercati per fare fronte alla flessione dei consumi interni – ha aggiunto Bono –, purtroppo si trovano invece a fare i conti con chiusure doganali improvvise come nel caso dell’embargo russo, con barriere fitosanitarie che respingono i nostri prodotti, dal Far East all’America Latina, e adesso anche con l’inasprimento di dazi USA, che si aggiungono a quelli già presenti. Per questo siamo contrari a chiusure politiche in tema di scambi commerciali e chiediamo a Governo e UE di rafforzare la dotazione finanziaria per la promozione dei prodotti agroalimentari in Paesi che presentano nuovi spazi di mercato e interesse per i nostri prodotti”.

La legge regionale 16/2015 sull’economia circolare non trova piena attuazione se non si interviene a sostegno della filiera dei rifiuti. Lo sostiene Confcooperative Emilia Romagna, sottolineando come la scarsa propensione del mercato industriale ad utilizzare le materie riciclate e il crollo dei prezzi causato dal blocco delle importazioni dalla Cina (con conseguente aumento dell’offerta sul mercato interno), possano presentare gravi ripercussioni in termini economici, ambientali e sociali. Se non c’è chi acquista e impiega i nuovi prodotti ricavati dai rifiuti tramite il processo di end of waste, il ciclo dell’economia circolare non si chiude e ci troveremo con tonnellate di carta, cartone e plastica riciclata da smaltire.
L’appello dell’Organizzazione regionale – che associa 1.600 cooperative con oltre 80.000 occupati e 230.000 soci – è rivolto alle Istituzioni di tutti i livelli, alle quali si chiedono interventi (compresi incentivi e agevolazioni) per aiutare le imprese a completare il ciclo dell’economia circolare, altrimenti destinato a bloccarsi, e continuare così a svolgere un servizio fondamentale a favore di tutta la collettività.

“Diversi impianti di smaltimento e riciclo presenti in regione sono a rischio saturazione – afferma il presidente di Confcooperative Emilia Romagna, Francesco Milza -. Continuiamo a produrre troppi rifiuti e a non sapere come riutilizzarli, perché la materia riciclata non trova un mercato di riferimento. Non si riesce a generare un’adeguata filiera industriale tale da consentire alle imprese che recuperano rifiuti di avere sostenibilità economica. Ben venga l’obiettivo del 73% di raccolta differenziata della Regione entro il 2020, ma questa è una precondizione per gestire in modo virtuoso il ciclo dei rifiuti: se non si trovano industrie disposte ad acquistare le materie riciclate e se i prezzi non si risollevano, soprattutto adesso che la Cina non importa più come prima questi prodotti, l’economia circolare dell’Emilia-Romagna si blocca con pesanti conseguenze e gli impianti di recupero non riescono più ad assolvere alla loro funzione di tutela ambientale”.

Da qui l’appello di Confcooperative alle Istituzioni: “La politica non può ignorare questo problema, soprattutto quando si parla di imprese che svolgono funzioni a beneficio di tutto l’ecosistema territoriale – continua il presidente regionale Milza -. È arrivato il momento di aprire una seria riflessione sulle prospettive dell’economia circolare in Emilia-Romagna, su come dare vera attuazione all’innovativa legge regionale introdotta nel 2015, su come sostenere le aziende che trasformano i rifiuti. In questa fase ormai di emergenza, crediamo che tra i vari interventi da adottare, sia opportuno valutare anche la possibilità di incentivi e agevolazioni per gli impianti di recupero dei rifiuti, affinché possano continuare a svolgere il loro servizio a favore della collettività”.


Fonte: Confcooperative Emilia Romagna

Pubblicato in Ambiente Emilia
Pagina 1 di 5