A+ A A-

L'originale reazione a un litigio di "vicinato"

Denunciata dai suoi vicini, li ridicolizza dipingendo la facciata di casa. Una dolce casa rosa decorata con due emoticon giganti, ciglia finte e bocca chiusa da una cerniera: è il culmine di uno strano litigio di quartiere che ha fatto notizia nella piccola città di Manhattan Beach, a sud da Los Angeles.

Manhattan Beach piace ai turisti e l'amministrazione comunale ha deciso alcuni anni fa di vietare l'affitto di appartamenti per meno di 30 giorni. Nonostante ciò, il proprietario di una casa sulla 39esima strada nella città californiana, a due passi dalla spiaggia, aveva posto l'affittasi sul portale online AirBnB. Sfortunatamente per lei, Kathryn Kidd è stata denunciata ai servizi municipali da un gruppo di vicini e condannata lo scorso maggio a pagare una multa di 4.000 dollari.

Situata a pochi metri dal mare, la casa è ideale per i turisti. Alcune settimane dopo, la casa della discordia fu ridipinta in rosa confetto e la sua facciata decorata con due grandi ciglia emoticon gialle. Uno alza gli occhi al cielo, come una persona in procinto di delirio; l'altro ha una bocca chiusa da una cerniera. Una soluzione estetica audace che ha infastidito ancora di più i vicini tanto che alcuni di loro si sono sentiti direttamente presi di mira da questi "emoji".

Questo è il caso, ad esempio, di Susan Wieland, che fa parte del gruppo di residenti che hanno denunciato il loro vicino e che hanno detto ai media locali che indossava ciglia finte quando ha incontrato la signora Kidd e quindi riconosce i due disegni. Ha assicurato che il nuovo aspetto della sua "casa allegra" era destinato a ravvivare il quartiere. "Tutti sono tristi, depressi, sempre preoccupati per gli affari degli altri, volevo inviare un messaggio di gioia, colorato e positivo", ha affermato la signora Kidd, che si difende sul sito web di EasyReaderNews.

Questa settimana, molti residenti locali arrabbiati, hanno portato la questione davanti al consiglio comunale per chiedere che la facciata della casa sia ridipinta con toni più neutri. Le autorità locali, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ora devono studiare il regolamento urbano per vedere se ciò è possibile.

(11 agosto 2019)

casa_rosa_6d82fe57cb5aa4247439c3e178117eea.jpg

 

 

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Società Editrice: Nuova Editoriale soc. coop. a r.l. Via Spadolini 2, 43022 Monticelli Terme - Parma Codice fiscale e partita iva: 01887110342 - Codice Destinatario M5UXCR1 - Iscritta al Registro imprese di Parma al n° 24929 Testata Editoriale Elettronica: "Gazzetta dell'Emilia" - Autorizzazione del Tribunale di Parma n° 2 del 31 Gennaio 2013 R.O.C. Registro Operatori della Comunicazione al n° 4843 Lamberto Colla: Direttore Responsabile Nuova Editoriale: Proprietaria Testata e Società Editrice.
- www.nuovaeditoriale.net -
Google+

Login or Register

Per la consultazione degli articoli “riservati” scrivi a info@nuovaeditoriale.net per abilitare il tuo abbonamento con la prova del pagamento di 36,60€ per un anno - modalità di pagamento: bonifico bancario IBAN BNL Parma:  IT37O0100512700000000220755 -